Skip to main content

Full text of "Miscellanea di archeologia, storia e filologia dedicata al Prof. Antonino Salinas nel LX anniversario del suo insegnamento accademico"

See other formats


5^< A 



MISCELLANEA SALINAS. 



Miscellanea 



DI 



ARCHEOLOGIA, STORIA 



e FILOLOGIA 



DEDICATA AL 



Prof. ANTONINO SALINAS 

NEL XL ANNIVERSARIO 
DEL SUO INSEGNAMENTO ACCADEMICO. 




PALERMO. 

STABILIMENTO TIPOGRAFICO YIRZ. 
MDCCCCVII. 



THE GETTY RESEARCH 
INSTITUTE ! I"-"oy 



ANTONINO SALINAS 

VIRO DE REBVS SICVLIS OPTVME MERITO 

AMICI CONLEGAE DISCIPVLI 

QVORVM NOMINA SVBSCRIPTA SVNT 

OB EXACTVM 

QVADRAGENS1MVM ANNVM 

MAGISTERO -EIVS 

D-D-D 



Contessa Maria Airoldi -Palermo. 

Prof. Carl Aldenhoven, Direkt. d. Museums Wallraf-RichaHz - Kln. 

Conim. Michele Amato Poiero, Senatore del Regno - Palermo. 

t Doti. Solone Ambrosoli, Direti. d. Gabbi. Numism. di Brera - Milano. 

B.ne G. Arenaprimo di Montechiaro - Messina. 

March. Orazio Arezzo - Palermo. 

B.ne G. Atenasio di Montededero - Palermo. 

t Comm. Arcano. Baglio - Palermo. 

Conte Ugo Balzani, Presid. d. Societ di Storia Patria -Roma. 

t Comm. Nob.NicoL Barozzi, Dirett. del Museo del Palazzo Ducale-Venezia. 

Gr. Uff. Prof. Ernesto Basile, della R. Scuola di Applicazione -Palermo. 

Prof. Giovanni Baviera, della R. Universit di Palermo. 

Prof. Vittore Bellio, della R. Universit di Pavia. 

Prof. Giulio Beloch, della R. Universit di Roma. 

Dott. Prof. Otto Benndorf, Direct, d. K. K. Oesterr. Ardi. Instituts - Vienna. 

Prof. Cosimo Bertacchi, della R. Universit di Palermo. 

Prof. Enrico Besta, della R. Universit di Palermo. 

Senatore Prof. Pietro Blaserna, Presid. della R. Acc. dei Lincei - Roma. 

Dott. Prof. Pietro Boccone - Palermo. 

Prof. Gaston Boissier, Secret, perp. de l'Acadcmie Francaise Parigi. 



VI 

Gr. Cord. Prof. Camillo Boito , dell' Accad. scientifico-letteraria - Milano. 

Cav. Ing. Giovanni Bonadonna, R. Ispett. dei Monumenti -Taormina. 

B.ne G. Chiaramonte Bordonaro, Senatore del Regno - Palermo. 

Comm. Prof. Antonino Borz, della R. Universit di Palermo. 

Monsignor Gaspare Bova, Vescovo di Samaria - Palermo. 

Dr. Charles Buls, ancien Bour ginestre de la ville de Bruxelles. 

Cav. Prof. Vincenzo Casagrandi, della R. Universit di Catania. 

Cav. Prof. Giov. Alfr. Cesareo, della R. Universit di Palermo. 

Cav. Prof. Saverio Ciofalo, R. Ispett. dei Monumenti - Termini. 

Baronessa Anna Ciotti- Palermo. 

Cav. Ferdinando Ciotti - Palermo. 

Cav. Luigi Ciott- Palermo. 

Comm. Avv. P. Ciotti-Grasso - Palermo. 

M. Jules Claretie. de V Acadmie Franqaise - Parigi. 

Comm. Prof. Enrico Cocchia, della R. Universit d Napoli. 

Cav. Ferd. Colonna di Stigliano, R. Ispett. dei Monumenti - Napoli. 

Prof. Giovanni Colozza, della R. Universit di Palermo. 

Benedetto Columba - Sortino. 

Prof. Gaetano Mario Columba, della R. Universit di Palermo. 

Cav. Ing. A. Coppola - Palermo. 

Ten. Generale Carlo Corticelli , Comandante la Divisione d Palermo. 

Prof. Innocenzo Dall'Osso, Ispett. nel Museo Nazionale di Napoli. 

Comm. Prof. G. Damiani Almeyda, della R. Scuola di Applicazio?iePa\?vmo. 

Gr. Uff. Alfredo d'Andrade, Direlt. dell'Ufficio dei Monumenti -Torino. 

March. Prof. G. de Gregorio, della R. Universit di Palermo. 

A. J. Delattre, des Pres Blancs, Direct, du Muse Lavgerie de S. Louis 

de Carthage. 
Prof. Attilio De Marchi, dell'Accademia scientifico-letteraria - Milano. 
Comm. Girolamo De Martino, Senatore del Regno - Palermo. 
V. De Pace - Chiusa-Sclafani. 

Comm. Prof. Giulio de Petra, della R. Universit - Napoli. 
Prof. Gaetano De Sanctis, della R. Universit - Torino. 
Cav. Avv. Cal. de Stefani, R. Ispett. dei Monumenti - Sciacca. 
Ing. Angelo Di Bartolo, R. Ispett. dei Monumenti - Terranova. 
Comm. Fr. Di Bartolo - Catania. 

Prof. Hermann Diels, Rettore dell' Universit di Berlino. 
Prof. Mattia di Martino- Noto. 

Monsignor Gioacch. Di Marzo, BibliotecarioCapo della Comunale Palermo. 
S. E. il March. Antonino di S. Giuliano , Ambasciatore di S. M. il Re 

d'Italia - Londra. 
Visconte Melch. de Vogu, de Vlnstitut de France - Parigi. 
Prof. Wilhelm Doerpfeld, Sekretr d. K. D. Archol. Instituts - Atene. 
Prof. Friederich v. Duhn, dell'Universit di Heidelberg. 
Dott. Prof. Matteo Enia - Mazzara. 
Dott. Prof. Vinc. Epifanio - Monreale. 
Prof. Federico Eusebio della R. Universit di Genova. 
Conte Don Guido Falconieri di Carpegna, Senatore del Regno Roma. 
Prof. Pio Carlo Falletti, della R. Universit di Bologna. 
Cav. G- Emmanuele Fazio - Palermo. 



VII 

S. E. il Comm. Gaspare Finali, Presidente della Corte dei Conti, Sena- 
tore del Regno - Roma. 
Prof. Giuseppe Fraccaroli, della R. Universit di Torino. 
Doct. G. Wilhelm Froehner - Parigi. 

Prof. Fausto Gherardo Fumi, della R. Universit di Genova. 
Don. Prof. Eugenio Fusco - Noto. 

Dott. Prof. Ettore Gabrio, del Museo Nazionale di Napoli. 
Prof. Carlo Alberto Garufi della R. Universit di Palermo. 
Dott. Prof. R. Gerbasi - Palermo. 
Cav. A. Giannitrapani - Trapani. 
Prof. Giacomo Giri, della R. Universit di Roma. 
Dott. Prof. Ugo Giri -Roma. 

Prof. Liborio Giuffr, della R. Universit di Palermo. 
Comm. Ercole Gnecchi - Milano. 
Cav. Francesco Gnecchi Milano. 
Antonino Grassi-Grassi - Acireale. 

Carlo F. Gray, Vice-Console di S. M. Britannica- Marsala. 
Comm. Prof. Andrea Guarneri, Senatore del Regno, Presid. della Soc. Sic. 

di Storia Patria - Palermo. 
Colonn. Giov. Guarneri - Palermo. 

Prof. Cosmo Guastella, della R. Universit di Palermo. 
Prof. Nob. G. B. Guccia, della R. Universit di Palermo. 
Miss Malet Hill- Taormina. 

Prof. Doct. Christian Huelsen, Sekretr d. K. D. Archol. Instituts- Roma. 
Doct. Fr. Imhoof-Blumer - Winterthur. 
Prof. G. Impallara - Palermo. 
Prof. Georg Karo, dell' Universit di Bonn. 
Prof. R. Kekule von Stradonitz, dell'Universit di Berlino. 
Prof. Karl Krumbacher, dell' Universit di Monaco (Baviera). 
Comm. G. La Farina, Presid. della Camera di Commercio - Palermo. 
Monsignor Bartolomeo Lagumina, Vescovo di Girgenti. 
Canon. Prof. Gius. Lagumina - Palermo. 
Prof. Spiridion Lambros, Rettore dell' Universit di Atene. 
Dott. Franc. La Mantia - Palermo. 
Dott. Gius. La Mantia - Palermo. 
Prof. Giorgio Lampakis, dell' Universit di Atene. 
t On. Ignazio Lampiasi, Deputato al Parlamento - Trapani. 
Avv. Domenico Lanza - Palermo. 
Conte G. Lanza di Mazzarino - Palermo. 

Princ. P. Lanza di Trabia e di Butera, Deputato al Parlamento - Palermo. 
Comm. Axt. Lanzirotti, Conserv. nel Museo Nazionale - Palermo. 
t On. Giuseppe Licata, Deputato al Parlamento - Sciacca. 
Giuseppe Lipari Cascio - Marsala. 
Dott. Prof. Sante Lo Cascio - Palermo. 

Dott. Cav. Giuseppe Lodi, Segr. Gen. d. Soc. di Storia Patria - Palermo. 
Prof. Emanuele Loewy, della R. Universit di Roma. 
Comm. Mariano Lo Faso, Sindaco di Termini Imerese. 
Comm. Prof. G. Lumbroso - Roma. 
P. Emmanuele Magri - Gozzo (Malta). 



Vili 

Prof. Giovanni Maisano, della R. Universit di Palermo. 

Dott. Prof. E. Malgeri - Messina. 

Ing. Pasquale Mallandrino, R. Ispett. dei Monumenti - Messina. 

Comra. Prof. Luigi Manfredi, Rettore d. R. Universit di Palermo. 

B.ne Gr. Uff. Antonio Manno, della R. Accademia delle Scienze -T 'orino. 

Coram. Prof. Emidio Martini. Llrett. della Biblioteca Nazionale -Napoli. 

Dott. Cesare Matranga, Vice- Ispettore nel Museo Nazionale - Palermo. 

Prof. Giovanni Melodia, della R. Universit di Catania. 

Comm. Ing. Filippo Mendolia, R. Ispett. dei Monumenti -Gii genti. 

B.ne G. Merlo di Tripi - Palermo. 

Sac. A. Messina, Arciprete di Monte S. Giuliano. 

Comm. Prof. A. L. Milani, dell' Istituto di Studi Superiori, Direttore del 

Museo Archeologico - Firenze. 
Can. Gaetano Millunzi, Rettore del Convitto Arcivescovile - Monreale. 
Cav. Dott. E. Monastra - Palermo. 

Conte L. M. Maiorca Mortillaro di Francavilla - Palermo. 
Prof. Carlo Alfonso Nallino, della R. Universit di Palermo. 
Prof. Eduard Naville, dell'Universit di Ginevra. 
Prof. Oreste Nazari, della R. Universit di Palermo. 
Prof. Francesco Novati, dell' Accademia Scientifico-lettei aria - Milano. 
Dott. Prof. Ant. Oddo - Mazzara. 

Prof. Franc. Orestano, della R. Universit di Roma. 
Dott. Franc. P. Orlando - Palermo. 

On. Prof. Vitt. Em. Orlando, gi Ministro della P. I. - Roma. 
Dott. Prof. Paolo Orsi, Dirett. del Museo Archeologico di Siracusa. 
Biagio Pace - Palermo. 

Prof. Ettore Pais, della R. Universit di Napoli, 
t Comm. V. Pantaleo - Palermo. 

Prof. Giuseppe Paolucci, della R. Universit di Palermo. 
Prof. Lucio Papa-d'Amico, della R. Universit di Palermo. 
Conte N. Papadopoli Aldobrandino Senatore del Regno - Venezia. 
Princ. M. Turrisi di Partanna - Palermo. 
Prof. Carlo Pascal, della R. Universit di Catania. 
Prof. Ing. L. Paterna-Baldizzi Torino. 
Prof. Giovanni Patroni, della R. Universit di Pavia. 
Prof. Astorre Pellegrini dell' Istituto di Studi Superiori - Firenze. 
Prof. Giuseppe Pennesi, della %. Universit di Padova. 
B.ne S. Pennisi di Floristella - Acireale. 
March. Pennisi di S. Alfano - Acireale. 
Conte Agostino Pepoli - Bologna, 
Prof. Georges Perrot, Secrtaire perptuel del' Acadmie des Inscriptions 

et BB. LL. - Parigi. 
Comm. Ing. C. Pintacuda - Palermo. 

On. Vincenzo Pipitone, Deputato al Parlamento - Marsala. 
Prof. G. Pipitone-Federico, della R. Universit di Palermo. 
Cav. Prof. Francesco Pometti, della R. Universit di Roma. 
Dott. Prof. Salvatore Puccio - Palermo. 
Can. Prof. Franc. Pulci - Caltanissetta. 
Comm. Prof. Vittorio Puntoni, Rettore d. R. Universit di Bologna. 



IX 

Dott. Quintino Quagliati, Dirett. ff. del Museo Arheologico - Taranto. 

Prof. Vincenzo Ragusa - Palermo. 

Prof. Pio Rajna, dell' Istituto di Stadi Superiori - Firenze. 

Prof. Felice Ramorino, deli Istituto di Studi Superiori- Firenze. 

Ing. Giuseppe R-ao, Dirett. ff. dell' Ufficio dei Monumenti - Palermo. 

Prof. Theodore Reinach, V.-Prs. de la Socie't de Linguistique - Parigi. 

Prof. Paolo Revelli, della R. Universit di Torino. 

Prof. Giuseppe Ricchieri, dell'Accademia scientifico-letteraria -Milano. 

Comra. Dott. Corrado Ricci, Direttore Generale delle Antichit e Belle 

Arti- Roma. 
Prof. Serafino Ricci, Dirett. ff. del Gabinetto Numismatico di Brera-lW&no. 
Prof. Salvatore Riccobono, della R. Universit di Palermo. 
Comin. Avv. D. RiOLO-Naro. 

Prof. Giulio Em. Rizzo, Dirett. ff. del Museo Nazionale - Roma. 
Cav. Giuseppe Robbo - Palermo. 

Cav. Pietro M. Rocca, R. Ispettore dei Monumenti -Alcamo. 
Dott. Prof. A. Romano - Palermo. 
Prof. Giovanni Battista Rosano - Roma. 
Prof. Francesco Rossi, della R. Universit di Torino. 
Generale Comm. G. Ruggero - Roma. 

Prof. Remigio Sabbadini, dell' Accademia Scientifico-letteraria - Milano. 
Cav. Prof. S. Salomone Marino- Palermo. 
Dott. Prof. A. Sanfilippo - Partanna. 

Comm. Avv. Giacomo Sanfilippo, gi Deputato al Parlamento - Palermo. 
Avv. Salv. Sangiorgi - Palermo. 

Prof. Alfonso Sansone, della R. Universit di Palermo. 
Prof. Luigi Savignoni, della R. Universit di Messina. 
Prof. Francesco Scaduto, della R. Universit di Napoli. 
Prof. F. E. Scandurra - Palermo. 

Prof. Luigi Schiaparelli, deli Istituto di Studi Superiori - Firenze. 
M. Gustave Schlumberger, de ilnstitut de France - Parigi. 
Prof. Theodor Schreiber, deli Universit di Lipsia. 
Dott. Prof. E. Sclafani - Palermo. 

Cav. Prof. Giovanni Setti, della R. Universit di Padova. 
Princ. G. Settimo di Fitalia - Palermo. 
Prof. Arch. Ambrogio Seveso - Milano. 
Prof. Luigi Siciliano della R. Universit di Sassari. 
Comm. Avv. A. Siragusa - Palermo. 

Comm. Prof. Giov. Batt. Siragusa, della R. Universit di Palermo. 
Prof. Antonio Sogliano, Direti degli Scavi di Pompei - Napoli. 
Comm. Giuseppe Sorge, Prefetto della Prov. di Girgenti. 
Cav. Pietro Spadaro - Palermo. 

Cav. H. Springer, Console deli Impero Germanico - Palermo. 
Prof. Comm. Ettore Stampini, del Cons. Sup. deli Istruzione, Direttore 

della Rivista di Filologia - Torino. 
B.ne Gius. Starrabba - Palermo. 
f B.ne Raff. Starrabba - Palermo. 
Cav. Avv. Ang. Sterlixi - Palermo. 
Prof. Vincenzo Strazzulla, della R. Universit di Palermo. 



X 

Dott. Prof. B. Stumpo-Ncos.i. 

Prof. J. N. Svoronos, DireU- d. Museo Naz. di Numismatica - Atene. 

Prof. Giuseppe Tarozzi, della R. Universit di Bologna. 

Cav. Giuseppe Tasca-Lanza, Senatore del Regno, Sindaco di Palermo. 

Victor Auguste Taunay, Prs. de l'Ass. de la Presse Judiciaire - Parigi. 

Avv. Antonino Traina - Palermo. 

Cav. Uff. Giuseppe Travali - Palermo. 

Giovanni UGDULENA-Palermo. 

Comm. Giulio Vaccai, Capo-Div. al Ministero degli Esteri - Roma. 

Comm. Prof. Dante Vaglieri, della R. Universit di Roma. 

Ing. Francesco Valenti, dell'Ufficio dei Monumenti - Palermo. 

Prof. Luigi Valmaggi, della R. Universit di Torino, Dirett. del Bullet 

tino di Filo/, classica. 
Comm. F. Varvaro-Pojero -Palermo. 

Comm. Prof. Adolfo Venturi, della R. Universit di Roma. 
Prof. Pasquale Villari, Senatore del Regno - Firenze. 
Cav. Ortensio Vitalini - Roma. 
Dott. Prof. E. Vitrano - Palermo. 
Prof. Nicola Vulic', dell' Universit di Belgrado. 
Comm. G. I. S. Whitaker - Palermo. 
Dott. Prof. C. Natalia Zappulla - Palermo. 
Prof. Nicola Zingarelli, della R. Universit di Palermo. 
Cav. Prof. Carlo Oreste Zuretti, della R. Universit di Palei ino. 



PUBBLICAZIONI SCIENTIFICHE 
l 1 v I - PROF. ANTONINO SAIvINAS 

(sino a tutto il 1905). 



abbrkviazfoxi : AICA (= Annali deV Istituto di corrispondenza archeologica, Komal; 
ASS (- Archivio Storico Siciliano, Palermo); BC (-- Ballettino della Commi ssioue di anti- 
chit e belle arti, Palermo): LP (= La Favilla. Palermo. Lio); NMICA (=- Nuove memorie 
dell'Istituto etc, Lipsia, Krockhaus); NdS (=- Xotizie degli Scavi. Roma): PUS ( Perio- 
dico di numismatica e di sfragistica. Firenze, Rieci); SA (= Rcrue urcholoyiquc Paris, 
Didier): SL (= Rendiconti dell'Accademia dei Lincei, Roma): RN" (-= Rivista Nazionale, 
Palermo): KNN ( Berne numismatiqne nouvelle, Paris. Thunot); Sii (= La Scicna e la 
Letteratura, Palermo, Lo Bianco): BS (= Rivista siculo, Palermo). 



Appendice alla memoria sulle monete 
punico-sicule delV abate Gregorio 
JJgdulena ed esame della stessa. 
(SL. a. I, 1858, con tavole). 

Su di alcune monete puniche di Mozia, 
lettera al barone Pasquale Pennisi. 
Palermo , Lao , 1858 , in 8 gr. 
con tavv. 

Sopra di una moneta di Intera illu- 
strata dal prof. C. Gemmellaro } 
lettera allo stesso (LF. 1858, con 
vignette) . 

Documenti relativi alla Sicilia che con- 
servami nel E. Archivio di Torino. 
Palermo, Lao, 1861, in-8 pp. 21. 

Sulla pubblicazione intitolata : Sopra 
alcune monete scovei'te in Sicilia 
che ricordano la spedizione diAga- 
tocle in Affrica, meni, del p. G. Ro- 
mano. Lettera a Fr. S. Scavo. 
(LF. 1863) 
Su di alcuni monumenti sepolcrali re- 
centemente scoperti nell'antico Ce- 
ramico esteriore in Atene. (Nella 
Gazz. Uff. ddBegno, 1863, n. 153). 



I monumenti sepolcrali scoperti nei 
mesi di maggio , giugno e luglio 
1863 presso la chiesa della Santa 
'Trinit in Atene. Torino , Eredi 
Botta, 1863, in-fol. pagg. 40 con 
5 tavv. fotografiche. 

Notice sur deux statues nouvellement 
decouvertes Athnes prs de V fla- 
gia Trias. (RA. 1864, con tavole). 

Lettre Mr. le prof. Gr. Ugdulcna 
sur deux pices d?argent portoni 
le noni phnicien d'Hinira et les 
ti/pes de Zancle et d'Agrigente. 
(RNN. 1864 con vignette). 

Notice sur une monnaie de Camarilla 
avec le noni d'Exalstidas. (RNN. 
1864, con vignette). 

Descrizione di una raccolta di piombi 
antichi siciliani detti mercantili. 
(AIC A. 1864, con 4 tavv. in rame). 

Examen de quehpies contret'arons an- 
tique* des ttradrachmes de Sgra- 
cuse , et du prtendu noni de gra- 
veur Eumlus. (RNN. 1SG4, con 
una tav. in rame). 



XII 



Nettuno ed Amimone , pittura di un 
lelytlws fjcoo del B. Museo di Pa- 
lermo. (HC. 1864, con una tav. a 
colore). 
Illustrazione di alcune monete di ar- 
gento imeresi riconiate a Selinunte. 
(NMICA. 1865, con tav. ia rame; 
riprod. nella Rivista Nazionale di 
Pai. 1866). 
Pallade in lotta con giganti. Dipinto 
arcaico di un vaso di Gela. (RNN. 
1866 cou uua tav.). 
Dello stato attuale degli studi archeo- 
logici in Italia e del loro avvenire. 
Prolusione letta add 12 die. 1865 
nella B. Universit di Palermo. 
(UN. a. I, 1866). 
Scavi di Solunto. Primo articolo. 

(RN. a. I, 1866). 
Description d'un dpt de trs petites 
monnaies d'argent frappes en Si- 
tile. (RNN. a. XII, 1867). 
Di due monete della regina Filistide, 
al comm. Gaetano Daita. Lettera. 
{La Sicilia a. Ili u. 20 1868). 
Di due monete della regina Filistide 
donate al B. Museo di Palermo. 
(PNS. a. I, 1869). 
Di un' antica iscrizione cristiana rin- 
venuta in Palermo, lettera al cav. 
G. B. De Bossi (RS. 1869). 
L'iscrizione di Tallo, donata al B. Mu- 
seo di Palermo. (RS. voi. Ili, 
a. II, 1870). 
Catalogo del Museo dell'ex monastero 
di S. Martino delle Scale presso 
Palermo. Palermo, Morvillo, 1870, 
pagg. 93 in 8. 
Ancora dell'iscrizione palermitana di 
Pietro Alessandrino. (RS. 1870). 



Di due monete delVantica citt di Pa- 
ropo in Sicilia. (PNS. a. Ili, 1870, 
con due vignette). 

Sul tipo dei tetradrammi di Segesta e 
su di alcune rappresentazioni nu- 
mismatiche di Pane Agreo. (PNS. 
1870, con due tavole). 

La collezione numismatica posseduta 
dal sig. Pasquale Pennisi. Parte 
prima. (Sicilia). Palermo , Lao, 
1870, iu-4, pagg. 40. 

Le monete delle antiche citt di Sicilia 
descritte ed illustrate. Palermo, 
Lao, 1870, fase. I-VII in-4 gran- 
de, pagg. XVI-52 con XIX tavole 
in rame (sino a Catana). 

Tre anelli segnatorj con iscrizione 
greca, trovati in Sicilia. (PNS. 
a. Ili, 1871). 

Piombi antichi siciliani. Primo arti- 
colo. (AICA. voi. XXXVIII, 1871). 

Bassegna archeologica siciliana. N. 1, 
2 e 3. (RS. 1871, con vignette). 

Suggelli siciliani del Medio Evo. Serie 
prima. Suggelli bizantini. Paler- 
mo, Lao, 1871, in-4 con 34 fac- 
simili. 

Suggelli siciliani del Medio Evo. Serie 
seconda. Tabularlo di Monreale. 
Palermo , Lao , 1871 , in-4 con 
35 fac-simili. 

Sigilli diplomatici italo-greci. (PNS. 
1872, con una tavola in rame). 

Suggello del Comune di Palermo (PNS. 
1872 con una tavola). 

Bassegna archeologica siciliana.'^. 4-7 
(RS. 1872, con tavole). 

Del B. Museo di Palermo. Belazione. 
Palermo, Lao, in-8, pp. 73 con 
cinque tavole. 



xm 



Sul tipo delle teste muliebri nelle mo- 
nete di Siracusa anteriori al IV 
secolo a. Cr. (BC. 1873). 

Del Museo Nazionale di Palermo e 
del suo avvenire. Discorso. Paler- 
mo, Lao, 1874, in-8 pp. 32. 

Sigilli diplomatici italo-greci. N. 12-24 
e 25-39 (PNS. 1874 con due ta- 
vole). 

Breve guida del Museo Nazionale di 
Palermo. Palermo, Tip. del * Gior- 
nale di Sicilia , 1875. In-16 , 
pp. 99 con due tavole. 

Frammenti dell' iscrizione arabica della 
Cuba. Lettera del Prof. Michele 
Amari ad A. S. (ASS. 1877, a. I). 

Le grondaie del Tempio d'Imera con- 
servate nel Museo Nazionale di Pa- 
lermo. (ASS. 1877 con due tavv.). 

Catalogo di ghiande missili siciliane. 
(AICA. 1878. cod unatav.in rame). 

Iscrizione greca di Termini. (NdS. 
1878). 

Il Caduceo degli Imacaresi. Cenni. 
( Pel cinquantesimo anniversario 
delV Istituto di Corrispondenza Ar- 
cheologica) (ASS. a. Ili, 1879). 

Di alcune iscrizioni del sec. XIII nel 
soffitto del Duomo di Cefalh (ASS. 
a. IV 1880, con una tavola). 

Due iscrizioni cefalutane del sec. XIII 
(ASS. a. IV, 1880, con vignette). 

Escursione archeologica a S. Marco, 
S. Fratello, Patti e Tindari. (NdS. 
1880). 

Di un preteso Fra'' Paolo abate di 
S. Maria di Altofonte e arcivescovo 
di Monreale nel sec. XIV. (ASS. 
a. IV, 1880). 

Necropoli della Ciachia di Capaci. 
(NdS. 1880, con due tavv.). 



Di un documento inedito relativo ad 
una icona fatta dipingere in Cata- 
logna da Pietro di Queralt per la 
Cattedrale di Monreale(ASS. a IV, 
1880 [pubblicazione fatta in colla- 
borazione con A. Balaguer y Me- 
rino]). 

Documenti siciliani nelV Archivio della 
Casa Caetani di Roma. (ASS. 
a. V, 1881). 

Sarcofago romano sulla Chiesa di S. M. 
di Ges presso Palermo. (ASS. 
a. IV, 1881). 

Di un diploma greco del Monastero 
di Scilla in Calabria. (ASS. a. IV 
1881). 

La Ninfa Aretusa in una moneta si- 
racusana della Collezione Perniisi 
di Acireale. Palermo, ISSI, pagg. 6 
in-16. 

Camarina. Memoria del Dr. Giulio 
Schubrng tradotta dal tedesco. 
(ASS. a. VI 1882 con una tav.). 

Guida popolare del Museo Nazionale 
di Palermo. Palermo, Tipografia 
Tempo , 1882, con tavole. 

La Colonna del Vespro ed il castello 
di Vicari (Bicordi e Documenti del 
Vespro siciliano. Palermo, 1882, 
con tre tav. in fotot. e una in- 
cisione). 

Escursioni archeologiche in Sicilia. I. 
Caltanissetta. (ASS. a. VI, 1882). 

Bicordi di Selinunte cristiana. (ASS. 
a. VII, 1882, con due tavole). 

Di una pretesa iscrizione in volgare 
del mille esistente in Monte S. Giu- 
liano. (ASS. a. VI, 1882). 

Cenni intorno ad una dissertazione 
sid Vespro Siciliano. (ASS. a. VI, 
1882). 



XIV 



Lettere fenicie sulle mura di Monte 
S. Giuliano (ASS. a. VII, 1883). 

Le mura fenicie i Erice. (NdS. pp. 6 
con 3 tavv.). 

Escursioni archeologiche in Sicilia. II. 
Mussomeli e Sutera. (ASS. a. VII, 
1883). 

Dei sigilli di creta rinvenuti a Seli- 
nunte e ora conservati nel Museo 
Nazionale di Palermo. (NdS. 1883 
pp. 27 con 7 tavv.). 

Un' iscrizione latina di Palermo ed 
una di Vicari. (NdS. 1883, con 
2 tavv.). 

Di un registro notarile di Giovanni 
Maiorana, notaio di Monte S. Giu- 
liano nel sec. XIII. (ASS. a. VIIT, 
1884, pp. 32). 

Di un bozzetto del monumento messi- 
nese di Carlo II modellato da Gia- 
como Serpotta. (ASS a. VIII, 1884). 

Sopra una nuova epigrafe romana di 
Naso. (NdS. 1884). 

Paliotto d'altare di S. Cataldo. (NdS. 
1884). 

Osservazioni intorno a due diplomi 
greci riguardanti la topografia di 
Palermo. (ASS. 1884 a. IX pp. 27 |. 

Aggiunta all'articolo sulla statua di 
Carlo II. (ASS. a. IX 1884). 

Solunto , ricordi storici ed archeolo- 
gici. Palermo, 1884, pp. 33 in-16 
con 5 tavv. 

Di una stazione dell'et della pietra 
alla Moarda presso Palermo nel 
Comune di Monreale. (NdS. 1884 
con una tavola). 

Oggetti antichi scavati a Gibil-Gabib 
presso Caltanissetta. (NdS. 1884). 

Oggetti rinvenuti a Selinunte nel 1883. 
(NdS. 1884 con 3 tavv.). 



[Studi storici e archeologici sulla Sici- 
lia. Palermo, 1884, pp. 219, con 
17 tavv.]. 

Nota sopra un frammento epigrafico 
di Segesta. Scoperte a Selinunte. 
(NdS. 1885). 

Nota sulla iscrizione greca del Mona- 
stero dei Santi Pietro e Paolo di 
Forza d'Agro. (NdS. 1885). 

Gli acquedotti di Selinunte. (NdS. 1885 
con una tav.). 

Di una scultura di Bonaiuto Pisano 
sul prospetto del Palazzo Sclafani. 
(ASS. 1885, a. IX). 

Il monastero di S. Filippo di Fra- 
gal. (ASS. a. XII, 1888). 

Ripostiglio Siciliano di monete antiche 
di argento. (NdS. 1888, con 3 tavv.). 

Sui lavori fatti a Selinunte negli anni 
1885-87. (NdS. 1888, con una ta- 
vola [in collab. col prof. G. Pa- 
tricolo]). 

Relazione sugli oggetti rinvenuti nei 
lavori fatti a Selinunte nelV in- 
verno 1884-85. (NdS. 1888). 

Le collane bizantine del Museo Nazio- 
nale di Palermo rinvenute a Cam- 
pobello di Mazzara, Palermo, 1888, 
con una tav. a cromolitografa. 

Nuove metope arcaiche di Selinunte 
(Monumenti antichi dell' Acc. dei 
Liucei), 1892, con tre tavv. 

Relazione sommaria intorno agli scavi 
eseguiti in Selinunte dal 1887 al 
1892. (NdS. 1894). 

Sigillo greco di un Mansone Patrizio 
e doge d Amalfi. (ASS. 1894 
a. XIX, con vignette). 

Di una rara epigrafe ricordante Sesto 
Pompeo. (NdS. 1894). 

Ripostiglio di monete campane. (NdS. 
1894). 



XV 



Piombi antichi rinvenuti in Beggio Ca- 
labria. (NdS. 1895, pp. 21 cou 
vignette). 

Nuove scoperte archeologiche a Mar- 
sala. (RL., sed. 21 aprile 1895). 

Di una rarissima tessera hospitalis 
[comunicazione di Barnabei, osser- 
vazioni a proposito della lilibe- 
tana]. (RL. 1895 voi. IV). 

Palazzolo Acrcide. Scoperta di un te- 
soretto di monete antiche d'argento. 
(NdS. 1897). 



Selinunte. Nuovi scavi presso i tcmpj 
della Acropoli ed alla Gaggcra. 
(NdS. 1898). 

Carini. Scoperta di catacombe cri- 
stiane. (NdS. 1899). 
Racalmuto . Scoperta di forme romane 
iscritte, per lastroni di zolfo. (NdS. 
1900 con vignette). 

Monumenti inediti di Lentini e di Noto 
(neWArte, Roma, a. VI , 1903, 
con vignette). 

Iscrizioni onorarie di Lilibco. (NdS. 
1905 con vignette). 




Museo Nazionale di Palermo (secondo cortile) . 



PARTE PRIMA. 



ARCANA CEREALIA. 



Cereris Bacchique religiones constat in Graecia olim rusticis ho- 
niinibus curae fuisse. inde explicatur et cur spretae siut ab heroicis 
poetis et cur ipsa rustieitate caerimoniarum posteriorum mores poli- 
tiores oflfenderiut. hinc simul explicatur, cur inde a sexto fere saeculo 
utriusque religionis arcana magis magisque misceri coepta sint, quod 
in Eleusiniarum dearuin cui tu manifesto videmus su venisse, antiquis- 
siinus quidein in Cererein hymnus , qnem ante sacra Eleusinia cimi 
Atheniensium re publica iuncta confectum esse recte existimant, nulla 
vel paene nulla fert vestigia bacchicae religionis. i at Pisistratidarum 
imperio , quod in agricolis maxime nititur , Bacchi et Cereris sacra 
augeri et misceri , Eleusiniae deae Athenas transferri, Iacchus Eleu- 
sina traduci coepti sunt. et cum bis temporibus Onomacrito praecipue 
auctore sacra carmina in Orphicorum usuili i. e. ad baccbicuni moduui 
contcerentiir , non mirtini est vel tum vel panilo post etiam Cereris 
religionem in Orphicorum cui tu in ac poesin esse transvectam. testis 
hymnus ilio Cereris, queni sub Musaci personati nomine Lycomidarum 
gens Orphica sacra coleus ferebat ' ; testis poeta ille quisquis fuit qui 
sub Orphei nomine Proserpinae Cererisque res inde a raptu virginis 
usque ad fruges per orbem terra-rum sparsas et sacra constituta de- 
scripsit 3 ; testes etiam lamniinae il lae aureae quarto fere saeculo ante 
Chr. sepulcris Thurinis impositae , cimi Orpheotelestae litteras pro- 



1 Xvaiov au itediov (v. 17 Odofredns Muellerus ad niythologiam bacchicam 
recte videtur rettnlisse. quod iam altero a. Chr. saeculo in hymno lectum esse 
papyrns nuper in Aegypto affossa docet, quam significavi iu Laterculis Alexandrinis 
(Abh. d. Beri. Ah. 1904 p. 15). sed ibidem cum omnia haec Cereris sacra in Or- 
pheum mysteriorum primum doctoreni referantur , elucet quam late postea baec 
sacrornm mistura patuerit. 

2 Paus. I 23 , 7. etiam in papyro illa Musaei praeter Orpbeutu sunt partes. 

3 Marni. Par 11 (p. 7 Jacoby) : ^cap' ov 'Opgpa'g OiyQOV xal KuV.i-xr\g^> 
vlb<^s x^:r\<^v ^uvrov 7toir\6iv j-^^&rpe , KQt t g te Q7cayf}v xc Ji]iirixQog 
^Tqxr\6iv v.c xov avtov ^gyri&svta 6-xqqov , ov dida^s xo nXfj^&og xwv vrtoSe^unvcov 
xov xccQTtv. idem carmen respicit Orph. Argon. 26 JjU7]TQg xs rtldv^v xal <&Q- 
GEcpvris \iya nvQ'og. 



4 H. DIELS. PARTE I. 

pempticas ad Proserpinam aliosque Eleusine cultos deos infero quasi 
mortuomm manibus commissas conscribere fabulasque Eleusinias novo 
coque subrustico more versibus explicare coepissent. l 

Etiam in posterioruin Orphicoruni fragmentis , quae quando con- 
seripta sint, dubia est quaestio, multa insunt ex Cereali cultu trans- 
lata, nullum autem vel mirabilius vel magis virorum doctorum contro- 
versiis temptatum quam Baubonis hoc sive elogium sive opprobrium 
quod serva vit Clemens Alexandrinus ex erudito satis scriptore ex- 
cerptum in Protrept. 2 (p. 17 Potter, p. 15,27 Staehlin): tixovv de 
trjvixade tr\v 'EXeviva ol yrjyevelg ' viiatcc avtolg Bavfl uu AvGav- 
Xrjg xal TolntoXeiiog, eti de EvpoXng te xal EvfiovXevg (fovxXog 
ToiittXeiiog r\v , noiiirjv de Ev[ioXrtog , vflcotrjg de EvftovXevg, 
qp' v t EvpoXmd&v xal t KrjQvxav , t leoocpavtLxv drj tovto 
M^vtji yvog, rjv&rjev). xal drj, ov yo vrja pi] ovyl elnelv, %evC- 
6u6a i] Bav^) ttjv Ar\b boiyei xvxe&va avtfj' tfjg de vaivopvrig Xa- 
feiv xal itielv ovx dsXov(Sr]g (rtev&rjaiig yo r]v), neQLaXyrjg r\ Bavfico 
yevojivrj <bg viteQOQafreia dfjfrev, vatXXetai t ccldoia nal mdei- 
xvvev tfj dea ' ^ de reciterai xf\ bfyei r] zfrj xal pXig note d%etat t 
Ttorbv r\6xtel6a t %-epati. tavt' etiti t xov(pia t&v 'A&^valcav iivtrj- 
Qitt, tavtd tot xal 'Ooqievg vayoacpei. 7tccQad , t]<30{iaL de 6oi aita tov 
'OQycog t eitrj, Tv' eyr[g pdotvQa tr\g vai6%vvtlag tv (ivtitayayv 
&g eTtova itnXovg avevoato, dei%e de ndvta 
fiatog ovde nqenovta tvTtov' Ttalg d' i)ev lax%og 
%eio t [ilv Q7tta6xe yeX&v Bav(iovg imo xXnoig ' 
f] d' nei ovv peCdr]e &e , peldiq6 ' evi &v[i<p , 
5 debuto d' alXov ayyog , v <p xvxehv vixeito. 
codex P, in quo hic Clementis liber solo positus est, videtur derivatus 
esse (ut Philonis de opificio Vindobonensis ) ex Caesareensis biblio- 
thecae exemplo, quo quarto saeculo Eusebius utebatur. tanta est saepe 
in corruptissimis consensio. velut in v. 4 neglegenter praeceptum est 
lieCdrjGe in priore ex posteriore hemistichio. quod communiter pecca- 
tum in P et Eusebio sanavit G. Hermannns, dum restituit : 

i] d' nei ovv vr)6e dea, {leid^' evi &vn<p. 
nani quod Lobeckius suaserat etdrjae et si qua alia ab aliis prae Her- 



1 de his cf. quae scripsi in libro Gomperzio oblato 1902 p. 1 sqq. (Orphischcr 
Demetcrhjmnii8), lamrainam postea ipse Neapoli vidi et contali et paene omnia 
quae illic aliis fisus ut extantia protuli nunc oculatus testis tueor, neque minus 
rationem explicandi , quatn displicuisse video G. Murrayo, viro doctissimo , in 
J. E. Harrisoa's Proleg. to the Study of Greek Religion (Cambr. 1903) p. 669. 



PARTE I. ARCANA CERE ALI A. 



ninnili invento sordent. * hoc igitur vitinm in aperto, seti apparet, qui 
hos versus vel explicaturi sint vel emendaturi, a tradita eos lectione 
non multimi aberrarre debere ut in loco satis antiquis testibus mu- 
nito, quare per se liaud piaceli t quae nuper viro erudito ac sagaci 
A. Ludwichio in menteni venerunt 2 : 

a>g el%ov6a 7t%Xovg vsvQccto ' dei^e dh %&vxa 
ucctog ovdh Ttoiicovxa xvnov nag d' fjsv ecXXog 
%biqC t piv QntaK ' * yXcov Buvflovg vico xXito i. 
rj d' nei ovv aiv idexe fsci, usurio' vi ftvu, 
5 denaro d' alXov ayyog , v co xvxev vsxsito. 
qui vir doctus recte quidem proflciscitur ab Arnobio V 25 sq. de Bau- 
bone eadem referente , at graviter errat cuui communi auetore , non 
ipso Clemente romanum scriptorem usum esse opinatur. neque enim 
hoc uno loco, sed per totani caput et ultra Arnobius duce Clemente 
utitur, quem sane libere et rhetoriee amplificat et ad suum arbitrium 
explicat. nihilo minus versio eius ac pedestris circumscriptio valde 
utilis est nobis. nani tum temporis (tertio saeculo exeunte) multa an- 
tiquae religionis vestigia etiam vigebant , unde vel obsoleta rectius 
ille quam nos intellegere posset. sic igitur ille 1. e. p. 19(5, 19 Reif- 
fersch. : e. 25 obstinatissime durai Ceres et rigoris indomiti pertinaciam 
retinet. quod cum saepius fieret neque ullis quiret obsequiis ineluctabile 
propositum fatigari, vertit Baubo artes, et quam serio non quibat , alti- 
cere ludibriorum statuii exhilarare miraculis : partem Ulani corporis, 
per quam secus femineum et subolem prodere et nomen solet adquircre 
genetricum, longiore ab incuria liberai, facit sumere habitum puriorem 
et in speciem levigari nondum duri atque hystriculi pusionis. redit ad 
deam tristem, et Inter Ma communia, quibus moris est frangere ac tem- 
perare maerores, retegit se ipsam atque omnia Illa pudoris loca revelatis 
monstrat inguinibus. utque pubi adjgit oculos diva et manditi specie 
solaminis pascitur : tum diffusior facta per risum aspernatam sumit 
atque ebibit potionem, et quod diu nequvit verecundia Baubonis espri- 
mere , propudiosi facinoris extorsit obscenitas. 20. calumniari nos im- 
probe si quis forte hominum suspicatur, libros sumat Threicii vatis, quos 
antiquitatis memoratis esse divinae, et inveniet nos nihil neque callide 
fingere neque quo sint risili deum quaerere atque efficere sanctitates. 



1 quoti in V ante correctorem fuisse videtur mciAHk e (abnndanti iota ut saepe 
scriptum) nihilo plus valet quam HlGN quod v. 2 pr ne N fuisse videtur. de hac 
orthographia cf. Comment. in Theaetet. ed. Diels et Schubart (Beri. 1903) p. xm sq. 

2 N. Jabrb. f. class. Pbilol. 141 (1890) p. 57. 



H. DIELS. 



ipsos namque in medio ponemus versus, quos Calliopae filius ore edidit 
(/racco et cantando per saccula generi publicavit humano : 

sic efata simul vestem contraxit ab imo, 

obiecitque oculis formatas inguinibus res. 

quas cava succntiens Baubo manu nam puerilis 

ollis vultus crai plaudit contrectat amice. 

tum dea dejigens augusti luminis orbes 

tristitias animi paulum mollita reponit : 

inde manu poclum sumit risuquc sequenti 

perducit totum cyceonis laeta Uquorem. 
Ex Arnobii paraphrasi et versione primum elucet recte emenda- 
timi esse bv]6e, timi, quod pluris est, nullum esse lacchimi, quein 
iani Lobeckius acldubitaverat i et Liuhvichius restituto v. 2 izcclg $' iqsv 
alXog ( infans pudendis efectus ludibrium erat ) e medio tollebat. nam 
Arnobius etsi band recte sui saeculi neqnitia abnsus 2 putat glabrum 
piipulnm formatimi esse ex inguinibus Baubonis, cum explicat in spe- 
ciem levigari nondum duri atque hystriculi pusionis, tamen recte omnino 
intellegit quod latine vertit nam puerilis ollis (scil. inguinibus) vultus 
erat. ergo laz%ov sonare vidit pudendum muliebre, quod nostrates fu- 
gisse sane permirum est. Dionysium quidem maiorem tyrannum Si- 
ciliae, qui in tragoediis suis obsoletis et abstrusis utebatur vocabulis, 
tv %oqov dixisse constat icck%ov. 3 nimirum in sermone sacro et re- 
condito ano tov la%SLv vel lax%slv vocabatur %oioog , ut a grunniendo 
in Testamento porcelli M. Grunnius Corocotta inducitur. eiusniodi 
glossis quanto opere olim oraculorum poetae , tum ditkyraniborum 
delectati sint , in vulgus notum es':. ipsi Orpliici poetae luxuriant 
lmius modi glossis sacris velut fr. 252 Abel : 

xa (dv vviLcpdcov xataXsi^etai, yXabv vcoq. 
ipse Clemens ex Epigene ITsol tr\g 'Oocpsag Ttoitfsag integrimi glos 
sarium excerpsit , quod operae pretium est Ime afferre. 4 nani eiiisdem 



1 Aglaopham. p. 826 coque suspectior redditur ille palpator lacchus , quem ncque 
Arnobii inierpreiatio admittit ncque aliunde cognitum habemus. 

2 Casa. Dio 48, 44 naiSlov xi x&v ipi&vQwv ola ai yvvaixsg yvpv mg tiItJ&ei 
&VQ0v6ai TQStpovaiv cf. Birt de pueris niinutis Ind. lect. aest. Marpurg. 1892. 

5 Atbeu. Ili 98 D ' Aftavig S' v a UixsXixwv xov avxv qpr}6i <diovv6iov v.a\ 
xov fiovv yaoxav xaXsv v.a tov %oqov ay.%ov. de purpurati poetae delira- 
mente, quae praeivit Euphorionibus, cf. Meineke Anal. Alexandr. p. 136. 

4 Stroin. V 675/6 Pott. hsqkl6i xayinvl%Q( oi xolg pxooig \ir\vvso&ai , 
6tr[U,06i 8 xolg aviari, iilxov dh x 6TtQ\ia llr\yOQel6Q , aL. na ddxgva zliog 
xov oufinov 6r\lovv , Moigag S ai x ^or} xf\g 6%iqvr\g , xgiaxdda v.a itavxexai- 
$exdxriv xc vov\ir\vlav dio v.a\ XevxoaxXovg avxg v.aXv xov 'Oocpu cpcoxg 



parte i. arcana cere ali a. 



esso farinae omnes istas voces atque <xk%ov neminem latet. atqui 
%oqov in vulgari sermone naturarli muliebrem significare cimi aliunde 1 
notimi est timi ex Acliarnensiiun iocis. ergo duplici nietaphora usus 
Orphicus Baubonis inguina (non solimi ipsam mulieris naturani )porcum 
primum, timi iacchum nuncupat, quodArnobius,nisi e contextu versuum 
divinaverat, ex lexicis, qualia tum ferebantur, facile liaurire potuit. 
Idem recte intellexit quae continuantur %uqI r \iiv Q7tra6xE dieta 
esse de Baubone palpante ac quasi ventilante sua inguina. ergo hoc 
quoque recte expressum : 

quas cava succutiens Baubo manti . . . 

plaudit contrectat amice. 

de vitio metrico , quod inesse queruli tur , nolo loqui uberius , quia 
non meiini esse sentio definire, quid concessum fuerit rhetori Africano 
in re metrica , quoniam in universum constat , quanta lieentia timi 
vulgares poetae (velut epigrammatiini a Buechelero collectorum) et 
christiani sint grassati. at omnino quaeritur , mini mera subsit negle- 
gentia. nani qui sacra velarier et coronarie)' pinos consulto dixit V. 7 
(p. 179,24), ut prosam ornaret , et qui in proximo versu olii 8 ad 
Ennii, Lucretii, Vergilii exemplum posuit, ne ille etiaui illuc delabi 
potuit, ut correptis iambis cava et manu neseio quo pacto antiqui- 
tatem imitali sibi videretur. 2 utut est , de sensu interpretationis Ar- 
nobianae nulla est controversia, nude iam graecis paulo magis impli- 
catis verbis lux bau scio an affulserit. nihil enim niutandum , modo 
intellegas poetani istum vulgarem vulgariter interposuisse explicandi 
gratia %slql r [tiv (jCjiraxe ili ter ea quae arte inter se nexa sunt 

TCalg d' ]sv L(tic%og ... yslv Bavfiovs vx Y.6X%oig. 
sub sinu scilicet apparent Baubonis inguina retecta taniquam pueri 
os idque ut par est (hoc inest in particula r) plaudit et contrectat 
nutricum more. 3 ergo totum fragmentum, imam Hermanni emenda- 



ov6ag (lgr}. ndliv av&iov ulv xb 'ap dia x]v cpvaiv, Qyia dh x)v vvy.ru Sia 
xx[V vcc7tccv6iv , Y.U FoQyviov 8h x]v 6elr t vr]v Sia xb v avxfj ngacoTtov, AcpQO- 
8 ixr\v Sh xbv xaigv, xa-fr' ov SsZ G7tsiQSiv, Xys&cci Ttag xch Q-soXya. Cfr. Protr. 
2,22: xfjg Guidog r nQQ^xu ovufiolcc ... , xxeg yvvaixsog , o 6xiv sv(p']ucog nat 
lLV6xi%>g siitsv iiqiov y vva iv. eqv. 

1 velut x 0l Qi VCiL conchnlae a similitudine partis nniliebris nomen aceeperunt 
(cf. O. Jalin Ber. d. sachs. (ics. d. Wiss. 1853 p. 18; tab. V (3), tuui a porcellis istis 
niateriae similitudine porcellana vasa vocata sunt. 

2 de similibus Ausonii arebaismis egit Leo Gtt. gel. Jn:. 1896 p. 791 et 
Skutscb in libro Fgag Fiekio oblato p. 113. 

3 Buecbelerus, qui vehementer probut et Cletuentis et Aruobii bas vindicias, 
amicissime mibi suggerit Persii uotam illam aviam, quae cuuis eximit puerum et 
tunc manibus quatit (2,35). illaque etiam uotior est Hector Astyanacta palpaus : 
nei Y.v6B 7tf\l xe %bq6v (Z ili). 



8 tt. DIELS. tARTE t. 

tionem si excipias, sic ut traditimi est habeto integrimi et intemeratimi: 
<bg slrtova %%Xovg vsGvQaxo, dsi,s de itvxu 
(Sliatog ovds jiQitovTcc tvitov ' %alg <T jev ccx%og 
{%eiqI t piv Itvtuxs) yeX&v Bavfiovg vti xXitoig. 
y] d' nei ovv vtjs fred , peCra' vi dv^i, 
Secato d' alXov ayyog, v xvxsv vsxEito. 
quod sic latine verto brevius, opinor, at apertius qnam Arnobins: 
sic efata palam sublata veste pudenda 
corporis ostendit. namque os puerile ferebant 
inguina, quae tremulos Baubo cri spante cachinnos 
edebant. haee visa deae risum peperere. 
tum dextra calieem prendit, quem cinnus adimplct. 
Baubonis igitur ludicrum snbrnsticnm hoc fnit, ut sublata veste in- 
guina i. e. totani sub sinu (vn xXitoig) sitani partem ventris pube 
tenus nudaret atque concusso abdomine et rugis eius varie distortis 
Immani oris aspectum daret circa umbilicum velut nasum ridicule se 
ruganti, qua in re nondura expl oratimi est, cuiusnam sexus speciem 
hoc ventris os prae se tulisse dicatur ; quippe verba haec nag i]sv 
lax%og , masne an feniina repraesentetur , in dubio relinquunt. de fe- 
mina sane quilibet primum cogitet , nisi Arnobii interpretatio inter- 
cedat. 

At quid tandem , inquies , in hac re ludicri nonne Arnobius 
recte (e. 27 p. 198, 22): quidnam quaeso in spectu tali, quid in pu- 
dendis fuit verendisque Baubonis, quod feminei sexus deam et consimili 
formatam membro in admirationem converteret atque risum, quod obiectum 
lumini conspectuique divino et oblivionem miseriarum daret et kabitum 
in laetiorem repentina hilaritate traduceret f 

Haec si quis obiciat , ego ludi cuiusdain commonefaciam , quam 
in Helvetiae quodam vico oliai se vidisse narrare memini virum doctum 
sane ac severum, sed plebetulae mores studiose riniantem. Versabar, 
inquit , ante aliquot annos per feriaruin aesti varimi otia in Helvetiae 
oppidulo regionis anioenitate conspicuo, verura popularibus magis quam 
externis hospitibus celebrato . ibi post cenam , cimi pluviae exitimi 
arcerent , unus ex adulescentibus , Helvetius natione , qui picturae 
Monaci id temporis operam dabat , Turcum ventriosum , quod verna- 
cule dicebant Bauchturlce , acturum se esse professus est. quod cum 
a iunioribus cum plausu acceptum esset, post aliquantum morae ac 
praeparationis pone mensam coram sjiissa corona hospitum prodiit 
Turcus ille mirum in modum vestitus. eteniin inferiora corporis mensa 
obtegebantur , superiora quae eminebant amplissiuio panno viridi 
tamquam tiara (Turban dici solet) operta erant. at inter utrumque 



PARTE I. ARCANA CEREALIA. 



venter adulescentis nudus apparebat fuligine in oris Immani eflBgiem 
coloratus . in centro extabat umbilicus velut nasus , supra oculi duo 
superciliis magnis circumdabantur, infra suberat immanis rictus . iam 
procax adulescens conciliente musica latera movere, ventrem crispare, 
abdominis rugas line illue iiectere coepit, ut virgines Helvetiae nani 
paucae quae aderant Britannicae ilico cum clamore aufugerant cum 
senioribus viris matronisque popularibus risii paene dirumperentur ac 
summa eius coetus binari tas einceretur. sic mihi auctor gravissimus 
narravit, qui tamen cum ex eo quaererem , imin forte antiqui moris 
Ilelvetii vestigia (ut flt) in ludicra versi superessent , nescire se fate- 
batur, quae esset eius ioci origo, ac ne illud quidem se scire, utrum 
is ex Belvetiorum popularibus ludicris an ex artificum Monacensium 
fescenninis sit petitus . utut est , hoc elucet quam nullo apparati! lio- 
mines simplices iiossint ad summam festivitatem commoveri . ipse nie- 
mini panlo decentiore ludo mimicos subinde liomines mensibus sublatis 
malum quoddam vel vulgare vel sinicum mappa involutum sic agitare, 
ut capitis Immani similitudine in varios modos inclinati omnium , qui 
spectabant, vultus in hilaritatem etfunderentur. 

Xon dubito, quin ei quibus popularium morum studium cordi est 
similia multa proferre possint. 1 nos interim iugulum petimus. quae- 
ritur enim , mini quod eius rei , quam Orpliicus poeta obscuris ver- 
sibus significat, in ipsis Cereris sacris relictuin sit vestigium . nani 
cum antiquissimus ille quem tenemus hynmus Eleusiniis deabus in 
testo oblatus ita compositus sit, ut mysticarum caerimoni arimi series, 
qnas singuli deinceps mystae per feriarum celebritatem ipsi vel pa- 
trabant vel patiebantur, in epicani de dearum fatis narrationem sol- 
veretur, consentaneum est Baubonis obscena ludicra non sine ipsius 
testi Cerealis exemplo versibus celebrata esse, (pia in re Jambes simi- 
litudinem viri docti din attulerunt , cuius personae naturani ex iam - 
borimi religione Eleusine et Tari culta explicandani esse onines con- 
sentiunt. etsi Eleusine Baubonis atticae mulieris nulla adirne vestigia 
inventa sunt, quod facile intellegi potest , in aliis regionibus minus 
perpolitis agreste illud nunien plus auctoritatis retinuisse videtur, 
velut in ipsa insula Paro, cuius Cerealia Arcliiloclii parentes induxisse 
videntur. illic enim extat votimi Erasippae l'rasonis filiae "Hqtj, Jr\- 
liy]tQi QsnocpQip zal Kqt] zccl Jd EvfiovXs xcd Bavfioi erectum '*, 



1 procul taiuea habenda exerupla yvvuiY.v voi per petulantiaru vel per iram 
vaovQauvav , de quibus cf. O. .Tabu 1. e. p. 93. ueque vero itQoficcaxdviov est 
Baubonis gestus, ut destissima virgo putat J. E. Harrisou Prolcgomcna p. 570. 

2 Becbtel iu Collitzii JJialektinschr. Ili 2,590 n. 5441. 



10 H. DIELS. PARTE I. 

quod ad hanc Baubonem pertinere nomo negavit. 1 quod oliin lege- 
batur BABOI, mine correctum est postquam Y litteram super A in 
lapide scripta reperta est. sed neri potest, ut Baftco vulgaris fuerit 
forma, nani ftavfiv et ftafiv (de eoncubitu) idem est 2 , et liane popu- 
larem matrimonii patronam eum antiquissimis caerimoniis eoniunetam 
fuisse, quae ad agros feeundandos valerent, et per se credibile est et 
confirmatur cognatarum nationum (ut alienas sileam) ritibus rustieis, 
velut e germanicis et slavicis moribus multa eiusmodi Mannliardtius 
noster collegit et seite interpretatus est. 3 sed in hunc quaerendi cam- 
pimi qui latissime patet nolo excurrere. 

Imnio explicare studeo et amplificare ea quae in Poetis Philosophis 
p. 106 ad Empedoclis Ir. 153 suecinete significa veram. Hesych. s. v. 
/3av/3a> : TitbjV?? zJi]g.r]TQog' ijucclvsl de xal xolUccv, cbg tiuq' 'Eg.TtsdoxXsl. 
ibi adnota veram liaec : nomeii llustratur absonis illis figaris figlinis, 
quae in tempio Cereris Prienensi 1899 inveritele sunt. caput enim deest 7 
venter curri inguine tamquam os ornatur. de liac explicatione Ioannes 
Sclirader, Prienes repertor ac descriptor doctissimus, aliquid dubita- 
tionis movit 4 : Ber Kreis , inquit, in dem die Erldarung zu suchen 
ist und die Art ivie solehe unjeheuerlichen Bildungen mutande kommen 
Iconnten, wird durch diese Stelle sieher riditi g bezeiclmet; ob man frei- 
lich die Beschreibung der Figuren als zutreffend anerlccnnen will, muss 
daliingestellt bleiben : der erste Eindruck ist der, dass der Kopf unmit- 
telbar auf die Beine gesetzt ist , nicht dass Brust und Kopf fehlen und 
der Bauch als Gesicht gestaltet sei. 



1 cf. O. Kern Baubo (Pauly-Wissowa E. Euc). Crusius ad Herond. p. 128. 
addo nuuc in papyro illa Baubonem (vitiose Bqccv^ vocatur) Metauirae parte 
agore, ubi Demophoutis sors 'narratili". 

2 Dieterich Philolog. 42, 4. fuvfv Herodeus etsi cohaeret cum verbo flav^y, 
nihil tamen vinculi babet cum Baubonis persona. 

3 Baumkultus e. 5 p. 422 sqq. Mythol. Forsch. p. 238 sqq. (Cereris et Iasionis 
niatrimoniuni). 

4 in grandi ilio opere Priene (Beri. 1904) p. 163. ad usum legentium e figu- 
rarum illarum multitiutine M. Liibke pictor Beroliuensis dnas bic accuratius deli- 
neavit. ac d. 8615 respondet simulacro lucis ope confecto 152 in libro Priene p. 161, 
at non idem exemplam delineator expressit , contra u. 8612 clarior est imago 
eiusdem exempli f. 153 illic exhibiti. typos Prieneuses etiam F. Walter reddidit 
in suo libro Typen d. fig. Terrakotten (Anike Terrak. Ili 2) p. 223 n. 1-5. quod 
ille figuras comicas caricatas videre sibi visus est, a Scbradero satis ex loci, ubi 
inventae sunt plurimae , sanctitate refutatum est. ceterum multa exempla Musei 
Beroliuensis ex eodem protypo expressa sunt , at aliud alii praestat ideo , quod 
tgiilus in nonnullis mollem argillam stilo accuratius postea expolivit orisque li- 
neamenta altius impressi!. de Baubonis tguris , quas olim (cf. Miller Mi. d. Ut. 
grecque p. 459) et uuper (Joum. of Hcll. Stttd. XXV 128) aguovisse sibi videbautur, 
tacere malim. 



PARTE I. 



ARCANA CKREALIA. 



11 



Contra liane viri aulicissimi dubitationem non redibo ad ea, quae 
supra de Baubone exposui, neque Empedoclis illa glossa, unde pro- 
fectus crani , abutar. hoc eniui esset principium petere. eeterum contra 
archaeologum oeulis decet non glossis pugnare, suis eniin quisque oculis 
in eis exemplis , quae delineanda curavi , sinc dubio intelleget non 
caput cruribus impositum esse, sed ventrein feniineuin ipsa sexus hu- 





mus. Berol. n. 8615. Mus. Berol. n. 8612. 

Fig. i Baubonum Prienensium (saec. IV) exempla duo. 



tura conspicuum. 1 quid eniin esset caput muliebriter ita desinens l 
ergo venter sane agnoscitur, sed in Immani capitis is forinain mutatus. 2 
quid hoc sibi vult prodigium ' 



1 maxime iusignes bac parte suu fig. 119 et 151. 

2 non caput, sed 08 in illa adnotatione dixeram quia pars adversa tantum ab 
artifce enucleatius expressa est. ceterurn non hoc est controvorsiae iugulimi. 



12 H. DIELS. t>ARTE t. 

In remotissimam liane antiquissimamque partem rustieanae reli- 
gionis lucem mihi afferre videtur mira masculi membri formatio, quae 
per omnem antiquitatem valet. dico virilia aut in animalium aut in 
virorum speciem integra vel ex parte transformata. i atque idem fere 
interesse pnto inter virum mentulatum et ipsuin phallum quod inter 
]ovem fulmeu gestantem et ipsum Ksqccvvv. 2 atque ut fulmen primum 
alatnm repraesentant , tum aquilae totani figuram addunt, sic phallum 
primum alis ornant, tum animalis corpore augent, denique hominis ca- 
pite et corpore adiunctis spirantem viventem vigentem fingunt. sic 
quod prisci illi homines in virilitate divinum potensque inesse sentiunt, 
sui iuris esse volunt, sic eum deum phalloplioria pie venerantur, quem 
ad rei rusticae incrementum pluriinum valere vident. 

Similis Cereris religio: in agrorum ubertate, in animalium fecun- 
ditate, in matrimonii fertilitate omnis spes agricolae. haec a sua quisqne 
dea expetit, Ime omnis votorum ratio vergitur. iam vero ut Bacclius 
masculos adamat ritus, ita Cereris fsti {wcpQov religio ad matronarum 
magis sensa et cogitata spectat. Eleusinius quidem ritus paene totus 
est matronalis. bine igitur facile intellegi potest, cur priscis temporibus 
ab agricolis peculiaris dea Concuba indigitata et sub uteri forma eulta 
sit. nani aut piane fallor aut sic res explicanda est. Prienenses xoiMav 
i. e. /3av/3e humano ore expressam humanisque cruribus incedentein 
iingebant , ut qui spectabant mentis venerationisque aciem in liane 
potissimum partem converterent et hoc maxime numen sibi affore 
crederent. 

Veri est simillimum Baubonem illam primitus seorsum cultam, 
tunc ut Ceraunum in Iovis dicionem , sic illam in Cereris nobilem 
coetuin receptam esse, hinc ut niagnae deae sive nutrix sive ancilla 
et alio et in Ioniam translata est. hinc symbolis variis ut Eleusinii 
cultus famula ornata est. nani apud Prienenses quidem creberrima 
est illa figura quam n. 8615 (v. tab.) repraesentat , puella in ventre 
capitato poma gestans velut uvam et mala, hoc exemplum piane re- 
spondet Priapo , qui nudato et ipse inguine humanam fecunditatem 
prodit simulque in sinu fructuum ubertatem exhibet. 3 gemella igitur 



1 exempla abundant cf. 0. Jahnii diss. de fascinatione Ber. d. sachs. Ges. 1855. 
von Hiller Thera III 18 Inscr. Gr. XII 3 Suppl. 1658. vide praeterea Kaibeliuiu 
Nachr. d. Gtting. Ges. d. Wiss. 1901, 49. 

2 Usener Keraunos in Mus. Bhen. 60, i sqq. 

Cornutus 27 (Priapus) ^icpaivsi yg r {lyed'og rv cclSolav xr\v nlsova- 
goveav iv x &(h GnEQy.axiy.riv dvvayiv . i\ S' v xolg xItiois cciixov 7tu.yv.aQ7t ice 
xi]v daipdsiav xtv v xalg olxsiaig coQaig vxg xov xliiov cpsQO^vav xa vadsixvv- 
pveov xaQTtwv. cf. O. Jahn Ber. d. s. Ges. VII (1855) 237, 



PARTE I. ARCANA CEREALIA. 13 

lmius frugifera dea Baubo, ut similis species cauistri etiam in aliis 
mysteriorum et matrimonii eaerimoniis adhibetur. alia figura in capite 
gestat calathum , cuius exempli niliil nisi delineationem in ninsei 
scriniis snperesse dolco, symbolnm ipsam in Bleusinio ri tu nihil expli- 
cationis indiget. nec magia tertiae, quam expressam videtis 8012 (sn- 
[>ra) fax; quarta (fig. 150) lyra insignis; quinta (cuius exemplum in 
privatis aedibus inventum) hydriam portata omnes fere figurae comis 
in muliebrem modum ornatis puellas, ut consentanemn est, non pueros 
repraesentari docent. varia haec niinisteria etsi band dedecent sacri 
famulatus ancillas, cave taineu credas plures Baubones, si licet hoc 
iam nomine nti , per dies festos sanctis coetibus interfuisse. imnio 
lyrae symbolum ad aliain nos ducit coniecturam. constat Cereris sacra 
ut similia mysteria chorearum strepita personari solita. ' itaque fide 
indignimi non est illani corporis nudationem , quam Orpliicas poeta 
significat et Prienensium vota repraesentant, pertinere ad mysticum 
quendam initiatarum mulierum chormn, qui Baubone duce cordacem 
quendam dactare et hac ipsa lascivia fecunditatem et sibi et agris a 
deis exoptare assaeverit. 

Xe boc quidem loco tangam quae apud alios populos siaiilia in- 
veniantar 2 , at facere non possum qain ammalimi) psallentium chorum 
commemorem , qui in pepli Lycosurensis limbo ab artifice saec. fere 
alterius a. Chr. 3 fctas est. ex figuris in eodem Despoinas fano in- 
ventis singularibus apparet ibi antiquissimos illos animalium choros 
in sacris adhibitos faisse , qaos oliai in Bacchicis ac^ioig personas 
equis, hircis, avibas, ranis assimilatas egisse constat. 4 ut igitur figlili 
Lycosurae vota conficiebant, quae sacri maneris memoriam et salata- 
rem vim qaasi multiplicabant , ita Prienenses quoque artifices e sa- 
crarum chorearum recordatione similemque in usimi vota ista agrestia 
maliercalis reliaiosis fabricabantur. 5 



1 merniner3 velim lacchici chori, cuius adumbrata imago extat in Ranis. 

2 cf. Weinhold Z. Gesch. d. heidn. Ritua (Abh. d. Beri. Ah. 1896) p. 29 sqq. 

3 Conze Sitzun<j8b. d. Beri. Ak. 1904 p. 1135. ipsani imaginern pepli, qui iu mu- 
seo nationali Atheniensi extat, habes ap. Cavvadian Fouilles de Lycosoura IAth. 1893. 

4 cf. Perdrizet Bull. d. con: hell. XXIII (1899) 635. 

5 ne pistores quidem abhorrent ab bis religionibus cf. Atben. XIV (547 A do 
Tbesmophoriis Syracusanis (Jcpi]sici yvvuixea a xaXEG&ai xcer Tt6av rr t v Eixsliuv 
livllovg Kcd 7iEQicfQa6&cti recg &sas, de quorum nomine cf. Columba Archir. Stor. 
Sic. N. S. xm fase. 3), 647 i? {'/oiqvcu\ cf. Lobeck Aglaoph. 1067. scilicet pem- 
matologia sacra, quam ille subsannabat , seria qnaestione admodum digna: de 
germanicis rebus cf. Hofler Zeitschr. d. Ver.f. Volksk. Beri. 1902, 431: 1904, 431: 
1905, 319. Breviter tamen boc moneo rcnuvu dadexucpcda (Inscr. Gr. Ili 77, 



14 H. DIELS. PARTE I. 

Ilaec si recte coniectura nostra enucleata sunt, facilius explicatur, 
quod Magnesiae ad Maeandrum Baubo cum Coscone et Thettale tria- 
dem Maenadum offici t, qua sacra Bacchica (&La6ovg Bccx%olo) secunduin 
Thebanum ritum ibi instituta esse sacerdotes Magnesii fnxerant. l 
si mul bine iteruin elucet, quani arto rinculo tutti Cereris et Bacchi 
niysticae religiones inter se nexae fuerint. 

Quodsi ex Empedoclis ilio frammento hoc certe constat ne in Si- 
cilia quidem Baubonis nuinen inaliditimi fuisse, et oninino eam insulain 
prae ceteris Cereali cultu enituisse tot ac tanta terapia deabus Eleu- 
siniis sacra ibi eruderata confiriiiant, spes inilii aliquanidiu erat etiam 
in Sicilia vota inveniri posse similia Prienensibus. at cum ante duos 
annos musei Panormitani hypogaeum opere figlino refertissimum cum 
otio et studio perquirerem nihil ego invelli, nihilo setius gratiae mihi 
agendae sunt nunc quoque promo condo illius thesauri, praesidio ac 
decori archaeologiae Siculae, qui etiam abditas suas opes libralissime 
in menili usimi reclusit et beneflciis multis publicis privatisque hospi- 
tis aniiimm in aeternum sibi devinxit. 



Priugsbeim Zur Gesch. d. deus. A'ults Miincben 1905, 103) vel nolviicpcdcc (Cleru. 
Protr. 2, 22) deabns Eleusiniis praeeipne oblata videri ex eadetn seutieudi anti- 
quitate , unde Baubonis ventreni explicare studili, nimirum Telluris non solum 
ubera (ucc6roi) dicuntur , sed etiam umbilicus. quare in Apollinis sacro Delpbico, 
qnod olirn Telluris fuisse constat , extat vestigium antiquissiruae religionis rag 
(icpaXg , itemque in Eleusinio tempio acpalg in bouore fuit, quod quidem non 
erat, cui- viri docti mirarentur (cf. Priugsbeim 1. e. p. 65), si origines maternae 
religionis late sparsas in antiqua Graecia reputasseut. ompbali sacri eam explica- 
tionem, quam A. Dietericb Mutter Erde (Leipz. 1905) p. 106 iudicat neque tamen 
ipse fdenter commeudat , ut idem sit ac pballus , commemorasse satis esto. nec 
cum Robdeo consentio (Psyches l 2 132), qui ex ftXov forma et religione umbili- 
cum explicat. 

1 O. Kern Inscr. Magri . 215, 24 sqq. 

Berolini. 

Hermannus Diels. 



LE PAROLE URECHE SELLA TOPONOMASTICA DELL'ELBA. 



Nella toponomastica dell' isola dell'Elba s' incontrano poche pa- 
role greche e per la massima parte sono quelle che, ottenuta in 
tempi diversi la cittadinanza latina, entrarono nel dominio comune 
delle lingue romanze. Segniamo in questa categoria : TujU/iog, donde 
la Tomba (Marciana); xqvxti], donde la irrotta (passim), il Grottarione 
o Grottaione (Rio); xdv&ttoog, i Gancheretti (Rio); ^ivyddlr], la Man- 
dola (Marciana); qcczcqv, il Dragone (S. Ilario); xardataig, le Cataste 
(Marciana); %alv (?), la Cala (passim), le Galanehe (Campo), Galon- 
chiele (Porto Longone); (puldyyi], Palancito (S. Ilario); ym\my\, la Gamba 
e Gambetto (Marciana), Gambale (Campo); Tcd^tov, Spartaia (Marciana), 
^dyyavov, i Mangani (Rio), xaXa^iCtrjg, Calamita (Porto Long.), \Lalvr\ 
(pesce), Tremndore (Porto Long.), jd^O-pov, i Cairi, il Catro (S. Ila- 
rio), il Cadr (Porto Long.), sixva biz., l'Acona o la Gona (Porto 
Longone); zarovva (?) n. gr., Val di Catone (Rio), la Cafona (Porto- 
ferraio); Gvjtov (?), i Sugali (Porto Longone), Si g hello (S. Ilario); e forse 
il suffisso (ora in Morota (Campo) e Caracota (ib.). 

Dei nomi locali greci applicati direttamente e anticamente al- 
l'Elba appena tre si son salvati: niata^v, Alftala e lAoyiog; e di 
questi solo il primo vive ancora sotto le varie torme orni' sentito, 
pronunziato e scritto : Pietamone, Pietramone, Piedamone, Pie d' Am- 
inone. Si designa con tal nome un monticello presso le miniere di 
Rio; ma anzich intendere ziXuxc[igv nel significato di piano, come 
vorrebbe indicare il Chiatamone di Napoli, preteriamo riferirlo alla 
tecnica mineraria e intendere con esso lo strato minerale di una 
lapicidina o d'una latomia l . 

Gli altri termini che vivono nell'Elba in connessione con la na- 
tura minerale del suolo o con 1' industria che vi si esercitava e vi 
si esercita sono tutti ti' origine latina e in generale di data re- 
cente. Hanno rapporto con la natura del suolo i seguenti : Costa 



1 Questo significato ba jiluranv in due passi di Strabone: V 2, 6 (par- 
lando delle miniere dell'Elba) xcc&ditSQ rovg xlccrcuivds rpccoi robg v PSm....\ 
XII 2, 8 nluTuyLwvss */uq etaiv, cp iov r t v Xi&luv %eiv ucp&ovov 6vu{uivi.... 



16 R. 8 ABBACINI. PARTE I. 

Argentiera (Rio), Spiaggia Ferrata o Ferrato (Porto Longone), le Ve- 
nelle i (Ilio), il Filone (Rio), Terranera (Rio) , dal color suo, e Grds- 
sera (Rio), uno dei pi vetusti paesi dell'isola, distrutto nel 1534 dal 
Barbarossa, indicato nei documenti medievali con Grassula e Grassola e 
che io ricondurrei a crassa (cio terra, humus), in quanto quel suolo o 
il suolo vicino conteneva abbondanza di ferro 2 . I seguenti nomi accen- 
nano invece all'industria mineraria: la Cava dell'oro (Porto ferraio), le Ca- 
vacele e la Gavina (Rio), la Cava del Pistello, del Poppaio e di Grat- 
tarino (Rio), la Cava di Vigneria (Rio), da vinea, senza escludere il 
composto Vineae Rivi o Venae Bivi 3 ; le Fabbriche (Rio), Monte Fab- 
brello (Porto ferra io), nel qua! proposito avvertiremo che sino almeno 
dal 101)5 i lavoratori del ferro erano detti fabbri o fabbricher ; 4 gli 
Schiumoli o Stiumoli (Portoferraio), con che s' intendono le scorie del 
minerale bruciato, che in certi paesi dell'Elba son chiamati rosticci, 
in certi altri schiume e schiumoli; le Fornacette e il Fornello (Porto- 
ferraio) e le Fornacelle (Rio) , dove per in luogo dei forni per cuo- 
cere i metalli potrebbero essere significati i forni della calcina; e in 
fine Portoferraio, cos denominato modernamente, dovech ad es. nel 
121)0 era chiamata Ferraio, 5 col qual nome ancora oggi designata 
dal popolo, che dice andare in, esser di, venir di Ferrala; onde rico- 
struiremo la forma primitiva in Ferrarla, supplendo officina. 

Xon vive pi il nome di AftaMa, Alfrccleia, Ald-dlr], nel quale 
per puro scrupolo accenniamo che si potrebbe scorgere una base etni- 
sca, p. e. Aita (Plutone) o Setlans (Vulcano), mentre pensiamo che 
risalga a una base greca, gi riconosciuta dagli antichi in cd&aXog, 
u&ulri 6 fuliggine, favilla, fiamma . Ma per rendersi ragione cornei 
Greci appellassero l'Elba la terra della fuliggine e delle fiamme dob- 
biamo rinunziare a credere che in essa ojerasse una fonderia cen- 
trale, quale sar stata a Populonia, dove secondo le testimonianze 
di Varrone e di Strabone 7 veniva trasportato il minerale elbano 



1 Con vena ancora oggi gli isolani designano il minerale. 

2 Grassera era situata pi in su di Rio, dove ora sorge la chiesetta di S. Ca- 
terina. 

3 Rio deve il suo nome al ruscello (rivus) , che dopo il minerale forma la 
sna maggior ricchezza. 

4 F. Pintor in Studi storici Vili, 1899, 55. 

5 Id. ih., Vili, 20. 

6 Diod. Sic. V 13, 1; Steph. Byz. s. v. Ai&dXr}. 

7 Serv. ad Aen. X, 174 Farro et aliud dicit , nasci quidem Mie (apud llvam) 
ferrum, sed in stricturam non posse cogi nisi transvectum in Populoniam Tusciae 
civitatem. Strab. V 2, 6 eiSo^lsv (in Populonia) dh ucci tovs Qya&iivovs xhv 68r\Qov 
xov ex rfjg Al&cdiocs xofujxsi'Oi> ov yq vvatai GvXXiTtccivEO'Q'ai xa^iivEv^iEvog v 



PARTE I. PAKOLE GRECHE NELLA TOPONOMASTICA DELL' ELBA. 17 

per la cottura; ci figureremo piuttosto che in ogni luogo, dove fosse 
Iogurt drt far carbone e una polla d'acqua, gli isolimi piantassero un 
forno e vi bruciassero il minerale per proprio conto : e con tanti 
forni che fumavano in tutta l'isola sar ovvio capire che ai naviganti 
greci cllii si presentasse un' alftalia. 

A persuaderci che la faccenda procedesse cos potrebbe venirci 
in soccorso un indizio, che a me non sembra mancar d'importanza, 
quantunque non rimonti al periodo greco e forse nemmeno al pe- 
riodo antico romano. Ad ogni modo lo accenno per invogliare altri 
ji studiare con maggior competenza la questione. 

Da relazioni altrui mi risulta che nelle vicinanze di Rio, dove 
il nucleo delle miniere, si trovano scorie di minerale bruciato: p. es. 
alla Marina di Rio e sul Monte Fico; scorie in gran quantit s' incon- 
trano ai Magazzini, nei pressi di Portoferraio, e fino nel Piano di 
Procchio, lontano da Portoferraio e assai pi da Ilio, e pi in l 
ancora, al Poggio, sul Perone e nella valle di S. Cerbone (Mar- 
ciana). Io poi lio esaminato e percorso a palmo a palmo il ter- 
reno che intercede tra Capo Pero e Vignola, tra Montegrosso e il 
Lentisco; e su una superficie di pochi chilometri quadrati mi sono 
imbattuto in diciannove forni: uno al Vallone, uno al Pisciatoio, 
uno al Lentisco, uno all'Acqua Moresca, uno ai Chiassi (presso la 
fontana), uno alle Campelle, uno nel fosso al Ziro, uno alla fonte di Vi- 
gnola, uno alla Fonte la Chiusa, tre sotto la fonte della Pergola, uno rti 
Pozzoni, uno nel fosso della Calcinala, uno nella Valle del Bianco (Fan- 
ghiccia), uno al Castagno ', uno alle Paffe, uno alle Fornacelle, uno a 
Capo Pero (presso il pozzo). Tutti questi forni sono rovinati e non esi- 
stono che le scorie ammassate in monticelli; in taluno si vedono tuttora 
avanzi di terra refrattaria. Essi di regola si trovano vicini a un bosco che 
dava la legna per farne il carbone : ci chiaro; sono inoltre vicini al- 
l'acqua sia di un ruscello, sia di un pozzo, sia di una fonte, sia di una 
conduttura 2 , sia del mare: e ci non chiaro, almeno a me 3 . Tali torni. 



rf] v\6> xotu'sTai S' Ev&bg ex x&v ahrllav eg vr t v 'jtcsiqov. Il non posse di Var- 
rone e 1' oh Svvarat di Strabone si riferiranno alla scarsezza rbl combustibile, ma 
a una scarsezza temporanea. 

1 II forno del Lentisco generalmente noto agli abitanti del luogo ; quelli 
del Vallone e al Castagno mi furono indicati dal sig. Giuseppe Giannoni. 

2 II forno delle Campelle era prossimo alla conduttura roniaua , che portava 
l'acqua da Vignola a Capo Castello. 

3 Letrgo in H. Bluemner Technoloyie und Terminologie der Gewerbc und Elitiste 
bei Griechen und Romeni IV, 212-213 che gli antichi adoperavano l'acqua o per 
spegnere immediatamente l'acciaio e renderlo pi duro o per lavare il minerale 
prima di bruciarlo. 

2 



18 R. SABBADINI. 



non so se per tradizione popolare o per congettura dotta, son chia- 
mati all'Elba catalani o alla catalana. Anche su questo non posso 
interloquire; solo faccio voti che coloro i quali vengono all' Elba a 
visitare le miniere per iscopo industriale e quattrinaio non perdano 
intieramente di vista lo scopo scientifico, perch quest' isola tutta 
un museo geologico e storico; e quanto alle scorie, la loro analisi do- 
vrebbe portare a stabilire la natura e il metodo della cottura e se 
si tratta di forni catalani o di forni romani. Indizi esterni che essi 
risalgano a una certa antichit non mancano. Intanto i rosticci dei 
forni della Pergola e delle Campelle furono adoperati nella costruzione 
delle macerie che sostengono il terreno a uso di coltivazione : mace- 
rie che non sono tanto recenti; di pi i rosticci dei Chiassi sono 
incastrati nelle rive del fosso a un livello abbastanza inferiore al 
suolo presente; a maggiore profondit stanno quelli dell'Acqua Mo- 
resca, che hanno sopra di se quasi due metri di terra; e il forno del 
Lentisco vicino a un pozzetto, che potrebbe sembrare dei bassi 
tempi romani. 

Se pertanto con questi forni arrivassimo all'et romana, non sa- 
rebbe fuor di proposito ammettere nei metodi metallurgici elbani una 
tradizione non interrotta dall'epoca dei Greci: nel qua! caso anche 
in quei tempi i privati avrebbero seguito l'uso di bruciarsi per conto 
proprio il minerale nei luoghi che pi si offrissero opportuni per la 
legna e per l'acqua: indi la molteplicit dei forni, che sarebbe stata 
cagione che l'isola fosse chiamata Ald-ccUcc. 

Rimane l'ultimo nome greco, ttQycoos, attestato sin dal secolo ILI 
av. Cr. da Timeo. 1 Argoo viene concordemente identificato con l'o- 
dierno Portoferraio; e l'identificazione era stata gi intraveduta dagli 
storici locali: 2 io la rincalzer con un argomento, che ci viene for- 
nito dalla tradizione greca. Gli antichi connettevano, per una falsa 
etimologia, l'origine del Porto Argoo con la nave Argo; e infatti 
narra Apollonio Rodio IV 654-658 che nel viaggio di ritorno gli Ar- 
gonauti approdarono anche all'Elba e che ivi si asciugarono il sudore 
(ISqS uXi) con sassolini (il>r]cp6iv) che giacevano, tutti di un sol co- 
lore (xqoltj sxeXca), sulla spiaggia. Strabone V 2, 6 commentando la 
leggenda aggiunge che quei sassolini (tlfjcpovg) c'erano ancora ai tempi 
suoi (ianvsiv iti ucci vvv); ma altera alquanto il racconto del poeta, 
perch dice che erano variegati (diwjiomtXovg) e che non preesiste- 



1 Cfr. Diod. IV, 56, 4. 

2 P. es. [A. Cesarotti] Istoria del principato di Piombino, Firenze 1788, I, 92 ; 
t Porto ferrajo, anticamente chiamato Port'Argo, 



PARTE I. PAROLE GRECHE NELLA TOPONOMASTICA DELI,' ELBA. 19 

vano all'arrivo degli Argonauti, essendosi invece formati dalle ra- 
schiature di sudore cadute dai loro corpi e indi rassodate (tcbv 
7Co<STleyyi(j^ckcov Jtayvrcov). 

Strabone pervenne solamente fino a Populonia; se avesse conti- 
nuato il suo viaggio tino a l'orto Argoo, avrebbe modificato la sua 
relazione, ma avrebbe in ogni modo verificato coi propri occhi l'esi- 
stenza dei sassolini. E quei sassolini esistono pure tutt'oggi sulla 
spiaggia esterna di Portoferraio, la (piale da essi ha ricevuto il nome 
di Ghiaie, e costituiscono anzi la caratteristica pi singolare della 
costa settentrionale dell'Elba, onde a chi naviga da quella parte salta 
subito all'occhio di lontano la lunga striscia bianca delle Ghiaie. 
Poich tutte bianche son quelle ghiaie, e in ci Apollonio era pi 
nel vero di Strabone, e provengono dai detriti della roccia quater- 
naria di eurite del prossimo Capo Bianco * , donde i venti del quarto 
quadrante da decine e decine di secoli staccano e chi sa per quante 
altre decine staccheranno quei ciottoli, che vanno a coprire la spiag- 
gia : superiormente le ghiaie son grosse e di mano in mano che si 
discende rimpiccoliscono, finch al pelo dell'acqua si riducono alle 
dimensioni di grani di miglio, in modo che non sono pi ghiaie e 
non sono ancora arena. 

A quelle ghiaie bianche deve il suo nome il Porto Argoo, che 
io non esito a ricongiungere con Qyg (bianco); la tradizione greca 
posteriore lo connesse con la nave Argo. 



1 B. Lutti Descrizione geologica dell'isola (V Elba, Roma 1886, 238 : Merita di 
essere rammentato quel considerevole accumulamento di ciottoli candidi di eurite... 
cbe acquistossi per ci appunto il nome di Ghiaie. Un tale deposito di ciottoli 
dovuto ad una corrente littorale, probabilmente determinata dal predominio 
dei forti venti del quarto quadrante, la quale trasporta continuamente detriti 
euntici delle coste del non lontano Capo Bianco. 

Milano. 

Remigio Sabbadini. 



Eaccolta / di / lettere / scritte J in j Egitto / (1816 1818) J 
da [ Scalini Francesco j di j Como . 



questo il titolo di un volume in 4 di 309 pagine, manoscritto 
ed autografo, da me posseduto, per essermi stato donato nel dicem- 
bre 1897 da mio figlio, che lo acquist alla vendita (Roma, Dario 
Eossi) della Bibliotheca Lucini Passalaqua . 

Francesco Scalini appartiene alla non piccola schiera di Italiani 
che nel periodo reazionario, succeduto alla Rivoluzione francese ed 
all'impero napoleonico, o dovettero o preferirono abbandonare la pa- 
tria, gli uni per sempre, altri, come il nostro, temporariainente ed 
anelando presto al ritorno. In quei tre anni vissuti in Egitto, egli 
fu dapprima e per pochi mesi segretario presso il Consolato Austriaco 
n Cairo, poi divenne il tesoriere, l'amministratore, l'uomo d'affari di 
Giovanni Baffi Romano, d'Ancona, creatore col di fabbriche di pol- 
veri e nitri. Non qui il luogo di insistere su gli uffici, le occupa- 
zioni, l'attivit, la furia giovenile, del colto ed operoso comasco sem- 
pre in moto. Secondo un mio vecchio scopo e programma ' , passo 
senz'altro a cogliere nel volume Vantico, di cui la distruzione in ser- 
vizio molteplice e spietato del nuovo, nonch l'emigrazione per opera 
di consoli collezionisti, tennero cos gran posto nel regno famoso di 
Mehemet - Aly. 

Dunque nel 1810, sul principio dell' impiego e del carteggio 
(pag. 29, 32, 34), Francesco Scalini scrive al suo principale, dal Con- 
vento Embabescioi al Lago Matrone : Ho dato ordine di atterrare 
un pezzo di muro. Quest'ordine cagion ne' Frati un tal dispiacere, 
che tutti piansero, e gridarono, ed anzi il di loro direttore aveva gi 
preso i panni per ambirsene, ma Calil mostrandogli la sua ignoranza 
nel lamentarsi di cosa di s piccol momento lo trattenne. 11 convento 
pieno di luoghi inutili che dar ponno delle eccellenti pietre a calce, 
ed a lavoro di muraglie , poi : Non essendovi pi mattoni vecchi 
nel convento, si deve ricercarli fra le lontane mine de' conventi cir- 



1 Descrittori italiani dell' Egitto e di Alessandria , nelle Memorie della 
Reale Accademia dei Lincei, del 1879 e del 1892. 



PARTE I. RACCOLTA DI LETTERE SCRITTE IN EGITTO. 21 

convicini . E nel 1S17, da Terane (p. 205) : i villaggi tli Ekmas, 
Katatba, e Triss si esibiscono di andare a scavare al deserto il nu- 
mero de' mattoni che devono pagare, e di darli tutti interi, non cal- 
colando gli spezzati. Il cosidetto sebac, su cui possono vedersi le 
belle e feconde osservazioni del Wilcken nell' Arcliiv far Papyrus- 
forschung (t. II, p. 300 segg.), figura pi d'una volta (p. 55, 70. 83) 
nelle lettere al Baffi : Ditemi se devo pagar gli asini che traspor- 
taron terra nitrosa; come pure se devo cercare a Kafer Davut una 
trentina di Boricela, almeno per 10 o IH giorni onde rammassar molto 
sebac sulla sponda del deserto . 

Sempre al Baffi (p. 69) : Sono avvertito da Bagnasco, che le 
mine di Zani nel Delta, ridondano di eccellenti mattoni, di marmi, 
di colonne, di pietre calcari,, e che uno scavo in esse non sarebbe 
infruttuoso. Se per approfittare di tali cose vi sono necessari ordini 
del Governo, procurate di munirvi di essi, ma che siano scritti nella 
pi ampia forma . Con altri per (p. 257, da Terane, 1 sett. 1817, 
al S. r Ivabitzsch), paulo meliora canti : Godo che sianti giunti i li- 
bri in buono stato, e che le Medaglie e la Venere siano di tuo pia- 
cimento... Il metodo che tu m'indichi per avere delle antichit non 
per nulla convenevole, ed io ho gi pensato e penser come sod- 
disfare a questo tuo nobile desiderio; frattanto sta certo che alla tua 
venuta in Terane avrai alcune belle monete antiche di rame, e forse 
una qualch'una d'argento... Il S. r D. re Burghard qui da alcuni giorni, 
ed in due corse che fece ad un villaggio detto Zani che sta nel 
Delta rimpetto a Terane, raccolse alcune antichit e medaglie; ma 
quella fonte inessiccabile, e vi rimana ognora dell'acqua pura, an- 
che quando quest' avido antiquario vi si sar dissetato. Sino a che 
lui qui rimarr, io non [tosso per civili convenienze seguitare i di 
lui passi. Pare che il prelodato S. 1 ' I). 1 ' non abbia intenzione di fare 
scavo alcuno. Bramerei (scrive a questo stesso amico, 10 marzo 
1817, da Terane, pag. 151) che tu, che sei uno dei soej che fanno le 
nuove ricerche nelle viscere delle Piramidi, mi mandassi una descri- 
zione delle scoperte fatte dall'indefesso Capitan Caviglia. Esse mi 
saranno carissime in queste solitudini da dove non posso per ora 
sbucciare onde appagare il desiderio clic ho di vedere le sin'ora in- 
tentate vie di uno de 7 pi misteriosi monumenti dell' alta antichit 
Egizia. Tur anche, se possibile, mandami un estratto di quegli 
scritti che va stendendo sulle scoperte del nuovo Colombo delle Pi- 
ramidi, il matematico Belletti. 

Sono per noi curiose e notevoli, in una sua lettera al Baffi del 
1817, queste poche linee (p. 197) : La Mareotide fu gi una delle 



22 O. LUMBROSO. 



pi beile Provincie dell' Egitto ; era il giardino dell' antica famosa 
Alessandria, e palesano abbastanza la sua antica grandezza e gli 
immensi lavori che xi furon fatti, quella gran quantit di vastissimi 
pozzi ancora in ottimo stato che veggonvisi a' nostri d; da ci de- 
durre si pu pur anche con quanto interesse gli antichi cercassero 
di mantenere questa provincia abitata, e coltivata, e quanto profitto 
ne traessero. Questa provincia che ha pi terre e migliori da colti- 
varsi, di tutto l'intero Fayum, non ha per abitanti che un pugno di 
arabi, e per case che delle tende . 

Particolarmente interessanti, poi, alcune ultime lettere. P. 358 : 
Samanut, 8 Giugno 1818, al S. r Giovanni Baffi, Bedrescene : Vi 
scrivo dal campo di battaglia. Dopo una faticosa e sempre notturna 
navigazione di dodici giorni, giunto qui, corsi prima d'ogni altra cosa 
a visitare il sarcofago, e lo trovai mezzo rinchiuso in un muro di 
una piccola moschea di un Santone detto Scek Gheitass : questa dif- 
ficolt non mi spavent, cosicch volai immediatamente al Mahalle 
per presentare l'ordine del Kyaya Bey al Kaschef : Egli sulle prime 
mosse mille dubbj, dicendo che il Bacino serve a' divoti, a' passa- 
gieri, ad un campo di soldati che vi sono attendati ; ma finalmente 
colle buone parole e col favore del fucile (piccolo dono per il vero 
ad un Kascef che fa le veci di Bey e che comanda 200 villaggi) 
ottenni da lui una lettera per il Kaimakam di Samanut perch mi 
somministrasse tutti gli ajuti necessari, anzi gli ordina di incaricarsi 
lui stesso della condotta del sarcofago alla barca purch io paghi ed 
il muro da demolirsi, e la spesa di far un bacino, e tutto l'occorrente 
di corde, uomini, legnami ed altro. Presentata la lettera mi vennero 
fatte le stesse difficolt del Kascef; pi l'impossibilit di trovar uo- 
mini bastevoli oggi che sono tutti impiegati ne' lavori de' fili e delle 
tele del Pasci per la fiera di Tanta, ed il malcontento del popolo 
di veder tolto ad una [moschea] un Bacino che serve alle sacre ab- 
luzioni, ma con buone parole fra le quali lasciai brillare qualche 
raggio di regalo, e coli 7 aiuto di un certo Mahamet Effendi soprain- 
tendente a' lavori delle tele, e che conobbi a Terane da Kircor, giunsi 
ad indurre il Kaimakam a venir con me questa mane a dar principio 
al lavoro. Giunti sul luogo i soldati s'opposero caldamente allo stesso 
Kaimakam, dicendo che una cosa di pubblico e sacro benefizio deve 
essere incontaminata, e vidi il momento in cui il Kascef inducevasi 
a mal partito : corsi allora dal capo di soldati e postegli nelle mani 
piastre 50 n'ebbi il subitano effetto di vederli tranquillizzati tutti, 
ed i Fellah gli consolai colla speranza di far un'elemosina alla Mo- 
schea, e colla promessa di costruir un bacino pi grande del sarcofago. 



PARTE I. RACCOLTA DI LETTERE SCRITTE IN EGITTO. 23 

Pacificato il tutto, il Kaimakam fece incominciare la demolizione de' 
unni, e spero che questa sera il sarcofago sar libero ad esser smosso 
dal luogo : ma come condurre al Nilo un peso cos enorme di 90 a 
100 Kantara ! Il Kascef ini disse che per trasportarlo al luogo dov' 
vi vollero 500 uomini e 20 buoi, e la strada era corta ! come far 
io eolla forza del santissimo denaro; ma se le spese saranno grosse, 
la preziosit di questo antico e torse unico monumento in tal genere 
le compenser. I geroglifici sono cos minuti, come teste di spilli, e 
dove incisi nel pi bel granito roseo, fra le pietre durissima; e 
tanta si la moltitudine di essi su tutti i lati esterni ed interni del 
monumento, che io dispero sino che l'accurattezza, e la pazienza del 
nostro buon architetto possa giungere a disegnarli. Il Kaimakam 
mi promise di ragunar dimani tutti i falegnami del villaggio per 
fare un carro ad 8 ruote, di cui gli ho dato il disegno, onde tra- 
scinar il monumento alla sponda del Nilo : il lavoro lungo diffi- 
coltoso e dispendioso, ma qui ci corre il guadagno dell' Evangelio 
del 100 per uno. Credo necessario di spedirvi il presente corriere 
per intorniarvi delle prime operazioni ; perch mi spediate un re- 
galo per il Kaimakam, che io credo indispensabile, essendo tutto 
il lavoro sulle di lui spalle, e non su quelle del Kascef; e perch 
m'informiate sulla quantit dell'elemosina che devo lasciare al San- 
tone. Il sarcofago dalla parte della testa circolare, cosa rara; e se 
la materia di quel di Belzoni pi preziosa di quella del nostro, la 
difficolt dell'incisione di cosi minute figure nel granito l'eguaglia al 
pregio del Belzonico. L'esser poi estremamente pesante proviene dalla 
grossezza del fondo, e dalla solidit dei lati. Partecipate questa mia 
a M. r Coste, e rispondetemi prontamente. Ecco (pianto ni' occorreva 
scrivervi. Addio. Giorni dopo, un'altro analogo trasporto : P. 301 : 
da Bedrescene li 10 luglio 1818 al S. r Enrico Salt console generale 
Brittannico : Il giorno 8 corrente, giorno della di lei partenza dal 
Bedrescene, feci trasportar felicemente sino alla sponda del Nilo da 
(IO uomini la bella Vasca di granito, primo e magnifico monumento 
dissotterrato fra le mine dell'antica Menili : e mentre apparecchiava 
il tutto per farla scendere nella barca ove sta il sarcofago di Sama- 
nut, sopraggiunto il Rais di quella con altri Rais di altre barche, mi 
convinsero con forti ragioni essere cosa del tutto pericolosa e fuor 
di senno il caricar una sola barca di tanto peso : credetti adunque 
prudenza d' accondiscendere a' consigli del Rais, e cos la Vasca ri- 
marr sulla sponda sino a che Lei si compiaccia scrivermi ulteriori 
disposizioni in proposito. lutine da Alessandria ^stando sull'ali per 
tornare in patria), li 19 settembre 1818, al t. r Giovanni Baffi, Be- 



24 G. LUMBROSO. PARTE i. 

drescene : ...Il sarcofago giunto felicemente in Alessandria e di- 
scaricato alla sponda del mare; le spese da Eossetto in Alessandria 
sono state pagate da Nardi e credo ammontino a piastre 440. Dro- 
vetti lo vide, gli piacque assaissimo, lo stim piastre 25,000 con pi 
giustizia del Console inglese, e mi disse che parlerebbe con voi per 
acquistarlo, nel passare che far dal Bedrescene portandosi nell'alto 
Egitto . 

E qui finisce il mio modesto voyage d'un antiqnaire autonr de 
sa chambre , di cui mi approfitto per collaborare (molto povera- 
mente, ma molto cordialmente) al volume in onore del prof. Salinas 
e di Palermo. 

Roma. 

Giacomo Lumbroso 



DUE TESTE DI RILIEVI FUNEBRI ATTICI 

RINVENUTE IN SICILIA. 

(Vedi Tav. I). 



Mssuno meglio del mio illustre collega A. Salinas, che da mezzo 
secolo scruta e fruga il suolo della sua isola, sa per esperienza quanta 
penuria di buone scolture greche vi sia in Sicilia. Io non voglio in- 
dagare, se questa scarsezza vada imputata alla mancanza di scuole 
autonome ed indipendenti di scultori, ovvero al difetto della materia 
prima, il marmo; ed in ogni modo non mi sento di commisurare la 
povert della Sicilia in fatto di opere plastiche antiche colle spoglia- 
zioni di cui essa fu vittima all'epoca romana, e coi disastrosi sac- 
cheggi del medioevo. Questo so ed affermo, che ben altra messe di 
statue e di scolture sarebbesi attesa da un paese cos fortunato, dove 
per ben quattro secoli prosperano citt insigni nella storia politica, 
floridissime nella condizione economica, celebrate per sontuosit di 
monumenti pubblici. 

Alla Sfrena, onde colleghi, amici ed ammiratori intendono fe- 
steggiare il giubileo accademico di Antonino Salinas, parvenu non 
poter meglio contribuire, che illustrando due inedite scolture di ot- 
tima epoca greca, che la fortuna ci ha in quest'anno restituite e che 
andarono ad accrescere la non ricca serie plastica del Musco di 
Siracusa. 

Negli anni 1903-04-05 tre lunghe campagne di scavi sono state 
dedicate ad esplorare in modo esauriente la vasta necropoli di Ca- 
marina, che si stende a mezzogiorno della citt, sulle collinette ilo- 
minanti la sinistra del Kefriscolare, 1' antico Oanis. Sono stati sco- 
perti ed esaminati 1215 sepolcri, e sebbene questa necropoli non 
fosse la pi antica, u la pi ricca della citt, siamo ora in grado, 
dall'esame della copiosa suppellettile vascolare, di definirne con cer- 
tezza la cronologia, collocandola Ira due termini storici precisi, la 
ricostruzione della citt avvenuta nel 4(11, e la distruzione per opera 
dei Romani nel 258 \ Il vasto campo funebre doveva essere in ori- 



1 Orsi, Camarilla, scavi del 1899 e 1903 pag. 200 (in Monumenli Antichi dei 
Lincei voi. XIV, 1904). 



26 P- ORSI. PARTE I. 

ghie decorato di una quantit di segni esterni di sepolcri, cio di 
iscrizioni, stelai e cippi STtirv^^ioi, che valessero a contrassegnare ed 
a far riconoscere almeno le sepolture pi ragguardevoli; ne dovevano 
in origine mancare anche le scolture, sia architettoniche sia figurali. 
Se nonch sn quel snolo, deserto e desolato per secoli e secoli, pare 
che gi in antico sia passata, spezzando e spazzando (pianto emer- 
geva dal soprassuolo, una violenta buffer, che solo i sepolcri, sca- 
vati a varia profondit, lasci pressoch tutti intatti. Penso che tale 
mina sia dovuta ai Romani, assedianti nel 258 la citt, che in questo 
punto elevato e militarmente importante posero il loro campo. Ap- 
punto per ci non mi fu possibile rinvenire un solo avanzo epigra- 
fico, ma bens invece pi di un frammento spettante alla decorazione 
architettonica dei sepolcri, e frammenti di cippi e pilastri scorniciati. 
E di avanzi plastici due soli frammenti ebbi, uno rinvenuto nella 
campagna del 1896 ', e l'altro, argomento alla presente nota, in 
quella della primavera del 1005. 

Alla tavola I vedesi un frammento di lastra marmorea , a mi- 
nuto impasto cristallino (Pentelico), sulla cui superficie 1' azione di 
23 secoli ha stesa quella mite tinta aurata, che colla sua nota tie- 
pida tanto s'addice a render gradevoli i vecchi marmi greci, smor- 
zando l'abbagliante candore ch'essi avevano in origine. Il frammento 
ha un'altezza di cm. 20, uno spessore massimo di cm. 7 l / z , e nel 
rovescio porta gli avanzi obliterati ed abrasi di una pi antica scol- 
tura non funeraria, ed a quel che pare, abbozzata e non finita. Xel 
dritto invece una bella testa di guerriero adulto e barbuto, coperto 
di un elmo campanato che gli protegge tutta la calotta craniale, dal 
ciglio all'occipite. La barba trattata sommariamente a bioccoli la- 
nosi ricciuti; l'occhio profondo coll'orlo delle palpebre arrotondato, 
abraso il naso, le labbra piccole e carnose, asciutte le guaneie ; il 
fascio dei muscoli occipitale e sterno-cleido-mastoideo indicato con pochi 
ma vigorosi piani. In complesso un lavoro per niente minuzioso e 
dettagliato, anzi sommario e quasi rude, come il volto del guerriero 
di cui rendeva le sembianze, vigorose ed indurite sui campi, ma 
aperte, franche, e composte a calma serena. 

Nessuno porr in dubbio, che questa scoltura non appartenga 
ad un rilievo funebre colla intera imagine, grande al vero, di un 
guerriero caniarinese della seconda met del sec. V, anzi, per essere 



1 Orsi, Camarilla , campagna aruhco logica del 1896 pag. 66 (in Monum. Ani. 
dei Lincei vii. IX, 1899). 



PARTE I. DUE TESTE DI RILIEVI FUNEBRI ATTICI. 27 

pi precisi, di un guerriero morto alla fine di esso. Qualche breve 
osservazione merita anzitutto la forma conica o meglio campanata 
dell'elmo, che noi troviamo espressa in rappresentanze vascolari, in 
bassorilievi, e che ci anche tramandata da qualche raro originale. 
la forma di elmo, comunemente detta laconica od arcadica, che 
malgrado l'epiteto fu usata un po' dapertutto; propriamente, attesa 
la sua foggia, un %lXog %ak%ovg, rispondente all'esemplare della rac- 
colta Lipperheide, l di fresco entrata , colla sua magnifica ed unica 
serie di elmi, nel Museo di Berlino, ed anche all'esemplare di Do- 
dona. ' Si una volta creduto che questa foggia fosse una specialit 
portata dai guerrieri apuli, essendosi in Apulia rinvenuti esemplari 
in bronzo e numerose repliche in terracotta, e vedendosi tale elmo 
pileato nei vasi apuli, messo in capo a guerrieri indigeni che com- 
battono contro ai Greci 3 . Ma ammessa anche una particolare diffu- 
sione di questa copertura militare in Apulia, essa vi deve essere 
stata introdotta dalla Grecia, che colle sue intense e continue in- 
fluenze aveva dato il colore alla civilt locale, determinando persino 
il sorgere di fabbriche indigene di vasi figurati. Ne ho bisogno di 
dare uno spoglio delle rappresentanze di vasi attici, dove tale forma 
occorre, perch troppo mi dilungherei; mi basti citare un solo esem- 
plare, un cratere camarinese (Orsi, o. e. tav. VII) di stile rosso, con 
Amazzonomacliia, della line del sec. V. Ricorrendo all'Attica, l'elmo 
a Ttllog ci si affaccia in taluni rilievi funebri, ancora di ottima epoca, 
come nella stele di Mica ed Anfidemo, in quella di Lisas di Tegea, 
e finalmente nel superbo monumento di Aristonautes '. E sempre 
per dimostrare la diffusione di tale copertura, viene a proposito 
l'Heroon di Trysa, che forse unico fra tutti i monumenti greci con- 
tiene nei suoi rilievi la pi copiosa serie di figure militari; a propo- 
sito di queste il Benndorf ha composta un' accurata statistica, no- 



1 Archaeologischer Anzeiger 1905 pag. 20-21. 

2 Carapanos, Dortona et ses ruines tav. LVI, 7. 

:! Lindenschniidt , Die Alterthiimer unserer heidn. Vorzeit (voi. I, 3 tav. Ili; 
elmo di Cimosa); Leuormant, Gazzette archologique a. VII, pag. 99 (esemplari tit- 
illi di Lecce,; Gerhard, Jpulische l'asen (passini). 

4 La prima di codeste scoltnre (Die attisclten Grabreliefs tav. XLIX testo pag. 40) 
ritenuta dagli editori ancora della line del sec. V; auche qui un guerriero 
barbuto che si separa dalla moglie. Quella di Lisas di piccole dimensioni, ed 
assai inferiore alla nostra testa per stile, tuttavia ritenuta dello scorcio del 
sec. V (testo pag. 250), contro l'avviso del Pottier. che la porta alla line del IV. 
Al quarto secolo invece va riferita la grandiosa stele di Aristonautes (tav. CCXLV) 
con figura in prospetto. 



28 P. ORSI. PARTE I. 

tando conio \-i sieno 77 elmi attici, 23 corinzii, 29 frigi e 143 a 
t'orina di pilos, la quale non di rado s' incontra anche su monu- 
menti attici 1 . 

E di fatto sui rilievi funebri attici, che costituiscono il corpus 
pili ricco e svariato di questo ramo della scoltura greca, gi dal 
sec. VI a tutto il IV noi vediamo sfilarci davanti le diverse cate- 
gorie di cittadini, uomini e donne, adulti e fanciulli, soldati e bor- 
ghesi, cavalieri e fanti, donne mature e fanciulle; insomma una mi- 
niera ricchissima, dove si rispecchia la vita ed il costume ateniese 
di oltre due secoli, e, ci che pi monta, la evoluzione della scol- 
tura attraverso un periodo cos lungo e glorioso. Dolci sensi di 
affetto vi sono espressi accanto a severe figure di soldati e ad agi- 
tate imagini di garzoni che s'addestrano ai forti esercizi della pale- 
stra; guerrieri eroicamente caduti in difesa della patria accanto a 
dolci scene d' intimi affetti famigliari , per sempre spezzati dalla 
morte. Tutte le risorse dell'arte attica, dalle espressioni dure e severe, 
alle pi gentili sentimentilit femminili sono state trasfuse in questa 
preziosa serie di scolture, che vivo e spontaneo riflesso della vita, 
del costume, del sentimento, della potenzialit artistica di genera- 
zioni di cittadini, e di artisti che lavorarono sulle orme delle grandi 
scuole dominanti, rispecchiandone la maniera e l'indirizzo. 

Quanto ai soggetti militari , nelle stelai non si dura fatica a rim- 
tracciarne esempi in tutte le epoche, direi anzi di preferenza fra le 
arcaiche; principe quella dipinta di Aristione , ed alcune altre coeve \ 
Guerrieri armati da capo a piedi noi troviamo in cinque stelai che 
fanno capo e si raggruppano a quella di Velanideza colla firma di 
Aristocle, e che vennero scolpite fra 520-500 3 ; nudo della nudit 
eroica, coperto del solo elmo, era il tarchiato efebo della stele di 
Nisyros del 470 circa 4 ); per altri guerrieri coperti dell'elmo pileato 
ho gi di sopra citato gli opportuni riscontri. 

I )o])o questa analisi formale e stilistica io non credo di andar 
lungi dal vero nello affermare, che la nostra scoltura dovuta ad 
un artista attico, e che dell'arte attica sentiva profondamente lo spi- 
rito ed il fascino nei tempi immediatamente posteriori a Fidia. An- 
zitutto attica la forma del rilievo, perocch non altrimenti dob- 
biamo imaginarlo nel suo stato originario e completo, che come una 



1 Benndorf, Dus Ileroon voti Gjiilbaschi-Trysa, pag. 236. 

2 Die attixvhen Grabreliefs, tav. II, 1 e 2; tav. Ili; tav. Vili, 1. 

3 Heinach in Berne Archologique 1901, Il pag. 163* 

4 Reme Archol. 1901 tav. XV. 



PARTE I. DUE TESTE DI RILIEVI FUNEBRI ATTICI. 29 

stele a rilievo piatto, alta e slanciata, colla figura del defunto grande 
al vero e perci stesso isolata, sormontata in alto da una grande 
palmetta. Forma nobilissima clic gli Attici tolsero certo dall'Ionia ' , 
e clic imposta al sepolcro sembra volesse immortalare il defunto, 
scolpito nel marmo duraturo, e clic s'aderge solenne, ([nasi eroizzato, 
nella pompa austera del suo costume guerresco, mentre il suo frale 
si consuma sotterra. Il Furtwaengler, clic a queste stelai del periodo 
fidiaco ha dedicato pagine acute e sapienti ~ , ci adduce una serie 
delle medesime trovate fuori dell' Attica, anche in lontane regioni, 
ma' attiche di stile e di sentimento, le (piali attestano dell'influenza 
possente dell'arte di Fidia e della sua scuola. Sotto questo rispetto 
adunque nulla di strano, se unii scultore attico od inspirato all' At- 
tica lavorava negli ultimi lustri del sec. Va Camarilla, modesta citt, 
che artisti propri difficilmente avr avuti, e che per necessit di cose 
attingeva al pi grande e luminoso centro dell' arte contemporanea, 
ad Atene ed all'Attica. 

Ma vi ha di pi; il tipo antropologico dei (reci nella seconda 
met del sec. A" era supergi eguale, ed anzi l'unit etnico-risica era 
allora pi accentuata che non sia oggi fra gli italiani del sec. XX; 
e dal solo aspetto risico credo sar stato difficile discernere un Ate- 
niese genuino da un Sicelioto delle colonie d'occidente, se non fosse 
per qualche raffinatezza del tratto, per qualche particolarit del co- 
stume e sopratutto per la maniera della pronunzia. Anche il modo 
di trattare la barba e la chioma presso le persone per bene non era 
gran fatto dissimile; dalla met del sec. V al IV le persone distinti' 
portavano capelli corti, barba accurata e mustacchi :: , ci che di- 
mostrato dai ritratti di Pericle e Sofocle, dalle figurazioni dalle stelai. 
Ond'io non trovo ragione di sorpresa, se l'anonimo guerriero eainari- 
nese presenta tratti facciali, barba e chioma tali, da confonderlo colle 
imagini dei suoi contemporanei dell'Attica o di altre regioni dove la 
scoltura funebre attica si afferma. Ala se v' era un t'ondo tisico co- 
mune, non va escluso che lo scultore attico prediligesse dare ai suoi 
soggetti (pici caratteri formali che egli era abituato a scorgere fra 
la folla ateniese, o nei modelli delle grandi officine, dove egli aveva 
fatto il suo tirocinio. Ne veniva quindi una certa convenzionalit 
nelle teste, un tipo tradizionale che appunto rivela lo scalpello attico 
dell'artista. Ond' che lo sconosciuto guerriero di Camarilla, colla sua 



1 Collignou, Histoirt: de la sculpture grecque voi. I pag. 381, 

2 Die Sammlung Sabouroff pag. 5 e seg. 

3 Baumeister, Denkmaeler voi. I pag. 255. 



30 . P. ORSI. PARTE li 

corta chioma, colla barba a bioccoli, col caratteristico mento depresso, 
coi lunghi mustacchi abbassati, colle labbra alquanto prominenti, ap- 
pare fratello al cavaliere di una stele vaticana, che si vuole della 
Beozia (Collignon, voi. II fig. 72), all'adulto di Carystos (8. Sabouroff, 
tav. VI), al marito in doloroso congedo di una stele della via sacra 
di Eleusi (ibidem tav. XVIII), e a tant' altri soggetti funebri, che tutti 
poi si riconducono, qual pi, qual meno, ai venerandi thallofori del 
fregio del Partenone. Si direbbe che questo tipo attico dell' adulto 
barbuto abbia pervaso tutte le contrade, dove l'arte attica si afferma. 
La stele era ad una sola figura, e questo di grande peso nel 
collocarla alla fine del sec. V, anzich al principio del IV. Essa 
dev'essere perci anteriore alla distruzione della citt avvenuta per 
opera dei Cartaginesi nel 405, ed io vado ancor pi oltre, collocan- 
dola, per ragioni storiche, prima della famosa spedizione ateniese del 
415-413, che col tragico epilogo dell' Assinaros segna, per lunga data, 
la scomparsa dell'influenza politica e del commercio attico in Sicilia. 
Negli anni 427-415 l'antipatia di Camarina per Siracusa fu tale, che 
si prefer contrarre alleanza con Atene, ed Archia capitan sempre 
una politica ostile alla metropoli 1 ; molto verosimile che in questo 
periodo, o poco prima, un artista attico lavorasse in Camarina, dove 
gli Ateniesi incontravano simpatia e favore; non certo dopo il 413, 
anno che segna per molti lustri la cessazione di ogni influenza po- 
litica, commerciale ed anche artistica di Atene sull'isola. 



Le osservazioni fatte intorno alla testa pileata di Camarilla mi 
hanno spianata la via allo studio di un'altra testa a rilievo, difresco 
acquistata dal Museo di Siracusa e casualmente rinvenuta da conta- 
dini in contrada Burgio, un cinque chilometri a ponente di Pachino, 
in un terreno archeologicamente sconosciuto, che ha dato sepolcri 
greci e ruderi di et tarda, e dove non pare improbabile s'abbia a col- 
locare la tanto controversa Casmena. Ma bene per ora lasciare im- 
pregiudicata codesta difficile questione topografica, sino a tanto che 
degli scavi sistematici non abbiano messo in chiaro l'indole, l'et e 
la pertinenza della necropoli. 

La testa di Burgio a rilievo piatto scolpita in marmo greco 
a grana finissima, impastata di minuti tritumi di scintillanti cristal- 
lini; la superficie ha lieve patina bruno aurata, le dimensioni sono 



1 Schubring, Kamarina pag. 499 (Rhein. Museum XXXII). 



PARTE I. DUE TESTE DI RILIEVI FUNEBRI ATTICI. 31 

circa al vero ; essa data di tutto profilo sinistro, ed accurata- 
mente ritagliata nel contorno, anzicch staccarsi e risaltare, come la 
camarinese, sul tondo abbassato della stele marmorea. Essa reca la 
effigie di un adulto nella pienezza della virilit, colla fitta chioma a 
brevi ciocche ricciute, ognuna delle quali solcata per il lungo da una 
o pi incisioni. Alquanto diversamente trattata la corta ma ftta 
barba, pettinata a tratti verticali lievemente ondati, ed i lunghi mu- 
stacchi, che tagliati al labbro superiore scendono rigidi a confondersi 
colla massa unita della barba stessa. L' occhio colle palpebre forte- 
mente rilevate non porta indicazione della pupilla; il naso in buona 
parte asportato dalla punta alla radice; un po' abraso l'arco sopra- 
cigliare ed il padiglione dell'orecchio; il collo non rotto ma di pro- 
posito tagliato netto al primo terzo superiore. In complesso il ritratto. 
che tale era certamente, ci mostra una persona vigorosa e forte, dalle 
fattezze esprimenti energia e tenacia, composte in una concentrazione 
tranquilla e serena. 11 singolare rilievo alto cm. 25, con uno spessore 
massimo di o, attraversato presso il vertice craniale da un foro 
cilindrico, contenente ancora un getto di piombo per fissarlo alla pa- 
rete di sfondo; il rovescio lavorato in rustico. 

Qualche ulteriore osservazione stilistica si rende qui necessaria 
a completare quelle gi fatte a proposito della testa camarinese. In 
essa l'elmo copre e cela la parte capelluta, che qui invece risalta in 
tutta la sua bellezza, e lascia scoperto tutte il contorno craniale, 
con quella bella ed euritmica sagoma (piasi rotonda, caratteristica 
delle migliori opere dell'arte attica, ond'esse si contraddistinguono dai 
tipi policletei. La chioma copre tutta la calotta craniale di brevi e 
fitte ciocche, (piasi compresse ed aderenti, lavorate con somma cura 
e finezza, e divise ognuna mediante uno o due solchi in due o tre 
liste con estremit arricciata; una foggia anche codesta peculiare alla 
buona scoltura attica del V e IV secolo, a cominciare dalla tesla di 
Armodio, dove per ragione di tempo le ciocche sono pi rigide e 
schematiche, passando al mironiano idolino di Firenze, fino al nobi- 
lissimo e raffinato ritratto di Pericle, dovuto a ('resila di Kydonia ' . 

L'occhio non molto profondo ed un p* volto in alto, (piasi con 



1 Questo argomento delle teste attiche, e sopratatto del modo di renderne 
la capigliatura, stato di recente trattato con molta larghezza da parecchi, di 
cui io citer qui i pi autorevoli : Furtwaengler. Mcisterwerke pai;. 517; Heruianu, 
Alhenische 2Iitthtihingen 1891 pag. 316; Kekule , Ucber citi ISildniss des Perich'8 
pag. 10; Beundorf, Oesterr. Jahreshefte 1903 pag. T-S; Ameluug, Jahrbuch 1903 
pag. 112; Richardsou, Athen. Mittheilungen 1903 pag. 132. 



32 P. ORSI. PARTE I. 

intensificazione dello sguardo, ha il bulbo alquanto arrotondato, rac- 
chiuso fra le palpebre dall'orlo prominente, angoloso ed acutamente 
tagliato; anche la glandola lacrimale indicata; chiusa decisamente 
la bocca. Nello insieme la testa elaborata con grande finezza ed 
amore, riuscendo, sotto tal riguardo, di gran lunga superiore alla ca- 
marinese, anche per la maggior vivezza, per il risalto delle caratte- 
ristiche individuali, e per quella nota di freschezza cui sempre ten- 
devano gli scultori dei rilievi funebri attici. Ma oltre ai particolari 
del dettaglio noi dobbiamo, e sopratutto, badare all'insieme dell'ope- 
ra, per dedurne un attendibile giudizio stilistico e cronologico. 

E della bont dell' epoca indice sicuro la nobile e composta 
bellezza, l'aspetto signorile e distinto, la nota di grandezza e tran- 
quillit che aleggia su questo volto, che non certo appartiene alla 
serie delle opere dozzinali e bottegaie, le quali dalla met del sec. IV 
vengono sempre pi corrompendo, col loro carattere manuale, la pri- 
mitiva e tradizionale nobilt della scoltura funebre. L'esame dei pan 
neggi, ne sono sicuro, avrebbe aggiunto nuove conferme all'analisi sti- 
listica che io ho svolta, ma poich essi mancano, inutile toccare 
un campo meramente ipotetico. 

Resta che io prenda a studiare l'ultima e difficile questione tec- 
nologica ; perocch una particolarit inusitata e rarissima, forse 
anzi nuova, questa di un rilievo elaborato a parte, accuratamente 
ritagliato, imposto ed applicato ad uno sfondo di altra materia, forse 
di altro colore, quasi un cammeo che risalta sul fondo scuro, rispar- 
miato ad arte. 

Per quanto di et e di stile molto diversi, io debbo anzitutto 
ricordare le metope del tempio E di Selinunte, nelle quali le teste, le 
braccia, le mani ed i piedi, in genere tutte le parti nude delle fi- 
gure muliebri, sono in candido pario, lavorate a parte ed innestate 
sui corpi di tufo, ravvivati dal colore. Ma qui tutt'altro il princi- 
pio e la ragione determinante questo infantile e pur efficace ripiego, 
che ricorda la scoltura crisoelefantiiica e piti la pittura vascolare 
attica a f. n. da cui venne forse suggerito. l . 

A Camarilla nel campo funebre di Passo Marinaro nei miei scavi 
del 1896, assieme ad alcuni frammenti architettonici spettanti ad una 
edicola funebre, io raccolsi una placca marmorea a medio rilievo, con 
porzione di un corpo panneggiato , che va dai fianchi alla punta delle 
ginocchia 2 ; la placca lavorata in rustico nel rovescio e ritagliata 



i Benndorf, Die Metopen voti Selinvnt pag. 42. 
2 Orsi, Camarilla, campagna del 1896 pag. 66. 



PARTE I. DUE TESTE DI RILIEVI FUNEBRI ATTICI. 33 

lungo il lato destro, doveva essere applicata ad uno sfondo prepa- 
rato; se poi il rilievo funebre constasse di una o di due ligure non 
fui in grado di stabilire. 

Spigolando nel vasto campo degli Attschen Grabreliefs trovo 
unico esempio alla tav. CCXIl un corpo di guerriero, al quale era 
applicata una testa di riporto, ora smarrita. Per due teste, maschile 
una muliebre l'altra, del Museo Civico di Trieste (o. e. n. 1207 e 1298 a.), 
mi assicura l'egregio direttore Alberto ruschi che esse sono ritagliate 
nel contorno. 

Ma nel fregio dell' Erechtheion d'Atene che noi troviamo 1' e- 
sempio pi attagliato al caso nostro; esso constava di uno sfondo di 
pietra nerastra di Eleusi, sulla (piale erano applicati mediante perni 
metallici i bassorilievi in Pentelico, ritagliati figura per figura, in 
modo da risaltare come grandi cammei sul fondo cupo. I conti del- 
l'opera, fortunatamente pervenutici, ne accertano che questo lavoro 
venne terminato e pagato negli anni 408 e 407 l . Le scolture sono 
dovute a parecchi artisti di secondo ordine, mediocremente ricom- 
pensati, i quali miravano sopra tutto ad ottenere effetti pittorici, e 
che alla grande arte applicarono in qualche modo il sistema dello 
stile rosso dei vasi, le cui figure spiccano sul fondo nero. Lo seni 
tore della testa di Burgio si attenuto allo stesso metodo, ed ha 
tentata la stessa novit. 

Ma conobbe egli i rilievi del fregio dell' Erechtheion, od attinse 
ad altre fonte che noi non conosciamo ? Sar ben difficile rispondere 
a tali quesiti, che si collegano intimamente con altri. Io mi sono 
adoperato a mettere in evidenza i caratteri attici di questa testa, e 
le ragioni che m' inducono a ritenerla dell' ottimo tempo della scol- 
tura funebre, cio dell'ultimo terzo del sec. V. Ma se valgono i cri- 
teri storici addotti per la testa di Camarilla, anche questa dovrebbe 
essere anteriore al 415-413, e quindi alle scolture dell' Erechtheion. 

E di conclusione in conclusione a quest' altro risultato noi per- 
veniamo, che cio queste due opere Iella fine del sec. V rappresen- 
tano quanto a stile, scuola ed indirizzo una eccezione in mezzo alla 
serie di scolture siceliote del VI e V secolo, sin qui conosciute, le 
quali per unanime consenso degli archeologi si attribuiscono a maestri 
e scultori delle scuole peloponnesiache. Che le metope di Selinunte 
si richiamino fortemente ad Olimpia fu gi dimostrato, fino all' esa- 



1 Collignon , Hist. de la sculptiirc grecque voi. II pag. 04-95 ; Overbeck, G- 
schichte dcr griech, Plastik, 4 ed. voi. I pag. 475. 

3 



34 



gerazione, dal Kekule ' ; per le teste ed i torsi arcaici rinvenuti 
nell'isola tutti van d'accordo nel non riconoscervi nessuna nota od 
impronta di originalit, ma una dipendenza dalle scuole del Pelo- 
ponneso 2 . Quando i munifici principi siracusani all'inizio del sec. V 
vogliono immortalare le loro vittorie agonistiche mediante sontuosi 
anathemata, non trovano in Sicilia artisti di valore, e danno le com- 
missioni ai bronzieri di Argos e di Egina; perfino nelle terrecotte e 
nelle monete noi troviamo fino agli ultimi lustri del sec. V mante- 
nuto questo asservimento alle scuole peloponnesiache 3 . 

Solo con Fidia l'arte attica divenuta arte ellenica %at %o%]v, si 
impone gloriosa nei tipi monetali di Siracusa, ed i grandi decadrammi 
ce ne porgono decisiva testimonianza. Anzi, strano contrasto, l'arte 
attica trionfa trice che viene chiamata ad eternale nel saldo argento 
la disfatta militare e politica di Atene; ma il tipo del decadramma 
sorto alquanti lustri prima della rotta all'Assillavo permane e si per- 
feziona, per opera di artisti asserviti a Siracusa, anche dopo il di- 
sastro ateniese. 

Ma altra cosa sono le arti minori ed industriali, che s'infiltrano 
ovunque, altra la grande arte in servizio del culto e dello stato, e 
di questa grande arte attica, per (pianto io mi adoperi, non riesco 
a trovare in Sicilia affermazioni decise durante il sec. V. Onde ri- 
torno alla mia precedente dichiarazione, cio a rilevare la rarit ec- 
cezionale delle nostre due teste, indubbiamente attiche in suolo si- 
celiota, le quali coincidono e segnano l'influenza esercitata dall'arte 
grandiosa del ciclo fidiaco anche in Sicilia, influenza affermata sin 
qui dalle sole monete. 

Avrei finito, se non dovessi muovere un' altra domanda. Erano 
gli autori delle nostre scolture artisti attici lavoranti in Sicilia, op- 
pure residenti nell'Attica, che assumevano ed eseguivano per conto di 
Sicelioti le commissioni 1 Una domanda analoga non so se sia stata 
posta a proposito dei copiosi rilievi funebri attici, fuori dell'Attica 
segnalati. Nel caso nostro la mancanza di marmi nell'isola mi muove 
a porre il quesito, alla cui soluzione nell'uno o nell'altro senso, mi- 
litano argomenti del paro validi. Se stato gi ammesso da parec- 
chi, e ragionevolmente , 4 che in Sicilia invece dei pesanti blocchi 



1 Archeol. Zeitung 1883 pag. 229; idem, Archaiseher Frauenkopf ans Sicilie. 

2 Poterseli, Boemische Mittheilun gen 1892 pag. 65 e segg. ; 1897 pag. 124 e 127. 

3 Veggasi in proposito la eccellente monografia di G. E. Rizzo, Di una statua 
fittile di Inessa e di alcuni caratteri dell'arte siceliota (Napoli 1904. 

4 Rizzo, o. e. pag. 27 nota 4. 



PARTE I. DUE TESTE DI RILIEVI FUNEBRI ATTICI. 35 

grezzi si importassero statue belle e fatte, e grandi bronzi gi fusi, 
non vedo perch eguale concessione non s'abbia a fare anche per le 
stelai, le quali in breve tempo potevano eseguirsi in Atene stessa 
su schizzi e disegni, che nella traduzione in marmo venivano al- 
quanto abbelliti e dirci quasi idealizzati. Mi si obbietter che se era 
malagevole il trasporto per mare delle lunghe e non .spesse lastre 
grezze, era ben pi rischioso rinvio di una stele gi scolpita, lunga 
e sottile e quanto mai fragile. Ma io mi domando, se non debba 
appunto attribuirsi ad una garenzia nel trasporto il fatto che la stele 
di Burgio era formata di pi pezzi, forse tre, per modo che il rischio 
di lesioni era di molto diminuito. Del resto le migliaia e migliaia di 
vasi, anche grandiosi e preziosi, che le fabbriche dell'Attica per (piasi 
tutto il sec. V scaricarono sui mercati di Agrigento, Gela, Camarilla, 
Siracusa etc. avevano fatto certamente apprendere tutti i sistemi pi 
perfezionati d'imballaggio e di spedizione. 

Comunque vogliano risolversi questi quesiti secondari sul luogo 
dove vennero scolpite le stelai, io dico che le due teste portano un 
fattore al tutto nuovo nello studio della plastica siceliota in sul de- 
clinare del V secolo. Colla loro sana e vigorosa bellezza, colla nota 
serena e solenne che alita sui loro volti, esse sono un nobile esem- 
pio di quell'arte del periodo aureo, che, per quanto attenuata, si af- 
ferma anche al di l dei ristretti contini dell'Attica. Esse dimostrano 
ancora che la Sicilia, priva di grandi maestri e di scuole proprie, 
avea profondo il senso ed il culto della plastica, e come al principio 
del sec. V s'era resa tributaria alle scuole del Peloponneso, di Argo 
e di Egina, alla fine dello stesso secolo accoglieva e ricercava i pro- 
dotti degli artisti formati alla scuola immortale di Fidia. 

Siracusa. 

Paolo Orsi. 



UNE VISITE LA NCROPOLE DES RABS 

prtres et prtresses de Carthage. 



Le 22 octobre 1903, j'avais le plaisir de recevoir la visite de 
M. le Professeur Salinas et de 1' accompagner notre chantier de 
fouilles, c'est dire la ncropole des Babs, prtres et prtresses 
de Carthage. 




Fig. 2. Vue de la ncropole. 
(Photographie de M. H. Bourbon). 

Cette antique ncropole du IV e siele environ avant notre re 
est toute entire constitue par des ranges de puits orifice ree- 
tangulaire s'enfoneant verticalement dans le roelier et atteignant 
parfois une profondeur de plus de 20 mtres. Dans une des parois 
troites, les Carthaginois ont creus une ou plusieurs chambres. 

De semblables ncropoles doivent assurinent exister en Sici- 
le 1 . Ann d'attirer 1' attention des archologues italiens sur les s- 



1 Je pourrais dire aussi qu'il doit exister de ces mrnes spultures daus l'Ile 
de Sardaigne. 



PARTE I. UNE VISITE 1 LA NECROPOLE DES RABS. 37 



pultures de ce genre , je donne page 38 la doubl coup d' un des 
puits explors cette anne. 

Dans une des parois troites, ordina irement du cot du sommet 
de la colline existe le caveau funraire ou Ics chambres. Cliaque 
caveau a son entre sur le puits. Jamais on ne trouve de chambres 
communiquant horizontalement entre elles, si ce n'est par suite de 
la chute de la inince cloison de roche qui parfois les spar \ 

Le plus souvent, on a creus dans la chanbre deux auges, une 
droite et l'autre gauche. La partie du rocher qui spar les auges 
est ordinairement assez large pour avoir recti un cadavre. Quelquefois, 
mais rarement, une petite niche a t taille dans une des parois de 
la chambre. 

La plupart de ces caveaux sont des spultures de famille. On 
y a depose les corps, d'abord dans Ics auges, puis sur la banquette 
mediane. Les cadavres, noys ou non dans une couche de rsine taient 
renferms dans des cercueils de bois et parfois la chambre a t 
remplie de bires jusqu'au plafond. Si la place venait encore man- 
quer, on entaillait le rocher pour donner place un dernier cercueil. 

Le bois des cercueils, trs pais, tait peint en rouge. On en a 
aussi trouve qui taient polychroms et dors. A cot des cadavres, 
on a souvent depose des ossuaires. ('e sont de petits rcipients rec- 
tangulaires en pierre calcane avec couvercle en dos d'ne. Ils ne ren- 
ferment (pie des ossements humains calcins et briss. Les cendres 
taient mises part dans des amphores. 

Le cercueil de bois est rarement remplac par un sarcophage 
de pierre ou de marbr. Xous avons eu cependant, depuis le dbut 
des fouilles, la bonne fortune de rencontrer quatorze grands sarcopha- 
ges en marbr blanc, tous orns de moiilures peintes 2 . Quatre de ces 
sarcophages porteut sur leur couvercle l'image du mort habilement 
sculpte en relief. L'armi ces statiies, il en est une d'un art merveil- 
leux. Elle reprsente une prtresse carthaginoise dont le costume et 



1 Pour 1' tude complte de cette interessante ncropole on petit consulter 
les nombreux rapports que j'ai aresss a l'Acadmie des Inscriptions depuis le 
commencement de LSU8 jusqu' cette anne. On petit aussi consulter mes autres 
ptiblications : La Ncropole ptinique voisine de la colline de Sainte-Monicpic, ler mois, 
2 m e mois, 3 me mois, 2me trimestre, 2'ne semestre, 2 m e anne, et Les grands Sarcophages 
aniiropoides du Muse Lavigerie. 

2 Je n'ai rencontr en Sicile qu'tin seni sarcophage de marbr semblable 
ceux de Carthage. Il se trouve dans une des sacristies de la Cattedrale de Gir- 
geuti o S. G. Mgr. Lagumina me l'a mentre. Les acrotres du couvercle sont plus 
grands qu' Carthage. La cave porte sur sa moulure suprieure et sur l'infrieure 
un dcoratiou peiute. Une grecque peinte orne la trauche du couvercle sur ses 
quatre faces. 



38 



. L. DELATTRE. 



I*ARTE I. 








/.& ! ! M 



ti 

/i 











2> jppf 



C-nijtes transversctlcs 
sur les chambres. 



/ 



Coup longitudinale sur le Puits 
et les chambres. 



Coup transrersale 
sur les Puits. 



Fig. 3. Coupes verticales d'un puits funraire carthaginois avec ses chambres. 

(explor le 29 juin 1905. Dessin de M. Elie Blondel). 



PARTE t. 



UNE VISITE A LA NKCROPOLE DES RABS. 



39 



la coiffure comportent un mlange d'ornements grecs et gyptiens. 
La tte est encadre du klaft et surmonte d'une tte d' pervier. 
Le haut de la poitrine porte un riclie gorgerin forme de bandes de 




Fig. 4. Statue de la prtresse (Couvercle du sarcophage). 
(Photographie de M. II. Bourbon). 

couleurs cernes d'un large filet d'or. La tunique, aux plis nns, tait 
retenue sous les seins par une eeiuture dore. Tout le bas du eorps, 
sauf les pieds, est envelopp par deux grandes ailes de vautour peintes 
et dores. 



40 A. t. DELATTR. PARTE I. 

La main droit abaisse tient une colombe, tandis que la mairi 
gauche porte une bote offrandes. 

Le visage, aux traits calmes et graves, a les yeux peints, ce qui 
lui donne une expression extraordinaire; les oreilles sont ornes de 
pendants qui taient dors et sur le con un doubl cercle de petites 
boules dores soutenait un disque. 

C'est une pice d'art aussi trange que magniflque. Elle ravit 
d'admiration tous les visiteurs du Muse Lavigerie. Je n' oublierai 
jamais 1' exclamation enthousiaste du Prof. Salinas lorsqu' il la vit 
pour la premire fois. Il ne pouvait se lasser de contempler cette 
CBuvre merveilleuse. 

Mais il est temps que je dise un mot du mobilier funraire des 
hypoges de la grande ncropole en question. Les morts son accom- 
pagns d'un certain nombre de pices qui font rarement dfaut. Ce 
sont des urnes queue , des lampes plates et bieornes avec leurs 
patres, des lampes de forme grecque, des unguentaria, des amphores 
base conique * par paire et portant chacune la mme inscription 
en caractres puniques, des vases trusques peints, des cenoclios de 
bronze, des miroirs, des rasoirs doubl face orne de personnages et 
de palmiers tnement cisels dans le bronze, des monnaies carthagi- 
noises et siciliennes, des bagues sigillaires, des armilles , des brace- 
lets, des pendants d'oreille, des cymbales, des sonnettes, du fard, de 
nombreuses amnlettes 2 , des colliers, etc..., etc... Des lamelles d'ivoire 
dcoupes et couvertes de dlicates ciselnres reprsentant souvent 
des i>ersonnages, mritent aussi d'Otre signales. 

De temps autre, il sort de ces spultures quelque objet plus 
prcieux, anneau d'or ou d' argent, intailles, chefs d'(euvre de glypti- 
que, des figurines de terre cuite de provenance varie, enfili de cu- 
rieux vases de forme particulire. 

Les fouilles nous ont permis de former de belles sries de figu- 
rines et une riclie collections d'pitaphes puniques. 

On trouve aussi parfois dans ces spultures des anses d'ampli o- 
res rliodiennes estampilles , mais sans aucun vestige des amphores 
elles mmes. On y trouve aussi des estampilles puniques cornine 
celles de Slinonte 3 . 



1 On signalait dernirement la dconverte en Botie de vases de forme co- 
nique avec cette mme particularitd que la pointe du cone se trouve vers la base. 

2 Parmi ces amulettes, on rencoutre assez souvent un doubl masqne en pt 
de verre identique celui que le Prof. Salinas a publi" panni les objets trouvs 
Slinonte (Notizie degli scavi, anno 1884, Tav. V, n. 422). 

3 Notizie degli scavi, 1884, Tav. V. 



PARTE I. 



UNE VISITE LA XECROPOI.E DES RABS. 



41 



Lorsque le 22 octobre 1903, j'arrivai la ncropole avec M. Sa- 
liuas, on venait de sortir du f'ond d'un puits et d'une chambre fun- 
raire une trs elegante aiguire en terreeuite , unique en son geme. 
Cette dcouverte remplit de joie 1' minent professeur. Voici la des- 
criptioo de eette intressante pice de crainique antique (fig. 5) : 




Piar. 5. Dessin du M. s d'Anseline de Puisaye. 



Haut de m , 31 , ce vase est d' uno torme trs lance. Sur un 
disque d'appui de m ,075 de diametro s'lve le corps du vase. ("est 
une sorte de cornet haut de plus de m , 20 , trs troit \ la base 
(0 m , 030) et ne s'arrondissant qu'au sommet o il atteiut 0'", OS de dia- 



42 



A. L. DKLATTRE. 



PAITE I. 



mtro. Sur cotte pans s'lve un col troit (0 m , 025) haut de m , 08, 
orifice trilob. Une anse nervures avec tote imberbe cornine point 
d' attach suprieur et tete barbue comme point d' attach infrieur 
donne l'ensemble une grce toute particulire. 




Pifr. 6. T,a monte d'un sarcophage. 
(Photugraphie de Ai. II. Bourbon). 



Ce beau specimen de cramique est en terre rougetre, mais il 
a recu une converte jaunatre , lgrement brillante et d'un velout 
doux au toucher J . 



La couverte de ce vase et sa dcoration peuveut tra rapproches, comme 
conleur, des tules de Slinoute {Notizie degli scavi, 1881, Tav. VI). 



UNE VISITE LA NCROPOLE DE8 fcABS. 



4 



Passons maintenant a la dcoration. La couleur em.ploye est le 
rouge brun. Le pieci porte une nervure dont Parte est marque d'un 
mince tlet formant cercle. Plusieurs autres tlets atteignent le bas 
du corps mme du vase et supportent une ligne de flots surmonts 
eux-mmes d'un mince tlet. 

Vers le milieu du cornet, une bande large d' un centimtre en- 
viron a recu un complment de dcor trace a la pointe sdie aprs 
la cuisson. L' instrument semble avoir difflcilement attaqu la torre 
cuite et la forme des rinceaux dessins s'en ressent. 

L'espace compris entro cotto bando et la naissancc du col, c'est- 
-diro la partie que nous pourrons appeler la pauso est presque en* 
tironiont remplio per uno branche d' arbnste feuilles en forme do 




Fig 7. Sarcophage de marbr blanc peint 
(l'hotographie du M. H. Bourbon). 

coeur et portant plusieurs tours. Cotte branche fortoment ondule 
prend naissance la base de l'anse, puis so dirigo droite en pous- 
sant des tiges trs tnes qui forment d'lgants rinceaux. Prs de rejoin- 
dre l'anse, la partie oppose do la pans, olle so tonnine par une 
trs largo fleur. Dans co dcor du genio volubili* , les fleurs sont 
compltes par dos traits pratiqus a la pointe sdie. 

Le sommet de la pause porto un largo tlet sur lequel V artiste 
a trace la pointe une palme. 

Ce tlet ou cercle sort de support a cimi longues dents de loup 
qui entourent le col et en atteignont l'oriftce. 

Cornino je l'ai dit plus haut, celui-ci est trilob. la naissancc 
des lobes latraux, deux nervuros coloroos cu rougo-brun accompa- 



44 



A. L. DELATTRE. 



PARTE I. 



gnent la tte formant point d'attach F anse. Cette tte qui offre 
le visage (rune temine se montre au-dessus de 1' orifice da vase , ee 
[ni donne a l'anse sa tournure gracieuse. 

Le masque qui lui sert de point d'attach infrieur sur la pans 
est une tte barbue l ampie chevelure. Elle tait en partie peinte. 
La couleur se distingue encore aux lvres. 

Tel est ce beau vase, de forme lance sans rien perdre de sa 
grce ni de son lgance, deor si interessane C'est un specimen 
de cramique de luxe, sorti d'une fabrique qui doit avoir fourni des 
chantillons a la Sieile, tandis qu' a Carthage, ils sont jusqu' pr- 
sent excessi vement rai-es. 




Fig. 6. Vue des puits funraires Leur disposition. 
(Photographie de M. H. Bourbon). 

Je suis heureux de pouvoir accompagner cette description d'un 
beau dessin d a la piume habile du marquis d'Anselme de Puisaye. 
! e me rjouis en inme temps d'avoir cette heureuse occasion de re- 
m et tre sous les jeux de l'minent professeur cette pice de cramique 
qu'il admira sur place avec enthousiasme au moment meme o tonte 
li umide encore de son sjour vingt-trois fois sculaire sous le sol, elle 
venait de reparai tre la lumire. 



1 Daus la srie d'oouochos de bronzo provenant de la nccropole ces Rabs, cette 
forme d'ause revient souvent. Il y en a rarue de trs enrieuses et artistiques dans 
lesquelles figurona des personnages ou des animaax, tels que lions et biiers. 



PARTE I. UNE VISITE LA NCROPOTE DES RABS. 45 

Je ne puis oublier , comme pour la prtresse, l' impression que 
produisit sur M. Salinas la vue de ce curieux specimen de cramique 
artistique. Jamais non plus je n'oublierai son apostrophe au chef de 
chantier qui avait pris ce beau vase par l'anse ponr nous le remet- 
tre. Jamais, fit observer M. Salinas, on ne prend par l'anse un vase 
antique de valeur. A cette lecon, on reconnait le savant professeur 
et l'minent directeur du muse de Palerme. 

11 m'est parti culirement agrable de profiter de la fte dont il 
est l'objet aujourd' lini pour lui rappeler ce doubl souvenir , la d- 
couvert de l'oenoclio et la vue de la merveilleuse statue grco-gyp- 
tienne de la prtresse carthaginoise. 

Saint Louis de C'artkage. 

Alfred-Louis Delattre. 



RITRATTO PROBABILE DI LISI/AACO 

marmo del Gabinetto archeologico della R. Universit di Pavia. 

(Vedi Tav. II). 



Il busto marmoreo figurato di prospetto e di scorcio nell'annessa 
tavola, e inversamente di profilo e di taccia per la testa clic for- 
temente volta a destra, rappresenta evidentemente un generale greco 
o stratego, caratterizzato dal balteo che si vede traversargli il petto. 
11 tipo mostra a prima vista un'energia e una imperiosit non co- 
muni, che annunziano india persona rappresentata una spiccata in- 
dividualit, e nell'artista, non certo di second' ordine, che la ritrasse, 
1' intenzione di far valere in tutta la sua forza il carattere cos ac- 
centuato del soggetto. Tutto dice, insomma, che qui non si tratta 
d'un condottiero di poco conto, ma di una figura che s'impone anche 
nella muta anonimit del marmo. 

11 nostro busto, che appartiene al Gabinetto archeologico della 
R. Universit di Pavia i , non per il solo ritratto della stessa 
persona. Il Museo di Napoli possiede anzi un busto simile 2 , del me- 
desimo taglio e della stessa forma, cava posteriormente con sporgenza 
a naso; e il busto di Napoli (fig. 9 i non solo un ritratto della mede- 
sima persona, ma una replica del busto pavese. Se non che tra i due 
busti, non ostante la somiglianza della forma esteriore, vi sono tali 
differenze di trattamento, che a mio avviso escludono la riproduzione 
immediata da un originale comune (non dico l'ipotesi inverosimile che 
l'uno sia copia dell'altro) e fanno piuttosto pensare che ci troviamo 
in presenza di due variazioni da un prototipo gi cos conformato a 
busto, delle quali una almeno lontana dall' originale per ripetute 



1 Senza notizie di provenienza : alcune vecchie carte accennano vagamente 
che i marmi figurati del Gabinetto siano stati trovati a Velleia. Il busto che io 
pubblico non solo inedito, ma non ricordato : pubblicando pochi mesi or sono 
nei Rendiconti dell' Accademia di Napoli una testa marmorea pure posseduta dal 
mio Gabinetto, e nella quale io riconosco una copia eccellente della Sosandra di 
Calamide, ho soltanto accennato in generale ad altri buoni pezzi che avrei fatto 
conoscere altrove. 

2 Invent. 6141 , Gerhard 376 ; pubblicato in Arndt-Bruckmann , Portrats, 
109-110. 



RITRATTO PROBABILE DI LISIMACO. 



47 



riproduzioni intermedie e conseguenti alterazioni. Infatti nella replica 
di Napoli sono un po' pi accentuati alcuni minuti particolari della 
superficie della cute, con danno dell' insieme e dell' espressione : si 
sente in ci il copista romano in marmo, che s'indugia nelle minuzie 
e le fa di maniera ; cos le rugosit caratteristiche della pelle d'un 
vecchio, cos i capelli, sempre difficili a riprodurre in plastica, e qui 
fatti anch'essi di maniera. Il busto di Pavia opera molto superiore 
per merito artistico, per forza d' espressione, per franchezza e bra- 




Fig. 9. 



vura di trattamento, che non punto manierato. Vi sono qua e l 
meno particolari di superficie, ma con grande guadagno dell'insieme; 
il che mostra (anche se ci non fosse chiaro dall'accuratezza e finezza 
del lavoro e dalla bella politura del marmo nelle parti che rappre- 
sentano la cute umana) clic abbiamo qui non una trascuratezza, un 
sopprimere particolari esistenti nel modello, ma nini sapiente subor- 
dinazione delle piccole alle grandi forme, quale propria in grado 
eminente dell'arte greca, dal momento clic si libera di ogni arcaismo 



48 G. PATRONI. 



fino ti quello in cui si trasforma secondo il gusto romano, e come in 
particolar modo si mostra nei lavori di bronzo o che stanno sotto 
l'influenza dello stile del bronzo. Affatto diverso il trattamento dei 
capelli nella testa pavese, dove quasi dimostrano ancora con le pic- 
cole ciocche ammassate, specialmente su la nuca e su l'occipite, la 
modellatura originale fatta in argilla o in cera durante la posa del 
modello vivo. Con somma cura dell'effetto, mentre la cute nuda 
tirata a forte pulimento, i capelli della testa pavese sono lasciati 
greggi, anzi nel lato destro, che doveva addossarsi ad una parete o 
nicchia, sono soltanto sbozzati a piccoli solchi ondulati superficiali. 
Uguale cura dell' effetto si ha in originali greci del IV sec, come 
l'Hermes di Parassitele: nei miei appunti, presi in Olimpia dinanzi al 
marmo, trovo notato che la superfcie lasciata greggia nella parte 
posteriore, lavorata col picchierello ; raspata e non levigata nel 
panno; levigata e lustrata nel nudo. Il collo del busto di Napoli e 
poi decisamente trascurato : la sporgenza dell'osso ioide esagerata' 
ma il rilievo del muscolo sternocleidomastoideo trattato superfi- 
cialmente e di maniera, come in un collo qualunque ; il contorno 
interno del detto muscolo rettilineo, e manca affatto tutto quel 
fine movimento di piani che nella regione ioidea del busto pavese 
rende cos bene 1' aspetto del collo di un robusto vecchio. Del pari 
non v'ha dubbio che alterazioni prodottesi nella serie di riprodu- 
zioni che separa il busto di Napoli dall' originale, siano altres il 
mento troppo aguzzo, le palpebre superiori e l'apertura delle labbra 
pi scavate. In questi ultimi due particolari non solo la copia napo- 
letana segue l'uso degli scultori romani, mentre la pavese segue tra- 
dizioni greche soprattutto nel mostrare a fior delle labbra la chiostra 
dei denti (baster ricordare l'originale eleusino dell'Eubuleus , ora in 
Atene, di cui v. la bella riproduzione in Furtwngler, Masterpieces, 
tav. XVI; quella scultura offre pure il contrasto fra l'opacit dei capelli 
e il lustro dell'epidermide); ma l'espressione ne risulta notevolmente 
mutata, pi bonaria e un po' triste nel busto di Napoli, fiera e indomita 
senza ombra di tristezza in quello di Pavia. A questa impressione diversa 
che fanno i due busti- contribuisce pure in parte la collocazione del 
busto di Napoli sul peduccio moderno, col petto troppo in avanti e 
la testa troppo all' indietro, mentre il marmo pavese, che conserva 
intatto e libero il suo piano di posa, ci attesta che nell' originale il 
petto era pi verticale ed il dorso mostrava una forte incurvatura, 
in parte derivante forse dall' et del soggetto rappresentato , ma in 
parte pure, con grande probabilit, dalla posa, fosse essa scelta per 
predilezione di scuola o per dissimulare quel difetto, Giacche la forte 



PARTE I. RITRATTO PROBABILE DI LISIMACO. 49 

elevazione che nei due busti ha la spalla destra mal si concilierebbe 
con l'idea che non soltanto il loro prototipo, ma addirittura il primo 
originale fosse un busto, e fa piuttosto pensare ad una statua l . 

Agli altri pregi il busto di Pavia unisce poi la pi perfetta 
conservazione che si possa desiderare, mentre in quello di Napoli il 
naso e parte del padiglione delle orecchie sono di restauro. Indizio 
di lavoro eseguito in tempi ellenistici, non ancora romani, pure 
nel busto pavese l'uso di un marmo compattissimo d'un leggero tono 
bigiognolo con chiazze livide, affatto simile a quello che si vede ado- 
perato nelle statue che si ritiene ornassero l' ex-voto di Attalo, il 
qua! marmo i competenti ascrivono alle cave d' Asia Minore. Sic- 
ch possiamo considerare il nostro busto come una eccellente copia 
di fattura greca, mentre quello di Napoli senza dubbio di buon 
lavoro romano; e forse il busto di Pavia anche un originale, al- 
meno nel senso che lo stesso artista che esegu la statua, la quale 
fu probabilmente di bronzo, pot essere incaricato di riprodurre il 
busto in bronzo ed in marmo ed in parecchi esemplari, uno dei quali 
potrebbe essere quello che si trova attualmente nel Gabinetto ar- 
cheologico di Pavia. Certo ad ogni modo che la forma o il taglio 
del busto non furono trovati dal copista che esegu 1' esemplare di 
Napoli, ma erano stati scelti e fissati molto tempo prima. Certo 
pure che ogni ricerca fondata siili' espressione e sul carattere della 
persona ritratta, deve avere per base non il busto napoletano, ma il 
pavese. 

Tutto ci, ed anche meno di ci, basterebbe a giustificare la pub- 
blicazione di quest'ultimo e l'offerta che mi grato farne per le ono- 
ranze giubilari dell'illustre collega A. Salinas, il decano ancor vegeto 
dei nostri professori universitari di archeologia. Ma possibile, nel 
pubblicare un cos bello e raro ritratto greco, rinunziare ad ogni 
tentativo di dargli un nome 

11 nome di Arato, che prima si dava al busto di Napoli, si fon- 
dava sullo sguardo rivolto al cielo. Il Bernouilli 2 crede che si vo- 
lesse alludere all'Arato stratego della lega achea, ma non cos : la 
tradizione tuttora viva presso i vecchi custodi del Museo e perfino 



1 Petto raccorciato e dorso inarcato si presentano nella posa dell'Alessandro 
di Monaco e nel bronzetto ercoianese in cui il Visconti ravvis Demetrio Polior- 
cete, i quali hanno la gamba dr. alzata su un appoggio, e l'ultimo scarica in parte 
sn di essa il peso del corpo mediante l'interposizione del braccio corrispondente. 
Il dorso inarcato una caratteristica della scuola di Lisippo, cui la tradizione 
attribuisce pure ritratti d' Alessandro Magno e dei suoi compagni ed amici. 

2 Gr. Ikonograph. II, p. 153. 

1 



50 G. PATRONI. 



in guide e leggende di fotografe che sono in commercio, dice chia- 
ramente che si alludeva all'astronomo di Soli, in base al criterio an- 
zidetto ; e del resto per pensare proprio al mite Arato della lega 
Aclica, che visse poco pi di CO anni, e negli ultimi lustri ebbe una 
posizione affatto subordinata ai re di Macedonia, mancherebbe qui 
ogni appiglio. Se non che, lo sguardo rivolto al cielo, che si trova 
davvero nelF Arato astronomo del Bernouilli, non esiste nello strate- 
go, dove un semplice effetto della cattiva collocazione del busto 
sul peduccio. L'esemplare di Pavia mostra invece che si tratta di uno 
sguardo d' imperio spinto nel lontano orizzonte, sia che il generale 
scruti gli ordini delle sue milizie fino alle ultime schiere, sia che il 
dominatore misuri la terra a lui soggetta. 

Noi abbiamo dunque, ora che la nostra cognizione dell'antichit 
e i nostri mezzi di ricerca e di confronti sono tanto progrediti, pa- 
recchi criteri assai migliori di quello illusorio ed inesistente, di cui 
si valsero i nostri vecchi; e il valore di tali criteri aumentato dalla 
singolare perfezione e somma eccellenza artistica del marmo pavese. 

Innanzi tutto ragioni di storia dell'arte, cio lo stile della scul- 
tura, e di storia del costume, come il viso accuratamente sbarbato, 
limitano la ricerca ai tempi di Alessandro Magno o piuttosto poste- 
riori, non per di molto, alla sua morte. 

In secondo luogo il campo ancor pi strettamente circoscritto 
dal grado e qualit della persona rappresentata, dal balteo che unito 
alla posa imperiosa denota chiaramente il generale. Ma generale sol- 
tanto e non anche dominatore di gran lunga pi probabile la 
seconda ipotesi : siamo in un tempo in cui mancano o scarseggiano 
strateghi di stati liberi, mentre i generali d'Alessandro diventano a 
loro volta re. vero che vediamo qui trascurata l'insegna propria- 
mente regia, il diadema; ma anche l'iconografa monumentale di Ales- 
sandro non di rado lo trascura, e per a mio avviso questo argomento 
non avrebbe valore contro la possibilit che la persona raffigurata 
nel nostro busto sia un generale di Alessandro, specialmente quando 
vengano a concordare parecchie note caratteristiche che non facile 
trovare insieme, almeno in ugual grado. 

Ora il nostro personaggio presenta tre note in grado molto ca- 
ratteristico : F et, la costituzione fsica e F indole dell' animo quale 
trasparisce dai tratti del volto e dal portamento. 

L' et, come si riconosce soprattutto nella veduta che presenta 



1 Allo stesso modo si chiamava Archimede 1' Archidamo , bench vestito di 
corazza. 



PARTE I. RITRATTO PROBABILE DI LISIMACO. 51 

il viso in prospetto, quella di un vecchio che ben poco lista, in 
pi o in meno, dai settantanni, pur conservando e dimostrando chia- 
ramente (basta guardare nel marmo pavese la nuca e il rilievo dei 
muscoli dorsali) una complessione atletica, erculea, e una indomita 
energia e nerezza, si direbbe anzi addirittura ferocia d'animo. Il ter- 
ribile vecchio ti guarda aggrottando le sopracciglia, con la bocca se- 
miaperta, (piasi digrignando i denti, che deve ancora conservare in 
ottimo stato, come si vede dalla forma delle labbra e come non 
strano in cos fatte tempre di ferro; considerandolo, a volte par piasi 
che ti voglia saltare addosso per farti a pezzi. 

Ora fra i generali d'Alessandro ve n' uno che presenta le stesse 
tre note riunite, e in grado ugnale al personaggio raffigurato nel 
nostro busto; ed a Ini anzi si corre col pensiero appena vista la pos- 
sibilit di cercare in quel ciclo. Lisimaco, morto a settantanni se- 
condo Appiano ' , a settantaquattro secondo Giustino 2 , combattendo 
contro Seleuco, era allora al colmo della sua potenza, avendo quattro 
anni prima, gi settantenne o piasi, aggiunto ai regni di Tracia e 
d'Asia Minore quello Iella Macedonia (280 a. C), il piai fatto, spe- 
cialmente trattandosi degli antichi domimi li Alessandro, ben poteva 
dar occasione ad una statua che lo celebrasse e ricordasse. La com- 
plessione erculea li Lisimaco era famosa : gli autori antichi riferi- 
scono, con variet di particolari, che egli lott perfino con un leone 
e riusc ad atterrarlo, riportandone per delle ferite. Infine anche la 
ferocia dell'animo di Ini era non meno famosa, e gi gli antichi ave- 
vano osservato 3 che egli era divenuto con gli anni sempre pi cru- 
dele, tanto la porre a morte anche il suo valoroso primogenito Aga- 
tocle. 

Cos stando le cose, parrebbe assai probabile che il nostro busto 
rappresenti non altri che Lisimaco, cui si convengono v il carattere, 
e la robustezza, e l'et. Anzi sarebbe assai diffcile indicar' per qual- 
siasi altro stratego o diadoco un fatto storico li cos alta importanza 
he abbia potuto dare occasione a ima statua la piale lo raffigurasse 
in et li circa settant' anni 4 , e li cui la tradizione storica ricordi 



1 Syriaca, 61. 

2 XVII, 1. In Ilieronym. apud Lncian., Jlacrobioi 11, si equivoca, a mio modo 
di vedere, con l'et del vincitore Selenco, che aveva appunto 80 anni: quindi quel 
dato da scartare. 

3 Athen. VI, p. 216, 251; XII, p. 610. 

4 Quando Seleuco vinse Lisimaco, che per nella battaglia, egli era pi vec- 
chio, di circa 80 anni, n aveva compiuta l'opera sua: che anzi pass in Europa 
appunto per conquistare i dominii macedoni di Lisimaco, e fu assassinato a Li- 



52 G. PATRONI. PARTE I. 

appunto una statua riferibile a quegli anni della vita di lui i . 

Se non che il Six ha creduto riconoscere Lisimaco in un busto 
di bronzo ercolanese 2 . Il che, se fosse vero, toglierebbe subito ogni 
possibilit alla identificazione da me proposta, poich la differenza 
d'et (il busto in bronzo mostra un quarantacinque anni) non baste- 
rebbe a dar ragione delle profonde dissomiglianze fra quello e il no- 
stro di marmo, che appartengono certo a due persone diverse. Ma 
la identificazione del Six ha fondamenti cos deboli che poche parole 
bastano a dimostrarla fallace. Il Six non si preoccupa che la sua 
identificazione non sia in accordo con nessun dato tradizionale, n 
studia le particolarissime qualit d'animo e di corpo che offre la fi- 
gura di Lisimaco, ma si contenta di concludere : jedenfalls besitzen 
wir kein Eild des grausamen argwohnischen Greises der letzten Jahre, 
sondern des krftigen Kmpfers seiner frheren Zeit; quasi che 
la struttura corporea e le qualit dell' animo potessero radicalmente 
mutare. Egli si fonda unicamente su le monete, ma su (piali ? Sui 
pi bei tetradrachmi argentei di Lisimaco, ove i numismatici ricono- 
scono generalmente l'effgie di Alessandro Magno, munita di corna 
d'ariete 3 . 

Il Six pensa che queste monete rappresentino Alessandro, ma 
conformato alle fattezze di Lisimaco. Io penserei precisamente il con- 
trario. Ai tempi di Alessandro Magno doveva avvenire nell' arte, e 
soprattutto nella piccola arte, quello che avvenuto pi recentemente 
ai tempi di Napoleone il Grande. G' incisori francesi di cento anni 
fa davano il profilo napoleonico a qualunque figura, perfino, come il 



simachia, la citt fondata dal rivale, senza che avesse realizzato il suo disegno. 
Inoltre le fonti non ci dicono che fosse di corporatura erculea ne di animo cos 
feroce. Le monete poi di Seleuco I Nicatore non hanno somiglianza col nostro 
busto. 

1 La statua supposta da me per Lisimaco concorderebbe con quella nota 
alla tradizione letteraria (Paus. I, 9, 4), che sorgeva in Atene innanzi all'odeion 
di Pericle, e secondi) i calcoli del Wachsmuth (Stadt Athen, I, p. 624, 2) sarebbe 
contemporanea al decreto onorario pr Philippide, ossia del 284 '3 quando cio Li- 
simaco aveva appunto 68 o 72 anni. 

2 Bronzi d'Ercolano I , tav. 69 e 70 ; Comparetti-De Petra , Villa Ercolanese, 
tav. IX, 3; Arndt - B:uckmann, Gr. u. Boni. Portr., n. 93 e 94, cfr. n. 186 e 187. 
Vedi J. Six, Ikonographische Studien, in Bm. Miti. IX, 1894, p. 103 sgg. 

3 Head, Historia numortim, p. 242, fig. 172; Imhoof Blumer , Bortriitkopfe auf 
aniiken Aitimeli hellenischer u. hellenisierter Volker, p. 17, tav. II, 14. Il testo cor- 
rispondente alla tavola ha per errore bronzo, mentre si tratta di un tetradramma 
d'argento. Anche l'Imhoof riconosce Alessandro, senza peraltro escludere che in 
alcune monete sia rappresentato Lisimaco. 



PARTE I. RITRATTO PROBABILE DI LISIMACO. 53 

Clner, a quelle dei vasi dipinti greci ed italioti; eos gli artisti del- 
l'epoca dei primi diadochi vedevano dappertutto i lineamenti di Ales- 
sandro. 

Ma se vero, come ammette il Six, che vi sono monete di Li- 
simaco con particolari fisiognomici repugnanti ad Alessandro, e che 
non v' mai una somiglianza assoluta con le vere monete d'Alessan- 
dro, si concluder che aveva ragione il nostro Visconti, il quale sag- 
giamente osservava * che alcune delle monete di Lisimaco chiara- 
mente rappresentano un principe assai pi avanzato in et che non 
fosse Alessandro alla sua morte; e che riconosceva senz' altro su le 
monete in questione, col nome di Lisimaco e con una testa di re, la 
testa dello stesso Lisimaco, al pari di quel che avviene nella numi- 
smatica degli altri diadochi. 11 Visconti ebbe inoltre il inerito di ri- 
cordare un passo di Ebano, il quale dimostra che, qualunque spie- 
gazione si voglia dare dell' aver Lisimaco assunto le corna d' ariete 
spettanti ad Alessandro come presunto tiglio di Zeus Ammon 2 , gli 
antichi pertanto conoscevano come cosa usuale (senza dubbio dalle 
monete) teste di Lisimaco col diadema ornato di corna d'ariete 3 . 

Or se il Six avesse meglio studiate le serie monetali di Lisi- 
maco, si sarebbe accorto che appunto le monete con teste meno idea- 
lizzate presentano caratteri affatto diversi dalle teste di Alessandro, 
e dal busto in bronzo ercolanese il (piale ad esse somiglia, come gi 
aveva ben visto l'Arndt. Nella ricerca iconografica non sono la bel 
lezza e la perfezione del conio quelle che contano, bens la fedelt 
e la rassomiglianza dei lineamenti, sian pure rozzamente eseguiti. 
Ognuno sa che arti rozzissime ebbero talora fedelt ed efficacia ri- 
trattistica meravigliosa, mentre le arti raffinate, soprattutto nel campo 
della piccola arte o dell'industria, idealizzando secondo un tipo pre- 
concetto di bellezza, risultano infedeli nel riprodurre le fisonomie. 
Cos i pi fedeli ritratti assai spesso non si trovano su le pi belle 



1 Iconographie grecque, II, p. 139. 

2 v. Eckhel , Numi anecdoti, p. (53; Doctrina numorum , II, 50; Visconti, o. 
e, p. 138 sgg.il fatto riferito da Appiano, Syriaca, 64 e da Giustino XV, 3, che 
cio, avendo Alessandro in mancanza d'altra benda cinto col proprio diadema la 
fronte ferita di Lisimaco, si diffuse nell'esercito la superstiziosa credenza che que- 
sti gli succederebbe, poteva bastare perch Lisimaco si credesse o volesse dare ad 
intendere che si credeva il vero successore di Alessandro. 

3 Eliano, Hist. anim. XV, 2, descrivendo il pesce detto xqio (== ariete) per- 
ch ha una specie di benda di color bianco a guisa di corna d' ariete, dice : 
roivvv uqq^v xqis Xbvxt}V t (isrconov Tcariuv t%si iitQi&tovGav ei'Ttotg av Av6i- 
y.u%ov xovto dm-qua, ) Avtiyvov, \ tivo t>v tv Maxsorlu [ucav uu.ov. 



G. PATRONI. 



monete, ma proprio su le pi brutte. Bisogna dunque metter da banda 
le belle monete di Lisimaco che ci ammanniscono l'IIead e l'Imhoof 
Blumer e che hanno tratto in inganno il Six. E in medaglieri ben 
forniti come i tre da me consultati (quello di Brera in Milano, quello 
del Museo Nazionale di Napoli, e quello Santangelo, depositato nello 
stesso museo ina di propriet del comune) non sar difficile trovare 
una serie di tetradrachmi di Lisimaco con teste pi realistiche. La 
fedelt di queste teste delle monete d'argento confermata dalla pre- 
senza di una serie di stateri d'oro di Lisimaco, che offrono un tipo 
realistico, accanto alla serie di tipo ideale. Produco qui un esemplare 
di un tetradrachma e di uno statere del medagliere Santangelo, da 
fotografie di calchi fornitimi dalla cortesia dell' amico (rbrici e del 
R. Commissario comm. Gattini. Il lettore vedr facilmente che essi, 
bench ringiovaniscano pur sempre il soggetto com' ovvio nelle mo- 
nete, offrono caratteri fisiognomici totalmente diversi dalle teste di 
Alessandro, e dal busto di bronzo ercolanese, in modo da rendere 
impossibile la identificazione proposta dal Six. Ma quel che pi im- 
porta si che, a prescindere dalla chioma, nelle monete sempre ideal- 
mente apollinea, mentre secondo il nostro busto di marmo il vecchio 
settuagenario la portava ormai corta, giacche gli si cominciava an- 
che a diradare su la fronte a prescindere dunque dai capelli, ri- 
corrono su queste monete i medesimi caratteri fisiognomici del busto 
di Pavia, che sono appunto quelli che repugnano all' iconografia di 
Alessandro : forme ossute, angolose, quadrate, magre ; occhiaie pro- 
fonde -, sopracciglia fortemente aggrottate ; linea della fronte e del 
naso spezzata a gradino e sfuggente in dietro ; naso corto a larghe 
narici; portamento del capo eretto e superbo. 

Anche i bronzi di Lisimachia, non ostante il cattivo conio e la 
scarsa conservazione, si accordano piuttosto con i tratti nonalessan- 
driani, come aveva gi veduto il Visconti, anzich con gli alessan- 
driani, come a torto ha creduto vedere il Six. 

Adunque la numismatica di Lisimaco, compulsata a dovere, non 
solo non menoma, ma, se io non m'inganno, aumenta di molto le pro- 
babilit che il ritratto di quel re guerriero sia stato a noi conser- 
vato nel mirabile marmo greco di Pavia e nel buon marmo romano 
del Museo di Napoli. 

Pavia. 

Giovanni Patroni. 



BRICCICHE. 



1. LUCERNA CRISTIANA DEL IV O V SECOLO. 



Fu trovata in Sicilia nel 1882, zappando un podere fra Alcamo 
e Partinico. Donatami dal .signor Ispettore scolastico Ponte , pass 
nel Museo privato, or disperso, del Conte Hernandez di Trapani. 
molto simile ad altra che ho veduta nel Museo di Castelvetrano e 
che fu pubblicata dal prof. Salinas nelle Notizie degli Scavi, Luglio, 
1885, p. 294 , n. 20. Se non che in questa nostra gli ornamenti in 

forma di cuore son (5 e non 14, e per es- 
sere alquanto pi consumata si vedono 
meno nettamente gli ornamenti del mono- 
gramma di Cristo. Anche i due fori \)ev 
l'olio non sono paralleli , come in quella 
di Castelvetrano. Del resto abbiamo i so- 
liti caratteri ben distinti da quelli delle 
lucerne pagane e indicati dal Prof. Sali- 
nas,, cio: creta pi rossastra, grandezza 
maggiore, becco pi largo e pi sporgente 
in avanti , manico aguzzo e non forato, 
due buchi per l'olio anzich uno solo. Co- 
me quelle dei musei di Castelvetrano e di 
Palermo questa nostra insudiciata l'o- 
lio e di fumo all'estremit del becco. Il 
Prof Salinas crede che questo sia un ca- 
rattere peculiare delle lucerne cristiane; 
ma a me occorse di notare siffatte insudiciature anche in qualche lu- 
cerna pagana. X maraviglia, piando in vece di lucerne nuove la 
misera plebe poteva contentarsi talora di collocar nelle tombe anche 
lucerne vecchie e inservibili. 




56 A. PELLEGRINI. 



2. ISCRIZIONE CARTAGINESE. 

Trovo nel Museo archeologico di Firenze im frammento di pietra 
calcare, alto 0,11, largo 0,14, contenente porzione d'un'iscrizione car- 
taginese. uno dei soliti ex-voto alla gran coppia divina cartaginese. 
XelP inventario del Museo dove questa pietra registrata sotto il 
n. 240 , apparisce donata nel 1870 dal marchese Carlo Strozzi , che 
assicur provenisse da Cipro. Eccone il testo: 

tri* "jEnSvaS "naS 

p mpSiB-p.v r: 

******** 

Magnae Tanitliidi faciei - Ba alis dominoque Ba ali 
Hammoni (votum) quod vovit r Abd-Melqart, jlim. . . 

Le lettere sono del tipo elegante cartaginese , e non del ciprio. 
Dunque, come altre iscrizioni congeneri trovate altrove, sar piovuta 
in Cipro come materiale di zavorra. Supporre che sia stata scolpita 
in quell'isola da qualche cartaginese, sarebbe far voli di fantasia, pari 
a quello di un certo rabbino, che avendo saputo come si fosse trovata 
ad Olivola, presso Casalmonferrato, fra le macerie d'una villa, una di 
queste iscrizioni, s'infervor a crederla scolpita da un soldato d'An- 
nibale, e in quella pietra vide un indizio sicuro del passaggio in quei 
luoghi del generale cartaginese. Dopo accurate indagini si venne poi 
a sapere, che la pietra d' Olivola era stata parecchi anni addietro por- 
tata in quel luogo da un ufficiale reduce da Tunisi, e dal medesimo 
fatta murare sulla parete esterna della sua villa ! 

Firenze. 

Astorre Pellegrini. 



CUA\A ITALICA. 



Le scoperte e gli studi recenti ci mettono in grado di rasentare, 
se non di cogliere a dirittura la verit nella esposizione delle origini 
della Cuina r] v 'Omfc , come la designa Tucidide. A noi studiosi , 
tgli di quella Xeapolis , che fu alla sua volta figlia di Clima, assai 
pi che ad altri, incombe il dovere di rivolgere la nostra attenzione 
a quest'antichissima colonia greca di occidente, la quale fu maestra 
di civilt non soltanto alla Campania , ma anche al Lazio ed alla 
stessa Roma. E per vero possiamo affermare con sicura coscienza clic 
ad un tal dovere i dotti napoletani non siano mai venuti meno : un 
principe napoletano, il Conte di Siracusa, col consiglio di uno stu- 
dioso napoletano, il Fiorelli , fece eseguire, tra il 1852 ed il 185G, 
importanti scavi nella necropoli di Clima, e la copiosa messe di og- 
getti tornati a luce in questi scavi forma ora la splendida Raccolta 
Cuinana del nostro Museo Nazionale. 

Un suddito inglese , ma napoletano di cuore e di educazione , 
Riccardo Emilio Stevens , rinnovando la figura del mercante fioren- 
tino del nostro bel cinquecento, il quale divideva le cure del banco 
con quelle degli studj , esplor nel corso quasi di un ventennio, tra 
gli anni 1878 e 1896, in vari posti la necropoli Cumana, prendendo 
giorno per giorno note molto accurate, le quali, consacrando le circo- 
stanze materiali delle scoperte compiute e descrivendo i sepolcri in rela- 
zione coi monumenti antichi in essi contenuti l , danno a quegli scavi 
un alto valore scientifico, valore che non ebbero gli scavi del Conte 
di Siracusa. Ma di un cos lungo e fecondo lavoro lo Stevens riusc 
a pubblicare solo una relazione riassuntiva concernente i primi tre 
anni e pi di scavo ~ : egli si proponeva <li fare una grande pubbli- 
cazione, quando tutte le esplorazioni fossero compiute , persuaso co- 
me era che in fatto di ricerche archeologiche non bisogna aver fretta 
a trarre illazioni storiche , che un colpo di zappa potrebbe distrug- 
gere. Sennonch i dolori domestici sopravvenuti, spegnendo la sua 



1 Stevens in Notizie 1883. p. 270. 

2 Notizie cit. ii. 270-284, tav. IV-VI, 



58 A. SOGLIANO. 



bella intelligenza, fecero vano il suo nobile proposito ; ed oggi scri- 
vendo di lui, che langue in una casa di salute, mi addolora assai il 
pensare che non possa pervenirgli questo pubblico attestato di gra- 
titudine, che gl'invio in nome degli studiosi di ogni paese. Se dun- 
que la importante raccolta Stevens fu sottratta, dopo la sventura toc- 
cata al suo possessore, agli artigli dei negozianti di antichit che vi 
ronzavano attorno, ed ora si ammira nel Museo Nazionale di Napoli, 
gran merito degli amministratori napoletani preposti a questo Isti- 
tuto. Il Pellegrini i scrive : La raccolta Stevens entrata da poco 
ad arricchire le collezioni del Museo Nazionale di Napoli ed anche 
le note prese giorno per giorno dal signor Stevens, con un'accura- 
tezza ed una diligenza che gli fanno veramente onore, sono passate 
a far parte dell'Archivio del Museo . Tranne la lode dovuta allo 
Stevens, la brevit quasi telegrafica, con cui il Pellegrini segnala al 
pubblico dei dotti questo importante fatto, mi obbliga ad aggiungere 
qui qualche chiarimento. E prima di ogni altro quel da poco, per la 
circostanza di tempo in cui apparve la pubblicazione del Pellegrini, 
la quale del 1903, potrebbe dar luogo ad equivoci che bene dis- 
sipare : 1' acquisto della pregevole raccolta da parte dello Stato fu 
trattato e condotto a termine dall'amministrazione De Petra 2 , e per 
ad esso fu del tutto estranea la successiva amministrazione, alla quale 
il Pellegrini appartenne per breve tempo. In quanto poi alle note 
prese giorno per giorno dal sig. Stevens e che , come lo stesso Pelle- 
grini (1. e.) riconosce , costituiscono un documento archeologico e topo- 
grafico di prim'ordine, sappiano gli studiosi che quelle note il signor 
Antonio Stevens, fratello dello sventurato possessore, le volle affidate 
a me come persona, e che uscito spontaneamente nell' ottobre 1901 
dall' amministrazione del Museo e degli scavi di Napoli, consentii a 
renderle, unicamente per un doveroso riguardo all'amico che vedevo 
in grande imbarazzo per la esazione della prima rata di pagamento 
dovuta agli eredi. Ci risulta da documenti amministrativi e da un 
atto legale del 7 aprile 1902, rogato dal notaio Enrico Bonucci, e la 
cui copia conforme conservo presso di me. questa tutta una storia, 
alla quale, dato il momento in cui venne fuori la pubblicazione del 
Pellegrini , un animo sereno ed obbiettivo avrebbe sentito il dovere 
di accennare. 



1 Tombe greche archaiche e tomba greco-sannitica a tholos della necropoli di Cuma 
in Mon. Ant., pubblicati per cura della E. Accad. dei Lincei , voi. XIII (1903), 
p. 201, nota 2. 

2 Cfr. De Petra , Intorno al Museo Nazionale di Napoli , Napoli 1901 , p. 36. 



CIMA ITALICA. 59 



Dotti napoletani finalmente, quali il De Petra, il Patroni, il (- 
briei, lian fatto o fanno oggetto delle loro ricerche l'antichissima sto- 
ria di Clima. Sia dunque lecito a me, studioso napoletano, che ebbi 
anche ad occuparmi e non una volta sola di antichit cumane , di 
riassumere e discutere i risaltati delle scoperte e degli stadj recenti 
relativi a questo importante tema. 



Senza dubbio la esistenza di una Cuma preellenica ano dei 
fatti pi salienti che l'archeologia ha acquisito alla storia in questi 
ultimi anni; ed il merito di tale scoperta spetta al Patroni, che nel 
1<S!M>, volendo assicurai*' alla scienza il pi importante risanamento 
degli scavi eseguiti a Coma dallo Stevens , pubblic e descrisse 1 i 
pi notevoli rappresentanti delle varie forme di vasi e dei bronzi che 
li accompagnavano, appartenenti alla suppellettile funebre antichissi- 
ma dei primi abitatori indigeni di ([nella citt. Il Pellegrini 2 , pur 
riconoscendo che le stoviglie prese in esame dal Patroni debbano at- 
tribuirsi ad una popolazione indigena che abit ('ama prima della ve- 
nuta dei Greci, dissente dal Patroni circa l'epoca da assegnarsi alle 
tombe in cui tali oggetti si raccolsero e che lo studioso napoletano 
non esita a porre bene innanzi al X secolo a. C. 3 . Per il Pellegrini 
le tombe in parola rappresentano lo stadio immediatamente precedente, 
se non per certi punti concomitante, con la colonizzazione greca di Cli- 
ma che per nessuna ragione ormai pu farsi risalire , in cifra larga , 
pi su della met del secolo Vili a. G. Egli quindi non si crede au- 
torizzato a far risalire (incile tombe pi in su dell' Vili sec. a. C, o, 
al massimo, della met del sec. IX. Come si vede, il Pellegrini ap- 
partiene a quella scuola storica, che tatto ha tranne il senso storico, 
poich il voler restringere la evoluzione della civilt, specie nei suoi 
inizi, in spazi di tempo assai angusti significa appunto mancanza as- 
soluta di un tal senso. (i il Patroni i sostenendo la giusta opi- 
nione che i dati archeologici non abbiano autorit per infirmare od 
abbassare di molto la data tradizionale della fondazione della greca 



1 Nuovi monumenti di una Cuma italica anteriore alla fondazione dilla Colonia 
greca in Bull, di Paletti, ital. A. XXV, p. 183 sgg. 

2 Op. cit. p. 207 nota 2. 

3 Patroni, Cuma in Xapoli d'oggi, Napoli 11)00, p. 56. 

4 Intorno ai pi recenti scavi ed alle scoperte archeologiche della regione corri- 
spondente alle antiche Campania e Lucania in Atti del Congresso internazionale di 
scienze storiche voi. V, p. 217, nota 1. 



60 A. SOGLIANO. PARTE I. 

Cuma, aveva osservato che le tombe arcaiche superstiti si trovano in 
posti lontani dall'ambito dell'antica citt di Clima, mentre nella zona 
di necropoli pi vicina alle mura sono state distrutte dai seppelli- 
menti posteriori. Si ha dunque, conchiude il Patroni, la massima pro- 
babilit che le tombe pi vicine, distrutte, fossero pi antiche delle 
lontane giunte a noi, e quindi lo stabilirsi del primo pi importante 
nucleo di popolazioni elleniche avesse preceduto di 50, 100 o pi anni 
le abbondanti testimonianze di vita intensa che abbiamo a Clima dalla 
met dell' Vili secolo in poi e che da solo attestano una colonia gi 
sviluppata e fiorente. 

E qui mi piace di ricordare che l'Holiu i non la pensava diver- 
samente, quando scrisse : la non esistenza di sepolcri cumani simili 
a quelli di Micene non prova l'assunto dell' Helbig, perch noi non 
siamo certi di conoscere tutte le necropoli di Clima, di cui la pi 
antica pu essere stata distrutta, perch in generale le citt che vi- 
vono di una vita forte e prospera, non conservano i monumenti del 
passato , ma li distruggono ogni giorno per far posto ad altre co- 
struzioni richieste dai nuovi bisogni del tempo , e perch i primi 
Cumani possono aver seppellito i loro morti in un modo affatto 
semplice . 

Ma 1' alta antichit del materiale indigeno cumano studiato dal 
Patroni confermata dal riscontro che esso offre con quello venuto 
fuori dalle antichissime necropoli di S. Mar z ano, di Striano, di S. Va- 
lentino nella valle del Sarno ; riscontro , del quale il Pellegrini non 
volle o non seppe tener conto. pur questo, checch si voglia oggi 
da altri far credere, un merito insigne del Patroni, il quale sin dal 
1901 rivel ai dotti quelle antichissime necropoli, citando i confronti 
cumani 2 . Oggi Clima colonia greca non pi da considerare , per 
servirmi delle stesse parole del Patroni 3 , come un pezzo di Eliade 
pura trasportato in Italia, senza alcuna influenza precedente o concomi- 
tante di altri popoli orientali , e senza alcun contatto con gli abitanti 
ed i dominatori del paese: oggi Clima, prendendo posto accanto a que- 
gl' importanti nuclei abitati della et del ferro, quali ci sono noti a 
Suessula , a Xola , a Capua e nella valle del Sarno, entra di pieno 
diritto nel gran quadro della civilt protostorica degl' indigeni della 



1 In Archivio Storico per le pror. nap. anno XI, p. 38. 

2 Necropoli antichissime della valle del Sarno in Bull, di Paletn. itxl. anno XX VII, 
n.. 1-3, 1901. Cfr. la mia nota : Di un nuovo orientamento da dare agli scavi di Pompei 
in Iiendic. d. E. Acc. d. Linai a. 1901. 

3 Atti del Congresso intera, di scienze stor. voi. V, p. 217. 



CUMA ITALICA. 61 



pianura campana, e per la questione cronologica non pu risolversi 
se non al lume di quei riscontri monumentali che la stessa regione 
campana ci presenta. 

Sta in fatto che i principali dati riferiti dal Patroni ai primitivi 
abitatori indigeni di Cuma sono costituiti da una ceramica indigena, 
generalmente rozza , povera ed inabile nelle forme costruttive e pi 
nella decorazione, e da bei bronzi d'importazione. anche constatata, 
almeno per un gran numero di tombe, l'assenza completa di vasi con 
ornati dipinti che formavano il principale commercio degli Elleni ed 
erano quasi il contrassegno del loro arrivo. D'altra parte sta in fatto 
che dalla necropoli della valle del Sarno , a S. Marzano , Striano , 
S. Valentino, torn a luce una simile ceramica locale di argilla impura 
fatta a mano, cui vanno a poco a poco associandosi prima vasi con or- 
nati dipinti geometrici , primissimi prodotti dei pi antichi stabili- 
menti costieri ellenici; poi vasi di bucchero fabbricati dagli Etruschi 
della Campania, accompagnati da piccoli e rari e tini vasetti corinzi. 
assodato inoltre che le tombe dello strato pi recente della necro- 
poli di S. Marzano diedero buccheri e vasetti corinzi del VII sec. a. 
C, e che a Striano ai molti vasi d'impasto artificiale, non torniti e 
mal cotti, accedono pochi vasi di argilla figulina torniti e cotti alla 
fornace, alcuni con ornati geometrici del pi antico stile greco-cam- 
pano, mentre manca affatto il bucchero; la quale assenza stabilisce 
inconfutabilmente la precedenza della influenza ellenica su quella de- 
gli Etruschi in Campania. Ora , se buccheri identici a quelli di Ca- 
pila, cio del miglior periodo di fabbricazione, ricorrono nello strato 
pi recente della necropoli di S. Marzano insieme coi piccoli vasi co- 
rinzi del VII sec. , da ammettere che la produzione del bucchero 
locale , o se piace meglio , la diffusione di tale industria cominci in 
Campania alla fine dell'VIII sec. E se a Striano manca del tutto il 
bucchero, e associati alla ceramica indigena si rinvennero pochi vasi 
con ornati geometrici del pi antico stile greco-campano, evidente- 
mente prodotti delle colonie elleniche fondate sulle coste , ne segue 
che tali prodotti d'imitazione debbano assegnarsi all'VIII sec; e con- 
cessa una certa evoluzione dal periodo del commerci a quello delle 
industrie locali, si raggiunge a un di presso il IX secolo, epoca in 
cui i prodotti pi perfezionati dell' oriente ellenico prima soppian- 
tarono e restrinsero agli usi pi vili e comuni il vasellame indige- 
no, poi furono imitati nel territorio stesso, sorgendo col progresso 
del tempo in tutta l'Italia meridionale (come altrove) numerose fab- 
briche di vasi che adoperavano tutti i sistemi greci, e molte delle 
(piali ornavano anche di composizioni tigniate, secondo una tecnica 



62 A. S0GLIAN0. PARTE I. 

derivata principalmente dalle officine attiche, le superficie dei va- 
si * . Ma il vasellame indigeno di Clima , mentre quello stesso 
clic gl'indigeni della valle del Sarno usavano, si mostra d'altra parte 
ancora non tocco da influenze straniere dirette; dunque quel vasella- 
me pu ben datarsi dal X secolo in su. Xon trovo quindi ragione 
sufficiente per rigettare col Pellegrini la cronologia assegnata dal Pa- 
troni alla Clima preellenica e che non ha in se nulla di cervellotico, 
ma fondata su dati di fatto integrati dal ragionamento pi rigoroso. 

Che poi la costa, dove sorgeva la Clima preellenica, fosse nota 
ai navigatori dell'oriente greco-asiatico, assai meglio che il commer- 
cio dei bei bronzi rinvenuti, i quali in parte forse potrebbero essere 
stati anche importati da quei centri di civilt ricchi di prodotti enei 
che si erano gi formati nell' Italia media e superiore, lo fa intuire 
la forte e geniale ricerca del Cabrici sul valore dei tipi monetli nei 
problemi storioi , etnografici e religiosi 2 ed ora lo dimostra un' altra 
nota, ancora inedita, dello stesso autore dal titolo : Relazioni artisti- 
che e religiose fra Cuma degli Opici e l'Oriente greco-asiatico, rivelate 
dalle monete. Per il Cabrici i navigatori di Mileto, di Samo , di Ci- 
pro, delle isole di Podi e di Creta e di altre parti dell'Asia Minore, 
importarono per secoli i loro prodotti sulle coste della penisola ita- 
lica e della Sicilia. Prima della greca vi fu una civilt indigena delle 
coste, di fondo greco-asiatico ; ed in quanto a Cuma i suoi contatti 
secolari con l'oriente greco-asiatico sono oggi dimostrati dalla perfetta 
identit di alcuni tipi monetali con altri di quella citt cosmopolita 
che fu Cizico. Ed ecco che la indagine numismatica, serenamente ed 
acutamente fatta, spiana la via alla soluzione dell'importante proble- 
ma storico concernente le origini della colonia greca di Cuma. 

11 Pellegrini a tal proposito scrive : 3 Questi fatti importali- 
tissimi [la corrente commerciale continentale greca e la corrente 
commerciale greco-asiatica] per lo studio della civilt italo-greca 
nel secolo Vili a. Cr. trovano a Cuma e questo forse il ri- 
sultato pi notevole delle nostre scoperte una splendida 
ed inaspettata conferma nella tradizione che alla fondazione di 
Cuma italica presero parte non solo i Calcidesi di Eubea, ma an- 
che una gente venuta dalle colonie greche dell'Asia Minore , cio 
i ('umani di Eolide. Eforo nel suo epitomista Skymnos da Cirio e 
Strabone, che forse attinse a Timeo, completati a vicenda, ci han- 
no, come noto, conservata questa tradizione. 



1 Patroni, Nuovi mon. di una Cuma italica in Bull. cit. p. 183. 

2 In Atti del Congresso intem. di scienze stor. voi. VI, p. 55 sgg. 

3 Op. cit. p. 292 sgg. 



fAKTE I. CUMA ITALICA. 63 

La quale per non ebbe fra gli storiei e gli archeologi 
pi recenti quell' accoglienza che a me sembra per tante 
ragioni spettarle. Lo Helbig, che vide cos addentro nella que- 
stione cronologica della fondazione di Clima, vi sorvol sopra, so- 
spettando della sincerit di Eforo cumano nel riferire un fatto che 
troppo da vicino interessava la sua patria. Il Beloch, partendo da 
uno stesso punto di vista, volle vedervi una leggenda sorta poste- 
riormente a cagione della identit del nome delle due dime 
scambio analogo a quello per cui si pot credere Clima italica fon- 
data nel secolo XI a. Cr. e fece dipendere il nome di questa da 
un oscuro villaggio dell' Eubea , ricordato da Stefano di Bisanzio. 
Solo, per quanto io mi sappia, il Boehlau, esaminando alcuni 
elementi della civilt etnisca negli strati paralleli ai nostri di Clima, 
vide la possibilit di una conferma da darsi a quella tra- 
dizione in base ai monumenti. 

Per il Pellegrini dunque le reliquie della Clima degli Opici si 
troverebbero, come quelle della omonima citt eolica, in terra donde 
la civilt sia tramontata da secoli e dove qualche dotto tedesco di 
tanto in tanto si rechi a rivelare i tesori nascosti. Sennonch era ri- 
serbato a lui, nella pienezza dei tempi, di trovare la inaspettata con- 
ferma della tradizione conservataci da Eforo e di annunziali il verbo 
dell'elemento eolico nella fondazione della Clima italica. Tutto questo 
sarebbe veramente deplorevole, se nell'affermazione del Pellegrini si 
volesse vedere qualcosa di pi che una grande leggerezza. 

Ventini anno or sono , illustrando una epigrafe cumana arcaica 
di non pi che sei parole in un sol rigo i , io che da un decennio 
circa mi ero dato a coltivare quegli studi , ai quali ho la coscienza 
di avere arrecato contributi forse non inutili, quantunque da taluno 

non apprezzati, cos scrivevo (pag. 355) : non sar di certo sfng- 

gito a nessuno, che per la intelligenza di una cos breve epigrafe, 
io abbia dovuto far ricorso per ben due volte al dialetto eolico : 
anche il dorico rovtsl contribuisce, sino ad un eerto punto, a con- 
fermare tali tracce di eolismo. Ed questo, a mio parere, il fatto 
pi importante che ci rivela la nuova epigrafe cumana . Ed in 
nota aggiungevo (pag. 355 nota 4) : Xon credo sia fuori di propo- 
sito il prendere qui in esame un'opinione, non ha guari messa fuori 
sulle origini della nostra Kyme. 11 Beloch (Campanien , p. 147-48) 
rigettando , perch suggerita unicamente da un eccessivo amor di 
patria, la testimonianza di Eforo, secondo la quale la Kyme cam- 



1 Notizie, a. 1884, pag. 352-357. 



64 A. SOGLI ANO. PARTE I. 

pana sarebbe stata colonia della Kyme eolica, accetta invece quella 
di Strabone (p. 243) che dice essere la nostra Kyme Xalxidav ucci 
Kv[iccgjv TcaXaixuTov %t6^a : per avverte il dotto tedesco, che qni 
non si ha da pensare alla Kyme asiatica, ma all'omonima citt del- 
l'Enbea. Egli spiega le tracce di eolismo, che qua e l s'incontrano 
nella Kyme campana , e che indussero Eforo a ritenerla per una 
fondazione eolica, coli' ammettere che coloni di questa citt non fu- 
rono esclusivamente quei di Calcide e di Kyme euboica, ma anche 
quei di Eretria, di Estiea, Beoti ed Attici, gli Elleni in somma di 
ambe le rive dell' Euripo. A questo risultato egli condotto dallo 
osservare che i nomi delle fratrie napoletane, le quali naturalmente 
dovevano essere le antiche fratrie della metropoli cumana, si ran- 
nodano tutti all'Eubea ed alla costa Beotica. 

Veramente in questa opinione , che attribuisce alla Kyme eu- 
boica le origini della Kyme campana, il Beloch stato preceduto 
dal Bursian (Geographie von Grieehenland II, pr. 3, p. 427), il quale 
va pi oltre ancora , ritenendo per probabile che anche la Kyme 
eolica dell'Asia Minore sia stata fondazione della citt euboica. Non 
si pu negare che l'opinione dei due dotti tedeschi sia seducente, 
poich collocandosi sul medesimo suolo dell' Eubea i due popoli ci- 
tati da Strabone come fondatori della italica Kyme, s'intendono me- 
glio quei rapporti, che li abbiano potuti spingere a stabilire insie- 
me una colonia. Ma la base sulla quale essa si poggia , mi pare 
tutt' altro che solida. Innanzi tutto fra gli scrittori antichi il solo 
che faccia menzione di una Kyme euboica Stefano Bizantino; e 
sembra che di tanta grandezza , quale il Bursian specialmente le 
attribuisce , all'autore degli 'E&vixcbv non sia giunta neppur l' eco, 
poich egli se ne sbriga in due parole dicendo : jta'u^ [Kv^ii]] x\s 
EvftoCccg. Ne come ragione di questa fuggevole citazione potr ad- 
dursi l'et di Stefano, posteriore di molto al fiorire della citt eu- 
boica , una volta che egli non adopera lo stesso laconismo nel ri- 
cordare la Kyme eolica. A ci si aggiunga che non tutti i critici 
sono di accordo nell' accettare la testimonianza di Stefano intorno 
alla esistenza di una Kyme nell'Eubea; ma vi ha chi la rigetta ad- 
dirittura, vedendo in essa nuli' altro che una confusione di citt o- 
monima (cfr. Stephani Thesaurus e Pape Onomasticon). Cos stando 
la cosa , la ricostruzione storica del Bursian e del Beloch rimane 
ben poco salda. Ma dato anche che una Kyme vi fosse stata nel- 
l'Enbea, non trovo sufficiente ragione di non tenere in nessun conto 
la testimonianza di Eforo , per rannodare a quella le origini della 
citt campana. L' amor patrio di Eforo , che il Beloch adduce per 



CUMA ITALICA. 65 



attenuare la fede sinora prestata alla testimonianza del logografo, 
un coltello a doppio taglio; poich se da un lato poteva turbare 
il giudizio storico di lui e indurlo alla esagerazione ed al vanto, 
dall'altro lo stimolava anche a raccogliere con cura amorosa e di- 
ligente le tradizioni della sua citt natale, dove meglio che altrove 
da credere che esse si fossero conservate possibilmente inalte- 
rate. L' eolismo, che qua e l trapela dalla ionica Kyme campana 
e che il Beloch giunge a spiegare per una via indiretta, non senza 
un certo tour de force, trova la sua pi naturale spiegazione, se si 
concilia la testimonianza dello storico eolico con quella di Strabone 
e degli altri scrittori, i quali attribuiscono alla nostra Kyme un'o- 
rigine puramente jonica. 

Dopo un ventennio e pia, le recenti scoperte mi obbligano, per 
la tutela dei miei legittimi diritti di studioso, ad esumar questa pa- 
gina, nella quale son lieto di non dover correggere nulla, tranne forse 
il vezzo dovuto all' influsso tedesco di scrivere Kyme per Clima ! Se 
non compiuta, fosse almeno cronologicamente esatta la enumerazione 
del Pellegrini, che alla opinione del Beloch fa precedere quella del- 
l'Helbig, il cui libro apparve la prima volta nel 1884. Ma se il Pei 
legrini non mi fa l'onore di annoverarmi fra gli storici e gli archeo- 
logi pi recenti, la stessa esclusione vien da lui inflitta all' Holm, il 
quale nelle sue Ricerche sulla storia antica della Campania pubblicate 
nel 1886 l tratta diffusamente (pag. 28-45) e chiaramente delle ori- 
gini della nostra Clima; ed in riguardo alla dibattuta questione se la 
metropoli di Clima sia stata l' eolica Kyme nell' Asia Minore ovvero 
un'altra Kyme, tenendo pur conto della opinione da me espressa, cos 
conchiude : 2 In favore dell'eolica milita la grande importanza della 
citt in generale, la sua operosit colonizzatrice provata con la fon- 
dazione di Side, e l'opinione comune dell' antichit ; in favore del- 
l'euboica si pu invece addurre la vicinanza di Calcide. Ma que- 
st' ultimo argomento sarebbe esso abbastanza forte per spossessare 
l'eolica citt di una gloria che essa vanta da tanti secoli ? Xoi cre- 
diamo che l' opinione del Bursian rimarr sempre per quanto inge- 
gnosa una mera congettura e che non mica inammissibile 1' op- 
posta che attribuisce ai Kymei dell' Asia Minore di aver concorso 
a fondare o ad aggrandire la citt Campana . 



1 In Archivio Storico per le province nap., anno XI, p. 21 sgg. 

2 Op. cit. p. 45. 



66 A. SOGLIANO. PARTE I. 

Il Pellegrini in pi di un luogo (pag. 207 nota 2 e pag. 284, 
afferma che la colonizzazione greca di Clima non possa risalire pi 
su della met dell'VIII secolo a. 0., e con lui va pienamente di ac- 
cordo il Karo *). Anche intorno all' epoca di questa colonizzazione il 
dimenticato Holm 2 aveva gi espressa la sua opinione, venendo , dopo 
un sereno esame degli argomenti dell' Helbig , alla conchiusione se- 
guente : Cuma fu assai pi antica di Nasso e di Siracusa, di Sibari 
e di Taranto. Pu essere che sia stata fondata gi circa il 1000 a. C. 
Ma la opinione di uno studioso, modesto quanto immune da precon- 
cetti, non pu avere alcun valore agli occhi degl'ipercritici, pei quali 
il solo Helbig vide cos addentro nella questione cronologica della fon- 
dazione di Cuma. Fra i vari argomenti addotti dall'Helbig per infir- 
mare la data tradizionale Vunico che abbia apparenza di validit, sul 
quale egli insiste sin dal 1876 3 e che perci viene ora rimesso in 
campo dal Pellegrini e dal Karo l'assoluta mancanza di miceneo 
a Cuma. A un siffatto argomento, ex silentio e quindi assai poco strin- 
gente, mossero gravi obbiezioni prima 1' Holm e poi , indipendente- 
mente da questo, il Patroni, pel quale quegli stessi dati archeologici, 
che , a giudizio del Pellegrini e del Karo , contrastano con la data 
tradizionale , non hanno invece autorit per abbassarla di molto. Si 
ha dunque da un lato la tradizione classica concorde nell' affermare 
l'alta antichit di Cuma, e dall'altro la indagine archeologica che non 
ha sino ad ora nessun fatto positivo da opporre a quella tradizione. 
Cos stando la cosa, piuttosto che far giustizia sommaria della tradi- 
zione classica, dichiarandola ormai assolutamente insostenibile (pag. 283), 
il Pellegrini avrebbe dovuto tener la via di un prudente riserbo im- 
posto dalla virt dell'attesa. 

Sennonch il Karo , che pur segue cos dappresso il Pellegrini 
tanto nelle omissioni quanto nelle illazioni storiche, apre gli occhi a 
quella luce, che pare offenda la vista del Pellegrini. E questa luce 
l'elemento etrusco, cui il Karo 4 giustamente attribuisce le oreficerie 
filigranate di una delle tombe cimiane. 



1 Tonile arcaiche di Cuma, iu Bull, di paletn. ital. , anno XXX (1904) pag. 20 
e 21. 

2 Op. cit., p. 30-42. 

3 Ann. d. Inst. 1876, p. 231. Cfr. Von Duhn. Delineazione di una Storia della 
Campania preromana (traduzione di L. Correr] , in Rivista di Stor. atti. , 1895, 
anno I, n. 3, p. 53 nota 4. 

* Op. cit., p. 27-28. 



CUMA ITALICA. 67 



Ma anche il Karo, come bene osserva il Patroni l , concede troppo 
all'ellenismo e troppo poco agli Etnischi della Campania e agli altri 
elementi etnici; e per rimandando il lettore alle osservazioni, con le 
quali il dotto napoletano combatte le deduzioni del Karo circa il 
tempo e la durata della dominazione etnisca nella Campania e am- 
mette la influenza di altri elementi etnici , soprattutto del fenicio, 
sulle coste campane , tengo qui a rilevare V imbarazzo nel quale si 
dov trovare il chiaro studioso della toreutica antica di fronte alla 
sorpresa di oreficerie etnische venute fuori da una ricca tomba cu- 
lmina; imbarazzo che ben si rispecchia nel suo dotto studio. Vietan- 
dogli la sua coscienza storica di attribuire quella tomba ad un di- 
nasta etrusco regnante a Coma (p. 20) e parendogli un'ipotesi arbi- 
traria il pensare a qualche ricco mercante etrusco stanziatosi nella 
colonia greca (p. 20 nota 3) , egli ritiene per certo che dall' Etr uria 
legata con Cuma da stretti vincoli commerciali, sin dall' Vili secolo, 
il capo guerriero deposto nella nostra tomba abbia ricevuto i gioielli 
che lo adornavano (p. 28). Ed in nota aggiunge : Queste pacifiche re- 
lazioni non hanno che vedere coll'inva sione etnisca in Campania, av- 
venuta solo alla fine del VI secolo. Dunque i preziosi avanzi archi- 
tettonici di Capua e di Pompei, il piano regolatore di Ercolano , di 
Pompei, di Capua , e gli atrii calcarei di Pompei e in generale la 
domus, che studi recenti hanno rivendicato agli Etruschi , sarebbero 
effetto o di semplici relazioni pacifiche intercedute fra l'Etruria e la 
Campania sin dall' VII! secolo ovvero della invasione etnisca (non do- 
minazione , si noti) avvenuta alla line del VI sec. e che non lasci 
tracce profonde nel paese! 2 . Ma l'etruscologo italiano zar ,o%riv, Luigi 
Adriano Milani 3 , con quelle autorit che gli viene dal lungo studio 
e dal grande amore, dichiara senz'altro protoetrusca la tomba fu- 
mana del dinasta guerriero. 

Non minore l'imbarazzo del Karo dinanzi alla tomba cumana 
a tholos, che egli riconosce simile alle tombe a cupola etnische del- 
l' Vili e del VII secolo; ma poich non crede che la influenza poli- 
tica etnisca giungesse in quei remoti tempi fin nella Campania , si 
limita a vedere nella tomba a tholos di Cuma una tarda sopravvi- 
venza del tipo antichissimo miceneo , dovuta alla influenza diretta 
della Sicilia o di Taranto, ove l'impulso di quella civilt giunse nel 
secondo millennio a. C. 4 . Dato pure che non si possa parlare di una 



1 Atti del Congr. intern. di se. stor.. voi. V, p. 217 nota 1. 

2 p. 23, dove invece parola di dominazione etrusca durata appena un secolo. 

3 Studi e materiali, voi. Ili ,1905) p. 197, nota 317. 

4 Qp. cit. p. 3 8gg, 



68 A. SOGLIAMO. PARTE I. 

vera e propria dominazione etnisca nella Campania in quei tempi as- 
sai remoti, non bastano forse a spiegare quella sopravvivenza mi- 
cenea in Clima le relazioni pacifiche di commercio , che il Karo 
stesso ammette fra l'Etruria e la Campania sin dall'VIII secolo per 
spiegare la presenza delle oreficerie etnische in una tomba cumana? 
Assai pi conforme al vero sembrami la opinione del Patroni, il quale 
(1. e.) , non essendo persuaso che proprio non possa trattarsi di mo- 
numento arcaico occupato ed anche modificato da gente d'et tarda, 
giudica la tomba cumana a tholos una persistenza micenea dovuta 
ad influenza degli Etruschi e degli altri elementi orientali. Ed io ag- 
giungo che il fatto dei blocchi intonacati esternamente e provenienti con 
tutta verosimiglianza da un altro edificio pi antico l , il qual fatto 
costituisce l'argomento pi valido fra quelli addotti dal Pellegrini in 
sostegno della seriorit del monumento, non ha poi quella importanza 
che il Pellegrini ad esso attribuisce, poich intonacata era parimente 
la colonna etnisca di Pompei 2 , e similmente intonacati e apparte- 
nenti ad altro edilzio erano i capitelli adattati su i pilastri d'ingresso 
di un antichissimo edifizio pompeiano, risalente senza dubbio al pe- 
riodo etrusco 3 . Certo la tomba cumana a cupola dovette subire delle 
modificazioni , quando venne adibita per le posteriori deposizioni : i 
chiodi di ferro, dai quali dovevano pendere ghirlande e festoni, tro- 
vano un perfetto riscontro negli uncinetti di ferro con testa a pera 
infissi fra le commessure dei cunei della vlta di una magnifica ca- 
mera sepolcrale appartenente alla necropoli dell' antica Abdlinum e 
da me descritta nel 1881 4 . Il confronto non andava trascurato per 



1 Pellegrini, op. cit. p. 220. 

2 Mau in Mitteilungen des K. D. Areh, Inst. , a. 1904 , p. 124 sgg. Patroni , 
in Rendiconti d. B. Acc. d. Lincei a. 1903, p. 367 sgg. 

3 Mau in Mitteilungen des E. D. Arch. Inst., a. 1902 , p. 310 e 1904 p. 130. 
Che questi capitelli abbiano di gi appartenuto ad altro edilzio (cosa non 

notata dal Mau) risulta dalle osservazioni seguenti : 1. il capitello del pilastro 
nord-ovest poggia su restauro moderno , ma lo spigolo della gola cava non cade 
a piombo del blocco ultimo di tufo che posa sul suolo e che certamente antico, 
misurando la larghezza di quella gola in. 0,71, mentre la larghezza del blocco 
di m. 0,78. 2. Le modanature del lato posteriore di questo capitello s'internano 
nella fabbrica antica. 3. Il capitello del pilastro nord-est combacia perfettamente 
col primo blocco di tufo che ha gli spigoli sfottati , terminanti superiormente a 
becco , il che non si riscontra nei blocchi sottoposti ; evidentemente capitello e 
blocco formavano un insieme tolto da altro edifizio. 4. I due capitelli non sono 
di uguale grandezza, poich la larghezza di quello nord-ovest, misurata sull'a- 
baco, di m. 0,89, mentre la larghezza dell'altro di m. 1,11. 

4 Cfr. Notizie degli scavi , a. 1881, p. 229. Ne proposi il trasporto al Museo 
Nazionale di Napoli , ma il compianto Ruggiero, direttore degli scavi , non cre- 
dette, per ragioni economiche, di accogliere la proposta. 



PARTE I. CUMA ITALICA. 69 

la storia del costume della gente sannitica , ed veramente strano 
che anche quest'altra omissione del Pellegrini debba riguardarmi ! 

Ma che il Karo sia in fondo d' accordo con la tradizione assai 
pi che egli stesso non creda , lo rivela la chiusa del suo accu- 
rato lavoro : Poich sono convinto, egli dice (p. 28-29), che questi 
[i Tirreni] vennero in Italia per mare , corsari audaci che soggio- 
garono i contadini umbri e regnavano sopra di essi da despoti po- 
tenti non solo per coraggio e virt guerresca, ma anche per quel 
patrimonio di scienza secolare che portavano dalle loro antiche sedi. 
Quando quei neri avventurieri si avviarono per conquistare una 
patria nuova, nel XIX secolo trovarono stabilite, nel golfo di Ta- 
ranto ed in Sicilia , le relazioni commerciali che i Greci avevano 
iniziate sin dall'epoca micenea, e forse gi qualche principio di 
colonia greca. 

Dovettero trovare occupata anche la costa della Campania, poi- 
che passarono oltre a quelle contrade fertili e ridenti , per appro- 
dare poi alla costa maremmana ove in breve sorsero le loro grandi 
citt marittime, vicine ai monti della catena metallifera che of- 
friva loro delle ricchezze uniche in Italia. Furono i mercanti di Cu- 
ma che, a quanto pare, accorsero per i primi in cerca di quelle rie- 
chezze e che portarono non agli Etruschi , ma alle nascenti citt 
del Lazio, Roma e Preneste, il dono prezioso dell'alfabeto. Di que- 
sto primo grande incivilimento dell'Italia, coperto tuttora da un fitto 
velo di cui appena si solleva un lembo , delle prime relazioni tra 
le genti che portarono in Italia i germi della sua grande civilt le 
nostre tombe cumane sono monumenti oltremodo preziosi. Chi ben 
la consideri , trover una tal conclusione conveniente pi ad un so- 
stenitore che ad un oppugnatore della data tradizionale, che fissa in- 
torno al 1000 a. C. la colonizzazione greca di Clima ! 

Ed ora mi piace di chiudere questo scritto, col quale ho cercato 
di rimettere a posto i termini del possesso intellettuale degli studiosi 
napoletani nel campo delle difficili ed importanti questioni relative 
alle origini della nostra Clima , ricordando il recente contributo ar- 
recato alla storia di Clima dall'illustre decano degli archeologi napo- 
letani. Il De Petra i ha rilevato il valore storico certissimo di uno 
statere cumano, di stile arcaico, che presentando una fronda di alloro 
con una bacca dietro alla testa femminile del diritto e sul rovescio 
la conchiglia, emblema di Clima, e intorno quattro delfini ricorrentisi 



1 La data di due monete greehe in Atti del Congr, intern. di scienze stor. , voi. 
VI, p. 163 sg. 



70 A. SOtLIANO. PARTE I. 

in giro, i quali sono assolutamente propri della moneta di Siracusa, 
allude evidentemente al soccorso prestato ai Cumani nelF anno 474 
a. C. da Gerone di Siracusa contro gli Etruschi e alla vittoria ripor- 
tata da quel potente tiranno. Troviamo cos tramandata a noi tardi 
nepoti la espressione di gratitudine dei nostri antichi Cumani verso 
quella gloriosa Sicilia, di cui vanto il collega da noi onorato. 

Napoli. 

Antonio Sogliano. 



XPI2TIANIKAI KErXPEAl. 

To oypacpia to v Ksy^psiTv. 



Asv vo;xi,o;j.v avay/.aiov va ava T'j<;toysv ti; tj i<>Topu.7j /.ai aoyaio- 
Aoyuo) ia xwv Kyypscov Sia tov ypiGTiavi/.v jc,g<7|/.ov. Evai yvtocTOV ri 
to Rivivo; toutou s^S'/j 'AxogtoAoc Ha^Ao; xal ' arou [XTa 
\\piG/.'ik'kr l c stai toJ 'A/.'jAa ~ s Asutv s; Supiav. * 'Ev Ksyypsa; l'Spucre 
TTjv mt'njv ot'jTO v Ils>.o ovvvjcw jcxtojGwcv o [xsya; ' A-octoao;. 'Ev 
Ksyypsai: Tjvypa'-Uv 'A ottono; ttjv p; 'Poiyiatou; ~ ittoA7 ( v, vjv tj Si- 
/.ovo; ttj? jtXvj<jta; TauT'/j; < > ot[ivj ;v.TSOpsv s; 'Pwjxfjv, jca spi ^5 p'/jT<7; 
v tv] -iTToAvj Taur/j ypocov IlaXo; Xsysi. Zuvt<ro)u.i Ss uiAv <oi(3y]v 
ttjv $S<py)v r^xwv , oucav oixovov tyj; /./.A-/j<7ia; T/j; v Ksyypsai; iva 
a'jTrv Trpo'jb^'/j'jiV v Kuptw ^ito; tcv yitov /.al 7rapa<rr?JT aTj v co v 
uixtv /p'^'C'/) "pyy.aTi. x.al yp ai'V/j -posTari; t:oAA(3v ysvv^xb] , /.al ai'Tof 
u.ou. 2 

'A tou Xiasvo; tuv Ksy/pswv Sia tcr na'jAou si' -/jyysAiT&rj to TrpcTTOV 
Ta T7J; yapiTo; tj slSio'XoAaTpi; Kpivfro;, /.al oi t*?,; Sia/.vou ty; xjcAY]- 
<7ia; twv Kyyp<v sXafisv YJ jcoc{/.oxpaT(op 'Po)[A7j ttjv auTYJ? naToV/v. 

Ti STI 77 ASOV 8-S^O'JLSV ; 

"I Sr, v t<5 oyaioAovi/.<o ^'jvsSpiw toj ' Afrr'vr.Ti g'jveAO-ovti , TV) 
, -- 190.) v a-oA'jTco; ysvixai; ypa/.aai; avs/.oivcoaay.sv Ta tc-jv Jvev- 

1 1 A-piA. ' Hit 1 i 

yoscv /.al STTESeicaasv tov totoyoxoi/.ov ycTTiv toutcov , ov ~xox/Shraz'. 
tt; ypicTiavi/.v;; ' ApyaioAoyiJCTJ; 'ETaipsta; /.al svtoAvj tv;; ' Eaa/jvi/.yj; ivj[isp- 
v/asco; ;77v7 J <7Sv TiT/;^: /.^s aToaTalsl; jAVjyjxvtx; /.. K. Aay-poTO'jAo;. 
'E/.l oto'j oaots r^v y.syaA'/] /; va'JTix.^ x,v/j<ri; /.al ^wvj, ij.syaAa S 
G-jv'jcops'JovTO -ao'jt'/j Sia t/;v cpvstv Kpivfrov , (jvjjAspov ^co^g feixCcov 
/.al ^ylj^vg ^oijc^Acdv J^ t r^g yijg xai vt T?)y , aAa^<5av ro Xipvog 
vvTQLMidtcov, i/.vtjGi to ~apAi>v asyaAsiov. 

'Ev TTj |7.AT7] 7)17 (OV TaiV/] 77apai)T0y.V. 

I). rsvLxbv ToxoyQcccpr/.v ducyQcc^iia Ksyypscv-KopvOou. 3 
II). Elixbv toTCoyQacpixv didyQC([.iua to~ Aiy.vo; t<ov Ky/^sjv aTa 

Tolv T0'4 T70l(jC0i>lGtv p/^aiOT^TCOV. 

1 Hpal. tO-' 18. 

2 Pwu. ig 1. 2. 

3< W rotoro A'/ou ^iov vtco to Chundler d/juoctevO'i' x> 1765. 



72 



FEmQyiog Aa[ntdxrig. 



PARTE i. 



rENIKON 

TOnorPA&IKON AIATPAMMA 

KErXPESIN-KOPIN&OT. 




>: tavoli o \j 



Eixv 11. 



PARTE I. 



Xqi6ticcvikccI Ksy^QBai. 



73 




74 



rswgyLog Aa\L%Y.r\q. 



parti: i. 



ITX^v (z T(v TO~oypa<pixcov toutwv iaypoc;x[zTcov "rrapa&STOf/.sv dvo 
ysvtx; cp(oToy()cc(pi%; rttyeis t&v Key%QS(ov, vrp j/iv utt' ptih 1 :: Ttfi 




Elxv 13. 

E'/jpa; ::p; rv )ayiva, tyjv Ss ~ ' pvih 2 ~ tou Allevo? Trp^T'/jv E'/jpav. 

r ; , 




Elxv 14. 

E; tc. pa-Oot; ttJc; ux' pi-9-. 2 ebcovo? ^otoci. yj 'Ax.poxptv-9-o?, uo' r.v 
/.errai Y) TCaXai Kpiv&o.;, Trp? v]v arc to auj.svo; toutou [/.er^Y] 'A~- 
cto>.o; IlauAo;. 

T -*to^.oy<j)Tspa S tv u,V7]u.sigv , riva m toov sostTutov jcoci to 
~ki[j.hoc, twv Ksyypewv 7rapsTy]pvj<7a{/.sv xa veupojxev, elei. 

a) 2?lp TtUQUllUZGV olxqflUTaV, OJV T StATTpOG&ev /.OCTaJCAU^OVTai utt 



PARTE I. 



XQiGTiaviKul KeyxQeccL 



75 



f/j; taXaTcr/];. * Ka&' ^[/.; Taura vjaav Trofrvjxat. xal oi/.r]aaTa fjwrptv 
xal ~3tvoo/a, si; ~p r jxsr tov /.aTot Xouv vsasvov oi TroX'jXrj&s; 

Tr]v 9-sctv toc'jttjv wapiarvjaiv yj C~' otft. 3 ebtov. 

,3) JtaAAeuxa iiaQUccQOijjrjcpod'strjiiccTa dcccpovg, o~sp rspusiv v svi twv 
rapaXia^cv ot/.ooa^y.aTtov toutwv vsupojASv, ipsro; S ttj 10 'Ioimou (1905) 
a vecxa^a(/.ev xa j'.aftapiaaasv. 

T ^Tj^pad-eaija&Ta 'tara jceivrat, Svfra v ttj ut:' piih 3 sbecvi eupicxsxai 
{/.evo; x.a{)7jy.svo; vD-ptoo;, 6 sptov txoct: av/jv. 

'E* TCJJV (j/inl$<i)V TOUTtOV /.3CTi>'Ja'V.V Tiv: v TW Ypt<TTtaVUC<3 Mo'j- 

ffstw 17? pift. 5410. 




Encr 15. 



y) Xqxcos XXrjvixbg itvQyos (icwrsputw; ;;///.. 4,4.), TrAa-r. 3 xai -o/o; 

Toijrpu 1,80) , o; *vx;j.o<o; syjjy^ijxeys -p; opo-jpv /.al a^ateutv to 
Xijxsvo?. 'Et:' octo~ (SpaSuTSpov TrpocsTS^v) 9-oXto-r/j GTsyv] (e*. 3). 2 

S) rcl^vc t>jr r>> frcUatftfav oxodo/* r^drcov ; p/auov cyxoX&iov 



1 Xar rag yewXoyiig itccQccxr t QrJ6zig tov tfoqpo yscoXyov xa pwjjv ijroreyoS Ari 
xwv o/xovofux&v Tjjs 'EUados x. #. Aey??] 4 bakaeou ait 2.000 &i> dvefa ;te(> r 
tQta {trga {Extrait des comptes rendw de sances de V Acadmie du Ir Aout 1904). 

2 'Ano xf\g 6xyr,g xovxov cparoyQacprjcunsv x\v vn qi&. 2 unotyiv. 



76 



remQyiog Aa]in%r\q. 



PARTE i 



ouviGTocf/ivtov , riva v ttj utc' piik 3 sixvt (3as7to[7.v x.sty.eva yyuTocTa. 
to~ saXyjvixoij xupyou. 

s.) appaia sXXrjvix XQccJiea TrapaAia; ^ jaojaou &)<7uto>? r vuv 
u~ rij? d-aXacrtn); *0CT<X5t/\.u|/.va. 

llocrjci; p ys rc tvj; xapaAia; tocutvjs Sv TCSpiSTC aV/jiTav tj c 1 > ol[V], 
Tprio? 6 ypaos; tou 'AtcogtXou llauXou, RpicTCo? , Paio? xa STcpavo?, 
"EpaffTO? o,x.ov|7.o? Kopivlou xai KoapTo; 6 oeXcpcj ; 

^YEQBTCa %Qi6tiaviKfis Bailicfig 1V-V alcvog, r$ t ispv [7);ao. xal 
fotavv [Aspo; tou vaou xaTa>cXu(,STai tcauTco; otto ttj? OaXcrcr/]; (sjc. 4). 

"AjAa tyj eaooo) tou vaou toutou vsupOfASv xal j^pwmavwcocj T<x<pou;. 

'H Dici;, <p' vjcj v T'/j ecvi ^ourai pafoo? TCocpcrojcn tyjv pwrrspv 
ytoviav T(3v frspXAiwv ttj? ' E)ocXy]cyfa<;. 




Eixv 16. 



'H[/.sT; <ppovou[/.sv oti 7^ pyaia yptcmavoa) Koivotvj; twv Ksy/pecov 
vvjyetps tov vav toutov, gtvjpi^ojasv'/] stc auvsyou? xapaoffsw; oti stc ! ttjcj 
)ia(o; rauTT]? s^c-i)-/] v] xspi[3ot(7'&7] to p<3tov 6 'AttoctoXo; IlauXo;. 

' Orcicritev to~ ispou ^TjfxaTO? caxoXoutT ?raps)CTSivo[/.sv/] [/.axp cstp 
oUodO(/.7j[ATtv, riva ccauTt; jcaTa>cXuovTat orco ttj? t-aXffcnji;. 

() 'Etc tou xutu-ivo; tou Xiuivo;, Sv &i Xs^ou XsTCTO[/.sp<3? c-ouS- 
or<x[/.sv, TCapsTrjpyjcafAEv ddcprj tQCo^va dia %XCvd , (av TCowciXa? oijcoSo{Aa?, 
Totcpou; )ca TCowttXa vTix.ei[Ava tc/iXivwv imo); auvTpiu.p.TCi)V. 

-/] ) O ;Aax.pv Tvj? rapaXta; , stc r?^ tcEco? , vjti? <xyjiASto~Tat v tu! 
iix( TOTCoypacpi/,c3 mayp[/.[/.aTi , sSpvjTai ds^a^isv^ ("//)/.. 2,40 , t:X. 2, 
Pat. 1,50) aQ^aicov iQiGxiavmcv %qvgv (sx. 5) v yi E'wtovi^STai crraupcj 



PARTE I. 



Xqiticcvixcc KsyxQECtL 



77 



(o [AGAl? [AtXpv TS|7.0C/tOV lS<T0>t7] TO'J /.7TO) (X'JTOU [ACO'JC) TCSpl OV 77 Spt- 

77Xo'jtlv iy i>uc, 'j77oaiav/-'7/.ovT; ^{/.Tv to'j; you; to ieporj A.yo'j<XTtvo'j 
ed wos pisciculi secundum 1X0 YN nostrum Tesum Chrixtum in aqua 
nasci mur. ' Oi /Dv; oOto', <pspov ypo>j/.aToc, oiv oiTti)-/j<jav DAym-zx 'tyv/j. 
Kt.t' p/? 'j77(i)7wTS'j<7ajJ!.sv [/.tJttw? S'jpiTx.y.lx rrp ypwxiavucoij (3a<7Ti(;T7|- 
piou 77i|AeX(JTepov oy.to; tocut/jv ^TacravTSc , STrsicJhjiASv ori TcpxsiTai 77Spl 
os^aj/.gvr i 5 pyaiou ypiGTiavo , otti? t/ ( v sv toj Jcn^aTi t.'jto'j rscay.v^v 
Y.y.-z/Jjn'j.rpz ot twv jrpwmavtxiv to'jTujv cj^Atov. v Hto p ys v ?w tottco 
xouTtp 7] jcaroi/tia <t>oif7j; rvj; cW./.vo'j -^ TspxiO'j to ypayavTo; ttjv 7700; 

'Pt'AOCtO'j; cTT'.TTOArV ; 2 




Efocbv 17. 
Oi /iKk tyjv (jiyr.v t/.vr.v a'jTwv -oo'xaao'jG!.v , o'jo|Aia; 77iypacp7j; 

/Ct U7rap/0'J<JVjC. 

})) 77pi tov Xi'xva x.a.1 sv toT; 77sic scve'joo'aev tto tt.v vr ( v 77pl T7.; 
r/.a |At/.p; xcctccxnfiag ~piyo'j<7a; Trspl to'j; 6-10 raoo'j;. 

hi; [Aiav toutcov ttv too; T7. AO'JTp ttj; 'Kasvvj; z,iaV7jv , o'j: 317707 

Tj'AV, SUpO-7] 77A3CC |J T GTOC'jpO'J , VjTi; V~jV E'j'p^TXl V T( 777.07. TTjV KpiVi)0V 
/Wpife) MsAlGCTtOV Jta 7}V 77SOTlD-y,>bc VX <7770'JOIX<7<0|AV. 

i) 'Y^r.Aa 77 TO'J syv; opou; sCpr^ai ztjlaiov y.akovuevov tov 



1 De Civit. Dei I. 18. 

2 : Pcou, 15. 21'. 



78 remgyiog Acc(iitdxr}g. paktk i. 

j4.%o6x6Xov JJavlov . Ilspl tx ;xpv] toutou <puovT<xi r^spa pura xoivto; 
aapva;./. ma jcal yoi/Xt x.aXou[Xva. Taura oi scsT ywptxo vacpspouffi 
/. apaftcsco; ori scttsiosv ' Attotto'Xo; Flauto;. 

"Ori 'A gottoso; Uxvko$ sv KsyypsaT; y] xKkxyo\> Sv Sarcstps pura 
TOiaura, eT[/.s9-a (3s(3aioi. "Oti oaw? sffwetpe to xpiTov et; x apT] TaiTa tov 
<7T:pov to) Eayys'Xio'j crviv u7rsp(3s(3aiot. 

aj/.7Cp la'ix.yj apaooais oti 'A crro'Xo; Flauto; t^to TTrops; to 
vou oioy [/.aro? tou ECayysXiou s; r jxpvj tx~jtx. 'O Xa; Sv vvos ttjv 
qfrucqv tou EavysXiou t?j; yprro; cvopxv. Tar/jv j/,STS^>spev si; T7jv cruvxe- 
3cpi/.{/,sv7)v a opv Ttov rjiisQosv cpvt&v. Mtjxo); vj ioacxaXia tou EuavyeXiou 
Ssv (^okOv] 77p; T7:pov ; ' 

ta') 7rapT7]p7]rajj.sv u.9cp|Aapivou; xiova; w ttjv vsof/.m'ov oi/iav 'Itovvou 
Map>cs7.Xou 2 uTrap/ovxa; , o'tivs; , co; [j.oi vapepov , [AST/jv^^aav sxei sx, 
tv]; xap tt^v x>x\xggxv (3a<iiXtx,VK. 



1 MaT#. ty'. 4 x. . 

2 Et? r vngd'VQOv xjg oix'iug xoixov -nl fiapjiapov (0,27x0,27) vsyvoo{isv 
x\v o%odccv Ttiygaq)]v xccvxt}v. 

&AABION TPGJlAON 
$(OKAEIC AJEA&G) 
KAI API&TJI BOTKOAA 
MNEIAC XAPIN 
HPCQC XPHCTE 
XAIPE 
Avxr\ idr^io6isv9 , ri v x> C. I. G. xov M. Frnenkel xp. I. 6sX. 34. apiah 207. 
'Avsyvw&ri S &AABIOI TPcolAOI vxl &AABION TPniAON. 
Kal ini xgug olxiccg xov %<oolov Ttao xr\v &vqccv 
A[ovKiog] IOTAIOC NEIKO 
CTPATOC CAPJIANOC 
IIAIC IIAAAICTHC ACI 
ONEIKHC ETG3N IH 
Avxrj drnio6tsv&r) v x C. I. G. xov M. Fraenkel Tft. I. 6sX. 34. &Qid: 206. 
Ov (lccxqv xov vvv %<q'iov x&v Ksy%QEwv Evor\xcci &q%cov Xccxo[ieov, cp ov 
vyvayav 

nPAITCOPIA ; NOI 

rNAiocno 

MIIHIOC 

ZHNACA 

rOPANO 

MHCACJ 

IOCJION 

CO JET; I; T 
Elg xov 'xEQOv dh x&v (5qc%iv(ov xov Xi^isvog xv Qi6xeQ x 6eQ%o[iv(p 
tvQO\itv x la^iaxix Iovxqc xf\g ' EXvr\g, tieq <bv iSLav [lovoygucpittv eitvr}Gsv 
6ocpog xov ^fisxgov II(xv7ti6xri[iiov y.a&r\yr\xrig x. Xgrj6xo(i<ivog (Xflimir} vdXvig xfjg 
/a^arixjjs JtTjyr/s xov %ao xg KsyxQsg xov Koqlv&ov Xovxqov x)g ' EXvr^g , V7tq 
A. XQT\cxoy,uvQv. 1902. A&fjvai), 



PARTE I. 



Xqi6xiccviy.uI KsyyQsaL 



79 




Eixwv 18. 
toitco /topico twv ' Ee;aL/,iXitov crraupG; outo; , r is[iaiw; 



i(3) E; tc, 'Trsp^-upov to~ sv tc7 topav -s/ovTi /copico rcv 'EgajAiXiwv 
vaou to~ yiou Ayjir/jTpiou vepoy-sv 
tavQov [JLSx to ispo jy.ovoYpay-^.ocTO? 
A >wci CD Trfi 'Airo5taXui}/so><; twv -pwTtov 
pyjvixwv /pvtov TY|? 'ExxXyjcria;, o; 
u~ o[/.i[/.vr i r;z.si tj^v tov Sta ^.ovoYpay.- 
f/aTtov WGoaTto; /.al tou A *<*< UJ ~?p 
'AttoxocXu^sw; x/.ocr;7.7]yivov GTaupv tov 
x./apayyivov v -iYpaovj (N. 104) ~ 
Tpou Xifrou spierxof/ivv] v xw &vix,to 
Mouffsiw to~ IIaXspfjM)u ;xT tou vo- 
[xocto; XPTCIC. 

'O 
jASTSvrj/ito] VT(Xufta site ex. twv Key^pewv, s'ite ex. twv psi itov twv p/aiwv 

xxX'/JCTlWV T7J; KopiV#OU. 

"O p <z xal (3a<?tXojv aiYATjv ze tov XXto; iTTopixwTaTOv totov 
Taceva twv Key^pstov TCpocrot&ocriv, cmv gti 38 sttj -p tv;; Xwasto;, r,TOi 
tt [/.svocXt] llapa'jx.'j'/j tou 1415 [/.apTiou 29, XijxTnv outo: s$sc;<xto tqv 

STulCJXS^lV TOU ATOXpCTOpO? TOU Bu^OCVTlOU MoCVOUTjX TOU 1 laXaioXyOU, oc ti; 

Tvj 20 rcpiAiou rjpcaro vaxaS-aipstv jca voutoSotistv to 'E^atuXiov , vx- 
crT^Ta; -' ocutoS 153 rcpyou;, ots s; ? uipT] toctoc vsups-fb] /.al /) ti- 
ypaor ouTT)" ^rag. x. epeotog. freoq. ccX^&rjvog. ex. &eov. aXt]&i]VOV. (pvlcc^iq. 
tov. ccvtoxqcctoqcc. Iovtiviccvov. xcci. navrag. tovg. sv, Elludi. owovvxag. 
tovc. sv. EG). t,covtag. l 

'H lypacpvj auTT] yyX'j^y.svvj s~l XiDou Xsuxou |j.ap/.apou (jatjx.. yXX. 
[XTp. 1. tcX. 0,62) supvjTat cy^aspov sv t9j sierso) t'7; A'/^.ap/ix; KopivVou, 
xai r ( v f,i/.si; vsyvti)|./.sv outw;. 

+ <I>G0C GK <J>G0TOC 0GOC A ATT(-)I\OC 

eiv eeor aahoinoy 

<I>VAAII TON ATTOKPATOPA 
IOYCTINIANON RAI TON 
niCTON ATTOT AOYAON 
BIRTCOPINON AMA TOTC 
OIROrOGIN 6N GAAAI 
TOTC K[ATA] OGGON 
ZCONTAC + 



1 IIsqI tfjg cpl^Ecog ravrrig tov avroy.QUTonog MavovrjX roD TTcdaioXyov , rfjs 
vevQGscog r&v 7Cvgycov xat rjg svQS6sag tfjg myQacpfjg tccvtts idi Xqovixov Ilaa^- 
liov, TtatQol. edit. Migne, tw. 92 Ducangii nome osi. 170 xcd Xqovixov TIcOxccI.iov 
edit. Bonnae ra. II. notae Gel. 254 xul Jovxu edit. Bouuae ru. 21 crei. 102 xal v 



80 remgyios Aa[iititrig. parte i. 

Kal tocutoc jasv outo)?. 

"Oti Ss [/iya; y^iaxcuvvAOc, v.<j[J.oc, x ttjv y9jv t<3v Ksyypswv uttvwttsi 

7rSpt TO'JTOV ObStO? |./..Cpl(3AAO|/.SV. 

' EvaTTxs'.Tai rfa s; t/jv C/tav/jv yjpiGTioivoi) p^ouoyou ottco; vspsu- 
v/]G7) xa s^srcrv) r 3CTST<X|./iva tocutoc psi7ua tgW Rsy^pswv, svOa SAafisv 

UTCap^CV fjlx T(OV pcOTCOV S"/->CA7](7l)V T7J? ' AxO<JTo)aX7J; ' Ap)UlT7]TO;. 



Tofg G%oXioig rov avrov r[iov 6sX. 575. Tjjv vcorgco itiyQacpfjv qprs &t cparg... 
/<? xal C.I.G. t/. IV. n. 8640. v#a vayivmGKsrcu TOTC EN GECO ZcoNTAC. 
llagd r. $pavrjj i) myQatpr] avxr\ Xsysi xai nvtag tovg v ry ' EHadi oltiovvxag, 
tovg ex &eov gwvrccg (m. Bonnae (TsL 107). ' E8r\\JL06iv\)'r\ 8h xcc Monceaux, G.a- 
zette iirili.l. 9. 1884. 277. Zxig, 'Eqprjftep. aQ%aioX. 1893. osX. 123. aeX. 13. Ovrto 
Xriysi xa? xiyQacprj tig EVQi6y.0[iv] v t v Verona itiyQacpM) Mov6sicp, ijtig ccq- 
%ztai f ' Ay[ia Magia sorxs... xal Xrjyei EN KOPIN0G3 K@EC3NiZcoNTAC f 

' Ev k&rjvaig. 



PARTENOPE 5ICULA. 



In due luoghi assai distanti, dice Strabene 1 , vengono collocate 
le Sirene: taluni le mettono al capo Peler, altri sul promontorio Sor- 
rentino, tra i golfi di Napoli e di Posidonia. Ma noi, pur riconoscendo 
la giustezza dell'informazione data dall'antico geografo, dobbiamo ri- 
tenere, clie la localizzazione vera e propria di questo mito sia stata 
fatta unicamente nella seconda localit da lui indicata. Poich, come 
fu notato gi dallo pseudo Aristotile 2 , e ripetuto da Strabone, le 
Sirene avevano un tempio sul declivio Sorrentino, e si chiamavano Si- 
renuse le tre vicine isolette dalla parte del golfo di Posidonia; oltre 
a ci le origini ed una parte della vita di Napoli si svolsero intorno 
al nome di una Sirena. Per modo che la Campania si collega alle 
donne-uccelli per il culto, per un nome geografico e per un sostrato 
storico, mentre la Sicilia ha per se niente altro che una interpreta- 
zione del libro XII dell'Odissea. 

Le memorie notevolissime del periodo miceneo consegnate nel dia- 
letto ionico, ossia nell'epos omerico, danno qualche fondamento al- 
l'opinione, che include gli doni tra i fattori del materiale miceneo. 
Se per questa partecipazione semplicemente probabile, mi pare as- 
solutamente certo che essi, navigatori arditissimi, siano stati fra i 
principali diffusori di (niella produzione, portandola su le coste pi 
lontane. Erano gli Joni anche immaginosi e loquaci; quindi parecchie 
delle favole, che si sono credute un parto della fantasia de' poeti, si 
possono attribuire all'intiera stirpe. Vale a dire che, tornando quei 
viaggiatori dalle lontane loro peregrinazioni, si compiacevano di ma- 
gnificare le proprie avventure, vantando gli affanni durati per scam- 
pare da mostri orrendi e da altri inventati pericoli. Queste loro fole 
furono materia di canti clic, dapprima slegati, trovarono posto pi 
tardi nel racconto delle avventure di Odisseo. 

Ma u i canti nella loro forma sciolta, u l'epos, in cui furono 



1 Strab. I, 2, 12. 

2 Aristot. De mirab. ause. 103. E. Pais (in Eendic. Accad. Arch. Napoli, 1905, 
pg. 184) indica nella regione detta Fontanella il tempio Sorrentino delle Sirene. 

6 



82 G. DE PETRA. PARTE I. 

innestati, dettero alle Sirene, a Scilla, a Cariddi, alla Thrinakia una 
chiara determinazione geografica i ; la quale neppure venne assegnata 
nell'Odissea da noi conosciuta. Sol quando con un errore fondamen- 
tale di grammatica 2 si disse, che &QLvccxCrj aleva quanto TQivcatQCa, 
allora soltanto venne fuori un elemento geografico, e la contesa fra 
l'interpretazione orientale e l'occidentale fu decisa a favore di questa 
ultima. Giacche nella creazione di quelle favole avendo avuta la loro 
parte cos gli Egei dell'oriente, che solcavano il Ponto Eussino, come 
quelli dell'occidente, che avevano perlustrato il Mediterraneo, e vo- 
lendo gli vini e gli altri tirare secondo il proprio desiderio l'interpre- 
tazione del divino poema, gli Joni d'oriente facevano viaggiare l'eroe 
nel mar Nero, quelli d'occidente, o i Calcidesi, nel Mediterraneo 3 . 
Ma pel nesso di successione, che era stato dato, nella definitiva re- 
dazione del poema, alle avventure di Odisseo, buona parte di esse, e 
specialmente le Sirene venivano, con la introduzione della tqivccxqCcc, 
a raggrupparsi intorno alla Sicilia o, come dice il mitografo Igino, in 
luogo qui est Inter Siciliam et Italiam 4 . 

Questa geografia omerica fu adottata dai poeti greci susseguenti: 
le Argonautiche Orfiche 5 dopo Lilibeo e l'Etna ricordano le Sirene; 
Licofrone 6 dopo li scogli di Scilla e Cariddi pone quelli dove stavano 
le fanciulle-uccelli; ed Apollonio Eodio 7 cominciando dalle Sirene passa 
a Scilla e Cariddi. Ci nonpertanto, un'altra sede fu data, e con pi 
largo assentimento, alle Sirene. 

I Tafii, gente vaga di correre i mari pirateggiando 8 , stavano di 
casa a nord d'Itaca, nelle isolette poste fra Leuca e l'Acarnania. Su- 
perati i pericoli della navigazione attraverso lo stretto di Messina, 
esplorarono la ricchezza mineraria della Sila, e stabilirono a Temesa 
(nel golfo di S. Eufemia) una fattoria, per estrarre, con l'aiuto degli 
indigeni, il rame dai monti. Del metallo cos ricavato dalla Calabria 



1 Seirenen, Skylla und Charybdis, Thrinakia tragen in sich keinen fiir den 
redactor charakteristischen localen zrjg. Wilamowitz-Mollendorff, Homcrische 
Unteisuchungen, Berlin, 1884, pg. 165. 

2 Wilamowitz-Mollerjdorff, Op. cit., pg. 170. 

3 Was die Jonier, die der redactor repriisentirt, taten, indem sie den Orys- 
seus im Pontos fahren liessen, den ihre schiffe durchkreuzteu, das taten die 
Chalkidier im westeu. Wilamowitz-Mollendorff, Op. cit. pg. 169. 

4 Hygin. Fabul. 141. 

5 Orph. Argonaut. vs. 1250-85. 

6 Lycophr. Alexandr. vs. 649-53. 

7 Apollon. Rhod. Argonaut. IV, vs. 891-923. 

8 Odyts. I, vs. 105, 184, 417; XV, 427; XVI, 426, 



PARTENOPE SICULA. 83 



in tempo assai remoto, e che serviva per le armi di difesa, vi il 
ricordo non soltanto in Omero *, ma nella moneta, che i Greci dei 
tempi storici, colonizzatori di Temesa, coniarono imprimendovi, come 
emblema della citt, un elmo e due schinieri 2 . Diciamo che i Tafii 
non si arrestarono a Temesa, ma continuando a veleggiare pel mar 
Tirreno arrivarono alle coste dell'Ausonia; perch mia tradizione, ac- 
colta da Virgilio e da Tacito , pone a Capri i Teleboi, e questi eran 
tutt'uno co' Tafii 3 . Stando in quell'isola si persuasero, che la dimora 
delle Sirene fosse stata sull'opposta sponda Sorrentina; forse perch 
il sorriso di quel cielo e di quelle spiaggie si accordava con la malia 
del loro canto; forse perch il mare sempre mosso alle bocche di Capri 
prenunziava il pericolo che si correva nell' indugiarsi ad ascoltarle; 
certo vi era una perfetta rispondenza tra la natura del luogo ed il 
carattere delle Sirene allettatoci, insidiose, affascinanti. 

Che i Teleboi, o Tafii di Capri, siano stati essi a collocare le 
Sirene sul continente opposto a quell'isola, io l'argomento dal nome 
14%Elotdeg, AcJwlo'ides, Acheloiades, dato loro dai poeti greci e latini 4 . 
L' Acheloo, il maggior fiume della Grecia, e venerato dai tempi pi 
antichi, si scarica nel mare quasi dirimpetto alle isole Teleboidi; esso, 
perci, ha con queste un rapporto evidente , e i Teleboi, colonizzatori 
di Capri, per rannodare alla madre patria il loro nuovo stabilimento, 
dissero che le Sirene eran figlie dell' Acheloo 5 . 

Xon presumo di ricostruire tutti i passaggi, per cui la fantasia 
degli antichi arrivava a spiegarsi le Sirene generate dall'Acheloo sul 
mar Jonio e aspettanti sul mar Tirreno la nave di Odisseo. Certo 
che la favola fu portata nell'Ausonia prima che si desse a d-QivayJj 
la interpretazione di Uizeluc, perch altrimenti le donne-uccelli non sa- 
rebbero state localizzate sul promontorio Sorrentino. Ed certo al- 



1 Odyss. I, vs. 184. 

2 Garrucci, Monete dell'Italia antica, 1885, pg. 167, tv. ex vi, 27. 

3 Virg. Aen. VII, 733-5, Tac. Ann. IV. 67: Plin. Eist. Xat. IV, 12, 53. 

4 Apollon. Rhod. Argon. IV, 893; Ovid. Metani. XIV, 552; Sii. Ital. XII, 44; 
Cianci. Rapt. Pros. Ili, 254. 

5 Davasi come madre delle Sirene una Musa (Apollon. Rhod. IV, 895-896; 
Eustath. ad Odys. 817,31; Apollod. Bibl. 1, 3, 4; Hygin. Fai. 125. 141 Serv. ad 
Georg. I, 8}, perch P Acheloo nasce sul Pindo, che era una sede delle Muse. Per 
questa conseguenza derivata dalla paternit dell'Acheloo, contraddice al carattere 
marino, che le Sirene hanno in Omero. Se avessimo notizia di tutte le leggende 
formatesi intorno ad Acheloo ed alle Sirene , probabilmente si troverebbe qual- 
cuna, che del fiume considerava non la sorgente, ma la foce. 



84 a. de petra. 



tres, elio la conclusione data al mito con la catastrofe delle Sirene l , 
fu svolta ne' suoi particolari con perfetta rispondenza alla dimora au- 
sonia di quelle donne favolose; in quanto che una di esse, Partenope, 
and a morire nel golfo di Napoli, la seconda, Leucosia, nel golfo di 
Posidonia, e la terza, Ligeia, presso Terina 2 . 

Da ultimo una leggenda ricordata spesso dai poeti (che per non 
sono i pi antichi) mette le Sirene tra le ninfe che accompagnavano 
Proserpina, nel giorno in cui fu rapita da Plutone. L' inno omerico 
non indica chiaramente dove successe il ratto famoso; ma fra i tanti 
luoghi della Grecia , dell'Asia , dell' Italia, che si contendevano quel 
vanto, nessuno raggiunse la celebrit della Sicilia, dove aspiravano 
ad aver veduto Proserpina quum legeret vernos flores 3 un luogo presso 
Siracusa, un altro vicino all'Etna, e specialmente la citt di Enna. 
Per modo che probabile che Claudiano esprimesse un'opinione ge- 
neralmente ricevutai ne' tempi pi tardi quando scriveva, che Cerere 
commendat Siculis furtim sua gaudio, terris 4 . Cos le Sirene diven- 
tano siciliane , non nel senso di quelle che abitavano, secondo l'in- 
terpretazione data all'Odissea, un'isola posta fra la Sicilia e l'Italia, 
ma siciliane nel vero e stretto senso della parola. In ci sta una 
prima differenza tra le Sirene omeriche e le seguaci di Proserpina, 
in quanto quelle vivono in riva al mare, e queste sono terrestri. Una 
seconda differenza scaturisce dal contenuto morale , le une essendo 
fnte e ingannatrici, le altre indubitatamente buone, perch compagne 
della vergine Proserpina. 



1 Era destino delle Sirene morire quando un uomo avesse saputo resistere 
alla malia del loro canto; e la credenza generale era che Odisseo portasse il fato 
delle Sirene (Lycophr. vs. 712 ; Eustath. ad Odys. 1710 , 34 , in Dionys. Perieg. 
cp. 358; Hygin. Fai. 125). Le Argonautiche Orfiche (vs. 1282-7) collegano la morte 
delle Sirene al passaggio degli Argonauti; ma quest'opinione pu considerarsi come 
isolata; perch nelle altre Argonautiche, quelle di Apollonio Rodio, tale incontro 
riferito in modo assai diverso. Le Sirene, cio, che nel poema precedente gettano 
le tibie e la lira dopo aver udito il canto di Orfeo, e si precipitano in mare, 
dove sono trasformate in scogli, non possono, secondo la narrazione di Apollonio, 
farsi udire dagli eroi, perch Orfeo soffoca la voce loro col suo canto, e cos il 
loro destino non si comp allora. Ma Odisseo che le ud, e nondimeno rimase at- 
taccato all'albero della sua nare, fu causa della loro morte. 

2 Aristot. 1. cit. ; Lycophr. vs. 717-29 ; Eustath. in Dionys, Perieg. cp. 358; 
Strab. VI, 1, 1; 1, 2, 13, 18; V, 4, 7; Nei sarcofagi (Robert, Sarkophag-Reliefs, 
voi. II, 1890, tv. 52) le Sirene son sempre tre, e come dice Servio (ad Aen. V, 864): 
hrum una voce, altera tibiis, alia lyra canebal. 

3 Ovid. Mei. V. 554. 

4 Claudian., Rapt. Proserp. I, 139, 



PARTENOPE SICULA. 85 



Mitografi e poeti crearono a loro arbitrio altre differenze. Taluno i 
le rappresent come fanciulle non dissimili dalle altre, e che diven- 
nero alate per volont di Cerere, la quale in tal modo le pun per 
aver fatto mala guardia, e per l'aiuto non dato a Proserpina. In Clau- 
diano 2 sono alate fin dal principio, ma divengono cattive pe' rimpro- 
veri di Cerere, e con rapido volo fuggono verso il capo Peloro, dove 
col canto e la lira attirano i miseri naviganti, per farli perire. Ovidio 3 
le ritrae come buone fanciulle e senz'ali, prima e dopo il ratto di Pro- 
serpina, e sol dopo aver girato inutilmente su tutta la terra in cerca 
della diva, impetrarono e ottennero le ali dagli dei, per trovarla su 
i mari. 

La bont data alle Sirene doveva riuscire assai gradita ai Na- 
poletani, i quali avevano concentrata in Partenope la miglior parte 
della loro religione e la storia pi antica della citt. Forse essi non 
furono estranei a un tentativo di riabilitare, se non tutte le Sirene, 
almeno quella che era loro propria, della qual cosa troviamo un in- 
dizio nella leggenda, riferita da Eustazio ', di una Partenope pentita 
ed in lutto, che viene a prendere stanza nella Campania. Ma pi di 
questa versione incontr il favore dei Napoletani la Partenope Sicula 
e buona; la quale si radic tanto nella credenza popolare , che due 
testimoni, la Cronaca di Partenope e il Boccaccio, la ritrovarono alla 
fine del Medio Evo nella tradizione orale del popolo napoletano, con 
lineamenti senza dubbio alterati, ma chiaramente riconoscibili. 

Nella Cronaca di Partenope si legge (cp. v.) : Parthenope era 
una Giovanotta non maritata et Vergine, de una exceliente e gran- 
dissima bellezza , fegliola del re de Sicilia, la quale venendo con 
gran moltitudine de nave ad chiaga, se ammal et in quel mede- 
simo loco de quella infirmit fo morta. Et in quello loco fu sepe- 
lita : per la (piale sepultura li fo facto el tempio . E il Boccaccio 
(nell'Ameno) attingendo alla stessa tradizione orale ricorda i dimani, 
che in luogo sollevato con picciolo colle avendo cominciato a fon- 
dare una citt, e nelli eminenti luoghi avendo rinnovato i co- 



1 Hygin. Fai. 141. 

2 Claudian. loc. cit. 254-58. 

3 Ovid. loc. cit. 552-60. 

4 Eustath. ad Dionys. Poieg. cp. 358. Il luogo di Dionisio Periegete (vs. 357-60), 
a cui le parole di Eustazio servono di commento, forse esso stesso un accenno 
alla Partenope buona ; poich il geografo, pur collocando le Sirene al promon- 
torio Sorrentino, dove le fanciulle alate dovevano essere le insidiose ed inganna- 
trici, che si precipitarono in mare quando non riuscirono ad attirare Odisseo, 
chiama Partenope santa o casta (yvrjv). 



86 G. DE PETRA. 



minciati fondamenti altra volta , nel primo fondare, di candido marmo 
una nobile sepoltura nel ventre della terra trovarono, il titolo della 
quale, di lettera appena nota tra loro, leggendolo,, trovarono che dicea : 
Qui Partenope Vergine Sicula morta giace. E nella fine del 
Quattrocento questa opinione durava cos vivace, che il Pontano ! , pur 
conformandosi alla tradizione letteraria di Sorrento, quae Sirenum ipsa- 
rum sedes tunc esset, ammise nondimeno Partenope regina, per la ra- 
gione che avendo essa avuto il sepolcro sul colle dove ora Napoli, 
sepulcrum ipsum indicio est Parthenopen colli imperitasse . Donde si 
pu raccogliere, che la credenza in una Partenope Sicula e buona sia 
durata in Napoli, attraverso il Medio Evo, anche pi di quanto nel 
mondo classico dur la fede nelle Sirene omeriche. 



1 Pontani, Opera, Venetiis 1519, VI, pg. 315. 
Napoli. 

Giulio de Petra. 



DI UNA PRETESA DISFATTA DEI FRANCHI 

SOTTO GORDIANO III. 



Oltre alla spedizione contro i Persiani e alle vittorie sopra di 
essi avute, nessun'altra impresa militare, tale che abbia reso illustre 
e il nome e il regno di Gordiano III, conosce con sicurezza la Storia. 
Tuttavia si vuole che sotto questo principe sia stata riportata anche 
una non trascurabile vittoria sui Franchi, che, varcato il Beno, sa- 
rebbero andati vagando per tutta la Gallia, nemici nuovi di Eoma. 

La vittoria sarebbe quella conseguita da Aureliano, allora tribuno 
della Legione YI (Gallicana ?) a Mogontiacum, della quale Vopisco ci 
d notizia nella vita di questo principe *. Lo storico a tale fatto non 
assegna alcuna data, ma non sembrato difficile poterla determinare, 
specialmente per un verso d' una canzone militare che ci si afferma 
sia stata composta per l'occasione. In essa si dice 2 : Mille Sarmatas, 
mille Fvancos semel et semel occidimus, mille Persas quaerimus. La vit- 
toria sui Franchi fu dunque riportata mentre si stava preparando o 
combattendo una guerra contro i Persiani. Tale guerra poi parecchi 
critici dal Tillemont 3 , per non andare pi in l, ad oggi, ed oggi special- 
cialmente, 4 ritengono che sia quella che trascin alla rovina il terzo 
dei Gordiani. Xaturalmente la medesima sarebbe avvenuta poco in- 
nanzi alla morte di questo imperatore, quindi fra il 242-1*44; sebbene 
qualcuno, come il Wietersheim 5 , propenda per una data di poco poste- 
riore, fra il 244-246. Tutto ci pare che in certo modo venga ad essere 
confermato da Capitolino che, nella vita di Gordiano, riferisce l'epi- 
taffio ove si vuol far credere sia stato scritto sulla tomba dell'infe- 



* Aurei; 7 e segg. 

2 1. e. 

3 Hist. d. Ernp. Paris 1691; III pp. 550-594. 

4 Cfr. Dakn, Urgesch. der German. u. Roman. Volker, Berlin 1881; I p. 203. 
Goyau, Chronol. de VEmp. Boni. Paris , 1899 (all'anno 241). Blanchot , Lea Tr- 
sors des monnaie8. 

5 Wietersheiiu-Dabu, Gesch. der Volkerwanderung. Leip. 1880 I p. 214 e 622 
nota. 



lice vittima di Filippo; in esso quel principe detto Victor Germa- 
norum. 

Ma c' di pi. Come apprendiamo dalla cantilena, e come Vopisco 
stesso ci fa sapere, prima della vittoria sui Franchi erano stati vinti, 
nell' Illirico , i Sarmati irrompenti. Ora in quest' epitaffio medesimo, 
riferito da Capitolino, Gordiano apparisce anche col titolo di Victor 
Sarmatarum. Dunque sembrerebbe di poter concludere che ambedue 
queste vittorie furono riportate nel nome di Gordiano e quindi, per 
il tempo, non furono posteriori al 244. 

A me sembra che tutto quest' edifi zio non abbia base. Credo che 
la guerra persiana alla quale si allude nella cantilena non sia quella 
condotta da Gordiano , ma quella che port 1' imperatore Valeriano: 
pongo quindi sotto il regno di questo principe la vittoria sui Fran- 
chi, i quali penso che solamente adesso, per la prima volta, compa- 
iano, ben costituiti , in lotta con Eoma. Mi convinco infatti che fra 
i dati fornitici dal racconto di Vopisco, quali direttamente indichino 
che la vittoria in quistione deve porsi durante il regno di Valeriano 
e Gallieno, poco innanzi alla spedizione contro i Persiani, cos misera- 
mente terminata nel 260; quali vengano a combattere la congettura 
che Aureliano sia stato il fortunato vincitore dei Franchi sotto Gor- 
diano III. Altre considerazioni, indipendenti dal racconto vopisehiano, 
ci fanno abbandonare l'ipotesi che sotto questo principe ci sia stato 
con i Franchi qualsiasi combattimento vittorioso, del quale l'avveni- 
mento non trova conferma in nessuna moneta o epigrafe, ma di cui 
si vorrebbe ricavare la notizia dalla molto ambigua e molto dubbia 
testimonianza di Capitolino. 

Che questo avvenimento sia da porre sotto il regno di Valeriano 
e Gallieno , parecchi critici hanno pensato. F se alcuni non hanno 
veramente spiegato da quali ragioni essi siano stati mossi a stabilire 
questa cronologia , come il Clinton * , il Duruy ? , lo Schiller 3 e il 
Mommsen ', qualche altro s' fermato a discutere la quistione, e con 



1 Fast. I, 278; all'anno 256. 

2 Hi8t. des Romains , Paris 18 9 , VII , p. 332. Egli veramente non precisa 
l'anno , ma pone la vittoria di Aureliano durante la campagna laboriosissima di 
Gallieno contro i Germani; sicch, forse, verso il 256. Ma non vero che la data 
di questo fatto est tout fait iucertaine > pel Duruy, come afferma il Goyau (1. e.) 

3 Gesch. der Boni. Kaiserzeit, Gotha 1883 I, p. 815 n. 3. 

4 II Mommsen. I'rov. Rom. (tr. De Ruggero) Rooia 1887. I, p. 151, non parla 
di questo fatto, ma pensa per che adesso, sotto Valeriano e Gallieno, i Franchi, 
apparsi per la prima volta, prendano l'offensiva contro i Romani. 



PARTE I. DI UNA PRETESA DISFATTA DEI FRANCHI. 89 

acutezza , come il Becker f e il Bernhardt 2 ; certo, per, non suffi- 
cientemente. 

Argomento per me principalissimo, a convincere che sotto Va- 
leriano sia da porre la vittoria in quistione, nella lettera di que- 
st' imperatore a Ceionio Albinio , riferita da Vopisco 3 . Tale lettera 
pel fatto che viene indirizzata a chi allora era prefetto di Roma, porta 
con se la data del 250. In essa Aureliano viene chiamato liberator 
lllyrici et GaUiarum restitutor. Sarebbe da concludere che tale frase 
alluda ai due scontri di Aureliano con i Sarmati e coi Franchi, dei 
quali poco innanzi ha parlato Vopisco. Mi parrebbe illogico infatti 
pensare che Valeriano parlasse con tanto entusiasmo ' di vittorie avve- 
nute parecchi anni avanti, quando il vantaggio conseguito con esse 
sarebbe stato reso inutile dal sopravvenire di nuove inondazioni bar- 
bariche sul territorio romano. 11 ricordare tali vittorie, avvenute pa- 
recchi anni avanti il 2I), quando l'imperatore stesso e il figlio Gal- 
lieno dovevano difendere appunto quel territorio che invece si ver- 
rebbe a dire reso libero e sicuro da Aureliano , significherebbe non 
far elogi di quest'ultimo, ma berteggiarlo atrocemente. X si pu pen- 
sare che la lettera di Valeriano sia ironica, che anzi quel linguaggio 
cos entusiastico trova spiegazione precisamente nella contempora- 
neit di questi due fatti : le vittorie di Aureliano e la lettera del 
principe. 

Che dunque in tale lettera ci sia un argomento di molta impor- 
tanza per assegnare la data alla vittoria sui Franchi, . per me, inne- 
gabile. Ma contro il valore di quest'argomento si fanno opposizioni. 

Vi ha di quelli i quali , poich Vopisco, come gli altri Scripto- 
res H. A. fu proclamato reo di falsit, spingono la loro circospezione, 
quanto al servirsi di certe notizie da lui forniteci , fino al punto di 
non servirsene affatto. Le notizie (cosa davvero curiosa) delle inali 
pare che specialmente si dubiti, sono quelle che appariscono in veste 
ufficiale nella Raccolta delle biografie dei principi. La lettera di Vale- 
riano, la quale ci fornisce un dato di cos rilevante importanza , ha 
dunque il peccato originale d'appartenere alla Storia Augusta. Si com- 



1 Imp. L. Domitius Aurelianus reni, or.. Monastero 1866 p. 12-13 n. 

2 Geschichte loms von Valeriana bin zu Diocletians Tode, Berliu 1867, p. 20 u. 

3 Aurei. 9, i. 

4 1. e. 



90 U. GIRI. PARTE I. 

prende per che tali peccati, come altri del medesimo genere, hanno 
di originale soltanto il giudizio che su di essi si suole portare. Pel 
caso nostro, mi piace infatti di notare che nessuna prova esiste per 
congetturare che sia falsa la lettera di Valeriane In ci convenuto 
anche l'Homo ' che l'ha esclusa dai documenti dei quali ritiene sicura 
la falsificazione. 

Ma ammettiamo che tale lettera sia falsificata: che ne consegue? 
che sia falsa anche la notizia riferita! Sarebbe molto strano che, men- 
tre si presta fede a una notizia qualsiasi riportata dalla Storia Augu- 
sta, purch non si trovi in opposizione con altre delle quali la fonte 
si ritenga meno torbida, poi si venissero a mettere in dubbio , anzi 
non si considerassero affatto quelle notizie, forniteci ugualmente dalla 
Storia Augusta , solo perch esse ci appariscono in una forma uffi- 
ciale la quale vorrebbe che loro prestassimo fede maggiore. 

Sicch pur concedendo anche che la lettera di Valeriano non sia 
che uno squarcio di una non bella prosa vopischiana, non certo da s 
rigettare ci che in essa si dice, se non appaia evidentemente errato. 

^Nel peggiore dei casi dunque dovremo concludere che Yopisco 
ha messo sotto forma epistolare una notizia eh' egli ha appreso da 
una sua fonte, la quale doveva dire che la vittoria di Aureliano sui 
Franchi avvenne nel 256; certo durante il regno di Valeriano e Gallieno. 

Ad altri critici poi, e sono quelli che esaminarono la quistione 
prima del famoso atto d' accusa del Dessau , le parole della lettera 
di Valeriano fornirono argomento per sostenere che la vittoria sui 
Franchi fu precedente al regno di quest'imperatore. 

Il Tillemont, a cagione d'esempio, ritiene che le parole contenute 
nella lettera di Valeriano, con le quali Aureliano viene detto liberator 
Illyrici et Galliarum restitutore non si riferiscano a quelle vittorie sui 
Sarmati erumpentes in lllyrico e sui Franchi inruentes, cum vagaren- 
tur per totam Galliam, delle quali precedentemente Vopisco ci ha par- 
lato. La ragione di questo ragionamento sta nel fatto che non pare 
al Tillemont corrispondente s grande titolo a ci che lo avrebbe cau- 
sato, cio ai mille Francois qu'il (Aurlien) avait pris ou tuez vers 
Fan 242 e alla simple qualit de tribun. In altri termini la vit- 
toria sui Franchi dovrebbe essere del tempo anteriore a Gallieno per- 
ch, come trovo nel Dritter Excursus del Wietersheirn-Dahn 2 e come 
in fondo ripetono pi o meno, senza portare altri argomenti, i soste- 
nitori di questa cronologia, er damals nur Tribun der sechsten Le- 



1 Op. cit. p. 13. 

2 Op. cit p. 622 n. 



PARTE I. DI UNA PRETESA DISFATTA DEI FRANCHI. 91 

gioii war, Ienes Erhebung aber schon viel hoher in Dienat gestanden 
haben muss, weil es in Frage kam, Gallien seiner besondern Leitung 
anzuvertrauen (Vopiscus a. a. O. e. 8). 

Davvero che queste argomentazioni non mi pare abbiano grande 
valore ! Al Tillemont che crede di poter arguire dal numero dei mille 
Franchi presi od uccisi presso Mogontiacum , che il combattimento 
sia stato di importanza cos trascurabile che Aureliano non possa, 
per questo, aver meritato il titolo di restitutor Galliarum, osservo che 
Vopisco ci d tale cifra come quella dei nemici fatti prigionieri e uc- 
cisi dal solo Aureliano. 

Per vero tale autore, anche poco innanzi, dandoci notizia della 

vittoria sui Sarmati nelF Illirico, dice che 1 refert Theoclius Aure- 

lianum manu sua bello Sarmatico una die quadraginta et octo interfe- 
cisse,plurimis aiitem et diversis diebus nongentes quinquaginta. Che poi 
Aureliano , perch solamente tribuno , non potesse aver meritato il 
titolo di restitutor Galliarum, non si comprende. Xon raro il caso 
che un tribuno possa venire eccezionalmente a sostituire un vero e 
proprio legatus, massime trovandosi a capo di parecchie vexillationes 
formanti un contingente di uomini spesso superiore di molto a quello 
d'una legione. Che dunque Aureliano a Magonza, ch' quanto dire in 
un punto strategico di prim' ordine , in una posizione che domina e 
sbarra il vero adito alla Germania, collocata com' fra la catena del 
Taunus da un lato e i declivi dell' Odenwald parallelamente dall'altro, 
abbia potuto, con le milizie di cui disponeva, riportare una splen- 
dida vittoria sui Franchi, non vedo perch debba parere strano. Nulla 
di straordinario dunque che Aureliano , tribuno, possa avere in una 
speciale circostanza, e anche per qualche tempo, salvato il paese che 
difendeva, reso un grande servigio alle Gallie cos da meritare il ti- 
tolo che troviamo nella lettera di Valeriano. Del resto, potrebbe avere 
il principe anche abbondato nelle lodi del tribuno ed avere ingran- 
dito la vittoria , tanto pi che la direzione generale della guerra 
era dei sommi governanti, e tali elogi indirettamente venivano a rica- 
dere sopra di essi. 

Ma nella storia poi ci sono vittorie colossali, immensi scontri di 
uomini, i quali non portano cambiamenti sociali e politici cos impor- 
tanti, come alcuni fatti piccolissimi in apparenza. 

Dumouriez, coll'occupazioue della foresta d'Argonne, nel 1791'. col 
suo conseguente allacciarsi col Ivellermann su Valmy e col relativo 
cannoneggiamento, rende alla Francia un servigio ben pi grande di 
quello che non rendesse pi tardi Napoleone con qualche sua splen- 
dida vittoria. Xel caso nostro per non si sostiene neppure che Aure- 



92 



liano abbia prodotto un bene duraturo al paese che difendeva : si 
vuol spiegare solo una frase che pot essere stata scritta appena dopo 
la vittoria, nel 25G. 

Del resto conferma questa nostra congettura una epigrafe del 
256 l la quale d a Valeriano il titolo di Germanicus Maximus ; ed 
un'altra ancora 2 , del medesimo anno, che lo stesso titolo d a Gal- 
lieno. Onde non improbabile che la vittoria di Aureliano sui Fran- 
chi sia stata riportata nel nome dei principi regnanti; e mi pare evi- 
dente allora che ad essa si debba attribuire la data del 256 , ossia 
quella della lettera di Valeriano in cui a tale vittoria si accenna. 

L'argomento del Tillemont credo che per tutto questo non ab- 
bia pi valore. 

Naturalmente le osservazioni del Wietersheim che hanno tanto 
di comune con quelle del Tillemont non appariscono pia solide. Solo 
al Wietersheim osservo che nessun argomento abbiamo per ritenere 
che Aureliano sotto Valeriano e Gallieno fosse salito molto pi in 
alto, nella carriera militare, di quello che non ci apparisca quando, 
tribuno, vinse i Franchi presso Magonza. Il e. 8 dell' Aurelianus parla 
di una lettera scritta a Valeriano, nella quale si muove rimprovero 
al principe, d'aver affidato il giovane nepote suo Gallieno iuniore, 
Cesare, invece che ad Aureliano, a Postumo, cui non si sarebbe dovuto 
affidare neanche l'esercito. Ora nulla di strano in tutto questo , se 
si ammette che Aureliano, per la recente vittoria, si fosse, come si 
dice, rivelato e fatto conoscere ufficiale dei pi valorosi e stimabili. 
Certo, se il punto forte delle argomentazioni del Wietersheim qui 
(e non vedo che sia altrove) , bisogna pur concludere che esse sono 
molto deboli. 

N apparisce senza stranezze il fatto che l'Homo, mentre giudica 
impossible d'admettre la chronologie de Th. Bernhardt et de H. Schil- 
ler 3 (dimentica il Becker) citi , a sostenimento della sua tesi , il 
Wietersheim- Dahn 4 ; di cui dunque accetta il ragionamento poggiato 
in modo precipuo su un documento eh' egli in altro luogo dichiara 
falso, e quindi privo di valore. Infatti la lettera che Vopisco riferisce al 



1 C. I. L. Vili 2380. 

2 C. I. L. Vili 2381 . Sebbene questa epigrafe segui la TR. POT. Ili di 
Gallieno, ci che la farebbe del 255, mi pare che debba accettarsi l'ipotesi messa 
fuori nel commento che a tale epigrafe trovo nel Corpus : che cio il III sia da 
scrivere IIII. Infatti questa iscrizione e quella antecedente di Valeriano sono in 
basi gemelle e appartengono al medesimo anno. 

3 Op. e. p. 33 n. 
* Op. cit. p. 13. 



PARTE I. DI UNA PRETESA DISFATTA DEI FRANCHI. 93 

c. 8 dell' Aurelianus , indirizzata da Valeriano al console Antonino 
Gallo, il primo dei documenti per i quali l'Homo riconosce sicura 
la falsificazione. 

Ma un altro lato debole di tutto il ragionamento del Tillemont 
Wietersheim (poich quello dell'uno si compcnctra e si compie in quello 
dell'altro), in questo, che il Tillemont poi costretto ad ammettere 
poco innanzi il 256, e proprio nel 255, una vittoria di Aureliano sui 
Germani, la quale gli faccia meritare il nome di restitutor Galliarum. 
Cos nel Dahn : Dass er aber auch unter Valerian und Gallienus 
sich gegen die Germanen auszeichnete, beweisen Valerian' s Worte 
(ebenda e. 9), der ihn Galliarum restitutor nennt . Ma dunque Vo- 
pisco avrebbe narrato della vita di Aureliano due fatti di poca im- 
portanza, mentre avrebbe taciuto di due grandi vittorie che a quello 
avrebbero, pi tardi, guadagnato i titoli di liberator Iltyrici e di resti- 
tutor Galliarum! E lo strano questo, che Aureliano fra il 253-56 
avrebbe riportato due vittorie , come verso il 242-44; e proprio con- 
tro i medesimi popoli die avrebbe vinto dieci anni innanzi ! La con- 
gettura di questa seconda edizione delle due vittorie d'Aureliano, non 
confermata dal pi lontano accenno, dal pi piccolo indizio , giudico 
assolutamente insostenibile. 

Da quanto s' detto mi pare che risulti in modo molto chiaro 
che milita dalla parte nostra un argomento d'importanza indiscutibile. 
Altre considerazioni ci confermano nel nostro convincimento. 
Si veduto che la vittoria sui Franchi fu preceduta da un'altra 
sui Sarmati. Un verso della cantilena, cantata in quell' occasione, di- 
ceva infatti: Mille Sarmatas , mille Francos semel et semel oceidimus. 
Ora si cerca di determinare la data di questo combattimento sarmatico. 
Dice Vopisco : ' Erumpentes Sarmatas in Illirico cum trecentis 

praesidiariis solus (Aurelianus) adtrivit. Refert Theoclius Aurelia- 

num manu sua bello Sarmatico una die quadraginta et oclo interfe- 
cisse etc. 

Vediamo se tale fatto possa collocarsi durante il regno del terzo 
Gordiano: se ci non , per questo stesso, noi dovremo ritenerlo acca- 
duto sotto Valeriano e Gallieno, tanto pi che non ci mancher un 
argomento per riferire la vittoria sui Sarmati proprio al tempo di 
questi principi. Se noi dovessimo prestar fede al silenzio eloquentis- 
simo delle epigrafi e delle monete, dovremmo subito concludere che 
u da Gordiano, u da altri sotto il nome di lui furono vinti mai 
i Sarmati. Ma contro tale conclusione starebbe la testimonianza <li 



1 Aurei. 6, 3 segg. 



94 U. GIRI. PARTK I. 

Capitolino, die riferisce l'epitaffio che ci vnol far credere sia stato 
posto sulla tomba del giovane principe. Esso sarebbe stato cos for- 
mato i : Diro Gordiano viatori Persarum , victori Gotiorum , victori 
Sarmatarum Repulsori Eomanarum seditionum, sed non viatori Philip- 
porum. Aggiunge poi lo stesso storico chiosando tale epitaffio: 2 quod 
ideo videbatur additimi , quia in campis Philippis ab Alanis tumultua- 
rio proelio rictus abscesserat , simul etiam, quod a Philippis videbatur 
occisus. Non so chi voglia prestar fede a tale epitaffio cos com' com- 
posto ; che non isfugge che in esso la tendenza , la quale appare a 
prima giunta molto chiara, di glorificare il principe si trovi in forte 
contrasto con la chiusa indubbiamente ironica. 

Il Wietersheim pensava : 3 es liegt seher nahe , in dieser In- 
schrift, eine mystification Capitolina zu vermuthen. 

Se tale epitaffio, scritto et Graecis et Latinis et Persicis et Iudai- 
cis et Aegyptiacis litteris non uno scherzo dei soldati, tollerato da 
Filippo, e quindi di nessun valore storico, cerchiamo di trovarne la 
interpretazione. 

Capitolino dice 4 che Gordiano, nel 242, cum exercitu ingenti et 

tanto auro ut facile evineeret Persas , movendo alla guerra 5 feeit 

iter in Moesiam atque in ipso procinctu , quicquid hostium in Thacia 
fuit, delevit, fugavit, expulit atque submovit. 

Dunque nessun'impresa , nessuna vittoria avanti il 242 , avanti 
di partire per la spedizione persiana. Si apprende infatti che fino a 
quest' anno egli attese a tutt' altro che alla guerra. Le 240 costitu- 
zioni che nel codice Giustiniano portano il suo nome mostrano la 
grande attivit legislativa del suo governo. Pertanto se dal 238 al 
242 non avvenne alcuna guerra, e se la pace non fu turbata che in 
quest'anno in cui Gordiano apr, per l'ultima volta, il tempio di Giano, 
quando sarebbe avvenuto il bellum Sarmaticum di cui parla Vopisco, 
durante il quale Aureliano riport il noto brillante successo? L'Homo 6 
molto sbrigativo nel risolvere la questione; dice : il est question, 
en 242 , lors du depart de Gordien III pour la campagne d' Orient, 

d'une guerre contre les Sarmates ; peut tre (on ne peut se pro- 

noncer avec certitude) , la victoire d' Aurlien sur les Sarmates se 



1 Gordian. 34, 3. 

2 Ib. 34, 4. 

3 Op. cit. p. 193. 

4 Gord. 26, 3. 

5 A-20, 4. 

6 Op. cit. p. 31, 



PARTE I. 01 UNA PRETESA DISFATTA DEI FRANCHI. 95 

place-t-elle ce moment, ou est-elle lgrement antrieure , Ma noi 
qui non domandiamo quando possa essere accaduto il combattimento 
in cui si segnal Aureliano , che potrebbe, considerato in s, essere 
seguito anche adesso, come pensa l'Homo; ma invece quando sia acca- 
duto il bellum Sarmaticum, di cui lo scontro di Aureliano non fu che 
un episodio. Ora tale guerra bisogna pur concludere che sotto Gor- 
diano non pot aver luogo. Principalmente perch , dato che questo 
principe abbia vinto i Sarmati, ci potrebbe essere stato in qualche 
combattimento e non in una guerra; di poi tale zuffa sarebbe avve- 
nuta nella Tracia e non nell'illirico, come vuole il passo vopischiano. 
Se l'Illirico fosse stato invaso dai Sarmati e fosse stato da Gordiano 
liberato al momento del suo passaggio per la guerra persiana , Capi- 
tolino non ce lo avrebbe taciuto. Tanto pi che , dandoci notizia di 
grandi vittorie nella Tracia, doveva poi contradirsi parlandoci della 
sconftta patita da Gordiano a cagione degli Alani. Dunque anche 
gli scarsi accenni che troviamo nella //. A. ci confermano una notizia 
che e monete ed epigrafi ci forniscono col loro silenzio. Sicch il ti- 
tolo di Victor Sarmatarum che si sarebbe trovato sull'epitaffio di Gor- 
diano, va interpretato in modo molto differente da quello che non si 
faccia. Se esso non proprio una invenzione di Capitolino, dobbiamo 
pensare che sia improntato a quell'ironia che evidentemente traspare 
nella sua chiusa. Un medesimo sentimento deve per ci avere ani- 
mato l'autore o gli autori di esso. Non potrebbe allora, con quel Victor 
Sarmatarum, essersi fatta allusione alla sconfitta toccata da Gordiano 
in campis Philippis, a cagione della popolazione Sarmatica degli Alani 
dai quali non illogico che abbia liberata la Tracia, con quel tanto 
auro che aveva portato con se ? Sono spinto a interpretare cos il signi- 
ficato dell'epitaffio, anche dalla considerazione che, altrimenti, in esso 
si verrebbe a dire che Gordiano fu prima vincitore dei Sarmati e poi 
dei Sarmati non vincitore. X credo che differente mante debba interpre- 
tarsi il Victor Germanorum. Anche Caracalla sarebbe stato chiamato 
Geticus per l'uccisione di Geta. 

Dopo tutto questo mi par che possa stabilirsi che il bellum Sar- 
maticum cui accenna Vopisco, che ebbe per teatro l'Illirico e di cui fu 
episodio il combattimento vinto da Aureliano, non accadde sotto lo 
imperatore Gordiano, 

Ci, l'abbiamo detto, sarebbe sufficiente per farci concludere che 
la guerra in quistione sia del tempo di Valeriano; ma che proprio sia 
cos, lo vediamo subito. Come Aureliano si segnal grandemente bello 
Sarmatico, similmente, racconta Vopisco ', si segnal Probo, cum bello 

1 Prob. e. 5, 



96 U. GIRI. PARTE I. 

Sarmatico iam tribunus multa fortiter fecisset. Di tutte le Vite, sola- 
mente in questi due luoghi accenna Yopisco ad un bellum Sarmati- 
cum, e mi sembra die tanto nell'uno, come nell'altro alluda alla guerra 
medesima: appare chiaro ch'egli, non usando nei due casi determina- 
zioni speciali, abbia presente alla mente un unico bellum. 

Or dunque se Probo era gi tribuno al tempo della guerra sarma- 
tica, poich tribuno fu fatto da Valeriano l , la detta guerra non 
antecedente al regno di questo principe o, almeno, continua sotto di 
lui. E poich il bellum Sarmaticum antecedente alla vittoria d'Au- 
reliano presso Magonza, questa non pu essere anteriore al regno di 
Valeriano. Altre considerazioni non saranno inutili: Vopisco dice 2 , 
parlando dei multa omina sul regno di Aureliano : nani ingrediente 
eo Anthiochia in vehiculo, quod prae vulnero tunc sedere non posset, ita 

pallium purpureum, quod in lionore eius pansum fuerat decidit ut 

Data est ei praeterea cum legatus ad Persas isset , patera qualis solet 
imperatoribus dari a rege Persarum. Pare a me che si possa mettere 
in relazione quest' ambasciata di Aureliano ai Persi col verso della 
nota cantilena che terminava con le parole : mille Persas quaerimus. 
Credo che nel 256 la sesta legione o parte di essa, abbia seguito la 
spedizione di Valeriano. Si sa quali siano state le vicende di questa 
guerra, e come, costretto l'imperatore dopo aver liberato Antiochia 
a tornare indietro per la comparsa dei Goti nella Bitinia, si sia pro- 
tratta fino al 260. Penso che 1' ingresso di Aureliano, ferito, in An- 
tiochia coincida conia liberazione della citt per le soldatesche di Vale- 
riano. noto quale sia poi stata l'ultima fase di questa campagna: 
come Valeriano abbia tentato di far pace con Sapore ed abbia spe- 
dito al re Persiano ambasciatori con doni ricchissimi. Penso che 
questa sia l' ambasciata alla quale partecip Aureliano. Sapore 
molto probabile che abbia ricevuto i legati, e senza trattar con essi, 
per mascherare meglio il piano di trarre in agguato lo stesso impe- 
ratore, li abbia rimandati con doni ugualmente ricchi , chiedendo di 
trattare con Valeriano in persona. (Ili accenni contenuti nel racconto 
vopischiano appariscono dunque fatti a questa spedizione contro i Per- 
siani. In questo modo non colloca l'Homo gli avvenimenti; n poteva 
cos collocarli avendo cambiato la cronologia di essi. Egli infatti ri- 
tiene che l'ambasciata d'Aureliano possa essere avvenuta fra il 244 
e il 251, probabilmente sotto Decio. Ma di essa dubita assai; e come 



1 Prob. 3, 5. Adulescens Probus corporis riribus tam clarus est facttis, ut Vale- 
riani iudicio tribmiatum prope inberbis acciperet. Cfr. anche e. 4 e 4, 3. 

2 Aurei. 5. 3, 



PARTE I. DI UNA PRETESA DISFATTA DEI FRANCHI. 97 

non dovrebbe, dal momento che, errando la cronologia dei fatti, tale 
notizia apparisce ben poco sostenibile E per vero , se si vuole che 
Aureliano non possa nel 256 aver vinto come tribuno i Franchi a Ma- 
gonza, poich il titolo di restitutor Galliarum apparisce troppo grande 
per un semplice tribuno, come si pu ritenere di poi, che con questo 
grado sia andato ambasciatore ai Persiani e abbia ricevuto doni che 
sogliono essere fatti agl'imperatori ? Non questa una contradizione ? 

Altre considerazioni di minore importanza potrebbero ancora es- 
ser fatte. Per esempio , ponendo la vittoria d'Aureliano sui Franchi 
nel 256, si viene a stabilire ch'egli, nato nel 214, raggiunse il grado 
di tribuno verso il quarantesimo anno. Ci che molto naturale, se 
si considera l'origine oscurissima del futuro imperatore, la quale non 
pot permettergli di entrare nell'esercito, verso il 234, che nella qua- 
lit di semplice soldato. Ammettendo la vittoria sui Franchi fra il 
242-44, egli, che in tale occasione era tribuno , avrebbe fatto, come 
si dice, carriera cos eccezionalmente rapida da sorprenderci e mera- 
vigliarci. L'Homo il quale nota da un lato clic Page legai pour l'ob- 
tention du tribunat lgiannaire tait trente ans, e riconosce dall'altro 
che Aureliano nacque il 9 settembre del 214 , afferma che il n' a 
pu Otre nomine tribun de legion avant les dernires annes de Gor- 
dien III (vers 242-244), au plustot . Ma dunque nel 242 egli non aveva 
compiuti i trent'anni , e quando li compiva (il ! settembre del 244) 
Gordiano Terzo era gi l morto da parecchi mesi. Ed allora, mi servo 
delle parole del Becker in opposizione al Wietersheim Philippus Arabs 
ineunte imperio pacem fecerat cum Persis ita, ut Francis 244-240 pro- 
stratis milites non cecinisset: mille Persa* quaerimus. 

Termino dunque riassumendo cosi : la prima vittoria di Roma sui 
Franchi, di cui si abbia vera e propria notizia non pu essere acca- 
duta che durante il regno di Valeriano e Gallieno, e probabilissima- 
mente nel 256 : contro tale data non esiste alcun vero argomento clic 
possa farci pensare per questo fatto al regno di Gordiano, durante il 
(piale, per, non si nega che i Franchi possano avere scorazzato la Gallia 2 . 



1 Ci osservo all'Homo che. per la sua tesi, si serve di questo argomento. 

2 Le monete descritte dal Blauchet (on. cit. rinvenute nei territori che fu- 
rono teatro delle invasioni de' Franchi, non hanno importanza per la quistione, 
ne si comprende quale sia il valore che ad esse attribuisce 1' Homo che le cita. 
Del resto bene avvertire che lo stesso Blanchot , nella parte cronologica della 
sua opera, a p. 9 , si limita a dire che - e' est probablement en 241 , qu' Aure- 
licn dfit les Francs, prcs do Mayence. 

Soma. 

Ugo Giri. 



TRAIANI DUO 

in numis a Treboniano restitutis. 



Nella Sezione di Numismatica del Congresso internazionale di 
Scienze storiche adunato in Roma nell' aprile del 1005 , e alla pre- 
senza appunto dell' illustre scienziato cui si dedica questo volume, 
chi scrive aveva P onore di svolgere una comunicazione che qui per 
sommi capi si riassume : 

La notissima serie di denarii del III secolo, cosidetti antoniniani, colla 
effigie e il nome di un imperatore divinizzato nel dritto (DIVO AVGVSTO , 
DIVO VESPASIANO, DIVO TITO, ecc.), e col rovescio della CONSECRATIO 
(un' aquila od un' ara), dopo lunghe discussioni non ha potuto ancora ada- 
giarsi in una sede soddisfacente e definitiva. 

Gli scrittori dei secoli XVII e XVIII propendevano ad attribuirli al re- 
gno di Gallieno, e quest'opinione fu seguita generalmente anche dai tratta- 
tisti e dai raccoglitori del secolo XIX , sullo scorcio del quale tuttavia co- 
minci a prevalere l'opinione che vadano piuttosto assegnati a Filippo. 

Lo scopo di questa mia breve comunicazione uon di esporre o va- 
gliare gli argomenti che militano per l' una o per l'altra di queste attribu- 
zioni. Ci equivarrebbe al ripetere cose risapute, e all'arrogarmi un'autorit 
cui non posso menomamente pretendere. Mio scopo di apportare invece 
una modesta pietruzza all'edificio, senza illudermi di poterne coronare il fa- 
stigio. 

Gli antoniuiani di cui parliamo sono dedicati ad undici imperatori : 
Augusto, Vespasiano, Tito, Nerva, Traiano, Adriano, Antonino Pio, Marco 
Aurelio, Commodo, Settimio Severo e Sev. Alessandro. soltanto di quelli 
di Traiano che intendo occuparmi. 

Essi presentano la singolarit che l'effigie dell'ini iteratole offre due tipi 
diversi. 

Il primo ha il tradizionale ritratto di Traiano , quale siamo avvezzi a 
vederlo sulle monete contemporanee di quell'imperatore, coi capelli disposti 
a larghe ciocche arrotondate. 

Nel secondo , il busto di Traiano ha i capelli non disposti a ciocche 
ma uniformemente tratteggiati, come p. es. sulle monete di Treboniano Gallo; 
e , particolare curioso, il ritratto dell' imperatore assai differente, presen- 



TRAI ANI DUO. 99 



tando un' altra fisonomia caratterizzata soprattutto dal naso spiccatamente 
aquilino. 

Ebbene, s'io non m'inganno, qui ci troviamo di fronte, non a due tipi 
della stessa moneta , ma a due imperatori diversi : il primo veramente 
Traiano; il secondo Traiano Decio. 

In tal caso , siccome Traiauo Decio il successore di Filippo , queste 
cosidette restituzioni o consecrazioni non si possono evidentemente 
pi attribuire a Filippo , ma si devono attribuire invece a qualcuno dei 
successori di Traiano Decio ; senz' essere necessario per questo di scendere 
sino a Gallieno. 

Si ritornerebbe insomma , per altra via , alla conclusione formulata da 
Eckhel, che cio quella serie deva essere stata approssimativamente emessa 
nel periodo tra Filippo e Gallieno. 

E, se mi lecito esprimere il mio avviso persouale, pure per altra via 
risalirei all'ipotesi del Pellerin, che cio appartenga al regno di Treboniano 
Gallo, ipotesi che quell'autore sostiene con plausibili ragioni. 

Veramente, chi scrive s'immaginava allora che non occorressero 
ulteriori dimostrazioni per appoggiar la sua tesi, fuorch l'esibizione 
dei calchi delle due monete; esibizione ch'egli si affrett a fare, ot- 
tenendo dagl' intervenuti queir immediato consenso che risulta da' 
verbali del Congresso. 

La comunicazione fu poi inserita nella Rivista Italiana di Nu- 
mismatica i e ristampata negli Atti del Congresso 2 ; e se pass ge- 
neralmente inosservata, o trov fors'anche pi d'un incredulo (perch 
le riproduzioni dai gessi riuscirono, a dir vero, assai confuse), ebbe 
tuttavia una recensione che qui ci permettiamo di riportare, quantun- 
que troppo benevola. La riportiamo per due motivi : anzitutto per 
che rinforza con un altro argomento quelli clic avevamo addotti a 
sostegno della nostra tesi, poi perch accentua il modo pi che guar- 
dingo in cui l'avevamo enunciata, com'era ben doveroso in chi (pur 
essendo intimamente convinto di non aver torto) sapeva di porre il 
piede su terreno malfido e in cui poteva passare per un intruso. In- 
fatti, i precedenti scientifici qualsiansi dello scrivente non compren- 
devano nessuna indagine particolare intorno alla monetazione roma- 
na ; ed egli aveva poi il peccato originale di non essere n un ar- 
cheologo u uno storico ma un semplice numismatico, e (quel eh' 
peggio) con predilezioni medievalistiche. 



1 Ami XVI (1903), fase. II pag. 193-200, con 2 fotoincis. nel testo. 

2 Voi. VI, Atti della Sez. IV: Xumismatica, Roma, 1901 pag. 93-99. 



100 S. AMBROSOLI. 



La recensione in parola usc nel Bollettino di Numismatica l , ed 
era del tenore seguente : 

L'a. con questo lavoro ha fatto una scoperta che sarebbe un 
vanto anche per il pi dotto specialista di numismatica romana ; 
e noi siamo pi che convinti delle ragioni che V a. espone quasi 
timidamente, mentre avrebbe potuto darle come un fatto assoluta- 
mente certo e pel quale non si possono fare obiezioni. Per noi, 
quantunque non ce ne sia il bisogno, ci arrischiamo a portare un 
altro argomento a sostegno della tesi dell'a. ; ed il fatto dell' e- 
sistenza di una moneta di Augusto (Cohen n. 579) col diritto DIVO 
AVGVSTO e testa radiata a d. assolutamente identica al tipo delle 
consacrazioni di cui tratta l'a., ma il cui rovescio, anzich CON- 
SECRATIO, invece IVNONI MARTIALI , cio quello comunissimo 
di Treboniano e Volusiano. evidente quindi che questa moneta 
un prodotto dell'ibridismo causato dalla confusione dei coni, il che 
non poteva accadere se gli zecchieri non avessero coniato contem- 
poraneamente le monete di consacrazione e quelle di Treboniano 
Gallo e di Volusiano 2 . 

Ciononostante, leggevamo pi recentemente, in altro periodico 3 , 
un cenno in cui parlando della nostra comunicazione inserita negli 

Atti del Congresso, si diceva : queste affermazioni abbisognano 

certamente di prove maggiori prima d'essere accettate . 

Ebbene, siamo lieti che qui ci si presenti l'occasione di addurre 
appunto nuove prove a sostegno , non gi delle nostre affermazio- 
ni , ma delle ipotesi che molto guardingamente, molto modestamente 
come si visto, avevamo creduto di poter formulare. 

Queste prove o questi argomenti, s'intende, non devono tener 
conto della diversit d'effigie, devono farne anzi completa astrazione, 
ed aver forza indipendentemente da essa. 

Anzitutto , si visto che gli antoniniani in discorso sarebbero 
coniati in onore di undici imperatori. Non strano questo numero 
di undici Non si presenta spontanea la suggestione che se ne deva 
aggiungere per lo meno un altro e formare cos (come dicevamo nella 
nostra succinta memoria) una serie di dodici imperatori divinizzati 4 ? 



1 Anno II, N. 2, Milano, febbraio 1904. 

2 Quest'acuta osservazione, alla quale gli scrittori del Bollettino sono giunti 
per penetrazione propria, si trova gi nel Pellerin, Ilecueil des mdailles des Peuples 
et des Villes, t. Ili, Paris, 1743. 

3 Bollettino della Societ pavese di Storia patria, fase, del marzo 1905. 

4 .... una serie completa di dodici imperatori divinizzati, come vi erano do- 
dici dii consentes , 



TRAIANI DUO. 101 



Troviamo adombrato implicitamente questo concetto anche in un 
articolo assai importante del eli. Prof. Kubitschek dell'Universit di 
Vienna, intorno ad un ripostiglio scoperto cinque anni fa nella Ser- 
bia, articolo che avremo occasione di citare ancora. 

Sembra egli scrive che la lista di codeste monete di con- 
sedazione non deva pi accrescersi , o per lo meno non deva ac- 
crescersi notevolmente. Dei 24 tipi che ci offre la serie, 23 erano 
gi conosciuti sin dal tempo di Eckhel, anzi erano gi rappresen- 
tati prima del 1743 nella collezione dell'Abate de Rothelin. Vi 
quindi ben poca probabilit di completare con qualche altro no- 
me la lista dei divi , p. es. con quello di Cesare , Claudio , Vero , 
Pertinace, Caracalla, Gordiano o con altro qualsiasi l . 

Infatti, nella collezione dell' Ab. de Rothelin figuravano gi i no- 
mi di tutti gli undici imperatori dei quali si conoscono sino ad oggi 
gli antoniniani di consecrazione 2 . Un secolo e mezzo di ricerche non 
valsero ad aggiungere un solo nome a quell'elenco. Crii che appunto 
(a nostro modo di vedere) si cercava troppo lontano; e il duodecimo 
nome mancante era gi incluso nell'elenco, era quello cio di Decio, 
nascosto sotto l'ingannevole forma : DIVO TRAIANO. 

L'identit del nome inducendo in errore osservavamo nella no- 
stra comunicazione, occult sinora ai numismatici la diversa indi- 
vidualit dell'imperatore, che ai tardi nepoti ha potuto sfuggire, tanto 
pi trattandosi di monete piuttosto rozzamente eseguite; ma nel III 
secolo (cio all'epoca dell'emissione di esse) l'identit del nome non 
poteva produrre contusione, essendo allora familiare a tutti il ritratto 
recente di Decio. 

Cosi, se oggi ]>. es. un busto riproducesse le sembianze del no- 
stro giovane Sovrano, e recasse la semplice scritta: Ke Vittorio) e 
un altro, con la medesima scritta, raffigurasse invece il defunto Pa- 
dre della Patria, chi mai li confonderebbe .' 

L'epigrafa romana, d'altronde, non ha esemp di nomi identici 
ad indicare personaggi diversi .' Basti il ricordare Caracalla ed Elio- 
gabalo. 

Si potrebbe forse obbiettare che Traiano un semplice cogno- 
me di Decio, e che la forma regolare della leggenda dovrebb' essere 
piuttosto : DIVO DECIO. Ma si pu rispondere che precisamente e 



1 Knbitschek (Wilh.) Ehi Fund romischer Antomnine au* Serlien. In Numi- 
xmat. Zeitschrift, Vienna, 1901, pag. 191-92. 

2 Vaillant (Joannes), Xumismata Impcratorum Ilomanorum praestantiora. T. II. 
Komae, 1713 pag. 373-74. 



102 S. AMBROSOLI. 



soltanto in codesti antoniniani di restituzione abbiamo anche un al- 
tro esempio di una forma che si scosta dall'uso , cio DIVO MARCO 
per Marc' Aurelio. 

D'altra parte, la forma DIVO TRAIANO, usata per Decio, lo as- 
similava al grande Traiano , ed era quindi mirabilmente adatta per 
una moneta onoraria (tanto pi , diciamo , se emessa per ordine di 
Treboniano Gallo; il motivo lo vedremo in sguito). 

Ben pi grave sarebbe 1' obbiezione che Traiano Decio non fu 
divinizzato , e che quindi non possa riferirsi a lui una moneta col 
predicato divo. 

Avevamo gi tentato di prevenire quest' obbiezione col citare 
Eutropio, al dire del quale, Decio dopo la sua morte fu divinizzato, 
sia poi solo od unitamente al tglio Erennio \ vero che Eckhel 
motteggia Eutropio per la soverchia liberalit nel concedere questo 
onore agl'imperatori di cui narra le vite 2 ; ma, dicevamo, forse 1' il- 
lustre nummografo vi sar stato indotto dal non trovarsi monete di 
consecrazione di qualche altro imperatore del quale pure Eutropio 
afferma che fu divinizzato. E aggiungevamo che almeno per Decio 
l'informazione di Eutropio ci sembrava ricevere una conferma dalla 
numismatica (ossia dal nostro antoniniano). 

Ma ora abbiamo la soddisfazione di poter dire che l'informazione 
di Eutropio suffragata da un' altra testimonianza e da altre auto- 
rit, di ben maggior momento delle povere nostre parole. 

Poco prima cio del Congresso di Roma , nel fase. 2 dell' anno 
190U del Bullettino di quell' Imperiale Istituto Archeologico Germa- 
nico , (fascicolo che allora non avevamo avuto occasione di consul- 
tare), il eh. Prof. Hiilsen pubblicava un'Iscrizione col nome del Divo 
Decio 3 . E nel pubblicarla osservava : L'epigrafe fornisce l'unica te- 



1 Eutropius, breviarium ab Urbe condita [ed. Kuehl]. Lips. 1887, IX, 4 : Cuui 
iniperassent biennio ipse [Decina] & nlius , uterque in Barbarico iuterfecti sunt. 
senior meruit iuter divos referri. 

2 Eckhel, Dottrina numorum veterum, Voi. Vili, Viudobonae , 1798 pag. 463: 
Augeri poterit numerus ex testhnouiis veterum aliis, ac praecipue Euoropii, in 
conferendo consecrationis honore perquain liberalis . 

Cfr. anche Stevenson , A Dictionary of Roman Coins (London , 1889 pagi- 
na 313J : Eutropius, ever liberal in awardiug divine houours to priuces, states, 
that Decius and his sou (!!?) were numbered ainong the gods. 

3 11 Prof. Hiilsen aggunge in nota: La moneta con consecratio sul rovescio- 
citata da numismatici antichi dichiarata falsa dall'Eckhel, Doctr. num. vet. , 
voi. VII, p. 335. A questo proposito giover notare, in primo luogo che Eck- 
hel non la dichiara propriamente falsa, ma la dice soltanto sospetta ( Leciuiu 
fuisse consecratum, scripsit Eutropius, et testaretur etiam numus praesens, nisi 



PARTE t. TRAIANI DUO. 03 

stimonianza contemporanea per il titolo divus dato a Decio. Ne in 
iscrizioni n sopra monete genuine questo titolo apparso . 

Codesta importantissima epigrafe , gi conservata sino a pochi 
anni fa nella Villa Borghese a Roma, poi acquistata da Emilio Zola 
e fatta da lui trasportare a Parigi, assai corrosa e malconcia, ma 
il sig. Seymour de Ricci dimostro che dedicata ai divi Decio ed 
Erennio, DIVO DECIO ET DIVO HERENNIO l . 

Ognun vede di qual momento sia stata questa testimonianza, che 
sfata (se non c'inganniamo) la pi temibile fra le eventuali obiezioni. 

Un secondo argomento sarebbe fornito dai ripostigli o tesori mo- 
netali ; poich p. es. in quello descritto dal Prof. Kubitschek, com- 
prendente monete da Eliogabalo ad Emiliano (cio tutte anteriori a 
Gallieno), si trovava un antoniniano della nostra serie. Basterebbe 
ci nota il valente nummografo per rovesciare 1' ipotesi che 
queste monete di consecrazione siano dei tempi di Gallieno , se il 
loro aspetto medesimo non contraddicesse abbastanza chiaramente 
quest'opinione 2 . 

Un terzo argomento ci sarebbe dato dalla circostanza che gli 
antoniani con DIVO TRAIANO sono (a quanto sembra) i pi comuni 
della serie. 11 Prof. Kubitschek :i ci d uno specchietto degli esem- 
plari conservati nel Museo di Vienna, e da esso risulta che quelli con 
DIVO TITO e quelli con DIVO TRAIANO si equilibrano per numero; 
ma avendo noi esteso la statistica ad altre collezioni (Brera, Gnec- 
chi , Torino , ecc.) , abbiamo visto confermarsi che quelli con DIVO 
TRAIANO sono i pi numerosi di tutti, come ritenevamo, e come na- 
turalmente si spiegherebbe benissimo se in realt si dovessero sdop- 
piare e ripartire fra Ulpio Traiano e Traiano Decio. 

Veniamo ora all' ultimo argomento, che solo in parte nuovo, 
perch sostanzialmente lo abbiamo gi addotto nella comunicazione 
al Congresso. 



auspicio esset male sociatae aversae, quia iu autica Dici mentio abest ) in se- 
condo luogo, che, a nostro sommesso giudicio, si tratta non gi di una moneta 
falsa o sospetta, bens di un antouiuiauo genuino e simile al nostro, ma soltanto 
mal descritto nel catalogo della propria raccolta comunicato dal Conte Verit al 
Tanini, che ne accolse la descrizione nel suo Supplemento alla nota opera del 
Band uri sulle monete imperiali. 

1 Jahceshefle dea Oesterreichischen arcMologischen Inxtitutes, Band V, Beiblatt, 
pag. 13, Vienna, 1902. V. anche il Ballettino test citato, pag. 167, e la Recue ar- 
ehologique, 1903, t. I, pag. 331-32. 

2 L. e, pag. 191. 

3 L. e, pag. 191. 



104 8. AMBROSOLI. parte i. 

Dicevamo allora che l'ipotesi pi verisimile ci sembrava quella 
del Pellerin , cio che la nostra serie di antoniniani enigmatici ap- 
partenga al regno di Treboniano Gallo , aggiungendo che quell' au- 
tore la sostiene con plausibili ragioni i ; e che del resto anche Eck- 
hel si accosta all'opinione di lui 2 . 

Diremo ora, per rincalzare l'argomento, che l'attribuzione a Tre- 
boniano ci sembra tanto pi verisimile, in (pianto che questi, a detta 
di alcuni scrittori, trovandosi agli ordini di Decio lo aveva tradito e 
ne aveva perfidamente cagionato la morte 3 , per usurpare 1' impero. 

Dato questo precedente, e data l'ipocrisia di Treboniano, ci sem- 
bra tanto pi conforme al suo carattere, che a lui e non ad altri si 
debba attribuire la coniazione del nostro antoniniano in onore di 
Decio, il quale aveva pur dovuto essere stato assunto fra gli Dei col 
consenso di Treboniano *. 

La insigne vilt di costui ci fa apparire assai probabile eli' egli 
appunto, stretto dalle supreme angoscio fra le (piali si dibatteva lo 
impero, e oppresso fors'anche dai rimorsi, tributasse precisamente a 
Decio, per placarne l'ombra, il postumo e sterile onore d'includerlo, 
assimilandolo anzi al grande Traiano , in questa serie monetale di 
consecrazione, ch'egli faceva emettere nella, credenza superstiziosa di 
propiziarsi l'avverso destino. 



1 Pellerin, Recueil. T. Ili, pag. lj : Qnant au motif qui pent avoir engag 
Trbonien-Galle faire fabriquer cette espce de mdailles , 1' Histoire nous 
apprend que durant tout son rgne.... la peste qui avoit cornmenc sous Trajan- 
Dece, ne cessa point eu Italie, & qu'occup des nioyens de l'arrter, il employa 
entre autres celui des sacrifices qu'il ordonna dans toutes les provinces de l'Em- 
pire. Il invoqua tous les Dieux gnralement ; de sorte qn' on peut jnger que 
rgardant cornine tels les Einperenrs ses prdcesseurs qui avoient t deifica 
aprs leur mort , & voulaut que les peuples les invoquasseut de meme , il fit 
Trapper pour cela ces mdailles qui renouvelloient la uimoire de leur cons- 
cration . 

2 Doctr. num. vet. T. Vili, pag. 467 : In nnmis iis, in quibus Trebonianus 
aut proximorum alius superiorum principum eousecrationem restituit . 

3 Zonaras, XIl, 20, p. 589. Cfr. anche Zosimo, I, 23, Jordan. Get. 18, Anr. 
Vict. Caes. 29, 5. 

4 Tauinius, Supplementum ad Bandurii numismata Imperatorum Eomanorum. Eo- 
mae 1791 , pag. 1 : Decius ad ini peri uni evectus , Senatnm , Populuinque Ro- 
manum in pristina iura restituit ; ideoque Pater Patriae merito appellatus , et 
amplissimi Ordinis decreto, adsentiente Treboniano Gallo, apotheosi donatns . 

Milano. 

Solone Ambrosoli 



TRINAKRIA - THRINAKIA. 



Die Insci Sizilien ist wegen ihrer dreieckigen Gestalt mit Becht 
Trinakria genannt worden, wird aber mit Unrecht aneli fiir die ho- 
meriscbe Insel Thrinakia erklart, fiir jenes von Odysseus auf seiner 
Irrfahrt besuchte Eiland , auf dem die liinder des Ilelios weideten. 
Demi @QLvaxCi] ist das Land des %-Qvai, . der Heugabel , und mnss 
dalier eine gabelformige Insel gewesen sein. Dass Sizilien dieser 
Bedingung durcliaus niclit entspricbt, liegt auf der II and. Wo hat 
demi aber die boiiieriselie Insel Tbrinakia gelegen ! 

Wbrend die alten und aneli einige neuere Geograpben Thri- 
nakia in Sizilien erkennen (z. B. Strabon VI !()."); V. Brard, Les 
rhniciens et V Odysse , 365 ; II. Xissen Italisclie Landeslavnde I, 4, 
Anni. I) , glauben Andere eine gar niclit voiiiandene gabelformige 
Insel zwisehen Italien und Sizilien annehmen zi diirfen (z. B. Fried- 
reicli , Die Realien in der Iliade und der Odyssec , 4(> ; E. Bucliliolz, 
Homerische Geographie, 2G0). Nodi Andere (so v. VVilamowitz, Homer. 
Untersuchungen , 108) denken an den Beloponnes , weil dieser in der 
Tat ga bel torni ig ist und weil ani Tainaron nach (lem Ilyinnus auf 
Apollon (v. 411) Rinder des Ilelios weiden. Wieder Andere (so v. 
Baer, Die homer. Lolcalitaten, 14) denken sugar an die weit entfernte 
gabelformige Insci Imbros. Endlicli fehlen aneli solelie Gelelirte niclit, 
die jeden Gedanken an cine virkliohe Insci verwerfen und Thrinakia 
lediglieli ins Fabelland des Dicliters verweisen. 

Gegen alle diese Ldsungen der Thrinakia-Frage erheben sieli 
niclit unwesentlielie Bedenken. Eine jetzt niclit inehr voiiiandene 
Insci zwisehen Sizilien und Italien anzunehinen odev Thrinakia fiir 
ein voni Dichter frei erfundenes Land /u erklaren , ist hoehstens 
dami gestattet, wenn wirklieli kein Gabellami zwisehen der Meerenge 
vini Messina (der Skylla und Charybdis Iloiners) und Itliaka vorhan- 
den wa're. bml den jenseits von Itliaka liegendcn IVloponnes odcr 
sugar die nodi weber nach Ostcn entfernte Insci Imbros fiir das 
gesuchte Gabellami zu halten, verbietet die Riicksicht auf den Lauf 
der odysseischen Irrfahrt. wie Homer i lui schildert. 

Ioli glaube indessen, dass es in der vcrlangtcn Gegend ein sehr 



106 W. DRPFELD. PARTE I. 



gut passendes Gabelland giebt, und bitte uni die Erlaubnis , diesen 
neuen Vorschlag zur Losung der Thrinakia-Frage Ilmen , verehrter 
Freund, der Sie Ilir ganzes Leben der Geschichte und Kunst Ihrer 
Heimat gewidmet haben, zur Priifung unterbreiten zu diirfen : Es 
scheint nir , dass der siidliehe Teil von Italien init seinen beiden 
Halbinseln jenes Land des Thrinax ist, an deni Odysseus auf seiner 
Irrfahrt landet. 

Uni die fui* meinen Vorschlag sprechenden Grande besser verstand- 
lich machen zu konnen, muss ich zunchst den allgemeinen Verlauf 
der Irrfahrt und seine geographisehe Ansetzung kurz besprechen. 

Auf der Biickfahrt von Troja nach Ithaka koinmt Odysseus , 
nachdem er die Stadt Ismaros in Thrakien eingenommen hat , zuerst 
an den Peloponnes , den er umfahren muss , uni zu seiner Heimat- 
Insel zu gelangen. Durch einen Nordstnrm wird er jedoch nach Sii- 
den verse! ila gen und landet nach einer neuntagigeii Fahrt bei den 
Lotophagen, offenbar Bewohnern der afrikanischen Kiiste, wo Lotos 
noch beute wie im Altertunie gegessen wird. Weiter erreicht er nach 
kurzer Fahrt das Land der Kyklopen , das vvohl ebenfalls an dei* 
Kiiste Afrikas gesucht werden muss (vgl. v. Wilamowitz , Homer. 
UhterSi , 104). Von dort fahrt er zur Insci des Aiolos , deren Lage 
unbekannt ist. Denken wir sie uns etwa im heutigen Malta, so wiir- 
den wir verstehen, wie Odysseus in neuntagiger Fahrt, oline andere 
Lnder zu beriihren , in die Nane von Ithaka gelangt und dami in 
Folge des Ungehorsams seiner Gefahrten von den entfesselten Winden 
wieder zur Aiolos-Insel zuriickgeworfen wird. Waren dagegen die Li- 
parischen Inselli , wie Manche meinen , das Land des Windgottes, 
so batte Odysseus scbon auf diesel* Fahrt nach Ithaka zweiinal die 
Skylla und Charybdis passieren iniissen. 

Auf der Weiterfahrt koinmt der Ileld nach sechs Tagen zu den 
Laistrygonen , deren Stadt Telepylos scbon durch ihren Namen als 
cine sehr terne bezeichnet wird. Auch dieses Volk haben wir in dem 
Lande der Meiischeiifresser , in Afrika , anzunehmen. Von den Lai- 
strygonen vertrieben , rettet Odysseus sich zu der nahe liegenden 
Insel der Kirke , nach Aiaia. Dass der Dichter sich diese Insci ani 
siidlichen Ende des Aithiopenlandes dachte, glaube ich aus mehreren 
Grunden schliessen zu diirfen, die ich hier nur andeuten kann. Auf 
dei* Insci der Kirke oder in ihrer Nahe wohnten auch Eos und Ile- 
lios. Aiaia ist nicht zu trennen von Aia, dem Lande des Aietes, der 
Kirkes Bruder war. Wie die Senne an jedem Abend iiber den Westen 
hierher kommt, uni ani nachsten Morgen iiber den Osten wieder zur 
griechischen Welt zu gelangen, so kann auch der Schiffer iiber den 



TRIXAKRIA THRINAKIA. 107 



Westen oder iiber den Osten Aiaia erreichen. Der ausserste Westen 
iind der ausserste Osten stossen hier zusammen. Da Helios liier niclit 
oben ani Himmel erscheint, sondern hier ubernachtet, so sagt Odys- 
seus mit Recht zu seinen Gefahrten, dass man hier niclit Avisse, wo 
Osten und Westen sei oder avo Helios aufgehe nini untergehe. liei 
Aiaia befindet sich ferner niclit das griechische Meer, sondern der 
TtslQitog TtvxoSj das endlose Weltmeer, der Okeanos; iiber ihn fahrt 
Odyssens mit Nordwind biniiber , uni zum Eingang des Hades zu 
gelangen. 

Nach Angabe der Kirke stehen dem Odyssens, um von Aiaia 
in seine Ileimat zu fahren , ebenfalls jene beiden Wege der Sonne 
znr Verfiigung. Den Weg iiber den Osten, der durch die Plankten 
fiihrte , batte nur die Argo gemacht ; den andern Weg , der iiber 
den Westen zwischen der Skylla und der Charybdis hindnrch fiihrte, 
sclilagt Odyssens eia. Dass unter dem letzteren Weg die Meerenge 
von Messina zu versteben ist, hat man weder ini Altertume nodi 
in der Gegenwart ernstlich in Zweifel gezogen. Der ostliche Weg 
gelit durch den Hellespont, der schon znni Okeanos gehort und daber 
aneli jtSiQcov lieisst (II. I 350 und XX LV r>4.">). Das Land der Kirke 
und des Aietes darf aber niclit etwa nach dem Schwarzen Meere 
verlegt werden, Arie manche (lelelirte nach dem Vorgange der Alten 
tun. Honier Aveiss davon nichts. Krst die Jonier der spiiteren Zeit 
babeli Aia ani Schwarzen Meere in Kolcbis lokalisiert , nicht aber 
der Diebter der Odyssee oder der des Argonauten-Liedes. In dersel- 
ben jiingeren Zeit sind auc'li erst die Kimmerier in das Epos gekom- 
nien und in die Clegend des Hades-Einganges gesetzt worden. 

Xachdem Odyssens die gelhrliche Durchfahrt zwisclien Skylla 
und Charybdis unter (lem Verluste einiger (ietalirten passiert hat , 
koninit er znr Insci Thrinakia, wo die Rinderlicrden des Helios wci- 
den. Von dort gelangt er nach leni einen Berichte (Od. XXIII 333) 
sofort nach Ogygia, wiihrend er nach der austiihrlicheren Erzahlung 
(Od. XII 403) zuerst nochmals zur Skylla und Charybdis und erst 
darauf zur Insci der Kalypso vcrschlagen wird. Von Ogygia fahrt er 
dami spater auf seineni Flossc nach Selleria. Dies Land der Phaiaken 
haben die Alten einstimniig in Kerkyra-Ivorfn erkannt, wiilirend die 
Xeueren vielfach andercr Ansicht sind. Mir scheint diese (ilcich- 
setzung vollkommen gesichert, wegen der Lago Kerkyras gerade an 
der Stelle avo man volli Westen mieli Cricchenhind hiniiberfuhr , 
Avegendes richtigen Abstamles Kerkyras von Leukas-Ithaka, wegen der 
Xalie von Dodona und wegen des durch das Thesprotenland fiihrenden 
LandAveges von Kerkyra nach Leukas-Ithaka. 



108 W. DRPFKLD. PARTE I. 

Da ss Odysseus nach der einen Erzahlung nodi ein zweites Mal 
zur Skylla und Charybdis getrieben wird , haben einige Homerfor- 
scher aus verschiedenen Griinden fur einen spateren Zusatz erklrt 
und deshalb gestrichen (vgl. E. Kammer , Die Einlieit der Odyssee , 
548). Aneli mir scheint dies schon deshalb notwendig , weil sonst 
Odysseus uf dem Wege von Ogygia naeh Selleria noeli ein drittes 
Mal die Meerenge batte passieren miissen. Streichen wir jedocb das 
zweite Abentener des Odysseus an der Charybdis, so haben wir als 
letzte Stationen der ganzen Irrfahrt : 1. die Skylla und Charybdis , 
2. Thrinakia, 3. Ogygia, 4. Selleria und 5. Ithaka. 

Wer im Altertum mit dem Segelschiff vom Westende Siziliens 
nach Griechenland fahren wollte, blieb zuerst an der Xordkiiste Si- 
ziliens , passierte die Meerenge von Messina und fuhr dami an der 
K liste des heutigen Kalabrien entlang bis an das Vorgebirge von 
Kroton. Xachdem er hier die Kiiste verlassen hatte , konnte er ent- 
weder quer iiber das Meer direkt nach Kerkyra zu gelangen snehen, 
oder aber zunchst iiber den Colf von Tarent fahren, um die Siid- 
spitze des heutigen Apulien , des alten Japygia, zu erreiclien , und 
dami noch ein zweites Mal das bobe Meer durchkreuzen, um naeh 
Kerkyra zu gelangen. Auf der weiteren Fahrt bis Ithaka brandite 
er die Kiiste des Festhmdes und der Inselli nicht inehr zn verlassen. 
Zwischen Sizilien und Griechenland pflegte also der antike Schiffer 
mir zwischen Kroton und Kerkyra die Kiiste aus den Angeli zn ver- 
lieren. Da das japygische Kap gerade die Mitte dieser Fahrt iiber 
das offene Meer einnahni, konnte es als der Mittelpnnkt des grossen 
Westmeeres, als sein o^icpalog bezeichnet werden. 

Wenn min Odysseus nach Passiermig der Meerenge von Messina 
etwa ani sudwestlichen Ende Italiens landete , und scine Gefhrten 
hier die Kinder des Helios verzehrten , so wiirdc cs sehr verstand- 
lich sein, wenn er bei der Weiterfahrt vom Sturine iiberrascht und 
naeh dem Mntergange seines Schiffcs zuni Kap von Japygia ver- 
sclilagen worden ware; von dort batte er dann spater iiber das adda- 
tisene Meer nach Kerkyra hiniiberfahren miissen. Falls bei dem Vor- 
gebirge von Japygia die homerische Insel Ogygia angesetzt werden 
diirfte , und falls ferner die siidwestliclic Ilalbinscl Italiens zar h<>- 
merischen Insel Trinakia gehorcn konnte, wiirden oifenbar alle jenc 
fiinf letzten Stationen der Irrfahrt in der einfachsten und besten 
Weise geographisch untergebracht sein. 

Sprachlich ist &Qivaztrj , wie wir schon sahen , das Land des 
d-QLva,, eiiier beim Gctreide und Heu benutzten hlzernen Gabcl, die 
im Altertum und beute nur zwei oder drei Zinken hat. Giebt es nun ; 



TRINAKRIA THRINAKIA. 109 



so diirfen wir fragen, westlich von Kerkyra ein Land, <las niehr die- 
sen Namen verdient , als der siidliche Teil von Italien niit seinen 
beiden Halbinseln? Der Grand, Avarimi die Homerforscher beim Su- 
chen nach Thrinakia an dieses ausgesprochene Gabelland niclit ge- 
daclit haben, liegt wohl-nicht in deni Umstande , dass es nur zwei 
vorspringende Halbinseln liat, demi man wusste gewiss, dass die Heu- 
gabel oft nur zwei Zinken hat. Vielmelir schliesst man wohl haupt- 
siiehlieh deshalb Italien ganz aus, weil es eine Halbinsel ist , wah- 
rend Thrinakia nach Homer eine Insel sein muss. Dazu kommt 
vielleieht noch das andere Bedenken , dass Thrinakia nicht an der 
italischen Kiiste liegen diirfe, weil die Insel der Kirke vielfach eben- 
falls in oder bei Italien angesetzt wird (so V. Brard, Les Phniciens 
et VOdysse II 2C7). Da Homer sich die Insel der Kirke meines Er- 
aehtens an der afrikanischen Kiiste denkt , so musste Odysseus anf 
seiner Heimfahrt an der Xordkiiste von Sizilien entlang fahren, nnd 
gelangte erst nach der Skylla nnd Charybdis an die italische Kiiste. 
Aber aneli das erste wichtigste Bedenken liisst sieh unschwer wi- 
derlegen : Italien war tur Homer cine Insel ; das adri.atische Meer 
war ihm nodi nicht als geschlossen bekannt. Wie sein Weltbild ini 
Westen iiber Sizilien nicht hinausging, so wusste er aneli im Xorden 
niehts von dein Zusammenhange von Italien nnd Griechenland. In 
Bezug anf das Weltbild des Diehters mag hier nur angedeutet wer- 
den , dass tur Homer nnd seine Zeitgenossen die tqoxuC der Sonne 
nachweisbar hinter Sizilien lagen; dort war die Stelle, wo die Sonne 
auf ilirein Tageslaufe sieh wendete, uni nach Vollendung ilirer Himmels- 
bahn an (leni westlichen Aithiopenlande entlang nach Aiaia zu ge- 
langen. Die entsprechende Wendestelle ini Osten lag hinter den 
Bergen der Solymer, wo die Sonne ani Morgen, nachdem sic an den 
ostlichen Aithiopen vorbeigezogen war . cine Wendung niaehte , uni 
ani Hinimelsgewlbe hinaufzusteigen. Wir brauchen also, uni das siid- 
liche Italien tur die Zeit Homers als Insci <les Weltmeeres nach- 
zuweiscn, nicht cinnial zu der Annalinie eincs ungenauen Sprachge- 
brauches unsere Zuflucht zu nehnien nnd daran zu erinnern , dass 
die Alten zuweilcn Halbinseln als Inselli bezeichnet haben. Ich sehe 
demnach kein Hindernis niehr . in Sud-Italien die homerisehe Insci 
Thrinakia zu erkenncn. 

Wo liegt nur aber Ogygia ? Haben wir irgend ein Recht, diese 
Insel der Kalypso als einen Teil unserer Insci Thrinakia anzunehmen 
und in ihrcni siidstlichen Torgebirge Japygia zu erkennen ? Schon 
v. Wilamowitz {Hom. Untersuchungen , Hi) hat darauf hingewiesen , 
dass djyvytog urspriinglich ein Adjectiv ist und cincin xsvios ent- 



110 W. DRPFKLD. 



spricht. Die vrjtiog yvyCrj (Od. VI 172), auf der die vom Dichter er- 
fundene Nymphe Kalypso den Odysseus zuriickhalt, niuss also in den 
Augen des Dichters irgend eine Insel des grossen Weltmeeres ge- 
wesen sein. Und eine solche war anch misere Insci Thrinakia (Rom. 
Unters. 166). Sprachlich stelit also nichts im-Wege, wenn wir nns die 
Insel Ogygia als einen Teil von Thrinakia denken. Wenn wir uns 
nnn erinnern , dass Japygia gerade in der Mitte zwischen der siid- 
westlichen Halbinsel Italiens und der Insel Kerkyra liegt und also 
ebenso wie die Insel der Kalypso den Omphalos des westlichen Meeres 
bildet , so gewinnen wir eine willkommene Besttigung fiir misere 
Vermutung , dass das spatere Japygia und das homerische Ogygia 
identiscli sind. 

Aber bald steigt ein ernstes Bedenken bei uns auf. Der Dichter 
denkt sich Ogygia offenbar vici weiter von Selleria entfernt als der 
Abstand Japygias von Kerkyra betrgt. Denn Odysseus fahrt volle 
17 Tage auf seinem Flosse, uni von Ogygia in die Nahe des Phaia- 
kenlandes zu gelangen , wahrend er von Japygia in einer einzigen 
Xacht nach Kerkyra batte hiniiberfahren konnen. Wir brauehen uns 
aber durch die 17 Tage , obwoM sie mehrmals in der Odyssee er- 
wabnt werden, niebt irre machen zu lassen. Sobald wir die ubrigen 
Angaben des Dichters iiber die Flossfahrt des Odysseus genauer 
betrachten , erkennen wir bald , dass es sich in der urspriinglichen 
Dichtung unmoglich uni so vide Tage, sondern nur um eine einzige 
Xachtfahrt gehandelt haben kann. Die 17 Tage der Flossfahrt und 
die 3 Tage des Schiffbruchcs waren ursprunglich nur eine Xacht und 
ein Tag. 

Erstens ist schon Manchem aufgefallen , dass der Dichter den 
Odysseus die lange Fahrt iiber das grosse Meer auf cincin einfachen 
Flosse ausfuhrcn lasst. Man hat deshalb niehrere Vorschlge ge- 
maeht, das Floss trotz der genauen Angaben des Dichters zu cincin 
seetuchtigen Schiffe unizugcstalten. Aneli niuss man sich dariiber 
wundern, dass die Nymplie dem Helden fiir die lange lieisc so wenig 
zum Essen und Trinkcn mitgiebt. In cincin ganz anderen Lichte 
ersclicinen beide Tatsachen, wenn die Fahrt nur cine einzige Xaclit 
dancrt ; sowohl das einfache Floss, als aneli die geringe Mengc der 
Xahrung sind dami vcrstandlich. 

Zweitens batte eine Insel, die wegen der 17tagigen Entfernung 
von Selleria ani ausssersten Rande der Erde gesucht werden niuss , 
nicht als Omphalos des Meeres bezeichnet werden diirfen. Meines 
Erachtens ist , was ich hier freilich nur behanpten , nicht aber be- 
weisen kann, auf der honierischen Weltkarte fiir eine so lange Fahrt 



PARTE I. TRINAKRIA THRINAKIA. Ili 

von Selleria nacli Westen gar kein Platz. Fiir unser Ogygia passt 
dagegen der Xame Omphalos des Meeres, wie wir oben schon salien, 
ganz vorziiglich. Japygia ist nur etwas iiber 100 Kilometer sowohl 
von dem Vorgebirge bei Kroton , als aneli von der Insel Kerkyra 
entfernt , nnd jede Fahrt liisst sich daher bei gutem Winde gerade 
in einer Nacht ausfuhren , denn Herodot (IV SO) reclmet fiir die 
Xachtfahrt eines Segelschiifes 600 Stadien oder rnnd 100 Kilometer. 

Drittens wird vom Dicliter ausdriicklich geschildert, dass Odys- 
sens auf der ganzen Fahrt die Augen niclit schliesst , sondern anf 
Geheiss der Kalypso bestndig nacli den Sternen sieht nnd die Nord- 
sterne znr Linken liat. Zeigt das niclit sonnenklar, dass der Dichter 
unmoglich an eine ITtagige Fahrt , sondern nur an eine einzige 
Nachtfahrt gedacht hat ? Abends fahrt Odyssens von Ogygia ab nnd 
niorgens friih ist er schon in der Xahe der Phaiaken-Insel angekom- 
nien. Dort erblickt ihn Poseidon, der niclit mehrere Wochen, sondern 
nnr einige Tage bei den Aithiopen geweilt batte , nnd zertriinimert 
sein Floss. Xoch am Abende desselben Tages landet Odyssens mit 
Athenas Hiilfe am Strande von Selleria. 

Einen vierten Beweis dafur, dass der Dichter sieh Ogygia nicht 
am Ende der Welt , sondern nicht ferii von Ithaka dachte , liefert 
nns ferner die Weissagnng des Halitherses (Od. II 165). Xoch voi- 
des Telemachos Abreise nach Pylos, als Odyssens nodi in Ogygia 
weilt, verkiindet nns der Dichter durch den Mund des Sehers, dass 
Odyssens schon seiner lleimat nahe ist. Liegt Ogygia am Ende der 
Welt, so ist die Weissagnng falsch; liegt die Insel der Kalypso aber, 
wie wir sahen, an der siidostlichen Spitze Italiens , so ist Odyssens 
nnr eine 24stiindige Fahrt von seiner lleimat entfernt , nnd die 
Weissagnng trifft wortlich zi. 

Einen fiinften Beweis kann ich liier nur knrz andeuten, obwolil 
er mir eine grosse, ja ansschlaggebende Kraft zu haben scheint. Der 
jetzige Tageplan der Odyssee bietet eine bekannte, aber bisher niclit 
geniigend erklarte Schwierigkeit. Telemachos niuss mieli dem jetzigen 
Epos 30 oder .*L Tage in Sparta bleiben, damit Odyssens unterdessen 
die weite Keise von Ogygia nach Selleria nnd Ithaka maclien mal 
gleichwolil nodi vor der Itiickkehr des Telemachos in seiner lleimat 
eintrelfen kann; in der Diclitung selbst ist aber mit keinem Worte 
ehi so langer Anfentlialt in Sparta angegeben oder aneli nur ange- 
deutet (vgl. Hennings, Homers Odyssee, 141). Ini Gegenteil wird direkt 
nnd indirekt ansgesprochen, <lass Telemaehos nur ganz knrz in Sparta 
verbleibt, meines Krachtens nur cine Nadir. Wenn wir min aber mieli 
den Angaben des Epos den Tageplan fiir den Telemachos alleili auf- 



112 W. DRPFELD. 



stellon und ilm dann mit dem Tageplan des Odysseus vergleichen, 
so zeigt sich zu unserm Erstaunen eine vollkommene TJebereinstim- 
mung beider, sobald wir erstens die Sendung der Athena nach Ithaka 
und des Hermes nach Ogygia als zwei gleichzeitige parallele Hand- 
lungen auffassen, und zweitens die Herstellung des Flosses und die 
Fahrt nacli Selleria als die Handlungen von nur zwei Tagen und 
einer Xacht erkennen. Dass das Erstere aus melireren Griinden not- 
wendig ist , hofte ich an anderer Stelle zu zeigen ; fiir das Zweite 
haben wir oben selion mehrere Griinde kennen gelernt. Es sind spii- 
tere Vernderungen des Gedichtes , durch die sein urspriingliclier 
Pian gestort worden ist. Wodurch diese Storung veranlasst ist, kann 
hier nicht untersuelit werden. Streichen wir die entstellenden Zusatze, 
so ergiebt sich ehi urspriingliches Gedieht von eineni so einheit- 
lichen und so kunstvoll ausgedachten Piane, dass mir jeder Gedanke 
an Zufall vollstiindig ausgeschlossen zu sein scheint. l>ies alte Ge- 
dieht umfasst die Telemachie und den Freiermord und hat einen 
genau durchgeftihrten und bewundernswerten Pian von nur 10 Tagen. 
Er beginnt mit der Gotterversammlung und endet mit der Vereini- 
gung der so viele Jahre getrennten Ehegatten. Die Irrfahrten, wel- 
che Odysseus am zweiten Abende seines Aufenthaltes bei den Phai- 
aken erzahlt , schei den als besonderes Gedieht aus , das erst spater 
mit dem Gedichte von der Heimkehr verbunden worden ist. 

Haben wir so bewiesen, dass die Fahrt des Odysseus von Ogygia 
nach Selleria urspriinglieli nur eine einzige Xaeht dauert, so haben 
wir darin die sehonste Besttignng tur unsere These gewonnen, dass 
Ogygia an dem sudostlichen Yorgebirge Italiens anzusetzen ist und 
einen Teil des Gabellandes Thrinakia gebildet hat. 

Wie in dem Gedieht der Irrfahrten die Insel Thrinakia die 
letzte Station ist , die Odysseus bei seiner Fahrt nach dem fernen 
Westen beriihrt und mit der die eigentliche Irrfahrt absehliesst , so 
ist sie auch die erste Station in dem Gedichte der Heimkehr , das 
mit dem Aufenthalt des Helden bei der Kalypso, also nodi jenseits 
des grossen Meeres beginnt. Mit der Ueberfahrt nach Selleria gelangt 
Odysseus in die heimischen Gegenden und wird von dort in einer 
Nacht in sein Vaterland gebraeht. 

Athen. 

Wilhelm Dorpfeld. 



UN NUOVO BRONZO QUADRILATERO. 



Sono orinai molti anni die. nessun nuovo bronzo quadrilatero 
viene in luce. Ai tipi che erano noti allorch si facevano le prime 
pubblicazioni speciali sulle monete primitive italiche, nessuno ne ag- 
giunsero i successivi ritrovamenti e anche il ripostiglio tanto copioso 
della Bruna non conteneva che tipi gi noti. 

Eiesce quindi tanto pi. interessante il pezzo che ho l'onore di 
comunicare, il quale offre due tipi affatto nuovi. Dell'occasione appro- 
fitto con piacere per portare il mio modesto contributo alle onoranze 
votate ad uno dei gloriosi veterani della scienza numismatico-archeo- 
logica in Italia , e ne approfitto tanto pi volentieri inquantoch il 
cimelio tocca tanto il campo numismatico quanto archeologico. 

Il bronzo mi provenne da un ritrovamento fatto or son pochi mesi, 
sulle rive del Conca presso Rimini, e pare che , quale aes signatum, 
fosse solo o quasi solo nell' accompagnamento di alcuni assi, un du- 
pondio e due tripondii, in un piccolo ripostiglio di aes rude, che si 
pu ritenere fosse una stipe sacra. Porta da un lato la prora di nave, 
dall'altra un vaso da sacrificio o prefericolo, due tipi non mai veduti 
in questo genere di pezzi; mentre per la prima la pi comune, al 
punto d'essere generale, sulla monetazione lenticolare e anche su tutta 
la successiva monetazione repubblicana di bronzo, la seconda affatto 
nuova nel bronzo italico. 

Il peso di gr. 1810 , di qualche cosa superiore a tutti quelli 
del ripostiglio della Bruna, dei quali il pi pesante raggiungeva solo 
gr. 1880.50. La modellatura forte e sicura , precisamente come si 
riscontra negli altri pezzi di bronzo, sia quadrilateri, sia lenticolari; 
la conservazione eccellente al punto da far ritenere che non abbia 
mai avuto circolazione. Lo ricopre una bella ossidazione verde chiara 
e il metallo appare, come nei pezzi consimili, di un bel color d'oro, 
come si pu vedere da Tina leggera scalfitimi praticatavi da chi l'ebbe 
in mano prima di me. 

Fatta cos sommariamente la presentazione del pezzo, completata 
dalla unita riproduzione (tgg. 10 e 20), resterebbe la parte pi importante, 
ossia le indagini scientifiche, la determinazione dell'epoca dell'emissione 




Fig- 19. Bronzo quadrilatero. _^ , 




Fig. 20. Bronzo quadrilatero. 



116 P. GNECCHI. PARTE I. 

la quale, stando al peso, dovrebbe assegnarsi a circa la met del 5 
secolo a. C. l'interpretazione del significato dei tipi e cos via. Ma, 
lasciando che altri di me pi erudito in materia e non ne mancano 
in Italia e fuori si occupi di ci specificatamente , per parte mia 
mi limiter a qualche semplice e generica osservazione che mi viene 
suggerita dalla spezzatura e dai tipi rappresentati. 

Il fatto della spezzatura del quadrilatero, avvenuta certamente 
in antico, come lo dimostra 1' ossidazione eguale nella rottura come 
in ogni altra parte, mentre certamente a deplorarsi, ha per il suo 
lato buono, presentandoci il fatto unico di un pezzo frantumato di 
cui si hanno tutti i frammenti. evidente che il pezzo venne fuso 
intero e spezzato poi. E questa osservazione, che alle prime pu sem- 
brare ingenua, ha la sua importanza in questo che l'opinione di molti 
era che i mezzi quadrilateri fossero cos fusi in origine e non fran- 
tumati posteriormente , opinione che espressi io pure nel mio Ma- 
nuale (pag. 130). Or bene tale ipotesi cade, o per lo meno cade in 
certi casi. Ammettendo pure che la fusione dei mezzi quadrilateri fosse 
realmente avvenuta, certo non lo fu nel caso presente, ove abbiamo 
la sicurezza che il pezzo venne spezzato nella stipe , sia cadendovi, 
sia per un colpo ricevuto da altro pezzo gettatovi posteriormente, 
come ne siamo assicurati anche dall'ammaccatura ancora visibile nel 
punto pi rilevato del prefericolo vicino all'attacco inferiore dell'ansa. 

Questo fatto prova che tali pezzi, data la qualit del metallo e 
l'intima sua costituzione acquistata per la fusione, potevano spezzarsi 
anche con un colpo non molto forte , mentre molti , e io fra questi, 
pensavano il contrario. E prova quindi che dei frammenti esistenti, 
se alcuni si pu ammettere che fossero cos fusi in origine, altri pos- 
sono invece essere stati cos ridotti in seguito, senza che sia rimasta 
una traccia troppo visibile del colpo; la quale traccia pu anche es- 
sere stata in seguito mascherata e quasi rimarginata sia dalla circo- 
lazione, sia dalla ossidazione. 

Venendo ora ai tipi, quello della nave cos proprio nella tradi- 
zione romana mi pare possa fare attribuire il pezzo a Soma o per 
lo meno al Lazio ; mentre quello del vaso da sacrificio, unito alla 
forma solita del ritrovamento che quella di stipe sacra , avvalora 
l'opinione che questi pezzi quadrilatari, non essendo moneta ufficiale, 
perch mancanti dell' impronta della divinit , fossero veramente in 
origine e senza pregiudizio della loro eventuale circolazione come 
moneta o meglio come bronzo-valore apprestati quali monete votive. 

Una delle forti opposizioni a ritenerli tali era quella dell'essere 
questi pezzi pi pesanti della moneta corrente. A me sembra che 



PARTE I. UN NUOVO BRONZO QUADRILATERO. 11 

questa potrebbe invece essere una prova. destino di tutto le umane 
istituzioni di nascere grandi e di rimpicciolire poco a poco. E , per 
non uscire dal nostro ordine d'idee, questo un fatto costante nella 
monetazione di tutti i tempi e di tutti i paesi, prova ne l'asse ro- 
mano, il denaro medioevale, la lira dei tempi moderni. 

Nei tempi remoti quando la fede nella divinit era forte, schietta 
entusiastica, quale si addice a un popolo nuovo era troppo naturale che 
questa fosse considerata al di sopra d'ogni cosa terrena. Alla divinit 
si sacrificavano le vittime pi belle, i bovi pi grossi, le pecore migliori. 
Non era naturale che per la divinit si apprestassero anche pezzi 
in metallo pi pesanti delle monete in corso ' A poco a poco tutto 
degenera, tutto traligna, il primitivo entusiasmo affievolisce , la face 
della civilt subentra a quella della fede primitiva e, sotto il domi- 
nio d'una religiosit pi calma, si credono sufficienti anche per la di- 
vinit le monete comuni. Ne questo basta, fatale che si percorra 
la scala discendente e la degradazione arriva fino al punto di appre- 
stare appositamonte per lo scopo .... le monete di stagno! l . 

Il fenomeno non sarebbe stato diverso di molti altri. 



1 V. Appunti di Numismatica Romana N. LXVTII in Rivista Italiana di Nu- 
mismatica, 1905. 

Milano. 

Francesco Gnecchi. 



U ALLEGORIA DELLA PRI/AA ECLOGA DI VERGILIO 

SECONDO GLI ANTICHI COMENTATORI l . 



Sull'origine dei comenti allegorici Yergiliani il Riese nella sua 
nota dissertazione: De commentario Vergiliano qui M. Valeri Probi 
dicltur, Bonnae, senza data, p. 15-10, cos scrive: Postea vero quo 
magi ab illorum aetate recederent et vivida antiquitatis imago extin- 
gueretur, studiorumque simili et doctrinae fines paullatim coarctaren- 
tur, satis erat grammaticis ut illuni tamqiiam divino quodam spiriti! 
praeditum venerarentur atque a libero iudicio prorsus abstinerent, 
qua de eausa Vergili potissimum inepta quaedam atque etiam allegorica 
Inter pretatio... in usum venit. Questa osservazione, molto generale, 
che pu esser fatta a proposito di qualsiasi altro comento allegorico, 
di cui gli antichi grammatici ci lasciarono esempi non scarsi e molto 
curiosi, per i conienti alle Bucoliche certamente non basta, come quella 
che contiene una sola parte di vero, che poi non la pi importante. 



1 II presente lavoro una breve parte di uno studio sistematico sull'antica 
critica alle opere di Vergilio. Che uno studio siffatto, se compiuto e ben condotto, 
avrebbe importanza, non solo come contributo alla determinazione dei canoni del- 
l'antica critica, ma anche come valido aiuto all' interpretazione dei carmi vergi- 
liani e, in specie, alla valutazione del loro valore allegorico, del tutto evidente. 
Il trascurare di risalire ai comentatori antichi, deve inevitabilmente condurre a 
risultati, che non potrebbero sempre accettarsi. Eppure generalmente di questo 
principio metodologico non si tiene abbastanza conto. 

Ci sono stati utili nella nostra ricerca: Suringar, Historia critica schol. lai. Lug. 
Bat. 1834-35; O. Ribbeck. Prolegomena critica ad V. Mar. opera malora, Lips. 1866; 
Cartault, tude s. les Bucoliq. de V., Paris 1897; Comparetti, Virgilio nel medio eco, 
Firenze 1896; Nicola Terzaghi, Vallegoria nelle E ci. di Vergilio, Firenze 1902; tutte 
le edizioni e i comenti, ciascuno a suo luogo citati. Poco invece , nonostante il 
titolo promettente, ci ha soccorso il lavoro del Georgii, Die antike Vergilkritik in 
den Buie. u. Georg., nel Philologus, Supplementband, IX, Heft 2, Leipzig 1902, 
che si riannoda all' altro studio dello stesso A. , Die antike Aeneiskritik aus den 
Scholien u. anderen Quellen, Stuttgart 1891. 



PARTE I. L'ALLEGORIA DELLA PRIMA ECLOGA DI VERGILIO. 119 

Per spiegarci in modo razionale la causa dell'esagerata interpre- 
tazione allegorica, che riscontriamo talvolta anche in scrittori molto 
moderati come in Macrobio , secondo noi , e di capitale importanza 
fare attenzione alla prima ecloga e rilevare che vi si contengono al- 
lusioni a fatti occorsi al Poeta. In essa infatti gli accenni alla divi- 
sione dei campi sono cos manifesti che, anche senza l'aiuto dei com- 
mentatori antichi , s' intenderebbero da s , forse anzi con maggiore 
chiarezza. 

Che proprio la prima ecloga sia di natura evidentemente alle- 
gorica di grande importanza per determinare l'origine dell'interpre- 
tazione ugualmente allegorica delle altre ecloghe. E qui da rilevare 
che una questione cronologica, come quella che attualmente si fa in 
diverso modo e con diversi risultati dai moderni studiosi sui dieci 
carmi, era ignota agli antichi, quantunque le ricerche cronologiche non 
sfuggissero al loro sistema di critica. Infatti, almeno per Servio, uno 
dei canoni fondamentali in exponendis auctoribus era appunto l'orafo 
librorum, di cui praticamente per egli non seppe iniziare 1' investi- 
gazione ne per l'Eneide, u per le Georgiche, n infine per le Buco- 
liche; anzi per queste scriveva : nec numerus Me dnbius est, nec orcio 
librorum quippe cum unus sit liber l (p. 3). Invece il Pseudo-Probo ha 
qualche lieve accenno alla cronologia della I e della IX ecloga. Sic- 
come ambedue trattano della distribuzione dell' agro mantovano ai 
veterani, e nella IX pi specificatamente Vergilio si lagna del danno 
sofferto, mentre nella I si mostra riconoscente verso i suoi benefat- 
tori pel ricupero dei beni, cos praeponi Ma ecloga (scil. IX) debuerat 
et sic haec (scil. I) substitui, qua gratias agit, imperciocch prius fuerit 
quaeri damnum, deinde testavi benefichivi (p. 328). In Servio siffatta 
argomentazione cronologica riguardante queste due ecloghe , non 
nemmeno accennata, solo si d come cosa sicura cha la prima ecloga 
tradizionale sia anche la prima considerata cronologicamente , per 
la citazione che del primo verso si fa nelle Georgiche (IV, 500) ; e 
che la decima sia 1' ultima per testimonianza dello stesso Vergilio 
(extremum liunc. X, 1); e si accenna all'opinione di alcuni che consi- 
deravano prima la VI ecloga, perch comincia con le parole prima 
Syracosio digitata est ludere versu, che si riferiscono all'imitazione teo- 
critea; ci che aveva speciale importanza per gli antichi che consi- 
deravano siffatta imitazione come Vintentio libelli quem scopon Graeci 
vocant. 



1 Sul valore di questa espressione, che a prima vista sembra strana, si veda 
quel che diciamo appresso. 



120 



Adunque, una vera e propria questione cronologica non c'era, 
tranne che per la I e la IX, cio per quei due carmi di natura ma- 
nifestamente allegorici; onde per noi, che tentiamo di rintracciare la 
origine dell'allegoria nella interpretazione delle altre ecloghe, essa non 
ha importanza di sorta, giacche prima, in ogni caso e secondo tutte 
le opinioni, sarebbe stata una ecloga il cui senso allegorico incon- 
troverso. Piuttosto ha importanza il fatto che, anche a causa di questa 
lacuna che presenta l'antica critica su Vergilio, i grammatici hanno 
creduto che le diverse ecloghe avessero un legame pi intimo di quello 
puramente formale , svolgessero un concetto unico , formassero un'o- 
pera organica, quantunque divisa in dieci componimenti. Da questo 
lato, essi consideravano le Bucoliche alla medesima stregua delle 
Georgiche e dell'Eneide; come di queste davano Vargumentum e fa- 
cevan sapere singolarmente V intentio libelli quem scopon Graeci 
vocant (vedi i Prooemia di Servio all'Eneide ed alle Georg.), cos delle 
prime il Ps. -Probo (per citare uno dei pi antichi commentatori di 
Vergilio) i scrive: Yergilius autem, ut Bucolica scriberet, causarti eiusdem 
habuitj e continua narrando le vicende storiche per le quali il Poeta 
fu privato del proprio podere e dell' intercessione di Cornelio Gallo 
per riavere i beni perduti ; e cos conclude: gratias ergo agens Au- 
gusto, quod receplsset agros, Bucolica scripsit (pagg. 327 e 328). Queste 
stesse cose ci vengono ripetute da Servio p. 2 e 3, dagli Scholia 
Beni. p. 743, e da Filargirio p. 7. Filargirio anzi pi breve, ma 
pi esplicito: Argumentum Bucolico rum: Tiberius Oaesar Iulius et 
Antonius contra Oassium Brutuni civile bellum et caet. (Expl. I 
p. 13 Expl. Il p. 7). 

Adunque secondo questi comentatori V argomento che informa tutte 
le ecloghe la divisione dell'agro mantovano tra i veterani dei trium- 
viri, per cui Servio ha adoperato , parlando delle Bucoliche , quella 
espressione gi sopra notata: <[uippe cum unus sit liber. Si capisce 
facilmente come quest'errore fondamentale, in gran parte occasionato 
dall'allegoria manifesta contenuta nella prima ecloga, ne abbia pro- 
dotto altri nell'interpretazione dei vari carmi. 



1 Quantunque noi siamo d'accordo con la maggior parte dei filologi nel cre- 
dere che il Probus autore del comento vergiliano non sia lo stesso di quel Frobus 
di cui parla Suetonio C. 24 De grammaticis et rhetoribus, pur crediamo che la mas- 
sima parte delle notizie in esso contenute debbono ritenersi appartenere a qualche 
comento pi antico di quello di Servio. Cfr. per tutte le questioni su Probo, su- 
scitate dal citato passo di Suetonio e dal cosidetto anecdotum Parisinum de notis, 
oltre al lavoro del Riese gi menzionato, l'esauriente stadio dello Steup, De Probi 
grammatici8, Ienae 1871, che ha dato luogo alla dissertazione del Kuebler De M. 
Valerii Probi Berytii commentariis vergilianis. Berolini 1881. 



PARTE I. L'ALLEGORIA DELLA PRIMA ECLOGA DI VERGILIO. 121 



II. 

Nella prima ecloga Vergilio ci presenta due interlocutori : Moe- 
liboeus e Tityrus. I comentatori antichi son d'accordo che sotto le 
spoglie di Tityrus sia adombrato Vergilio stesso; di Moeliboeus in- 
vece, mentre Servio tace, il Pseudo-Probo (p. .'521)), Filargirio {Expla- 
natio II e I p. lo), e gli Seholia Bernensia ci dicono che esso rap- 
presenta Cornelius Gollus unus de Mantuanis quibus sunt agri adempii. 

I comentatori nostri, mentre hanno accolta l'interpretazione al- 
legorica di Tityrus, hanno abbandonata, come strana, quella che ri- 
guarda il secondo interlocutore, o meglio, hanno giustamente creduto 
clic Moeliboeus rappresenti solo uno dei tanti sventurati costretti ad 
esulare dai propri campi. Quantunque i filologi moderni, solo col buon 
senso ed intuitivamente, siano pervenuti a distinguere bene (pici che 
e quel che non accettabile dell'allegoria tramandataci dai gram- 
matici antichi su questa ecloga , dovere di una critica oculata e 
circospetta spiegare , per (pianto possibile, donde traevano origine 
questi conienti ora ritenuti strampalati. 

Prima di tutto , facile stabilire che una dovette essere la fonte 
originaria del Pseudo-Probo, di Filargirio e degli Seholia di Berna l 
per quella notizia, se tutti quanti son d'accordo nell'ammettere che 
il Moeliboeus rappresenti il personaggio storico Cornelio Gallo; la 
fonte per doveva essere ben pi chiara e pi estesa sui rapporti che 
il suo autore aveva visto tra Cornelio Grallo ed il Moeliboeus vergi- 
liano. Siffatti rapporti , certamente strani , ma forse non privi del 
tutto, come generalmente si crede, di logica, dovevano essere il pro- 
dotto di un ragionamento che veniva fatto presso a poco cos : Se 
Vergilio ha scritto questa ecloga nell'occasione della restituzione dei 
beni a lui fatta, doveva mostrare la sua gratitudine a quei personaggi 
che s'adoperarono in suo favore: Eclogam composuit gratiarum actio- 



1 Tutti questi conienti antichi, compilati in diversi tempi e da grammatici 
di diversa cultura , non dovrebbero avere un eguale valore. Non raro il caso 
che i pi recenti copiando da antichi grammatici ci riproducano testimonianze 
molto apprezzabili; ma essi, il pi delle volte, non sono che un accozzo di no- 
tizie prese da conienti pi antichi senza alcun discernimento e che lasciano tra- 
sparire l'ignoranza talvolta eccessiva dei compilatori, che non s'accorgevano delle 
evidenti contraddizioni cui andavano incontro. Infatti quante interpretazioni alle- 
goriche non si contraddicono e si distruggono a vicenda? Lo sceverare in questi 
comenti i diversi strati, per dir cos, allegorici, impresa alla quale abbiamo 
posto mente e che sar compiuto in seno al lavoro accennato. 



122 A. ROMANO. PARTE I. 

nem continentem (Filarg. Expl. II p. 14). Ora pare che Cornelio Gallo si 
sia pi di tutti adoperato in favore di Vergilio , almeno sia stato l'in- 
termediario nelle relazioni d'amicizia fra Vergilio e Pollione, come 
per altra via supposero il Sonntag * ed il Cartault 2 ; adunque per 
debito di gratitudine qui deve anch'egli essere allegoricamente rap- 
presentato. 

Un'altra ragione pi sottile, ma forse pi evidente, per cui Fi- 
largirio ha creduto che sotto il nome di Moeliboeus sia celato il nome 
di Cornelio Gallo, e non ad esempio di Pollione, sta, secondo noi, nel 
nome stesso di Gallo; egli credeva che Vergilio avesse voluto rappre- 
sentare la plebs Gallorum, malcontenta perch spodestata dei beni, con 
Cornelio Gallo che, avendo comune con quella il nome, riusciva alle- 
goricamente chiaro. Almeno non sapremmo spiegarci altrimenti le pa- 
role dell' Explan. I p. 15 1-5: Accusans eum plebs Gallorum, quae 
Moeliboei nomine loquitur, quem Cornelium Gallum vocant. Hereditas 
ei rapta est et Vergilio data est. Cos anche si spiega come di Cor- 
nelio Gallo si dica essere uno dei Mantovani cui fossero stati tolti i 
beni. La ricerca etimologica, presa per base dell'interpretazione alle- 
gorica, non rara nei cementatori antichi di Vergilio , ed il caso di 
cui parola non un caso isolato. 

In questa stessa Ecloga per spiegare il verso 5 : 

formosam resonare doces Amaryllida silvas 

i comentatori usavano lo stesso procedimento: Amarillyda idest Koma; 
silvas idest consules; e per ben comprendere il valore allegorico at- 
tribuito da Filargirio {Expl. I e II) ad Amarillide, bisogna ricorrere 
al comento dei versi 30-32 : 

postqnam nos Aniaryllis habet, Galatea reliquit. 
inanique, fatebor enim, dum me Galatea tenebat, 
nec spes libertatis erat nec cura peculi. 

Vergilio era andato effettivamente a Roma e quindi aveva lasciato 
Mantova ovvero la Gallia Amaryllis idest Roma; Galatea vel Gallia 
vel Mantua, Fil.j Sch. Bern. Etimologicamente avevano creduto che 
la Gallia fosse rappresentata da Galatea: Filarg. ci fa sapere {Expl. II 
v. 5) che Galli a candore corporis dicuntur Galatae, qui cum Graecis 
venientes se miseuerunt. linde primum ea ratione Gallograecia nuncu- 
pata est, et postea Galatia nominata est. indubitabile che, oltre al 



1 Vergil als Bukolischer Dichter, p. 129. 

2 fitude 8. les Bucol de V., p. 23. 



PARTE I. L'ALLEGORIA DELLA PRIMA ECLOGA DI VERGILIO. 123 

fatto storico del viaggio di Vergilio a Eoma, la supposta identit eti- 
mologica fra Galatea e la Gallia ovvero Mantova ha fatto interpretare 
Amaryllis per Eoma , per cui poi la fantasia dei comentatori , non 
frenata da un po' di buon senso, si spinta sino ad interpretare il 
silvas del v. 5 per consules e la parola fontes per senatore. 

Eitornando ai due personaggi principali di questa prima ecloga, 
se la nostra spiegazione circa l'origine dell'allegoria, con cui i gram- 
matici antichi intesero spiegare il Moeliboeus vergiliano, vera, sar 
anche vero che negli Schol. Bernensia, i quali hanno il pregio di te- 
nere sempre ben distinti nel loro comento i due significati allegorico 
e letterale l , si trova epitomato quel che pi largamente si legge in 
Filargirio 2 . 

Servio , come abbiamo detto , non mostra neppure di conoscere 
questa tradizione allegorica , perch nel suo ampio comento non la 
rileva; eppure egli avrebbe avuto buon giuoco a combatterla, se per 
l'allegoria di Tityrus pi volte ci fa sapere che non si trova d'accordo 
con gli altri grammatici. X da credersi che Servio abbia voluto 
passare sotto silenzio un'interpretazione allegorica cos strana, ripu- 
gnante al suo buon senso; perch, se alle volte egli si mostra sensato 
e pieno di discernimento critico, altre volte invece non da meno 
degli allegoristi pi arrabbiati; si confr. ad es. il suo comento ai 
versi 38 e 39 di questa stessa ecloga. 

III. 

Per l'allegoria che riguarda Tityrus le cose vanno bene altri- 
menti. Il concetto comune ai grammatici antichi ed ai nostri comen- 
tatori che esso rappresenti Vergilio. Ma pure anche qui le questioni 
non mancano e Servio, ad es., non disposto a seguire la tradizione 
allegorica che s' andata formando su questo personaggio, senza tare 
un'avvertenza preliminare di somma importanza (al v. 1) : Tityri 
sub persona Vergilium debemus aceipere; non tamen ubique, sed tan- 
tum ubi exigit ratio . Questa restrizione alla comune interpreta- 
zione allegorica nata, per una parte dalla difficolt (maggiormente 



1 Questa particolarit importantissima che si riscontra negli Scoli di Berna 
crediamo sia dovuta all'epitomatore (Adamannus ?); e segna un notevole progresso 
nell'antica critica vergiliana. 

2 Generalmente si crede che le fonti di questi Soliolia siano Titus Gallus e 
Iunius Philargyrius ; ma crediamo che un esatto confronto fra questi scolii di Berna 
e le due redazioni (Expl. I e II) di Filargirio, pubblicati dall'Hagen neV Ajppen- 
dix Serviana, Lipsiae 1902, porti ad un diverso risultato. 



124 A. ROMANO. 



sentita da Servio che da altri, come ad es. Probo; vedi appresso) che 
presentavano i versi 27 e 28 e per l'altra parte dall'esame psicologico 
che non sfuggiva alla critica antica del carattere ingenuo e pasto- 
rale di Tityrus. Ad ogni modo stata mal compresa dai commenta- 
tori nostri, i quali si sono meravigliati come mai Servio, che pieno di 
buon senso si mostra nell' interpretazione generale del carattere dei 
due interlocutori di questa ecloga, possa poi bonariamente peccare 
assai volte l . 

L'esame die i vari comentatori hanno fatto dei versi 27 e 28 
i quali, secondo noi, hanno portato Servio a dare a Tityrus un'inter- 
pretazione allegorica pi restrittiva di quella comune agli altri gram- 
matici degno di maggiore considerazione, tanto pi che le que- 
stioni che vi si legano sono ancora vive e non accennano ad essere 
risolute in un modo soddisfacente per tutti 2 . 

Probo in quella sua specie d'introduzione al comento delle Bucol. 
e Georg, (p. 329) cos scrive: Xec mirandum, quod infra senem se 
dicit, cum certuni sit, eum, ut Ascanius Pedianus dicit, XXVIII annos 
natum Bucolica edidisse. Xam eadem licentia [se] senem dixit, cum 
sit iuvenis, qua pastorem facit, cum sit urbanus, aut Tityrum no- 
minat, cum sit Vergilius . Ci pare che Probo, quasi senza darsi l'aria 
di entrare in questioni assai difficili, sia convinto che la cosa vada 
in modo pi semplice di quel che realmente non sia; e qui da de- 
plorare la perdita del comento di tutta la prima ecloga, che a noi 
riuscirebbe molto importante. Filargirio, fin che pu, sembra che eviti 
qualsiasi interpretazione dei versi citati; ma al fortunate senex del v. 49 
costretto a dirci: non ad aetatem refert, sed ad futuram fortunam 
praesago usus verbo, dando a quell'espressione un senso proleptico che 
stato accolto incondizionatamente dal Mancini nel suo comento gi 
citato. Gli Seh. Bern. e Servio mostrano pel comento al v. 46 la stessa 
tradizione riscontrata in Filargirio , coincidendo anche verbalmente 
fra loro. 

Servio per, che ha dovuto incontrare maggiori difficolt ad in- 
tendere i versi 27 e 28, d di essi due diverse spiegazioni, rimanendo 
in una incertezza manifesta. Giova distinguerle nettamente. 

Per l'interpretazione allegorica di Tityrus ha fatto sempre diffi- 
colt il senso di quei due versi (27-28) in cui si dice che Tityrus, 



1 Vedi l'elegante comento dell'Albini, p. XI, nota. 

2 Vedi Mancini, Comento alle Bucoliche, Palermo 1903 e del medesimo A. l'ec- 
cellente studio Osservazioni sulle Bue. di Virgilio, nella Rivista di storia antica, VII, 
pagg. 533-561; 681-700. 



PARTE I. L'ALLEGORIA DELLA PRIMA ECLOGA DI VERGILIO. 125 

per amore della libert, sia andato a Roma, quantunque fosse tardi 
ed avesse gi brinata la barba. Come mai Tityrus rappresenterebbe 
Vergilio, se questi, quando serisse le Bucoliche , avea 28 anni l ed 
era per giunta libero e non schiavo ? E Servio cos ci risponde: et 
al iter dieit servus libertateni cupio, aliter ingemma: ille enim carere 
vult servitute, lue habere liberalo vitam pr suo scilicet arbitrio agere. 
Ma poi non contento del primo comento soggiunse: aut certe sim- 
pliciter intellegamus hoc loco Tityrum sicut pastorelli lociitum : nani 
ubique eum Theocritus mercennarium inducit, item Vergili us . 

Quest'incertezza nell' intendere il vero senso del poeta si mani- 
festa anche nel comento all'altro verso (28): Aut mutatio personae 
est, ut quendam rusticum accipiamus loquentem , non Vergilium per 
allegoriam; nam ut discimus, XXVIII annoruin scripsit Bucolica: aut 
certe mutanda est distinctio, ut sit non barba candidior, sed libertas... 
et bene candidior libertas, ut intellegamus etiain ante in libertate sed 
non tali fuisse Vergilium. Servio con quest'ultima interpretazione 
ci riconduce alla comune tradizione a noi tramandata pure dagli 
Schol. Beni. 

Se con quello che fin qui abbiamo detto rimane dimostrato che 
solo la difficolt d'intendere i v. 27 28 ha originato in Servio la re- 
strizione, sopra notata, del concetto allegorico di Tityrus, ovvio lo 
spiegarci come quelle altre allegorie ben pi strambe che qua e l la 
tradizione allegorica anteriore a Servio portava, ma che non riguar- 
davano Tityrus, siano state accolte tutte quante dallo stesso Servio. 

Con ci cadono le meraviglie che a questo riguardo i cementa- 
tori moderni si son fatte. 



1 Per il Mancini la figura di Tityrus il risultato di una contaminazione, 
in cui la parte del padre del Poeta ha maggior peso di quella del figlio. Vedi il 
Coni. cit. p. 2. stato per combattuto dallo Stampini, Comento alle Bucol., To- 
rino, 1905, 3 a ed., pag. 93 (Appendice). 

Palermo. 

Antonino Romano. 



PER LA RICERCA DELLE ORIGINI ITALICHE. 

Saggio di tipologia monetale comparata. 

(Vedi Tav. Ili e IV). 



In una precedente memoria 1 cercai di dimostrare che alcuni tipi 
di monete della Magna Grecia e della Sicilia, ripetono la loro origine 
da tipi monetali di citt della costa asiatica e delle isole dell'Egeo, 
e non trovano riscontro alcuno in tutta la monetazione della Grecia 
propria. E feci osservare che questa corrispondenza tipologica fra l'I- 
talia e l'Oriente, data la natura dei monumenti pei quali si riscontra, 
lungi dal rimanere nel campo dell'arte, rivela un fondo comune di 
civilt e di religione e apre addirittura nuovi orizzonti alla indagine 
storica, etnografica e religiosa. Procedendo di questo passo, mi venne 
dato di cogliere somiglianze tipologiche fra alcune monete di Clima 
degli Opici e certe monete di Cizico, e mi sentii facoltato ad accet- 
tare col Sogliano la testimonianza di Eforo circa la origine eolica 
della citt campana 2 . Cos pure osservai, che un'altra categoria di 
tipi monetali, appartenenti a diverse zecche della Magna Grecia e 
Sicilia e pi particolarmente a quelle della Lucania e dei Brettii, 
mostra caratteri cos evidenti di culti locali, in un periodo in cui questi 
subirono profonde alterazioni a contatto della religione ellenica , da 
fornirci elementi preziosi per lo studio dei concetti religiosi delle 
popolazioni italiche antichissime 3 . 

Ma le monete greche dell'Italia antica, esaminate con rigore di 
critica obbiettiva e coi criteri da me espressi, ci mostrano tracce di 
immigrazioni di popoli orientali, penetrati per via di mare fin nell'in- 
terno della penisola in epoca remotissima, i quali si mescolarono alle 
popolazioni autoctone. Io ritengo che le somiglianze, di cui sono per 



1 Sul valore dei tipi monetali nei problemi storici, etnografici e religiosi (Atti del 
Congresso internazionale di Roma, 1903). 

2 Accenno a una mia nota, inviata al Congresso internazionale di Archeologia 
ad Atene, nel 1905, dal titolo Belazioni artistiche e religiose fra Cuma degli Opici 
e l'oriente greco- asiatico, rivelate dalle monete, e ancora inedita. 

3 Sili valore $ei tipi monetali ecc. pag. 22 dell'estratto, 



PARTE I. PER LA RICERCA DELLE ORIGINI ITALICHE. 127 

parlare, non possono essere casuali e bisogna ammettere necessaria- 
mente una continuit e una dipendenza dei tipi monetali dell'Italia da 
quelli dell'Oriente, anche quando ci manchi il sussidio della tradizione. 
E ritengo altres essere cos grande l'efficacia dello studio comparativo 
dei monumenti numismatici, che in molti casi siamo facoltati a cor- 
reggere la tradizione stessa, non sempre sincera. Giover intanto fare 
una minuta esposizione dei tipi monetali su cui si fonda la mia di- 
mostrazione. 

Triskeles. Ricorre sopra un quadrante della serie dell'aes grave 
attribuita al Lazio (Garrucci XLV 4) [Tav. Ili n. 2] e sopra un raro 
asse dell'Etruria o dell'Umbria, appartenente al medagliere fiorentino 
(Garrucci LIV 7). impressa su di una moneta arcaica di Caulonia 
(Br. Mus. Cat. p. 336) [Tav. IV n. o] e fa la prima apparizione nella 
numismatica siciliana sulle monete di Agatocle (Head H. V. p. 158). 
Tutte le citate monete, eccezione fatta per quella di Caulonia, non 
risalgono oltre la met del secolo IV a. C. Ma se ci volgiamo all'Oriente, 
questo tipo di data assai remota : caratteristico della pi antica 
monetazione di Aspendus, che risale al 500 a. C. [Tav. IV n. 3], lo 
troviamo su rari tetradrammi macedonici attribuibili a Derronicus , 
del 480 a. C. (Imhoof-Blumer Monn. gr. p. 90 PI. 1) n. 1) [Tav. IV n. 7], 
nonch sopra monete incerte tracio-macedoniche le quali si possono 
assegnare al secolo Va. 0. (Imhoof-Blumer. O. e. p. 100. Macdonald 
Cat. Hunter I p. 448 PI. XXX 4). Una moneta arcaica di Egina ha la 
triskeles contrapposta alla testuggine marina (Br. Mus. Cat. XXIV 8). 

Lottatori. tipo rarissimo, che vediamo sul diritto di una in- 
tera serie di frazioni di aes grave, costituita dal semis, dal triens, 
dall'uncia e dalla senumcia, attribuita finora alla Campania [Tav. Ili 
n. 4]. L'unico riscontro, segnalato per altro nel catalogo di Berlino 
(Beschreibung III p. 33), si pu fare con le monete di Aspendus, che 
offrono numerose variet e che hanno una grande precedenza rispetto 
ai corrispondenti pezzi di aes grave campani, risalendo esse al 400 a. C. 
[Tav. IV n. 2]. Nella ceramica del periodo arcaico il motivo dei lot- 
tatori ricorre su di un vaso creduto proto-attico, con elementi decora- 
tivi di arte orientale 4 . 

Leone o protome di leone con gladio od asta fra le zanne. E fre- 
quente su monete dell'Italia , manca affatto nella monetazione della 
Grecia propria ed invece ripetuto pi volte su monete dell'Oriente 
e dei re di Macedonia. Di singolare pregio artistico 1' asse della 
serie latina con la testa leonina di fronte, che stringe fra' denti un 



* C, Smith A proto-attic rase (Journal of Jiell. studiea 1902, p. 28, PI, II-IVj, 



128 E. GABRICI. 



gladio (Garrucci XLI 1 ; XLII 1 ; LXIX 1) [Tav. 3 n. 1]. Lo stesso 
motivo , ma col leone rappresentato per intero e con asta o gavel- 
lotto fra' denti o sulla spalla fornito da monete di Gapua (Garrucci 
LXXXVII 11) [Tav. IV n. 10], di Venusia (Garrucci XC1V 17, 18) 
[Tav. IV n. 16], di Matiolum (?) (Garrucci XCV 43, dove errato il 
disegno, ma esatta la descrizione alla pag. Ili) ) [Tav. IV n. 15], da 
monete romano-campane (Garrucci LXXVII 8, 23-26) [Tav. IV n. 9]. 
I tipi monetali dell'Oriente e della Macedonia, che si possono contrap- 
porre a questi, cominciano tutti in epoca pi remota. Per non citare 
il grifo a testa di leone cornuto sulle monete di Panticapeo [Tav. IV 
n. 17], ricorder il leone con asta fra' denti , della medesima citt 
(Br. Mus. Cat. p. 5 n. 7. 400-300 a. C.) [Tav. IV n. 6], quello di Cardia 
del Chersoneso tracio su monete die cominciano verso il 400 a. 0. 
(Dressel Breschreibung I Taf. VI n. 59; Macdonald Cat. Hunter p. 287) 
[Tav. IV n. 8], quello delle monete di Aminta III l (381-309 a. C), 
di Perdicca 111(365-359 a. C. i [Tav. IV n. 11], di Macedonia e quello 
degli Oetaei di Tessaglia (400-344 a, C. Br. Mus. Cat. VII 9-11). Ri- 
corder inoltre il leone cornuto con asta fra' denti, delle monete di 
Sardes e quello con la spada in bocca sopra un doppio statere at- 
tribuito a Cizico , della collezione Dupr (Ann. Instit. 1841 p. 144 
nota 7). Assai di rado il leone rappresentato sulle pietre incise in 
questa foggia araldica, e per dippi quelle poche da citare non possono 
apportar luce alla mia dimostrazione, poich se ne ignora il luogo di 
fabbrica (Turtwngler Die antiken Gemmen XIII 44, 45 della seconda 
met del sec. V e prima met del IV; XLV 27 greco-romana;. 

Toro androcefalo e testa di Sileno. La misteriosa citt di Malies, 
che il Millingen e l'Avellino credettero doversi ricercare nell'odierno 
Molise e sulla cui assegnazione geografica fecero le loro riserve il 
Friedlnder, il Minervini, il Mommsen, ha un tipo singolare sul ro- 
vescio di una delle sue monete, il toro a volto umano con sopra una 
testa di Sileno (Garrucci XC 14, 15) [Tav. IV n. 4]. Nulla di tipolo- 
gicamente simile in tutta la monetazione greca; se non che sopra una 
bellissima moneta arcaica di Catana abbiamo il Sileno corrente al di 
sopra del toro a volto umano, che ci richiama un monumento di arte 
preellenica 2 . Ma un riscontro perfetto ce lo porge una rara moneta 
arcaica di Phaselis, anteriore al 400 a. C. [Tav. IV n. Ij. Il tipo di 
questa fu finora interpretato, ed a torto, come la pi antica rappre- 



1 II Mionnet (Snppl. Ili 181) descrive monete di Aniinta li con questo tipo. 

2 Rev. Nutnisni. N. S. IX (1864) 153. Br. Mus. Cat. Lycia PI. XVI 5. O. Jalin, 
Arch. Ztng. 1862 p. 113 sgg. M. Lehnerdt Arch. Ztng. 1885 p. 106 s^g. 



PARTE I. PER LA RICERCA DELLE ORIGINI ITALICHE. 129 

sentazione di Ercole ed Acheloo l j ma io non esito a ravvicinarla al 
bronzetti di Malies e riferirla al culto dionisiaco, come alcune rap- 
presentazioni di gemme italiche, le quali esibiscono il Sileno in atto di 
abbracciare uno stambecco (Furtwangler Antiken Gemmen Taf. XXIV, 
n. 29, 30). 

Aquila piscaria che ghermisce un pesce. Il motivo dell'aquila che 
tiene stretta fra gli artigli la lepre o il serpe o il fulmine , troppo 
frequente nella monetazione antica; non cos quello dell'aquila che tiene 
fra gli artigli un pesce, quasi sempre delfino. Lo troviamo sopra un 
raro asse di discussa attribuzione , ma sicuramente della seria la- 
tina (Garriteci XXXIII 1) [Tav. Ili n. 3], ed anche sulle monete di 
Akragas, specialmente su quelle di bronzo, la cui serie comincia prima 
del 40C a, C. [Tav. IV n. 10, 14]. Ma la patria di questi tipo da 
ricercare anch'essa nell'Oriente ellenico, sulle rive dell'Eussino, dove 
Sinope [Tav. IV n. 13], Olbia [Tav. IV n. 18] ed Istrus [Tav. IV n. 12] 
adottano nella loro monetazione questo tipo fin dalla seconda met 
del secolo V. 

Trattandosi di un semplice saggio, ho limitato la scelta a quelle 
monete, le cui somiglianze sono molto appariscenti. Esse intanto si 
prestano a considerazioni di altissimo valore storico , etnografico e 
religioso. Anzitutto dir, che le popolazioni a cui vengono attribuite 
e presso cui vennero coniate, non sono popolazioni della costa d'Ita- 
lia , come quelle in mezzo a cui si stabilirono coloni ellenici ; esse 
sono invece tutte dello interno della penisola , anzi alcune proprio di 
paesi montanari situati presso la catena degli Appennini, come Ve- 
nusia , come Malies, dato che sia Maluentum , come Mateola (?). Le 
altre vengono attribuite al Latium e alla Campania, ma non hanno 
nulla da vedere con monete delle citt elleniche prossime al mare, 
a meno che non si voglia ammettere una importazione di alcuni di 
questi tipi dalla Sicilia , che io escludo recisamente. Questa comu- 
nanza tipologica fra 1' Italia e la Sicilia segno invece di una co- 
mune dipendenza dall'Oriente. Sorge quindi naturale una prima do- 
manda: come mai questi abitatori di paesi interni dell'Italia adottano 
tipi monetali che non trovano quasi mai riscontro nelle monetazioni 
di citt greche della costa e neanche della Grecia propria , ma che 



i Jahrbuch 1889 p. 119. Milani Studi e materiali II, p. 107, 



130 E. GABRICI. PARTE I. 

trovano i loro precedenti in monete dell'Oriente ? da escludere che 
siamo di fronte ad una corrispondenza casuale; in fatto di arte e di 
religione bisogna ammettere le ragioni di dipendenza e di continuit. 
Anche a voler invocare il caso, questo potrebbesi ammettere per un 
numero limitato di tipi, non mai per un gruppo cos numeroso. 

E se cos da pensare, come mai e quando i concetti religiosi 
racchiusi nei tipi del leone col gladio o con l'asta, dei lottatori, della 
triskeles, del toro androcefalo associato al Sileno, dell'aquila piscaria 
e le relative loro espressioni artistiche d'importazione orientale arri- 
varono a farsi strada nello interno della penisola, senza che di loro 
restasse traccia di sorta fra le popolazioni della costa? Essendo che 
il tipo monetale ha valore altamente religioso ed l'espressione dei 
pi remoti culti dei popoli, dobbiamo convenire, che insieme coi tipi 
religiosi penetrarono nell'interno della penisola e particolarmente nel 
Lazio, nella Campania, nel Sannio, nell'Apulia anche le stirpi presso 
cui tali tipi e tali culti erano in voga. 

Ma una seconda domanda, ancor pi imbarazzante della prima, 
ricorre spontanea dopo l'esame delle proposte monete. 

La triskeles, i lottatori, il leone coll'asta o gladio, il toro asso- 
ciato al Sileno, l'aquila piscaria sono tipi che, l'uno jier l'altro, fanno 
la loro apparizione sulle monete dell' Italia non prima della met 
del secolo IV a. C, quando invece come tipi monetali sono adottati 
sulle monete dell'Oriente e della Macedonia per tutto il corso del se- 
colo Y e scompaiono su per gi verso la met del secolo IV , pro- 
traendosi qualcuno fino al termine di questo secolo. Verso questo 
tempo in tutta la monetazione del mondo greco prevalgono i tipi 
delle divinit del pantheon ellenico, essendo gi fissati e diffusi i tipi 
antropomorfi di ciascuna di esse. Nel caso delle monete da me prese- 
in esame, si osserva che le popolazioni italiche, le quali verso la se- 
conda met del secolo IV fanno la loro prima apparizione nel mondo 
monetale, adottano tipi religiosi che stavano per cadere in desuetudine 
nell'Oriente e nella Macedonia. In tesi generale poi va notato, essere 
questa una caratteristica comune a tutta la monetazione dell'Italia an- 
tica, escluse le citt greche della costa. I popoli italici che cominciano a 
monetare aes grave dopo l'esempio di Roma, verso la seconda met 
del secolo IV, adottano tipi antropomorfi, fitomorfi o di simbolica reli- 
giosa ed poco frequente la figura umana quale espressione della divi- 
nit. In conclusione, i popoli interni dell'Italia antica quando vengono 
a contatto della civilt pi avanzata, per mezzo di Roma, ci appaiono 
di essere in uno stadio di evoluzione artistico-religiosa, al quale tro- 
vavasi il mondo greco qualche secolo avanti. E si pu anche avere 



PARTE I. PER LA RICERCA DELLE ORIGINI ITALICHE. 131 

per indubitato, perch traspare da un numero grande di esempi, che 
questo stadio di sviluppo artistico-religioso dell' Italia interna me- 
ravigliosamente affine a quello dell'Oriente. Il cinghiale di Arpi, Lu- 
cer ed altri paesi, la protome e la figura intera del cavallo, carat- 
teristica della monetazione campana, la ruota, la rana, il delfino, l'an- 
cora, la prora di nave di Roma ecc. hanno i loro precedenti nelle 
serie monetali dell'Oriente, in ispecial modo di citt della costa, de- 
dite ai commerci marittimi. Di fronte a tanta affinit eloquente non 
si pu di certo invocare il caso, e d'altronde non si pu ammettere 
che tali tipi siano stati adottati nel secolo IV dalle popolazioni del- 
l' Italia in seguito a semplici scambi commerciali. Tale ipotesi urte- 
rebbe contro la quasi assoluta mancanza di questi tipi nelle serie mo- 
netali delle colonie greche della costa , le quali dovrebbero serbare 
numerose tracce di essi, nonch contro tutte le ragioni dianzi esposte. 
Merita inoltre considerazione speciale il fatto, che parecchi di questi 
tipi dell'Italia sono propri di popolazioni marittime, come il delfino, 
l'aquila piscaria, la conchiglia, l'ancora. In questa categoria annovero 
il rostro e la prora di nave, arma parlante di Roma. Giova osservare 
ancora, che per la interpretazione di tipi cos persistenti, come quello 
della prora di nave sulle monete di Roma, non vale il ricorrere ad 
avvenimenti storici troppo speciali e privi di carattere religioso. 
sulla via della verit chi pensa, che questo tipo della prora in rap- 
porto col culto dei Dioscuri. 

Ammessa dunque una relazione tipologica fra l'Italia e l'Oriente 
per le monete che stiamo studiando, ammesso che tale relazione non 
pu scendere al tempo in cui le monete dell'Italia fanno la loro appari- 
zione, ma dev'essere di gran lunga anteriore per la completa assenza 
di questi tipi su monete di colonie greche della Magna Grecia, am- 
messo pure che questi tipi ci rivelano uno stadio di evoluzione ar- 
tistico-religiosa anteriore a quella del mondo greco contemporaneo, 
non si pu non concludere, che i tipi monetali esaminati rivelano so- 
pravvivenze di concezioni artistiche e religiose di popolazioni pene- 
trate nell'interno della nostra penisola, prima ancora che le coste fos- 
sero occupate da coloni ellenici: e queste popolazioni devono esser 
venute dall' Asia occidentale per via di mare. Saranno state piccoli 
nuclei di arditi navigatori che, dopo di aver approdato alle coste 
dell'Adriatico e del Tirreno , specialmente del Lazio, si saranno in- 
ternati nelle pianure apule e latine, a scopo di commercio od incal- 
zati dagl'indigeni che vi abitavano. Quando tali immigrazioni siano 
avvenute, non facile determinare; il certo che le tradizioni del- 
l' approdo di coloni orientali sui due versanti della nostra penisola 



132 E. GABRICI. PARTE I. 

in et remotissima, spianano la indagine. Le ragioni numismatiche 
non devono essere trascurate dallo storico dell'Italia antica, essendo 
le monete i soli monumenti, ai quali possiamo chiedere fiduciosi il 
responso in fatto di etnografia e di religione. Non respingo la leg- 
genda di Enea, che approda alle coste del Lazio e che trova resi- 
stenza da parte dell'elemento indigeno, ma che finisce per rimanervi 
e dominare. Sfrondata di tutte le aggiunte posteriori, essa nella sua 
forma schematica regge benissimo. E Koma, che ha origine come ogni 
altra citt interna del Lazio, non poteva adottare , senza buone ra- 
gioni, come tipo solenne della sua monetazione la prora di nave, un 
emblema marinaresco per eccellenza, quale era stato per certi popoli 
navigatori dell' Oriente, della cui arte e religione troviamo tracce 
troppo frequenti e palesi sulle monete dell' Italia. Il problema delle 
origini italiche, e particolarmente di Roma, dev' essere ripreso in e- 
same senza preconcetti n fantasticherie di critici ortodossi ; in tal 
modo si potranno sceverare nella leggenda di Roma gli elementi ita- 
lici da quelli orientali ed etruschi contemperati e fusi insieme. 

Un fatto notevolissimo emerge dallo studio di tipologia monetale 
comparata, ed che fra' popoli dell'Oriente, che importarono la loro 
civilt nelle regioni interne della nostra penisola, hanno una parte 
prevalente quelli della costa sud dell'Asia Minore e quelli della Pro- 
pontide e del Ponto Eussino. Alla Licia, alla Panfilia e alla Pisidia 
ci richiamano in ispecial modo la triskeles, i lottatori, il toro andro- 
cefalo accoppiato alla testa di Sileno, la prora di nave; alle sponde 
dell'Eussino ci richiamano l'aquila piscaria e il leone coll'asta fra le 
zanne. A questa corrispondenza tipologica fra l'Italia e l'Oriente par- 
tecipano i paesi situati sulle coste della Tracia e della Macedonia : 
la Grecia propria riman quasi sempre fuori. Analogamente ebbi a con- 
cludere altrove, studiando certi tipi monetali di citt greche della costa 
dell'Ionio e della Campania l . Non occorre neanche ricordare, che a 
cotesta corrispondenza tipologica partecipa quasi sempre l'arte etni- 
sca, e talvolta al difetto delle monete supplisce la corrispondenza di 
monumenti etruschi d'altro genere. La figura del leone, ad esempio, 
con la punta di un'asta fra' denti, si osserva sopra un' urna sepol- 
crale di Perugia, sulla quale richiam 1' attenzione il Brunii 2 e le fi- 
gure dei lottatori, come quelle dell' aes grave italico e delle monete 



1 V. le due memorie citate alle note 1 e 2. 

2 Bullett. d. Instituto 1859 p. 184 sg. Conestabile , Monumenti di Perugia 
tav. LXXX 4. 



PARTE I. PER LA RICERCA DELLE ORIGINI ITALICHE. 133 

di Aspendus , sono dipinte sopra una parete della tomba cornetana 
degli Auguri o della caccia l . La rappresentazione del gabbiano, che 
tiene stretto fra gli artigli un pesce, trova riscontro addirittura nella 
ceramica preellenica 2 . 

Se il vero significato religioso di tutti questi tipi, da me esami- 
nati, ci sfugge o almeno non e interamente chiaro, almeno abbastanza 
evidente quello del leone con Fasta o giavellotto o gladio. Il suo si- 
gnificato solare addimostrato dalla sua frequente associazione con 
Ercole, nonch dall'essere, sulle monete di Panticapeo , la testa di 
leone coll'asta adattata al corpo di un grifo, simbolo solare. Tale si- 
gnificato risulta poi evidente dalle monete imperiali di un periodo, in 
cui si ebbe una reviviscenza di culti orientali. Infatti alcune monete 
di Domiziano, Antonino Pio, Caracalla, Aureliano, Probo, Postumo, 
Diocleziano , Valerio Massimiano hanno il leone or con la lancia or 
col giavellotto, or con lo scettro, or col fulmine in bocca. La lancia, 
il giavellotto, lo scettro sono quindi equivalenti del fulmine ed accen- 
nano al dardeggiare dei raggi solari. Cos che questo tipo, come quello 
della triskeles, e come tanti altri di monete dell'Italia antica, entra in 
quella categoria di rappresentazioni monetali, che muovono dal con- 
cetto della divinit maschile di carattere celeste e solare. 



1 Ann. d. Iustit. di corrisp. arch. a. 1881 p. 5. Monumenti voi XI tav. XXV. 

2 Monumenti dei Lincei 1905 voi. XIV punt. II tav. XXXVII e XXXVIII. 

Napoli. 

Ettore Gabrio. 



INDICE DELLE TAVOLE. 



Tavola III n. 1 Br. Asse con la protome di leone. Museo di Napoli, Fiorelli Cat. u. 483. 

> n. 2 Br. Quadraus con la triskeles. Londra, Br. Mus. Cat. Ilaly p. 57 n. 17. 
i n. 3 Br. Asse di Reate. Museo Kircheriano, Garrucci XXXIII 1. 

> n. 4 Br. Seniis della Campania (?). Museo Kircheriano; gr. 42, 90. (Il calco 

mi fu gentilmente inviato dall'Haeberlin). 



Tavola IV n. 1 Arg. Statere di Phaselis. Londra, Br. Mus. Cat. pi. XVI n. 5. 
n. 2 Arg. Statere di Aspendus. Londra, Br. Mus. Cat. pi. XXI 7. 

n. 3 Arg. Statere di Aspendus. Londra, Br. Mus. Cat. pi. XIX 2. 

> n. 4 Br. Moneta di Malies. Napoli Collez. Santangelo, Fiorelli Cat. n 417. 

2> n. 5 Arg. Frazione di dramma di Caulouia. Londra, Br. Mus. Cat. pag.336 n. 16. 

n. 6 Arg. Moneta di Panticapeo. Londra Br. Mus. Cai. pag. 5 n. 7 

n. 7 Arg. Decadramma di Derronicus. Londra, Br. Mus. pag. 150 n. 1. 

n. 8 Br. Moneta di Cardia. Berlino, Beschreibung I Taf. VI 59. 

n. 9 Br. Litra romano-campana. Napoli, Collez. Santangelo; Fiorelli Cat. 

n. 1591. 
s> n. 10 Br. Moneta di Agrigento. Glasgow, Collez. Hunter, Cai. (Macdouald) 

voi. I PI. XI n. 16. 
n. 11 Br. Moneta di Perdicca III. Glasgow, Collez. Hunter, Cat. voi I 

p. 287 n. 1. 
n. 12 Statere di Istrus. Glasgow, Collez. Hunter, Cat. voi. I p. 410 Pi. 

XXVII 12. 
n. 13 Arg. Moneta di Sinope. Londra Br. Mus. Cat. XXII 7. 

n. 14 Oro. Moneta di Agrigento. Napoli. Museo Nazionale; Fiorelli Cai. 3908. 

n. 15 Br, Moneta di Matiolum. Berlino, Beschreibung III pag. 195 n. 1. 

n. 16 Br. Moneta di Veuusia. Napoli , Collez. Santangelo , Fiorelli Cat. 

n. 2148. 
n. 17 Oro. Statere di Panticapeo. Londra, Br. Mus. Cat. pag. 4 n. 1. 

n. 18 Arg. Moneta di Olbia (Sarmatiae). Londra, Br. Mus. Cat. n. 1. 

n. 19 Br. Moneta di Capua. Berlino, Beschreibung III PI. Ili n. 34. 



UN GIUDIZIO DI CICERONE 

INTORNO A LUCREZIO . 



Cicerone dov ricordare certamente la parte da lui avuta , in 
giovent , nella divulgazione del poema di Lucrezio , quando si ac- 
cinse pi tardi a dettare una delle sue pi cospicue opere di filoso- 
fia intorno alla natura degli dei. cos evidente il contrasto tra 
i due obiettivi diversi, a cui mirano, da una parte, il poema de re- 
rum natura, e dell'altra il trattato de natura deorum, che non si pu 
dubitare del proposito dell' Arpinate, di contrapporre il suo libro, de- 
stinato a ristorare il culto degli di , al meraviglioso poema , che 
aveva avuto per scopo ed effetto di detronizzarli. 

Era forse un pentimento tardivo, sopraggiunto nell'animo del fi- 
losofo e dell'uomo politico ! 

Gli antichi eran soliti di compiere con amorosa cura questo de- 
licato ufficio, di tener cio desta la memoria degli amici, col pubbli- 
carne le opere, che essi avessero lasciate per caso interrotte o pure 
inedite. Sappiamo da Probo, che 1' edizione delle satire di Persio 
fu compiata, dopo la morte immatura del poeta, dall'amico di lui, 
Anneo Cornuto, il quale leviter eas retractavit. 

Tale revisione, come risulta degli scoliasti, dov avere per com- 
pito di smussare e velare o, anche, di eliminare del tutto dal tessuto 
di esse, alcune allusioni, troppo violente o troppo aperte, a Nerone, 
perch il liber satirarum potesse pi liberamente circolare nel pub- 
blico. La cura dell'edizione fu poi da Cornuto affidata a mi altro a- 
mico di Persio, a Cesio Basso. 

Un ufficio consimile dov compiere anche Cicerone verso l'opera 
di Lucrezio, riordinandone forse gli scomposti frammenti e lasciando 
al fratello o ai copisti le cure pi modeste della pubblicazione. 

La testimonianza esplicita, che ce ne ha tramandata Geronimo, 
trova conferma in quel luogo delle Epistole di Plinio 3, 15, dove, par- 
landosi appunto di questa consuetudine degli antichi, di farsi editori 
delle opere poetiche dei contemporanei, si attesta di Cicerone, che 
mira benignitate poetar uni ingenia fovit. 



1 Sopra la traccia degli appunti , raccolti da un corso di lezioni, che circo- 
stanze diverse hanno finora vietato di pubblicare, 



136 E. COCCHIA. 



Qualcuno potrebbe dubitare della coperta allusione, intraveduta 
in queste parole al poema di Lucrezio , per il fatto che il nome di 
lui non apparisce mai nelle opere dell' Arpinate. Ma non conviene di- 
menticare che Cicerone, sebbene intrecciasse, con s spiccato compia- 
cimento, alla sua prosa fiorita, citazioni frequenti ed olezzanti di poeti 
antichi, ha lasciato sempre da parte i contemporanei, e non ha con- 
cesso quest' attestato d' onore nemmeno a Catullo , al quale pure fu 
avvinto dai vincoli pi intimi dell' amicizia, e dal quale deriv non 
pochi influssi nel magistero sovrano dello stile, che gli ha fatto onore. 

Oltre a questo raffronto indiretto e persuasivo , soccorre ovvia 
la considerazione, che Cicerone evit trse in sguito di fare pur cenno 
del poema di Lucrezio , per non dar corso e maggiore diffusione a 
dottrine , ravvivate dal calore dell' arte , ma affatto repugnanti alle 
proprie. La sua coscienza filosofica e politica l'aveva portato ad as- 
sumere uua posizione risoluta e decisa contro l'Epicureismo, e l'aveva 
costretto quasi a dimenticare la parte, che quale erudito egli aveva 
preso, parecchi anni innanzi, alla pubblicazione di un poema splen- 
didissimo, destinato a illustrare quella dottrina. Ma neppure pi tardi 
egli pot spogliarsi interamente del fascino esercitato sul suo spirito 
da' luminosi bagliori del genio luereziano, con cui ebbe e mantenne 
comuni gli ideali della vita politica. E forse deriv da queste memorie, 
non mai obliate, della giovinezza gli splndidi colori, di cui, tra tutte 
le dottrine contradette , ha circonfusa con special cura, in ogni circo- 
stanza, la lucida e vigorosa esposizione delle teorie d'Epicuro. 

Conviene anche aggiungere, che Cicerone non si mostr mai uno 
Stoico astioso ed arcigno, rgidamente e teologicamente chiuso nella 
cerchia angusta di una dottrina esclusiva. Egli appartenne all'Acca- 
demia, e questa, com' noto, professava la dottrina del dubbio. 

Si badi inoltre che Cicerone , per la sua professione oratoria , 
dov conservare grande libert di pensiero, congiunta a piena indi- 
pendenza di giudizio. 

Senza di questa considerazione, non si spiega come egli ci si mo- 
stri , nelle sue feroci invettive contro Pisone , quasi come un difen- 
sore dell'Epicureismo, e come, per difendere Murena, non esiti a com- 
battere le intemperanze metodiche e dottrinarie dello Stoicismo, lo 
non nego che a questa apparente mutabilit o contraddizione dei suoi 
criterii filosofici abbiano contribuito, volta per volta, le necessit e le 
preoccupazioni delle opposte tesi, che aveva preso impegno di far trion- 
fare. Ma si fermerebbe all' apparenza chiunque chiudesse gli occhi 
alla luce ideale, con cui l'autore trasfigura nobilmente queste evolu- 
zioni progressive del suo pensiero. 



PARTE I. UX GIUDIZIO DI CICERONE. 137 

Il temperamento di Cicerone ra improntato da un grande equi- 
librio mentale ; e questo si rispecchia anche nella temperanza della 
sua condotta politica e nella deferenza costante alle opinioni degli 
amici , tra i quali il pi intimo fu sempre per lui Tito Pomponio 
Attico, cio un lido ed autorevole seguace della dottrina epicurea. 



Di questi contatti di Cicerone con Lucrezio e con la filosofia e- 
picurea troviamo due tracce assai cospicue nelle sue epistole. 

La prima, di cui esclusivamente ci occuperemo in questo saggio, 
risulta da una lettera al fratello Quinto, 2, 9, .'> , scritta nel feb- 
braio del 700 , nella (piale ci dato forse di sorprendere un giudi- 
zio assai acuto del sommo oratore sui meriti singolari del pi grande 
poeta-filosofo, che vanti l'umanit. Egli scrive: Lucretii pomata 
ut scribis ita sunt multis luminibus iugenii multae tanien artis sed 
cuiii veneris virum te putabo si Sallustii Empedoclea logeris lio- 
minem non putabo . 

Gli editori giudicano, per solito, queste parole come di colore o- 
scuro; e si provano ad emendare variamente la lezione dei mscr., per 
quella fallace tendenza che ci porta talora a voler trovare riflessi 
negli scrittori antichi i sentimenti nostri e le opinioni, che per av- 
ventura ci siamo formati intorno al concetto che essi ebbero della 
vita e dell'arte. 

Xel caso in esame , gli errori di ermeneutica ci sembrano deri- 
vati direttamente dal fatto, che i critici considerano la testimonianza 
di Cicerone come posteriore alla morte di Lucrezio. E con tale pre- 
concetto immaginano di trovarvi un accenno all'emendazione e pub- 
blicazione del poema, a cui l'Aspinate si era gi accinto. 

Vedremo che nemmeno questo punto di vista giustifica le emen- 
dazioni congetturali, con cui essi si sono studiati di adattare il pen- 
siero di Cicerone alle loro teorie. Ma, intanto, vogliamo preliminar- 
mente osservare, clic dalla tradiziono di' Donato, il (piale fa coinci- 
dere la morte di Lucrezio coli' anno in cui Virgilio assunse la toga 
virile , non deriva irrefutabilmente che Lucrezio sia morto nel 001) 
di IL, cio nel 55 av. Cr. In quell'epoca Virgilio contava appena 15 
anni, cio due di meno dell'et legale richiesta per l'assunzione tra 
gli efebi. L ci da ritenere, che la combinazione cronologica di Do- 
nato sia meno attendibile della notizia conservata in un codice mo- 
nacense del EX secolo, dove quella coincidenza riportata al XXVII 
anno della vita di Virgilio. Se si combinano insieme i due dati , si 



138 fc. COCCHIA. PARTE I. 

trova assai pi plausibile l'ipotesi, che corregge la facile duplicazione 
iniziale di questa nota, col riferire la morte di Lucrezio e la virilit 
di Virgilio all'anno 53 av. Cr., cio 701 di Eoma. 

Questo spostamento risulta giustificato anche da qualche indizio, 
che ci par di scorgere nelle oscure parole di Cicerone, riferite dianzi. 
La forma del plurale pomata, con cui questi si riferisce all'opera di 
Lucrezio, non pu accennare al contenuto organico del de rerum na- 
tura, quale noi lo possediamo, ma soltanto a brani o estratti del poe- 
ma, quali forse gi correvano per le mani degli studiosi. Certo quella 
forma esclude che 1' edizione complessiva del poema fosse un fatto 
gi compiuto, nell'anno 700, a cui il cenno di Cicerone ci riporta. 

Le prime note di quelle parole ci lasciano infatti intendere, che 
Quinto aveva preso l'iniziativa o accettato l'invito di discorrere dei 
meriti dell'opera lucreziana. Ma non appare chiaramente quale fosse 
stato il pensiero di lui, perch il consentimento del fratello espresso 
in una forma affatto generica : Lucretii poemata ut scribis ita sunt, 
cio l'opera di Lucrezio ha proprio il valore che tu le attribuisci . 

Sulla natura di questo giudizio vengono a gettar luce gli ele- 
menti successivi , espressi nella forma antitetica : multis luminibus 
ingenti multae tamen artis. Ma non tutti ne intendono la correlazione 
esatta, in cui son posti col pensiero dell'autore. 

Si nota anzitutto il contrasto tra la forma diversa in cui sono e- 
spressi i due membri di questo inciso, risultante da un ablativo (mul- 
tis luminibus) e da un genitivo di qualit (multae artis). Ma non si 
avverte, che ci perfettamente conforme all'uso costante degli scrit- 
tori classici, di costruire, al plurale, in caso ablativo il complemento 
di qualit. 

In secondo luogo, la presenza del tamen nel secondo termine ha 
fatto credere a parecchi interpreti , che qui si tratti di un contrap- 
posto tra luminibus ed artis, e che, mentre l'un termine accenna ad 
una lode, l'altro contenga un biasimo. 

Si badi, per, che il multae artis non si presta per se stesso a 
siffatta interpretazione. E, per ridurlo ad essa, si sono escogitati due 
diversi mezzi. 

Alcuni, come il Beit zen Stein, han creduto che ars valesse in 
questo luogo a un dipresso come t%vri , cio disciplina , e signi- 
ficasse l'organismo dottrinale, l'aridit del tecnicismo filosofico. Altri 
invece, come il Bergk, mantengono ad ars il suo significato normale, 
ma suppongono, per mantenere l'antitesi che hanno immaginata, che 
innanzi a multae artis sia caduta la negativa non. Giusta questa loro 
opinione , Cicerone avrebbe riconosciuta in Lucrezia molta potenza 



UN GIUDIZIO DI CICERONE. 139 



inventiva e fantastica, ma non gi lo splendore della forma artistica. 
Altri, come il Lachmann e l'Ermesti, han creduto invece che la 
negazione sia rimasta soppressa innanzi a multis luminibus ingenu, e 
che Cicerone abbia riconosciuta a Lucrezio l'arte della parola, ma non 
la potenza creatrice della fantasia. 

Tutte queste ipotesi sembrano a me inattendibili e contradittorie. 

Quanto alla prima io noto, che il parallelismo formale rinfor- 
zato dalla presenza del multae , e che quest' aggettivo applicato ad 
artis implica uno lode , non altrimenti che i multis riferito a lumi- 
nibus ingenti. I Latini infatti distinguevano tra loro nettamente la 
facolt dell' ingenium , cio della potenza creatrice e fantastica, e 
Vars, che l'attitudine a rappresentare in forma perfetta e sensibile 
le creazioni dell'ingegno. In tal senso Ovidio poteva esaltare in En- 
nio la robustezza della fantasia, a scapito delle attitudini artistiche: 
Ennius ingenio maximus , arte rudis. Ma tale antitesi non si giusti- 
fica in persona di Lucrezio , i cui carmi parvero a buon diritto a 
Fervorino, presso Gellio, come ingenio et facundia praecellentia. Or non 
vi ha dubbio, che in questo giudizio faoundia l'equivalente di ars; 
n pu esser diverso il giudizio di Cicerone. 

Quanto alle altre ipotesi, basta l'audacia contradittoria delle e- 
mendazioni proposte ad escludere la verosimiglianza intrinseca di esse. 

Il nostro parere questo, che di emendazioni congetturali non 
vi sia punto bisogno , per intendere il pensiero di Cicerone. E son 
portati a fargli violenza soltanto quelli i (piali immaginano, clic sia 
contradittorio in bocca di Cicerone un giudizio favorovole intorno a 
un rappresentante, anche insigne, della filosofia epicurea. 

Io non dimentico che Cicerone , nelle Tusculane, contraddice a 
Lucrezio soprattutto nell'esaltazione entusiastica, che lo aveva indotto 
a paragonare a un dio il sue maestro, lgli scrive in 1, l'I : solco 
saepe mirali nonnullorum insolentiam philosophorum , qui naturae 
cognitionem admirantur eiusque inventori et principi gratias agunt 
eumque venerantur ut deum . Ma il dissenso nella dottrina non 
poteva impedire a Cicerone un giudizio equanime ed imparziale, che 
riconoscesse almeno le attitudini poetiche di Lucrezio. 

Grande anche a lui doveva parere la differenza tra l'arte ancora 
rude di Ennio , 1' introduttore dell" esametro nella poesia romana , e 
quella di Lucrezio, che preludeva cos splendidamente ai fulgori del- 
l'et augustea. In particolar modo, poi. Cicerone non poteva dimen- 
ticare di essere stato precorso da Lucrezio nel felice ardimento di 
adattare la lingua latina all'espressione pi varia dei concetti filoso- 
fici ine ci. 



140 . COCCHIA. 



Se queste nostre presunzioni colgono nel giusto segno, ne deriva 
di conseguenza , che le parole di Cicerone intorno all' ingegno e al- 
l' arte di Lucrezio non possono contenere alcuna ombra di biasimo. 

10 non so se un concetto simile errasse vagamente anche innanzi 
al pensiero del Wesenberg, quando propose di mutare multae ta- 
men artis in multae etiam artis. Ma 1' emendazione, a cui trascorse, 
contribu ad annebbiare 1' intuizione , che forse gli era brillato alla 
mente, e disperse o lasci senza presa le felici suggestioni, alle quali 
poteva dar luogo. Egli conce])! quell'inciso (multis luminibus ingenti, 
multae etiam artis) come una continuazione del pensiero di Quinto, 
e lasci sparire l'antitesi, che Marco Tullio aveva opposto al consen- 
timento generico nel parere di lui. 

Noi non sappiamo precisamente quale questo parere fosse stato. 
Ma, se 1' opposizione implica una lode, conviene ritenere che il giu- 
dizio di Quinto fosse stato poco favorevole atl'opera di Lucrezio, alla 
quale forse rimproverava di essere niente altro che un'esposizione 
in versi di Tina dottrina filosofica , alla maniera dell' Empedoclea sal- 
lustiana. 11 fratello Marco, pur convenendo nel fatto, ribatteva per, 
che il poema lucreziano rifulgeva per una grande potenza inventiva 
e per abbondanti tesori d' arte. 

Qualcuno, per, potrebbe obiettare a questo nuovo tentativo er- 
meneutico , che il pensiero di Cicerone, per riuscir chiaro, dovrebbe 
esser preceduto, anche nel primo termine, dalla particella avversativa 
tamen. Ma, a prescindere dalla durezza che avrebbe presentato il giro 
della frase : multis tamen luminibus ingenii multae artis, e dalla man- 
cata cadenza ritmica del secondo membro dell'inciso, ove ne fosse spa- 
rito il tamen; pure a notare, che lo spostamento di questa particella 
nel secondo termine unifica sotto un sol punto di vista l'antitesi, alla 
quale Marco Tullio aveva intenzione di dar rilievo : antitesi che non 
poteva risultare incerta, in alcun modo, al lettore della lettera, come 
riuscita dura ai suoi interpreti. 

Fermato questo criterio, risulta facile e chiaro anche il concetto 
espresso nel novello inciso , che tanto ha affaticato sinora, e inutil- 
mente, l'intelligenza di critici illustri: sed cum veneris 'virum te pu- 
tabo si Sallustii Empedoclea legeris hominem non putabo. 

11 Marx propone di interpungere questo brano con un punto 
fermo dopo veneris , come se l'autore volesse intendere : sed cum ve- 
neris (pi lira dicani). Ma, a prescindere che il cum veneris troppo 
evidentemente legato colla frase successiva (putabo), anche a notare 
che 1' ellissi, proposta dal Marx, riesce troppo dura, e che, per risul- 
tare evidente, essa dovrebbe essere almeno integrata in questa forma: 
sed [plura] cum veneris. 



UN GIUDIZIO DI CICERONE. 141 



Il Bergk , invece, che aveva proposto di dirimer l'antitesi, at- 
tribuendo il primo termine al giudizio di Quinto , e contrapponendo 
a questo, con un tentativo d'integrazione non necessaria, il pensiero 
di Marco Tullio : Lucretii poemata, ut scribis, ita sunt , multis lumi- 
nibus ingenii, ]non] multae tamen artis, si trova costretto a integrare 
anche lui, nella seconda parte, il pensiero dell'autore, che gli riesce 
zoppicante. E propone di aggiungere, dopo cum veneris, la frase ad 
umbilicum , nel senso di ad flnem , ad extreunuu . Ma , a tacere 
della grave e inesplicabile omissione, non s' intende neppure il pen- 
siero o il ghiribizzo che risulterebbe da questo gioco di parole : sed 
cum veneris ad umbilicum, rirum te putabo. 

11 fatto questo, che le parole di Cicerone non hanno bisogno, 
per essere ben intese , di nessuno dei complementi immaginati dai 
critici. Anzitutto bisogna cogliere nettamente l'antitesi del pensiero, 
a cui Cicerone ha dato rilievo, col contrapporre virum a hominem, cio 
l'uomo forte e di lena all' uomo intelligente . 

Quanto poi al Sallustio, l'autore dvWEmjiedoclea, conviene in 
mancanza di fonti rassegnarsi a supplire coll'iinmaginazione quello 
che esse ci hanno involato. Da Cicerone abbiamo notizia di un Gneo 
Sallustio , che gli avrebbe consigliato di rimutare il piano dei suoi 
libri intorno alla Repubblica. E pu ritenersi, che questo stesso sia 
stato anche autore di una traduzione in latino dell'opera poetica di 
Empedocle, intitolata 7Csq (pv6EGg. 

Quest' opera ispir anche il titolo ed alcuni concetti del poema 
di Lucrezio de rerum natura ; ma dov essere travestita in latino 
dal suo traduttore col titolo Empedoclea, estratto dal nome del poeta 
agrigentino che l'aveva composta. 

La contrapposizione giustifica questa ipotesi e ci lascia supporre 
che Quinto , per attenuare il valore del poema di Lucrezio , abbia 
paragonato senz'altro ad esso un altro poema filosofico, cio VEmpe- 
doclea tradotta da Sallustio. E Marco Tullio, clic eia forse abituato 
a prendere in gioco non meno la bassa statura clic la corta intelli- 
genza di Quinto, avr ribattuta con arguzia bonaria l'infelice compa- 
razione, coli' aggiungere alle lodi gi fatte di Lucrezio questo motto 
di spirito : sed cum veneris, virum te putabo, si Sallustii Empedoclea 
legeris, hominem non putabo, clic vogliono significare in lingua umile 
e povera: se alla tua venuta avrai forza di leggere il poema di 
Sallustio intitolato da Empedocle, io ti giudicher un uomo di lena, 
ma non un uomo d' ingegno . 

Napoli. 

Enrico Cocchia, 



UN FRA/AMENTO DI CODICE 

delle Institutiones grammaticae di Prisciano. 



iiar t^ miurrtiilctClan t- ti uteri it-u u (uncini pslOi. 

TtUL/fa.t'i- ; /M'l": ' , \.:t.i,.,^j.; 

ne?CAi^nua*uuih<iba\-nipi>11~Vr.,.>ii><.' tra .ilr' ut ' \ 
r^/iuHuTcufejctLujn^.uJunc-f oriti aCncMo f.irrnf uot.it < 
1 IN U01R lAlSCUH: (^RiM.*. / Ct'lWfOHQto- 

xm kc 1 Pti Lt&f a I iwstrifA xtttj vi par r <. 

Hh l l l 1 C l I i R ' 




t^ttfru%l<f ex~ti:i ponurtr -tu 




^pallfmiiicuPncrafn.tUrtnvmi <:fcqut>ntHituui mt 




Fig 81. 

nell' Archivio distrettuale di Schicca, e mi fu mostrato come 
una curiosit archivistica i mentre cercavo tra le carte pi antiche 
qualche documento che avesse importanza storica. 

Nicol Giannina, notaro di Sciacca dal E516 al L567, soleva 
scrivere l'indice dei suoi atti in fascicoletti di carta di forma rettan- 
golare. Uno di essi (e. 31 > 11 ) ? e precisamente quello dell'anno della 
prima indizione 1527 , ha per copertina una pergamena , che un 
frammento di un codice molto antico. Leggendo mi accorsi che conte- 
neva una parte delle Institutiones grammaticae di Prisciano , il 
grammatico del V secolo , che nacque a Cesarea ed insegn a Co- 
stantinopoli quei precetti i quali poi, scritti da lui stesso, servirono 
di base all'insegnamento del latino fino al secolo XV. 

11 frammento, di cui do notizia, risulta di un foglio intero e di un 
altro in parte tagliato. Dal foglio intero ricaviamo le dimensioni del 



1 Ne far menzione il conservatore G. Epifanio in un suo lavoro siili' ordi- 
namento di quell'Archivio. 



UN FRAMMENTO DI CODICE. 143 



codice , mm. 23 > X 177 , di cui inni, 200 X 108 occupati dalla scrit- 
tura. Esso ha nella parte laterale, che corrisponde a quella superiore 
della copertina dell' indice Alfabetici, anni, prime, indicionis. 
1527. Il secondo foglio manca a destra di una striscia, che certa- 
mente fu tolta per pareggiare la copertina dell'indice colle pagine 
dello stesso. largo mm. 138, senza la striscia che comprendeva an- 
che una piccola parte dello scritto ; sicch le parole lunghe sono in 
fin di riga dimezzate, le brevi mancano del tutto. I fogli sono scritti 
da tutte e due le pagine e ciascuna contiene invariabilmente 33 righe. 

11 codice , al quale apparteneva il frammento , non pare poste- 
riore al sec. X. La scrittura, che la carolina perfezionata, trovasi in 
generale in buono stato di conservazione, pi nelle due pagine corri- 
spondenti alla parte interna della copertina che nelle altre. Il punto 
sta in luogo di qualunque segno ortografico e , quando equivale al 
nostro , seguito da lettera maiuscola. Se questa cade in principio 
di rigo scritta nel margine. 

Il testo in generale molto corretto e, se si toglie qualche va- 
riante, per altro assai rara, e il ci che sostituisce costantemente il ti, 
quando seguito da altra vocale , risponde a quello pubblicato da 
Martino Hertz nell'edizione critica. (Prisciani Grammatici Caesariensis 
Institutionum Grammaticarum libri XVIII. Lipsiae, MDCCCLXVTIII). 

S'incontra talvolta qualche correzione che pare fatta dalla mano 
stessa che scrisse il codice. 

In tutta la prima pagina del primo foglio e nelle prime cinque ri- 
ghe della seconda si discorre del pronome. Segue: Finit Liber Pri- 
sciani Grammatici ])e Pronomine (XIIJ. Incipit Liber Eiusdem Q (?) 
XIIIJ De Preposicione Feliciter . Questa indicazione con varianti 
pi o meno notevoli si trova in parecchi dei codici consultati dall'e- 
ditore, dei quali un solo, il Carlsruhense 223 l , ha il finit , gli al- 
tri hanno explicit. Il Feliciter prima o dopo il titolo delle va- 
rie parti della Grammatica di Prisciano si trova nei codici sin dal 
secolo IX. L'abbiamo nell'Ambrosiano B. 71, che appunto di quel 
secolo, al f. 09 2 . 

Xel resto di quella seconda pagina e nelle due del foglio rita- 
gliato si tratta della preposizione. 

Il secondo foglio iter non la continuazione del primo. 

La l a riga del foglio 1 A : k pud est talis vel tantus ? ' dici- 



1 del sec. IX. Hertz, op. cit. voi I, 1865, p. XIIII. 

2 Cfr. Spogli ambrosiani latini del Sabb;ulini iu Studi ititi, di filol. class, voi. 
XI, p. 241. 



144 V. EPIFANIO. 



mus ' similis huic, de quo loquimur ' ergo cum ad. Nell'ed. Hertz 
corrisponde al r. 30 della p. 20 del II voi. Il foglio 1 B finisce 
colla riga ...eia, ut ' scribit et legit homo ' vel ' hiatus et fortis homo', 
ut et hoc ipsum planius. Hertz, p. 25, r. 5: et ut hoc ipsum ple- 
nius . La maggior parte dei codd. ha per la lezione del nostro. 
11 1 r. del foglio 2 A : in I historiarum ' ad bellum persi ma- 
cedonicum ' numero ad.... Hertz, p. 30, r. 20. Ultima riga del fo- 
glio 2 B: ... puyr{ evi xatavevQr] co etci %oXXa spo . Hertz, p. 33, 
r. 17: ... yid'm evi "aviccveCqti, 'Sii sui TtoXX v[t]6cc... 

Confrontando il testo del frainm. colla stampa dell'ed. Hertz, si 
vede che tra i due fogli del cod. mancano quattro pagine di scrit- 
tura. Infatti il 1 f. equivale a 70 r. di stampa (da p. 22 a p. 25) , il 
2 f., che contiene molte citazioni di versi, a 93 r. (da p. 30 a p. 33). 
In media abbiamo circa 80 r. di stampa per ogni foglio del codice. 
La lacuna che tra i due fogli corrisponde 102 r. di stampa (da p. 25 
a p. 30); mancano quindi precisamente due fogli del cod., cio i due 
fogli di mezzo di un fascicolo di pergamene piegate , delle quali la 
nostra era la penultima. 

Noi non sappiamo in qual modo quel framm. venisse nelle mani 
del notaro di Sciacca. Ma 1' esistenza di un codice molto antico in 
quella parte della Sicilia ci fa credere che anche ivi nel Medio Evo 
il testo di Prisciano si adoperasse per l'insegnamento del latino. 

Palermo, 

Vincenzo Epifanio. 



N0MI2MATA EBETON 
E0NOTS ArNaSTOr 0ES2AAIAS KAI HTIEIPOr. 

(ZvyifioXri sii; trjv vofiL6[icctix^v rrjg xvgCag 
xa ti t q MsydXrjg 'EIXddog). 





Ehv 22. 



Ra{>' ov ypvov ".t^iv tt ( v Xiav Tifxwav as 7cp<7x>.i]<Tiv to5 *v gumust 
xa.ay( s; ttjv (juYypixtpyjv - k ou Tp.ou p; ti|7//jv tou ffocpo cruvaoX<po'j u.ou K.. u 
'Avtwvivou a>iva SGJCSTrrjx'/jV olov ) tjto tc. [acXXov pj/.ov Oiy.a "EV/jvi 
vo[x'.T[/,aTi/tt5 , yp'povTi p; tijjl^v ' IraAo^ G'jvasXfpo'j , aT/o^'/jOivro; ouo; 
>,; TVjv [j-l-rr^ Ttov vo|JU<j/.Ttdv tv;; IVLsy>.7j; 'EW.aSo;, yaOv- ti; Tuyyj 
syjpsffTTJt-7] va /.oi xpo , j'7'.'77j <xvsx,&otov v[/.u;|/.a, <jy*Tijjt.svov /.7Ci>; xsv 
p; T/jv voi.t<7|/,aTt/C^v tyj; sopito; ' E}JXxr)o; , |X|JLS<70); p; z.v/jv c/j; 
v 'IcaXz MevocX'/j; ' EXXor. 

T vu.iG'/.a tovjto (Etxtv U2) vsjeaXuo&'/j <7yro>; ap t/jv XaX/Cioa 
xr,; Epoia?, avutasi i v\iv tco /.. I\ \. XaT^vjVtx.oX'j , Sixvjypw sv'Atb]- 
vat,; , x.a syst. to scr,; - 

Xocl. 30 /;.).. ZEYS EOETON ~spt xapattjc Aio; 8a?vo*TS?ou; 
STTpaaviv/]; p; p. T Xov sv >cu;cXto ff'paipiouov. 

"Ott. Tx\)po; /.-jpiGTcov -p; $s;. -1 ypxy.jr?,; n/f);j!.aTt^O'j<r/j; s^spyov, 
sv to ... EIQN. 

Io Tra/'jTaTOv (6 yi^iocTtv) ttstxXov y.xl /; oXto; <7'jvr ( ab); oi c vo- 
r/,i<TaaT<x T7J? xjjpito; 'EXXaSi? X/.v; ocuto'j {Voxy.y.. 31,92) } x/jpio; hz co 

10 




146 L N. ZfioQ&vog. parte i. 

ysyov; oti tj xscpotAY) tou Aio? svat, vtiysyQcc^iiBvrj x twv voy.tcrjAaTfov 

TCV 2upaX.0U(7WV , TtoV (pSpOVTCOV 7Tpl T0CUT7JV TYjV X.S'paATjV TTjV 77 lypacpvjv 

ZEYS EAEYOEPIOS l , cv aocAiara r /aA*(Ex(v 23) 

sivai. tou octo saipsTix.(3; ayso; ttstocaou, scTps^av 
r (As;A[AaTa [/.ou, (//jtouvto; t'^v Trarpi^a ror vo;A<7[Aa- 
to; toutou, p; T/]v MsyaATjv 'EAAa^a, i /.al oSs- 
7:ot vaxaAu tovtxi sv t9j Epoia yaA/ voaGjAaTa 
T7jc MsyaT]; 'EaaocSo;. 

Tt]? fV s~iypa<p7j; AIO* EOETQN vv)x,ou<n); xpo- 
cpavco; s? t^v votu<7[/.aTt>a]v ssipv t<3v t sttiOstov tou 
Elxv 23. a7rsc.ovto[jtsvou ftsou si; sO-vo; ti v] ttoaiv va<pspou<7(v 

STcypacpuv, - oiai 7r. /. ai s-typa'-pa AIO TAP2EQ1X, 
AIOE SOATMEnN, 0EOY MEFA/VOr OAU2ITaN,0EaN KABEIP12N 
2rPION,0HBH AAPAMrTHNON,TrXH AAPAHNON,AHMOr ArKIT- 
PANON, ^ PAZAION, NrZAEQN, PMAION, <MAAAEA<t>EON *ta. 2 -, 
^TTjcra, aAAa [v.ottjv, v t?j MsyaAY] 'EaXocSi Aav <pspovTa r ovo;/.a tcv 

'E&STtOV. 

Tots S' ojaw; vsjAvr^xbjv oti t 'E&vi/.v !No|Atc>[7.aT^v Mouasiov 
T(3v 'Atbjvwv x.XTV]Tixt SsuTSpov svtsaw; o[/.oiov , av fca )aav s<pS-ap[Asvov, 
vo[/.wi[/.a t<3v 'Et>T(3v, svqs&sv v 'HjtelQG) , 7rspl ou 6 oiotf/.o; 7:po;caToy; 
[/.ou 'A^iaas; rio<7TOAax.a; sStjjaocsucsv v -r/j rTpuTavr/.v] to 'E&vix.ou yj;a(ov 
ITav7rtGT7][xou AoyoSocia tou 'Ax.a&yj[A. stou; 1882 1883 (ctsa. 190) rqv 

SqTJ; 7T0Al'Tip,0V C>Y)[/.S(i)C>tV : 

Ntii6[ia 'HtcsCqov, cog (paCvsteci 
KecpaTj) At;) (Bou; /.upiTTtov. Nf/.wjjux suts/vou puOjAOu XX x.ax.c5; 

SiaTST7]p7][/.SVOV , TTSpiEpyOV &S X.0C ElOTa|AtSUTOV VX.3C TOU Ta/SO; a'JTOU 

tcstocaou (6 /laio(7T(3v tou PaAAi.tto~ [/.srpou) xai tou <TTa$-[/.ou (ypa[/.[/.. 28,42), 
riva 7ptOTO<pav^ Si' f/i sv Tte yjxaxi; V0f/i<7[/.afft tvj; xupito; 'Eaaococ. 
EvQS&r} dh r v lyca vfiiiia v 'HxsCqg %ax trjv diufisfiuCcGiv 
tov cpiloiiovGov dcoQrjtov n. navccyirov Kccvdtfl?] xov ex tov %coqlov 
NGxoqu tjg 'HxsCqov . 

T ysyovi; S oti r xpg x sx t^; /tuptw; 'EaXocoo; ouo voaiaiAaTa 
o[j.ota tou; tuttou? jcoc TTjV TS/voTpo7Tiav vo[/.7|J!.aTa t^? Msyal'/j; 'EaXocSo; 

v/j/CQuaiv si; tou; ^pcvou; tou; Trspl tv;v s; T7 ( v MTaAav s>C7Tpa.TSav 



1 Imhoof-Blumer. Mounaies Grecques p. 30, no 6065. BMC. Sicily p. 184 
no 265; p. 188 no 311 fig. (= Elxwv 23) 320. Ufi%. ucci r o^oia vo[iG[icctu r&v 
Aoxgmv xt\s BQBttiag. 

2 JI/3X. xai rag vo^iOfiatizg myQatpdg , Zsvg EvQafisvg, EXXdviog , KsXsvsvg, 
Aaodixiog, Aviog, Tgaiog, Zolv[iEvg, xrX. 7} Aihg rovaiov, AccqccgLov, xtX. 



Nofile^iaTa ' E&etcv. 



147 



(334 330 7C. X.) to (taffiXw; t<v MoXo<i<t<3v tvj; 'Hrcstpou ' AX^av^poo 
A.' to Not:to>;ao'j (342330 -. X.) *, otti;, <>; /tal ;zt o>' ttoX pa- 
GiXs-j; tv;; aT/j; 'Hraipou rippo; , s>co^av v ttj Msyta] 'EXXatt /.ai v 
aoTVJ T7J ' I I-ip(.) vov.i^xaTa y,oia , ttjv t T/voTpo~iav /.al to$ ttcoo;, 
-p: r vo;xicr[AaTa t-? ( ; Rarto 'Ixalia; /.al tv;; ZwcsXia;* rp; $ t yeyov? 
ti oi tutto i to voyicry.aTo; tojv 'E&st<3v, ^toi r, 5ce<paX^ to Al; /.al /.u- 




Ekv 24. 



-' rei ^-f 



Etxwv 25. 



pi<7<J<ov Tapo;, avrcomv ' XXtov voy.iTy.aTMv v 'I [7rsipw(Etxov 24 /.al 25) 2 , 
v)a /.al alla voo.io-y.aTa l~ . y. Ta rtov MoXottoW /.al T?j; ' A.TroX'Xtovia;) 3 , 
sivai xiavi; ~ a/io; TrerXou , TTps^av toc; ttsoI to 7.ao t<ov 'ES-stjv 
spsuva; u.ou p; t^v "I I"ipov. 

'E sir^vj o' oy.co; oV v tJ] 'II ipco, out v 0'jSs|i.ia XXv] /coa to 
pyaiou /.oy.ou ^ouvTjibjv va supco Xav ppovTa to ovoaa tojv 'EO-etW, 
lpsuvvjffa vayxaito; jjltqtoi to ovojxa touto oxih] 77aps(p8-apjxsvov v tivi 
tcov o/ai(ov /c,si|xsvcov, <; o),)i/.i; (T'jvs^t] Trpoxi|/ivou spi voj/.r(Ov Xetov 
Xiyov yvtocrrtv. Eupov o aX-/}i)<; toiotov ti ovoy.a v toj cvj; /(opico 

STcpavo; Bu^vTto; v >.. 'E&v 6x ai, &vog &s6aUag, ait 'Eftv - 
drou Tv NsoitroXiiov itaCcov ivg, g Piavbg ' xa s' . 

T /.al - / Xwoo"i/.(o; 'j~o~ot 'E&vtitUL /.al , Ed , vsTrjg, yvioffr /. avou 
to yiopiou toutou, ovaTv va pop/(ovTai c evotjtou vTtypaoi/.o o-oaX- 
v.aTo;, ysvvyjDivTo; /. tv;; v tco aTto ytopuo [/i<7w; tt o;xv/j; t< 'E&vtccL 
Al<o; s&vog w; /.al /. ttj; ; to -vzZ'j.x rravr; Xoyio'j vTiypaoto; /.(o- 
Sixtov, ypaoovTO; ~pi (-)T'7aXia;, p/0{/.vyj; -aoiyvtTTO'j (-)Taa>.i/.r ( ; /i^(o; 
itsvtai. 

'Ettei^y] Xi to soyov to Ptavo , <; o -y.zi'Ky.'jZ t voy.a to (-)t- 
craXi/.o ()voo; tcov 'Efrv<TTtov ^Toavo; Bo^vTio;, vai ttcvtw; r (9f<?- 



1 Pauly-Wissowa, Real-Encyclop. si 1 i. Alexandros ceX. 140 x. t. 

2 BMC. Thessaly to Aetolia pi. XVII, 1 xai .") (= E/xcor 25) xc pi. XX, 1, 3, 4. 
(=/xcbv 24). 

3 BMC. ', d. pi, XII, 10 xai pi. XVIII, 9. 



148 I. N. Z$OQ&VO$. PARTE I. 

(Saltila ou to~ l , rtva TTspts^ayjiavov 16 toa)W7tov [itp'Xa 2 , Ss Piavo; 
s^tjcts xspt t tsao; to T' acovo; 7t. X., TOXT/jp to 'EtWsgtou yj 'EOstou 
Nso t}.su.o; SovaTov va svat 7ca<TiyvciMTTO$ v ttj i/.'j&oXoyta uio? to 
' A^tX'Xsco; /al tv;; AyjtSa;./..sia; IIuppo; , 6 /otvco; NsoTtrls^iog x.aXouj/.svo;, 
y] sxstSy) oSsl; tcov uicov toi'tou cpspst t ovop.a to ' E&vsctto'j , SuvaTv 
oto; va stvat [xsypt toSs vcvu;/.o; /al s/ |aovo'j to FlXouTap^o'j (lTupp. 2) 
vvoffr? STspo; tcov ucov to (3acrtASco; T"/j; 'Ht spou Nso~toas[aou , TjTOt 
tASTa to~ SsXpo aTO ' A'XsEvSpo'j (342 330 %. X.) avsvsy&sl; s; tvjv 
fanxxrp pyyjv Orco twv MoT.ottcov, twv /yjpu^vTcov /t;tcotov to Opvo'j 
tov Aa/tSvjv, ^toi tov 7raTpa to tots [AOAt; StTo; IIuppou, ov cptAot Ttv? 
Sta ttoa'Xcov /tvSuvcov icp'jySsucrav si; tyjv ycpav to [iiaGiASto; twv TauXav- 
ticov FAau/tou 3 . 

'Ev 7j XSpt7rTt(7t 7] TaUTttft; TCOV 'Efrv<7TCV Xp; TO; 'E0"Ta; tvat 

p&7j, x votticTTaxa tjjacov 7opatvoo<7tv svvjTa /al Sy^ co; Evj; : 

T xp; ttjv 0<7<7aAtav opta T7J; 'HxeCpou, to/vtots [.lv Sio; Se /aTa 
tou; ypvou; to ^affiXw; ' A>.savSpotj to Nsotcto^jaou (342 330 ~. X.) 
/al nppou (295 272 n. X.), ypvou; s; ov; /.aia TS/voTpoTTtav aivovTat 
vyj/ovTa tx voy.tc^aTa tcov 'EO-stcov, yJTav oaco; ptffTa, Sto stai rroAAal 
ttasi; tcov cuvptov IXoyi^ovTO caaots ;asv w; (*)s<7GaAi/at , oXXots Ss co; 

'HTTSlpCOTt/a, S; TpOTTOV CO<7TS Ptav; y^S'JVaTO X.0CAAt(7Ta pl T TSA7] TO 

r ' acovo; x. X. va x,aAS<ry] s#vo; smalta; lav cpspovTa to ovoy.a aTO 

aTt UlO TO 'H7TStpOJTO'J NsOTTTOAS'AO'J. 'Ay]#TO; Ss /al /aTa TOV ZTp(3tOVa 

(', 434) Sta yp ttjv STrtcpvstav ts /al ttjv S7it/paTStav tcov 0STTaAwv 
xat Ttov MaxsSvwv o't Ar.rrta^ovTs; aTOt; .aaAtTTa twv ' HxetpwTwv, oi v.sv 
/cvts; oi S' axovTS; , [Aspyj fca&tcrravro y] STTaAwv v] Maxsovcdv, /.a^iXTTSp 
'A^ajAvs; >cat At>ix.s; xat TaAaps; 0STTaAcov, 'OpscrTat Ss /.al Ils'Xayvs; 
/al 'E^tp.ttoTat Ma/sSvo>v 4 . 

Tyjv S' ux^-scrtv OTt oi 'EftsTat /aTSt/ov x^P av [-'-sxac 'Hxstpou /al 
STTa'Xia; /at-tcrTa xt-0-av/jV /al t ysyov; oti to ytoptov NtTTopa (ypa'p- 
[asvov rov NtOQcc 'j~6 Ttvwv tcov vv Aoytcov) , s^ o 7Ai>sv s; 'Ai>?jva; 
Scopvjaafxsvo; to srspov tcov vo|7.f7;7-aT(Ov tcov 'Ei>stcov ? zstTat sv rr\ voTtava- 
toai/co; tcov 'Icoavvvcov xsptoy^ to IMaAa/aatO'j /al S'/j y.S'rco; xp; S'jTjA; 
tcv Ilpa|j-avTo)v /al 'AyvavTWV 5 , svfra tk vv /aXo^sva TcouiAsp/a oprj, 



1 Poetae minores Graeci (end. Gaisford) voi. Ili p. 475. Siebelis, De Rhiano 
ehi8que carni, fragni. 1829. N. Saal, lihiani quae supersunt. Bonn 1831. A. Mei- 
neke, Analect. Alexandrina p. 169. Pauly, Real-Encyclop. a. v. Ehianus S. 469 
Mayhotf, De Rhian Cretemis studiis Homericis, Dresden 1870 xrX. 

2 Steph. Byzant. s. v. AlywvEicc. 

3 Jiowqov 10', 13. 

4 ' ISh %a\ Bursian, Geographie von Griechenland, Tjt. I 6eX. 48. 

5 ' IS Oester. Generalkarte von Grieclienland $>v%. III. JT. ' Agaficcvrivov, 
XqovoyQayitt tfg 'HtcsIqov Top B' , ceX. 385. 



PARTE I. N0(l<SlLCCTCC 'E&SX&V. 149 

r t T:aik<x.i OTsXovTa to ij.STag 'H sipou xa Szaaxklxc, t|X7J(jux ttj? 
'A&aaavia; , oirsp , v xal ^uaixw? vnjcst tvj 'HTrsipw , sXoyi^STO S' oiaw; 
fj'jvv^tho; t; 0T<7a>ax.v 1 . 

II>; o' xa'XsiTO /) ::)u; to 'A&av.avt,-/.o efrvou; twv 'E^stcov , ^ 
xa<7a i sv aoyw vof/.t<T[/.aT<x, YVOOU'xsv, Sioti Sugtu/o); YJ s lypacpT) t?j; 
~ iTtKa; o'^sio; to /.xXkiov SiaT/jpouy.vou xoav.aTiou vat y.aTTTpa;msv7] 
v j/ipst. Kar py; vsyvwv . . . EIQN, z.aTO iv Ss g/sSov asfalt; . . TEIQN. 
np S To T u p/i. /capo? Sia Suo ri yp;./.;./.aTa, tv to SsuTspov (paivexai 
cv P, outco; (ocfTS svat )iav t,ftav/j yj vayvtoTi; [AP]r E|QN 2 . 

*Av r t vayvto<ji; auTin to vjxaTo; xf.? 7r"Xo<; sva, , <; ttkjTEuci), 
p9-/, tots to sfrvixv t<3v E0ET12N tv; xupia; o<j/eo; to vop-iTaaTo; 
jcmXusi r;xac to va ~ oScgcoi/.ev Ta sv Xyco vov.iTjv.aTa i; to , A\i<fi\oyi'/Sv 
"Apyo;, "/j'toi ttjv sv 'Axapvavia -Xiv to ' M stptoTi/CO s&vou; twv AM^I- 
A.OX12N 3 scoti oyl E0ET12N, <; x.toXuouTiv Tjy.; s t<r/]; xot tojv yvwcrTwv 
vo[xiTjxaT(ov to 'Ay/pi^o/wto "Apyou; 7j T/VOTpO la /.al ol tu 01 , OtTLV; 
oSaiav cy.otT/jTOC -q valoyiav Trapoucrta^oust. xp; i voaiTj/.aTa toctoc 

T(>V 'Et-T(OV. 'E XAOU S yV01p^O[7.V ptTOV [JLSV OTt. 1? TOJV /. Xtf, 
As(i)Va<7G7]; ultv TO U.O TO'J ' X'/CkloiC Ns0~T0>|.;.0U , OV SlSo|7.SV <7TV<; 
GUvSOaVOV 7T p; TO &V0; T(V 'Et}T)V Sia TO U.O (XUTO 'E&ST0U, S/.a- 

Isto "AQyog 4 * Ssurspov S yvtopt^o|/.sv ort, ty;v /oupav twv 'Atm/.avwv, 
sv&a sOicra^sv to; 'Ei>Tac, wpts -p; ty;v 0tfcra}.iav TTOTa^? "Iva/oc, 
77por;ayopu&l; outio; to~ atovuaou 7TOTaao~ to I \zko~ ovYr i aicc/.o~ 
v Apyou; D ' TpiTOv S to ovoaa Tr ( c p<<)Tuou<r/]; Xw; twv 'AO-aaavtov t^to 
'AQys&la s v] Argithea 7 . 'Etig'/j; et? tov Trp/yovov t<ov ^acriXitov tt;c 'H-ipou 
/.al warspa to No-to>;7.ou 'A/iA>ia vvjxs to Ayi/.vov IlsXayicv 
"AQyos (OjA. 'Ia. B. 681), o-p xaTa Ttva; [xv tcov p^auov 7 ( to QxJ.Tjpo; 
yj 0CGa>,ia, xaT aX>.ou; S 77St.a: ti; avov aTVJ; ^ Tr'Xt,; ti; 0GGa>a/.r, 
s^a^avwO'Et'ja x.aTa tou; iTTopi/.O'' ; ypvou; 8 . Z'/jaS'.WTov Trp; toi toi; cti 



1 Bursian ?. . I. teA. 39 x. 

2 T7JS avvfjs yvmprjg stvoci v.c vvv TtaQSTtiSrjuv v ' A&rjvaig xal fiat ^ftov 
-srd6ag xb 7tQcorTvnov 6vvsl<fog x. W. Knbitschek, zlivftvvz]S tov No[i,i6u. 
Movasiov T7j? Bivvris. Ilog xr\v niyoacpjv EGETSlNAPrEIilN nagd^uXs rag 
votiiaiiatixg itiyouyg MOAOZZSIN-KAZZSUIAISIN, AM^IAOXSlN-APrEISlIS 
r) AMBPAKISITSN. AK[APNANSlN]-OINIAJSlN, AXAISN-APrEISlN xzX. xzX. 

3 EtQafavog Z', 321. Ovta xa ini x&v vofiKJ^arov tov "Agyovg Hai tfjg 
' AnQav.iag svQi6y.0(isv , %aou xb bvoua rfjg irXecog , rb i&vixbv AM&IAOXSIN. 
Imkoof-Blumer , Numisin. Zeitschr. Tft. X. (187) aeX. 83-91. 

4 %Xiu Evqiti. ' ' Av8qo\l. 24. 

5 Utgd^avog Ti , 326. 

BCH. VII, 191, 6x1%. 35. 

7 Tit. Liv. 38, 1 x. 

8 Pauly-Wisaowa s. v. Argoa JlaAaeytx'', s. 789. 



150 I. N. SPQQ&VOS. PARTE I. 

x.o t 'JfwsiptTijcv yvo; twv T:ap T^v ywpav twv ' AiS-aj/.avMv o'wtovTtov 
'Op<TTiv iy t:oaiv /.a^ouu-ivrjv "Agyos ' Oqstlxv, <k~i to ' Apyetou ' OpE- 
GTOu, i<m? psuywv tov tyc (xvjTpc? cpc'vov /.aTAa[ T/jv -' aTO K.'XrjOeiaav 
'OpECTiaSa yo!pav ty; 'II-Eipou l . TlXo; /.al v TV] (/i<7(j><; xp; (ioppv ty; 
'IIxEipou 'iXXuptcjc, v ttj y<t-'pa to Auppayiou u-apyEi cppoupiov, Apyo; /.a- 

X0UJJ.EVOV 2 . 

Kax TaTa SovaTv to v;zi<7[j.a f^wv va s/.i'tt/] v yvtoGTw yj[/.v 
t:aei twv 'E&etwv ty ( ; 'Hsipou, "Apyo; /.aA0u;/iv7], oyl S' v t 'Aujpi- 
Aoyi/.w "Apysi ty ( ; 'Axapvavia;. *Av [7,Ai<7Ta Xc(3tj/.sv ut: ' o^iv oti oi Oe<7- 
aaAol Sia TYj$ )ceco; pyo; /.aXouv T:v tteSiov 3 , ouvafAsfra va 0Aa[iwav 
cti ol 'EflsTai, /taTAi)'vT; to~v o(ov ty; 'IIsipou, /.Tioav ttoXiv 1 TOU 
ut: aTwv /.upiEutvTo; [xspou^ to )'0"oa}.ix,o tcsoiou (apyou;), r]v i/.pivov 
x twv pivwv auTwv ojcygsmv Sia to ovcjxaTo; "AQyog (=~Sia;, yp;). 
Op; toto ~apa[iaX /.al to ywpiov to Srpftvo? (E', 221): /.al t 
IlE^ao-yi/.v "Apyo; 7) s-rraAia Xsysxai, t u.STa T(7v /.(3o'Xwv to IIyjvsio 
/.al Ttlv Epy.oTwAv G>s T^g o^iv^g T^g nata nivov , Sia to apai 
twv TOtov toutcov tou; lIsAacyou;. Tv t Aia tov AwSwvaiov aTO? isoirprrfc 
voy.^i nAacyi/.v , Z.e ava , AwSwvaE, risXacyiJcs . J7oa^oI <J xal 
t , H%siQcotv% e&vrj HsXa6yi% slQrjxaLV, w; /.al [jiypi Spo xap^av- 
twv . AuvaTv apa Y) nsXuGyixbv "AQyog aaXouf/ivrj ttXi; t ; ("^Ecca^ia;, 
rap t]? iIoew; yj; [iSj^pi to vv ipi^ouffiv oi 50901, va TauTi'^'/jTai xp; to 
"Apyo; twv 'Et-T)v. 

'Oaov o cpopa e; ty^v TaXiwTi/.Y)v cpaivoyivrjv TyvoTpo~iav tv v 
Ayto vo[7.io"fj-aTtv tojv 'Ei>T(v , auTTj c/jyTai /. to yyovoTo; oti oi. 
' H^EiptTai fi,GkzX$ 'AXcavSpo; 6 Nso7rroAS/.ou /.al llppo; /.o^av v t 
Tr ; \lyaly] 'EaXcJSi /.al v aT/j tvj 'JfEipco TOiauT/jc TyvoTpo~ia; voyi- 
raaTa (ios vtoTpco). Twv S tu-wv y fj.v >cs<paX.7j to AIO^ EOETQN, 
vai, oj; i'So;xv vtTSpw , /.aTa to [j.l'Xov y] y^ttov igtv vTiypa<pov 
5C(paAT ( ; to tcocvto); /.al tto t(ov 'EJ>T(ov [7-ylcoc XaTpsuofxsvou AwSto- 
vaiou Aio; t*^; 'Hrcsipou, r ( v eCpi<7X.ot/.v ~l twv voy.ia|j.aTcov t<ov Suo toutiov 
$ocGs<dy 4 /jxpayO-E''cav viOT xxt 7C0[/,iu.yj<xiv tcittyjv tyjs /.oaAT|; to 
AIO^ EAEYOEPIOY twv /. twv /pvcov 'AA^avSpou to NsotctoXs[/.ou 
voJiwi{/.aT<j>v tv Supa/.ouc7(ov 5 , S tu~o; to /.upujGovTo; Taupou to~ vo- 
|j.i(7;AaTo; twv 'Ei>tcov oyl ;j.vov -avT/. ~l iojv /. tv;; aT'7; iizoylc, 



i Htqcc^(ov, Z', 326. Bursjan ', . I. esl. 10 Crjft. xai CfL 27. 

2 IIqoxotcov 7Csq xticiicctcov p. 277,23. Oaig 'Aqy 6(5 oc xcdov{ivri nettai vvv 
iv zi) Ttegioxi IJqe^etov : ' AgccfavTivov 'HnBigatiy.ee 370. 

Etofi. H' , 372 : apyog de xai r 7Csdiov Xyszai tcccqu tolg vsatgois 

lidXiaza d oi'ovzai May.BSoviy.bv yal &szzaXiyv slvui . 

4 BMC. Thessaly to Aetolia pi. XX, 1-4 yal 10. 

5 BMC. Sicily p. 189, uo 311 fig. 



No(ii6ticcTa 'E&ev&v. 



151 



vottMTjwcTcov tojv X'jpa/CO'jGtv 4 , . xal vTiypcpSTai /.xr iv t:wtw; 1 
T(5v tpaiojv pyupwv vo|xi(7[xaT(ov tou xotvo t<3v 'IlTtSiporroiv 2 . 

TsXo; sytov Ctc ovj/st to ysyov$ ^ Tt ot 'Efrsrai oo*sv &Xo (av/j^sov 
T7J; UTTotp^o); a'jTtov or ( x.av 7] x voai^a-a mcov, u77oXau(iiavo) oti , few? 
y.lt; jcax to; ypvou; 'rVXsEavSpou to'j Nso to>[/.ou, outo; q o*s>.; 
aTO (' Et-STYj? ; ) /CotTaXa|ojv [;.spo; tvj; ^p; tvjv "II stpov scsa^t/j; Xoyi- 
^0{/iv>]? yf,? cjvwxwsv s/.st si? -liv to ' I 1-sipt.mx.v s&vos tcov 'EO-stwv, 

OTIVS? TOTS fra SXO'i/XV Ta SV Xy<0 VOU.M7,aaTa yapEaVTS? sV a'JTCOV TTV 
/.SCpal'/jV TO 'Itt 77aVT(-)V T(UV ' Il77tpO)Tt.y.(OV StWtV fj.ya>.0)? XXTpSUO[/.SVO'J 

AoiSwvato'j Aio;, otti; ocvtco; yto ar; p; tcv Aia twv sx. tvj; 'Hirstpou 
s? ttjv 0C7ia7aav y.aTsXftvTtov 'ES-stcv. 'EttI Ss Piavo~, yti spi Ta tsXtj 
to) r' aitvoc . X., r ( ytpa tojv ' EftsTwv, oXstocvtov ttjv aTOVo;.uav 
/.al star xoXou&tav to mxaiot>f/.a to x.g tsiv v[/.w{/.a , fra TCspwjX&s /.al 
>av s; tyv scouciav twv 0s<jaaAwv, Si outo; sV.aXs<7sv auTo; sfrvo; @s<x- 
caXiac, [xvvju.ovs'jTa; cjyypovo); tv;; to ' H-sipoixou Nso7rroXs[/.oti xaT- 
aywyyjc a'iTtov. 

'Ev k&rjvcas- 

I. N. HpoQvog. 



IIPOZ0HKH. 



Eyov 7]Svj ypa<p^ x.al Tuxtofrr tocvcotsoo) , ots jc. W. Kubitscliek, 

asASTlv t<x; v 'AfrYjvat; oia<ppou; lo\o)Tt,/.; c'AAoy;, Trsp'.yjxpy'; vr' ( y- 

vsiXs w.01 t.v tt axo~ vaxaXutv vsou voaicxaToc t<3v 'EDstSv x.al or. v 

iti ,ii * 

T7j GuXXoyT) tou apri -oOxvvTo; x.. Troyansky, irpwvjv 7rposvou tv;; Po)Gta<; 
v 'Icavvivoi; ttj; 'H sioo'j , svi>a fi^aico; oto; O^ TjypaTS to sv Xoyw 
vaiatj.a (Etx.cv 23). 





E'ixv 26. 



1 BMC. I. a. p. 193 no 355376. 

2 BMC. Thessaly to Aetoliu p. 80 no 813 pi. XVII, 1 xa 5. 



152 I. N. ZfioQ&vog. parte i. 

EtV3U & TOUTO, co? (3aTCI TI?, COZOH^tXKO'/.'ZOV TZ^OC, TX SuO TTpcOTOC, (XV 

y.a xaTa ti [ux.poTpou ttstocaou. Kal 7] xv xupia oojtou 0^15 evai {ju/toic- 
TaTTj; SiaTTjpr^sw;, s^it/jaov lyoxiax ttjv STriypacp^v, tj drcialKa X' 0[j.co; fW- 
TTjpsiTai xaAAtGra, ppoucra sv tcT ^spyto gx^gtxtx ty)v mvpa^TjV APrElQN. 
Outo); o/t [aovov 7) vtoTspco TrpoTa^sTrra vayvtoGt; wutupouTOU, Xk. 
/.al 7) 'H:reipou 7rpo>.u<7t; twv vo|/.u7[/.T(j)v touto>v 7uf}(3aiourat. Sia 

VOU X,Op.lAaTlOU. 

'Ev 'Arrivali \t,r\v 4sxs[i(}qg> 1905. 

J. JV. 2. 






TRACCE DI DIRITTO ROAANO CLASSICO 

NELLE COLLEZIONI GIURIDICHE BIZANTINE. 



Il valore delle fonti giuridiche bizantine per la critica dei testi 
latini giustinianei fu riconosciuto nel secolo XVI dal Cuiacio ed ai 
giorni nostri convenientemente apprezzato dal Mommsen e dal Kriiger. 

Ma su di un altro problema, non meno di quello importante, regna 
ancora nella nostra scienza romanistica grande confusione; non si sa 
cio se quelle stesse fonti possano in questo o quel punto prestare 
efficace sussidio per la cognizione del diritto classico. 

I giudizii espressi in proposito, sia in generale sia in particolare 
per singoli argomenti , dagli autori ricordati di sopra , non che dal 
Heimbach, dallo Zacharia e dal Ferrini , per citare soltanto i pi auto- 
revoli, non sono scevri di titubanze e di contraddizioni insieme. 

Certo quei maestri della critica, conoscitori profondi di tutte le 
raccolte di diritto , non possono negare il fatto che i greci contem- 
poranei di Giustiniano danno notizie , se non copiose abbastanza fre- 
quenti , sullo stato del diritto preesistente alla compilazione , e che 
nelle collezioni bizantine si rinvengono elementi classici che non si 
leggono nei libri di Giustiniano. Ma d'altra parte essi negano in modo 
assoluto che gl'interpreti bizantini avessero potuto fare uso degli scritti 
giuridici pi antichi; perch , dicono, i divieti di Giustiniano furono 
sul riguardo espliciti e non si pu supporre che gli stessi contempo- 
ranei li avessero violati l . 

Ecco dunque le colonne d'Ercole che non si son potute superare. 

Or siffatta credenza non solo annebbia tutte le cognizioni che 
noi ricaviamo dai greci, ma svalora addirittura l'importanza, dal punto 
di vista storico-critico, di tutta la letteratura giuridica del secolo VI. 
Infatti a me pare evidente clic ove non si ammetta 1' uso da parte 
dei coevi di Giustiniano dei lavori pi antichi , tutte le notizie che 



1 Su questo puuto non occorrono speciali richiami perch io altra volta ebbi 
occasione di segnare le pi importanti citazioni; vedi Bullettino I. D. E. voi. IX 
p. 272 e seg. 



154 s. RicconoNO. 



si rinvengono nei loro scritti restano malsicure, inattendibili perch 
infedeli. E quale altro valore potrebbero mai esse avere se non quello 
di reminiscenze, per (pianto fresche sempre discutibili, delle opere dei 
giureconsulti classici e dello stato del diritto anteriore 1 ? 

Questa spiegazione, per quanto possa sembrare assurda, fu data 
in verit da due insigni scrittori, quali lo Zacharia e il Ferrini 1 . Ma 
essi non poterono addurre poi alcuna frase dalle fonti greche che ren- 
desse verosimile il loro supposto; nessuna espressione che rispondesse 
per esempio al modo di scrivere Gelliano nisi memoria me fallit 
col (piale artifizio l'erudito scrittore latino, che pur copiava con scru- 
polo l'esemplare che aveva sottocchio, intendeva ritrarre vive e fresche 
le discussioni e conversazioni su vari argomenti. Al contrario gl'in- 
terpreti greci attestano espressamente in vari punti che usufruiscono 
dei lavori degli antichi maestri, cos Taleleo 2 , cos Stefano 3 . 

Io altra volta credetti poter smontare una tradizione tanto ina- 
deguata con 1' esame degli scolii Sinaitici , il documento sotto certi 
aspetti pi importante delle scuole orientali a noi pervenuto. Ed af- 
fermai allora che le traduzioni , i sunti e le paragrafe delle scuole 
d'Oriente dovettero prestare un valido sussidio agli interpreti della 
compilazione di Giustiniano ; i quali nel formare i loro commenti uti- 
lizzarono, in varie maniere, i lavori dei maestri greci, sia mettendoli 
in armonia coi libri di Giustiniano sia trasportandoli nei luoghi op- 
portuni delle loro raccolte 4 . 

Questa conclusione pot sembrare e sembr in fatto ad alcuno 
esagerata. 

A chiarire meglio intanto questo problema di critica raccolgo qui 
alcuni altri passi estratti dallo c E^djii^Xog di Armenopulo, riferenti si 
iu complesso alla materia delle impensae. Se questo contributo riuscir 
a diradare le incertezze su questo punto, spero potere coordinare in 
un lavoro organico il materiale raccolto da altre fonti. 

E vengo all'esame propostomi, senza preconcetti ma anche senza 
pregiudizi. Ma anche il lettore da parte sua dovrebbe per un mo- 



1 Zachariii, ZSS. voi. X p. 285; Ferrini in B.I D.R. voi. Ili p. 63; voi. IV 
p. 9 ii. 1; il quale del resto aveva con acutezza e discernimento scritto ripetuta- 
mente che i bizantini traevano quelle notizie non direttamente dalle opere dei 
giureconsulti romani, bens dalle elaborazioni greche fatte su quelle nel periodo 
pregiuntinianeo; cfr. Per V Vili Centenario della Universit di Bologna p. 85; il Di- 
gesto p. 81, 130 e cos in altri scritti. 

2 Basii. 21, 3 cap. 4; Heimbaoh II p. 454. 

3 Vari esempi riporta il Ferrini, Per V Vili Centenario cit. p. 85 e seg. 

4 Cf. Ballettino I. D. B. voi. IX p. 285. 



PARTB I. TRACCE DI DIRITTO ROMANO CLASSICO. 155 

mento metter di lato il pregiudizio dei divieti di Giustiniano; il let- 
tore conosce infatti che il pi grande legislatore della terra fece le 
leggi, riserb a se il compito di interpretarle , impose ai giuristi le 
forme e gli scliemi dei loro lavori , prescrisse i libri che dovevano 
adoperare, ma infine, dopo tutti questi precetti che aveva diritto di 
mettere alla luce, non stabil alcuna speciale polizia per i gabinetti 
di studio degli antecessori; e fu, per lo meno in questo , savio davvero. 

I. 

SPECIFICATIO. 

I. Le norme sulla specificano, quali furono stabilite da Giusti- 
niano, si leggono in Arm. IT, 1 22, 23. L'esemplare da cui il nostri 
compilatore trasse quei non si pu indicare con precisione. Devesi 
per ritenere inesatta la fonte notata da Heiinbach in questo punto, 
con le parole sumpta sunt lutee ex Theoph. Il, 1 , 25 (40-44) ; poich 
non solo il 22 non coincide perfettamente col testo di Teotlo, ma 
il 23 inoltre , redatto in forma pi concisa , contiene nella chiusa 
un periodo notevole che non leggesi , in questo proposito , nei libri 
di Giustiniano. Salmasio e Reitz , forse anche per questa singolarit, 
considerarono il tratto come uno scolio; ma Heiinbach li ha contra- 
detti , avvertendo che esso trovasi nel contesto dell' orazione e che 
quindi deriva da Armenopulo. Il passo contiene quanto segue : 

li, 1, 23 : 'Idtov otl B7C x&v xoiovtcov si [ihv xccXf] tcitsv e'g 
n ddog vliq [isrexEvcc&r] , dvvarai ^tjthv v>uTa<3xvu6ag rag axdvag' 
si de xaxfj TtCrst, i]thv xavtag ov dvvatav . 

Il contenuto del passo chiaro in ogni parte prende poi maggior 
luce dal confronto di altri testi pregiustinianei, ne' quali troveremo 
forse sufficienti indizii per scovrirne l'origine. 

E prima di tutto un periodo nella sostanza identico leggesi in 
Gaio, il quale, esaminati varii casi di accessione, cos continua : 

li, 76 : Sed si ab co petamus fundum vel aedificium et impensas 
in aedificium vel in seminaria vel in sementem factas ci solvere no- 
limus, poterit nos per exceptionem doli mali repellere, utique si bonae 

fldei possessor fuerit . 

Di maggior rilievo poi il confronto del nostro testo con l' epi- 
tome gaiana, ove la norma generale del compenso dovuto, in tutti i 
casi di accessione, al possessore si riscontra , come in Armenopulo, in 
appendice alla teoria della specificazione. 

Il passo 11, 1, cos suona : Sed in bis omnibus superbis coni- 



156 8. RICCOBONO. PARTE I. 



prekensis quicumque in terra aliena aliquid posuerit aut aedificaverit 
aut horum quae dieta sunt aliquid fecerit, illis, qni aliena praesum- 
pserunt, hoe eompetit ut expensas vel impendia quae in Iris fecerint 
a dominis qui rem factam vindicant recipere possint . 

Intanto per ora osservo elie gli elementi nuovi, rispetto al testo 
di Teofilo , che si riscontrano nella chiusa del 23 di Armenopulo, 
se trovano parziale riscontro, vuoi per il contenuto vuoi per il collo- 
camento , con le fonti pregiustinianee, debbono essere stati ricavati 
probabilmente da altro manuale d'istituzioni parallelo alla parafrasi 
teofilina. 

Infatti Armenopulo, per quanto possiamo vedere, mai si allon- 
tana dall'esemplare che ha sotto mano; egli si limita a riprodurre fe- 
delmente i brani e a coordinarli fra loro. Se , come avvertii or ora, 
i 22 e 23 del nostro testo non combaciano esattamente con la pa- 
rafrasi di Teoftlo, e se, per giunta, il 23 contiene qualcosa di pi, 
forza riconoscere che il compilatore trasse quei brani da altro manuale 
a noi ignoto. La esistenza poi di altri testi greci, corrispondenti al 
libro di scuola ordinato da Giustiniano, non solo probabile ma di- 
rettamente attestata '; e nella compilazione del Prochiro, accanto al 
testo di Teofilo , furono adoperati altri comentar delle Istituzioni \ 

Inoltre significativa la coincidenza del nostro testo con l'epi- 
tome gaiana, per quanto essa sia soltanto esteriore e limitata al col- 
locamento delle norme per il compenso. Il testo genuino di Gaio, in- 
fatti , tratta del compenso a proposito dei singoli casi di accessione 
e cio nei 70, 77, 7<S; ma nulla dice su questo riguardo nel 79 
che tratta della specificato 3 . La stessa osservazione facciamo consul- 



1 Cfr. 1' iscrizione alla raccolta delle leggi rustiche contenuta nel ms. graec. 
di Parigi 1367 fui. 97, la quale sembra accennare ad una versione di Doroteo e 
di Stefano (Zachariii, Prochir. p. XII n. 3). Altra quistione poi se veramente 
Stefano abbia tradotto il testo delle Istituzioni, o adoperato un comento pi breve 
di quello di Teotlo; per l'affermativa sta Zachariii [Delineatio p. 26; ZSS. voi. X 
p. 271 e seg.]; contro s' pronunziato il Ferrini [Memorie R. Istituto Lombardo 
voi. 18 p. 17 an. 1891] il quale tent dimostrare che Stefano avesse adoperato 
la parafrasi di Teotlo [Archir. Giur. voi. 37 p. 360 e seg.]. 

2 Cfr. Zachariii, Proch. p. LXII n. 29 ed i passi del Prodi. XII, 1 de donai. 
= Harm. III, 1, 2; Proch. XXV, 1 de infirmatione testamenti = Harm. 5, 5 in cui 
il testo non coincide con Theoph. II , 17. Per altre traccio di manuali greci di 
Istituzioni vedi Zachariii, Anekd. p. 184; Ferrini 1. e. nella nota precedente; 
Heimbach, Proleg. p. 32; Mortreuil, Histoire voi. 1 p. 127. 

3 Identico il rapporto fra i vari paragrafi nelle res cott. di Gaio: confr. per 
la specificato D. 41, 1, 7, 7; per le accessioni D. 41, 1, 7, 12; e 9 pr. 3. 



PARTE I. TRACCE DI DIRITTO ROMANO CLASSICO. 157 

tando i punti corrispondenti della parafrasi greca e del testo latino 
di Giustiniano ; cio, vi si accenna al compenso nei 30-34 che si 
riferiscono alle accessioni , ma se ne tace del tutto nei 25 , 2G a 
proposito della specificano. Invece 1' epitome gaiana riassume in due 
brevi paragrafi i casi di accessioni (4 e 5) e nel (5 tratta ingene- 
rale del compenso; cos il 23 di Armenopulo, sopra riferito, d pure le 
norme per il compenso nella chiusa della dottrina della specificazione. 

Ci prova ancora una volta che quei manuali d' istituzioni, dei 
quali rimangono sparute traccie, dovettero avere parentela con le ana- 
loghe elaborazioni dell'Occidente. E tale rapporto, che a volte si li- 
mita all'ordine della trattazione ed a volte si estende a coincidenze 
di forma e contenuto , tuttavia visibile in tutte le elaborazioni di 
diritto dell'Oriente e dell'Occidente in questo periodo. 

Le ricerche degli studiosi hanno dato in questo punto risultati 
concordi ; si son potuti constatare molti contatti fra l'epitome gaiana l 
e la Glossa Torinese delle Istituzioni, la (piale non solo assai vicina 
a Teofilo per l'epoca della redazione 2 , ma deriva essa pure da un esem- 
plare greco 3 e presenta affluita con il testo teotlino '; cos il comen- 
tario gaiano di Autun, venuto alla luce di recente, ha corrispondenza 
perfetta , per il metodo dell' esposizione, con 1' opera di Teofilo 5 . 

E tutto questo appare ben naturale , sol che si ponga mente al 
fatto che nel periodo avanti Giustiniano tra Roma e Berito esistevano 
frequenti relazioni e stretti legami ; la tradizione giuridica inoltre at- 
tingendo alle stesse fonti classiche correva nell'una e nell'altra parte 
dell'Impero parallela 6 . 

II. L'esame del contenuto del passo di Armenopulo ci guida allo 
stesso risultato. La menzione esplicita del possessore di mala tede, al 
(piale negato qualsiasi rifacimento di spese con le parole : si s 
zaTifj tcCts, ijTlv Tccvtccg ov dvvatea , ci rivela che quello squarcio 
riproduce un testo antico. Invero , nella compilazione di Giustiniano 
l'importanza della bona Jdex, in questi casi, rimase non solo affievolita 



1 Cfr. Fitting, Zdtschrift f. li. G. XI p. 338 e seg.; Hitzig , ZSS. voi. 14 
p. 187 e seg. 

2 Cfr. Kriiger, Zeitschrift f. li. G. voi. 7 p. 41 e seg.; Fitting, Uebcr die so;/. 
Just, gloss. und den sog. Brach. p. 13; Kipp, Gesohichte dcr Qitellen p. 140 e ivi citati. 

Cfr. Colui, ZSS. voi. X p. 141. 

4 Ferrini, Archivio Giur. voi. 37 p. 2!*2 e seg. p. 101: Memorie del li. Istituto 
Lomb. voi. 18 p. 21 ;m. 1891. 

5 Cfr. Ferrini , Atti della li. Accad. di Torino voi. 35 an. 1900 p. 4 e seg. 
dell'estr. 

Brehmer, Rechisschnlcn uit. p. 88 e seg.; Ferrini 1. e. 



158 



S. RICCOBONO. 



ma fortemente depressa. Ormai, nel nuovo diritto l , il posto d'onore 
che la Jdes aveva mantenuto senza contrasto nel diritto classico, fu 
concesso ad altro principio puramente materialistico che troviamo gi 
formulato nel 1. V. dei Digesti nei seguenti termini : non dbefpetitor 
ex al iena iaetura lucrum facere 2 . 

Questa massima ebbe nella legislazione giustinianea una funzione 
direttiva 3 , e quindi le norme del diritto antico in materia di com- 
penso di spese rimasero profondamente sconvolte in tutti i iudicia 4 , 
e di conseguenza in tutti gl'istituti giuridici. 



1 fc tuttavia degno di nota che anche 1' epitome gaiana , nel passo di sopra 
riportato ed altrove, non distingue pi possessori di bona e mala fede. 

2 D. 5. 3, 38. La correzione fatta da Triboniauo alla decisione di Paolo 
stata da me pi. volte avvertita; cfr. anche Fabro, Raiional. voi. 2 p. 293; il Per- 
nice (Labeo II , 1 p. 389 e seg.) tuttavia ritenne il passo genuino ma non pot 
superarne le difficolt. 

3 Con la stessa formulazione si legge in D. 20-5, 12, 1 in un lungo periodo 
interpolato; cfr. Riccobouo, Bullettino I. I). B. voi. Vili p. 188 n. 5, ed ora il Segr 
negli Studi di diritto offerti a V. Scialoja voi. I p. 279 n. 1. 

4 Non questo il luogo di richiami prolissi , tuttavia mi sia permessa una 
breve digressione con 1' esame di uu punto di diritto molto discusso e ripetuta- 
mente frainteso, relativo all'accio negot. gest. contraria. Si chiede se colui che ge- 
risce affari altrui depraedandi causa possa ottenere compenso per le spese fatte. 
Giuliano rispondeva nel fr. 5 5 D. 5-3 sicuramente che no, in base ai principii 
pi fermi del d. elassico , ed in particolare poi per la natura del iudicium bonae 
fidei. La motivazione giulianea fu conservata nel testo con tutta la sua forza esclu- 
siva : quia improbe ad negotia mea accessit; essa ha nel testo l'efficacia d'un domina, 
formulato, in altra occasione, da Ulpiano (D. 47, 2, 12, 1) con le note parole: 
memo de improbitate sua consequitur actionem. Ma i compilatori moderarono quella 
decisione inserendo nel passo una proposizione notevole. Riporto per maggior 
chiarezza il testo dai Digesti ed accanto la facile ricostruzione del testo genuino, 
perch il lettore giudichi a vista. 

Dig. 5, 3, 5, 5. Jnlianus. 

Sed et si quis negotia mea gessit non 
mei conteniplatione sed sui lucri causa 
Labeo scripsit suum eum potius quam 
menili negotium gessisse qui enim de- 
praedandi causa accedit suo lucro non 
meo commodo studet. Sed nihilominus 
immo magis et is tenebitur negotio- 
rum gestorum actione. Ipse tamen si 
circa ics meas aliquid impenderit non 
in id qnod ei abest, quia improbe ad 
negotia mea accessit sed in quod ego 
locupleiior factus sum habet contra me 
actionem. 

Come si vede la restituzione del testo giulianeo riesce a meraviglia; e la strut 



Ipse tamen si circa res meas aliquid 
impenderit, in id quod ei abest. quia 
improbe ad negotia mea accessit non 
habet contra me actionem. 



PARTE I. TRACCE DI DIRITTO ROMANO CLASSICO. 159 

I testi classici furono per questo rispetto modificati con sufficiente 
coerenza; il rilievo che era fatto dai giuristi, costantemente, riguardo 
alla condizione particolare del possessore di mala fede fu soppresso 
o con aggiunte modificato. Pertanto nella compilazione e nelle opere 
dalla stessa derivate non restano che sporadiche tracce di (pici con- 
trapposto, e queste poi si rinvengono pi facilmente nei libri che per 
il sistema seguito nella loro formazione meglio aderiscono agli esem- 
plari antichi * , ovvero in brani qua e l sfuggiti alla avvedutezza dei 
commissari 2 . 

Per contrario , le applicazioni del nuovo principio formano nei 
libri giustinianei un materiale soverchiaste che non pu essere co- 
stretto nelle angustie di una nota. Ma nemmeno occorre in proposito 
documentazione alcuna, dacch il pi grande esegeta delle nostre fonti 
pot affermare senza titubanza e vittoriosamente che riguardo al com- 
penso delle spese utili e necessarie il diritto romano (intendi giusti- 
nianeo) stabil una perfetta eguaglianza tra il possessore di buona fede 
e di mala fede 3 ; ed il Pernice 4 nella sua pi recente trattazione 
dell'argomento, nella quale mirava principalmente a mettere in luce 
le dottrine dei giureconsulti, non ottenne risultati sicuri u soddisfa- 
centi; difatti, le sovrapposizioni giustinianee , sfuggite al suo occhio 
vigile ed acuto, gli velarono la visione intera e precisa delle norme 



tura stessa del passo ne offre il miglior argomento . dacch il tamen riacquist la 
forza avversativa che aveva e che rimase sminuita nel periodo giustinianeo. 

]>opo tutto possiamo constatare che il principio giustinianeo, di cui s' di- 
scorso, trov anche qui una applicazione cospicua. I dubbi, le discussioni e pro- 
poste di Cuiacio (Opera voi. 4 p. 273) Noodt (Probab. 3, 9) Pacchioni (Gestione 
p. 439 e seg.) ed altri su quel passo sono pregevoli soltanto per questo, che met- 
tono in chiaro le insormontabili difficolt di quella decisione nell' ordine degli 
insegnamenti classici. Infatti s' voluto superare l'ostacolo dicendo che Giuliano 
limitava l'azione all'arricchimento, per via di exceptio, retentio, pensai o, condictio 
ed escludeva quindi 1' actio neg. geni, contraria. Ma tutto ci che importa ? Qual- 
siasi compenso dato al gestore di mala fede urta lo spirito dei diritto classico; e 
per il d. giustinianeo ozioso discutere di formule come Giustiniano stesso si 
esprime nella L. 47 $ 1 D. h. t ; haee suptilitas superracua est; reale, invece, e 
notevole che a simile gestore dato un compenso per via di azione. 

1 Cio nelle Inst. II, 1, 30-34. 

2 D. 41, 1, 7, 12; eod. 9 pr. 1 ^Gai rea cott. cio nel contesto di lunghi 
frammenti; indirettamente poi in I). 9. 2. 27, 5 (Ulp. ad ed.) I). 44. 4, 14 (Paul. 
resp.) ed infine in due Const. di Dioclez. e Mass. C. 3. 32, 16; 8. 10. 5. 

3 Cuiacio, Ob8erv. X cap. I e passim; cfr. anche il recente scritto dello Schey, 
Festsehrift fiir Dr. I. Unger 1898 p. 415 e seg. 

4 Labeo II, l 2 p. 380, 390. 



160 S. RICCOBONO. 



classiche; egli pertanto fin col dire che le fonti offrono in proposito 
insegnamenti vacillanti e manchevoli l , 

invece intuitivo che a raggiungere onorevolmente la mta bi- 
sognava prender le mosse dalle testimonianze contenute nelle opere 
di diritto pregiustinianee , le quali se offrono a questo riguardo xiochi 
accenni questi sono in compenso concordanti e incontrastati 2 . 

Ma ai fini del presente lavoro giover meglio V esame di altro 
testo riportato da Armenopulo, dal quale potremo trarre nuovi argo- 
menti a conferma delle idee svolte e delle asserzioni finora fatte. 

II. 

SUMPTUS IN REM ALIEN AM EROGATI. 

I. Harm. II, 1, 35 : f O xccxfj -gxu %ivov olxov XQatcov xai ve- 
[irj&eg nodCioi x hvqCo tovrov avxv iitr Tcdvtav, rag elg ^sIxgjlv 
tov olxov ttoirjrj, rag dh hit'' avr ,dovg ov lct[i(5avei . 

La fonte da cui Armenopulo trasse questo squarcio ignota anche 
qui 3 . Esso contiene intanto l'indice di una costituzione di Gordiano 
(a. 239) che nel Cod. cos riportata : 

e. 5 [III. 32.] : Domum, quam ex matris successione ad te per- 
tinere et ab adversa parte iniuria occupatam, esse ostenderis, praeses 
provinciae cum pensionibus quas percepit aut percfpere poterat et 
orimi causa damili dati restitu iubebit. 1. Eius autem quod impendit 
rationem haberi non posse merito rescriptum est , cum malae fdei 
liossessores eius quod in rem alienam impendunt , non eorum nego- 
tium gerentes quorum res est, nullam habeant repetitionem, [nisi ne- 
cessarios sumptus fecerint : sin autem utiles, licentia eis permittitur sine 
laesione prioris status rei eos auferre] . 

L' ultimo periodo che si legge ora nella costituzione del Codice 
non faceva parte del rescritto , ma fu aggiunto dai compilatori. Il ri- 
scontro preciso con altre interpolazioni osservate nei Digesti e nel 
Codice mette la cosa fuori dubbio 4 ; quindi il sunto riferito da Arme- 
nopulo fu tratto dal rescritto genuino di Gordiano. Altre spiegazioni 



1 Pernice, 1. e. p. 389 e 380. 

2 Gai II, 77, 78 (e le fonti che fan capo a Gaio citate a p. 156 n. 3) Cod. 
Greg. e. 1, 2 de rei viud. 3, 6 e Vinterpetr., Edictnm Theod. 137. 

s Heimbach rivendica anche questo testo alla Synopsis : 15 , 1 , 61; erronea- 
mente come si vedr pi oltre. 

4 Cfr. Riccobono, Bull. I. I). E. voi. IX p. 244 e seg. 



TRACCE DI DIRITTO ROMANO CLASSICO. 161 



non sono possibili, per quanto ad esse si faccia volentieri ricorso pur 
dai migliori critici delle fonti, Ma come non si pu, in questo caso, 
sospettare che Armenopulo avesse arbitrariamente soppresso la chiusa 
del testo , cos nemmeno si pu dire che nella pratica posteriore a 
Giustiniano siano avvenute modificazioni in questo punto di diritto; 
infatti in tutte le fonti bizantine il compenso accordato pur al pos- 
sessore di mala fede e lo iu8 tollendi vi largamente riconosciuto. 

Ma per questo riguardo abbiamo un argomento diretto che ci 
fornito dallo stesso Armenopulo, il quale nel titolo medesimo riporta, 
questa volta dalla Synopsis l , il testo interpolato. 

II. 1, 6. 'O xbv lkxQiov olxov "/.axfj (xulfi Ilaria.) -xtxu vs- 
{irfg noSldcofi fihv avxbv i.iex x&v 6xfyovo^Uav "/.al xavxg tqoV t 
ds ccTtavrjticcxcc ov Xunfldvsi, [el /j) uqu vccyxald sli' x de nacpeXri 
dvvaxai fiij fiXttxcov xr\v Q^aCav otyiv ucpeXG&cci]. 

I due sunti greci della costituzione di Gordiano differiscono fra 
loro per la forma ed alcune varianti di rilievo. Soltanto il , che 
riproduce l' interpolazione , coincide col testo dei Basilici 2 e quindi 
della Sinopsi; il 36 invece viene da altra corrente e la sua origine 
sicuramente pregiustinianea. Che quest'ultima epitome sia stata fatta 
sulla prima edizione del Codice di Giustiniano non si pu provare, si 
hanno invece buoni argomenti per escluderlo. 

Come noto lo Zachari mise in campo quella congettura per 
spiegare, ove occorrono, le discordanze tra il testo del Codice a noi 
pervenuto e le traduzioni greche ; egli cio afferm, ripetutamente 3 , 
che in simili casi la versione di Taleleo ed il comentario alle costitu- 
zioni dello stesso portassero vestigia della prima codificazione del LMI. 
facile osservare in contrario che se lo stesso fenomeno si ripete in 
altri comentari greci, in brani rispondenti ai vari libri di Giustiniano, 
quella ipotesi riesce insufficiente, ed anche per questo verso deffiniti- 
vamente condannata 4 . 

La spiegazione pi naturale, che anche coin di solito la pi 
semplice, emerge dall' insieme delle prove raccolte in queste pagine; 
nel manuale di Armenopulo cio fu accolto il sunto del testo giusti- 



1 Cfr. ei/.. dello Zachari : J 5 p. 16*. 

2 Zachari, Suppl. p. 36: B. 15, 1, 85. 

3 Zachari, Kritische Viertelyahreschrift voi. 16 p. 221 e seg.; Zeitschrift /. E. G. 
voi. X p. 62; Zeitschrift SS. voi. Vili p. 10. 36. 39, 41, 46. 55. 61. 

4 Vedi contro gi P. Kriiger, prae/at. p. XIV-XVIII . e nella sostanza anche 
in Geschichte der Quellen p. 364 n. 32. 

11 



162 S. RICCOBONO. PARTE I. 

nianeo *, ma insieme vi pass l'epitome pregiustinianea ricavata dalla 
costituzione genuina. Di passi riportati in varie redazioni si hanno 
vari esemp nel manuale di Armenopulo, come in tutte le opere com- 
pilatone dell'antichit. 

Il nostro 36 pertanto fornisce ancora un elemento autorevole 
per la dottrina del diritto classico in materia di compenso di spese 
e miglioramenti. Il contrasto con il diritto giustinianeo , secondo le 
idee svolte nell' articolo precedente , non potrebbe essere meglio do- 
cumentato. 

III. 

INAEDIFICATIO, PLAFTATIO, 8ATI0. 

I. Anche in altre collezioni greche rimasero traccie dei nuovi or- 
dinamenti che ho messi in rilievo. 

Nel v[iog yecoQyitg e precisamente nei paragrafi aggiunti al 
nucleo primitivo che appaiono nelle redazioni pi recenti si legge il 
brano che segue : 2 

'O Iv XXotQ( ddcpsi ntC^av t) GtisIqgv r) (pvtEvcov 7} ocXXo ti 
^ya^^svog KitiKtta t7\g SsnotsCag iirjdh t decitavi! [iuta Xa\t^vav. 

Il Ferrini ritenne che tutti i paragrafi di pi recente formazione, 
che sono riportati dal ms. ambrosiano Q 50 , fossero ricavati dalla 
compilazione giustinianea, e nota come fonte del brano sopra trascritto 
la e. 11 Cod. 3,32 di Diocleziano e Massimiano 3 . Ma i punti di con- 
tatto tra quel preteso esemplare ed il sunto greco sono molto scarsi. 
La costituzione si riferisce solo alle seminagioni e piantagioni ; lad- 
dove il nostro ha tutto il contenuto preciso di Gaio II. 73-75, re- 
datto in forma pi stringata della stessa epitome latina (II. 4). Anche 
questo sunto greco ha quindi origine pregiustinianea e fu probabil- 
mente ricavato da Gaio. Certamente esso non scevro di inesattezze ; 
infatti non vi si fa cenno della mala fede di colui che opera sul ter- 
reno d'altri, ed io ho gi notata 4 l' identica lacuna nell'epitome la- 



1 Ma a chi bene osservi anche nel % 6 sopratrascritto , conforme in tutto al 
testo dei Basilici, le parole si ftj uqoc.... cpsXG&cci hanno l'impronta d'una in- 
terpolazione inserita nel sunto greco pi antico. 

2 Cod. Ambrosiano Q. 50 87. Ferrini , Byzantinische Zeitschrift voi. VII 
p. 559 e seg. Heimbach X, 2. 

3 Ferrini 1. e. 

* Cfr. p. 158 n. 1. 



PARTE I. TRACCE DI DIRITTO ROMANO CLASSICO. 163 

tina (IT. Ci). Tuttavia gli elementi classici sono in quello squarcio 
preponderanti , e noi possiamo prenderle in esame con qualche pro- 
fitto. 

II. Per il diritto classico eosa certa che il proprietario del fondo 
su cui il terzo ha edificato , seminato o eseguite piantagioni non 
tenuto, solo per questo, a rifare a chicchessia il valore dei migliora- 
menti. Come dimostrai altra volta l un compenso dovuto, per via 
d'azione, qualora fra le parti cio , il proprietario del fondo ed il 
terzo che ha fatte le opere esista un rapporto obbligatorio che pu 
aver fondamento in un contratto o delitto. 

Ma inoltre il compenso pu aver luogo, per via di ritenzione, in 
virt della exceptio (ioli nei iudicia stricti iuris, o per Vofficium indici* 
in quelli bonae fidei ; in tutti questi casi per si richiedono speciali 
condizioni, rilevante fra tutte la bona fides dell'agente 2 . 

Il compenso adunque ha in ogni evenienza fondamento in un 
presupposto giuridico : 1' obbligazione o la bona fides ; esso non pu 
aver luogo se manca l'ima o l'altra di quelle condizioni. A quale altro 
principio si dovrebbe riportare 1' obbligo del proprietario a rifare le 
spese al terzo? L'edificio costruito, la pianta trasportata sul fondo 
altrui , appartengono al proprietario del fondo per accessione ; sono 
pars fundi. Formalmente il proprietario ha quel che suo e nulla pi 3 . 
Il fondo ha avuto bens un incremento , ma questo perfettamente 
analogo ai casi di alluvione. Anche nlVavulsio c' un danno visibile 
da una parte un aumento dall' altra, e tuttavia V acquisto e la per- 
dita avvengono per norme di diritto e sono irrimediabili, fatali, come 
li descrive uno scrittore latino della pi tarda et nella sua forma 
imaginosa e gonfia : et flexuose serpens fluvius largitili' in conpendio 
alterius quod furatur ab altero siimilque tt lucrimi unitimi aliena, 
calamitas '. 

Di regola avviene lo stesso negli altri casi di accessione. Chi ha 
operato sul suolo altrui non pu rovinare l'edificio che vi avesse edi- 
ficato, non pu svellere le piante u falciare o distruggere i germogli 
delle sementi che vi avesse sparse. Per le piante e le sementi il prin- 



1 Distinzione delle impensae, in Archino Giuridico voi. 58 p. 30 deilYstr. 

2 Gai II. 76. 

:5 In quest'ordine di idee anche il Sokolowski. Die Pliilosophic im Friratrecht 
p. 145 e seg.; ma egli smarrisce la diritta via ben tosto rivolgendo l'attenzione 
a testi giustinianei. 

4 Ennodio, Vita Epiphani p. 336 ediz. Hart. Lo stesso concetto esprime Pom- 
ponio (D. 41, 1, 30, 3) nella frase : Rumina euim censitoruin vice i'nnguntur. 



164 8. RICCOBONO. PARXE 1. 

cipio ancora attestato nel diritto giustinianeo ' per l'edificio fu sol- 
tanto Giustiniano che introdusse lo kis tollendi \ 

Cos si arriva pianamente alla conclusione che per il diritto clas- 
sico colui che investe sul suolo altrui un capitale per via di costru- 
zioni piantagioni o seminagioni non ha perci stesso diritto ad un 
compenso ; egli perde il dominio dei materiali impiegati : lxzi7tttzi>) 
tr\g deTtoTsCcv; (ii]dh r Sanavi] fiata Xa[i(viov ; e questa affermazione 
vera ; infatti il diritto al compenso eventuale , presuppone altri 
elementi giuridici. 

III. La cosa muta aspetto se guardiamo il nuovo diritto codifi- 
cato da Giustiniano. A proposito di accessioni a cose mobili i Digesti 
contengono una testimonianza esplicita : 

fr. 23 5 (VI-I) : ideoque in omnibus his casibus, in quibus neque 
ad exhibendum neque in rem locum iabet, in factum actio necessaria est. 

Il testo ha una portata generale; il proprietario che ha sofferto 
la perdita della cosa deve poter ricuperare, nei casi pi sfavorevoli, 
il prezzo della stessa con un' actio in factum. Questa perci ha una 
funzione equivalente all'acro in rem; si esperisce contro qualsiasi pos- 
sessore della cosa che ha tratto vantaggio della propriet estinta. 

In questo senso per il rimedio nuovo, ed esorbita, come ap- 
pare a prima vista, i limiti del compenso tenuti fermi dal diritto clas- 
sico. Ohe la innovazione sia stata introdotta da Giustiniano pure 
fuori dubbio 3 . Importa piuttosto notare che anche qui troviamo l'ap- 
plicazione del noto principio, messo abbastanza in rilievo in queste 
pagine , che ovunque si riscontri un lucro con danno d' altri il per- 
dente ha diritto ad un indennizzo mediante azione 4 . 



1 Fr. 53 (VI-I) Pomponio; 25 1 (XXII-I) Giuliano; 9 2 (XXXIX-II) Alfeno- 
Ulpiano; 9 2 (41-1) Paolo; e. 11 C. 3, 32; notevolissimo fra tutti poi per quanto 
attiene al compenso il fr. 16 1 D. XIX-V di Pomponio : Permisisti mini ut 
serereru in fundo tuo et fructus tollerem ; sevi nec pateris me fruetns tollere, 
nullam iuris civilis actionem esse Aristo ait : an in factum dari debeat deliberali 
posse; sed erit de dolo. Aristone non vede alcuna azione civile possibile per il 
caso esposto. Si ricorre appunto all' actio doli che eminentemente sussidiaria; 
cos Ulpiano in D. IV, 3, 34 : nulla alia quam de dolo malo actio locum habebit . 

2 Cfr. Riccobono, in Bullettino I. D. B. voi. 8 p. 243, voi. 9 p. 242 e seg. 

3 Cfr. Lenel, Pai. 1 p. 1005; Gradcnwitz, Interpol, p. 64 n. 1, p. 94, che ha 
messo in chiaro la interpolazione formale , ma inclina a ritenere classico il con- 
tenuto; per Erman, poi, (ZSS , voi. 13 p. 212 e 217) la sostanza certamente (!) 
del giureconsulto Paolo, confr. pure voi. 19 p. 306 della stessa Rivista ; e Man- 
caleoni, Beivindic. p. 43. 

4 Anche il fr. 9 2 D. 41-1 di Gaio sub dei rimaneggiamenti notevoli che si 
spiegano agevolmente con le idee espresse nel testo; cfr. per la critica di questo 
passo, Perozzi, in Bendiconti dell' Istituto Lombardo, 23 p. 501 e seg. ; Mancaleoni, 
o. o. p. 44 e seg.; Mayr, ZSS. 26, p. 100 e seg. 



Parte i. 



TRACCE DI DIRITTO ROMANO CLASSICO. 



165 



Lo stesso ideale di giustizia si volle pur raggiungere nei casi di 
accessioni ad immobili. Le applicazioni sono qui particolari, ma nello 
stesso tempo cos gravi che devono a buon diritto riguardarsi come 
espressione di tutto un nuovo ordinamento della materia. 

Chi avesse perduto la propriet del fondo per l'occupazione per- 
manente delle acque del fiume ha diritto a ricuperarla nel caso che 
il fiume posteriormente riprenda altro corso l . Questa regola fu posta 
da Giustiniano, che escluse quindi, nel caso speciale, 1' accrescimento 
dell'alveo derelitto al proprietari rivieraschi, garentito da una costante 
e antica dottrina 2 . 

Per le costruzioni imposte sul suolo altrui si arriv nei casi 
estremi fino a permetterne all' edificatore la demolizione per ripren- 
dere i materiali (ius tollendi). 

Per le piante il nuovo principio fu inserito in un testo di Ul- 
piano molto discusso sin dalla Glossa (ad. h. 1.) e riuscito pur sempre 
incoercibile 3 . 

Ulpiano attinse la decisione all'opera dig. di Alfeno e la riferisce 
in due redazioni affini, nel 1. 16 ad edictum e nel 1. 53. Giova per- 
tanto riportarle entrambe, paro a paro, e nella terza colonna tentare 
la restituzione nella sua probabile forma genuina del testo interpolato. 



D. 39, 2, 9, 2. 
ita demnm autem crustam 
vindicari posse idem Al- 
fenus ait, si non coalnerit 
nec unitateni cum terra 
mea fecerit. nee arbor po- 
test vindicari a te, quae 
translata iu agnini menni 
cum terra mea coaluit. 



D. 6, 1, 5, 3. 



De arbore, quae in alie- 
nimi agnini translata coa- 
luit et radicea inimisit, 
Varus et Nerva utilem in 
rem actionem dabant: nani 
si nouduni coaluit , mea 
esse non desiuet. 



Ulpian. 



De arbore, quae in alie- 
nimi agnini translata coa- 
luit et ratlices immisit, 
Varus et Nerva in rem 
agi non posse aiunt : nani 
si nominili coaluit , mea 
esse non desiuet. 



1 Cfr. D. 41, 1 , 7 , 5 e 30 $ 3 (Riccobono , negli Studi offerii a F. Schupfer 
voi. I p. 224 e seg.). 

2 Nel Codice Napoleonico, all'art. 563. la decisione particolare posta da Giu- 
stiniano ebbe una formulazione generale; si concesse l'alveo relitto ai proprietarii 
del suolo di nuovo occupato dal fiume a titolo di indennit, in proporzione quindi 
del danno sofferto. 

3 Cfr. Jhering, nei Jahrbiicher f. Dogm. 1 p. 141 ; Brezzo, Beiv. utilis p. 168; 
H. Kriiger, ZSS. voi. Xll p. 165; Ch. Appleton. Proprie't prel . p. 73 e seg.; Man- 
caleoni, Reiv. utilis p. 46; Buonamioi , Arch. Giur. voi. 13 p. 2] 9; Erman , ZSS. 
voi. XI1I p. 202, u. 2; Czyhlarz , Festschrift f. Dr. Unger p. 12, 26; Bierniann, 
Krit. Vierteljahr. 3 Folge, voi. 7, p. 18; Kob. v. Mayr, vindioatio utilis, ZSS. voi. 26 
p. 83 e seg.; p. 116 e seg. 



166 S. RICCOBONO. 



I due riferimenti di Ulpiano erano nella sostanza coincidenti. 
Nell'uno e nell'altro si indagava soltanto l'ammissibilit o meno della 
vindicatio della pianta trasportata nell'altrui fondo. Anche nel fr. 5 
si dice, come gi nell' introduzione del fr. 9 2, per la crusta , che 
se l'albero non coaluit, mea esse non desi net; or nel periodo che pre- 
cede si doveva necessariamente negare la vindicatio perch vi si fa 
l'ipotesi che l'albero coaluit et radice* immisit; la stessa ipotesi con- 
templata nella chiusa del fr. 9 2. Il nani aveva dunque nel fr. 5 3 
forza avversativa; stabiliva un'antitesi in base ai diversi presupposti 
di fatto , e 1' antitesi , per effetto della mortificazione introdotta dai 
compilatori rimase, nell'odierna struttura del passo, rovinata \ 

Ad accertare poi l'interpolazione delle parole che ho escluse nella 
restituzione del testo giova notare la frase Yanis et Nerva actionem 
dabant, attorno alla quale lo Czyhlarz 2 ed altri scrittori si affatica- 
rono davvero inutilmente. evidente per che quella espressione si 
addice all'editto, cio all'attivit del pretore che pu dare o denegare 
actionem 3 , mai ai giuristi, i quali, se esercitavano con i loro responsi 
notevole influenza sullo sviluppo del diritto , non ebbero potere di 
creare o dare nuove azioni 4 . I compilatori del resto si manifestano 
altre volte per questo segno; cos in D. 4, 6, 18 : Sciendum est, quod 
in his casibns restitutionis auxilium maioribus damus cet 5 ; in 1). 1(>, 1, 
8, 2 : exceptionem ci Senatm consulti Marcellus non daret cet 6 ; in D. 39, 
C, 29 : adirne quis dabit in rem donatori 7 ; in D. 23 , 3 , 33 : Recte 



1 Anche il Mancaleoni ha ben rilevato questo vizio nel testo giustinianeo, ma 
egli riduce poi la sua critica in termini angusti supponendo aggiunte soltanto le 
parole in rem : (Reivindicatio utilis p. 49) che nella ricostruzione del testo io ho 
mantenute. Mayr, 1. e. p. 89 n. 11 sospetta soltanto un'alterazione del testo senza 
precisarla. 

2 L. e. p. 25. 

3 V. F. 83 praetor 'actionem dabit. Cfr. Kriiger, ZSS. voi. XVI p. 2 e seg. 

4 Cfr. Lenel, Die except. p. 62; Bekker, Aktionen II p. 148; Erinan, ZSS. 13 
p. 203; Pernice, ZSS. voi. XX p. 146. In molti casi la opinione del giurista ha 
il valore d'un suggerimento al magistrato; cfr. Collatio 12 , 7, 7 : et hic puto .. 
dandam actionem; eod 8: et ideo aequius putat iu factum actionem dandam. 

5 Cfr. Lenel Pai. I p. 987 u. 1. 

6 Cfr. Mitteis, Griinhut'a Zeitschrift voi. XVII p. 25, 36. 

7 La sola introduzione sembra nel testo genuina; il resto , dalle parole et si 
quidem in poi, fattura di Triboniano; ed il fr. fu messo iu rilievo per il conte- 
nuto dal Mancaleoni, o. e. p. 22 e seg. e dal Ferrini , Pand. p. 853 , n. 2 ; per 
altre indicazioni cfr. Mayr, 1. e. p. 94 e seg. 



parte l. Tracce di diritto romano classico. 16? 

itaque Sabinus dispostiti ut diceret l ; in D. 4, 2, 14, 10 : sic hoc dispo- 
nendum est... poenae autem usqne ad duplum stetur 2 . 

IV. Tornando ora alla sostanza delle cose possiamo affermare che 
nei diritto giustinianeo palese la tendenza a dare in tutti i casi di 
perdita della propriet per accessione un compenso per via di actio. 
Che la utili8 in rem actio del fr. 5 3 abbia questa finizione non si 
pu mettere in dubbio 3 ; ed vana poi qualsiasi discussione sulla 
natura della formula in proposito , perch il rimedio era ignoto nel 
periodo classico 4 . 

Ma perci stesso, di fronte alla tendenza generale del diritto giu- 
stinianeo , la formulazione che si legge nel vfios yscoQymg , da cui 
prendemmo le mosse, acquista un valore spiccato. Essa non poteva 
germogliare dai libri di Giustiniano , perch riproduce nei suoi ele- 
menti pi salienti la dottrina classica. Il nostro deve nella sua prima 
origine riportarsi ad una epitome greca forse delle Istituzioni gaiane; 
e gi il Ferrini aveva osservato, che i passi aggiunti alla collezione 
di leggi rustiche non furono presi dai Basilici 5 ma da comentar 
antichi e varii, in prevalenza del tempo di Giustiniano. 

IV. 

IMPEKSAE IN BES DOTALE 8 EACTAE. 

Son note le prescrizioni emanate da Giustiniano sulla dote con 
la e. unica de rei uxoriae actione cet Y. 13. In virt di questa legge 
dell' anno 530 1' actio rei uxoriae sub una trasformazione completa. 
Per il compenso delle spese fatte dal marito sulla dote la costituzione 
contiene in massima nuovi precetti. Infatti, solo per le spese neces- 
sarie fu confermato il diritto antico : dotem mininoti; del resto si volle 
radicalmente abolito tutto il sistema delle retentiones anche a proposito 



1 Cfr. Riccobono, Bull. I. D. R. voi. VII. e Panipaloni, Archiv- Giuria, voi. 56 
p. 12. In questa categoria vanno pure annoverati i seguenti testi: D. 6, 1, 38 
D. 39, 3, 2 D. 49, 1, 15 D. 3, 3, 33 pr. actionem autem intendere vetamus. 

2 Cfr. Eisele in ZSS. voi. 13, p. 135. 

3 Cfr. Jhering, 1. e. p. 141; Sokolowski, o. e. p. 160; Windscheid, Pand. $ 174 
n. 9. Ma giusto del resto notare che la satura dell' azione , qui come in altri 
casi, non ben determinata; cfr. Mayr, 1. e. p. 123 e seg. 

4 Cfr. ora Lenel , L' e'dit. perp. voi. I p. 211 , in contrapposto alla opinione 
espressa nell'edizione tedesca p. 146 , dove riferiva anche il nostro testo ad una 
formula jicticia. 

5 Ferrini, 1. e. p. 559. 



108 S. RICCOBONO. PARTK I. 



delle impensae. L' imperatore mostra per quel blando rimedio un' av- 
versione acre e lo proscrive con frasi robuste, alla maniera bizantina; 
taceat in ea retentionum verbosit*. 

L'ideale di Giustiniano era ben diverso; egli ferm il principio 
che sciolto il matrimonio ognuna delle parti dovesse avere il suo; ren- 
dendo cos omaggio, in un tempo ben lontano , alla massima : les af- 
faires sont les affaires. 

Di conseguenza per le spese utili , fatte sulla dote , garent al 
marito un'azione, senza alcun riguardo, per la sostanza, al consenti- 
mento della donna. Il marito ha ora, in ogni caso, o Vaetio mandati 
o Vaetio negot. gest. Quest'ultima azione riceveva cos un'applicazione 
smodata, ma consentanea al tipo raffazzonato da Giustiniano. 

Per le spese voluttuarie fu accordato per la prima volta un nuovo 
rimedio, lo ins tollendi. 

Tutte queste riforme, coni' era naturale, furono tradotte nei Di- 
gesti *; e cio per le spese utili nei fr. 7 (25-1) e 7 16 (24-3), nei 
quali fu sostituita la parola actionem al posto di retentionem; per le 
voluttuarie nel fr. 9 h. t. che nella sua interezza fattura dei com- 
pilatori. 

In contrapposto , i principii applicati dai giureconsulti romani, 
nella trattazione di questo soggetto , sono ancora visibili. La donna 
obbligata a rifare al marito le spese utili se fatte col suo consen- 
timento 2 ; non aveva mai obbligo a compensare le spese voluttuarie, 
anche se fatte col suo consenso 3 . I giuristi nelle loro trattazioni ri- 
levavano appunto 1' antitesi fra le due categorie di spese sulla base 
della voluntas mulieris. E 1' antitesi si coglie ancora ravvicinando i 
fr. 7, 8, 11 D. h. t. 4 ; ma noi la ritroviamo poi viva ed in tutta la 
sua purezza nel 1. IV t. X di Armenopulo. 

Questo compilatore ci rappresenta in due consecutivi tutta la 

dottrina classica , col contrapposto dell' elemento della volont nelle 

due specie diverse; efficace per le utili e non per le voluttuarie; per 

queste quindi vi si esclude ogni compenso e vi si ignora lo ius tollendi. 

Harm. IV, X : 

55. Kuv yv^iri tf\s yvvcaxg ysyvai t Ttog tsotyiv dccitavi]- 
liutcc, ovx ttaixovvxui 5 . 



1 La dimostrazione di quanto segue nel testo fu da me data nello studio sui 
Schol. Sin. in Bull. I.D.R. voi. IX p. 238 e seg. 

2 D. 25, 1, 8; 50, 10, 79, 1. 

3 D. 11 h. t. 

* La ricostruzione di questi passi fu da me fatta nel lavoro disopra citato p 240. 
5 Coincide col testo dei B. 28, 10, 11 e Sinopsis n, 39, 00. 



PARTE I. TRACCE DI DIRITTO ROMANO CLASSICO. 169 

5G. Txs vjie,caQOVVTca t naHpsXfi, ore xat yvc^v yvavtca 
tr\g yvvaws. adwov ydo tv jti) %ov6uv toco&ev dovrai xatavay- 
xa&rjvcu Ttalita t 7toy[icc, itsoi o yyovsv i} du7tdvr] l . 

Certamente, questi paragrafi corrispondono a due fr. 1 del titolo 
deimpensis cet XXVI dei Digesti; il primo al fr. 11 di Upiano, al 
fr. 8 di Paolo il secondo ; combaciano inoltre , coin ho rilevato in 
nota, con il testo riportato dai Basilici e dalla Sinopsi. Ma ci die 
pu significare ? Semplicemente questo : che l'ordinamento dei sunti 
greci nel secolo VI era fatto secondo l'ordine dei Digesti e che dalle 
raccolte pregiustinianee si ricavavano i passi che dopo la compila- 
zione di Giustiniano potevano ancora interessare 2 . 

Armenopulo dovette adoperare in quel punto una collezione del 
secolo sesto da cui trassero pure i compilatori dei Basilici 3 . 

Vero che il fr. 9 (25-1), che riguarda lo ius tollendi, fu aggiunto 
posteriormente in margine al 55 del manuale 4 , e che, secondo nota 
Heimbach 5 , tali integrazioni furono per lo pi eseguite dallo stesso 
Armenopulo; ma appunto in ci, se non erro, si ha la prova pi evi- 
dente che il nostro compilatore nella prima formazione dell'opera ebbe 
fra le mani un comentario che [n'esentava in quel punto l'indice dei 
soli frammenti genuini di Paolo e Ulpiano. 

Altre spiegazioni non sarebbero attendibili; avrebbero piuttosto 
il valore di ripieghi vani, (piando noi sappiamo che non si tratta qui 
di un caso singolare , ma di un fenomeno che si ripete le tante volte 
ed in tutte le fonti greche. 

Infatti si pu dimostrare che molte interpolazioni giustinianee 
furono trasportate sui santi greci preesistenti. Questa indagine non 
certo agevole, ma l'occhio esercitato pu ancora scovrire, in alcuni 
casi, che l'aggiunta ha tutti i caratteri di una nota marginale, perch 
si attacca male al periodo che precede o addirittura vi si pone dura- 
mente in contrasto; in altri casi il passo greco presenta sproporzioni 
ingiustificate, una parte rende l'epitome, l'altra una versione letterale 
del passo latino; se noi sappiamo, per altro ordine di conoscenze, che 
il sunto tratto dal testo genuino e la versione letterale invece si 
riporta alla interpolazione, <> al contrario, la spiegazione che il testo 



1 = B 28, 10, 8; Siuopsis , 39, 64. 

2 Cos anche Ali brandi, Opere p. f>L'. ^ 

3 Si sa che Armenopulo tendeva a rendere quanto pi copioso il suo manuale 
compulsando una grande variet di fonti tcc) r>v tiqoxsiqcov tee xX).i6ra , come 
egli stesso c'informa nella 7tQ0&E(OQia. 

4 Heimbach p. 558 nota ee. 

5 Praefatio p. XVII. 



170 S. RICCOBONO. PARTE 1. 

risulta di due strati t'orinati in tempi diversi la pi semplice e le- 
gittima l . 

Viceversa , altre volte si constata clic la traduzione o il sunto 
che danno i Basilici , nel testo ufficiale o nell' apparato degli scolii, 
non portano le interpolazioni inserite da Triboniano ; in questi casi 
abbiamo la prova diretta che l'esemplare da cui la versione o il sunto 
del testo fu ricavato era l'originale non quello giustinianeo ~. 

Nella stessa maniera i paragrafi 55 e 56, sopra riportati, di Ar- 
menopulo ci conservano una testimonianza preziosa della dottrina clas- 
sica in materia di spese dotali. Ma quei paragrafi inoltre danno una 
bella conferma dei risultati cui pervenni altra volta, con l'esame di 
tutte le fonti relative a (pici punto di diritto, gli scolii Sinaitici 
compresi. 



Ma qui giova riassumere il risultato di queste brevi note e con- 
statare ancora una volta che i fatti hanno per la storia pi forza che 
la volont degli uomini; si tratti pure di volont imperiale tradotta 
in legge e con severe sanzioni. 

La memoria di norme del diritto classico conservata qua e l 
in vari punti nei libri greca, accanto alle forme novelle degli istituti; 



1 Alcuni esempi tipici furono da me posti in rilievo e dimostrati : B. 28, 10 
cap. 11. Sch. dello Anonimo (Heimbach III p. 298) corrispondente ai fr. 9, 11 pr. 
D. 25, 1; cfr. Riccobono, Bullettino I. D. B. IX p. 257 e seg. p. 282 e seg. 
B. 16, 8, 12, 52 = D. 7, 8, 12, 2 (Riccobono, sull' usus; negli scritti offerti a 
V. Scialoja, estr. p. 19 e seg.). B. 28, 1 cap. 13 = D. 23 , 1 , 15 (Riccobono, 
Prospeclus montium , negli scritti offerti a C. Fadda p. 18 u. 1 dell'estr.) Sch. 
Sinait. 20, ove la nota marginale, corrispondente al fr. 9 D. 25, 1 fu incorporata 
alla versione greca dal fr. 11 pr. eod (cfr. Riccobono, Bullettino cit. voi. IX) lad- 
dove in tutte le altre fonti greche il sunto greco del fr. 9 riprodotto in capi 
separati o nelle paragrafo. 

2 Gli esempi per quanto riguarda il Codice sono copiosi e riportati dallo 
Zachariii in varii luoghi (cfr. gli scritti citati a p. 161 n. 3) ; per i sunti corri- 
spondenti ai passi dei Digesti si ha minor numero di esperienze , ma ci solo per 
il fatto che finora si rivolta nessuna attenzione a questo ordine di confronti. 
Posso qui notare: B. 12, 1, 50 corrispondente a D. 17, 2, 52 2; l'interpolazione 
invece nota agli scolii; v. Heimbach voi. I p. 751, e la giusta spiegazione data 
dal Brasslorf in Wiener Studien voi. 24 p. 567. B. 25 , 2 , 16 corrispondente a 
D. 20, 1, 16 4; cfr. Lenel P. 1 p. 649 n. 1; Eisele, ZSS. voi. 18 p. 4; Goppert, 
Organ. Erzeugn. p. 395. B. 16, 8, 2, sch. 1 corrispondente a D. 7, 8, 12, 1 od 
altro testo classico a noi non pervenuto (cfr. Riccobono, sull' usus 1. e. p. 13 e seg.), 
infatti lo sch. non coincide nemmeno col testo di Theoph. II, 5, 1 = 1. eod tratti 
eridentemente da Gaio r. cott.; cfr. D. 7, 8, 11. 



PARTE I. TRACCE DI DIRITTO ROMANO CLASSICO. 171 

e ci perch la tradizione scientifica non fu, come si crede, spezzata 
d'un colpo dall'opera legislativa di Giustiniano. 

Nel momento storico che qui osserviamo, come in tutti i tempi, 
nell'Oriente come in Occidente, l'opera degli interpreti procede lenta 
e faticosa sulla base larga degli elementi preesistenti ; i manuali di 
scuola hanno carattere essenzialmente tralaticio , e corretti e ammo- 
dernati passano, sempre giovani, di generazione in generazione. 

Le paragrafa, le versioni e gl'indici ordinati dai coevi di Giusti- 
niano riproducono in buona copia il lavoro compiutosi in Oriente sui 
libri dei giuristi romani , nel periodo aureo della scuola di diritto. 
Era poi naturale che attraverso quelle prime elaborazioni del sesto 
secolo molti vestigi dell' antica letteratura passassero nelle raccolte 
posteriori, private e ufficiali; poich, perdutasi, come noto , gi al 
tempo di Giustiniano la conoscenza della lingua latina, i lavori giu- 
ridici fatti sulla codificazione giustinianea nel VI secolo rimasero l'u- 
nica sorgente cui attinsero i compilatori bizantini. 

Accertato questo processo storico, l'affermazione altra volta fatta 
mi sembra anche ora legittima; e quindi noi possiamo con buon fon- 
damento trarre vantaggio, in singoii punti, da tutte le fonti greche 
sia per le dottrine del diritto classico * sia per la struttura e la forma 
dei passi negli scritti dei romani giureconsulti. 



1 II nostro Ali brandi, nello scritto Dell'utilit che recano alla storia ed alle 
antichit del d. r. gli scritti dei greci interpreti ristampato nelle Opere p. 49 
e seg. mette in rilievo appunto sotto questo aspetto il materiale noto dai Basilici. 

Palermo. 

Salvatore Riccobono. 



LA SCOPERTA DELL' AES SIGNATUA 

NELLE TERRE ADIACENTI AL LAGO FUCINO. 



L'incertezza delle testimonianze antiche fondate sulla tradizione 
popolare, ha indotto sino ad ggi gli erudi'J ad attribuire a Roma l'i- 
stituzione della moneta '; ed in effetto le prime traeeie della valuta- 
zione e del peso derivanti dall'US, contrazione deVAes, traggono mo- 
tivo dal sistema librale romano. 

Ma difficile, se non impossibile , trovare elementi sicuri di at- 
tribuzione a (pici tanti pezzi di metallo che recano impronte e con- 
tromarche e che comunemente si chiamano Aes xignatum, poich pro- 
vengono da luoghi diversi, specialmente dell'Italia centrale, e fanno 
sempre pi dubitare se essi ripetano l'origine da Roma o dal Lazio, 
ovvero ebbero altri centri di fabbricazione presso i popoli soggetti 
alla conquista dei romani 2 . Ora il caso d' una provenienza tutta 
nuova dell'^s signatum; e ce l'offre la Marsica, regione antichissima 
situata nella parte pi elevata e montuosa degli Abruzzi e pi vi- 
cina a Roma. L'anno scorso a S. Benedetto dei Marsi , sulla sponda 
del lago Fucino, in un terreno di propriet degli eredi di certo Luigi 
Sabatini, venne a luce il frammento di cui si riproduce la figura al 
nini). 1 della tavola annessa. una grossa frazione di Aes signa- 
tum, che per la sua fattura rozza e grossolana deve ascriversi alla 
serie pi arcaica di simili pezzi. 11 suo peso di grammi 1170 (cor- 
rispondente esattamente al frammento n. 9 del ripostiglio di Oastel- 



1 Coni' noto, secondo Plinio (Hist. Nat. XXXIII, 3, 17) , Servio Tullio se- 
gn per primo con un'impronta VAes rude, onde gli fu dato il nome di signatum: 
Servius rex primus signavit Aes rudi ante usos romanos Timaens tradii . Egli non do- 
vette porre codesto seguo su d' altra forma che la quadrilatera. (Garrucci R. Le 
monete dell'Italia antica. Parte I. Roma, Salviucci, 1885, p. 1). 

2 Secondo qualche scrittore, i Romani seguendo l'esempio dei Cartaginesi, sta- 
bilirono le loro prime officine monetarie nei diversi paesi delle provincie conqui- 
state (Milli ngen J. Considrations sur la Numismat. de l' ancienne Italie. Florence, 
1841, p. 211). Per quest' opinione coatradetta dal fatto che Papirio Cursore 
dopo le guerre della Campania e del Sannio (A. U. C. 461) fece portare a Roma 
pi di due milioni dell' Aes grave tolto ai nemici e probabilmente fabbricato nelle 
officine monetarie sorte nei paesi conquistati (Liv. IX, 40). 



PARTK I. I,' AE8 SIGNATUM DEL LAGO FUCINO. 173 

franco d' Emilia) , ma calcolando sulla forma e misura ordinaria di 
bronzi analoghi, pu ritenersi che l'intero quadrilatero pesasse almeno 
il doppio i . Una delle faccie in superficie piana reca la figura del ramo 
secco e bracciate, composto del tronco e di due soli bracci che con- 
vergono nell'estremit a modo di un'ancora. L' altra faccia non pre- 
senta segni di sorta ed ha la superficie leggermente convessa, in modo 
che la forma dei due lati superiori alla rottura , pi che alla ellittica, 
tende a quella d'un semicerchio. Xei lati di fianco si nota la sporgenza 
della bava, ovvero del metallo trascorso fra i labbri delle staffe, le cui 
tracce sono rappresentate da due profondi solchi. La fusione al- 
quanto difettosa per i buchi e le protuberanze provenienti dalla na- 
tura scoriacea del pezzo e rivela un'arte molto primitiva. La patina 
di colore scuro-nerastro tendente al rossiccio 2 . 

Questa frazione di quadrilatero a primo aspetto non presenta ca- 
rattere di novit, potendo rientrare nella serie dei pezzi provenienti 
dal di l dell'Appennino, ossia dalle terremare dell' Emilia , del Reg- 
giano e del Parmigiano , aventi il ramo secco o sfrondato a due o pi 
braccia 3- Ma quello che ha di notevole che una seda delle faccie 
contrasegnata dal ramo, mentre l'altra senz' impronta, circostanza 
finora segnalata assai vagamente negli altri esemplari delle specie, 
come quelli del ripostiglio di Castelfranco. Non il caso di far con- 
getture o ipotesi sopra questa che a ine sembra una singolarit, 
potendosi tuttavia ammettere l'esistenza di una forma primitiva e 
pi arcaica dell'Efes signatum , perch unilaterale, per analogia a 
(pianto si osserva nelle pi antiche monete di conio in argento a 
rovescio inciiso o liscio che precedono quelle battute bilateralmente. 
Ed un indizio certo di arcaicit si ha dalle protuberanze scoriacee 
delle due facce , mentre gli altri pezzi della serie sopra accennata 
rivelano maggiore accuratezza e preparazione nello stampo. Laonde, 
a mio criterio, si potrebbe sospettare che questa nuova categoria del- 
VAes .signatum unilaterale spetti ad un periodo di transizione dalla 



1 Calcolando sulla presenza dei due bracci del ramo, ohe in origine dovevano 
essere non meno di quattro, come nel bronzo di Fiesole (Garriteci, op. cit. Ti.v. 
X-3], si deduce che anche il peso doveva essere doppio. 

2 Questo frammeuto (VAes signatum si trova attualmente in possesso del si- 
gnor Angelo Del Proposto residente a Castellammare Adriatico. 

3 Pigorini G. V Aes signatum scoperto nella provincia di Parma. Ivi, 1874. 
Chierici G. L'Jes signatum dei due versanti dell'Appennino. Reggio Emilia, 1879. 
Id. Antichit preromane nella provincia di Reggio nell'Emilia, pag. 17. -Garriteci op. 
cit. Tav. VII-I, 2; IX-1, 2, 3; X-3; LXVII-2. l'.ri/.io K. // ripostiglio di Castel- 
franco d'Emilia (in Notiz. degli Scavi, 1898, p. 22(5 e seg.). 



174 G. PANSA. PARTE I. 

forma irregolare dellM.es rude a quella meglio determinata daWAes 
{tignatimi. E da questa differenza o singolarit dell' impronta posta 
in una sola tccia si verrebbe forse a confermare la natura di mo- 
nete ovvero masse di valore destinate ad uso di moneta clie alcuni 
negano a simili frammenti col ramo sfrondato '. Ma su queste conget- 
ture, d' altronde probabili , io non intendo indugiare , rimettendo il 
giudizio a pi maturo esame. 

Concludendo , mi preme solo di osservare che la presenza del 
bronzo in parola per la sua tecnica di stile antichissimo, prevalente 
come tale a tutti gli altri della specie , indica 1' esistenza presso i 
Marsi primitivi di miniere ed officine dove lavoratasi il rame grezzo 
per metterlo in commercio. 

E rivela altres una civilt commista in quei popoli , i cui vil- 
laggi lacustri situati sulle sponde del Fucino presentano insieme a 
tracce dell'industria primitiva o neolitica, indizi non meno sicuri di 
preparazione all'arte metallurgica 2 . 



1 II Chierici (L'Aes signatum dei due versanti dell'Appennino, ecc.) sospetta 
che i primi frammenti coll'impronta del ramoscello, pi rozzi di forma e pi va- 
ganti di peso (a differenza degli altri quadrilateri trovati al di qua dell' Appen- 
nino , pi gentili di forma , pi regolari nel peso e con tracce di frattura) non 
sieno mai stati moneta o equivalente di moneta, ma semplici pani metallici, pri- 
mi getti di miniera per mettere il metallo in commercio. Parecchi lo seguirono 
in questa congettura e fra essi, per citare i pi autorevoli e receuti, il Bahrfeldt 
e l'Haeberlin a proposito del ripostiglio di Mazin (Bahrfeldt M. Der Miinzfund 
voti Mazin (Croatien), etc. Berlin, 1901, pag. 29. Haeberliu. Zum Corpus Numor. 
aeris gravis, in Berlin. Miinzblatter, 1906, fase. 49 e sgg.). Non voglio per ora en- 
trare anch'io nell'ardua discussione, mancandomene 1' autorit ; ma spero di farlo 
appresso. Affermo solo, riguardo al peso , che non sempre vero che questo sia 
del tutto incerto e vagante, come si sostiene, avendo gi il De Eossi dimostrato 
che in alcuni ripostigli si nota, per i frammenti di Aes rude e signatum, la rego- 
larit degli spezzamenti prestabilita secondo il sistema librale. Siffatta regolarit 
incontrasi pure nelle frazioni di armi spezzate, come nei paalstab , nelle lancie e 
falci del ripostiglio di Terni, le quali venivano ridotte ad massam rudem, appunto 
per ridurle a merce monetale, fondendole in pani. Riguardo poi al ramo secco come 
segno del peso, a me pare che indubitatamente esso lo sia. Infatti apparisce come 
tale negli antichissimi quadrantali romani gi illustrati dal Boni (Quadrantal, in 
Nuova Antologia , 16 agosto 1902) e recentemente dal Gatti (Capselle reliq. crist. 
e misure romane di capacit, in Bollett. della Comm. Archeol. Cornuti. , Roma 1905, 
fasi-. 4) e in altri monumenti specialmente dell' Etruria (Gozzadini. Necropoli di 
Marzabotto, p. 29 e seg. Fabretti A. Primo Suppl. alla raccolta delle antich. iscriz. 
Italie. Tav. Ili, n. 42). D'altronde il ramo secco indicava il numero 10,000 presso 
i latini (Ritschl, tab. Lille, LXXXIXb, XCIVa). 

2 Ved. Nicolucci G. V age de la pierre dans le Provinces Napolit. (in Compt. 
rend, du Congr, Inter, d'Anthrop. et d' Archeol. prehist, 5 e sess, Bologne, 1871, 



17f> 



G. PAXSA. 





Fi-. 28. 



I molti esemplari dell'ics grave trovati nelle escavazioni del laj>o 
Fucino, prima e dopo il suo prosciugamento, tanno palese l'esistenza 
d'un largo commercio esercitato da quelle popolazioni circumlacuali 
con la vicina Roma. I Romani nei primordi del loro dominio ebbero 
a lottare coi Marsi , ma ben presto si accorsero che sino Marsis nec 
de Marsh triumphatum fuit, giusta (pianto afferma Appiano Alessan- 
drino (De beli. civ. lib. I). L'alleanza dei Romani coi Marsi risale ad e- 
poche remote che g' istorici non hanno precisato. Condizioni della 



ved. 2 A Provinoes des Abruzzes ). Id. Nuove scoperte pi eist. nelle Prov. Napolit. 
(in Rendic. d. R. Accad. d. Scienze ts. e uat. di Napoli, Fase. 8, agosto 1876). 
Id. La grotta Cola presso Petrella di Cappadocia veli' Abruzzo Ult. II (Ivi , 1877, 
fase. 10 fobr.). Id. I cranii dei Marsi (Ivi, 1882, fase. 2 die). Non lievi cumuli 
d'indizi ci additano intorno alle sponde del Fucino antichissimi centri abitati, sta- 
zioni neolitiche i cui avanzi hanno un'assai evidente legame coi reciuti di mura a 
massi poligonali che s'incontrano specialmente nel territorio di Alba Fucense e di 
Roccavecchia (Arx) , e al tempo stesso formano un'indicazione sicura per ricono- 
scere in quelle localit il punto donde proviene la fabbricazione dellMes signatum. 
Che l'uso della pietra ivi durasse dentro il periodo del bronzo, non pu mettersi 
in dubbio; ed questa una nuova prova della contemporaneit dei due usi dopo 
quelle che si sono avute dalla scoverta delle necropoli etnische di Marzabotto, 
della Certosa di Bologna, della stipe delle acque di Vicarello , di S. Martinella 
presso S. Gennaro , nel territorio di Genzano e di altre localit (Vedi Gozzadini G. 
Di un'antica necropoli a Marzabotto. Id. Ulteriori scoperte nelV antica necropoli di 
Marzab., p. 42. Zaunoni, Relaz. sugli scavi della Certosa di Bologna. De Rossi 
M. S., Sugli studi e scoperte paletnolog. di Roma. II. Rapp. in Giorn. Arcad. Nuova 
Ser. T. LVIII, p. 20. Id. Nuove scop. nella necrop. arcaica albana e V Aes grave 
fra le rocce vulcaniche laziali. IV. Rapp. (Ann. dell' Instit. d. Corrisp. Archeol., 
1871, p. 275-77). 



PARTE I. L' AES SIGNATUM DEI, LAGO FUCINO. 177 

lega erano che i Marsi fornissero soldati a Roma in tempo di guerra 
e soni mi lustrassero , dietro pagamento e a giusto prezzo , cereali e 
vino. Si tratt di un vero e proprio trattato di commercio. Era al- 
lora 1' epoca in cui Roma estendeva le sue conquiste e si allargava 
nell 'Italia centrale. I Marsi erano quasi a confine coi Latini, tra il 
Lazio ed i Sabelli. Xon ostante clic gli Equi, i Sabini, i Volsei op- 
ponessero resistenza , pure furono presto ridotti alla dipendenza di 
Roma; e per questo i Romani vennero a confinare coi Marsi e strin- 
sero con essi legame , avvalendosi della loro qualit di latrones, ov- 
vero soldati di ventura, come s'intitolavano i Marsi secondo l' iscri- 
zione di Caso Cantuvio rinvenuta nel Fucino \ Alba Fucense , Ar- 
chi] pe, Marruvio, Cerfennia, Milonia, Plestinia, Opi, Fresilia, Alitino 
ed Angizia furono le citt pi cospicue che ebbero istituzioni , vita 
e commercio modellati su quelli di Roma , come lasciano trasparire 
i loro avanzi monumentali 2 . Perci si spiega come anche lo scambio 
delle monete avesse avuto largo sviluppo e base nei rapporti con Roma. 

Alba Fucense, gi sede degli Equi, fu uno dei centri principali 
di vita nella storia di quei popoli; e la serie deVAes grave che ebbe 
corso in quella citt e nelle terre adiacenti al lago, fu a preferenza 
denominata dalla testa d'Apollo 3 . Il Mommsen inclina anche ad at- 
tribuire ad Alba Fucense la serie librale con la testa di Venere Fri- 
gia e la ruota, innanzi che detta citt fabbricasse moneta d'argento; 
e registr Alba fra le colonie latine che avevano emessa moneta li- 
brale \ Nella quale opinione fu contradetto dal Garrucci , il (piale 
obiett che se questo fosse vero, le terre albensi ed il Fucino, pri- 
ma e dopo il disseccamento, avrebbero dovuto a quest'ora mandar- 
cene almeno un saggio 5 . Ma se ad Alba Fucense non si pu con 
sicurezza attribuire moneta binale vera e propria, mentre ebbe quella 
in argento, non detto che ad essa manchino altri elementi da poter 
riconoscere il largo traffico che esercit e lo sviluppo commerciale ed 
economico che ne deriv per i suoi rapporti con Roma. 

E questo oggi importa far notare, come alla serie dell' Aes (/rare 
di cui si conservano molti esemplari nel Museo Torlonia e nella rac- 



1 Ved. Notiz. degli scavi. Die. 1877, pag. 328 et tav. XIII. 

2 Gcf'roy. L'Archeologie da lac Fxciu (Extr. d. la Rev. Archeolo^;. .Filili. 1878^ 

3 Visconti C. L. Il Quinipondio e il Tressc del Medagliere Faticano , iin Stud. 
e docum. d. Stor. e Diritto. An. I, 1880, pag. 76"). 

4 Momniseu. Histoire de la monuaie romaine. Edit. frane, par le Due de I51a- 
cas, I, p. 187. 

5 Garrucci. Op. cit., pag. 21. 

12 



178 G. PANSA. PARTE I. 

colta degli eredi del Conte Pace di Massa d'Albe i , va congiunta 
quella deVAes signatura che oggi appare per la prima volta nelle 
tene albensi e ch' rappresentato dall' unico frammento superstite 
del quinipondio o quincusse che si vede riprodotto al unni. 2 della 
tavola annessa. questa una lieve frazione del famoso quadrilatero 
gi illustrato dal Visconti , oggi posseduta da me 2 . Fu rinvenuta 
nelle adiacenze di Albe , in alcuni lavori di sterro fatti ad un chi- 
lometro e mezzo dall'abitato, com'ebbe a dichiararmi il manovale Pietro 
Coppola presso il quale l'acquistai pochi mesi or sono. Il suo peso di 
grammi 105, corrispondente a circa la terza parte d'una libbra, ossia 
alla quindicesima parte del quinipondio kircheriano, che pesa pressoch 
cinque libbre esattamente. Da un lato vi si vede una punta laterale 
del tridente; dall'altro, un pezzo della tenia o lemnisco da cui avvolto 
il caduceo. La patina del bronzo di colore verde quasi uniforme. 
La presenza di questa frazione di Aes signatum nelle terre del 
Fucino non ha , vero , grande importanza negli scopi d' appurare 
la sede primitiva del famoso quadrilatero che si vuole proveniente 
da Bomarzo , ed a cui si annettono origini e signiticanze diverse. 
Essa per conferma ancora dippi l'incertezza che regna a tale pro- 
posito , rivelando un' altra provenienza tutta nuova. Senza riandare 
ora , con questo nuovo elemento , alla quistione se il celebre quini- 
pondio sia di manifattura etnisca o debbasi collocare fra i quadrila- 
teri della famiglia laziale 3 , fuori di dubbio che esso ebbe corso 
e diffusione tra i popoli dell' Italia centrale compresi fra 1' Etruria 
(com' noto pel tesoro di Vulci, in cui si trovarono frammenti simi- 
glianti col tridente e caduceo) e la regione marsica, il cui sviluppo 
commerciale nell'antichit acquista, con la scoperta di questo esem- 
plare nelle terre albensi, maggiore incremento e conferma. 



1 Visconti. Op. cit. pag. 76, nota. 

2 Visconti. Op. cit. Garrucci, Le moti. dell'Hai, antica, tav. XVI e pag. 9. 

3 Visconti. Op. cit. pag. 70. Garrucci. Op. e loc. cit. 



Sulmona. 



Giovanni Pansa. 



LE /AURA ROAANE 

D'ALBA FOAPEIA. 



i. 

Nel declivio settentrionale dell' Appennino la regione ch'ebbe nome 
speciale di Langhe va digradando di monte in monte, di colle in colle 
fino al margine del Tanaro, fiume che conserva nome indigeno d'anti- 
chit indefinita. Lo menziona Plinio Hist. nat. Ili, xx [xvi], 4). 

Sovra un ultimo lembo di questo declivio, in punto dov'esso fiume 
corre quasi esattamente da ponente a levante e riceve il piccolo tri- 
buto del torrente Cherasca l giace Alba detta ora di Piemonte, qualche 
secolo addietro di Monferrato, 2 nell'alto medio evo di Lombardia, nei 
tempi romani Pompeia : annoverata da Plinio (H. X. Ili, vii, 2) fra i 
nobilia oppida, quibas nitebat al suo tempo quella regione tra l'Appen- 
nino e il Po, che contava per IX nella divisione di Augusto. 

Anche il nome della citt deve rappresentare l'antichissimo pre- 
romano , 3 e le origini di essa restan nascoste nella solita notte dei 
tempi. Il Mommsen, parlando della via condotta da M. Emilio Scauro 
nel 615 di Roma (109 av. Cr.) da Vada Sabatia per Aquae Statiellae a 
Dertona, nota come a questa via nei pressi d' Aquae Statiellae dovette 
allacciarsene un'altra (non si sa quando effettuata, ma attestata dalla 
Tavola Peutingeriana) , proveniente dalla citt dei Taurini e desti- 
nata a congiungere col mare essa citt e tutta la regione transpadana. 
Questo tratto di via doveva per natura passare (e la Tavola segna il 
nome) pel luogo ove sorge Alba. Ora al Mommsen pare che non si 



1 Nei vernacoli Chirasca, Queirasca; nei pi vecchi documenti medievali Cura' 
sca: reliquia certamente a sua volta dell'antica onomastica ligure. 

2 Si sa che, cadute le libert comunali, fra le varie ambizioni che si contesero 
Alba dal sec. XIV al XVII, vi prevalse quasi costantemente la signoria dei Mar- 
chesi di Monferrato, finche nel 1631 col trattato di Cherasco fu annessa agli Stati 
di Casa Savoia. 

3 Cfr. sulla riviera Album Ingannimi, Album Intimilium, Alba Docilia', nella Gal- 
lia Narbonese Alba Helvorum.., 



180 F. EUSEBIO. TAUTE I. 

andrebbe errati connettendo la nascita dlVoppidum coi lavori di que- 
sta costruzione stradale *. 

Ci pu pensarsi ove si parli dell'assetto alla romana; ma quanto 
a nucleo l'abitazione indigena, come gi per se ce lo farebbe supporre 
d'assai pi antico 1' opportunit stessa del luogo , cos ce lo attesta 
antichissimo una stazione neolitica esistente alle porte della citt dal 
lato di mezzogiorno \ 

Se non che anche come sede romana, mentre l'ipotesi del Mommsen 
ne farebbe certamente discendere gli inizi pi gi del 050 di Roma, 
parecchie considerazioni, su cui non qui luogo di diffonderci, ;i consi- 
gliano di crederla principiata un tratto imi avanti. Qualunque fosse 
il grado di civilt, in cui i Romani trovarono ai primi contatti queste 
popolazioni liguri, la preesistenza d'un nucleo d'abitatori in luogo posto 
in piano sulla sponda del fiume pi importante della regione, allo sbocco 
di parecchie valli risalenti a serie infinita d' alture propizie alla spic- 
ciolata guerra di resistenza , in flagrante vicinanza del punto , ove 
prima o poi sorse Pollentia a guardia d'un passaggio alla pianura Pa- 
dana, infine su linea designata da natura per comunicazione con altri 
centri dominatori del paese , induce facilmente a credere che anche 
prima d'intraprendere la loro classica rete stradale i Romani dovessero 
d'urgenza coi mezzi pi pronti a popolo maestro di conquista affermarvi 
praticamente e stabilmente la loro presa di possesso, proclamata fin 
dal 532; 4 il che importava introduzione delle prime e pi opportune 
delle loro arti ed industrie, qualche primo lavoro d'utilit militare e 
civile , ecc. Valgano ad esempio Plaeentia e Cremona colonizzate di 
Latini fin dal 530 , cio settant' anni prima della costruzione della 
via Postumia. 

Fatto ch'io trovo nel sottosuolo albense, tanto in citt quanto in 
campagna, frammenti di tegole romane di perfetta fabbricazione con 
bollo di questa forma: P. Q. ^AjERIEIS . Ora si sa che la finale 



1 C. I. L., voi. V , proemi ai capi d'Aquae Statiellae e d'Alba Pompeia , pa- 
gine 850 e 863. 

2 Essa ha insigne rappresentanza nel Museo Kircheriano di Roma, donata dal 
benemerito raccoglitore Ing. G. B. Traverso. 

3 Dovr parlarne di proposito in un libro di prossima pubblicazione sulle Epi- 
grafi romane inedite d' Alba Pompeia raccolte nel Museo archeologico, che da alcuni 
anni mi riusc d'iniziare nella mia citt. 

4 Quando per effetto delle vittorie di Telamone e di Clastidium tutto il paese 
degli Insubri e dei Liguri era dichiarato provincia romana. Cfr. per 1' anno 557: 

et jam omnia cis Padum, praeter Gallorum Boios, Ilvates Ligurum, sub di- 

cione erant (Liv. XXXII, 29). 



I>ARTK t. LE MURA ROMANE d'aLBA POMPEI A. 181 

in eie pel nominativo plurale dei temi in o cessa gi verso la met 
del secolo VII l . 

Se non si vuol credere che quelle siano proprio le prime tegole 
che inaugurarono sul luogo l'edilizia romana, nello stesso tempo che 
dovrebbero porgere gli ultimi tardivi campioni di quella forma di fles- 
sione arcaica, bisogna pensare in genere che durante la prima met 
di quel secolo gi venisse compiendosi del ricus Albensis quella suf- 
ficiente assimilazione, quella specie di romanizzazione di fatto, che a 
tutte le citt Iella Cispadana, dotate gi del jus Latinum, faceva ornai 
invocare la piena cittadinanza , e a Roma permetteva di concederla 
nel 665 come ad alleati rimasti fedeli anche nei frangenti della guerra 
sociale. 

Credesi generalmente che appunto in quell'occasione Alba dei 
Liguri prendesse da Pompeo Strabone, autore della legge di cittadinanza, 
il soprannome di Pompeia. Resta per a domandare perch fra le tante 
citt che di quella legge fruirono la sola Alba assumesse quel distin- 
tivo, come Laus sola lo assunse fra le transpadane, che per la stessa 
legge acquistarono il jus Latii...., 

Nella nuova condizione Alba Pompeia con la vicina citt dei 
Bagienni fu censita nella trib Camilla. 

Undici anni dopo quell'avvenimento (676 di IL, 78 av. Cr.), morto 
Siila, il console M. Emilio Lepido con proposito d'abbattere la costi- 
tuzione del terribile dittatore e ristorare la parte Mariana si presenta 
con suo esercito davanti a Roma, mentre con altre forze nella Gallia 
cisalpina appoggia il moto Giunio Unito, padre di quello che uccider 
Giulio Cesare. Ma Lepido disfatto da Lutazio Catulo in Camp* Mar- 
zio e il giovine Pompeo mandato contro Liuto nell' Italia superiore 
finisce la guerra quasi senza combattere, ma non senza parecchie su- 
perflue atrocit, di cui pare toccasse ad Alba Pompeia di vedere una 
delle pi penose. Arreso gi Bruto , e tuttavia trucidato a Reggio, 
Albanorum civitas, obsidione oppugnata atipie excruciata fame ulti- 
ma, miserabili uni reliquiaruni deditione servata est; ubi tunc Scipio, 



1 L'esempio geograficamente pi vicino , cio la Tavola di Poleevera , dove 
leggiamo: Q. M. Minucieu Q. f. Iufeix, porta espressa la data del 637 di Ro- 
ma (117 av. Cr.) Vedasi C. I. L. voi. I. 199; V, 7749. Ritsehl , l'riscae lati- 
nitali8 monumenta ep'ujraphica , tav. XX. E per la (questione dell' et in cui vige 
quella forma arcaica di flessione : Ritschl, op. cit. pagg. 123-21. 

Rileva gi queste cose una mia breve comunicazione intitolata Nulicine di 
grammatica storica negli Atti del Congresso storico internazionale di Roma, voi. II, 
pagg. 211-12; alla quale avr qualcosa da aggiungere Dell'annunciato studio illu- 
strativo dell'Epigrafia romana inedita d'Alba Pompeia, 



82 V. EUSEBIO. fARtfi I. 

Lepidi filius, captus atque oecisus est . Tanto questo passo d'Orosio 
(V. 22, 17) quanto uno di Plutarco (Pompeius, XVI) ed altri d'altri 
scrittori, che accennano al fatto, presentano punti oscuri e disputa- 
bili, forse guasti; ma, comparati fra loro in rispetto alle varie situa- 
zioni dell' effimera guerra , cospirano a fare intendere che V Albani 
d'Orosio, scrittore di latinit tutt' altro che impeccabile, designi vera- 
mente quelli che normalmente nei buoni tempi si chiamarono Alben- 
ses Pompeiani l . 

Un trentacinque anni di poi Alba Pompeia dovette dare stazione 
all' esercito di Decimo Bruto avviato a Pollentia. Infatti nel 711 di R. 
(43 av. Cr.) M. Antonio, fuggito dopo la rotta di Modena fino a Vada 
Sabatia, ma afforzato col di nuovo esercito condottogli da Ventidio 
Basso , tenta (se non pura tnta) di riportar la guerra nella valle 
Padana rivalicando l'Appennino e lanciando anzitutto Trebellio con 
la cavalleria ad impadronirsi di Pollentia. Ci avveniva naturai niente 
per vai di Tanaro. Decimo Bruto dall'alta valle della Bormida orien- 
tale , ov' era giunto nell' inseguire il fuggitivo, si propone di preve- 
nirlo nell'occupazione della forte citt, e vi riesce con cinque celeri 
coorti, che toccano la meta un'ora prima che vi compaia in vista la 
avanguardia del nemico. 2 Questa contromarcia, notava gi il Mommsen 
(loc. cit. pag. 850), non pot effettuarsi che per l'accennata via Aquis 
StatielUs-Pollentiam , la quale passava, come gi indicammo, per Alba 
Pompeia. 



Non procedo oltre con quest'abbozzo di cronistoria preliminare, 
perch lo speciale argomento, a cui ho destinato il mio scritterello, 
spetta certo ai primi tempi in cui la Repubblica stese su Alba il suo 
dominio. 



ner 



1 Anche lo Zangerneister nell'indice della sua edizione d'Orosio (Lipsia, Teub- 
1889) interpreta quell' Alban ornm civitas per Alba Pompeia, pur distinguendo 

con carattere corsivo VAlbanorum da altri Albani d'altro significato. Discuter al- 
trove con pi agio la questione. Per gli Albenses Pompeiani v. Plinio, H. N. XVII, 
in, 1." 

2 V. la corrispondenza di Bruto con Cicerone nel lib. XI delle Epist. ad fami' 
liares, e specialmente la lettera tredicesima. 



PARIE I. LE MURA ROMANE D'ALBA POMPEIA. 185 



IL 

Fra coloro che gi parlarono delle antichit d'Alba Pompeia, ed 
accennarono, oltrech alle lapidi, ai pavimenti a musaico, ai condotti, 
ai frammenti marmorei di vario genere, alle monete, che si trovano 
nel sottosuolo l , nessuno (per quanto potei verificare) come testimo- 
nianze superstiti annover vestigia delle mura romane della citta. 
Teoricamente le supposero bens, e si comprende; taluno anzi diede 
loro un'antichit chimerica; qualcuno ne fece vere ipotiposi come se 
proprio vedesse Pompeo Magno a fabbricarle 2 ; nessuno mostr di 
conoscere in qualche avanzo reale una rispondenza concreta alla sua 
visione : generalmente v' a sospettare che alla buona attribuissero a 
Pompeo i resti delle mura medievali o fors' anco le povere ricostru- 
zioni degli ultimi secoli. 



1 Per citare uno dei primi in ordine cronologico, noter che il vescovo Paolo 
Brizio , buon dicitore di cose vedute quanto entusiastico accoglitore delle pi 
spropositate fandonie , nel suo abborracciato opuscolo <t Albae Pompeiae succincta 
descriptio (Aug. Taur. MDCLXI), pag. 7, ha gi questa notizia : Considerabilis 
est etiam triplicata paviinentorum ordinatio Albae subterraneae, quae frequenter 
invenitur a civibus in fuudamentis Ecclesiarnin et doinorum, tam lapiduru et ruar- 
inoruin quam bituniinum diversorum colorimi. 

Questo accade veramente tuttod. 

2 Comunemente la fondazione o una restaurazione della citt s'attribuisce al 
Magno senza forse saperne una ragione: probabilmente per la maggior magnitudine 
del personaggio. Xon manc chi risalisse a Scipione Africano, associandolo per 
con lo stesso Pompeo Magno in un'iscrizione, che fu gi rigettata da parecchi dei 
nostri antenati. 

Come saggio, dir cos, della mitologia del soggetto non mi pare inopportuno 
riferir qui testualmente anche nella sua grafia non sempre ortodossa quest' altro 
passo della ricordata operetta del Brizio , pi citata forse che conosciuta , come 
accade di questi vecchi libri dove ha larga parte la borra delle favole senza cri- 
tica; oltrech pel caso nostro pu talvolta aver pure il suo utile reale il risalire 
a questi antichi, che poterono veder la citt immune ancora dalle vicende sempre 
pi distruggitrici degli ultimi secoli : 

Alba ergo a Iani genia , primis Italiae habitatoribus, condita , a Liguribus 
Phaetuntis iliis alimentis, custodibus et populis aucta, ab Aegiptiis temporibus 
Abrahae et Saulis ac Davidis cultoribus. sacrificiis et idolis munita, a Senonibus 
sub Brenno duce Gallorum insiguibus ornata , a Troianis et Latinorum Kegihus 
munitionibus, armis et praesidiis provisa, a Carthaginensibus amicis sub Annibale, 
ruartis furore et Taurinorum destructore, commendata, a Roman is tandem Consu- 
libus expuguata et a Pompeo Magno, Strabonis filio, mitris et propugnaculis fortiter 
cincta , in tantam potentiam et existirnationem Keipublicae extitit contra omnes 
Aquilouarium nationum ictus , ut Pompeius Magnus Albani Pompeiani a suo nomiue 



184 V. EUSEBIO. tARTE t. 



Un solo quasi ignoto e pi che modesto scrittore mostra d'aver 
osservato in qualche pezzo delle mura certe caratteristiche di costru- 
zione, che rispondono ad alcune di quelle che fra poco descriveremo. 
Fra i manoscritti raccolti nella Biblioteca civica d'Alba uno ne osservai, 
se originale o copia non potrei dire (segnatura II, V, 7), intitolato : 
Notizie della Citt d'Alba ricavate dal signor Nodaro Domenico San- 
soldo di Levaldigi, Segretaro dell'Intendenza nell'anno 1760 . Le no- 
tizie sono d'indole statistica, demografica, economica, ecc., ma le pre- 
cede un po' di preambolo storico, dal quale riproduco nella sua forma 
un tantino sgrammaticata questo passo : 

Li monumenti da quali si desume la sua antichit sono : 1. Le 
antichissime mura da cui trovasi circondata, quali in parte sono state ro- 
vinate dal detto fiume Tanaro, e dal vedersi (sic) molte d'esse costrutte 
di solo bittume composto di picciolissime pietre impastate con calce 
ed altri ingredienti d'una sodezza tale che arte non pu distruggerle 
salvo col ridurle in ben minuti frantumi o con mine rovesciarle cos 
intere sul suolo. 2. Da dodeci torri di considerabile altezza, ecc. . 

Fatta riserva per ora sull'estrema piccolezza delle pietre dell'im- 
pasto, la descrizione presenta particolari che, come dissi, dovremo noi 



denoruinaverit et coloniam Romauornm sub rege Cottio, Alpium et Italorum Mar- 
cinone ac Tatirinorum domino, coinmeudaverit, et Iulius Caesar Augustns au. ante 
Cristum natimi 34 privilegiis et civitate Romana cum proprio Magistrata perpetuo 
decoraverit (pag. 3). 

A pag. 11 viene una larga ripresa del discorso , da cui pel soggetto nostro 
estraggo queste linee: 

Confluentibus igitur inquiliuis mixtisqne cum Liguribus Dardaniae populis, 
in elegantiorem formam Alba excrevit, iamque non exulum niapalia, uon profugo- 
rum domicilia, sed perfectae Urbis species referebatur, quae vallo primum et aggere 
ex terra congesto munita, mox digna visa est quam Pompeius compescendis Barba- 
rorum incursibus accommodatam iudicaret , validissimorumque moenium ambitu, cir- 
cumvallaret, unde et Albae Pompeiae cognomen accepit . 

Che questa s chiara veduta di magnifica cinta urbana non fosse allo scrit- 
tore suggerita od appoggiata da alcun materiale avanzo ch'egli avesse riconosciuto 
nella citt del suo tempo s'argomenta dali'affermare eh' egli fa altrove [SerapMca 
8ubalpinae D. Thomae provinciae monumenta. Taurini, MDCXXXXVII, pag. 182): 
Afurorum ambitus , olim longe amplior quam nunc cernitur , proximos etiam colles 
occupabat ; donde appare eh' egli errava lontano dietro fantasie iperboleggiatiti 
senza nulla sospettare nelle vere mura che aveva sott'ocebi 

Non alieno dal luogo l'accennare come nella grande aula consigliare del Pa- 
lazzo municipale un quadro di non cattiva mano, che fa da sovrapporta all'ingresso 
dell' Archivio , rappresenti Pompeo che sta dirigendo l'edificazione della citt e 
specialmente la costruzione delle mura , dietro le quali gi spiccano giganteschi 
torrioni, palazzi, ecc. 



parte i. Le mura rodane d'alba pompeia. 185 

stessi ripetere, e la frase molte d'esse, bench non troppo feliee, 
sembra faccia intendere che l'osservatore scorgeva diversit fra tratti 
pi antichi e ricostruzioni posteriori. Ad ogni modo l'associar tosto, 
com'egli fa, nella stessa dimostrazione le dodici torri medievali lascia 
facilmente credere ch'egli non vedesse in quei resti di mura la spe- 
ciale pertinenza alla romanit, ma tutto confondesse in una sola vaga 
antichit, la (piale contenesse le origini tanto di quelle mura quanto di 
quelle torri l . 

III. 

Comunque sia del passato , fatto che al tempo nostro parlare 
delle mura romane di questa citt non era che proporre una ragio- 
nevole ipotesi. Dovevano esserci state, ma la citt traverso invasioni 
Langobardiche e Saraceniche, lotte comunali, guerre di signorie indi- 
gene e straniere aveva subito tante, spesso sistematiche, distruzioni, 
da non esser meraviglia se nessuna traccia pi sorvivesse di quanto 
aveva formato l'Alba romana \ 

Qualche anno fa, quando mi accinsi a preparare, se non un Mu- 
seo , un ricettacolo di salvamento per le reliquie storiche del mio 
paese, e perci ad esplorare in generale quanto ancor rimanesse nella 
citt che potesse ricordare i suoi secoli pi antichi, mi diede all'oc- 
chio un rudere sporgente irregolarmente dal muro esterno delle vec- 



1 Non si fa torto al buou notaio pensando che quel elisegli aveva osservato 
fosse pure al suo tempo osservato da altri anche forse pi intendenti di lui: dalla 
forma del suo discorso pare anzi ch'egli alleghi cosa notoria. Ora egli era a un 
dipresso contemporaneo del Vernazza, che , nato nei 17-15, nel 1760 con precoce 
intelligenza ed applicazione gi s'occupava dell'antica storia della sua citt. Sa- 
rebbe pi che naturale che in qualche punto a me sfuggito delle sue opere (ri- 
maste in gran parte manoscritte e sparse in biblioteche diverse) vi fosse accenno, 
sia pur fuggitivo, ad avanzi da lui riconosciuti delle mura d'Alba Pompeia. 

2 Poich ci occorso di citare il Brizio nella facondia de' suoi sogni, lasciamolo 
ancora parlare quando efficacemente riassume fatti veri : Unns tot decora abo- 
lere potuit Martis furor, quem adeo saevuni experta est. ut liane crebrius quaru 
ceteras Italiae urbes obsideri, oppugnali, capi, diripi. dirai, instaurari contigerit: 
et, ne excidiis, quae sub barbaris olim nationibus passa est, recensendis iminore- 
mur , tertiam eius expugnationem oppugnante Sabaudo vix tria uostrae aetatis 
lustra conspexerunt . L'ultima ardita allusione spetta ai tre assalti dati da Carlo 
Emanuele I negli anni 1613, 1617, 1628. 

Ma anche nei secoli seguenti si sa che non cessarono le cagioni di rovine vio- 
lente o meditate. E dalle stesse parole del Sausoldo, che scriveva 130 anni dopo 
l'annessione a Casa Savoia, s'argomenta lavoro di mine e di pazienti demolizioni 
avvenute, pare, sotto i suoi occhi. 



186 



F. EUSEBIO. 



PARTE I. 



chic scuderie del Palazzo episcopale, rudere di costruzione affatto di- 
versa da quella del muro, il quale era stato impiantato trasversalmente 
sopr'esso , rispettando e prendendo anzi negli utili quel che troppo 
avrebbe costato radere al suolo. 




iC 



Presento nella figura 29 una pianta topografica dell*odierna citt, 
dove all'estremit nord del Palazzo vescovile (verso piazza CherascaJ 



Parte t. 



LE MURA ROMANE IV ALBA POMPEIA. 



18? 



il lettore ravviser alla meglio la posizione del rudere suddetto. La 
fig. 30 rappresenta fotograficamente il rudere medesimo '. 




Fig. 30. 

In quel rudere io riconobbi da' due lati i grossi mattoni del ge- 
nere elie Plinio chiama lydion (cm. 45x30, cio sesquipedali in lun- 
ghezza, pedali in larghezza), i quali formavano rivestimento a un ri- 
pieno fortissimo di ciottoli e ealee attraversato ad intervalli di circa 
cm. 00 (due piedi romani) da doppio strato di simili mattoni , che 
legavano l'insieme in ufficio di diatoni. Era V emplecton greco-romano. 
Di sotto appariva, messo allo scoperto da vecchi sterri, buon tratto 
del fondamento in puro calcestruzzo simile a quello della fartura. Lo 
spessore al livello immediatamente superiore al fondamento era di 
in. 2,40, pari ad otto piedi romani. Di l in su, alle distanze sud- 
dette di circa sessanta centimetri notavausi lievi riseghe, che da sette 
diminuivano lino a due centimetri di larghezza. 



1 Questa fotografia e quelle dei miai. 32 , 33 e 38 soli dovute alla genti- 
lezza del Conte Raffaele Seruagiotto, Prof, nella R. Scuola enotecnica alhese , il 
quale pazieutemcnte coadiuva questi miei lavori coi migliori mezzi di quell'arte, 
oramai s utile agli scienziati, nella quale maestro. 



Ig8 fc. EUSEBIO. fcARTE 1. 



Osservata, oltre la posizione in vero punto periferico della citt, 
anche la direzione ben rispondente a quella d'un tratto ancora super- 
stite , a breve distanza verso mezzanotte , della cinta creduta pura- 
mente medievale o posteriore , considerai quel rudere come reliquia 
indubitabile delle mura romane della citt. Siccome avremo occasione 
di rimenzionarlo spesso, per brevit di discorso lo designeremo con E. 
Cos lo trova il lettore indicato nella citata pianta della citt. 

Dopo la scoperta, dir cos, di quel bandolo, fatte le opportune 
indagini, venni a sapere che tutto un viale percorrente in lunghezza 
il giardino vescovile in direzione analoga a quella di E verso mezzod 
(piegando alquanto verso ovest) ha per sustrato un grossissimo muro 
di struttura simigliante alla suddetta. Esso continua poi sotto il suolo 
dell'attiguo giardino del Seminario, dove per abbassarlo quando ancora 
emergeva si dovette ricorrere alle mine. Indi percorre visibile sotto 
forma d' aggere o rialto allungato il successivo giardino del Eitiro 
della Provvidenza. 

Non sarebbe neppur d'uopo di verificazioni a mezzo di scavi per 
concludere che s'abbia l coperto un altro lungo tratto, rappresentato 
almeno dalle fondamenta , delle mura romane. Posso aggiungere a 
buon conto che 1' intero atrio del Palazzo episcopale pavimentato 
di mattoni romani del genere sopraccennato, frutto certamente della 
demolizione dell'antica cinta urbana, sulla quale e traverso la quale 
il Palazzo fu edificato. Nel tratto che dissi spianato nel giardino del Se- 
minario si trovarono i mattoni romani di legamento. Uguali mattoni ri- 
conobbi in una scaletta del giardino del Ritiro, vicina n\Y aggere sud- 
detto: e uguali del resto in iscale d'altre case che continuano l'abitato 
periferico in direzione di sud-ovest e ponente. Nei cortili e giardini di 
queste si possono seguitare, ancora pi o meno elevati sopra il suolo, 
i resti delle mura d'et relativamente vicine, le quali dovettero rico- 
struirsi sulle radici della cinta romana, di cui quei mattoni sono, per 
cos dire, mantissa. 

La lunghezza complessiva di tutti questi tratti si pu calcolare 
a circa mezzo chilometro. Nella pianta topografica (figura 29) la do 
punteggiata minutamente in nero pi carico. 

Se pei lati a sud e sud-ovest del rudere E la certezza data da 
sicure informazioni gi afforzate in ogni punto da materiali riscontri, 
liei lati che vanno nel verso opposto se n' acquista con 1' occhio la 
veduta diretta e patente. 

Al nord della citt campeggia ancora nel cielo un pezzo di quella 
cinta, che soffr gli assalti di Carlo Emanuele. Dal basso della ripida 
scarpa 1' occhio non prevenuto nulla sospetta di varia costruzione, 



PARTE I. LE MURA ROMANE INALBA POMPEIA. 189 

tanto pi che fino a certa altezza il muro per lo pi rivestito di 
rigogliosa vegetazione parassita. Dopoch lo scampolo 1! mi pose sul- 
l'avviso, m'arrampicai un giorno sino al piede di quel muro, e fra i 
rovi e le ortiche trovai che fino a un livello medio d' un metro e 
mezzo dal suolo era tutto ancora costruzione romana. Nella pianta 
topografica lo si vede tratteggiato in nero carico sotto la lettera P. 
Esso misura in lunghezza pressapoco 00 metri. Per ragione speciale, di 
cui si dir fra poco, unisco pure di questa parte perimetrale della citt 
un quadro planimetrico (fig. 31), nel quale una porzione di quel tratto 
di mura riappare sotto la stessa designazione. 

La fig. 32 ne rappresenta la testa verso ponente, dov' facilmente 
visibile il divario tra la zona inferiore coi caratteri dell' emplecton 
(spoglio quasi in tutto del rivestimento laterizio) e la sopracostru- 
zione posteriore. 

Dopo un'interruzione di circa m. 33, dove il muro dovette, non 
sappiam quando n perch, esser demolito pi radicalmente (cfr. ad 
es. pi sopra nella memoria del Sansoldo : quali in parte sono state 
rovinate dal detto filone Tanaro ), torna ad emergerne, sempre sulla 
stessa direzione e con gli stessi caratteri , un tratto di circa m. 20; ai 
quali se ne possono aggiungere altri 40 mascherati ora dalla nuova 
fabbrica dell'Ospedale Cottolengo. Li tutto si pu considerare sotto F 
una linea d'un 160 metri. 

Dalla parte di levante queste medesimo tratte s'incontra ad an- 
golo ottuso con un altro volgente a sud-est (segnato E nella nostra 
planimetria), al quale era finora, ed ancora in parte, addossata allo 
esterno una mezzaluna famosa, che nel 1(517 Monferrini e Spaglinoli 
eressero a difesa contro forze riunite del Duca di Savoia e della Fran- 
cia i . Della pianta di questa mezzaluna conservata una parte nel 
rilievo planimetrico. Il tratto misura pressapoco 2<S metri. 

Diretta continuazione di E , astrazion fatta la un breve taglio 
recentissimo , che pur si vede nel quadro , e li cui parleremo , il 
tratto C, il quale prosegue sulla stessa linea per circa m. 1 '.H>. diven- 
tando a un certo punto sostegno d'un muro li casa particolare, e ter- 
minando poi (per mozzatura di tempi vicini) a distanza d' una sessan- 
tina di metri dal rudere E, nostro punt> di partenza. 

Per tutta quest'altra lunghezza li 218 metri resta inteso che si 
verifica, or pi in alto or pi in basso, il gi notato passaggio dalla 



1 V. Relatione dell'impresa della citt d'Alba Pompea , fatta dal serenissimo Si- 
gnor Duca di Savoia dalli vinti due di febraro sino alli sei di marzo 1617. Torino, 
appresso Luigi Pizzaniiglio stampatore ducale, MDCXVII. 



190 



V. EUSEBIO. 



PARTE I. 



costruzione romana alla moderna. Anche la linea K-f-0 tratteggiata 
in nero denso nella pianta topografica* 




PARTE I. 



LE MURA. ROMANE D'ALBA ROMPEIA. 



191 




Fis. 32. 



IV. 



Fino a questi ultimi tempi il tratto E aveva esso pure servito 
d'appoggio a un muro di vecchia casa, clic, dalla famiglia dei Conti 
Doglio passata via via ad altri proprietari, fu tre anni fa acquistata 
con gli ampi terreni annessi dal Capitolo della Cattedrale, che vi so- 
stitu un vasto fabbricato ad uso di ricreatorio per la giovent sotto 
titolo (V Oratorio di 8. Secondo. 

Prima che la vecchia casa fosse abbattuta io avevo osservato che 
le sue scale ed alcuni pavimenti erano in tutto formati di mattoni 
romani del genere pi volte menzionato: ed avevo facilmente suppo- 
sto ch'essi rappresentassero una sottrazione fatta per una o per altra 



192 F. EUSEBIO. PAltTE I. 

causa al tempo della fabbrica dal pezzo di unno romano , sii eui la 
casa veniva eretta. Smozzicamenti del resto seguirono a spilluzzico firn 
agli ultimi tempi (come avvenne in tanti altri luoghi per monumenti di 
primaria importanza storica ed artistica). Persona che abit a lungo 
in quella casa mi raccontava che ogni qual volta nella scala o in al- 
tre parti dell'edifcio occorresse materiale per riparazioni, il proprie- 
tario vi provvedeva con un nuovo sgretolamento del bastione , che 
chiudeva da un lato il cortile. 

Il simile va inteso una volta tanto per quasi tutti gli avanzi murarii 
dove l'occhio un po' pratico riconosca i caratteri della fartura romana 
senza il rivestimento in laterizio; e segnatamente nel caso nostro per 
tutti quelli che si trovano (per lo pi sotterra, in cantine) sulla linea 
periferica della citt, i quali rappresentano altrettanti tratti delle an- 
tiche mura spogliate dei grandi e bei mattoni che ne formavano le 
orthostatae, e che in parte sparirono in fondamenta delle nuove case, 
in parte si vedono tuttora qua e l in pavimenti, soglie d'usci, scale, 
coperture di davanzali, cornicioni, ecc.. 

Altra materia d'osservazione m'aveva data la parte inferiore di 
quella casa, la qual parte, restando sotterranea da tre lati, dal quarto 
(verso mezzod) faceva fronte sopra una strada incavata nel terreno e 
discendente verso una porta aperta nel muro di cinta, la quale dava 
adito al prato esteriore e al corso di circonvallazione. 

Si componeva essa parte di due lunghi androni o gallerie , che 
all'interno si rivelavano fabbricate in tutto di pietre piatte alternate 
uniformemente di 00 in 00 centimetri, anche nella volta, con duplici 
strati dei soliti mattoni romani ad uso di legamento. Si noti nella 
misura delle suddette equidistanze la rispondenza, gi osservata per 
le mura, alla dimensione di due piedi romani. 

Si trattava dunque d'un edilzio coetaneo del muro E , il quale 
anzi ne faceva parte integrante. Lo si vede rappresentato nel dise- 
gno planimetrico sotto le lettere A e E, dov' fatta assoluta astra- 
zione dal nuovo fabbricato dell'Oratorio, nel quale l'antico resta ora 
incorporato e nascosto l . 

L'intercapedine, o meglio intaccatura interna, che si vede segnata 
nel muro E, dev'essere opera di tempi posteriori, in cui probabilmente 
si trov utile aprirvi un passaggio abbreviativo e forse segreto in 



1 II rilievo planimetrico dovuto alla squisita cortesia dell' impresario co- 
struttore, Sig. Luigi Gandolla, il quale in tutto ci ch'era a lui possibile agevol 
questo punto del mio studio. Il rilievo fu poi fotografato dal cortese amico Can. c0 
Ferruccio Boella , a cui debbo pure le fotografe dei nuui. 1 34, 35, 36, 37. 



parte i. 



LE MURA ROMANE p'AUU POMREIA. 



193 



servizio della difesa della porta e della mezzaluna. L' angusto vano 
era infatti occupato da una scaletta, che metteva al piano superiore. 

Se per un rispetto da dolere che l'impianto del nuovo fabbri- 
cato abbia dovuto cagionare l'estirpamento d'una porzione del tratto C 
delle mura e uno stronco frontale ad una delle gallerie (A), se ne ebbe 
d'altro lato il compenso di poter pi particolareggiatamente studiare 
la composizione tanto d'esse mura quanto dell'annesso ediflzio. 

Nella lunghezza compresa sotto C la lettera D distingue un tratto 
del muro, a cui prima dei nuovi lavori era appoggiato all'interno un 
fabbricato secondario in servizio della vecchia casa: D e l) 1 insieme se- 
gnano la porzione finora soppressa per fare spazio attorno al nuovo 
edilzio , la quale risponde pressapoco a una lunghezza di m. 2G,30: 
D u altra porzione di m. 9,70 destinata alla stessa sorte e gi sgom- 
brata anch'essa dalla scarpa in modo che mostra scoperto dall'imo il 
fondamento. quella che giunsi in tempo a far fotografare , e eh' 
rappresentata dalla figura 33. In tutto circa in. 3G. 




Fig. 33. 



11 fondamento composto di ciottoloni del Tanaro e di tal tem- 
pra di calce che spesso la mina spacca la pietra, non la parte colle- 

13 



194 



F. EUSEBIO, 



PAUTE I. 



gante. Dalla massa gettata alla rinfusa si distingue in fondo uno 
strato sistematico di ciottoloni maggiori, di grandezza uniforme. 

Sopra tale calcestruzzo, che misura in altezza circa m. 1,20, po- 
sano a legamento due strati dei gi descritti mattoni, formanti uno 
spessore di cm. 17 a un dipresso. Ne risulta per la base destinata a 
restare entro terra una profondit alPincirea di m. 1,37. La larghezza 
di questa base al punto del suddetto legamento, cio lo spessore ini- 
ziale del muro , , come in E, di m. 2,40, rispondenti ad otto jnedi 
romani. 

La composizione del muro nella parte destinata ad emergere ri- 
sponde parimenti a quella che gi occorse descrivere pel rudere E. 
Il suo tipo pu ricostruirsi nel seguente abbozzo di sezione trasver- 
sale (%. 34), 




-^p^^^^r^S^-' 



Fig. 84. 



PARTE I. 



LE MURA ROMANE d'aLBA POMPEIA. 



19t 



Generalmente vi predomina il ciottolo piuttosto grosso, ma non 
vi mancano conglomerati li ghiaia pi minuta ; e si comprende che 
per s vasta opera non si potesse fare nel vicino greto una scelta 
troppo rigorosa n costantemente ugnale. Ci pu spiegare la piccio- 
lezza attribuita , come vedemmo , alle pietre dell' impasto dal notaio 
Sansoldo, il (piale pot imbattersi a veder la demolizione di qualche 
tratto, in cui gli antichi costruttori, sfiorato ormai il greto dei sassi 
di media grossezza, si fossero contentati della ghiaia minore. 

Nel rudere 11, alto in tutto circa 4 metri, il rivestimento in mat- 
toni giunge ancora dal lato interno (a destra dello spettatore nella 
figura) alquanto di sopra della terza risega. Non si pu sapere se di 
l in su le riseghe uniformemente continuassero (bench paia proba- 
bile), n a quale altezza il muro completo giungesse; poich in nessun 
punto esso conserva la sua integrit. 

Lungo il tratto C (e analogamente lungo E, F, ecc.) di sopra alla 
linea, da cui il muro doveva a suo tempo sorgere in aperto, il suolo 
interno ora elevato in modo da nascondere esso muro fino a un'al- 
tezza di m, 2 ? 04 \ 




Fu 



: In generale il piano della citt romana si trova ora secondo diversi punti 
a profondit da ni. 2,30 a m. 3 e oltre. 



196 F. EUSEBIO. PARTE I. 

Presento nella figura 35 due esemplari dei mattoni ricavati dal 
tratto D-f-D 1 , i quali (come parecchi compagni) portano impressi a punta 
di dito prima della cottura, oltre un solito segno convenzionale presso 
Torlo d'un dei capi, due numeri (CLXX e CCXXVII) indicanti certa- 
mente quanti di simili mattoni avesse fatto o dovesse fare il servus 
figulus. Nessuno finora ne trovai con sigillo di fabbrica: posso per dire 
che un frammento di tegola proveniente dall'edilizio A-B reca bollo con 

questa dicitura P.Q.\2L( ) , la quale , bench monca in fine , si 

vede rispondere a quella che gi menzionammo come trovata in altri 
punti del sottosuolo: P.Q. \iLERIEIS . In altro frammento, andato 

smarrito prima ch'io potessi vederlo, s'era letto ETIVS ; ora 

in parecchi esemplari raccolti da pi punti de' dintorni compare asso- 
ciato al nome dei Valerieis quello d' un MOGETIVS , probabilmente 
officinator o conduetor delle figMnae. Se ne pu argomentare quasi con 
sicurezza che la costruzione dell'edilzio e delle mura, a cui era connesso, 
risalga all'et arcaica, rappresentata dalla finale in es del nominativo 
plurale della seconda (V. sopra, pag. 180-81). 

Y. 

Sar bene ora dir qualcosa in particolare dell' edilzio A-B , di 
cui do la sezione trasversale nell'angolo sinistro del quadro planime- 
trico (tg. 3 bis). 

I vani interni delle due gallerie hanno una lunghezza di m. 25,20. 
I loro ingressi son fiancheggiati da stipiti dello spessore di m. 1,20. 
In larghezza non sono tra loro perfettamente uguali, misurando Vil- 
na (A) m. 3,60, 1' altra (B) m. 3,70. Delle due linee orizzontali, che 
nel disegno le attraversano, la superiore rappresenta l'antico suolo, dal 
quale sino al colmo dell' arco l'altezza era di circa m. 3,30. Si noti 
come queste cifre rappresentino sempre a un dipresso multipli del piede 
romano. 

II terreno ora asportato sino alla profondit segnata dalla oriz- 
zontale inferiore, cio fin quasi all'ima radice dei muri (altezza in. 1,40) 
diede una quantit infinita di cocci d'anfore, cadi, olle, ecc.; cosa del 
resto eh' da ripetere pel terreno circostante, da cui vennero pure sei 
frammentini di lapidi romane fra loro diverse i . 

Del modo con cui sono costrutti i muri di queste gallerie gi toc- 



1 Di questi, come di parecchi sigilli e grafiti dei vasi, dir di proposito nel- 
l'annunciato mio studio sulla Epigrafia romana inedita d'Alba Pompeia, 



PARTE I. 



LE MURA ROMANE D'ALBA POMPEIA. 



197 



camino di sopra. Nessun rivestimento in laterizio; perci non massa 
di ciottoli a rinfusa con calce , ma pietre piatte scelte e -con cura di- 





Fig. 3(5. 



sposte. Analoga tuttavia sempre la composizione e la distribuzione 
dei legamenti. 

Nell'interno delle volte ap- 
parvero pure adoperati non 
pochi pezzi d'un conglome- 
rato calcare spugnoso di ge- 
nere stalattitico , dei quali 
presento due esemplari nella 
flg. 36. 

11 ripieno di rinftanco e li 
spianamento d' esse volte , 
(altezza m. 0,60) era di grosso 
e tortissimo calcestruzzo. 

Questo piano era poi inte- 
ramente coperto anzitutto <l;i 
uno strato di tegoloni fra 
loro ben riuniti e cementati, 
di cui quasi nessuno pot 
levarsi intero. Ad uno dei 
loro frammenti spetta il bollo 
teste accennato. 

A questa copertura ne suc- 
cedeva un' altra di mirabili 
quadroni hipedali (cui. (io per 
lato) , di cui offre un esem- 
pio la flg. 37. Son le bipedae 
di Palladio, che citeremo qui 
sotto. 




198 



E. EUSEBIO. 



PARTE I. 



Su tale strato era ancora disteso un battuto ben compatto di late- 
rizio pesto "e di calce, dello spessore di cni. 15. l . 

Tutta questa serie di sovrapposizioni formava complessivamente 
sulla volta uno spessore di (piasi un metro. 

Finalmente sopra il pavimentum testaceum gravavano ancora, non 
pu dirsi se <(b antico o da tempo pi vicino, m. 1,10 di terra, che 
nel disegno non sono pi rappresentati. 




Fig, 38. 



La fig. 38 coglie l' edilizio in un momento in cui la parte ante- 
riore della galleria A era gi abbattuta per far luogo ad una scala, 
e lasciava perci in vista la sezione della volta; mentre la galleria B 
mostrava ancora nella fronte gli avanzi dell'intonaco, che l'aveva ma- 
scherata nell'et recente. Il monticello che le si scorge aderente a de- 
stra rappresenta il terrapieno della menzionata mezzaluna. 



1 Cfr. Pallad., De re rustica I. 19,1 (ove parla della costruzione dell' horreum): 

providenduni strueturae diligentia ne rimis possit abrumpi. Soluin igitur 

omne bipedis sternatur vel miuoribus laterculis, quos suffuso testaceo pavimento debe- 
mus imprimere . 

E pi avanti (ivi , 40 , 2) , parlando della costruzione delle suspensurae: 

Super has pilas bipedae constituautur biuae in aitimi atque Jds superfundantur 

testacea pavimenta; et tunc, si copia est, marinora collocentur , 



PARTE I. LE MURA ROMANE D'ALBA POMPEIA. 199 

A che aveva servito quest'edilzio 

Per rispondere a tale quesito almeno con un' ipotesi credo con- 
venga tener conto della porta, che nel disegno planimetrico si vede 
segnata nell'intervallo fra E e 1). Questa porta, ora scomparsa per 
le ultime demolizioni, appariva aperta in breccia nella cinta urbana, 
e, originale o alterata nella forma, rappresentava forse quella per cui 
nel 10 17 fu fatta una felice sortita contro le milizie di Savoia e di 
Francia. La necessit di difendere questa porta e di proteggere ap- 
punto le sortite entra forse in gran parte a spiegare l'erezione della 
attigua mezzaluna , mentre le gallerie Ali col fabbricato allora so- 
prastante servivano, come si sa per certo, di deposito per munizioni 
e di sede per una parte della guarnigione preposta alla custodia del 
punto importante. Infatti l'insiem^dell'editizio si chiam finora tradi- 
zionalmente Quartiere vecchio nel senso di caserma. 

Mi sembra ovvio supporre che 1' edilzio romano fosse destinato 
ad analogo ufficio; e se l'ampia porta del tempo odierno si mostrava, 
come dissi , tagliata in breccia nel muro antico in modo da potersi 
credere aperta in tempi posteriori, nulla toglie di pensare che al tempo 
della costruzione romana si lasciasse ivi benissimo una porta, ma di 
minori dimensioni (anche pi congrue con lo scopo e con l'antica con- 
suetudine) -, dove opportunit posteriori, fors'anche gi dei tempi in 
cui il tutto era diventato propriet privata, avrebbero cagionato il gros- 
solano ampliamento per via di smozzicature laterali e superiori, nel 
quale naturalmente sarebbero scomparsi i profili della porticciuola 
primitiva. Nulla del resto di pi consentaneo con la natura del sito 
che il credere qui eretto fin dall'inizio un posto di guardia per le mura 
ad un tempo di levante e di mezzanotte. 

VI. 

Chiuder con dire che anche delle mura di nord-ovest e di po- 
nente ho gi riconosciuti avanzi sotterranei, e clic dal tutt' insieme, 
come del resto basterebbero a dimostrare i tratti fin qui descritti, s'ar- 
guisce che il perimetro della citt romana era gi poligonale e con- 
forme a un dipresso a (niello Iella citt odierna. Non mi trattengo 
per ora su induzioni che si potrebbero fare da questa configurazione 
riguardo alla preesistenza dell'abitato indigeno (cfr. pag. ISO). 

Di questo perimetro la parte da noi sbozzata alla meglio la 
met (piuttosto pi. che meno), che si svolge a levante dell'asse me- 
diano Iella citt, rappresentato dalle vie Vittorio Emanuele II e Ver- 
nazza. La prima si chiam lino agli ultimi tempi e continua a chia- 



O E. EUSEBIO. tARfE t. 

marsi popolarmente via principale o maestra ; 1' altra, prima di certi 
spostamenti nelle linee della fabbricazione avvenuti in et varie rela- 
tivamente vicine, appariva meglio die al presente mera continuazione 
di essa principale cos da potersi entrambe considerare come un'unica 
via orientata da mezzogiorno a mezzanotte e terminante alle due porte, 
ora scomparse, ma delle quali rimangono ancora in uso i nomi tradi- 
zionali di Porta 8. Martino rispettivamente e Porta Tanaro, con la sola 
differenza che la seconda denominazione per un traslocamene del pas- 
saggio sul fiume s' trasferita da meno forse d'un secolo verso nord- 
ovest, essendo ivi stato aperto nelle mura un nuovo sbocco rispon- 
dente al nuovo passaggio , agevolato dal 1847 in poi da magnifico 
ponte x . Nella pianta odierna risponde al nuovo sbocco Piazza Gari- 
haliti; ma nelle piante della citt del seicento e del settecento, e an- 
cora in una d' alquanto posteriore all' et napoleonica , che pur gi 
presenta il nuovo taglio nelle mura, le due porte sono regolarmente 
segnate alle due estremit di quell' unica via mediana , la quale in 
antico dovett'essere appunto la via principale AlYoppidum. L'odierna 
Porta 2 Cheranca (nei secoli passati Porta del Soccorso) deve rappresen- 
tarne ancora la porta orientale, destinata alle comunicazioni con l'agro 
Statiellate. Sulla porta occidentale, di cui ho cenni per ora dubbi, e 
che del resto poteva esser resa inutile dall'impetuoso fiume radente 
spesso le mura 3 , non oso nulla pronunziare senza maggiori frutti 
d'esplorazioni sotterranee. 



i Alla stessa, porta del Taiiaro deve riferirsi il nome di Porta Mediolanensis , 
che trovo sopra una lapide del 1294 destinata indubbiamente a figurare sul suo 
frontone. La cosa si spiega benissimo con le molte relazioni che Alba medievale 
ebbe con Milano, da cui prese pai ecchi Podest e Capitani, e alla cui Archidio- 
cesi apparteneva il suo Vescovato. 

2 Qui pure il nome di Porta torna usualmente nella comune parlata, bench 
da tempo, tagliate anche qui le mura, vi sia sostituita una piazza aperta, sul cui 
lato meridionale sporge il rudere R. 

3 Tale esso appar sempre nelle suddette piante topografiche, e tale si mante- 
neva ancora nella prima parte del secolo decimonono. 

Genova e Alba, 

Federico Eusebio. 



URSEIUS FEROX. 



Le notizie che le fonti ci porgono su questo giurista sono scar- 
sissime e tali che non permettono di stabilire con molta precisione 
ne l'et in cui visse, ne molto meno le vicende della sua vita. 

Egli conosciuto come autore di un'opera che costitu l'oggetto 
di un'altra opera giulianea, a cui V index Florentinm d per titolo: 
(iflMu ts66aQa Julianm ad JJrseium Feroeem . 

Quale sia stata l'indole di quest'ultima, la sola che i compilatori 
ebbero sott'occhio, dalla quale furono estratti i frammenti che si tro- 
vano nel Digesto, si pu anche a prescindere dall'esame diretto di 
essi determinare dai risultati netti e precisi prti dal Kieeobono, 
che sottopose a profonda e acuta analisi l'altra opera analoga di Giu- 
liano dal titolo ftiftlia | ad Minici uni l : si tratta di una rielabora- 
zione dell'opera di Urseio Feroce la quale, come si vedr, costituiva 
una collezione di responsa di Sabino , Cassio e Proculo arricchita 
di notac , e di nuovi responsi appartenenti al fortunato autore del- 
Yordinatio cdicti. 

Per determinare con sufficiente approssimazione l'et in cui Urseio 
visse, costituiscono un prezioso materiale le citazioni dei giureconsulti, 
che si trovano nei frammenti pervenutici dei filftlia xaQa, e che 
senza dubbio, concordemente, sono attribuite al testo originale di Urseio: 
libro X Urseius refert Sabinum respondisse [Collatio 11', 7, 0] 
Sabinus dicebat utile mini... [fr. .">*.> I). XXIV, 3 Jul. lib. II ad Urs.] 
negat furi deberi Sabinus [fr. 14 I). XLV, .'> .Jul. lib. Ili ad Urs.] 
et ita Proculum existimasse Urseius refert [fr. 27 1 D. II , 2 ri- 
piano lib. XVIII ad Ed.] 
Proculus respondit [fr. 48 1, 1). XXIII, :\ .lui. lib. II ad Urs.] 
Apud Feroeem Proculus ait [fr. 11 2 I). XXXIX. :> Paul. 

lib. XLII ad Ed.] 
Caius Cassius respondit [fr. 10 1 1). XVI, 1 Jul. lib. IV ad Urs.] 
Cassius respondit [fr. 104 1 I>. XXX, Jul. lib. I ad Urs.]. 



1 Nel BuUettino dell'istituto di diritto romano, voi. Vili p. 225-278 e voi. VIIJ 
j>. 169-296. 



202 <* BAVIERA. PARTE I. 

Le forme di citazioni riferite lasciano assai verosimilmente cre- 
dere che Urseio sia stato contemporaneo di Sabino e che gli sia so- 
pravvisnto : cos pure di Procnlo e di Cassio. Di modo che si possono 
fissare come termini estremi per la vita di Urseio il principato di 
Angusto fino all'incirca a Vespasiano (79 d. Cr.). 

Qualcuno, ad es. il Ferrini [recensione al libro Salvili Julianus 
(voi. 1,1886) di Buhl in Archivio Giuridico voi. 37 p. 331] e dubi- 
tativamente per Krueger [Geschichte der Quellen ecc. p. 100], dalla 
citazione di Priscus nel fr. 21 I). XXXIX, 6 Jul. 1. 2 ad Urs. vor- 
rebbe desumere che 1' opera di Urseio sia stata scritta sotto Trajano, 
sia Nerazio o Giavoleno il giureconsulto cui il Priscus si riferi- 
rebbe. Per io credo che la congettura del Krueger, il quale attri- 
buirebbe la menzione di Prisco a Giuliano , sia da ammettere come 
pi probabile, siccome panni possa ben rilevarsi dall'esame formale 
del frammento '. 

Di quanti libri si componesse P opera di Urseio non sicuro. 
Ulpiano nel libro XVII ad Edict. [Oollatio 12, 7, 9] dice che libro X 
Urseius refert Sabinum respondisse . Gli scrittori hanno emesso varie 
ipotesi per conciliare l'indicazione dell'Indice fiorentino, che parla di 
4 libri di Giuliano ad Urseium, con la notizia dataci da Ulpiano. Si 
verifica per quest'opera qualche cosa di simile che per l'altra analoga 
di Giuliano ad Minicium , alla quale V Indice attribuisce (CfiXia $;, 
mentre lo stesso Ulpiano nel lib. XXXII ad Edictum [fr. 11 15 
D. XIX, 1] riporta un'opinione giulianea inserita libro decimo apud 
Minicium . La maniera pi semplice di risolvere la divergenza fu 
addebitare al copista un errore materiale : egli avrebbe scritto X per V. 
Cos D. Gotofredo , Aloandro , Mommsen e Krueger, op. cit. p. 161 
n. 120 : e tale correzione fu applicata senz' altro alle due citazioni 
ulpianee riferentesi alle due opere, senza per fermarsi a rilevare che, 



1 II fr. dice : Eum, qui, ut adiret hereditatem, pecuniali! accepisset, plerique, 
in quibus Priscus quoque, responderunt , mortis causa eum capere. Ora che il 
fr. stesse cos nell'opera originale di Urseio non ammissibile per chi ha sott'oc- 
chio la forma solitamente adoperata da Urseio nel riferire i responsa dei iuris 
auctores . Egli doveva enumerare per nome i varii giureconsulti rispondenti, dato 
il carattere suo di riferente e dell'opera di collezione scolastica e quasi autentica , 
come dice il Ferrini (Storia delle Fonti, p. 68), dei responsi della scuola sabiniana. 
La forma collettiva plerique responderunt piuttosto di Giuliano che , epito- 
mando il testo , agg-iivnse la citazione di Priscus quoque , per corroborare la 
decisione. Si tenga presente infatti che Giavoleno era il maestro di Giuliano, sic- 
come egli stesso dice (Dig. XL, 2, 5). 



TJRSEItTS FEROX. 203 



se per i libri | ad Minicium si presentava logicamente probabile, per 
i ftifihu TB66UQU non lo era nella stessa misura. Infatti l un quinto 
libro era possibile, e d'altra parte la citazione ulpianea si riferisce a 
un'opinione di Giuliano e quindi assai verisiniilmente alla sua elabo- 
razione e non all'opera originale di Minicio : nei libri a Urseio queste 
due circostanze, favorevoli alla correzione, mancano del tutto. 

Altre ipotesi di soluzione della divergenza sono state proposte. 
Per ci che si riferisce all' opera di Urseio da rilevare quella del 
Buhl (op. cit. p. CI) e del Karlowa (Boem. Rechtsgeschichte I p. 693). 
Il Buhl, se si ammette la esattezza della lezione, da cui egli parte, 
crederebbe possibile il riferimento a un'opera di Urseio diversa da 
quella elaborata da Giuliano; ovvero che questi abbia epitomato un'o- 
pera pi grande ricavandone un estratto in 4 libri, o che abbia in- 
terrotto il suo lavoro dopo avere annotato 4 libri. Quest'ultima ipo- 
tesi gli sembra pi verosimile non ben convenendo a un vero estratto 
Yinscriptio Julianus... ad Urseium , che senza eccezione si ha in 
tutti i 42 frammenti dell'opera pervenutici. 

Karlowa, scartando la possibilit che la citazione di Ulpiano si 
riferisse a una rielaborazione giulianea di un 1 altra opera di Urseio, 
avanza l' ipotesi che Ulpiano, se pure non poteva pi avere l'opera 
originale di Urseio, era per in grado di possedere altri antichi libri 
in cui se ne trovassero esatte citazioni. Tale congettura del Karlowa 
credo sia da accogliersi sopra tutte le altre, piuttosto che esercitare 
anche qui, come per l'opera di .Minicio, la comoda e tranquilla ars cre- 
sciendi preferita dal Riccobono, 1. e. p. 227. Non mi par' poi proba- 
bile l'ipotesi del Premer (Jurisprud. antihadriana, li, 1901, p. 172) che 
dell'opera di Giuliano in pi libri se ne sia fatta un'epitome in 4 libri, 
e precisamente quest' ultima sia pervenuta ai compilatori. 

L' epoca in cui visse Urseio coincide con quella in cui sorsero e 
si svilupparono le due famosissime scuole dei Proculiani e dei Sabi- 
niani i . Hi olire quindi spontanea la questione di determinare a 
quale delle scuole assegnarlo. Cujacio 2 , II. Pernice 3 , Voigt 4 , Kar- 



1 Siili' ortografia della parola Proculiani e sai nome collettivo lato alle due 
scuole , si cfr. il mio scritto negli Studi di diritto ecc. pubblicati in onore di 
V. Scialoja, 1905, voi. II p. 709 e sgg. 

2 Ad lib. Juliani ad Urs. praef. Opera omnia, voi. VI p. 473. 

3 Miscellanea, p. 56. 

4 Aelius n. Sabinussysteni, nelle Abhandlungen d. phil. hist. Class, der A. Stick. 
Geselhchaft d. Wissenschaften , voi. VII, 1*75 p. 352 (34 dell'estratto). 



204 G, BAVIERA. PARTE I. 

lowa ' ad es. lo dicono sabiniano , mentre lo credono proculiano Bulli 2 
e Bremer 3 . Certo non si possono negare a Urseio relazioni di appar- 
tenenza a una scuola. Io stesso, appena di volo, lo dissi sabiniano 4 . 
Per tale affermazione va qui corretta determinando il contenuto della 
sua sbinianit. 

Gli argomenti che a pr dell'una o dell'altra soluzione si pongono 
avanti hanno un carattere estrinseco , che da solo non basta a ren- 
derli decisivi. Buhl ad es. (op. cit. p. 59) dal Sabinus dicebat del fi*. 59 
XXIV, 3 lib. 2 ad Urs. desume uri rapporto personale tra Sabino e 
Urseio, e cos con Proculo dal fr. 27 1 IX, 2 TJlp. lib. 18 ad Edict.r, 
ma pi intimo col primo, di cui lo afferma scolaro. Karlowa (op. e. 
p. 695) e gli altri adducono il fatto che Urseio cita maggiormente 
Sabino e poi Cassio, pi che Proculo , e che i Sabiniani Cassio 5 e 
Giuliano rivolsero la loro attenzione alla sua opera. 

La vera soluzione su questo punto pu solo esser data dopo l'in- 
tero esame dell'opera giulianea : esame che sar minutamente esposto 
altrove, contentandomi qui di riferirne i soli risultati. I libri di Urseio 
contenevano una raccolta di responso,. Che cosa sia, tecnicamente par- 
lando, il responsum, dopo la concessione del ius respondendi introdotta 
da Augusto, qui , credo , superfluo spiegare, dovendo presupporsi 
noto G . E parimenti qui da sorvolare sullo stato della letteratura 
giuridica nell' epoca in cui Urseio scriveva. Basta rilevare come le 
raccolte dei responso, si facevano da- parte degli auditores dei singoli 
giureconsulti sin dall'epoca repubblicana e come tali collezioni data 
la natura giuridica assunta dal responsum con la concessione augustea 
divennero pi utili e necessarie, e anche, nel medesimo tempo , pi 
facili a farsi con il sorgere delle due scuole : anzi nelle scuole pre- 
sero una forma, direi, pi sistematica. La scuola sabiniana ne ebbe 
due di grande importanza : quella di Minicio e questa di Urseio che 
il Ferrini (Storia delle fonti, cap. 68) giunge perfino a chiamare col 
Voigt la collezione scolastica e quasi autentica della statio di Sabino. 
Tale carattere della raccolta miniciana fu stupendamente rilevato e 
assodato dalle acute ricerche del Eiccobono nel suo scritto pi volte 



1 Itomische lcchtigeschichle, I, p. 695. 

2 Buhl, op. cit., p. 59. 

3 Eechtalehrer u. Bvchtsschulen, p. 71. 

4 Le due scuole dei giureconsulti romani, 1898, p. 31. 

5 Se Cassio abbia fatto oggetto speciale dui suoi scritti 1' opera di Urseio 
un punto che sar trattato avanti. 

6 Cfr, Krueger, Gcschichte dtr Quelkn ecc., p. 107 e sgg. e 132 sgg. 



PARTE I. TJRSEIUS FEROX. 205 

citato. La collezione di Urseio del tutto identica nel contenuto. 
Vanno quindi .scartate le opinioni del Karlowa , che chiama il libro 
di Urseio ein kasuistisches Werk, cine Responsen-oder Quastionen- 
sammlung (op. cit. I, 694) e del Buhl, il quale afferma abbia una 
deutliche Verwandtschaft mit der Quastionenlitteratur (op. cit. p. 04) 
e del Krueger che distingue i responsi dalla trattazione di altri casi 
pratici (op. cit. p. 161). 

Giammai Urseio figura come giureconsulto rispondente : a simi- 
glianza di Minicio egli un semplice riferente. E se frammenti vi sono 
dove ci prima face sembra smentito, 1' esame critico del contenuto 
di essi lo riafferma, dimostrandosi che ci qualche volta dovuto alla 
mano alteratrice del testo dei compilatori giustinianei *, che seguirono 
lo stesso sistema anche nell'opera giulianea ad Minicium. Cfr. Eicco- 
bono e gli esempi esaurienti da lui riportati. 

Cosicch, premesso tutto ci, legittimo concludere che Feroce 
fu sabiniano , nel senso per che frequent la statio di Sabino come 
auditor e fece da riferente dei responso, dei giureconsulti di questa 
scuola Sabino e Cassio. da escludere quindi l'affermazione del Fer- 
rini, anche in via congetturale (recensione cit. p. 331), che il giovane 
Urseio avesse potuto dar responso e 1' altra del Krueger (op. cit. 
p. 1G0) che li avesse inclusi egli medesimo nella propria raccolta. 

Il numero proporzionalmente notevole di responsi di Proculo nei 
libri di Giuliano ad Urseium ha fatto affermare senz'altro che Urseio 



I Tale mia affermazione ha di bisogno del sussidio della prova. I fr. dove i 
verbi respondi e respondit, pnto, existimo sembra si riferiscano a Urseio , in realt 
hanno per soggetto Giuliano: 

fr. 32 XXVIII. 6 lib. I ad Urs. quaesitnm est... respondi 

fr. 41 pr. XVIII, 1 lib. Ili ad rs. quaesitnm est... respondi t 

fr. 28 XIX, 1, lib. Ili ad Urs. respondi 

fr. 48 XXIII, 3, lib. II ad Urs. Quaesitnm est et responsum est 

fr. 37 XII, 6, lib. Ili ad Urs. puto > 

fr. 32 XVII, 1, lib. Ili ad Urs. existimo 

fr. 104 pr. XXX respondit . 
Tali testi, ad es. il Krueger, op. cit. p. lt>0 n. Ilo", attribuirebbe, sebbene 
dubitativamente, a Urseio : e il respondit secondo lui sarebbe una sostituzione di 
respondi, dovuta a una falsa interpretazione di una abbreviazione. 

II fr. 6 $ 12 X, 3 Ulp. lib. 19 ad Edict. dove si dice : Urseius ait. cum in 
communi aediicio vicinus nuntiavit ne quid operis fierit , si unus ex sociis ex hac 
causa damnatus fuisset , posse eam poenam a socio pr parte servare. Julianus 
autem recte notat ecc. . Al posto di Urseio doveva esservi il nome di un altro 
giureconsulto : e io credo che questo sia Cassio per ragioni che altrove ampia- 
mente esporr. 



206 G. BAVIERA. PARTE I. 

abbia avuto lo scopo di raccogliere oltre a quelli di Sabino e Cassio 
anche gli altri responsi di Proculo, e che la sua opera originale sia 
una collezione dei responsi dei tre nominati iurte auctores. 

Il concetto di appartenenza alla scuola sabiniana e il fatto di 
essere stato auditor in questa statio avrebbe dovuto render cauti 
nel venire a tale conclusione. Gli auditores di una scuola raccoglie- 
vano i responso, dei praeceptores della statio cui appartenevano e non 
potevano prefiggersi delle collezioni, dir , miste. Quindi son di av- 
viso che un altro concetto bisogna portare sul fatto che molti re- 
sponsi di Proculo si trovano nei libri di Giuliano si noti bene 
ad Urseium. 

Io non affermer senz'altro che la spiegazione pi naturale e logica 
sia di attribuirli a Giuliano che, rielaborando e annotando l'opera di 
Feroce, ve li incluse insieme coi suoi. Se ci possibile credere e dimo- 
strare per una serie di responsi di Proculo, non lo per tutte le cita- 
zioni di questo giureconsulto che possono attribuirsi a Urseio. Ci non 
toglie per valore alla probabilit della mia affermazione. Urseio aveva 
maniera di citare e riferire responsi di Proculo a proposito di altri 
di Sabino e Cassio, che sostenevano soluzioni diverse in altri responsi, 
e occasionalmente a questi. Xella statio sabiniana si discutevano le 
dottrine della diversa scuola e le decisioni , a volta differenti a 
quelle date dai praeceptores sabiniani. Urseio nel riferire i responsa 
di Sabino e Cassio citava, attraverso a essi e per occasione di essi, 
gli altri di Proculo : e cos si trovavano nella sua opera. Giuliano li 
accrebbe di numero , dato lo scopo pratico che si prefiggeva con la 
sua rielaborazione. 1 compilatori poi, il pili delle volte epitomando, 
trasformando e modificando il testo originale, sia di Urseio clic di Giu- 
liano, fecero scomparire l'opera propria di ciascun giureconsulto, ren- 
dendo cos difficile e impossibile a noi il smim cuique tribuere. 

Da alcuni scrittori H. Pernice i , Karlowa 2 , Pulii :5 e Landucci 4 , 
l'opera di Urseio vien fatta commentare da Cassio argomentando dal 
fr. 1 10 XLIV, 5, Ulp. h. 76 ad Edict., dove si dice che Cassius 
existimasse Urseium refert . E riferiscono in appoggio altri esempi 



1 Miscellanea, p. 57 sg. 

8 Rom. Recht8ge8chichte, I, p. 694 e 695. 

3 Salvius Julianus, p. 59 sg. 

4 Storia del dir. romano, I, p. 198 e 200 ri. 4. 



PARTE I. URSEIUS FEROX. 207 

di citazioni simili l . Ma tale affermazione non pu reggersi per di- 
versi gravi motivi. Cassio nel 36 d. C. era gi console e sopravvisse 
di poco al suo maestro essendo morto sotto Vespasiano. Il Gaius 
idem del fr. 59 XXIV Jul. lib. 2 ad Urs. anzi potrebbe far cre- 
dere che Cassio fosse morto quando Urseio scriveva. E poi mal si sa- 
prebbe spiegare come Feroce abbia potuto includere nella sua raccolta 
responsi Cassiani, e come quelli di Cassio siano cos scarsi. 

La correzione del testo in Cassius existimasse Urseium refert 
accolta dalla quasi unanimit degli scrittori : e cito per tutti Mommsen, 
Krueger e Lenel 2 . E credo sia la migliore soluzione del dubbio. Per 
a patto che si attribuisca la corruzione del testo non a un errore del- 
l'emanuense, ma ai compilatori. Basta del resto esser pratici del me- 
todo spicciativo da essi seguito nell'attribuire le opinioni e nel rifare 
le citazioni per convincersene, quando non voglia tenersi presente nel 
caso nostro il testo del frammento, dove si riscontrano elementi formali 
della loro mano: 

Quodsi patronus libertino simili delega verit creditori, an adversus 
creditorem, cui delegatus promisit libertatis causa onerandae, excep- 
tione ista uti possit, videamus. Et Cassius existimasse Urseium refert, 
creditorem quidem minime esse summovendum exceptione, quia suuiu 
recepit cet . 

L'ordine originari* della materia nei libri di Urseio non poteva 
essere trasformato dalla rielaborazione giulianea. Escludo , seguendo 
in ci il Riccobono che, come pei libri a Minicio, per questi a Urseio, 
Giuliano abbia rifuso il materiale che presentava il suo esemplare : 
egli avr intercalato nei luoghi opportuni, senza che fosse variato il 
sistema originario, la trattazione dei punti di diritto aggiunti all'o- 
pera di Urseio. 

Si ritenuto che il sistema di Urseio fosse quello ilei libri iuris 
civilis di Sabino o di Cassio. Ma va escluso, dato il carattere di col- 
lezione di responsa, dove il sistema dato dal materiale raccolto e 
raggruppato per materia. 

Seguendo le ricostruzioni dei Lenel probabile che l'ordine ori- 
ginario sia stato il seguente : Testamenti legati dote azioni 



1 Cassius apud Urseiaua scribit fr. 10 $ 5 VII, 4 Ulp. lib. 17 ad Sab.: 
Servius apud Melam scribit > fr. 3 $ 10 XXXIII , 9 Ulp. lib. 22 ad Sab. Ma 
l'uso dell' apud nel senso di in, specie nelle citazioni dei giureconsulti romani, 
sicuro, e, pu dirsi, ha prevalentemente tale significato tecnico. 

2 Pandette Geschichte cit. p. 160 n. 119 Palingenesia, II, e. 1202. 



208 G. BAVIERA. PARTE I. 

familiae erciscundae e communi dividendo manomissioni de emp- 
tione et venditione de adquirendo rerum dominio de locatione et 
conduetione et bonae Mei contraetibus , de procuratoribus et defen- 
soribus et intercessoribus. Cfr. pure Krueger, op. cit. p. 100 e Bre- 
mer, op. cit. p. 174. 

Palermo. 

Giovanni Baviera. 



ALEXANDRINI5CHE KLAGEFRAUEN. 



Unter den aus Aegypten staninienden, hauptsachlich in Grabern 
des Fayin und dcs Delta gefundenen griechisch-romischen Terrakot- 
ten diesen interessanten Produkten alexandrinischer Kleinkunst, die 
so ungemein lehrreich sind und dodi nodi so wenig Beachtung tn- 
den kehrt haufig der Typus einer auf dem Boden hockenden Frau 
wieder, der bei alien Aendernngen in der Ausstattung mit (levateli, 
in Traelit und Schniuck immer dieselbe Haltung gegeben wird : das 
aufrechte Sitzen mit eingeschlagenen Beinen, und aneinander gesetz- 
ten oder gegen einander gekehrten Fuszsohlen und eine sehr eigen- 
tiimliche Bewegung mit den seitlieli emj>orgestreckten Vorderarmen. 

Die gewolmlichste Auffassung ist naeli einein Exemplar der 
Samnilung des Malers Prof, von Lofftz in Miinchen in Abbildung 
I) wiedergegeben. 1 Ein ungegiirteter Rock bedeckt den Korper bis 
zu den Knieen , ein schleierartiges Gewandstiiek verliiillt Hals und 
Schultern. Dariiber wird ein dicker rundlicher Bliitenkranz siclitbar, 
der aneli ein Collier sein konnte, aber in anderen Terrakotten deutli- 
cher als Blumengewinde charakterisiert wird. Der Kopf zeigt volle, 
sinnliclie Gesichtsformen , das Haar ist sorgfaltig gewellt und ani 
Stirnrand in kleinen, gekrauselten Lckchen gcordnet. Den Hinterkopf 
unigibt ein breiter Franz, jener Frauenselnnuck, der in alien nigli- 
chcn Spielformen bei den bekannten . Aphroditefiguren auftritt. 
Hande und Fiisze sind mit Spangen geschniiickt. 

Vici reicher sind die naclisten Exemplare B und C ausgestattet: 
B ein Exemplar der Sammhmg Pelizaus in Cairo, C cine Tonfigur 
des alexandriniselien Museums. Beide zeigen cine starke Entbloszung 
des Korpers, das Gewand (liei B mit Franzcn ani unteren Band ver- 
selien) deckt Schosz und Oberselienkel, sodasz die l'nterbeine wieder 
siclttbar bleiben. Die letztere Figur sitzt auf cincin niedrigen Polster 
mit gemustertem LTeberzug. Ann-und Bcinspangen sind beibehalten. 



1 Zwei iibnliche Figuren. iu welcheu nnr die Haartour veriindert und zwar 
vereinfacht ist, betuden si eh in der aegyptischen Abtheilung des berli ner Mu- 
senms. 

14 



210 T. SCIIREIBER. PARTE I. 

Der Halsschmuck besteht in B aus einer einfachen Perlenkette, wah- 
rend er in C aus einem Collier von runden und rechteckigen Agraffen 
gebildet wird. Ohrringe scheinen bei beiden Figuren augedeutet zu 
sein, ebenso liaben beide Exemplare einen sehr komplizierten Haar- 
putz, der die verkiinstelten Frisuren gefallsitchtiger Alexandrinerinnen 
naclizualimen scheint. Bei C wird unterwarts neben den Ohren und 
iiber dem Nacken der Best eines dicken Kranzes der eben besclirie- 
benen Art sichtbar. Was an Stelle dieses Kranzes bei B und bei 
der noch zu erwahnenden Figur A erscheint, ist aber kein Kranz, 
sondern eine Brweiterung der Frisur dnreli einen groszen den Hin- 
terkopf umgebenden Chignon. Andere Terrakotten init weiblichen 
(leu re figuren, deren es in dieser Denkmalergruppe grosze Massen 
gibt, lassen daruber keinen Zweifel. 

Das vi erte Beispiel A befindet sich im aegyptisclien Museum 
zu Berlin, es ist das vollstandigste der ganzen Beihe. Hier sitzt die 
Frau auf einem Sof der gewohnlichen alexandrinischen Forni { und 
hat vor sich ehi auf der Erde stehend gedachtes Beeken , welches 
auf einem tischartigen Untersatz aufliegt. Die Figur ist unterwarts 
wie C bekleidet, iiber den ganzen Leib, Brust und Schultern sind 
breite (luirlanden gezogen, sodasz vom Korper nichts sichtbar wird. 
Von dem ublichen Schmuck sind nur Hand-und Fuszringe, vielleicht 
noch ein einfaches Halsband, aber keine Ohrringe augedeutet, aneli 
ist das Haar hier schlichter behandelt. 

Eine merkwiirdige Variante des Tyjnis, Figur F, fand ich vor 
Kurzem in der von Valdemar Schmidt zusammengebrachten, hoelist 
reichhaltigen Kollektion solcher griechiseh gyptischer Terrakotten, 
die eine besondere Zierde der Jacobsen'schen Grlyptothek in Kopen- 
hagen bildet. Hier ist zu den schon angefiihrten Ziigen ein neues 
Attribut gekommen. Die ausgestreckten Bande halten kurze Stiibehen, 
an deren Ende sich Ideine runde Schallbleche betinden. Wenn wir 
annehmen, dasz je zwei solcher Metallscheiben in der Mitte durch- 
bolnt und in dieser Oeffnung mit einem, von dem gespaltenen Stabchen 
gehaltenen Stift aufgereiht waren, so bildete das Ganze ein Klapper- 
instrunient, welclies ein, dem Klirren des Sistruins ahnliches Geruscb 
erzeugen muszte. 

Endlich moge noch eine sechste Darstellung (G) aus der Uhi- 



1 Hermann Thiersch, Zivei antike Grabanlagen bei Alexandria , p. 10 , irrt sich, 
wenn er annimmt, dasz das Sopha nur eine knrze Zeit Mode gewesen sei und 
nie weitere Verbreitung gewonuen habe. In Alexandrien ist es durch das ganze 
Altertum nie ausser Gebrauch gekommen, wie die Denkmiiler beweisen. 



PARTE I. ALEXANDMN'ISCHE KLAGEFRATEX. 211 

versitatssammlung in Leyden angefiihrt werden, welehe mit dei- vorher 
erwiilmten dniin iibereinstimnit, dass die Guirlande, welche bei A 
reilienweise uni den Leib gelegt ist , hier krenzweise Brust und 
Schultern umwindet. Wiederuin triti das Bestreben liervorjeder Figur 
in Schmuck und Gewandung, vor alleni in der Haartraclit moglickst 
individucllc Ziige zu geben. 

Diesen Exemplaren reiht siili ein einzelnes Beispiel einer inann- 
liehen, in derselben Haltnng hockenden Figur in Sammlung Sckulz 
in Leipzig ' an, in welcher nainentlieb der Portratcbarakter des durch 
den starken Hals und die vollen (lesiclitsforinen auffallenden jugend- 
lielien Kopfes, die Kapuze und das eigentiimlieb auf der Brust geknotete 
kurze Hemd zu beacbten sind. Beide LTiiterarme nini Hande sind 
abgestoszen. 

Was stellen diese Figuren vor ? Sind es Gotterbilder oder Gen- 
reflguren aus (leni Alltagsleben ? Und wenn das Letztere wahrscliein- 
lielier oder alleili moglieli ist, welclies ist der Vbrgang, der hier in 
so mannigfaltigen Fonnen geschildert wird und der bei der (Jebereins- 
tinimung der eigenartigen (leste und des Sitzmotives docb nur ein 
und dieselbe, von verschiedenen Personen vorgenommene Handlung 
sein kann ? 

Teli Ande keinen Anhalt die Figuren ini Kreis des alexandri- 
niselien Pantlieons unterzubringen. Weder das Sof, noeb der Portrat- 
eliarakter der Kiipfe wollen dazu passen. Das Emporhalten der ge- 
offneten Hande ist vieldeutig; es kann als Ausdruek der Adoration, 
a ber aneli als Aeuszerung der Trailer, als (leste des Selmierzes auf- 
gefaszt werden. Dasz die Arnie nielli lioeh erlioben und vorgestreokt 
sind. wie es beide Handlungen eigentlieb erforden wiirden, erklart 
sieb leielit und ungezwungen aus Griinden der Teebnik, da man bei 
alien diesen aus der Forni gedriiekten Figuren das Freistehen der 
(lliedniaszen mogliehst einsebrankt und Fliiebenbafligkeit der Bil- 
dung bevorzugt, uni die Flerstellung nieht zu erschweren und das 
Anstiieken von einzeln gefonnten Teilen zu venneiden. 

Die riehtige Erklarung ergibt sieb aus zwei Merknialen, aus dein 
Raueherbeoken der Berliner Terra kotte A uwd aus der Entblssung 
in den Figuren 15 und C. 

Das grosze, vor dein Sof in A sttBlcudc. auf cincin sieli verjiin- 
genden Tnlersatz rubende Beeken gleicnt in seiner destali ani meisten 
den aus romiseher Zeil staiiinienden Raueberaltiireben, die sieb in 



1 YAn Tbeil der Sammluug Schultz ist als Gesehenk dem Knnstgewerbemu- 
seum zu Leipzig iiberwiesen worden, ein auderei - naeh Berlin gekommeu. 



212 T. SCnRKIBKl?. 



der groszen Katakombe von Km-esch-Schukfa i und in anderen 
Grabern Alexandriens sehr hauti g innerhalb der loculi oder vor 
denselben gefunden haben. Zwei Beispiele sind in Figur II und I 
wiedergegeben. In dieselbe Epoche gehoren nacli Stil und Ausstattung 
die uns beschffcigenden Terrakotten. Die Entblssung der Ernst kann 
in Verbindung mit dem Jlocken anf dei* Erde und mit dem Ausstrecken 
der Hande nur als Zeichen der Trauer aufgefaszt werden. Es ist die 
altagyptische, in hellenistisch-romischer Zeit unverandert fortdauernde 
Totenklage, welclie in diesen Figuren versinnlicht wird. Wir finden 
sie ganz ahnlich in den Bildern des Totenbucb.es und an den Wnden 
von Grabern aus alien Epochen des alten und neuen Reichs so oft 
beweglich gesebildert. Dort selien wir die Frau des Toten zu Fiiszen 
seiner Mumie kauernd am Boden, mit nackter Brust, ini Ausbruch 
bittersten Schmerzes mit der ITand das Haupt schlagend 2 . Wir selien 
die Klageweiber bei der Fahrt der Lei che iiber den Xil in ihrer Barke, 
stehend oder hockend mit nacktem Oberkorper, die Hande jammernd 
erheben und vorstreeken, die Stira schlagen und den Scheitel mit 
Staub bestreuen 3 . Wie sich der Totenknlt in hellenistischer Zeit 
regelte, ist aus zahlreichen Papyri bekannt, die neuerdings Walter 
Otto 4 verarbeitet hat. Die Olioacliyten verselien als Totenpriester die 
Bewachung und Pflege der Graber, sic ubernehmen gegen Bezahlung 
die regelmaszige Darbringung der vorgeschriebenen Opfer und viel- 
leicht auch der Totenklage. Aber beide Pflichten rulien aneli anf den 
Angehorigen des Toten, und so erklaren sich die Unterschiede in 
der uszeren Erscheinnng der dargestellten Individuen, der Wechsel 
der zum Teil auffallig reichen Frisuren , iiberliaupt der Portratcha- 
rakter der Kiipfe, der Wechsel in der Bekleidung, der die einfache 
Frau aus dem Volke (1)) von der mit Geschmeide iiberladenen Frau 
des lieichen (B, G) treniit, endlich ^ueh der Wechsel ini Geschlecht. 
Mann und Wcib, alt und Jung, arni und reich verrichten die rituelle 



i Vergi, dariiber das demniichst erscheinende Werk: Die Nvkropole von Rm- 
esch-Schukufa untersucht von Theodor Schreiber , heraitsgegeben von Ernst Siegliu, 
Theil V, Kap. 17. 

2 Vergleicbe z. 15. das Bild des Totenbuches ira Papyrus ni*. 9901 des britischen 
Museums bei Naville, Totenbuch I pi. I und II. Die Abbildung ist wiederbolt in 
Proceedings of the Society of biblical Archaeology XIV 1891/92, pi. 1, und 2. 

3 Besonders deutlich sind die Handlungen nnd Bewegungen der Klagefrauen 
anf dem Bilde in dem Grabe des Neferhtp in Theben aus dem Ende der 18. 
Dynastie. Nach Wilkinson wiederbolt bei Erman, Aegypten, Tafel zu S. 432. 

4 Walter Otto, Priester und Tempel ini hellenistischen Aegypten. Band I. Leipzig 
1895, p. 98 $ 247. 



PARTE I. ALEXANDIUXISCHE KLAGEFRAUEN. 213 



Eandlung der Totenklage niit den gleiehen Gesten, aber die einen 
hockeii auf dem bloszen Puszboden, die anderen sitzen auf dem un- 
tergelegten Teppich oder auf ciucili im Grab zuriickbleibenden Sof. 
Die Berliner Figur verleiht der Scene nodi einen neuen Zug. Das 
Rauchopfer und die Totenklage finden hier, wic wir sehen, gleichzeitig 
statt, danach wild nodi cine dritte ETandlung folgen: die Bekrnzung 
der Grabstelle mit Guirlanden, welche die wenklagende Frau mitge- 
bracht hat und jetzt nodi auf ilirein Leibe triigt. Audi diese Darbrin- 
gung von Blumen entsprackt altagyptischer und hellenistischer Sitte. 
Wer vor der Leicbenlialle des arabischen Hospitals in Alexan- 
drien, einmal Gelegenbeit land zi beobachten mit welcber Leidenschaft- 
lichkeit die Eingeborenen ilire Totenklage auszern, naelidein sie eben 
nodi bei Geschwtz nini Lacben sicli ausgeruht hatten, der wird aneli 
begreifen dasz in der Strke des Seliinerzensansbruelies die Wirk- 
sanikeit desselben gesuebt wird, und so war es sicher sebon ini Al- 
tertum. Je lauter die Klage, welche ja nnr dazu diencn soli fcindliche 
Geister von dem Toten abzuschrecken, uni so gewisser ist die Iloff- 
nuiig, dasz scine Knlie nicht gestort werden wird. In solclicr Emp- 
tndun<>- niuszte die Aufforderung liegen, den Sellali der Stiiiiine durcli 
liirinende Instruniente zn verstiirken, woran der Ae^yptcr ja sclion 
von Isisknlt, der Grieche von den baccliischen Festen ber gewobnt 
war. In einer nnserer Figurcn (F) wendet die Frau eines Cboacliyten 
bei der berufs-maszigen Totenklage ein Klappergerat an; es wird zi 
ilirein selirillen (eselirei eine stiiiiiniingsvolle Begleitung abgeben und 
liir gestatten zeitweilig zu auszusetzen. Waren dodi dit*se Terrakotten 
selbst ein llilfsinittel fiir die Totenklage, ein Krsatz fiir den Dienst 
der Totenpriester, gleielisain Stelhertreter lebender Klagefrauen und 
daruni sind sie als wirksaine Scbiitzer der Grabesrube den Toten 
ibnen so bauflg in die letzte Wobnung mitgegeben worden. 

Leipzig. 

Theodor Schreiber. 







D 

Fiff. 42. 




E 

Fi. 43. 



F 

Pig. U. 





FRUSTULA TZETZIANA. 



L' 'Ambrosiano C. 222 inf., V Urbinate 141 ed il Parigino gr. suppl. 
655 differiscono nella redazione degli scolii (Tzetziani) al l'iuto di Ari- 
stofane (cfr. i miei Analecta Aristophanea , Torino , Loescher , 181)2, 
]>. 108 sqq.). A valutare le differenze, che altrove sar d'uopo met- 
tere ulteriormente in luce , valgano i commenti al v. 404 del Vnto. 

Neil' 'Urbinate al il. 88 r si legge: ovx tg' rryovv ovx Xycog 
t} [iccTcdag, ccXX dinaicog. niQQiqaatiy,ov yao cnv vtl tot) reg % 
ccvtov 6vvr}Qi][ivov. Molto pi esteso e lo Tzetzes nella redazione Am- 
ine (siano-Parisina, dacch nell' Ambrosiano al ti. 50 v. e nel Parigino 
al n. 14 r troviamo lo scolio in questa forma: i ovx rbg p' <c 
fi fjX&s^ [xal pdfrjv]' ovx rg coa <^xcc \mxxv\v > g pe , xa 
rtog pe TTix&g, JlXovtog ovx vjX&ev, sitai, g cprjg, tvcpXg Gxi xu 
ov diccyiyvxei tovg yud-ovg. r\ 'TtQg' TtofteGig nl [il>v%(ov XysTai, 
r\ de ( eig' nl fv%cov . za rj roacpr] de tovtcj zuXXlxcog ~ iQcopvi] 
q>rj6Cv rjX&ev &copg TtQg xv Aovxv. xa elg trjv 
itXiv dqapov6a 2J(pQ(ov eXeyev. Artixol de xa tr^v 'elg' xul 
STtl p^v% a)V XccpfdvovdL, xcc vxV elg' '>g avvr\v' Xyoviv. g Mya- 
pepvovx. dlov ayov %e%ccor}Tcc vCxrj. 3 xcc vvv 4 cbg pe , t) 
epe' rnx&g. v,c yao x ^viova rj ftaovvovGLV 5 r] %e^i6%c<5iv tJ 
%qo%uqo%vvov6i , t ' <5o(pg ' f cpog' Xyovreg , t r paog' e pc)Qog% 
t Xrj^^g , ccXrj^^eg , . xa TtQOJtaQo^vtovcc de t pccxov yovxu xr\v 
TtaaaXiryovGcLV itQ07CeQi67tG6iv, ajiteo Xyovi t c xq^naiov^ c TooTtaov' . 



1 Colloco fra parentesi quadre [ ] le parole che si trovano soltanto nell'am- 
brosiano, e fra parentesi ad angolo acuto < > le parole che si trovano soltanto 
nel Parigino. 

2 Nell'Ambrosiano xcdXlcra. 

3 H , 312. Lo Tzetzes segue la lezione di Q e di Y s ; cfr. Eomeri Carmina ree. 
Arth. Ludwich, Pars prior, Ilas, voi. prius, p. 300. 

4 Cio nel v. 404 del Fiuto. 
** Awbrobiauo ^ccQvvaaiv. 



parte i. ercstula tzetziana. 217 

* 

Lasciando per ora in disparte le altre cose che si dovrebbero 
dire, dallo scolio Tzeziano lucreremmo un frammentino di Sofrone e 
Sofrone citato pi di una volta negli scolii Tzetziani non com- 
preso nella raccolta del Kaibel, Comicorum graecorum fragmenta, I, 1, 
p. 152 sqq., cio 

elg xv %6Xiv oag.ovGa. 

La citazione, giunta per via molto indiretta Ano allo Tzetzes, si 
riferisce probabilmente ad un pCpog yvvaixelog. 

IL 

La verbosit Tzetziana palese in troppi luoghi della redazione 
ambrosiano-parigina ; doveva averne una qualche coscienza anche l'au- 
tore se dichiara perfino di scrivere qualche nota al solo scopo di non 
lasciare spazio in bianco. Infatti nel ms. Parigino, al fi. 20 r , dopo lo 
scolio al v. 833 del Fiuto si legge questa singolare dichiarazione : 
ovx lev db ov(b) xuvxa vvv KUQtvyoanjOV si [ir} ecqcov ayoucpov xiv- 
dvvsvovxcc xv yaqxriv rtoXeicp%fivca dia x grj dsi&ca x xfjde %coqIov 
6%oXCgv. La dichiarazione fa sorridere, ma al tempo stesso contribuisce 
a mettere nella vera luce i rapporti fra V Ambrosiano ed il Parigino 
da una parte e l' Urbinate dall' altra ; che nella redazione urbinate 
degli scolii Tzetziani alla prima sezione del Pluto non potremmo at- 
tenderci siffatte parole dallo scoliaste , il quale a dirittura omette in- 
tere serie di scolii, che si hanno invece nW Ambrosiano e nel Pari- 
gino, ed altri sistematicamente trascrive senza ([nella elaborazione, 
cos caratteristica , che propria dell'Ambrosiano appunto e del Pa- 
rigino. Ne vediamo una conferma per il v. SS del Pluto: anche ini 
si pu lucrare qualche cos;i. 

Ambros. fi. 4<; i \ Paris, fi. .">,. 
y co yo v g e i q a x i o v ' tlqo<5- 
coxoiei tv niovrov Ttou^ixcog 
xccvxct Xyovxu , cpeCXav dxslv 
QTjxoQixcog' si i]v (dad-r i 6ig n 
TIXovxcp , ovx elv xovg iQrfixovg 

xXlUZvCV XQ06SQQVSX0 TtOVj- 

Qog . Urbin. fi. Sl v . 

7tcog oh xvcfXo xv IIXovxov vxav&a xooiu taxi xg ovv 

Zsvg xog yafrog ; Ix xov Xjjqov voovg,Ei>og tg x (cod. tv) xqjxov 

Jig xcd sQuccogvg 6 Zsvg axiov xid gXXov fiovX- 

E ab x t v 0vvxxixr ( v vvugw xov gsvog xovg yc&ovg ev XQchxeiv, 



218 



C. O. ZURETTI. 



xvcpXcos xbv IIXovxov. XeyofiEv 
ovv ori si ita<Si xolg yad-o'ig ita- 
Qstxeto xb (coti, t&i) nXovxv 
itavTsg dv di' avr [ixir]av xr\v 
Qxrjv' ovxog de (iovl^isvog ov 
dia tv XQrjiiiov xa xmysXhg \i- 
x levai xavxijv, XX di ' avxb x 
xaXv , & ' oxs xa ?toxv%Cav 
XQrjlidxav x pYo> dCdcoiv, Tv' s- 
xaxog I fl. 82 r cpisxai xijg dosx-fjg 
svjtQiqr} %Qrm,ccxcov (sic). 



ttccvxg diavotfeig , xvcpXol xv 
IIXovxov ov% (p&ovcv xolg %qtj- 
xog, iva [ir} xovxov | Paris, ti. 6 r . 
[ixd<5yoiv, XX' g xotg xaxtxoig 
aXXrj aXXcog gcjvxsg xovxov (isra- 
Tirjavxa xa ita x deiv aya- 
{ievov , iivoi xovxov xxoenoiv- 
xo, <pQovxl,oiv de ccoexfig. 
xa aXXcog. xvcpXv xv IIXovxov 

7C01H 7CQl(fQ^VOV JtQOg UVO- 

ttovg xs xa xaxovoyovg, x&v de 
iqypxcov noxQiyovxa, bxi xaxovo- 
yoi xa vr}Xsg av&ocoTtoi ndvxa 
xqtcov xivoviv , oxcog tcXovxov 
[iexd<5%0Lev , diafldXXovxeg , 6vxo- 
cpavxovvxeg, xoefXovvxeg, xd^ov- 
xeg, xa jtXg Jiv eldog do&vxeg 
xaxxjxog oXoig cp&aX^olg itog 
xbv IIXovxov %o^Xiitov6i , x\g 
osxfig s iisxiovi xb %-Eov.xvcpXbv 
db xbv IIXovxov tcoie, xovxxiv rj 
vdoexog avxov [tXXov noxvcpXol 
xa d'eia cpovxi6ig voov IIXovxg) 
rtiiieXoviivr] (Paris. ^isXXo^ivovg) 
dixaiov xa osxiig, xovxov de xa- 
xacpoovijxg yivo^ivovg , mg ovx 
oxr\g, xaxiag s Ttaoaixlov. o&sv 
xa r HodxXeixog 'Ecpiog 
ttQ([ievog ' Ecpeloig, ovx h%vy6- 
[ivog, /t) l'XiXi'Xoi v[iiv JtXov- 
xog , (jp^, 'Ecpioi, 'v' %- 

Xy%0l6& 7COVrjQv^lVOl . 



Mi astengo dal ridurre gli scolii a forma accettabile , contentan- 
domi per ora di ima piccola aggiunta a ci che intorno ad Eraclito 
raccolse il Diels , prima in HeraTcleitos von Ephesos Griechiscli und 
Deutsch, Berlin, 1901 e poi in J>ic Fralmente der Vorsokratxker, Grie- 
chiseli und Dcutscli , Berlin , 1903 , p. 58 sqq. ; si confronti per a 
p. 82 il fr. 121. 



KRUSTCLA TZETZIANA. 



219 



III, 



L'argomento Tzetziano sii Cavalieri li Aristofane , contenuto nel 
ti. 1 ()()i - dell'Ambrosiano 4 , notevole per l'ardore dello scoliaste bi- 
zantino nella difesa di (Jleone e contro Aristofane. Lo Tzetzes ci insiste 
ancora altre volte , e pu essere non inopportuno vederne altri due 
saggi, uno dal l'iuto, l'altro dalle Nubi. 



Ambro8. il. 49 v ., Paris. 12 r . 
Pluf. v. '.V22. %alaeiv \jlbv v\ig 
e 6 xiv KXcov Xcov KoQvcpdiov, 
ITvXov xa 2Jq>axTrjQLav , nncoxog 
aTtavxcov yQaipe xolg Hftrpaioig ' 
KXcov tfj fiovXf] xa xco dtfucp 
%aioeiv . xx xovxov &og xod- 
xr]6e tcilg e%i6xoXcdg yocpeiv ' 
Selva xco Selva (Paris, delvo) 
%aiQuv. yovv Xixr\oiog ovxog 
j4Qi0TO(pavi]g xa xovxo eig xa[ico- 
dtW xov KXcovog uccjvqcov, xa 
xov XoefivXov vvv ex xaXantcboov 



Urbin. i\. <S(5 V 
%aio e tv ii v Xoe^ivXog cbg %e- 
vid-elg ti] xv%] xaivoxoav tcqo- 
GqyoQCav xivoel' r yo %aioeiv 
TtaXaiv xiv. xovxo de Jlio- 
vviog 2 vji KXcovog \iev tiqc- 
xov Xyei xexayfiai, yo.cf ovxog e 
avxov TiQg M&rjvaCovg , Xvxog 
xovg v ^(pa(xxrjQia) ' KXcov 
14&rjvaCotg xy (iovXfj xa xco ^uco 
%aioeiv. avx de cpr}6iv xeld-at 
Tieoixxv , xa neoi x)v 6vvxa,iv 
v6xaxov. xx e. 



1 Vedi Anahcta Aristophanea , p. 112; in nota riferita parte dello scolio 
Tzetziano alle IXubi, v. 549 (ti. 68 r dell'Ambrosiano), che ripete le medesime cose 
con parole molto simili. 

2 La notizia non si trova rjeyli scolii di R, ma negli scolii di V : ytyQaazai 
zliovvauo iiovfiifi/.oi' itsq ccvtov (se. zov %aiQtiv). Lo Tzetzes, nella redazione Ambro- 
siano-Parigina, fa sua la notizia tacendo il nome di Dionisio, che altre volte era 
stato per lui occasione a confusioni. noto infatti che egli spesso cita la triade 
Dionisio , Cratete ed Euclide , ed uno scolio ai giambi dello Tzetzes in Cramer, 
Anecd. Oxon. Ili, 347, 23 fa chiaramente comprendere che il Bizantino pensava 
si trattasse di Dionisio di Alicarnasso. Ma oltre al JiovvGiog ' Akixaovaooevg di 
questo scolio, citato dal Consbruck, ;u den Tractaten -xbq xaucoSiag , in Conimeli' 
tationes in honorem (J. Stndeiuundi, Arger.torati MDCCCXCIX, p. 225, e dal Kaibel, 
die Prolegomena xeq xaucoiag, Berlin 1898 (Abhandlnngen d. K. Gesellschafc d. 
Wissenschaften zu Gottiugen, phil-histor. Klnsse, NF, B . 2, Nro. 4), p. 5 esiste 
un'altra esplicita dichiarazioue dello stesso Tzetzes , precisamente nello scolio al 
v. 253 del Pluto , che nell'Ambrosiano (fi. 48 v .) e nel Parigino (ti. 10') suona: 
%oqov [ibQog' ) Kuquov d'BQaTCov ov [lxQi %oqiqv ,Gav aufiixo Gziyjti tqiistqoi. 
vrevdsv (Paris. ivravra^ Si tstquustqoi , ovg ol SiSa^avreg ttsqi xco ti (odiai j- 
' A\l ix<xqvu66o v re JiovvGiog EvxXs tS i]g te xa K(>c'cT) t s raxuiorixovg 
cpaatv, tyy Si vTi6-xa6xixov$ te xa xaiavtxovg. La triade su rammentata compare 
anche in altri luoghi degli scolii Tzetziani. 



220 



C. O. ZCRETTI. 



xcd oi^vQg xvxVS k Bvxvifi $tov 
lixcat60vxcc, Ttoiel xcd x Xyuv 

* %CcCqIv' \LXCiXQ%OVXCt XCCL X- 

yovxcc vx xov c xcCqeiv' Tt- 
t l 6^^al , . (prjl yg itQg xovg 6vv- 
dr]pxag xcd yEcooyovg nog ccvxv 
HTCCXllrtTOVg cpLxopvovg 
ccvQg drjpxca, xb pbv rtooccyo- 
QViv* %aQiv v^g' tfdij naXaibv 
xcd 6ccttov . xcavoxopc oh xyco 
ti tolg QjiiaOi vvv g vxvyx\ (ilov 

[lXCC7t6cv. Xcd C06JlQ 7tOX KX(X)V 

TtoXinc) vxv%rjxcog yQcctl> f %ccC- 
Qiv ' , ovxc3 xyco xo ' %aiQiv ' 
jtccQlg, cog ijdrj TtccXcucofrv , vx 
xov f %aQiv ' r a7tcc^o^iai ' Xyco, 
oxc jtQO&v{icog jtciQayyvux poi 
xcd 6vvxxaypvcog xcd 6vyxxqo- 
xqpvcog, cb7tQ xog Ttaouxa^iv, 
7jV7tQ7tl0pVOl TtoXpov , X% ov 
xuxufofiXaxmpvcog xcd xovcpQcog, 
6%oXccCco fjcaqovvxag xcd (5oadvxccx<p 
(iaCpciXi. ov yuo ftXxg xcd vtcq- 
tcxcu xcd XQVcpr]Xo xx xov 6yo- 
Xalcp fuivuv fta U pax i 6)]pvxr]xec 
xcd oyxov xcd xvcpov avxolg xa- 

piV0V6lV. 



6vvx X ccy pveog ' JtovdaCcog 
ned yooy&g \ ti. <S7 r px 6vyxooxr[- 
paxg xivog xcd x%cg. xo oh ov 
xuxfiXuxvpvcog vx xov ov (qcc- 
dcog xcd XQvcpQcog . ' /32| ' yq 
xiv paX&ccxvpvog xcd xqv- 
cpqXg v vxoxq6i xo copcc, xcd 
c paX&ccxla ' ij /*#' vfooiplag 
bpiXla. 



Per le Nubi, v. 581 e v. 589 mi limito al solo Ambrosiano. 

Hfub. v. 581. Ambros. ti. 68v. %&QG)g diaxipsvcov XXrjXoig A%r\- 
vaicov xcd Aaxcovcov , AXxi&vovg vbg Arjpod-vrjg xcd Nixlag ol 
6xqaxrryo Aax8aipovicov %coQa itoXioQXOvvxg IJvXov, Koovcpaiov xcd 
Xcfiuxxr\qiav ', ovhv ijvvxxov. KXav ' V7t6%rj&r] MfrrjvaCoig, d cdo&i] 
voccxrjyg, dg xovxov xov it6Xpov 6co xoixovxa i)pQcv ovXaycoyrica 
xf} Axxixfj Axcovug -rog v olg cfY\v yjaqioig olxovvxag , xcd tcXiv 
xLVjV 7i7toQ&{XvuL' o xcd 7i7ioir}Xv yevvuixuxog xoarriyg. ovxog 
d (Aristofane) dv[ivcdvav xoiovxcp vq Gy^i'QH figovxg yyovvai 
xcd xQcaig xcd sXtfvjg jioxCaiv (xccx) xjg CxQaxriyCag xov KXavog, 
olov fj&v xcd xm> 6xoi%icov yccvaxxovvtcov n xf] xovxov rig Gxou- 
xr\ylav 7tQxXr]6iv. 

Xub. v. 589 7 Ambros. fi. C9 r . 'Aoi6xog (jrjxcoo v iiiaqxaxog 



PARTE I. FRUSTULA TZETZIANA. 221 

ovxog (Aristofane) xal nooxEivag on xxt itoXX 6r\\ia ysyove xal 
aitatola xal cotisq xvd-Qcoitd^ovxa eXsyev x yXeo6<5eo xeo Xyep ' ov %qy\ 
KXeovcc (5xQaxi]ybv ysyovsvai , h'dsi oh x\\ ftooxdei xal xi)v noOtv 
XQoccpv yeyovvea. xal xb rjxxrj&f t vai KXcova xal xag llftr\vcag al6yvvr\v 
XEQifaXv, yyovE de %v xovvavxiov ' dtdiyg nrj TCcog avxeo jtavxrjoi 
vog ri TcaXaig v]Q Xyeov co cXix'jqis (Aristofane), si r^iela xavxa 
f]v xov xaxeog (iovXtva^ca ' A\tr t vaiovg xal eXtrai 6xoaxr\ybv KXcova, 
cocptiXs KXeov [lv ijxxrjiTtvai xaxeog 6xoaxr\yr\6ag, xieila oh xal al<5yyvr\ 
yev&ai xfj zXei, xf] xovxov GxQaxjybv XoLisvr}' xovxo yovv xb vxi- 
jthttov XixrJQiog Xvsi cp' laxoQiag xoiddf. xxL 

Questi scolii spiegano il tono dell'argomento Tzetziano ai ('((ca- 
lieri e spiegano la presenza de' Cavalieri con scolii nell' Urbinate. Cer- 
tamente molto si dovrebbe dire su quanto precede; ma, rimandando 
ad altro luogo parecchi argomenti, richiamo alla mente le parole dello 
Tzetzes nelle epistole e nelle chiliadi, che ognuno pu riscontrare. 



IV 



Xon voglio per ora ritornare sulla questione dell'Aldina e dei 
mss. aristofanei onde si valse il Musurus per la sua edizione, e noto 
qui una coincidenza dell'Aldina con uno scolio Tzetziano. (li scolii 
alle Xitbi, a proposito della parabasi, parlano di una legge, della cui 
esistenza si dubita, che avrebbe prescritta l'et di trenta anni per il 
poeta comico ; l'Aldina dice invece trenta o quaranti anni , il quale 
ultimo numero si trova nello Tzetzes, il quale cos si esprime {Ambros. 
ti. (>7v.) : vpog f t v Ad~]vaioig ) x eejccoaxovxasx fj xiva yeyovxa 
Lirjxe dixrjyoosv iirjxs di]iiriyoosv , XX ciijh dgduaxa vTcavayiveocxsiv 
g ftaxoov . xovxeo reo vmico xal xco^iixbg ovxog sioyLiEvog tcqxsqov 
dia xb lu) x 6 6 aoaxovx ovxijg xi v7t<xQ%iv , x iccvxov xeov xcocico- 
dieov odiiaxa dice <PiXcovidov xal KaXXiXQccxov , xeov vGxsqov olxeieov 
v7Coxqixcov , vsyivcoxsv elg xb ftaxQOv . xal fj 6vv odciaciv ixe'ocov 
xcoucodicov xal xovg zJaixaXsg doua dicc^s di' ccvxcov. v co oduaxi 
dvo elrjyccys iiEiodxia, 6eoefoov xal alxQv, Xyovxd riva' xcd xoXXotg 
xeov d-saxeov xovxo xb docqia xr]vd-yj , l'vexa xov vorjuaxog xeov dvo 
xovxcov iiEiQaxlcov . ov lisvxoi vi'xjsv v xovxeo xoi) t xjg, XX' fjXXfr]. 
mfig ah xov x so uoaxovxasxovg sxovg, xal xovxo xb doc'aia xeov 
NecpeXcov di' iavxov didxeov v xeo d-sdxQcp, ce itao xeov xthxcov ccxh 
ccvxcp yyovvai , \yovv xb vivifica , (f-rfil xobg avxovg, dice xov %ogov 
did'rjv xeov v(fXcov , tcvxag cog oixdep yguvog xuaxi , xal Xyeov' 
co & e arai xx. 



222 C. O. ZURETTI. PARTE I. 

Diceva lo Studemund 1 , e son parecchi anni, che gli scolii Tzetziani 
aspettano tuttora il loro editore ; se sia il caso di pensare ad una loro 
edizione discuter prossimamente in uno studio sulle relazioni degli 
scolii Tzetziani cogli altri scolii Aristofane}. Questi saggi intanto pos- 
sono destare pi di una curiosit. 



1 Anecdot. Far., I, p. 250. 
Palermo. 



C. O. Zuretti. 



HERBITA 



Erbita fra le tante citt antiche della Sicilia, che non hanno 
trovato, finora, una identificazione sicura. Generalmente vien posta 
a Mcosia, oppure alla vicina Sperlinga; ina quest'opinione manca di 
qualsiasi fondamento , ove non si voglia considerare come tale una 
iscrizione greca non genuina , ivi esistente (Cavallari, Arch. Stor. >S7c, 
n. s, I, 1870 , ]). 307) , e falsata evidentemente allo scopo di dimo- 
strare l'esistenza di Erbita in quel posto (Kaibel faUae 4). Ad ogni 
modo certo che la citt non si trovava sul mare; ci risulta tanto 
dal noto passo di Plinio , che la enumera fra le citt dell' interno 
(XII. Ili 1)1), quanto dal silenzio di tutte le descrizioni abbastanza 
particolareggiate, che abbiamo delle coste dell'antica Sicilia. Pur non 
di meno il territorio della citt doveva toccare il mare , perch una 
nave di Erbita faceva parte della flotta allestita da Vene contro i 
pirati (Cic. Yerr. V 33, 86; 40, 11':'); 51, 133). Delle altre citt che 
avevano dato navi per questa flotta (Cic. Yerr. V 33, 86) Tindari ed 
Eraclea si trovavano sul mare, Segesta, Apollonia (sia che si voglia 
situarla a Pollina o a S. Fratello) , Alunzio a poca distanza da esso; 
e se vi figura anche una quadrireme di Centuripa, dobbiamo infierire 
da ci stesso, che il territorio di questa citt, totiu.s HiciUue multo 
maxima et lociqrfetissima (Cic. Yerr. IV 'S.). 50), in quel tempo si esten- 
desse fino alla foce del fiume Simeto. Inoltre, da due fatti notissimi 
di Diodoro (XII 8, 2, XIV 16) risulta clic Erbita si trovasse a non 
molta distanza da Alesa e da Calacte. chiaro da tutto ci clic Er- 
bita va cercata nelle vicinanze dell'odierna distretta. 

A questi indizi si aggiunge la testimonianza di un' altra fonte, 
della finale finora forse non si tratto tutto quel profitto clic se ne 
potrebbe ricavare, dico la Cosmografia dell'Anonimo Ravennate , e la 
Geografia di Guidone, che ne dipende. Vi si legge, riguardo alla nostra 
citt (Anon. p. 104, Guid. p. 4!>s Pinder et Parthey) : 

Iterum (Guidone: porro) ex aliti parte iurta suj>ra scriptum etri- 
tatem Panurmon (Guid. Panormum) est cicitas quae (licitar 
Erbita (Guid. Herbita) 
Jlalistrata 



224 G. BEI.OCH. PARTE I. 

Prachara 

Agurion (Guid. Augurion) 

McHtratn 

Enna. 
Tutti sanno che fonte del Ravennate fu un itinerario, dal quale 
egli trascrisse i nomi della citt nel medesimo ordine in cui vi erano 
segnate. La serie di nomi , quindi , che abbiamo riportato , segna il 
corso di una strada romana. Ed chiaro che questa strada doveva 
avere principio dalla costa; ma avendo l'autore gi descritta la strada 
dal littorale, ha soppresso in questo punto il nome della citt presso 
la quale la nostra strada si biforcava da quella. Ma questa citt non 
pu essere stata altra che Alesa, o, se si vuole, Calacte. Nel nome 
di Mali. sfrata, infatti, si nasconde, senza alcun dubbio, il nome antico 
di Mistretta, cio Amestratos, oppure Mytistraton. Che Prachara non 
sia che una corruzione di Imachara, stato riconosciuto gi da tempo. 
Questa citt , infatti , come dimostrato dal ritrovamento del noto 
caduceo coli' iscrizione ' Ijia^agaCcov dccpiov a Rocca di Serlone alla 
confluenza del Fiume Salso e del Fiume di Cerami (Salinas , Ardi. 
Stor. Sic. n. s. Ili, 1878, p. 444), doveva trovarsi precisamente in 
queste parti, a nord di Agira in direzione verso Mistretta, e potrebbe 
identificarsi con Nicosia. In Mestraton poi sarebbe da ravvisarsi Myti- 
straton , oppure , se questa citt si volesse collocare a Mistretta, 
Amestratos. 

La strada che abbiamo rintracciata in questo modo colla scorta 
del Ravennate, corrisponde, come si vede, nel suo primo tratto esat- 
tamente a quella che congiunge , presentemente , Nicosia alla costa 
tirrena. Da Mcosia (Imacara) poi essa seguiva la valle del Fiume Salso 
fino ad Agyrion. Di l, volgendo verso occidente, proseguiva ad Enna, 
passando per Mytistraton (o Amestratos), che si dovrebbe cercare, per 
conseguenza, nelle vicinanze di Leonforte. 

Erbita , adunque , era posta fra Mistretta ed il mare , cio, ap- 
punto l dove doveva essere collocata in base alle indicazioni di Ci- 
cerone e Diodoro. Il suo porto si trovava a S. Stefano di Camastra 
o l vicino; il sito preciso della citt poi non potrebbe essere stabi- 
lito che per mezzo di ricerche da farsi in quei luoghi. 

Giulio Beloch. 



"CASTRIS 

COME DESIGNAZIONE DEL LUOGO D'ORIGINE. 



opinione generale che sotto la parola castri.? , come designa- 
zione del luogo <li origine di certi soldati , si debbano intendere le 
canabac nel significato di stabilimenti romani non formanti citt presso 
i campi stativi, ove citt non esistevano l . Cos, ad esempio, nelle Com- 
mentationes philol. in honorem Th. Mommseni il Wilmanns: Es miissen 
diese Lagerkinder vielmelir Soline der Soldaten selbst sein, oline Zweifel 
gezeugt mit den M&dchen des ani Lager liegenden Dorfes, in welchen... 
Parimenti A. Scluilten , Pauly-Wissowa Real-Encyclopadie (canabae) 
si esprime nella maniera seguente : Besonders interessant sind die 
C. als origo der Lagerkinder, d. li. der aus der illegitimen Elie eines 
Soldaten mit einer Peregrinen entsprossenen Kinder. Demi wenn die 
Soldatenkinder... ihre origo mit castris bezeiclinen, so geschieht das, 



1 Solo da poco tempo sappiamo che esistevano delle canabae anche presso gli 
accampamenti stabili, ove esisteva lina citt. Nel luogo ove esisteva la citt ro- 
mana Viminacium (Kostolac nell' attuale Serbia) stata rinvenuta l'iscrizione se- 
jruente, pubblicata la prima volta negli Jahreshefte des Ocsterr. archaol. Institutes, 
Bd. Ili Beiblatt, 117 u. 8. 

[? Divus] Scpt(imius) Severm Pert(ivax) 
[Pius F]elix ArabQcus) Adiab[enicu8) 
[l'arth(icu8)] maximus et 

[imp(eralor) Caes(ar) il.] Aur(elius) Antonimia Pius 
5 [Felix Aii^gustns cana- 

[bas? refee]erunt legioni) VII 
[Cl(audiae) A]ut(oninianae) p(iae) f(ideli. 

Questo monumento , come si pu rilevare dal soprannome Antoniniana della 
VII legione , dev' essere stato collocato intorno al 21o. Le canabae di cui qui 
parola esistevano dunque a quest'epoca. Ma a qnel tempo Viminacium era gi da 
lunga pezza una citt, poich essa divenne mun ci pi uni gi sotto Adriano. In tal 
guisa noi abbiamo qui delle canabae presso l'accampamento di una legione, ove 
esiste una citt (cfr. JahreshcJ'Le, 1. e). 

1.1 



226 N. VULIC. PARTE I. 

vreil ihr faktischer Geburtsort, die C, weil nichtstadtisch , als Origo 
niclit verwendbar sind . 

Ma siffatta opinione non sostenibile. Noi abbiamo un' iscrizione, 
proveniente da Viminacium, la quale depone contro di essa. Questa 
iscrizione stata pubblicata negli Jahreshefte des Oesterr. archaol. 
Institiites, Ed. IV Beiblatt, 81 sgg., e comincia con le parole seguenti : 

\pro salute imp(eratoris) Caes(aris)} 
L. Septimi Severi Pertin]a[ci8 
Anglisti) Arb(ici) Adiab(cnici) et M.] Aurel\i 
Antonini Caes(aris) veterani l]eg{ionis) VII Cl(audiae) 
5 p(ia) /{idelis) probati Prisco et Ap]olUnar(e) eo{n)s(ulibus) anno 169 

missi Inonesta) missione) per J n{um) Pompeianum 

leg(atum) Augusti) pr()pr(aetore)] et [L\ael(ium) Maximum 
lcg(atum) leg(ionis) VII Cl(audiae) p(iae) /(idelis) Cle]ment(e) 

et Prisco co(n)s(u1ibi(s) anno 195 

Segue poi una lunga lista dei soldati congedati la quale in origine con- 
teneva circa 240 nomi. 

Questi soldati, come si scorge, furono levati nell'anno 1<> ( .>. Essi, 
cio, nacquero e furono levati dopo che Viminacium aveva ricevuto 
il diritto di cittadinanza. Ma noi troviamo nella nostra lista un nu- 
mero di essi (sei), i quali designano il loro luogo d'origine colla pa- 
rola cast(ris). evidente che qui i castra non possono esser le canabac 
nel senso di abitazioni presso accampamenti stabili ove mancano citt, 
poich Viminacium in quel tempo era appunto una di queste. 

Su quel che riguarda P esatto significato di una tale indicazione 
del luogo d'origine, adesso non pu pi esister dubbio. Castri significa 
soltanto che la persona , di cui parola, nata durante il servizio 
militare del padre; ma non indicato con cib il luogo dove egli 
sia nato. 

Belgrado. 

Nicola Vulic. 



SIKELIKA. 



LA SICILIA E L'ODISSEA. 

Xella seconda meta del V secolo avanti Cristo una larga parte 
Ielle avventure di Ulisse, quali ci sono narrate nell'Odissea, si trova 
gi localizzata sulle coste dell'angolo peloritano della Sicilia, e nei 
mari ad esso adiacenti. La Cariddi era posta nello Stretto di Mes- 
sina, le isole del gruppo di Lipari ricevevano anche il nome di Isole 
di Eolo , la regione dell' Etna era riguardata come la terra dei Ci- 
clopi, e non lontano, forse, era cercata la eosta dei Lestrigoni. La Thri- 
nakia, l'isola in cui pascevano gli armenti di Helios, era identificata 
colla Sicilia , la (piale sarebbe stata in origine chiamata Trinakria; 
onde si deve ammettere che gi nel V secolo la voce omerica veniva 
interpretata come una modificazione poetica di quest' ultima. Tali 
identificazioni erano comuni ai greci della madre patria, e a quelli di 
Sicilia : e Tucidide , che ci d di esse un quadro completo (VI 2, 1-2; 
III 88; IV 24, 5), non avrebbe avuto bisogno di toglierle da Antioco, 
di cui probabilmente si servito di fonte. 

Sventuratamente, quel che ci rimane della letteratura greca pi 
antica non ci permette di proseguire le tracce di queste localizzazioni 
pi l del V secolo. Non sappiamo su quali basi Eratostene abbia 
fondata 1' affermazione che Esiodo sia stato per il primo a raccogliere 
l'opinione volgare, la quale localizzava i viaggi di ITisse sulle coste 
d'Italia ed in Sicilia. 1 versi della Teogonia i piali pongono l'isola di 
Circe nel mar Tirreno, derivano, come ora generalmente si ammette, da 
un' interpolatore , ma difficile provare che gli altri versi che il po- 
ligrafo alessandrino aveva in mente nel formulare il suo giudizio, fos- 
sero dovuti anch'essi ad una manipolazione posteriore dei componi- 
menti esiodei. La circostanza pi notevole da rilevare . in ogni caso, 
che Eratostene ammetteva resistenza di una colgaris opini anteriore 
ad Esiodo. 

Per quanto riguarda la geografia dell'Odissea, gli antichi erano 
divisi in due scuole, che a noi son rappresentate principalmente da 
Polibio e da Eratostene. La prima, quella degli stoici, professava il 
principio che Omero avesse descritto i viaggi di Clisse con cognizione 
dei paesi di occidente, salvo a fare una parte pi o meno grande alla 
allegoria, ed una pi o meno piccola alla possibilit dell'errore od 



228 M. COLUMBA. PARTE I. 

alle esigenze dell'ispirazione poetica. A capo della scuola opposta fu 
Eratostene, che neg alla poesia omerica ogni valore geografico, fuori 
della parte che si riferiva alla Grecia, e non vide in tutto il paesaggio 
dell'Odissea che una creazione della fantasia del poeta, giudicando inu- 
tile e vano ogni tentativo di trovar ad esso un corrispondente nel campo 
della realt. Solo egli ammetteva che si potesse pensare che Omero 
immaginava i viaggi di Ulisse come avvenuti nei mari di occidente \ 

I termini della questione non si sono considerevolmente mutati 
dall'antichit ai nostri giorni. Prescindendo dal fatto che vi ha tuttavia 
chi cerca l'origine di certi miti omerici in fenomeni dello Stretto, (piale, 
ad esempio , la fata morgana che avrebbe data origine al concetto 
dell' isola natante di Eolo, una parte dei filologi trova che alcuni, 
almeno , dei paesi toccati da Ulisse appartengono alla realt , salvo 
ad allontanarsi pi. o meno dalle antiche identificazioni. Cos, per il 
Wilamowitz-Mollendorff la Thrinakia omerica sarebbe il Peloponneso: 
ivi la parte delfica dell' inno omerico ad Apollo ricorda gli armenti di 
Helios, pascolanti presso il Tenaro, e nessun' altra isola avrebbe po- 
tuto aver dritto ad esser qualificata come tridentiforme pi che l' i- 
sola di Pelope 2 . Altri per relega i viaggi di Ulisse, oltre il Tenaro, 
nel regno della fantasia dove governano leggi diverse da quelle della 
realt quotidiana , consentendo al pi con Eratostene che il poeta 
possa averli concepiti come avvenuti nei mari di occidente. 

Io non vedo, in effetto, piale distinzione si possa fare ragione- 
volmente tra i vari paesi toccati da Ulisse di l dal Tanaro , e per- 
ch si debba credere che siano immaginarie Aiaie e Ogygia, e non 
lo siano la terra dei Ciclopi, quella dei Lestrigoni, Thrinakia e Cariddi. 
Si pu ammettere, se si vuole, che nelle descrizioni del poeta ab- 
biano parte anche elementi reali , derivati da notizie portate da navi- 
gatori e da commercianti; ma questi elementi non sono facilmente ri- 
conoscibili , dopo 1' elaborazione che ne ha fatta il poeta. Chi pu 
affermare che il concetto della Thrinakia o Iella Cariddi sia venuto 
da notizie relative all'esistenza di un' isola a tre punte o di un vortice 
marino sia del Bosforo, sia dell'Euripo II nome Thrinakia in realt 
un qualificativo, come Ogygia e come Aiaie; nulla ci fa credere che 
esso sia stato una volta effettivamente in uso, piale nome proprio di 



1 Vedi Strab. I, 2, 20'; 23<-; 24 c ; 26 e etc. Cfr. in generale su questo riguardo 
K. J. Neumann, Sirabos Urtheil iib. Uovi, in Hermes 1886, p. 134 sgg. 

2 Hom. Vnterss. p. 168. Il Wilamowitz pone i Lotofagi in Africa, ed ivi pure 
i Ciclopi ; ibd. p. 164. [Cfr. pure la identificazione fatta dal prof. Dorpfeld uel 
suo articolo Thriuakia-Trinakria p. 105 sgg.]. 



229 



una terra qualsiasi; sarebbe, si; mai, il nome con cui il poeta ha voluto 
indicare un'isola, designandola dalla sua forma, anzich dal vero nome. 
Noi dunque ci troviamo innanzi alla sola concezione poetica, e non 
possiamo scorgere se dietro ad essa ci sia o no una realt. Altronde 
poi, il poeta medesimo non ha coscienza di questa realt, pi che non ne 
abbia dell'origine dei miti ch'egli tratta. Supponiamo che Thrinakia sia 
stata in effetto il Peloponneso: ebbene, noi dobbiamo credere che il 
poeta medesimo non lo sapesse, tanto pi se si ammette che la v]6og 
yvyCij di g ITU era in origine la Thrinakia, prima di divenire F isola 
di Calipso. Lo stesso pu dirsi di ( 'ariddi ; anzi , se il poeta sapeva 
almeno ci che significava la parola Thrinakia, pu dubitarsi che abbia 
avuto una visione altrettanto chiara della voce Charybdis. Giacch 
parrebbe clic colle parole a .'>04 XdQv^dig vtcQQOifiEi il poeta abbia 
voluto spiegare a s ed agli uditori l'etimologia della parola, da cui 
sorge la ragione del mito. (li elementi reali perci, se in questa parte 
esistono, si sono staccati dal loro luogo di origine, e sono passati nel 
regno della fantasia, confondendosi con gli altri elementi immaginari, 
coi quali il popolo ed il poeta costruivano pezzo a pezzo il mondo 
ignoto visitato da Ulisse, senza sentire il bisogno di stabilire in quale 
dei quattro punti cardinali questo mondo dovesse esser collocato. 

D'altra parte, la negazione di ogni realt del paesaggio omerico 
stata portata sino a supporre che anche i Hikeloi menzionati in 
v 383, ove uno dei proci d a Telemaco il consiglio di buttar Ulisse 
e Teoclimeno in una nave e mandarli a vendere presso quel popolo, 
siano anch'essi una creazione della fantasia del poeta, e non abbiano 
alcun rapporto con i Siculi e la Sicilia della realt. La ragione di 
tale affermazione sta in ci. clic quest' isola sarebbe troppo lontana 
perch si possa credere ammissibile il consiglio di andarvi a vendere 
un paio di schiavi. I Sikeloi sarebbero perci un popolo che il poeta 
immaginava come esistente non lontano da Itaca, e poich ivi nulla 
esiste da poter tentare un' identificazione , bisogna supporre che il 
poeta abbia giocato di fantasia '. Con ci si viene ad escludere che 
un poeta possa, da poeta, aver immaginato un fatto o messo in bocca 
ai suoi personaggi un consiglio, senza avere innanzi valutata rigorosa- 
mente la probabilit dell'uno e dell'altro; e pur constatando le inesat- 
tezze che esistono nell'Odissea in riguardo alla situazione del gruppo 
insulare medesimo che torma il legno di Ulisse 2 , si nega la possibilit 



1 V., ad es., llahn, d. geogr. Kenntn. dir alt. griech. Epicer, Th. Ili (1885) p. 3. 

2 In <p 345 sgg. esse suno manifestamente indicate come adiacenti alla costa 
dell'Elide. Cfr. Hahn o. e. 2 Th. (ISSI) p. 13, 



230 M. COLUMBA. PARTE I. 

che il cantore omerico abbia avuto notizia dei Siculi, senza sapere 
con precisione a che distanza si trovino da Itaca. la stessa critica 
per cui altri sosteneva che tutto quanto detto nei poemi omerici 
. corrispondeva alla realt. Se anche le ragioni di cotale affermazione 
fossero pi solide, resterebbe contro di essa il fatte strano ed inve- 
rosimile che il poeta abbia inventato di suo capo il nome di un po- 
polo, che non spiegabile con nessuna ragione etimologica, e viceversa, 
pei* un caso meraviglioso, coincide con il nome di un popolo in realt 
esistente, sia pure a qualche distanza da quello da lui immaginato. 
Cos che la negazione di cui ci occupiamo, ha trovati scarsi ade- 
renti, anche tra coloro che dalla parte di occidente limitano alle isole 
ioniche l'orizzonte geografico dell'Odissea \ 

Se non si pu dubitare, perci , che questo luogo dell'Odissea 
accenna ai Siculi , rimane a cercare come e quando siano sorte le 
altre identificazioni che troviamo gi stabilite nel V secolo tra le varie 
localit omeriche e questa isola. 

Il greco che sentiva l'antica narrazione del ritorno d'Ulisse, po- 
teva seguire la nave dell'eroe sino al Mala ed a Citer , ma da quel 
punto egli era trasportato in paesi sconosciuti. Da quest'isola, o, se 
si vuole, dal paese dei Lotofagi, si perde ogni traccia della direzione 
seguita dalla nave di Ulisse; impossibile determinare ove fossero il 
paese dei Ciclopi, dei Lestrigoni, l'isola di Circe 2 . Il complesso della 
narrazione mostrava soltanto che l'eroe si era perduto di l dal Malea, 
in un mare ignoto, sebbene altronde qualche accenno richiamasse al- 
l'oriente (/i 3-4), alla Propontide {% 108 etc.) ed all'Egeo (cfr. p. 438 sg.). 
Quando la Telemachia fu posta accanto ai viaggi di Ulisse, questi ri- 
masero di necessit limitati verso l'occidente, giacile i viaggi di Me- 
nelao, nel bacino orientale del Mediterraneo, si svolgevano su di un 
teatro lontano e diverso da quello dell'Itacense. 

superfluo, del resto, osservare che le identificazioni che troviamo 
gi stabilite al V secolo non sono adattabili alla narrazione omerica. 



1 Cos, ad es. il Seeck, die Quellen der Odyssce p. 299; 320; 330. 

2 Ulisse tenta di girare il Malea, ma sviato all'altezza di Citer dai venti 
di tramontana (t 80 sg.) ; indi trasportato per nove giorni loolg vs^toi6iv (t 83); 
gli antichi, e cosi in buona parte i moderni , hanno inteso queste due ultime parole 
nel senso ch'esse designino sempre lo stesso vento di tramontana che ha impedito 
ad Ulisse di girare il Malea ; onde il paese dei Lotofagi stato posto a sud (o a 
sud-ovest) sulle coste d'Africa. Le avventure di Ulisse presso i Lotofagi, i Ciclopi, 
nell'isola di Eolo e presso i Lestrigoni sou cucite fra di loro da uno stesso verso 
(t 105; 565; x 77 [cfr. i 62]), che nell'ultimo luogo ampliato con un'indicazione 



PARTE I. SIKELIKA. 231 

Una volta identificata V isola di Eolo con una del gruppo di Lipari, 
Ulisse dovrebbe passare tra Scilla e Cariddi al momento in cui, 
scortato da Zefiro, muove alla volta di Itaca, o quando dal paese dei 
Ciclopi va all' isola Eolia , e da questa al paese dei Lestrigoni ; in- 
vece, egli passa per lo stretto pericoloso, quando dall' isola di Circe 
muove alla volta della Thrinakia, cio quando nessuna ragione poteva 
obbligarlo, da qualunque parte egli venisse, a traversare lo Stretto di 
Messina per toccare la costa di Sicilia. La tradizione che poneva gli 
armenti di lielios presso Mylai sarebbe per tal rispetto assurda. Pari- 
menti, inammissibile cbe Ulisse abbia dovuto navigare sei giorni e sei 
notti per giungere dalle Liparee alla costa orientale della Sicilia, tra 
l'Etna e Siracusa, ov'erano i Lestrigoni : giacch certo nessuno pensava 
che l'eroe vi fosse venuto da ponente, facendo il giro dell'isola. Ci prova, 
io credo, che nella identificazione delle localit omeriche non si teneva 
conto della direzione generale dei viaggi, o dall'itinerario dell'eroe, 
ma solo di elementi speciali , considerati nel loro pi stretto nesso to- 
pografico. E uno di questi elementi, quello che forma, a mio parere, 
il punto di partenza delle altre identificazioni, la Cariddi. Ne nel- 
l'Euripo Euboico, u nel Bosforo, u in altro punto dei mari noti ai 
greci, questi potevano trovare in natura un fenomeno pi costante e 
pi vicino alla grandiosit di quello descrittoci da Omero, che nello 
Stretto di Messina. Lo scoglio di Scilla non aveva nessuna caratteri- 
stica che lo rendesse altrettanto notevole : Scilla fu posta l come 
conseguenza della localizzazione di Cariddi al punto pi angusto dello 
Stretto di Messina i . Rimanevano a cercare le Planktai, che stanno 
immediatamente innanzi a Scilla e ('ariddi. 

I pericoli per cui dovr passare Ulisse , da Aiaie alla Thrinakia, 
son descritti nell'Odissea due volte : la prima nelle istruzioni che al- 
l'' eroe d Circe (fi 36-141), la seconda nella narrazione medesima del 
viaggio (vv. 1GG-259). Ma il poeta non si ripete: nella prima parte Ulisse 
apprende ci che non gli sarebbe stato possibile di percepire coi sensi: 
quel che pu vedere o udire, vien riserbato alla seconda. Ulisse non 
riusc a scorgere Scilla (u 292), u avrebbe saputo com'era fatta, se non 
glielo avesse detto innanzi la dea. Le Planktai son nominate e descritte 
da quest'ultima (/a 59-72); ma nella narrazione del viaggio, viceversa, 
si vedono tanto meno, quanto pi si guarda con attenzione il testo 
del poeta. Appena perduta di vista 1' isola delle Sirene . y.uxvv xccl 
[lya xv[icc dov dice Ulisse y.a Sovxov ccAOvda (202). Ecco le 



1 Giustamente osserva Seneca, ep. 79, 1: Scyllam saxum esse et quidam non ter- 
ribile navigantibus ottime scio. 



232 M. COLUMBA. 



Planktai ! osservano i commentatori antichi al pari dei moderni l . 
E in effetto , o esse sono accennate qui , in questo solo verso , <> il 
poeta le ha dimenticate, nonostante che Circe le abbia descritte cos a 
lungo. E si pu con ragione dubitare che il poeta accenni alle Planktai. 
Ulisse incoraggia i suoi, e fa due raccomandazioni al timoniere : di 
dirigersi al largo dal xtaivg e dal nv^ia, e di tener (rocchio lo scoglio 
per non investirlo (211) sgg.). Il y.a%vg ed il v.v\ia sono perci da una 
parte, lo scoglio dall' altra. Qual questo scoglio " Quello di Scilla, a 
quanto sembra; ed in vero , Ulisse dice immediatamente dopo (223) 
che egli tacque il nome di Scilla per non sgomentare la sua ciurma. 
Il xccjivg, il %v{ia, il ovxog son dunque dalla parte di Cariddi : infatti, 
quando questa vomitava, l'acqua ribolliva tutta (il xv(iu), e gii spruzzi 
giungevano alla sommit degli scogli (il xaTtvg); quando poi riassorbiva, 
la rupe rimbombava spaventosamente tutt'intorno (il ovTtog); vv. 237 
sgg. Le Planktai cos svaniscono : la lezione xojtlcov invece di 6xo- 
Tclov che dopo il Wolf alcuni hanno adottata, non riuscirebbe neppur 
essa a farle trovare, e non strano che ci sia chi interpreti questo 
luogo nel senso che Ulisse non sia passato dalle Planktai. 

Tale interpretazione altronde legata al valore che bisogna dare 
alle due vie di cui Circe fa menzione ad Ulisse. Dopo aver parlato 
delle Sirene, essa dichiara che non dir stzsltcc duivszcog quale delle 
due vie (jt7totQ]... g) questi dovr percorrere : lo esorta a pensarci 
su; essa parler ^cpotsQadsv (57-58). Quindi descrive le Planktai, Scilla 
e Cariddi. Le due vie son quella delle Planktai da una parte, e quella 
di Seilla-Cariddi dall'altra '! cos si potrebbe credere dall' tvftev [iv 
con cui comincia la descrizione delle Planktai; ma chi interpreta cos, 
altronde obbligato ad ammettere che il contrapposto poco evidente al 
principio della descrizione di Scilla e Cariddi, v. 73. coi versi 108-110 
che Circe d il consiglio che al primo momento aveva differito \ Ulisse 
passer tra Scilla e Cariddi, ittter geminae confinici mortis : s'egli ap- 
pressa a Scilla, va incontro alla perdita di sei compagni; se piega dal 
lato di Cariddi , il disastro inevitabile; neppur il dio del mare lo 



1 Cfr. Schol. BQ. ix rfjg 6vyKQ0v6sag ned itccQccTQiipsag x&v TJX ce yv.r wv. 

2 La dichiarazione di Circe, (i 56 h'frcc roi ovnr' iciteixa dirjvsxcog yogevoa 
e sgg. necessaria, servendo a spiegare perch la dea si fermi a dare ad Ulisse 
un'ampia descrizione dei vari pericoli , anzich limitarsi ad indicare la via da se- 
guire. Tale dichiarazione sarehbe immediatamente violata, se ella dicesse ad Ulisse 
quel che le fanno dire i versi brutti e in parte oscuri 81-84, i quali si accordano 
male coi vv. 108-110. Sembra che essi siano il prodotto di due interpolazioni suc- 
cessive, le quali sono denunziate dal vr\a %aq ylacpVQjjv del v. 82 e dall'ex viqg 
yloxpvQfs del verso seguente. Ili origine al v. 80 seguiva, come io giudico, F85, 



SIKELIKA. 233 



pu salvare. Circe consiglia perci ad Ulisse di seguir la prima via, ra- 
sentare, cio, Scilla (atCQS&lav 108) : meglio perder sei compagni che 
perderli tutti ! . quello che Ulisse, come abbiamo veduto, ordina 
al timoniere, ed il timoniere eseguisce : egli perde sei compagni, ma 
si salva col resto dell'equipaggio. 

Le Planktai dunque rimangono estranee alle due vie annunziate 
da Circe. Essa ha detto che nessuna nave uscita salva da quelle, 
eccettuata la Argo, che godeva della protezione speciale di Ilera : ep- 
pure, non ha indicato il modo di evitarle o di superarle , u Ulisse 
ha pensato a domandarlo. Tutto ci dimostra, se io inni erro, che la 
descrizione delle Planktai non appartiene al discorso originario di 
Circe, ma vi stata inserita dopo; ne necessario supporre che il 
principio del verso 73 sia stato ritoccato in seguito a tale inserzione '. 

Queste Planktai , a fianco delle (piali sarebbe passata Argo re- 
duce da Aietes, sono identiche alle Kyaneai che troviamo poi localiz- 
zate nel Bosforo. Ogni dubbio su questo riguardo escluso. Le Kyaneai 
venivano genericamente designate come scogli erranti (planktai) ~; 
esse ricevono nella letteratura le designazioni specifiche di tft'j'^ouor 
o vvoQ^idag, pi tardi, sembra, quella di viixirjyddes ! . Ma l'unit 
di origine delle Kyaneai e delle Planktai non sfuggiva tra gli antichi 



1 In questa descrizione vi hanno frasi e versi presi a prestito in maniera poco 
abile. Il v. 59 7ttQui tnt^ecpteg tolto da v. 131 ytrQscfug... ntrgug. Ma in questo 
luogo 1' t7t]Q(f}g si comprende perfettamente : Ulisse, in fatti, si allontanato da 
un porto profondo, a bocca angusta, chiuso da alte rupi (x 87-90), in modo da poter 
essere paragonato ad una spelonca. Ma un tale epiteto fuor di proposito nella de- 
scrizione che Cuce fa delle Plauktai. Anche il v. til sembra un' imitazione poco op 
portuna di x 305 : qui si tratta di un' erba che Ulisse non conosceva , e quindi 
non poteva chiamarla se nou col nome che aveva sentito pronunziare al dio. Kel- 
1*11. A 103 la doppia nomenclatura giustificata dal fatto che un mortale parla 
ad una dea; ed anche negli altri casi, il poeta vuole spiegare certe diploniinie at- 
tribuendo ad uno dei due vocaboli un'origine divina. Il Xlg TtttQi] del v. (54 forse 
nato sotto 1' intlueuza del v. 79 , luogo in cui tale espressione opportuna pi 
che altrove, poich spiega come la Scilla Tcergah] sia al sicuro da ogni offesa da 
parte di chi volesse assalirla dallo scoglio sotto cui essa vive. I versi 445-G erano 
gi, e con piena ragione, segnati di atetesi dagli antichi. Il poeta accompagnava, 
o meglio , riconduceva Ulisse di nuovo alla Cariddi : non era necessario di farlo 
trovare di nuovo anche innanzi alle Planktai, se non era stata tirata in scena nep- 
pure Scilla. 

2 Erodoto IV 84 ini tug Kvuvccg xcdsvuvccg, rag zqteqov TcXayxrg ~'EXXt]vg 
(fuOi {irai. Cfr. ancora Arriano ]'er. Poni, h'u.r. 37 livrea ed Kvvsui eloiv ug Xtyovciv 
oi Ttoir^al TcXccyxrg nXcci sivcci. Cfr. Plinio n. h. XI 13, 32. 

3 V. Pind. Pyth, W 210 sg. (370 sg.) ; Simon, fr. 22 (Scbul. Eur. lied. 2): 
Symplegades appare, se non erro, la prima volta in Euripide, Mal. 2, 1203. 



234 M. COLUMBA. PARTE I. 



neppure ai critici meno perspicaci l . L'isola Aiaie, dove abitava Circe, 
l'Aia, abitata dal fratello di lei, Aietes. Se Argo %uq' Ah'\xao Jtlova 
era passata presso alle petrai Kyaneai-planktai, doveva passar presso a 
quelle anche la nave di Ulisse, che tornava dalla stessa terra. L'interpo- 
lazione delle Planktai nel testo omerico si spiega quindi facilmente, tanto 
pi che l'enumerazione che Ulisse fa dei pericoli superati, v. 200 sg. 
S7id Ttryctg (pvyo^isv deivYjv te, XccQvfidiv | 2Jxvllijv te, dava adito a 
pensare che le petrai , anzich essere gli scogli medesimi di Scilla e 
Cariddi (cfr. 79; 231; 233; 241; 255), dovessero essere qualche cosa 
di diverso da queste due: e altronde il testo omerico lasciava credere, 
come s' veduto, che Ulisse, prima di Scilla e Cariddi, si fosse trovato 
innanzi ad un altro pericolo, il quale doveva essere appunto quello co- 
stituito dalle petrai. E si noti che la descrizione delle Planktai stata 
collocata per intero nel discorso di Circe : ci prova che 1' esistenza 
di questi scogli si riguardava come sufficientemente documentata dal 
verso 202 nella narrazione del viaggio di Ulisse, e solo faceva specie 
di non trovarne alcun cenno tra gli ammonimenti dati in precedenza 
dalla dea. C era l dunque una lacinia che il poeta volle colmare. 

Fin (pii si pu pensare che questa interpolazione abbia tratta la 
sua ragione di essere dal solo testo omerico. Ma nella, descrizione delle 
Planktai vi ha, coni' noto, un tocco estraneo del tutto alla tradizione 
relativa alle Kyaneai : esso sta nella frase v. 08 jivgg % loio f-vllai, 
colla piale i commentatori hanno messo a confronto il xaxvg di v. 202 
e 219. Tra gli scoliasti alcuni intendono questo" xaitvg nel senso di 
nuvola di spruzzi , altri invece interpretano in senso proprio , come 
fumo, osservando che Omero parla sixTcog di questo, perch di giorno 
il fuoco non era visibile 2 . Quest'ultima interpretazione la pi. antica 
che noi conosciamo : quella data da Timeo e da Apollonio Rodio, IV 
922-27 il quale ha ampliato il motivo omerico colla descrizione di fe- 
nomeni vulcanici. Ora, nulla di simile a noi noto delle Kyaneai; e 
se non abbiamo tutto il materiale desiderabile per tale verifica, pos- 
siamo mettercene il cuore in pace, poich neppure Timeo aveva no- 
tizia di un tal fatto, e ci lo convinceva che le Planktai non erano 
le Kyaneai del Bosforo, e quindi gli Argonauti non erano andati e 
tornati per la stessa via 3 . 



1 Strab. Ili 2 , 149' : rat? Sh Kvccvoug nolr]6 (Omero) itaqaTtl]6(as vecg 
niayKtdg, xr. Cfr. I 2, 21<\ 

2 Schol. BQ. ad v. Scliol. V ibd. 

3 Thanm. ak. 105. Questa narrazione stata rivendicata a Timeo dal Geffcken, 
Timaios' Gcogr. des Western 1892, p. 131. Cfr. Schol. Apoll. IV 786. La localizza- 
zione data dai due escerptori con poca precisione. Pisistrato Lipareo secondo 



PARTE I. SIKELIKA. 235 

Questo accenno a fenomeni vulcanici che 1' interpolatore ha messo 
nella sua descrizione delle Planktai v. 68 , presuppone 1' interpre- 
tazione del y.uTtvg di 202 nel senso proprio di fumo, e non si spiega 
se non si ammette che la Cariddi t'osse gi localizzata nello Stretto 
di Messina. Qui la natura dei luoghi completava la suggestione del 
testo omerico , rievocando le planktai , le quali riflettono l' illusione 
ottica di chi navighi per le acque di uno stretto di qualche estensione. 
La descrizione che Giustino fa di questa illusione sullo Stretto di Mes- 
sina un po' intenzionalmente adattata alla tradizione delle Symple- 
gades, ma ha molto di vero l . Nessun lettore spregiudicato, poteva 
vedere nel xanvg e nel dovTCog del verso 202 altro che l'effetto del 
battere dell'onda sugli scogli : ma sullo Stretto di Messina, al cospetto 
dell'attivit vulcanica Ielle isole di Lipari, la quale sino al I sec. a. Cr. 
fu ben altrimenti poderosa che non adesso z , queste parole assumevano 
un significato diverso; esse passavano dalla figura retorica alla realt. 
I due fenomeni si univano a formare un fantasma unico : le planlctai 
fumanti. Queste interpretazioni dovute a ragioni locali son necessarie 
a presupporre, perch sia possibile <li spiegare come e perch nell'in- 
serire la descrizione delle Planktai di Argo il poeta omerico abbia 
aggiunte a queste il tocco delle procelle di fuoco , ampliando il mo- 
tivo del xuxvg del v. 202, interpretato cos, come solo sullo Stretto 
di Messina era possibile interpretarlo. Si comprende che, una volta 
passata nel testo omerico questa interpolazione, l'interpretazione alle- 
gorica del xcatvg abbia perduto terreno. Tuttavia essa cos natu- 
rale, che non fu mai abbandonata del tutto. 

Le Planktai si confusero perci con le isole di Lipari: questa iden- 
tificazione e ben nota ad Apollonio che fa manifesta allusione a f /f^ 
'HcpccCtirov o (-)oub()6a (v. 027 'HcpaCtov d'SQujv... vt^v; cfr. II 42 
in' t oio TtXccyxtfig). Senonch, in grazia all'autorit di Omero, il nome 
Planktai rimase come proprio delle Kyaneai presso Scilla e Cariddi, e 
non venne adoperato nella letteratura come designazione speciale delle 
Kyaneai del Bosforo; in pari modo, poich Omero faceva passare Argo 
per le Planktai. diversificate gi dalle Kyaneai, la leggenda di Argo si 



ogni probabilit era citato da Timeo difficile supporre il contrario ed appar- 
tiene perci al IV sec. a. Cr. La fiamma di cui Val. Fiacco, Arg. IV 6f>0 non 
ha che fare con fenomeni vulcanici; essa soltanto un effetto della collisione. 

1 Cfr. Giust. IV 1, 18 (dello Stretto di Messina) : coeuntibus in se promitntnriis 
ac rarsas dincedentibus solida intercidi abnumiqne narigia... discederc ac seiungi pro- 
munturia quae ante i un et fuerint arbitrere. Cfr. GenVken, o. e. p. 122. Del resto, fra 
i poeti romani le Planktai son descritte coi caratteri della Symplegades. 

2 Oros. IV 20, Liv. XXI ti); 51; Strab. VI 2, 27;' (Polib.) 277'' (l'osi, 1.). 



236 M. COLUMBA. PARTE a l. 

amplific, e Giasone pass egualmente per le Kyaneai del Bosforo e le 
Planktai dello Stretto l . 

La descrizione Ielle Planktai naturalmente anteriore al verso 
i\) ;^17-_<S in parte calcati sul verso fi 2(50 sg. Noi dobbiamo tornare 
un momento ai versi v 383 sg. dei (piali abbiamo parlato (cfr. p. 230sg.). 
11 consiglio che uno dei proci d a Telemaco di andare a vendere i 
due ospiti molesti presso i Siculi, modellato sulla minaccia di Antinoo 
ad Iros 6 84 sg. da confrontare con quella fatta dallo stesso ad Ulisse 
qp 307 sgg. Nell'uno e nell'altro caso Antinoo dichiara di voler but- 
tare l'importuno in una nave, e mandarlo g"Extov fia(5iX]u. 11 poeta 
di v 383 sg. che aveva in mente la formula di questa minaccia, e la 
copiava, ha fatto per una modificazione: alle parole sig 'E%etov Ti^a- 
li8v che dovevano naturalmente venirgli in bocca, egli ha voluto sosti- 
tuire g ZJixelovg Tt^co^isv. Abbiamo qui la prova che il poeta aveva 
il proposito cosciente di tirare i Siculi entro il campo d' azione del- 
l'Odissea. Lo stesso va detto della 2Jucelri che troviamo menzionata ai 
servizi di Laerte (co 211, 3(><>, 389) e che in a 191 soltanto mia vec- 
chia serva. 

Ma col sostituire i Sikeloi ad Echetos, il poeta omerico ha osser- 
vato in pari tempo come sia poco plausibile il consiglio di intraprendere 
un viaggio per castigare un importuno, che pur si aveva fra le mani, 
o per offrire ad un barbablen il gusto di eseguire una mutilazione. Un 
viaggio, e un viaggio per mare in ispecie, non s' intraprendeva per 
un capriccio siffatto : onde il nuovo poeta ha cercato 1' adattamento 
pi verosimile dell'antica minaccia, ed ha sostituito alle improficue 
sevizie il concetto pi pratico di una operazione commerciale: odsv % 
tot, a\,iov aXcpoiv. La sede pi opportuna- per tale mercato stata da 
lui cercata fra i Siculi anzich, com'era da attendersi, in altra piazza 
della Grecia, dove i prezzi degli schiavi non dovevano essere meno alti. 
Egli pensava senza dubbio ai Sikeliotai , ma non poteva ammettere 
che i Greci fossero allora passati nell'isola; e altronde questa era per 
lui il campo di azione dell'Odissea, verso l'occidente \ 



1 L'aiuto di ITera , il particolare delie colombe accennato in Omero, si tro- 
vano ancora , in forma pi o meno diversificata , nella tradizione posteriore del 
passaggio di Argo per le Kyaneai del Bosforo. 

2 La leggenda, di cui ci dan testimonianza tardivi eruditi, che Echetos sia 
stato un re dei Siculi, sorta da una combinazione dei luoghi omerici qui esa- 
minati, giacch la maniera analoga in cui son formulate le due minacce di Antinoo 
e il consiglio dato a Telemaco iuduceva a credere che si trattasse sempre dello 
stesso luogo. Ma il nomo Bnchetos che sarebbe stato il padre di Echetos, prova, 
come stato gi veduto, che quest'ultimo in origine era localizzato in Tesprozia, 
e solo in seguito se ne fece un re dei Siculi. 



PARTE I. 



8IKKLIKA. 23? 



Quanto alla parola Sikanie co M)l essa esige una discussione pi 
lunga di quel che io possa consentirmi in questo articolo. Quel che sin 
qui si detto, sufficiente a dimostrare, io credo, che l'Odissea, come 
adesso l'abbiamo, porta le tracce della mano di un poeta il quale ha 
tenuto a mettere la Sicilia in rapporto coi viaggi di Ulisse , ed ha 
introdotto nel u la descrizione del Planktai seguendo interpretazioni 
e localizzazioni dell'antica Odissea che dovevano esser proprie dei 
Greci di Sicilia, e specialmente delle colonie calcidiche dello Stretto. 
Esso uno degli ultimi poeti della Odissea, perocch alcuni di questi 
accenni mostrano una fase tardiva del mito; la menzione dei Siculi fa 
parte dell'episodio di Teoclimeno, ne si pu escludere che la descri- 
zione delle Planktai in fi sia della stessa mano a cui appartiene il 
cenno f 327, il quale si lega a (incile ultime parti dell'Odissea, che gi 
gli antichi escludevano dal poema, ed al pi pu esser nato insieme 
con esse. Ammettere l'esistenza di un tale omeride nel VI sec. a. Or. 
non dovrebbe parere strano, anche se noi non avessimo altronde notizia 
di omeridi venuti in quel secolo a rapsodia-re i poemi omerici in 
Sicilia l . 

L'identificazione delle Planktai con le isole di Lipari doveva tra- 
scinarne con se un'altra : quella di una delle Liparee con l'Eolia, Pisola 
TcXconj del tesoriere dei venti. Le due identificazioni erano tanto pi 
facili, in quanto le Planktai dovevano essere considerate come isole 
non meno che come scogli, al pari delle Kyaneai, le quali oltre che 
TttQai sono anche vifoncfr. Erodoto IV 85. Ora, un'isola Ttlar^j do- 
veva essere naturalmente anche un'isola Tayy.t}. Una traccia, breve 
ina eloquente, di questo processo, rimane nel mito (die d alla moglie di 
Eolo il nome di Kyane. Questo nome resta esotico, in mezzo all'amplifi- 
cazione del unto suddetto, la quale toglie i suoi elementi da nomi lo- 
cali, come Tirreno, Liparo, Ausono '; esso non spiegabile se non si 
ammette la piena coscienza dell'identit delle Kyaneai colle Planktai, se 



1 Ippostrato in Schol. Pinci. Xeni. II 1 (ofr. Miiller F.h.G. Ili 133 . K inve- 
rosimile elio Kynaithos sia sta tu il primo (!) a rapsodiare i poemi omerici a Si- 
racusa nella 69 a olimpiade , e die egli era stato a capo di una fiorente scuola di 
omeridi, i quali avrebbero portato un largo contributo alla formazione dei due poemi. 
Lo homeriJiOtato* Stesicoro basterebbe a metter fuori di questione la conoscenza dei 
poemi omerici in Sicilia al principio del VI sec. a. C. Il Welcker ha corretto il 
G9 a in 19 a e il Diintzer in 29 a . Tuttavia, escluso l'errore del primo , non avrebbe 
per me nulla d'inverosimile, che la recitazione di Kynaithos in Sicilia e il fiorire 
della sua scuola possano riportarsi al mezzo del VI secolo. K probabile che si tratti 
di un vero errore della fonte dello scoliaste, anzich di un errore meccanico di lettura. 

2 Cfr. Diod. V. 7; Schol. Aen. I 52. 



238 M. COLUMBA. PARTE I. 

non ci riportiamo, cio, ad una forma della tradizione che non conciliava 
ancora le due versioni della leggenda degli Argonauti lasciando le 
Kyaneai al Bosforo e le Planktai allo stretto di Messina. La identi- 
ficazione di una delle isole di Lipari con F isola di Eolo prevalse, e 
fin man mano con occupare tutte le planktai, che divennero isole di 
Eolo . Senonch il fumo, costante testimone dell' attivit vulcanica, 
port a fianco di Eolo un rivale, liephaistos, che s'impadron di una 
di esse e le diede il suo nome. 

Ma l'opera dell'omeride inteso a localizzare il paesaggio dell'O- 
dissea in Sicilia, non si , come io credo, arrestata ai luoghi sopra 
esaminati. Due sono le terre che nei viaggi di Ulisse risultano come 
situate in maniera determinata in occidente : l'isola di Eolo e l'isola 
di Calipso. Eolo chiude nell' otre il corso dei venti mugghianti , 
fivutaav v[i(ov {% 20) : dovremmo aspettarci quindi che siano lasciati 
fuori, genericamente, i venti buoni a navigare , quegli ovqol che scor- 
tano le navi pel vasto dorso del mare , noti anche alla Telemachia 
(d 360 sg.). invece, i versi 25-26 ci dicono clic il vento lasciato libero 
un solo 1 , e questo il Zefiro, che nel concetto dell'antico poeta ap- 
partiene appunto alla categoria dei venti mugghianti , ed rap- 
presentato come un vento pericoloso, temuto dai navigatori, indocile 
persino alla volont degli dei 2 . Solo una forte preoccupazione di sta- 
bilire la posizione di Eolo in occidente , preoccupazione estranea al- 
l'antico poeta, pu aver dettato quei due versi, che sono in conflitto 
colla maniera in cui egli concepiva il carattere e la funzione dei 
venti. L' antico mito conosce altre isole natanti oltre a quella di 
Eolo : sono le piotai , abitate dalle Arpie , la cui natura di demoni 
dei venti non ha bisogno di esser dimostrata. Forse anzi , coni' io 
credo , la vijog uoUij esisteva gi prima che sorgesse un Aiolos a 
spiegarne il nome. Ora cos le Arpie, che infliggono il supplizio della 
fame all'indovino trace Fineo, e sono perseguitate dai figli di Borea, 
il vento di Tracia, come i nomi affini ad Aiolos (Aiolion etc.) ci ri- 
conducono all' Egeo settentrionale ed alle coste della Tracia. Le piotai 
delle Arpie si trovavano in fatti nell'Egeo prima ch'esse, identificate 
<-on le Strofadi, passassero nel Mar Siculo; e colle altre Piotai doveva 
trovarsi originariamente nell'Egeo anche la Piote aiolie sede di Eolo. Si 



1 Ben diversamente s 383 (Athenaie) t&v aXXcav v^iav y,axk8r\6 xslsv&ovg 
(cfr. x 20) 385 oqGs 'n xgantvv Boqst}v. Il verso x 25 assuona a y 133. 

2 Cfr. Bnchbolz , hom. lieal. II 1 p. 24. Baster considerare come questo 
vento raffigurato in /x 408; 426; e 286-90. 



PARTE I. SIKKI.IKA. 239 

comprende perci quale ragione abbia potuto ispirare quei lue fersi 
intesi ad assicurar bene il posto dell'isola di Bolo in occidente l . 



1 Secondo s 271 sgg., Ulisse, partito dall'isola di Calipso, non chiude pi gli 
occhi al sonno, intento a fissar le Pleiadi e Boote, e, se si vuole, il carro e Orione 
(i vv. 273-75 sono derivati da E 478-489); e un viaggio cos fatto sarebbe durato 17 
giorni ed altrettante notti, poich al diciottesimo giorno l'eroe si trova a vista 
della terra dei Feaci (vv. 278-80). evidente, ed stato da lunga pezza notato, 
che questi due particolari non possono stare insieme, non possono derivare, cio, 
dallo stesso poeta : chi narrava che Ulisse non aveva preso sonno nella notte, non 
poteva altres supporre un viaggio cos lungo (Seeck, o. e. p. 184 [cfr. anche 
Doerpfeld, 1. e. p. 110]). Quali ragioni potevano indurre un omeride a rissar, senza 
necessit alcuna, una tale durata al viaggio di Ulisse? La ragione, anzi la ne- 
cessit, che non si trova nel testo medesimo del poema , potr trovarsi, io credo, 
fuori di esso, se si ammette che per questo poeta la Cariddi era localizzata nello 
Stretto di Messina e l'isola di Eolo era una delle Liparee. Una navigazione fatta 
senza chiuder occhio la notte, doveva esser pensata come relativamente breve, e 
questo appunto consigliava il poeta ad intervenire, per coordinare la narrazione alle 
sue vedute geografiche. Ulisse naviga vvfjtiaQ per raggiungere da Cariddi l'isola 
di Calipso (ft 447), ed vrijuaQ aveva navigato dall'isola di Eolo, quando si trov, 
al decimo giorno , a vista di Itaca (jc 28-29) ; la distanza dal paese dei Feaci a 
quest'isola breve, egli la percorse in una notte, in una sola tirata di sonno 
(v 35; 94-95). La distanza da Ogygia ad Itaca importava adunque 18 giorni e al- 
trettante notti di navigazione , onde Ulisse non poteva trovarsi in prossimit della 
terra dei Feaci se non al diciottesimo giorno; senza la tempesta, al mattino del giorno 
seguente si sarebbe trovato sulla costa di Itaca. Tale ipotesi , , a parer mio, 
avvalorata dai vv. s 276-77 che tengon dietro all'enumerazione delle stelle tenute 
d'occhio da Ulisse, per aggiungere che Calipso aveva raccomandato all'eroe di 
navigare sempre in modo da averle alla sinistra, e manifestano anch' essi la preoc- 
cupazione di stabilir bene il posto di Ogygia nel lontano occidente. Questi versi 
erano gi al loro posto, quando venne introdotta la narrazione di r\ 241-297 alla 
quale, naturalmente, doveva esser coordinata la tino della narrazione in a 450 sgg. 

Come si comprende , nessuno pu affermare che questi ritocchi siano opera di 
uno anzich di pi poeti, fautori della stessa concezione geografica dei viaggi di 
Ulisse. Si pu certo osservare che questo poeta o questi poeti han lasciate sussi- 
stere parecchie altre difficolt per la loro tesi, e non hanno eliminata una di esse 
senza creare un'enorme inverosimiglianza. Ma la risposta ovvia, ed io la trovo 
cos ben formulata da altri, che posso risparmiarmi la fatica di farlo io: il destino 
di ogni opera siffatta , messa in servizio di una tesi determinata, stato sempre 
questo, di non rimuovere una dillicolt senza lasciarne inavvertite altre pi grandi, 
e senza crearne qualche volta ancora di nuove. 

Palermo. 

Gaetano Mario Columba. 



ISCRIZIONE CRISTIANA DI CO/AISO. 



In quella parte dell' ex feudo Boscorotondo che vien chiamata 
Serracarcara, si accertata per casuali scoperte, l'esistenza di una 
necropoli greca , alcune tombe della quale , come da varii indizii si 
rileva, vuotate posteriormente, furono usate dai primi cristiani. 

Da una di queste tombe fu tratto verso il 1837 un lastrone di 
pietra arenaria, misurante m. 1,12 X 0,35 con uno spessore di cm. 18, 
portante incisa un' iscrizione che venne pubblicata dal DeSpucches 1 
il (piale vi lesse : Tuvyitii iqijx] e{Uo(3ev ri] li]. Cos fu riprodotta 
dal Kaibel IGS. n. 255. Lo Schubring 2 lesse invece Evqxi] iQipt 
picoev xr\ u. Ma in effetto la lapide dice : 



TAYPGOTTH 
XPHCTH 

ezHceeTH 

16 



XQrixi] 
eyrje sti] 



Questa iscrizione sembra , ad un dipresso , del III secolo dopo 
Cristo e presenta di notevole il nome della defunta , TavQTti] che, a 
quel che io so, non ricorre altrove. 



1 Bollettino della commissione d'antichit, I (1864) p. 13. 

2 In Camarina 'Philolog. XXXII) pag. 58 della trad. di A. Salinas (Arch. Stor. 
Sic., anno VI, n. 3 e 4). 

3 II resto della lapide in tempi a noi vicini fu ricoperto di tentativi di ri- 
copiare l'iscrizione stessa. Essa attaccata al muro esterno di una delle case rurali 
del luogo di propriet del Cav. Spadaro , ove stata sempre , contrariamente a 
quanto dicono e il De Spucches e lo Schubring. 

Palermo. 



Biagio Pace. 



PARTE SECONDA. 



16 



DI ALCUNE EPIGRAFI SEPOLCRALI ARABE 

TROVATE NELL' ITALIA MERIDIONALE. 



Nell'ottobre od ai primi di novembre del 1008, eseguendosi nel 
rione di Chiaia a Napoli alcuni scavi per la fognatura, furono dissot- 
terrate due lapidi sepolcrali arabe in via del Vasto, innanzi al giar- 
dino del Principe del Vasto. 11 prof. Michele Scherillo ebbe la cortesia 




Fi*. 17. 



d'inviarmi la piccola fotografia delle lapidi qui riprodotta, mediante 
la quale potei decifrare gl'alidissima parte Ielle iscrizioni. Poco dopo, 
un eccellente calco eseguito dal dr. (laido della Valle mi permise di 
compiere il deciframento '. Ai due gentilissimi informatori porgo qui 
vive grazie. 



1 La traduzione <i quanto avevo letto in ine riprese e comunicato volta 
per volta al prof. Scherillo, venne da lui stampata nel suo articolo: Un'iscrizione 
araba scavata in Xapoli (Napoli Nobilissima, voi. XIII. fase. IX, settembre 190-1, 
p. 130-131). 



244 C. A. NALLINO. PAKTE II. 



La lapido che nella fotografia appare collocata in piedi misura 
metri 1,02 per 0,30; spezzata in due, ma i due pezzi combaciano 
perfettamente. Lo scritto sormontato da una modanatura ad arco 
di t'erro di cavallo , simile a quelle che ricorrono in due lapidi sepol- 
crali del 474 dell'egira (11 giugno 1081-31 maggio 1082) riprodotte 
in fototipia dall'Amari l . la foggia, d'arco che, piuttosto rara presso 
gli Arabi d'Oriente , ha una parte importantissima noli' architettura 
arabica dell'Africa di Nord-Ovest e della Spagna '. La scrittura, 
scolpita in rilievo , conservata ottimamente , di un bel cufico non 
raro nell'epigrafia arabo-sicula del V e VI secolo dell' egira. Eccone 
la trascrizione in caratteri nash , aggiunti i punti diacritici che man- 
cano tutti nell'originale : 

M J.^ p-t^Jf (2) ^ji M ^.wo (i) 

$ jJU^ *! J* (4) 3 0^:5? ^jyJl Jx (3) 

^i'jjA.I (M>5j.j* l+jf^ (6) O^lf X&jfi ^N^fti (5) 

\x4- k^*> L*Jf i*j ( <s ) -^j rji juLaJf *jj (7) 

L\ j}jl\ cU/0 yi Li (10) ixJl sLJi L3 j'is jJii (9) 

3 (j^A^S. jjj J.3.J' (12) xsuU* ^(j/ 3 ^ OsjlaJf -x5 (li) 

(j***. JULw j r^' ^5 (14) iL^a. ^ 6^] _&*Jf (13) 

3 Alf >)[ *!f ^ J i\^Aj (16) ji^ Xjl^^f^ cX^^3 ( 15 ) 

^j.*.} sJ^aC <A*2>? (18) .fj al (iSo-i ^ 3l\:^ (17) 
\\Jf L ^f iLftifj &5^JIj (20) *! L^ ,5 LvaC M **.jS (19) 

1. In nome di Allah il clemente, 

2. il misericordioso. E sia propizio Allah 

3. al profeta Maometto e 



1 M. Amari, Le epigrafi arabiche di Sicilia trascritte, tradotte e illustrate: Parte 
seconda , Iscrizioni sepolcrali , Palermo 1879-81 , tavola I , ur. 4 , e tav. II tir. 2 
(= Documenti per servire alla storia di Sicilia pubblicati a cura delhi Societ 
Siciliana per la storia patria: Terza serie (epigrafa) voi. I, fase. 1-2). La stessa 
forma d'arco, ma costituita da una leggenda chiusa fra due modanature, ricorre 
in una lapide del 5 gumd II 524 (16 maggio 1130) ; ibid. tav. VI , nr. 4. 
Limito i raffronti alla colle/ione epigrafica dell'Amari, di cui questo mio scritte- 
rello pu considerarsi una piccola appendice. 

2 Cfr. W. et G. Marcais, Les monumenta arales de Tlemcen, Paris 1903, p. 61-65. 



PAIttE tt. 1>I ALCCXE EPIGRAFI SEPOLCttAlt AKAP.E. 245 

4. alla famiglia sua e fioro] accordi la saluto [eterna] l . Ogni 
r>. persona assagger la morte. 

6. Avrete esattamente i guiderdoni rostri soltanto 

7. il giorno della risurrezione; allora ehi verr scostato 

8. dal fuoco [eterno] e introdotto nel paradiso 

9. avr conseguito la felicit. Xon la vita ter- 

10. rena se non godimento d'inganno \ Questa 

11. la tomba del q'id Muiiriz ibn Halfah. 

12. Mor il giorno di gioved, nella 

13. ultima decade di gumd 

14. a secondo, nell'anno cinque 

15. e sessanta e quattrocento. Ed egli 

L6. attestava che non v' altro Dio che Allah u- 

17. nico, il quale non ha soci, e che 

1<S. Maometto il suo servo e il suo inviato. 

li). Abbia quindi Allah misericordia d' [ogni suo] fedele che 

legga [quesf epitafio] ed auguri a lui ;{ 
20. misericordia e perdono, se Allah vuole. 

Xel testo arabo ricorrono tre errori da porsi a carico del lapi- 
cida: il i^.: della 7 a linea, in luogo di _ i^.; ; il nominativo lN.,*^ 
invece dell'accusativo |l\+2>^ nella linea I8 a ; inline il -J in luogo 

di Ljj nella L9 a . 

Del personaggio qui nominato non trovo menzione altrove ; pure 
e la bellezza della lapide e il titolo di q'id sembrano attcstarci ch'egli 
dovette essere persona di qualche conto. Etimologicamente q'id si- 
gnifica colai che conduce, condottiero : e nell'ordinamento militare 
dei califfi 'abbsidi designava il comandante di cento uomini ' . ossia 



1 Traduco questa frase augurale, la piti frequente di tutte presso i Musul- 
mani, ed al Tempo stesso la piti discussa dai teologi per quel che riguarda il vero 
suo significato, attenendomi all'interpretazione pi diffusa. Veggasi in proposito 
I. Goldziher. Ueber die Eulogien der Muhammedaner (Zeitsch. d. deutsch. morgen- 
liind. Ges., L. 1896. p. 97-128). 

2 II corsivo tutto una citazione coranica (Cor. III. 182' frequente in iscri- 
zioni sepolcrali. 

3 Cio al defunto. Formula non rara; altri esempi in Amari p. 57. 69 (senza JjsJ, 
77, 88 e 91. 

4 Cfr. von Kremer, Cidturgeschichte da Orienta, voi. 1. p. 237, ed il glossario 
del de Goeje agli Annali d'at-Tabar, p. CDXXXV. Quale comandante di 1000 
uomini appare nell'esercito improvvisato dei Nudi, accozzaglia di vagabondi 
e di carcerati evasi che, nel 196 dell'egira (coni. 23 ctr. 811 , tentarono ia di- 
fesa di Bagdad contro l'assedio di Tallir ibn al -Uusavn (v. ai-Mas' Cidi , Frairics, 
YI, 452-453). 



246 C. A. NALLINO. PARTE II. 

il centurione della milizia romana, 1' txatovtaQXjg della bizantina. Ma 
presso gli Arabi d'Occidente la parola ebbe un significato assai pi 
vago; indic tanto il comandante di pochi uomini (pianto il generale 
d'un esercito, il governatore civile e militare d'una intera provincia 
come d'un piccolo villaggio o d'una trib , sino ad applicarsi sempli- 
cemente ai funzionari civili del re \ Cos in Sicilia , durante la si- 
gnoria normanna, il titolo di q'id (xait, x'Crog, xuirccg, xuir^g, xtjg, 
gaytus, gaitus, caitus dei diplomi greci e latini), pur designando talora 
un capitano di milizie , appare spesso come mero titolo onorifico e 
fors' anche come titolo di nobilt 2 . 

Sulla data non pu cader dubbio; nell'ultima decade di guind II 
del 405 non abbiamo altro gioved che quello cadente il 24 del mese, 
cio il 7 Marzo 1073 d. Or. Sulle ragioni per cui talora vediamo no 
tati nelle epigrafi il giorno della settimana e la decade del mese, ra- 
gioni provenienti dall'incertezza nel contare il primo giorno del mese 
binare, gi s'intrattenne l'Amari, Iscrizioni sepolcrali p. 68; aggiungo 
qui elie tale indicazione di decade , ma onimesso il giorno della setti- 
mana, si ha in diplomi arabi presso Cusa, I diplomi greci ed arabi di 
Sicilia, p. 42, 408, 501. Ben pi strane sono le date che appaiono 
in due atti notarili per costituzione di doni nuziali, rogati a Calatayud 
in Ispagna e casualmente citati dal Sanvaire 3 : uno della donie- 
nica 27 luglio corrispondente alla prima decade della lima di ra- 
madn dell'anno 028 (cio 27 luglio 1522 = .'5 ramadn 028), l'altro 
del venerd 1 1 novembre corrispondente alla decade media della 
luna di muliarram dell'anno 931 (cio 11 nov. 1524= 14 muhar- 
ram 031). Questa divisione del mese in tre decadi appare non solo 
in sottoscrizioni di manoscritti, ma anche l dove meno ce l'attende- 
remmo. Nei suoi Fh.su.s al-MJcam il famoso mistico [bn 'Arabi ci dice 
d'aver avuto nell'ultima decade d' al-muharram dell'anno 027 eg. 
la visione che lo spinse a comporre il libro '; e il geografo al-Edrsi 



1 Alcuni utili acceuni in proposito veggansi presso Dozy, Supplmenl aux dict. 
arabes II, 417, e J. Ri ber a, Origene-? del justicia de Aragn, Zaragoza 1897, p. 47-49. 
Sull'uso attuale del vocabolo al Marocco , in Algeria ed in Tunisia non e' che 
da sfogliare la copiosa letteratura geografica su quelle regioni. 

2 La storia delle vicende subite dalla voce q'id in Sicilia ancora da scri- 
versi; un pregevolissimo abbozzo ne diede tuttavia l'Amari, Storia dei Musulmani, 
III, 260-266. 

3 Matriaux pour servir V hisi. de la numismatique et de la metrologie musiil- 
mancs (in Journal Jsiatiquc, VII srie, t. 19, 1882, p. 323-324). 

4 Fuss (col commento d'al-Qsul ed estratti da quello di Bli Kfeud), 
Cairo 1321 eg., p. 6. 



PARTE II. DI ALCUNE EPIGRAFI SEPOLCRALI ARABE. 24? 

(ed. Amari e Schiaparelli , p. G del testo , 8 vers.) e' informa che il 
titolo dell' opera sua venne stabilito dal re Ruggero nella prima 
decade di gennaio . Notisi 1' uso di gumd al maschile. In iscri- 
zioni del 440 e 404 eg. (Amari p. 22 e 27) lo troviamo ancora 
trattato regolarmente al femminile ; invece nelle iscrizioni del 524 

e 531 (Amari p. 74 e 77) si ha -^f ^jr^U.^. , e nel 030 (Amari 
p. 133) addirittura J^! l+.s. , come negli odierni dialetti d'Egitto 

e di Siria l . Del resto il Corpus del Van Berchem prova come l'uso 
di gumd al maschile sia un fatto quasi costante nell' epigrafia arabo- 
egiziana. 

L'altra iscrizione, pure in rilievo, trovasi sopra una stela simile 
a cornice, del tipo di quelle descritte dall'Amari p. 0, che cio for- 
mavano una specie d' architrave situata orizzontalmente al di sopra 
della tomba nel senso della lunghezza, e sostenuta dalle due pietre 
verticali che segnano le due estremit del sepolcro. I due pezzi rin- 
venuti, e che nell' incisione figurano accanto alla lapide or ora illu- 
strata, combinano fra loro esattamente ; manca tuttavia un terzo pezzo 
che completerebbe l'iscrizione. Questa, in caratteri cufici alquanto sot- 
tili ed allungati, corre su due linee comincianti in una delle due facce 
laterali della stela e continuanti in senso contrario sull'altra faccia. 
Risultano quindi incompleti il principio delle due righe nel recto e 
la fine delle medesime nel verso. Ecco quanto rimane dell'iscrizione, 
che trascrivo aggiungendo i punti diacritici : 

Recto : -^ U^. dSofi q+ .^ (1) 

LioJf slo^f 1*3 ; (2) 

2 [*aJLk] J^ 3 Ifcjfj >*Jf *M jtjll Ux> ^f 

Verso : ^ s^f M b*j & (*^[$ LSwJf ^-Xk6 (3) 
J| AjyC pii |vX$ f 

j> JsS *lJf y 



1 La stessa cosa nel 'Oman e Zanzibar (Reinhardt, Ein arabiacher Diaekt ecc., 
p. 86) ed al Marocco (Donibay p. 75: Lerchundi, Voeabulario, p. 253). 

2 Illeggibile nell'iscrizione, essendo logori i segni. 



248 e. a. kallino. partk ii. 

Traduco ponendo fra i segni < > le restituzioni sicure : 

1. < In nome di Allah il clemente, il misericordioso. E sia propizio 

Allah al profeta Maometto e alla famiglia sua e [loro] accordi 
la salute [eterna]. Benedetto Colui che, se vuole, t'accorder > cose 
migliori di ci: giardini sotto i quali scorrono fi toni , e V accor- 
der palagi i . Ogni persona 

2. < assagger a morte. Avrete esattamente i guiderdoni vostri sol- 

tanto il giorno della risurrezione ; allora chi verr scostato dal 

fuoco [eterno] e introdotto nel paradiso avr conseguito la f eli > cita. 

Xon la vita terrena se non un godimento d'inganno 2 . Ad Allah 

la gloria e la durata in eterno; sulle sue creature 
'A. tu scritta 3 la caducit. E per voi nell'inviato d'Allah esempio 

e conforto 4 . Questa la tomba di c Abd al ' 

< Mor il dell'anno cen > 

4. to. Ed egli attestava che non v' altro Dio che Allah, e che 

Maometto l'inviato d'Allah. D: essale un annunzio grave, dal 

quale rifuggite > 

Come nella iscrizione precedente, cos anche in questa il lapicida 
si lasci sfuggire due errori grammaticali , cio il _a. della prima 

linea ed il uN.^5^/0 della quarta, in luogo di f r >> e di IcX^^^. 

La stessa prima riga, col suo (S*-^* Li. in luogo di e; -^ Li, , 

ci offre un bell'esempio di quella che i paleografi chiamano involutio 7 , 
e che ben rappresentata nell'epigrafe araba di Salaparuta , ove il 
Lagumina, col suo abituale acume paleografico, ben riconobbe che il 

gruppo tX+^V/O ^ ^xi. andava letto lX.*:A/0 v>Jj ^^j; 8 . 



1 Corano XXV , 11 ; altri esempi dell' uso di questo versetto presso Amari 
p. 59 e 74. 

2 Corano III, 182; cfr. l'altra epigrafe. 

3 Cio decretata da Dio; siili' origine di questa espressione vedasi Goklziher 
nella ZDMG., LVII, 1903, 396-397. 

4 Su questa frase e sulla precedente cfr. Amari p. 10. 

5 Dal calco si rileva soltanto che la consonante seguente non pu essere la 
seconda l di Allah. 

6 Corano XXXVIII, 67-GS; frase comunissima negli epitaf (Amari p. 9). 

7 J. Karabacek, Die Involutio ini arabischen Schriftwesen (Si'tzungsber. d. k. Ak. 
der Wissenschaften zn Wien, philos.-bistor. Classe, 13d. CXXXV, nr. V, 1896). 

8 B. Lagumina, Iscrizione araba di Salaparuta (Archivio storico Siciliano, Nuova 
Serie, voi. XI, 1886, p. 116-147). 



PARTE II. DI AtCt'N'R EPIGRAFI SEPOLCRALI ARABE. 249 

Come trovavans quelle due lapidi nel sottosuolo di Napoli ? Le 
ossa umane che gli operai addetti allo scavo trovarono accanto a quei 
pezzi di marmo , sembrano escludere il dubbio che quelle pietre se- 
polcrali fossero arrivate col per mero caso. La presenza di sepolture 
musulmane del XI secolo a Napoli assai meno strana di quanto 
possa sembrare a prima giunta ; basti a convincersene quel che scrisse 
l'Amari, Iscriz. sepolcrali, p. 15-17, intorno ai rapporti della repub- 
blica di Napoli, di Amalfi e di Salerno coi Musulmani d'Africa e di 
Sicilia. Senza contare tre epigrafi degli anni 440, 407, .">24 eg. che si 
trovano nel Museo Nazionale di Napoli, ma di cui incerta la pro- 
venienza, noi abbiamo gi l'esempio d'una lapide sepolcrale del 417 eg. 
(coni. 22 febbr. 1026) rinvenuta a Napoli, e di due del 411 (1021) e 
47.J (1081) che uscirono alla luce in Pozzuoli l . Notevole poi la data 
della morte di quel q'id Muhriz ibn Halfah , 7 marzo 107.*$. Nel 
gennaio 1072, dopo cinque mesi d'assedio, il eonte Ruggero aveva 
espugnata Palermo 2 , e sostituitavi la signoria normanna alla domi- 
nazione araba; vien quindi naturale di chiedersi se nell'estinto di Na- 
poli non dobbiamo vedere un profugo siciliano. 



Mi si consenta di proporre qui alcune modificazioni alla versione 
che di due graziosi epitafi ebbe a dare l'insigne illustratore delle epi- 
grafi arabe di Sicilia. 

La prima iscrizione quella clic porta il nr. 13 presso l'Amari 
(]>. 45-51) e che trovasi al Musco Nazionale di X<q)oli. Le ultime tre 
righe formarono una vera erux interpretimi pei miei predecessori, nes- 
suno dei (piali sembra essersi accorto che si trattava d'uno squarcio 
poetico , e che quindi la scansione metrica sarebbe stata un valido 
sussidio per la retta lettura ed intelligenza del testo. Premetto clic 
l'iscrizione, come not l'Amari, presenta qualche scorrettezza . come 

il mostruoso 34.a5i della 17 a riga in luogo di a.<vJ che fa parte di 

una formula pia comunissima; ed osservo pure clic in generale i versi 
scolpiti su lapidi sepolcrali non mancano di licenze metriche disap- 
provate dai trattatisti severi. L'Amari , di cui sono le vocali e i 
punti diacritici, lesse : 



1 Amari, nr. 3. 2. 13 (pag. 17, 13, 45). 

2 Per hi tinta si veda anche I> . Lagninola, Catalogo delle monete arabe existenti 
velia Biblioteca Comunale di Palermo, Palermo 1892, n. 230. 



250 C. A. NAIXINO. PARTE II. 



L ^A*Jf L (? ^/^) /l (18) 

Ly^Jf ^Lu ( ? iJ^^Jl ovvero sys^Jf) OcX-^Jf ^jLo j. o* (19) 



*W i^ x^w,^. iJU*} **/" * & y* ^*} cr* *^t*" p*"j ( 20 ) 

e tradusse (cfr. la sua correzione a p. 1G7) : 

18 (Passa) come un baleno tra le dolcezze della vita chi 

li), serbasi alle mollezze. L'obblio canceller le dignit ch'ei [tenne]; 

sparir 
20. [ogni] vestigio della sua onoranza, dopo breve splendore; e [in- 
sieme] col suo corpo si consumer la riputazione della sua stirpe. 

Nella riga 19 a faccio subito notare che in luogo di ( .jLfl al- 
trettanto legittima la lettura .jUa , poich, come appare dalla foto- 
tipia , nell'iscrizione . e . finali hanno la stessa forma. Inoltre il 
gruppo seguente J) si pu leggere con non minore diritto JJ ; cfr. 
nella 9 a riga jf = ^j| (cio ^>f) , che l'Amari giudic a torto essere 
la parola ..of e che quindi ritenne un errore del lapicida. Infine, 
nella 20 a riga, il gruppo letto ia (o >o ) dal Lanci e dall'Amari, ha 
nell' iscrizione una forma alquanto strana che permette pure la let- 
tura a . Premesse queste osservazioni paleografiche , applico al 
nostro testo le regole della metrica e vedo subito che si tratta di versi 
tawil del tipo : 



dal che risulta che la parola da tutti riconosciuta come errata nella 
19 a riga deve leggersi v^sj^k. = C>x^ ( l'iscrizione ha L-OoJ . La 
metrica esige la vocalizzazione poco corretta nasaynu, per nisynu, 
nella medesima riga 19 a , la cui rima poi fatta all'uso volgare. 
Leggo pertanto , separando i versi indipendentemente dalle righe del- 
l'iscrizione : 



DI ALCUNE EPIGRAFI SEPOLCRALI ARABE. 251 



,. > ) 



1. Qual baleno nelle delizie della vita [passa] colui ch' avviato a 

sorte tale che l'oblio canceller le sue dimore, 

2. e sparir ogni vestigio del suo volto rapidamente dopo aver bril- 

lato, e si consumeranno il corpo suo e le sue giunture. 

La frase J.) o eh' avviato a ricorre in altra epigrafe 
J 
sepolcrale presso l'Amari, p. 119, ed ha rispondenza nell'uso della 

voce ,aao^ nel Corano, nonch nel verso anonimo citato dai tratta- 
tisti 1 come esempio del metro madd mahdif: 

JUJJ jIao i Cl^xC- b Xw.^ )-y0) ,.,-j y 

>J J U v-T / CIP 

L'intera espressione poi ^.^a-o*. ^U jIao trova esatto riscontro in un 
verso della Hamsah di Ab Tammm (ed. Freytag ]>. 32t , ed. 
Bq li, 1<><) : 

se ti temiamo, ben abbiamo uno scampo l dove . lutine 

il zi/ci A le sue giunture un parallelo al sinonimo >dlAclft/0 
tanto frequente nella poesia araba. 

Passo ora ad un'altra iscrizione , appartenente al Musco Nazio- 
nale di Palermo, e commemorante l'estinto Yasin ibn f Ali ibn Va s. 
Porta il nr. 43 presso l'Amari, p. 134:138. Nelle righe 5-10 dell'iscri- 
zione l'illustre arabista riconobbe dei versi; ma sbagli il metro, giu- 
dicandolo un cjir, e non si cur di scandere tutto, mentre la scan- 
sione gli avrebbe additato tre errori di lettura che alterano il senso. 
11 metro il pi/cl del tipo : 



1 As-Sakkiikt, Miftdh al-' illuni, Cairo 1.-U7 , p. 281; Freytag, Darstellung der 
arabischen Verskunst, p. 180: Gaicin de Tassy . Ehtorque et prosodie dea langues de 
VOrient musulman, 2" ed. (Paris 1873), p. 264. 



52 C. A. KALtltfO. fAHTE II. 

.Metro ed iscrizione (come ognuno pu vedere dalla fototipia) esigono 
nel primo verso 1+5 e ^5l>v*j in luogo dei L* e jXa*j letti dal- 

l'Amari, e nel 3 verso ,-*v.j in luogo di ,.%aaj . 11 ^^a del 
1 verso un semplice errore di stampa per <l>jS- . 
La traduzione suona quindi cos : 

1. Ti sei dipartito, e dopo di te non [v'ha pi] bene nella vita. Sei 

scomparso dal mondo, ne farai ritorno. 

2. Dimorerai [nell'avello] sino a che Allah risusciti le creature sue; 
d'incontrarti non si pu sperare, eppur tu sei vicino. 

3. Il volto tuo si consumer ogni d e ogni notte; ma l'amor tuo non 
verr obliato e tu [sarai sempre] amato. 

4. Su te la salute eterna [che vien] da Allah, fin che spuntino astri 

[in cielo], e fin che sulle piante di ark tremoli un ramoscello. 

Termino questi appunti con una piccola osservazione circa l'epi- 
grafe nr. 42 dell'Amari (p. 131-134) , esistente nel Museo Nazionale 
di Palermo e datata dal 636 eg. (1238 d. Cr.) , nella quale ricorre il 
nome di donna as-Sitt bint Ab '1-Qsim ibn Husayn. Xota l'Amari: 
Il vocabolo Sitt, Signora , sembra qui usato come nome proprio . 
La cosa diviene sicura (piando si pensi che una as-Sitt , parente 
(hatanah) d'un 'Abd al-Kf , si trova appunto in un diploma arabo 
di Sicilia presso il Cusa p. ~>$1-, e che il sinonimo Sayyidah ricorre 
pi volte come nome di donna in altro diploma della fine di da '1-qa'dah 
531 (19 agosto 1137) stampato dal Cusa, pag. 61-67: la venditrice 
Sayyidah bint Ysuf al Qays, chiamata brevemente Sayyidah nel 
corso del documento. Di pi un Ibrhm ibn Sayyidah, colla trascri- 
zione greca ^4^QK%i^og btclv ids , compare in Cusa p. 138. Abbiamo 
in questi casi 1 un'abbreviatura del nome Sayyidat al-ail la signora 
della famiglia , ricorrente appunto in altra epigrafe siciliana del 474 
(1081) presso Amari p. 42-4.'> ; nome a cui fa esatto riscontro il Sit- 
tuhum la loro signora , che una glossa dell'editore del Tg al- arus 



1 Non mancano gli esempi fuori di Sicilia: Sayyidah bint'Abd al-gant al-'Abda- 
riyyah, donna erudita morta a Tunisi nel 647 eg. (Ibn nl-Abbr, Takmilah ed. Co- 
der , nr. 2129); e le due as Sayyidah figlie del califfo onimiade di Spagna 'Abd 
Allah, una delle quali mor alla line del 319 eg. (l-layn ed. D'zy 11,15(3 e 221, 
vers. Fagnan II, 251 e 341). Inoltre SUlah, onde prese il nome il notissimo lessi- 
cografo Ibn Sldab. Occorre appena ricordare il sinonimo aramaico Martha, Muq&u, 



PARTE II. DI ALCl'NE EPIGRAFI SEPOLCRALI ARABE. 253 

afferma d'uso frequente in Egitto *, e che Muhammad c Utmn 'Gall 
ci <l come personaggio femminile nella commedia <m-Xim' al-limt, 
noto rifacimento delle Feimiies savantes di Molire in dialetto cairino. 
11 corrispondente maschile Sayyid (ovvero Siri) ahi uh il signore 
della sua famiglia non raro in diplomi arabi dell'epoca normanna, 
e viene reso nelle trascrizioni greche con ttxsXov , 6i t x%eXov , <5i- 
r%t Xig , Oi%Xov , <5i% Xov ' ; come non mancano esempi siciliani 
del semplice as-Sd in un Ab Bekr ibn as-Sd 3 e nel frequente 
B 's-Sid, trascritto dai Greci con (ovgit, (ovGrJT. (ov ijXyjt, (iovix 4 . 



1 Tdg al-'aru8, 2 a ed. (Cairo 1307), I , 328 in marg. (a proposito del nome 
proprio femminile sahrbdnu d'origine persiana): sAP jJL_>-J! S.X>.,w <l g-- 
*-i>^ i-XixJ) ^<~w ,'vA-i o^* i-.-w.Aji .. .^wJ cj-va>- /^ i< * J^' s^'-*-i iu^fwJu). 
In Algeria si adopera il sinonimo Lallhum , registrato nel Vocabulaire destine 
fixer la transcription en francais des noms dea indigne, Alger 1891, p. 243. 

2 Cusa p. 136, 144. 165, 167 (bis). 177, 248. 251, 267, 280. L'onomastica 
algerina moderna ci offre Sid en ns [Vocabulaire p. 350), Sidbum (ibid. 350), Mu- 
lhum (ibid. 294); cfr. il nome del noto tradizionista lbn Sayyid an-ns morto al 
Cairo nel 734 eg. 

3 Cusa p. 171. La trascrizione greca (pW'/Jxgp i-xiv i).6r\x interessante, poi- 
ch ci mostra la stessa pronunzia Bubker ogui comuiiissima in tutta la Barberia, 
s da apparire talora scritta sotto la forma jCo in atti ufficiali (p. es. A. Mou- 
liras, Manuel algrien, Paris 1888, p. 246). 

1 Cusa p. 145, 157, 167, 177, 250, 253. 258, 274. Presso uli Arabi di Spagna 
era frequente questo Sid, as-Sd, Sayyid , come facile dedurre dagli indici della 
Bibliotheca Arabico-Hispana del Coder. 

Carlo Alfonso Nallino. 



SU UNA /AONETA 5VEVA RINVENUTA A RAFFADALI. 





Fig. 48. 

Il prof. Antonino Salina nelle sue lezioni di archeologia nel 
Museo Nazionale di Palermo e' insegnava che i negozianti ambi pi 
che al conto tenevano al peso delle monete , e praticamente ci mo- 
strava una moneta araba di epoea normanna mancante di un pezzet- 
tino, il quale era servito per ottenere qualche giusto peso. Ora a me 
pochi anni addietro venne fatto di acquistare tre monete con iscri- 
zioni arabe , una di Guglielmo II normanno e due di Enrico VI svevo, 
mancanti ognuna di un pezzetto appositamente strappato. Quelle mo- 
nete fan parte di un pregevole ripostiglio rinvenuto a Raftadali in 
provincia di (Urgenti. Una di quelle monete, clic di Enrico VI, 
mostra evidentemente la tecnica che all'occorrenza si adoperava. Se 
il pezzo era di lamina sottile , le forbici bastavano all' uopo; ma se 
quello era molto spesso , come il pi delle volte accade nella mone- 
tazione normanna e sveva, come si faceva ? La detta moneta di En- 
rico YI da un lato ha un solco assai largo e profondo e dall' altro 
due altri solchi leggieri, quasi pentimento che qualcuno abbia avuto 
di strappare di pi di quanto occorreva. Ci non poteva ottenersi che 
per mezzo di scalpello molto affilato; una tanaglimi o anche il mar- 
tello, faceva il resto. I mercadanti quindi per i loro negozi, oltre della 
indispensabile bilancia coi rispettivi pesi delle monete , dovean essere 
forniti di forbici, di scalpello e non so se di altro ! 

A me non occorso di avere a mano monete di epoca musul- 
mana appositamente tagliate o rotte, come quelle di epoca normanna 
o sveva. Agli Arabi la cosa non dovea essere assai comune, perche 
essi tenevano molto al peso uniforme dei loro dinar e dirhem ; non 
cos ai Normanni, dei quali raro trovare delle monete, anche dello 
stesso anno, che si eguaglino nel peso. Le loro monete di oro variano 



PARTE II.* SU UNA MONETA SVEVA RINVENUTA A RAFFADALI. 255 

di modulo e di peso fin dal 1072 (Egira 4(14) che fu il primo anno 
quando essi le coniarono in Sicilia, come ho dimostrato colle monete 
del Duca Roberto col titolo di Re di Sicilia , clic si legano immedia- 
tamente ai quartigli di Al Mustansir fatimita , ultimo covrano mu- 
sulmano nell'isola. Ma i Normanni dovettero seguire l'uso degli Arabi, 
i cui negozianti per ottenere il giusto peso, oltre dei dinar e dei dirliem, 
si avvalevano di monete rotte o tagliate che chiamavano muqatta'ah 
e maksurah o mukassarah , e di particelle monetarie alle quali davano 
il nome di qita'h e di kussir. Questo poteva t'arsi nel commercio co- 
mune, perch ufficialmente il Tesoro dello Stato ricusava quei fram- 
menti insieme alle monete rotte o tagliate. I giureconsulti musulmani 
alla loro volta dichiaravano biasimevole , illecito l'uso di comprare e 
di vendere con quei pezzi, e allegavano in appoggio una tradizione che 
facevano risalire sino a Maometto. I Normanni e gii Svevi, ben s' in- 
tende, non si credevano obbligati a stare alle proibizioni del Profeta. 

Aggiungo qualche parola sul nome di Raffadali, che , come ho 
detto, il posto dove furono trovate le monete. 

Raffadali evidentemente di origine araba ; il paese per pot 
esser fondato su o presso qualche stazione di epoca classica : cos fa 
supporre il sarcofago di marmo con figure, di epoca romana , ivi rin- 
venute che ora si conserva in quella Chiesa Madre. Vito Amico (Diz. 
top. della Sic. Voi. II pag. 398), che di arabo non s'intendeva, fa 
derivare il nome di Raffadali da Uafi'a d'Ali : Rafia sarebbe il nome 
del terreno, Ali quello del proprietario; ma un pochino pi sotto ben 
ravvisa nel principio della parola Raffa il vocabolo rahal , villaggio, 
come in altri paesi di Sicilia. L'avv. Giuseppe Picone (Memorie .sto- 
riche agrigentine, pag. 413) fa derivare Raffadali da l'aliai - afdal, vil- 
laggio, dice lui, eccellenti. ss imo. A me pare pi naturale pensare a 
Rahal al fadl , villaggio dell' abbondanza, o della grazia, meglio per 
a Rahal Fadl, villaggio di Fadl. I documenti latini citati da Amico 
hanno Rahal fadalis. 

Girgenti. 

Mons. Bartolomeo M. Lagumina. 



IL GUILLAU/AE DE PALERNE 

e i suoi dati di luogo e di tempo. 



Nel francese antico, ed anche nel medio alto tedesco, dicevasi, 
com' noto, Paterne per Palermo : ve n' un esempio gi nella Chan- 
son de Roland, v. -J923 del testo di Oxford; altri ne raccolse G. Paris 
per ima breve comunicazione orale alla Societ di Storia Patria di 
Palermo nel 1875, e l'anno dopo in un succoso articoletto, La Sitile 
et la Uttrature frangaise au Moyen Age i ; e sin da allora spieg 
l'origine di questa forma da una specie di assimilazione con Solerne. 
Ora parr strano che il nome di tale citt avesse attratto quello di 
una ben pi considerevole; ma Salerno ebbe nel Medio Evo una ce- 
lebrit maggiore per causa degli studi di grammatica e di medicina, 
sin dal secolo Vili, e ne fanno fede carmi germanici e francogal- 
lici 2 , mentre Palermo era come tagliata fuori dalle nazioni occidentali 
latine, per esser divenuta una citt araba. Il Cloetta ha recato esempi 
anche di Palemum, dalla Historia Ecclesiastica di Orderico Vitale, 
della prima met del sec. XII; ma pare che egli attribuisca la con- 
fusione con Salerno ad un'antica, ipotetica, epopea delle geste nor- 
manne in Italia, nella quale si confondessero insieme avvenimenti 
delle due citt 3 . 

Quanto al provenzale, per rimanere ancora un poco su questo 
nome, vi sono le forme Palema e Palernia : Bertran de Born in un 
serventese politico, Greu m'es, d la prima in rima : 

E ara dat mais de ricor 
Que s'era reis de Palema 4 ; 



1 Romania, V (1876), p. 108. 

2 Giesebrecht , Dell' istruzione in Italia nei primi secoli del Medio Evo , trad 
ital., Firenze, Sansoni, 1895, p. 38; e Rashdall , Unirersities in the Middle Ages 
Oxford, 1895, voi. I, p. 75. 

3 W. Cloetta, Die der Synagon-Episode des Moniage Guillaume II zu Grunde liegen 
den historischen Ereignisse, in Abhandlungen H. Prof. A. Tobler, Halle, 1895, p. 253 

4 Posies compltes de B. d. Born, p. Antoine Thomas, Toulonse, Privat, 1888 
p. 64. A. Stiinming nella l a ed. del suo Bertran de Born , Halle 1879, disse, p. 279 
che Paterna era in grazia della rima; non l'ha ripetuto nella 2 a del 1892, p. 169 



PARTE II. IL GUILLAUME DE PALEKNE. 257 

Palerma invece dato da due manoscritti della lettera epica di laini- 
baut de Vaqneiras, e da parecchi di un serventese di Peire Vida], 
dentro il verso l . Orbene, se nel nome italiano di Palermo si riflette, 
per causa di -le- di contro a IIuvoQiiog, la forma araba Bulima % 
bisogna riconoscere che di questa si conserv anche la finale nel nome 
provenzale e nel francese , dove -me risale ad -ma di contro ad ->//,-> 
che l'esito normale di -rno. Solo da osservare che l'arabo Bulimia 
trascrizione letteraria, non rispondente alla pronunzia effettiva, come 
mi accerta il collega C. ballino; e che anche di Salerno esiste in Orde- 
rico l'itale la forma Psalernia, quale che ne sia l'origine. 

Il Guillaume de Paterne un romanzo di avventure, in un poema 
di 9663 ottonarli accoppiati (uno perduto), la cui azione si svolge 
tutta in Italia, e per la maggior parte in Palermo. Fu pubblicato la 
prima volta nel 1877 di su l'unico manoscritto esistente, del secolo XIII, 
per la Societ des Anciens Textes dal signor II. Michelant: vi sono tracce 
di altri manoscritti smarriti, ma l'opera non ebbe vera diffusione nel 
Medio Evo. Xe fu fatta una traduzione poetica in inglese nel 1350 
da un certo William per Sir Humfrey VI conte di Bolinn, cugino di 
Eduardo III 3 , e meglio che per suo uso, a suo consiglio, perch 
il conte conosceva benissimo il francese. Assai pi tardi, circa latine 
del sec. XVI, fu ridotto in prosa francese, quando molte chamons ri- 
tornavano alla luce in lingua moderna. Ma in Italia nessun accenno 
se ne conosce, neppure nel tempo che il Boccaccio poneva le mani 
nell'immensa letteratura narrativa della Francia, ne prima ne dopo: 
probabilmente il nostro grande romanziere, ci sia lecito di chiamarlo 
cos, non lo conobbe, perch, se non 1' azione principale , certo ne 
avrebbe cavato qualche motivo. Interessante riesce invece ai filologi 



1 O. Scbultz - Gora , Le epistole del trovatore li. de Vaqueiras , trad. it. , Fi- 
renze, Sansoni, 1898, p. 62 e 107 sg.; veramente egli spiegava la trasformazione 
di Palerma in Palerna come una facilitazione di pronunzia, cfr. l'edizione tedesca 
della stessa opera, Halle, Nienieyer, 1893, p. 83. ma il traduttore italiano parla 
di l'addolcimento ! D palerai il ms. catanese della Ventimiliana, cfr. P. Sayj-Lopez, 
La lettera epica di li. d. V. Halle, 1905, p. 7 estr. da lausteine zar roma, l'd- 
lologie per Adolfo Mussajia). 

- Cfr. Seybold, Die aralische Sprache in den rovianischen Liindern, nel Grundriss 
der roma. Pliil. del Groeber, I (1888), p. 405 (non dispongo della seconda edizione . 

3 Ve ne sono due edizioni, da un sol manoscritto , una del Madden , pel 
Koxburghe Club, Londra, 1832, 1' altra dello Skeat . per la Early Englisb Text 
Society, Londra, 1867. Si veda su di esso un diligente studio di M. Kaluza, 
Das mittelenglische Gcdieltt William of Valerne und scine framsische Quelle, in 
Englische Studien, IV (1881), p. 198 sgg.; egli corregge, p. 272 sgg.. alcune delle 
conclusioni cui era pervenuto, nel ralfronto dei testi francese e inglese, il tei 
Drink, Geschichte der englischen Litcratur, I, Berlin 1877, p. 116 sgg. 

17 



258 N. ZINGARKLLI. BARTK II. 

dell'et nostra, anzitutto per la sua antichit, rispettabile in un ro- 
manzo di avventure; poi per la lingua, elie di bel conio letterario, 
potrei dire cortigiano, e proviene da una regione nordica orien- 
tale, come l'Artois e l' Hainaut; e infine per le fonti alle quali 
possibil mente rimonta. Il compianto G. Paris lo mentov tra le opere 
che dimostrano quale idea si avesse di Palermo e della Sicilia tra i 
suoi connazionali nell' evo medio. Non sarebbe utile ormai studiare 
pi esattamente le circostanze di luogo e di tempo che vi sono pre- 
sentate, e la cultura che vi si rinette I dispareri non mancano , e 
durerebbero a lungo perch difficilmente si torna a studiar di propo- 
sito un' opera di limitata importanza : dall' altro lato una legittima 
curiosit in Palermo conoscere che cosa si pensasse di questa citt 
fuori di qui. 

Veramente l'esser ridotti ad un sol manoscritto uno svantag- 
gio, perch i nomi di luoghi sogliono essere i pi alterati; ne molto ci 
affida l'edizione del Michelant, alla quale venne in soccorso la sapienza 
di un altro grande romanista, mancato teste all'ammirazione di tutti, e 
all'affetto di quanti ebbero la fortuna di conoscerlo, Adolfo Mussata, 
che propose un numero grandissimo di correzioni l . Poco ci serve 
d'altronde la traduzione inglese, la quale piuttosto un rifacimento, 
e procede alle volte con molta libert, sia per la diversit del metro, 
il verso lungo con allitterazione di fronte al breve ottonario francese, 
sia per il pubblico tutto diverso al quale s'indirizzava, e finalmente 
pei gusti speciali del rifacitore, che, come bene ha arguito il Kaluza, 
fu un menestrello, e non un fino poeta di corte. Ma tutto sommato, 
le condizioni del testo non sono tali da impensierirci, perch il ma- 
noscritto fu eseguito con diligenza, per lettori di alta condizione, 
ed generalmente buono. 

L'azione del poema costituita dall' amore avventuroso di due 
giovani, Guglielmo, figlio del re di Puglia e Sicilia, e Melior, figlia 
dell' imperatore di Poma. Conosciutisi nella corte di Roma da fan- 
ciulli, si amano, ma non possono rivelare la loro passione perch 
Guglielmo un trovatello, preso nella casa di un vaccaio nei din- 
torni di Poma. Quando Melior richiesta dal figlio dell'imperatore greco 
sta per esser condotta all'altare, gli amanti fuggono, e dopo un lungo 
e pericoloso cammino si ricoverano nella reggia di Palermo : quivi 
avviene il riconoscimento e si adempie la loro felicit. Ma accanto 
al giovine protagonista vi un altro personaggio assai importante, 
dal quale proviene il meraviglioso e lo straordinario di questa storia. 



1 Zeitschrift fiir romanische Philoloyie, III, 244 (su cui v. G. Paris , in Ro- 
mania, Vili, 627). 



PARTE li. IL GUILLAUME DE PALERXE. 2o9' 

Esso un giovine principe spaglinolo in figura di lupo, cos trasfor- 
mato dalla matrigna per assicurare il trono al figliuolo suo proprio. 
Il lupomannaro rapisce da Palermo il fanciullo Guglielmo, il quale 
sta per perire vittima di un pretendente; il lupomannaro lo trasporta 
nelle vicinanze di Roma, e dopo alcuni anni guida l'Imperatore presso 
la casa del vaccaio che lo aveva ricolto e lo allevava affettuosamente; 
il lupomannaro scorge e soccorre gli amanti quando coperti di pelli 
d'orso son fuggiti da Roma, e li conduce a salvamento in Palermo, 
dopo molti rischi. La soluzione avviene cos, che essendo allora Pa- 
lermo assediata dal re di Spagna per ira contro la vedova regina 
di Sicilia che non aveva voluto dare la figliuola in isposa a suo figlio 
(appunto il fratello del lupomannaro), Guglielmo col suo valore straor- 
dinario riesce a sconfiggere il grande esercito assediante e far pri- 
gioniero il re e il tglio; e quando il lupo, venuto innanzi alla corte 
tutta radunata , tra lo stupore degli astanti inchina umanamente il 
proprio padre, questi si ricorda delle voci sentite, che accusavano la 
sua seconda moglie di aver trasformato in lupo il figliastro, e manda 
messaggi in lspagna a chiamarla ; onde la regina fattucchiera viene in 
Palermo a restituire la fiera nelle sue forme umane. Allora avvengono, 
con grandi feste, tre matrimoni in Palermo, alla presenza dell'impe- 
ratore di Roma e dello stesso principe di Costantinopoli, cio quello 
di Guglielmo con Melior, della principessa siciliana col principe Al- 
fonso, gi lupomannaro, e finalmente di Alessandrina, cugina e confi- 
dente di Melior, con 1' altro principe spaglinolo. Alla morte dell'Im- 
peratore di Roma, Guglielmo diventa imperatore in suo luogo, e riu- 
nisce cos all'Impero il regno di Puglia e di Sicilia. 

Il tessuto principale del racconto evidentemente di modello bi- 
zantino, che una serie di romanzi sul tipo di Floire et Blanchefleur, 
ed anche episodii di poemi, come nel Duurel et Beton , si aggirano 
intorno alle avventure di amanti cresciuti insieme dalla tenera 
et, tutt'e due di origine regale, o quasi, ben nota in uno, ignota 
nell'altro, s che l'uno o l'altro tenesse ufficio di valletto o di an- 
cella. Dicevasi che il lupomannaro, o loup garou, fosse di origine cel- 
tica 4 ; secondo il Littr e il Paris la nostra storia sembra anzi aver 
fondamento sopra due lais, il Bisclavaret di Marie de France, e il 
Melion di ignoto autore, tutt'e due di fondo celtico, nei (piali il ga- 
rou ha parte principale 2 . Sennonch questa molto diversa dalla 



1 Non di questa origine, noti ammessa ormai dai pi, ma dei rapporti del lupo- 
mannaro con la demonologia tocca Alfred Maury, Croyances et Legende* du Moyin Age, 
iiouv. ed. Paris, 1896, p. 249. Non mi riuscito di vedere W. Hertz, Der Werwolf, 1862. 

2 . Littr in Histoire littraire de la France, XXII, 829 sgg. ; G. Paris, La 
littrature francaise au Moyen Age, 2 e ed., Paris, Hachette, 1890, p. 107 ( 67). 



260 N. ZINGARKI.1,1. PAHTK II. 

parte elio fa nel nostro poema, dove eompie l'ufficio dei pirati nelle 
favole bizantine; epper dobbiamo confessare che il nucleo originario 
della invenzione del Guillaume per ci che spetta al lupomannaro ci 
ignoto. Quanto alla trasformazione di un essere umano in fiera, per 
forza demoniaca, troppo ovvia nelle antiche e nelle moderne leg- 
gende, rimontando ai poemi indiani assai prima che n\Y Asino d'Oro 
di Apuleio, ed essendone pieni i romanzi francesi, sino al Jaufre 
provenzale. Non sar sfuggito a nessuno che l'invenzione del fanciullo 
salvato per le cure di un lupo e accolto in casa di un vaccaio molto 
somigliante alla leggenda dei fondatori di Koma salvati da una lupa e 
accolti dal pastore Faustolo. Resta il travestimento degli amanti prima 
in orsi, poi in cervi, ma credo che non sieno diffcili i raffronti, sebbene 
io non sappia ora ricordarmene. A questi elementi che formano l'ossa- 
tura del racconto vanno aggiunti quelli che ne costituiscono lo spirito, 
e derivano dalla letteratura stessa in cui sorto il poema. L'amore dei 
due giovani principi si esprime perfettamente nelle forme che usa- 
vano i poeti lirici del tempo, trobadors e trouvres, starei per dire 
Folchetto di Marsiglia e Amerigo di Pegugliano da una parte, Gautier 
d'Espinaua e Tebaldo di Navarra dall'altra : i soliloquii degl'innamo- 
rati, che accusano il cuore e gli occhi, la descrizione dei contrarli 
affetti che provano, le immagini usate a rappresentarne lo stato (pi 
frequente quella della nave tra i flutti *), e finalmente la purit della 
relazione tra Guglielmo e Melior si collegano immediatamente con la 
poesia dell' amore cortigiano, e, in ispecie, dell' amore fino. E questo 
poema veramente sorto in una corte molto vicina, per luogo e per 
persone, a quella di Maria di Champagne, dove furono prima accolti 
i poeti dell'amore cortigiano nella Francia settentrionale, e quel Chre- 
stien de Troyes, con i cui romanzi cavallereschi ha molte relazioni 
il nostro poema in questo rispetto 2 . Oltre all'amore vi sono le anni: 
e la descrizione delle imprese guerresche, una dell'Imperatore di Roma 
contro il ribelle duca di Sassonia, l'altra sotto le mura di Palermo, 
fatta nel modo e nelle forme delle chansons de geste, persino nelle 
parole e nelle immagini. Per darne un saggio, rarissime e brevi sono 
queste, proprio come nel Roland-, cos a v. 2088 sg. : 

Aussi le vont Saisne fuiant 
Com l'aloe fait l'esprevier; 

e a v. 6497 sg. (cfr. Ch. d. Boi, v. 1874 sg.) : 

Et aqueudre ses anemia 
Coinme li faus fait les pertris. 

1 Cfr. il mio opuscolo Lanate del Petrarca per nozze D'Ala-Pitr, Palermo, 1904. 

2 Cfr. H. Suchier u. A. Birch Hirschfeld, Geschichte der franziisischen Litteratur, 
Leipzig u. Wien, 1900, p. 155. 



Parte il. il Guillaume nti palkrxe. 261 

Una mossa epica nella descrizione dei suoni delle trombe, 
v. 0407 sgg. : 

Souent cil cors et ces araines; 
anatre grans lieues tot plaines 
En puet ou bien la noise oir; 

che rammentano, p. es., Chamon de Roland v. 1004 sg., e 1454 sg. E 
ritroviamo le descrizioni di battaglie, i sogni profetici, di combattimenti 
di animali, perfettamente come nelle chansons. L'Imperatore di Roma 
vecchio, savio, con barba fiorita (v. 3477 sgg.) immagine di Carlo 
Magno; Guglielmo che col suo valore fa cambiare inaspettatamente la 
sorte delle armi ricorda un motivo costante dell'epica, da Tristano a 
Ogieri sino al tardo Huon Chapet. Un nome tolto ai romanzi cavalle- 
reschi quello di Meliadus, guerriero spaglinolo in cui l'invasore Al- 
fonso aveva riposto le ultime speranze. Il destriero di Guglielmo, Brun- 
saudebruel, ha intelligenza umana non altrimenti degli epici Veil- 
lantif e Baiart e Marchegai. E superfluo mi pare ormai addurre altre 
prove. Ma questi elementi dell'epopea eroica esistono pur essi in an- 
teriori romanzi di avventure amorose, sicch il nostro poeta non 
l'inventore del genere; e persino il nome di Melior deriva dalla fata 
del Partenopeus; per la qua! cosa il tipo prevalente del poema del 
romanzo amoroso. Ma di queste relazioni io qui non mi occupo, e mi 
parso di doverle solo accennare in grazia del mio assunto principale. 
Il carattere favoloso di questo racconto ci deve predisporre 
a non dar nessuna importanza agli accenni di luoghi e di persone, 
che servono soltanto a porgere un'apparenza di verit , ma dalla 
verit sono ben distanti. Un imperatore di Roma col nome di 
Xatanel ' non esistito nei tempi moderni ne negli antichi; ne altri, 
di altro nome, ha dato la figliuola in moglie al re di Puglia e 
Sicilia. L'imperatore greco chiamato Patrichidon, suo figlio, il prin- 
cipe ereditario, Laertenidon, e sono due nomi perfettamente ignoti 



1 II Michelant, p. VII, dice, per distrazione, l'imperatore greco, e Io chia- 
ma Nataniax; ma questa forma, che si trova al v. :!478 e qualche altra volta, e 
puramente grafica per Natlianiaus, v. 8847: e poich le sta accanto Xafhaniel, v. 
3512, Xatlianael, v. 1191, siamo nel caso di dnmosiax, biax, ostiax, jorrueiax, mor- 
niax, piax, tonniax, mangonniax, boiax per damoheln, beh, fresteh , osteU . jovenceU, 
morsel*, peU, tonnels, mangannelx, boicls, quasi tutte coesistenti nel poema, e risa- 
lenti ad -elio. Manca nella traduzione inglese: il Kaluza. 1. e. p. 247, dice Natha- 
niel, dopo aver trascritto Xathaniaus. Pare che il poeta l'abbia pescato nei libri 
sacri , Nathanael dei Sumeri e dell' Evangelo di Giovanni ; e vi avranno contri- 
buito i Manuel greci. 



262 N. /INGABELLI. PARTE II. 

alla storia *. Un re di Puglia e Sicilia chiamato Embron, la moglie 
Felice, figliuola dell' imperatore di Costantinopoli, non appartengono 
meglio alla realt ; e cos la loro figliuola Fiorenza (Florence, e al- 
trove Florete che potrebb' essere un errore di lettura) 2 . Anche la 
geografa oltraggiata; e vediamo la foresta delle Ardenne, Ardaine, 
ad una lega da Eoma ; in Ispagna una immaginaria citt Carmans 
capitale del regno di Castiglia. Ma considerando altri fatti, s'intende 
che il poeta non se ne dava il minimo pensiero; e dove avrebbe po- 
tuto con lievissima fatica riuscir preciso e schivar la taccia d' igno- 
rante, egli si creduto molto superiore a queste miserie, contento 
del suo racconto e dell'interesse che avrebbe suscitato nel pubblico, 
ben noto a lui. Pubblico di dame e donzelle, avido del nuovo e dello 
straordinario, ma specialmente proclive alle scene sentimentali. Fa 
meraviglia, per esempio, che da Roma a Costantinopoli, e da Palermo 
alla Spagna si vada a cavallo; e se il chcvaucher dovesse lasciarci in 
dubbio, ecco l i palafreni, v. 2913, i bei muls ambimi 8, y. 7427, che 
ne manifestano l' ignoranza del gran mare che separa questi paesi. 
Eppure una bella volta si parla di navi con le quali l'esercito greco 
viene in Sicilia e lo spagnuolo ritorna in patria! Il poeta sapeva 
adunque come stesse la cosa, ina non se ne dava nessun pensiero, 
e si regolava secondo la situazione e gli effetti poetici. Cos dove si 
tratta di poche persone da mettere in viaggio, parla di palafreni e 
muli, senza perdersi a dire fin dove fosse loro concesso di usarne; 
dove invece di eserciti, si ricorda del mare e fa sfilare il naviglio. 
E anche in una delle redazioni del Moniage Guillaume che si nomina 
seconda, e dove il Cloetta in un episodio ha veduto i ruderi di un poe- 
ma della conquista normanna in Sicilia (specialmente per la somiglianza 
dell'appellativo di Fierebrace dato a Guglielmo d'Orange con quello 
di Ferreabrachia del Guglielmo Bracciodiferro), si parla di Palermo, 
di un assedio della citt, di gente che va e viene a cavallo, passando 
montagne e paesi, da e verso la Francia, mentre da parecchi luoghi 
risulta ben nota la posizione marittima della citt, e l' isola stessa. 



i Veramente il principe Liheutenidus al v. 3362; ma aveudosi Larienidus, 
8947, in funzione di soggetto, e due altre volte Lacrtenidon, 8600 e 8710, di obli- 
quo, e da ritenere che la prima forma derivi da una g-atia Laherteiiidus non bene 
interpretata. Il Mussarla, 1. e., lo chiama sempre Partenidou; ma questo il no- 
me datogli dal rifacitore inglese. 

2 Per verit, uua volta la figliuola di Michele Comneno fu fidanzata al re 
Guglielmo II, ma non se ne fece nulla, perch fu poi perfidamente negata. An- 
che Embron sente di biblico; e nel poema inglese Ebrouns , la figliuola Flo- 
rence. 



PARTE II. ir. GUILLAUME DE PALERNE. 263 

In generale, tutte queste opere romanzesche, comprese le chansons 
de geste, si segnalano per l'arruffio geografico, che non pu meravi- 
gliare anche in quelle scritte per un pubblico pi colto. Qui, nel no- 
stro romanzo, possibile vivere in una pelle di orso per tanto tem- 
po, e a due cervi e a un lupo rimanere inosservati in una barca na- 
scosti nelle botti; un esercito di ventimila uomini forma dieci schiere 
di duemila pi una di tremila, v. 6050; una volta son sette anni e 
[>i che Guglielmo passa nella casa del vaccaio, v. 407(5, 9398; un'altra 
invece sessanta mesi, v. 5913 ; e si pu creare anche un regno di 
Guascogna, v. 7268, che per un Francese non poi un paese del- 
l' Estremo Oriente! Queste inconseguenze, inverosimiglianze e simili 
servono pure a qualche cosa, ad avvolgere cio il racconto di pru- 
denti nebbie, e qui veramente vi l'ingenuit della novellina popolare, 
dove non resta allo spirito altro moto che di seguire storie d'affetti 
innocenti o d'imprese valorose, e assorbirsi in esse. 

Eppure in questo poema non tutto un pasticcio di topografia 
e di storia; vi del vero e del reale, di un doppio ordine, uno, per 
dir cosi, attuale, 1' altro ideale, che rispecchia le credenze e le idee 
del poeta e dei contemporanei. Queste bricciche di verit noi verremo 
sceverando tra il molto vago e fantastico. 

Non da mettere in conto Roma, perch il solo accenno deter- 
minato, parlandosi di questa citt, , nientemeno, la chiesa di S. Pietro. 
La regione italiana non mai designata con un nome solo; ma in modo 
tutto congruo all'uso volgare del tempo, essa formata di due parti, 
Lombardia e Puglia; la Lombardia arriva sino a Benevento, e comprende 
perci la Toscana e Poma; la Puglia comincia subito dopo e comprende 
l'Italia Meridionale e. nel suo ampio significato politico, anche la Si- 
cilia (cfr. insieme i vv. L'Ili, 3SS0, 4855 sgg., 8800; Lombardie contrap- 
posta ad Alemaigne v. 1935); ma il re si chiama di Puglia e di Sicilia, 
come fu dal 1130 con Ruggiero II. L'impero di Roma detto anche 
d'Alemagna, e comprende non pi che Alemanni e Lombardi, ha so- 
vranit sid ducato o regno di Sassonia, senza che si sappia in (piali 
rapporti stia con la Francia, non mai nominata. F noto al poeta 
che Benevento apparteneva alla Chiesa , ma vuole che la giurisdi- 
zione suprema, la souveraine justiee , fosse dell' Imperatore. Questi e 
il Pontefice vivono insieme in Poma in buonissimo accordo, e l' Im- 
peratore Xatanel addirittura nativo di Poma, v. 0013. 1/ impera- 
tore greco considerato pari in potenza e ricchezza : anzi egli so- 
spettando che Melior sin l'uggita con l'assenso del padre, t sentire 
una fiera minaccia al collega di Poma . il (piale non protesta . v, 
3710 sgg. : 



264 *f. ZIXGARELLI. 



Mais por celai qui me tist uestre, 

Si il estoit chose senre 

Con m'enst fiiit par aventure 

Ceste chose par malvillanee, 

Mar aris en uoi fianco, 

Que taut coni vos vivrs mais 

Ne vos cbarroit del col cil fais. 



L'impero greco chiamato anche Roumenie, v. 8037 ecc., e cos 
Roumains i Greci al pari degli abitanti di Roma, vv. 774, 0345; ma 
di solito i Greci sono Grijois e Griffon. Benevento ha 1' aspetto di 
una grande citt, veduta da lontano, vv. 3882 sgg., con torri, mura, 
e porte; ma nessuna menzione dei fiumi che la bagnano, perch les 
eres et leu pescheries del v. 3885 alludono a fontane e laghetti arti- 
ficiali. All'intorno ha colline e cave di pietre, e a destra, a due leghe 
e mezza, una foresta. Ma tutto ci non sorpassa la semplice imma- 
ginazione : la citt, gi sede di un potente ducato longobardo, era 
celebre, oltre che per i suoi studi, specialmente perch dominio della 
Chiesa; incuneata quasi al confine della Puglia, pareva un continuo 
monito ai re che volessero affrancarsi dalla signoria dei Pontefici; qual- 
che volta questi vi si erano rifugiati, come Alessandro III nelle osti- 
lit col Barbarossa; era una tappa necessaria ai grandi personaggi che 
si recavano dal Reame verso il Nord e viceversa. Anche nel Girart 
de Roussillon Benevento il luogo dove re Carlo Martello coi cava- 
lieri attende , quasi a mezza strada tra la Francia e la Grecia , la 
sposa che viene dalla paterna Bizanzio. Il nostro poeta conosce sol- 
tanto che tra la Puglia e la Lombardia vi questa citt; e nessun'altra 
egli nomina narrando il viaggio degli amanti da Roma sino alla punta 
estrema della penisola. Conosce bens Reggio , e di qui pi abbon- 
dante di notizie; v. 4502 sgg. : 

Et voient la cit de Rise 
Qui sor le Far estoit assise, 
Le port de mer et le navile 
Qui arrivo desous la vile. 

La traversata del Faro in barca si compie tra il sorger della 
una e i primi bagliori dell' alba , termini piuttosto elastici. E qui bi- 
sogna riflettere che Rise e il Far erano notissimi cos nella poesia 
epica, p. es. nel Loquifer, come anche nella lirica; e questi versi anzi 
mi richiamano facilmente un luogo della cronica poetica in cui Ani- 
broise descrisse il viaggio di Riccardo Cuordileone e di Filippo 



PARTE II. 



IL GUILLAUME DE PALERNE. 265 



Augusto in Palestina, la sosta a Reggio, il passaggio del Faro e il 
lungo e fortunoso soggiorno in Messina : 

Meschiues est une cit 

Dont li autor out molt cont, 

Et bien et bele assise vile, 

Car eie siet el chief de Sezille, 

Desus le Far, eucoste Rise, 

Que Agolant prist per s'eniprise. l 

Le vicende politiche della Puglia e della Sicilia e le Crociate 
avevan dato celebrit al Faro e alle due citt che dagli opposti lidi 
si guardano. 

Tra Messina e Palermo sono mentovati due luoghi, Sainte Marie 
de la Saie e Chefalus une ette" 2 . Della prima non ho trovato notizia; 
perch una Santa Maria la Sala esiste solo nella provincia di Ve- 
nezia. () dunque il poeta se l' inventata, ovvero egli conosceva in- 
vece e intendeva (se pure non V ha scritto davvero), Santa Maria 
della Scala, sobborgo a tre miglia da Messina, sede di un celebre 
ed antico monastero di regia fondazione alle radici del colle di San 
Piceio, che fu abbandonato dalle monache per la citt nel 1347 3 . 
Che sia cos, pare avvalorato dal fatto che essendo provvista dell'ap- 
pellativo di cit la sola Cefal, quel luogo debba essere considerato 
come un borgo; e la vicinanza a Messina forse accennata nel j>o<, 
poco, di v. 403(5 sgg. : 

Sainte Marie de la Sale 

Eru poi de tans ont trespassc, 

Et Chefalus, une cito. 

Questi non erano luoghi famosi; sicch il poeta, senza esservi 
stato, ne ebbe conoscenza, forse da racconti di crociati o di pelle- 
grini o di mercanti, forse da relazioni scritte (ed egli frequentava una 
corte fiamminga cui non era ignota la Sicilia), assai diversa da quella 
che ha dimostrata per Poma e la Spagna. Se vi fosse stato realmente, 
non si sarebbe limitato a cos poco, e avrebbe fatto pi sfoggio. 

Palermo assediata : quando gli amanti vi arrivano, vedono perci 



1 Pertz, Mon. Gemi. Hist. XXVII , 5o5. Neil' ultimo verso si allude alla 
Chanson d'Axprimont. 

2 I nomi di questi luoghi mancano nel poema inglese, cfr. Kai.uza, 1. e. pa- 
gina 24l>. 

3 Vito Amico , Dizionario topografico della Sicilia . ediz. di Gioac. Di Marzo, 
Palermo, 1856, voi. II, p. 44. 



266 N. ZINOAREUJ. PARTE II. 

qualche cosa d' insolito , le opere di difesa sulle mura, batti fredi e 
bertesche, oltre ai grandi campanili, alle torri grandi e piccole, alle 
splendide case private, sulle quali giganteggia il palazzo reale con 
l'alta torre, e l'aquila d'oro rilucente, sicch si prova la doppia im- 
pressione di una citt forte e magnifica; vv. 4(>41 sgg. : 

Taut ont erre les mnrs en "voient 
Et les bretescbes qui verdoient, 
Les baus clochiers et les berfrois, 
Les riches sales as borgois, 
Les bretescbes et les donjons, 
Les enseignes et les penons 
Dont li mur sont enviroun 
Tot environ a la cit. 
Bien samble vile deffensable 
Et por veoir miilt delitable. 
Le palais voient priucipal 
Et sor le maistre tor roial, 
Ou li riches tresors estoit, 
L'aigle d'or fin qui relnsoit. 

L' aquila d'oro sarebbe un indizio quasi decisivo, perch un vi- 
sitatore, meglio che altri, avrebbe saputo che l'arine della citt e dei 
suoi Re fosse appunto un'aquila. Sennonch, ecco, poco dopo, la tenda 
reale nell'accampamento spaglinolo con l'aquila d'oro sulla cima; e 
gi sulle mura di Benevento si vedeva la stessa insegna. Per il poeta 
era adunque generalmente 1' emblema della regalit ; e quell' indizio 
non ha importanza. I nemici tengono assediata la citt solo dalla 
parte di terra; il loro campo si stende nella campagna, e il padiglione 
reale sta su di una collina lungo un querceto ; il mare perfetta- 
mente libero, popolato di navi : 

Voient la mer desos la vile, 
Le riche port et la navile. 

Quando 1' esercito nemico sar ridotto a mal partito, disperer 
dello scampo essendo chiuso dal mare, v. 0938. E questa un'altra 
ingenuit del nostro poeta, il quale non pens sicuramente che l'as- 
sedio di una citt marittima perfettamente inutile quando le si 
lascia libero il mare. vero che come tutte le citt marittime del 
Medio Evo, anche Palermo assicurava il suo porto con lo stendere 
una catena tra due punte di terra; ma questo non avrebbe impedito 
a lungo i tentativi delle navi nemiche. Pare che il poeta non sappia 



PARTE II. IX GUII.I.ACME DE CALERNE. 267 

mai nulla di mare; e per verit le sue chansons de geste gli davano 
i modelli di bei combattimenti di cavalieri vestiti di ferro; lo stesso 
Moniage Guillaume descrive soltanto combattimenti campali fuori le 
porte di Palermo, e non si cura del mare : sicch non vi luogo in 
questi poemi se non per gli elementi della tradizione poetica, senza 
rispetto della realt. E cos nel poema del Gi , il re del Marocco 
arrivato con le sue navi nel porto di Valencia , ne sbarca, e fa la 
guerra in terraferma, senza che il mare entri pi per nulla. 

La reggia di Palermo sorge ad un capo della citt, e accanto 
sta il suo grande parco popolato di molte fiere, come cervi e caprii 
e leopardi, che gli assedianti avevano intanto diradati. Questa indi 
cazione topografica corrisponde mirabilmente alla realt : il palagio 
era infatti presso la cinta delle mura; e i re Normanni oltre ad un 
gran parco, con cinghiali e cervi e altre fiere, a Monreale, ne ave- 
vano uno pi vicino, alla Cuba, costruito da Gugliemo II. Nondi- 
meno bisogna notare che anche in altre citt la reggia stava presso 
alle mura, come in Napoli Castel Capuano; e di parchi con fiere si 
dilettavano tutti i sovrani, grandi e piccoli : tntt' al pi, di queste 
magnificenze palermitane era corsa la fama molto lontano. 

Come in tutte le descrizioni di battaglie, dall' Iliade alle chan- 
sons de gente, prima che l'eroe venga ad abbattere un pericoloso av- 
versario, questi uccide due o tre guerrieri insigni affinch poi la sua 
morte apparisca una bella vendetta ed una grande prodezza, esal- 
tando e rinfrancando il lettore. Cos avviene nel nostro poema, e 
cos troviamo nominati alcuni cavalieri dell'esercito siculo -pugliese l . 
Uno di Reggio, Marc de Rise, v. 5753, un altro Casn de Cephalu, 
v. r>7.">7, poi un palermitano Jasan, v. 57C5; due fratelli di Brindisi, 
Tardans e Dolans, nomi accoppiati e omofonici come nelle chansons 
epiche, hanno il privilegio della gabella del porto; seguono tre per- 
sonaggi la cui patria mi riesce impossibile trovare, Poonciax, cio 
Pavoncello, di Bisterne, v. 6593, Geraumes de Melans, v. 0590, Aqui- 
lani de Candis, v. 6613. Melans sar mai una storpiatura di Milazzo f 
Bisterne detta altrove fabbricatrice di drappi, perch due volte la 
Regina siede sor un paile de Bisterne, vv. 7591, 7975, sopra un [tallio 
di Bisterna \ Non vi altro di approssimativo che un'antica rocca 
di l da Siculiana, Bissenza, dove i compilatori del Dizionario Topo- 
grafico Siciliano trovano vestige di antico edilizio e di citt distrutta, 



1 Nessuno di questi nomi sta nel poema inglese; cfr. Kalnza , 1. e. p. 244. 

2 Veramente bei tessuti di lana e di seta a colori e con ricami si facevano 
in Palermo stesso, anzi nelle stanze basse della reggia, come sappiamo da l'go 
Falcando; cfr. la nota pi oltre. 



268 K. ZINGAUKI/Lt. PAKTE II. 

il cui nome incerto. C poco da concludere, e forse un nome 
inventato, o sono tutt'e tre inventati. 

Della reggia di Palermo si celebra spesso una grande sala di 
marmo, dove si aduna un vero popolo di cavalieri e dame, sale 
marberine, v. 5553, sale perrine, v. 7067; e cos un torrione del pa- 
lazzo, la maistre tor, v. 7152; inoltre lo scalone ad archi con volte, 
les degrs des ars rolus, v. 5380. Si corre subito col pensiero a quella 
gran sala circondata da logge descritta dal cronista Ugo Falcando l . 
Ma la maistre tor anche in Roma; la scala con i degrs de V are 
volu sta pure nella immaginaria Carmans di Spagna : questi sono 
caratteri generali dell' architettura contemporanea, come era nota al 
poeta, e non hanno nulla di locale. 

Cos pure sar immaginata la descrizione di una causer da letto 
della reggia, dipinta e smaltata e incastrata di gemme, v. 7843 sgg. : 

Atant son verni en la chambre, 
Qui painte fu et faite a lambre 
A ricb.es pieres, a esmaus. 

Nella descrizione degli addobbi per le grandi nozze, brilla un'i- 
dea del lusso e dello sfarzo orientale, per l'oro incastrato nelle pietre 
degli edilizi, per le camere dipinte, che fanno pensare alla Zisa e alla 
camera ancora esistente di Ruggiero II; e cos pei drappi serici rica- 
mati con ligure di uccelli, di fiere e di personaggi, vv. 8G30 sgg. : 

Atorn furent li palais 
Qui mult erent et bel et gent, 
Car tot furent li pavement 
De blanc liois, de marbr bis, 
Trestot a or ensi assis. 
Tot entor fu encortins 
De dras de soie a or ouvrs, 
A oeuvres d'or et a paiutures, 
A maintes diverses figures 
D'oisiax, de bestes et de gens. 
Les chambres furent par dedens 
Paintes et bien illumines. 

E contuttoci non usciamo dalla semplice immaginazione , soc- 
corsa probabilmente da tradizioni orali; perch un francese che avesse 



1 Epistola ad Petrum panormitane ecclesie thesanrarium de calamitate Sicilie, in 
La historia o Liber de regno Sicilie, ed. d. G. 13. Siragusa , Roma, Istituto Storico 
Italiano, 1897, p. 177 sgg. 



TARTE II. 



IL GUILLAUME DE VALERNE. 269 



visitata Palermo non avrebbe passato sotto silenzio tutto quello che 
la citt aveva allora di veramente singolare e strano per lui : la 
speciale condizione della convivenza di musulmani, francesi e italiani, 
i nomi di alcuni celebrati edifizii, come lo stesso Cassaro, e che so 
altro. Quanto al Mane liois, di cui son fatti alcuni edilizi ed anche 
le scale della reggia, non altro che una pietra dei dintorni di Pa- 
rigi, un calcare compatto e liscio, menzionato bene spesso in altri 
poemi, come il Partcnopem e il Perceforest, e di cui non esiste in 
italiano il nome equivalente. Le finestre di marmo del v. (>294 sono 
un particolare insignificante. Facile era pure immaginare che tutti i 
vescovi della Sicilia venissero ad assistere alle grandi nozze; il pa- 
triarca Alexis, e il cappellano regio Moisan sono egualmente fittizi, 
che anzi l' arcivescovo di Palermo non avea il titolo di patriarca; 
Moisan astrologo e interprete di sogni fa ricordare tuttavia quei savii 
arabi onorati nella corte dei Guglielmi, I e II, o accolti dal munifico 
e dotto Abul - Kasin. Due volte detto che a Palermo faceva gran 
caldo, vv. 5836, <>2!)5; ma bisogna riflettere che occorreva al poeta 
di portare i suoi personaggi alla loggia a prendere il fresco perch 
essi potessero guardare fuori nel parco, e vedere il lupo garou che 
veniva a far la riverenza. 

A questo si riduce la conoscenza che della Sicilia e della sua 
capitale aveva il poeta di (ini Ila urne de Paterne, onde non esatto 
ci che si asserito in proposito da pi d'uno. Guardando invece 
le tracce lasciate nel poema dalle condizioni storiche, arriveremo a 
risultati pi soddisfacenti. Anche qui non mancano, naturalmente, le 
fantasticherie : cos l'elezione dell'Imperatore di Poma pare fatta col 
concorso di tutti i Grandi , li baron et li riche houme et les persones 
de Vonor (v. 1)252), invece che coi pochi Elettori. Ma ben troviamo 
clic i Peali di Puglia e Sicilia [tossono indifferentemente chiamarsi 
con l'uno e 1' altro titolo; essi non dimorano stabilmente a Palermo, 
ma <[iii si riducono di solito. 11 Reame non era soggetto ali 1 Impe- 
ratore romano o d'Alegnama , e nessun accenno si fa ai suoi rap- 
porti con la Chiesa , sebbene il poeta sia religiosissimo. Il nome di 
Guglielmo ad un re di Sicilia rammenta evidentemente i due re clic 
lo portarono; e quello di Embron suo padre inventato appunto per- 
ch nessuno dei due Guglielmi storici ha compiute le gesta attri- 
buite all'eroe. Il quale in battaglia, allorch invoca lo sforzo dei suoi, 
alza il grido di guerra Palerne ; e non so se questo corrisponda alla 
realt , e sonasse nei fatti d' arme compiuti dai Siciliani, salpati da 
Palermo, sotto i re Normanni in Africa e in Grecia. Quando il re 
di Castiglia prende commiato dall' Imperatore di Poma, questi gli 



270 Hf. ZIXGAUEI.LI. PARTE II. 

rammenta di esser sempre pronto a soccorrerlo contro i Pagani, cio 
i Saraceni suoi vicini. 

In qual tempo dunque scritto il poema ? L'autore ci ha fatto 
grazia di svelarci l'epoca dell'azione da lui narrata dicendo che il suo 
Guglielmo fu consacrato imperatore di Roma da papa Clemente, il 
quale pontific tra un Gregorio ed un altro, v. 9354 sgg. : 

Sacrs les a et beneis 

Pape Clemens, nns apostoiles 

Qui fu entre les deus Grigoires. 

Abbiamo la scelta tra Clemente II, 1046-1048, che succedette 
a Gregorio VI, e precedette di 25 anni Gregorio VII; e Clemente III, 
1187-1101, tra Gregorio Vili, 1187, e il IX, eletto nel 1227. Cos 
la data fittizia dell'azione si complica con quella in cui fu scritto il 
poema. Dice il Bhmer che 1' autore intendeva di Clemente li, e 
che egli scriveva quando non era venuto ancora Gregorio IX, e dopo 
il 1187; perch essendosi con questo papa rinnovato il caso di un 
Clemente tra due Gregorii, egli non sarebbe riuscito a determinar 
nulla; distinse adunque il Clemente, III, dei suoi tempi dall'altro sotto 
il quale avvenne la sua storia, e non si preoccup d'altro l . Il Paris 
oppose che 1' autore non volle determinare proprio nulla, e che mise i 
due Gregori a caso 2 ; il poema sarebbe anteriore tuttavia al 1227. Certo 
infatti che negli anni di Clemente II nessun re Guglielmo aveva 
ancora la Sicilia ; e in quelli del III non fu consacrato nessun im- 
peratore. Un altro dato di tempo troviamo nella dichiarazione finale 
in cui il poeta benedice la contessa Jolanda la quale lo esort a 
scrivere la sua opera : 

Cil qui tos jors fu et sans li 
Sera et pardoune briement, 
11 gart la contesse Yoleut 
La boine dame, la loial, 
Et il destort son cors de mal. 
C'est livre list diter et faire 
Et de latin eu roumans traile. 
Proions Dieu por la boine dame 
Qu*eu bon repos en mete Panie. 

Anche qui i dispareri, ma ben presto eliminati, perch contra- 
riamente all'opinione del Littr, per il quale la contessa sarebbe Jo- 



1 E. Boebmer, Abfassungxzeit des G. d. I\, in liomaninche Studien III, 131. 

2 liomania, VII (1878), p. 470. 



PARTE II. IL GUILLAUME DE PALERNE. 271 

landa di Xevers, che spos nel 1205 Giovanni tiglio di Luigi IX, 
tutti accettano quella del Madden, editore del William and the Wer- 
wolf, trattarsi di -Iolanda figlia di Baldovino IV di Hainaut, la 
quale rimasta vedova di Yves conte di Soissons nel 1177 and in 
seconde nozze con Ugo conte di Saint-Poi : costei era zia di Baldo- 
vino VI eletto nel 1204 imperatore di Costantinopoli'. Sappiamo 
che ella avendo ereditato da suo fratello Baldovino V nel 1198 un 
manoscritto della Vita Caroli Magni dello Pseudoturpino, incaric 
Nicolas de Senlis di tradurlo in volgare 2 ; e ad un Baldovino, pro- 
babilmente il medesimo, dedicato VExcoufie, o romanzo dello spar- 
viero, che nel codice precede il nostro Guillaume de Paterne, ed era 
anche in altri codici perduti. Non isfugga che il poeta parla della 
contessa Jolanda come gi morta, e questa data ignota 3 . 

11 termine estremo, ad. quem, posto dal Paris, del 1227 giu- 
stissimo; ma possiamo spingerci oltre la fine del secolo precedente, 
oltre cio il 1188, al quale si tien vicino il Suchier col Blmier e con 
loro il Cloetta. Io credo che il poema appartenga ai primi anni del regno 
di Federico II , quando il monarca e il papa, Innocenzo III e Ono- 
rio III, vivevano in perfetto accordo. Imperatore nato in Italia, quasi 
in Poma, fu egli solo; egli era nato appunto da una regina di Si- 
cilia, (piale il Guillaume della nostra favola. Parlare di imperatori 
romani nati in Italia quando oramai se n'era perduta la memoria, al 
tempo del Barbarossa o di Enrico VI, non sarebbe venuto in mente 
a nessuno. Dipi . la ribellione del duca di Sassonia , che il poeta 
chiama ora duca ed ora re, ha il suo sostrato storico nella lotta di 
Ottone IV, considerato qui come un ribelle, e nella sua invasione in 
Italia, che le scorrerie del feudatario ribelle in Lombardia sono un 
episodio importante del nostro poema. Bisogna pur considerare che 
soltanto in quel tempo un francese avrebbe parlato dell' Impero con 
tanta simpatia, avendo lo stesso re di Francia soccorso potentemente 
il giovine Monarca a trionfare del suo avversario. La morte del duca 
di Sassonia, in prigione, dopo una grande battaglia, rammenta ciucila 
di Ottone, seguita quattro anni appena dopo la battaglia di Bouvi- 



1 Cfr. Michelant, cit. prface, X sg. 

2 G. Paris, La lUtrat. frati?, au M. A. cit., ^ 94. 

3 Deriva veramente il poema da un testo latino, come dice l'autore ? Il Mi- 
chelant, p. Ili, crede si tratti di un frammento di cronica italiana, opinione 
impossibile, sia per l'ignoranza dei luoghi, sia per la natura dell'opera : piuttosto 
era, se mai, un racconto latino, cui il poeta avrebbe aggiunte illusorie determi- 
nazioni di tempi e di luoghi. Del resto sappiamo che cosa valgano tali dichia- 
razioni. 



272 N. ZINOARET/LI. TARTE II. 

nes del 1214 ; e ci distoglie dal pensare al dissidio tra Federico Bar- 
barossa ed Enrico il Leone. 

Dice l'ignoto poeta clic Felice, la regina di Sicilia madre di Guil- 
laume, sogn ima figura umana sulla torre di Palermo, rivolta il viso 
verso il mare, e che a quella tanto si allungassero le braccia da 
toccare con la destra le mura di Roma , con la sinistra la Spagna : 
il savio Moisan spieg clic la buona e infelice regina avrebbe un 
giorno tenuto autorit in Roma, perch suo figlio ne sarebbe stato 
il Sovrano. L'immagine mi pare di quelle con le quali riesce a fer- 
marsi un grande avvenimento nella mente popolare : forse questa fi- 
gura vide anche Costanza normanna quando era chiesta in isposa per 
Enrico VI; e forse ella vagheggiava appunto un governo di pace e 
giustizia nell' Impero , dopo tante guerre , come quello che il poeta 
attribuisce appunto a Guillaume divenuto Emperatore (v. 95(50 sgg.), 
ed era celebrato per il nipote suo , che la storia chiama meritamente 
il Buono : Poi mette tale pace nel regno che nessuno cos forte 
ed ardito da recar torto ad alcuno ; i mercatanti, i forestieri e la 
gente del paese vanno sicuramente, non hanno timore che si tolga 
loro nulla; e chi assalisse il paese, non vi metterebbe altro pegno 
che il proprio corpo da essere appeso, e nessuno potrebbe impedirlo. 
Ciascuno viene sicuramente : benedetto chi tiene tale potest. Molto 
fu valente imperatore e forte e possente nell'amniinistrar la giusti- 
zia : esalta con ogni suo potere il bene, abbassa e fa cadere il male; 
piega e tiene gi gli orgogliosi, allontana da se gli adulatori e i 
menzogneri, giustamente; onora ed innalza i valentuomini; ama Ilio e 
serve la santa Chiesa . Lodi eguali fece di Guglielmo II Riccardo 
da san Germano, e sono un'eco chiarissima della fama lasciata in Eu- 
ropa dal buon monarca 1 ; ma tuttavia avvenuta come una crasi col 
personaggio di Federico II che suscit pi che speranze di un governo 
di giustizia e di pace. Tale era il concetto popolare dell'Impero; e non 
meraviglia se per molto tempo gli fossero affezionati tanti alti spiriti 
del Medio Evo, specialmente coloro che, come Dante, ebbero bramosia 
di pace e provarono il disgusto degl'intrighi e delle violenze. 

Sicch nel poema di amori e di avventure, con tutte le bizzarrie 
di geografia e di storia, e le fandonie , vediamo esaltate pure le idee 
pi nobili di ({nel tempo, l'amore, il valore, la religione e la giustizia, 
concretata nell'impero di Roma; non di proposito, ma perch cos le 
sentiva l'autore, e cos la societ per la quale egli cantava. 



1 Cfr. Fr. Torraca, II regno di Sicilia nelle opere di Dante. Palermo, 1900. 

Nicola Zingarelli. 



AARGARITO DI BRINDISI CONTE DI WALTA 

E AMMIRAGLIO DEL RE DI SICILIA. 



Xella storia degli ultimi re Normanni di Sicilia Margarite), o Mar- 
garitone, di Brindisi occupa un posto importante : quasi tutti gli scrit- 
tori e i cronisti del tempo , bizantini , italiani , tedeschi e francesi, 
riferiscono le imprese ond' egli sal ben presto in fama e potenza l . 

L'origine di questo re del mare , o Xettuno , come fu detto 
dal continuatore francese di William de Tyr 2 , un po' controversa; 
la questione stata pi volte messa innanzi e risoluta in due modi 
diversi : vi lia chi lo crede de genere regio Siculorum , e chi lo 
ritiene invece un pirata. 

Quasi tutti gli scrittori di Brindisi 3 , e' hanno impreso con pi 
amore che critica a narrarne le imprese, hanno accolto la prima so- 
luzione sulla fede del solo Tolomeo da Lucca 4 , vissuto in tempi e 
luoghi molto lontani dagli avvenimenti , onde sembra eh' egli abbia 
piuttosto raccolta e riferita la tradizione leggendaria che forse lungo 
il sec. XIII s' era venuta formando nelle Puglie. L' altra opinione, 
messa fuori dal La Lumia e dall'Amari, ha il inerito d'esser fondata 
sulla testimonianza di quasi tutti gli scrittori contemporanei, bizan- 
tini, italiani e tedeschi 5 , che l'Amari ha esaminato in gran parte con 
vero acume critico. 



1 Per tutte le testimonianze. Cfr. Amari, St. dei Mus. in Sicilia, III, pp. 523 a 
529, 568, 607 e note. L'Amari e il La Lumia, Studi di Storia Siciliana, 3 a ed. 
voi. I, p. 531 e seg. , hanno scritto su Margarito i migliori cenni biografici che 
tuttavia si conoscano. 

2 Recueil des Historiens des Croisades (Bongars" , Historiens Occidentaux , t. II, 
lib. XXIV, cap. 7. 

3 Cfr. per tutti Ferrando Ascoli , La storia di Brindisi scritta da un marino, 
Rimiui, 1886, p. 79 e seg.; Rassegna Pugliese, Trani-Bari 1902, voi. XIX, nr. 11-12 
pp. 343-348 ( Margaritus de Brundnsio 1130 (?)-1196). Anche il napoletano Gian- 
none (Ist. civ. del regno di Napoli , 1865, III, p. 301, dice Marg. duca di Du- 
razzo e principe di Taranto. 

4 Muratori , E. I. S. XI , col. 1275 all' anno 1193. A questo annalista dob- 
biamo pure la notizia del rex Margaritus Epirotarum , del tutto falsa. 

5 Amari, op. cit., Ili, 525 n. 3. 

18 



274 C. A. GARTJFI. PARTE II. 

Un solo punto, a dir dello Spata l , rimarrebbe per dubbio nelle 
pagine forbite ed eleganti del La Luana e nelle profonde ed acute 
dell'Amari; e questo punto dubbio si riferirebbe ai 85 e 91 della 
&B66aXoviv.r\g vyyQcccp)) t^g eifre vtSQtcg za^avrijv lsag' ecc. di 
Eustazio. 

Secondo l'Amari e il La Lumia non sarebbe inverosimile che Mar- 
garito abbia lasciato coll'antico mestiere un soprannome datogli dap- 
prima , e che egli ammiraglio , e poi conte di Malta , sia lo stesso 
Sifanto, il corsaro ausiliario del re di Sicilia, ricordato dall'arcive- 
scovo Eustazio nella presa di Tessalonica . 

Per lo Spata siffatta congettura non ha alcun fondamento, perch 
Eustazio poteva sapere se. Sifanto da Brindisi fosse un suddito del 
re ed invece afferm che era corsaro volontariamente offertosi ai Si- 
ciliani, previo ingaggio convenuto; il che importa ch'era straniero . 
Che Sifanto fosse di Brindisi , Eustazio poteva saperlo , ma non lo 
disse; che Margarite fosse d'origine pirata, 1' affermano tutti gli scrit- 
tori e i cronisti contemporanei; che per esser corsaro e offrire i propri 
servigi si dovesse necessariamente essere straniero una mera affer- 
mazione dello Spata. 

La questione, a mio avviso, dev'esser posta invece nei seguenti 
termini : 

1. Eustazio nei 85 e 91 col nome Sifanto, o Sifonto (come 
ritengo sia giusto), allude a Margarite % 

2. E se allude a Margarite, si ha a credere eh' egli abbia rife- 
rito il soprannome col quale era comunemente inteso, o deve piuttosto 
ritenersi che il nomignolo siagli stato appiccicato dall' autore come 
fioritura rettorica ? 

Mceta Choniate 2 dice che nell'espugnazione di Tessalonica per 
mare vi presero parte Tancredi conte di Lecce , ammiraglio del re, 
e. . . . Kat d-alartav 7teiQcct)g KQcctirog, MsyaQsCrr]g. 

William de Tyr , Sicardo vescovo di Cremona e Kodolfo de Diceto 
affermano pure che l'impresa fu condotta da Tancredi e che in Tessa- 
lonica Margarito si copr di gloria. Non v'ha dubbio quindi che Tan- 
credi e Margarito siano stati i principali personaggi in quelle giornate 
memorande, e che il potentissimo pirata abbia dato prove di alto 
valore. 



1 Giuseppe Spata, / siciliani in Salonicco nell'anno 1185 , ovvero La espugna- 
zione di Tessalonica, narrata dall'arcivescovo Eustazio (tradotta da), Palermo, 1892, 
pp. XXVIII e XXIX. 

2 Niceta Choniate, Isaacius Angelus, ed. Venezia, 1729, t. XXI, lib. I, p. 194. 



PARTE It. MARGARITO DI BRINDISI CONTE DI MALTA. 275 

Tale constatazione di fatto era necessaria per interpretare giu- 
stamente i passi Eustaziani. Questo dotto commentator d'Omero, ormai 
lo ritengono tutti , si compiace della troppo rettorica : nel suo larghis- 
simo discorso non nomina mai Tancredi e Margarito, in parecchi luoghi 
per si vede che parla di loro, e non pu essere altrimenti. 

Lo Spata, e credo bene, ha ravvisato Tancredi nel brano Evvov%og 
yQ rov Qr t yg, ^iiQg %r\v &jiav del 103 l , e lo ha pure identificato 
con Maurozoma nell' indice dei nomi propri e delle cose notevoli 2 , 
punto giovandosene nella prefazione. Egli s' per dimenticato che 
il Maurozoma di cui si parla nel 91 pure ricordato nel 10. Quivi, 
Eustazio, parlando di Davide lo stratego , IlQatXsiov xcd rf[g ^v 
iKoXdag xQo&Cviov, afferma ch'era stato mandato t UixsX 6vv ys 
t MuvQolomr] 3 . Dal contesto di tutto il paragrafo si desume che 
colle parole Siciliano e Maurozoma s' allude a Guglielmo II e 
a colui cui fu affidata l'impresa di Grecia , cio a Tancredi II. Mau- 
rozoma poi ( 91), si noti bene, si trovava nell'ippodromo insieme 
con Sifanto , il quale prese con s l'arcivescovo, onde non soppor- 
tasse, come gli si diceva, altri affanni , mentre di fatto lo si voleva 
costringere a mali peggiori ; perch ( 85) Sifanto era pirata . E, 
seguendo il racconto di ci che gli occorse, cos continua : . . . . uree 
(lo Spata scrive : sita) y.ax ri^ijv iivcqiov xEXsv&vtsg hxi$f[vai (^ 

yQ OV XOiOVXOV SXSVO TO lX7tCC()CdLOV') 

Da tutti i brani riferiti a Maurozoma e a Sifanto si vede bene 
che Eustazio aveva un'alta idea del valore guerresco di quest' ultimo, 
come Xiceta Clamiate l'aveva del nsigatig, 6 K^axitog Margarito, e 
che stimava Maurozoma inferiore al suo alto grado nell' esercito, 
sebbene ne lodi la' piet religiosa. Entrambi nel racconto Eustaziano 
appariscono come le persone pi cospicue nell'armata di Guglielmo li. 
Se dunque lo Spata non ha esitato nell'identificare il Maurozoma con 
Tancredi, o perch mai in Sifanto non ha voluto rinvenire Margarito ? 

Xiceta Choniate, non inutile ripetermi, dice Tancredi ammi- 
raglio e Margarito pirata ; Eustazio parla di Maurozoma ammi- 
raglio e di Sifanto pirata , non evidente che con tali nomignoli ac- 
cenni a Tancredi e a Margarito ? 

Pietro da Eboli , che non ha punto risparmiato Tancredi di bassi 
epiteti, come ad es. il confronto con Andronico , il turpis sinica , 
il facie senes, statura puellus ecc. che illustra la miniatura , dove 



1 Eustazio, op. cit. nell'ed. Spata eit., p. 170. 

2 Idem, p. 252. 

s Id. pp. 18, 148, 156. 



276 C. A. GARUFI. PARTE II. 

lo ha raffigurato come un nano dalla faccia impiastricciata , non rife- 
risce punto il nomignolo di Maurozoma appiccicatogli da Eustazio, e 
certamente non ne avrebbe perduto l'occasione se l'avesse conosciuto \ 
Chi studia il discorso dell' arcivescovo di Tessalonica e non ignora 
com'egli sia stato reputato il pi dotto fra gli Scoliasti d'Omero, si 
persuade di leggieri che il buon prelato si compiaceva dei suoi riboboli 
e non tralasciava occasione per foggiare vocaboli. 

Il nomignolo di Tancredi, a mio avviso, fu coniato da Eustazio 
sulla base di Mccvgog, o [lavQg, Z&fia, o Z[irj 2 , che varrebbe quasi 
1' uomo dalla debole corazza , o dalla debole armatura. L' altro su 
Margarite, a giudicare dal vocabolo Uupvtog come stato trascritto 
dal ms. di Basilea (f. 242 e 243 & , e come stato riprodotto dal 
Brockhoff e dallo Spata, non avrebbe alcun significato 3 . A mio pa- 
rere la lezione dovrebbe correggersi in Hupvrog , da un originario 
Ulcpcov 4 , che nel linguaggio marinaresco del tempo vorrebbe signi- 
ficare il turbine, la tempesta , onde Margarite sarebbe per Eustazio 
il pirata turbine , o tempesta . In questa guisa interpretando , a- 
vremmo qualcosa che s'accorda col TteiQUTrjg xQoctKStog , e , si noti 
bene, Eustazio ne parla la prima volta ( 85), a proposito della ban- 
diera nemica eh' era stata fissata sul muro rotto di Tessalonica , da 
uno dei marinai valorosi e destri che navigavano nella nave di Si- 
fanto, mettendo d' altra parte a riscontro la valentia di quei marinari 
colla codardia dei soldati che dovevan custodire la citt, il vigoroso 
e subitaneo attacco di Sifanto colla celere fuga di Davide. 



probabile che Margarite sia stato nominato ammiraglio da Gu- 
glielmo II, poco prima o poco dopo la vittoria navale ch'egli riport 



1 G. B. Siragusa , Le miniature che illustrauo il Carme di Pietro da Eboli nel 
Cod. 120 della Bib. di Berna, Roma, 1904, estr. dal Bull. dell'Ist. St. It. tir. 25, 
p. 12 ecc.; Id., Liber ad honorem Augusti di Pietro da Eboli, ecc. tavole , Ist. St. 
Ital., tav. V (carta 6 99) etc. Cf. pure, Guido Bigoui, Una fonte per la St. del reg. 
di Sic., il Carmen di Pietro da Eboli, Genova, 1901, p. 34 e seg. 

2 La parola Zw^icc, nel senso di cinto dei lottatori usata anche da Omero, 
11. XXIII, 683. Il Maurozoma potrebbe anche intendersi come l'uomo dalla nera 
corazza , ma tutti i brani Eustaziani pare autorizzino l'interpretazione adottata 
nel testo. 

3 II cod. orig. pare si sia perduto. Cfr. Spata, op. cit. Prefaz. p. XI e seg. 
Nella coli, degli Scrittori bizantini non trovo usato da altri Cronisti o Storici n 
Maur. n Sif. 

4 Du Cange, Glossarium media et inf. Graecit. alle voci ZJtcpcov e UicpavtcoQ. 



PARTE II. MARGARITO DI BRINDISI CONTE DI MALTA. 277 

in Cipro, dove cattur 70 galee bizantine l ; ma nessun dato abbiamo 
che ce lo faccia decidere con esattezza. 11 titolo di Conte di Malta, 
che spunta nelle carte di lui , pare gli sia stato conceduto da Tan- 
credi tosto che fu re: la congettura sarebbe fondata sull'amicizia e 
l'attaccamento ch'egli ebbe per Tancredi , pel quale col Presule di Sa- 
lerno , al dir di Pietro da Eboli 2 , Matteo d'Aicllo ed altri baroni 
congiur contro Enrico VI. Altro punto oscuro la condizione della 
moglie di cui conosciamo soltanto il nome, Marina , per via della do- 
nazione ch'egli fece all'Archimandritato del S. Salvatore di Messina 3 , 
ch' la sola carta che di lui fin' oggi si sia conosciuta. 

Nell'Italia Meridionale ho rinvenuto altri tre documenti originali 
di Margarite, sicch il materiale diplomatico che di lui si conserva 
costituito da 1 documenti che vanno dal 1 192 al 1194 4 . 

1. 1192, luglio ind. X, donazione alla chiesa di S. Nicola di Pe- 
ratico. Arch. di Badia di Cava dei Tirreni, Arni. L. 35, perg. orig. 
con suggello pendente di cera; ined. (App. 1). 

2. 1193, seti. ind. XII, donazione (col consenso della moglie 
Marina) del casale di Cremaste in contrata que dicitur de Mascalo 
apud Siciliani iuxta tenimentum Casatabiani al monastero di S. Sal- 
vatore, quod Mandra Messane dicitur . Pirri, Sic. Sac. II, 980 
Ms. greco-lat. Bibl. Vatic. .S201 f. 10 a . 

3. 1194, luglio ind. XII, donazione alla chiesa matrice di Brin- 
disi. Arch. Capit. di Brindisi, fase. Ili, nr. 15, perg. orig. ined. (App. II). 

1. 1194, ind. XII, per mandato del conte Margarite Johannes 
de Brundusio Camerarius Policarii dona alla chiesa di S. Nicola di 
Peratico una terra in Colubrario . Arch. di Badia di Cava, perg. 
greche n. 80 , perg. orig. edita dal Trincher , Syllabus etc. n. 237. 
Cf. Paul Marc, Begister des Byzant. und neugriech. Urie unden material 



1 Amari, op. cit., p. 52o e n. 4. 

2 Siragusa , Le miniature ecc. cit. p. 40; Id. tav. 42 carta 43-136 del Cod ) 
e 43 (carta 44-134). 

3 Pirri, Sic. Sua: II. 980; Bibl. Vat. Cod. Gr. 8201, e 10 a e lOb ; cit. pure 
in Eassegna Pugliese cit., XIX ur. 11-12 p 346. 

4 Rodolfo Francioso , in Rassegna Pugliese cit. a p. 346 , cita un breve di 
Celestino III del 4 febbr. 1195, diretto al nobili viro Margarita coiuite Malte, 
ebe si troverebbe in De Leo, Cod. dipi, Prundusinus, voi. I all'alino 1193. Secondo 
questo doc. Margarite avrebbe fatto edificare in Brindisi una chiesa al titolo di 
S. Maria del Ponte. P. Kebr, Papsturkunden in Apulien, <ius den Nadir, d. K. Gesells. 
d. Wiss. zu Gttingen, Philologisch-histor. Kl., 1898, Heft. 3, pp. 252-257, non lo 
ricorda affatto, e a me non stato possibile di rinvenirlo in Briudui. M' auguro 
che altra volta sii pi fortunato. 



278 6- A. (ARtTFI. PARTE 11. 

etc, in Pian eines Corpus der Griech. UrTcunden etc. Miinchen, 1903, 
p. 79 nr. 7. 

Un solo doc, il 4, redatto in greco, gli altri sono in latino, 
eccetto la firma, o signaculum di Margarito (come detto in App. I) 
eli ' in greco e con nessi un po' intricati : 




MccQyccQtftog Kfiqg MsXtxalog. Nel testo egli detto sempre Mar- 
garita de Brundusio , sicch presumibile sia nato in Brindisi da 
genitori d' origine bizantina. Avvalorano la congettura il fatto che 
anche il nome, secondo il Du Cange , sarebbe d'origine bizantina e le 
donazioni, di cui tre in favore di monasteri di rito greco (S. Salva- 
tore di Messina e S. Nicola di Peratico) ed una per la chiesa ma- 
trice della patria sua. 

Nelle tre donazioni (1, 2, 3), in cui egli autore, la superscriptio 
Margaritus de Brundusio dei et regia gratia Comes Malte et victo- 
riosus Begij stolij amiratus ; il formulario del testo tal quale quello 
usato dai conti Normanni delle Puglie \ 

Nella pergamena di Badia di Cava si trova ancora attaccato coi 
fili di seta rossa un frammento del suggello pendente di cera ; fram- 
mento che calcolo circa un quarto dell'intero suggello di Margarito. 
L'estrema rarit di suggelli cerei signorili nell' Italia Meridionale ac- 
cresce l'importanza di quest'unico frammento , il quale ancora pi 
pregevole per le traccie evidenti del controsuggello. Dalla sezione della 
figura che si vede nella parte del suggello , facile arguire che l'in- 
tera impronta (che dovea avere anche la leggenda , di cui non si ha 
traccia) avea forma circolare , con un diam. di 7 o 8 cm. circa. Ad 
un dipresso il suggello avea la medesima forma di quelli cerei del- 
l'imperatore Federico II, di cui il Philippi ha riprodotto alcuni esempi. 



1 Mi limito a citare due soli lavori recentissimi : Giovanni Guerrieri , I Conti 
Normanni di Nardo e di Brindisi , estr. Ardi. St. per le Prov. Nap. , anno XXVI, 
fase. II. Documenti; E. Rogadeo , Gli Aleramici nell'Italia Meridionale, Trani, 
1904, docc. p. 65 e seg. 



MARGARITO DI BRINDISI CONTE DI MALTA. 



279 



Xel nostro frammento, dalla parte del suggello , si vedono il collo 
di un cavallo bardato e lo scudo che ha per insegna un'aquila colle 
ali aperte. 11 suggello, non v'ha dubbio si pu classificare come ap- 
partenente al tipo equestre l ; e si pu stabilire che Margarite come 
emblema assunse V aquila. Il controsuggello , che costituisce, ripeto, 
una vera rarit, ha per impronta l'aquila, in proporzioni pi grandi, 




Fisi. 19. 



a cui mancano per la testa e V ala destra. L' aquila quasi simile 
a quella che Avignon nei principii del XIII sec. adott nei contro- 
suggelli 2 . 

Coll'aquila assunta come emblema Margarito voleva forse simbo- 
leggiare la sua potenza; a noi, alla distanza di parecchi secoli, l'aquila 
apparisce come il simbolo della resurrezione, dopo il perdono dei pec- 
cati (doc. 1 e 2) , o dei delitti (doe. 3); perdono al quale egli ha di- 
ritto per l'aiuto prestato agli ultimi re di Sicilia e per la fine mise- 
randa a cui lo dann Arrigo VI , facendolo accecare e mandandolo 
prigione in Germania. 



1 Adotto la classificazione del Lecoy de la Marche, perch lo stato frammen- 
tario del suggello non permette di assegnarlo con sicurezza alla 2 n o alla 4 a classe 
della divisione dello Schlumberger, Sigillographie de l'empire bizantine, Paris, 1884 f 
pp. 11-12. 

2 Lecoy de la Marche cit., Lex Sctaux, Paris, 1889, p. 224, 



280 C A. GAROTt. PARTE il. 



I. 

Luglio 1192 iud. X a . 

Margarito conte di Malta e ammiraglio di Sicilia fa alcune donazioni alla 
chiesa di S. Nicola di Peratico Colubrario in Basilicata 2 . 
Archivio di Badia di Cava dei Tirreni, Arm. L 35, perg. orig. con sug- 
gello di cera pendente. 
Inedita. 

MuQyuQr[tos Kfiyjg MsXitalog, 

! In nomine Dei eterni et Saluatoris nostri Jhesu Christi amen. Anno 
ab incarnatione eiusdetn Millesimo Centesimo nonagesimo secuudo \ mense Julij 
decime indictiouis Ecclesiarum iura protegere et eis benigniter subuenire equi- 
tati conueniens est / et rationi consonans. Inter cetera quidem beneficia fauo- 
rabilius est ipsorum beneficium a quibus exordiuru regenerationis / nostre re- 
cipimus. Ea propter nos Margaritus de Brundusio Dei et regia gratia comes 
Malte et uictoriosus Begij / stolij amiratus - considerautes et animo nostro iu- 
giter reuolueutes quantum salubre sit ecclesiis beneficium exibere, ex in \ nata 
nobis benignitate 3 intuitu etiam pietatis et misericordie et pr remissione 
peccatorum meorum et pr animabus / patris et matris mee - damus et conce- 
dimus ecclesie beati Nicolai de paradelli quandam peciam terre de nostro 
dema - / nio. que terra fuit quondam Nicolai Pinne - quatinus terram ipsam 
libera et siue aliquo seruicio de cetero habeat / possideat et usufructum eiusdem 
recipiat sine quolibet nostri et successorum nostrorum exactione seu contra- 
rietate. quam inde tibi uenerabili Nilo 4 et successoribus tuis nos et succes- 
sores nostri facere uel inferre possimus. Terre / nero flnes hij sunt. Ab oriente 
est uallis calcenari. ab occidente terra Girardi Papisafri. a parte boree / terra 
quam tenebat Ugonius de Naueata a parte meridiei terra filiorum Basilii 
Coci. Ad Imi iis autem donationem, ac perpetuam concessionem nostrum presens 



1 Nel Catalogo si trova la pergamena indicata : giugno 1192. 

2 Secondo il Guillaume, Essai histor. sur l'Abbaye de Cava eie, Cava dei Tir- 
reni, 1877, p. LXXXVI, l'abbazia di rito greco di S. Nicola di Peratico sarebbe 
stati fondata nel 1117 e sarebbe passatu alla dipendenza della badia di Cava nel 
1197 per la donazione di Alberada castellana di Colubrario. Di questo Monastero 
greco si conservano nell'Arch. di Badia di Cava 7 docc. (Pergamene greche nr. 21, 
26, 34, 83, 84, 86); cfr. Trincher, Syllab. graee. memb., docc. ur. 81, 84,94, 110, 
228, 231, 237; Paul Marc, op. cit., p. 79. 

3 sic. 

4 Di questo abbate Nifo si hanno notizie nelle perg. greche cit. nr. 83 84 
di Badia di Cava, 



Parte il. maugariTo di brindisi conte di malta. 281 

scriptum per manus Iobannis de Policaro notarii nostri scribi et nostro signa- 
culo superius im - / presso et bulla nostra fecimus insigniri. Anno mense et 
indictione pretitulatis. 

Segue disegnata una mano con tutto l'avambraccio. 

Locus *f* sigilli cerei. 



II. 

Luglio 1194 ind. XII a 

Margarito conte di Malta e ammiraglio di Sicilia dona alla cattedrale di Brin- 
disi tre case con terre, poste verso il porto di S. Giacomo. 
Arch. Capitolare di Brindisi, fase. Ili, nr. 15, perg. orig. 
Inedita. 

-! Anno salutifere incarnationis domini nostri Ibesu Cbristi. Millesimo 
Centesimo nonagesimo quarto Anno primo Regni domini nostri Guillelmi dei 
gratia. precellentissimi Regis Sicilie. Ducatus Apulie et priucipatus capue, 
mense Iulij indictione duodecima. Ego Margaritus de Brundusio dei et Regia 
gratia Comes Malte et Regij uictoriosi stolij amiratus ac domini Regis fami- 
liaris. Pro remedio animavum patria et rnatris mee et salute mea. atque suoniti], 
necnon et meorum delictorum remissione, corani Iudicibus Bruudusii et aliis 
probis bominibus. testibus subnotatis offero et per fustem ac per boc presens 
scriptum trado Deo et saucte brundusine matrici ecclesie in manibus tuia do- 
mine. Petre ipsius ecclesie uenerabilis Arcbie piscope. tres domunculas quas 
babeo in portu sancii Iacobi cum tota terra uacua eis adiacente in parte orien- 
tali. Quas quidem domunculas et pie- dictam terram. simul cum aliis domibus 
in eodem loco existentibus quas dedi ipsi brundusine matrici ecclesie, emi a 
filiis notarii Iobannoccari de Mate-/ra. Quibus domibus adbetent (sic) ipse 
domuncule et predicta terra ex parte australi, uidelicet inter domos predictas 
et menam (sic) aque pluvialis. Et boc quidem modo ut/deinceps ipse tres 
domuncule cum predicta terra iu potestate sint et domiuatione ipsius ecclesie 
ad babendum perpetuo et possidendum. et uelle suum exinde faciendum sine 
omnia mea meorumque beredum contradictione et requisitione. Unde uoluu- 
tariam guadiam dedi tibi predicto domino Arcbiepiscopo uiee ipsius matrieis 
ecclesie recipienti et me ipsum fdeiussorem posui. ut Ego et mei beredes 
banc oblatiouem et tradicionem. semper firniam et ratam babeanius. nec allo 
adueuienti tempore ' eam corrumpere uel euacuare minuere. seu reuocare per 
nos aut per alios a uobis solo submissas. allo modo teuiptemus. Quod uero 
contra que predicta snnt fece- rimus. et per legem nel cautionem predictam 
ecclesiali] inde misimus. obligo me et nieos beredes eidem ecclesie aureos 
Regales quiuquaginta componere / et Curie totidem. et ad predicta invitos 



282 C. A. tARUFI. PARTE It. 

manere. Ad posterorum itaque memoriam. et ipsius ecclesie ac successorum 
eius perpetuala securitatem atque defen- / sionem. fecimus inde fieri sibi hoc 
scriptum. Quod et scribere iussimus Benedictum reginm 1 et publicura Brun- 
dusii notarium. qui interfuit. mense /et indictione pretitulatis. 

MaQyccQfjTog K^i]g Mslvxalog. 

Regalia Iudex Brundusiuorum miles Willelmi subscripsi. 
* Ysaac brundusinorum Kgalis iudex. : 
Regius bruudusiuorum Saraceuus iudex -'.- 
$ Paulus Regulis iudex brundusiuorum. 

Lucii8 *|* sigilli cerei (?) 



1 Per il periodo di Guglielmo III non si ha alotiua Cancelleria retrnlurmente 
costituita; come Notti ri regi si conoscevano Sanso o Sanson e Massiminiano di 
Brindisi che furou pure notavi di Tancredi re. Cf. Garufi , I (lave. ined. <leW cp. 
norm. in Sicilia. I, 257 e 268 ; Kehr. A. K. , Die Urkanden der Xoriiianiich.-Sio. 
Knige eie. Iunsbruck, 1902, pp. 63, 64. Possono aggiungersi: 1 Nicola, Dona- 
zione dell'Ammiraglio Eugenio alla Chiesa di Patti, 1194, maggio ind. XII a 
Arch. Cap. di Patti, voi. Pretensioni f. 69 ; 2 Benedetto, che c' dato dal nuovo 
documento. 

Palermo. 

C. A. Garufi. 



IL LIBER DE REGNO SICILIAE 

E LA STORIA DEL DIRITTO SICULO. 



Le incertezze annebbiatiti fin qui la figura dello scrittore che 
ci lasci il Liber regni Siciliae ' neppur da me saranno interamente 
dissipate e vinte : mi sembra per , dopo nuovo esame di esso, con- 
dotto con criterii non ancora sfruttati , di aver per le mani 2 qual- 
che buon elemento fin qui negletto che potrebbe meglio addurre, se 
non ad una precisa identificazione di lui, ad una pi retta valutazione 
della persona morale e dell'opera sua. 

Altri gi ne rilev come caratteristica l'aver cercato di collocare 



1 Lasciate da parte le vecchie stampe di Gervais de Tournay, del Wechel, 
del Caruso, del Burmann, del Muratori e del Del Re, mi servo della pregevolis- 
sima edizione del Siragusa , La historia o Liber de regno Siciliae e la Epistola ad 
Petrum panormitane ecclesie thesaararium di Ugo Falcando , Roma 1897 con le ag- 
giunte La Historia o Liber de Regno Sicilie e la Epistola ad Petrum panormitane 
ecclesie thesaurarinm di Ugo Falcando (Lezione del codice di San Nicol dell' Arena di 
Catania ora vaticano) Roma 1904. Agli appunti del Vattasso Del Codice benedettino 
di San Nicol dell'Arena di Catania contenente la Historia o Liber de regno Sicilie e 
la Epistola ad Petrum panormitane ecclesie thesaurarinm di Ugo Falcando in Archivio 
muratoriano (1894) n. 2, ha risposto il Siragusa stesso nella memoria Sul codice be- 
nedettino di S. Nicol dell'Arena di Catania contenente la Historia o Liber de Regno Si- 
cilie e la Epistola ad Petrum panormitane ecclesie thesaurarinm di Ugo Falcando, Pa- 
lermo 1906 difendendo l'edizione sua che qui sar per brevit indicata con le sigle 
LRS. Pi innanzi risulter chiaro il perch io ho preferita queste ad altre desunte 
dal nome di Falcando. 

2 Per non citare degli scritti in proposito che i pi importanti e i pi re- 
centi ricordo il Siragusa, LI governo di Guglielmo I in Sicilia , Palermo 1876 e II 
regno di Guglielmo I in Sicilia, Palermo 1885-1886 I p. 155-165 ; lo Hartwig , Re 
Guglielmo I e il suo grande ammiraglio Maione da Bari, in Arch. stor. nap., Vili, 
fase. 3 ; lo Hillger, Das Verhaltniss des Hugo Falcandus zu Romuald von Salerno, 
Halle 1878; lo Schrter, Ueber die Heimath des Hugo Falcandus , Gotti ngen 1880; 
il Salinas in Arch. stor. sic. VI (1887^; il La Lumia. La Sicilia sotto Guglielmo il 
buono, Palermo 1882 p. 226 e in Storie siciliane, Palermo 1884-1S85. I; il Gabrieli in 
Rassegna pugliese, I, n. 4 e nel libro Un grande statista barese del secolo FUI vit- 
tima dell'odio feudale, Tram 1899; la Ancona, La patria di Ugo Falcando, Teramo 1902 
estr. dalla Rivista abruzzese. 



284 . BE8TA. f-AKTE II. 

la serie degli avvenimenti politici entro 1' ambiente sociale in cui eb- 
bero a svolgersi fornendo cos ima messe di notizie interessantissime 
intorno alla costituzione del regno normanno , alle condizioni dei feu- 
datarii, della citt, del popolo ! ; a me nelle sue pagine, ove il pal- 
pito della vita e il fremito della passione e, a traverso lo sforzo della 
obbiettivit, domina sempre un esuberante soggettivismo 2 , parso in 
pi di cogliere sotto lo storico il politico e il giurista. E per ci ap- 
punto, spingendomi oltre le solite osservazioni, giudicai opportuno l'in- 
dagare se da quelle speciali cognizioni e da quelle speciali tendenze 
non possa venir la risposta ad alcuna delle tante questioni che si agi- 
tano intorno a lui. 

1. A dir schietto mi par soverchiamente immiserita la sua in- 
teressante figura da coloro che in lui, non certo scevro da parzialit, 
ravvisano niente pi che il pedissequo letterato, la penna prezzolata 
di alcuno fra i baroni ribelli a Guglielmo I 3 : al contrario, egli non 
risparmi il biasimo a quelli cui fu pi largo di lodi n pu dirsi 
quindi che fosse aggiogato al carro dell'uno o dell' altro fra i proeeres. 

Forse, bench incoscientemente dominato da simpatie ed anti- 
patie personali e chi d' altronde pu sfuggire completamente al 
tirannico impero delle simpatie mosse da ragioni pi alte, da ve- 
dute fondamentali che lo ressero nei suoi giudizii : la sua stessa acre- 
dine potrebbe cos essere indizio della sincerit con cui, nemico giu- 
rato delle inutili ambage* e delle tortuose fallaciae della simulazione 4 , 
persegu i suoi ideali. Ma quali eran essi ? 

Al Gabrieli, che pur non difett d'acume nella calorosa apologia 
di Maione , sembr un nemico della monarchia 5 : ma come mai 
potrebbe definirsi antimonarchico colui che con commossa parola pian 
geva la morte del giovine Ruggiero anice benignitatis ae dulcedinis 



1 Capasso , Le fonti della storia delle provincie napolitane dal 568 al 1500, Na- 
poli 1902 p. 87; Balzani, Le cronache italiane, Milano 1898 p. 212-219. 

2 Ci indubbiamente vero : ma dal constatar questo al far di lui un libel- 
lista anonimo ci corre molto ! 

3 In questo senso vedi sopratutto il Gabrieli op. cit. p. 5. Ne dubit invece 
la Ancona op. cit. p. 42 e gi ustamente. Cos, p. es., se di Roberto di Basseville il 
LRS. si tiene gran conto nelle prime pagine significante la successiva trascuranza: 
e anche Matteo Bonello, se ebbe lodi , ebbe pur biasimo. Lo stesso a dirsi nei 
riguardi di Riccardo eletto siracusano, elogiato prima e riprovato poi. Notevole 
il biasimo costante rivolto ai vescovi di Girgenti e di Reggio (p. 91-92) e non meno 
notevole l'elogio costante a Roberto di S. Giovanni. 

4 Questi sono appunto i vizi che pi rimprovera in Maione, in Matteo d'Aiello, 
nel vescovo di Girgenti, nei siciliani in generale. 

5 Gabrieli, op. cit. p. 5 e 170. 



PARTE II. IL LIBER DE REGXO SICILIAE >. 285 

virum appunto perch aveva privato la Sicilia di un re che avrebbe 
certamente .seguite le vestigia del nonno, il glorioso fondatore della 
monarchia sicula i 

Facile intelligas , scriveva egli , regnarli ni fortitiidinem ac station 
rirtiitent parere rei) nauti uni tantnmque regni euinslibet gloriam ampliar i 
non dubites quantum in principe virtutis esse eognoveris 2 : riconosceva 
quindi apertamente i vantaggi che il regime monarchico pu apportare 
quando le redini dello stato sieno affidate a chi ben le sappia reg- 
gere. La forza e la saviezza del sovrano sono allora coefficiente po- 
deroso di prosperit pubblica : ma ben altrimenti suole avvenire quando 
il regno cada su chi inetto e all'inettitudine accompagni il disprezzo 
d'ogni freno salutare nell'uso degli amplissimi poteri. Ora non la mo- 
narchia fu bersaglio alle critiche di colui che, sulla fede di Gervasio 
di Tournay , sogliamo identificare in Ugo Falcando , ma piuttosto la 
persona del monarca. 

Il tipo del re fu per lui Ruggiero, di cui pinse con tratti maestri 
il pi lusinghiero ritratto concludendo che, nihil qnod virtntem deceret 
omittens, neminem regimi aut principimi temporibus suis parem habuerat 3 ; 
ma P erede della paterna podest non pareva 1' erede della paterna 
virt e colui, che a pena il padre avea creduto degno del principato, 
tralignava troppo dal buon ceppo paterno. Non re era, bens tiranno, 
anzi atrocissimi^ tyramnus ', e contro la sua tirannide 5 lo storico si 
scagli con singolare veemenza : e fremeva nello scorgere la supina 
quiescenza dei popoli che parevano agire perch tyramnis quandoque 
non carerent e verso chi tentava scuotere il giogo della tirannide 
era indulgente purch dietro il preteso vindice della libert comune 
non si agitasse lo spettro di una tirannide nuova 7 . Cruccioso che nei 



1 LES. p. 61. 

2 LES. p. 7, liti. 13-16. 

3 LES. p. 6, lin. 10-11. 

4 LES. p. 33. 

5 LES. p. 5, 16, 17, 84, 86, 118. Va notato che tyramnis spesso da lui usato 
nel senso di inhnmanitas, di crudelitas cfr. 25, SQ, 134, 137. La tyramnis in ioHles 
exercitata di p. 17 corrisponde alla nobilium perxecutio di p. 32 : in anilto i casi ti- 
rannide eqnirale evidentemente a durezza, o mancanza di riguardi. 

6 LES. p. 58 e 61. 

7 Di qui l'odio contro Maione ch'ei dipinge come un monstrnm quo nulla pestis 
immanior appunto perch nulla ad regni perniciem ac subrersionem poterai efficacior 
inveniri (LES- p. 8). In quella sua avversione partigiana senza dubbio esager; 
bisogna per ricordare che auch'egli si inchinava al suo ingegno, alla sua facondia, 
alle sue eccelse doti di uomo politico , n omise i mettere in evidenza alcuni 
tratti che lo dovevano poi necessariamente sollevare nella opinione dei posteri. 



286 E. BESTA. PARTE U. 

discendenti di Ruggiero chiamati all' onore del trono fosse spenta 
la scintilla della sua grandezza, sperava nondimeno che, in quibusdam 
sopita et quasi premortila, potesse ridestarsi in altri alla memoria del- 
l'avita virt e con la sua istoria volle spronarli all' emulazione del 
magnanimo predecessore l . 

2. Ma perch Guglielmo gli appariva tiranno ? E quale con- 
cetto ebbe egli della tirannide ! Per lui questa fa l'ibrido frutto d'un 
malaugurato connubio tra la prepotenza e l' insipienza o, la crudelitas 
e Yineptia nella persona d'un sovrano 2 che, nel falso concetto di far 
tutto da se, finiva coli' esser vittima delle arti di' pochi maneggioni 
i quali, avvintolo col dolce veleno delle adulazioni, lo riducevano fa- 
cilmente strumento passivo delle loro cupidigie , delle loro passioni. 
Come scernere la simulazione dalla verit , come avere conoscenza 
sicura e sincera delle condizioni reali dell'amministrazione e dei sad- 
diti senza il consiglio di pi famigliari disinteressati e sereni Or Gu- 
glielmo aveva invece il torto di affidarsi, senza sospettare il tradimento 
sotto l'apparenza dello sviscerato ossequio, in persone singole che per 
dominare miravano ad isolarlo da ogni altro consigliero 3 . Le maionicae 
artes 4 tendevano appunto a questo : e quand'anche fosse stata falsa 
la voce che l'ammiraglio barese avesse voluto por sul proprio capo 
la corona strappata al sovrano di cui costituiva il braccio destro 5 , 
sarebbe gi stato un tradimento 6 l'averlo posto in condizioni tali ch'egli 
da lui e dall' arcivescovo suo complice udisse regni sui negotia non 
qualia erant, sed qualia js proposito suo conformbant 7 . Per la mo- 
narchia non era quella la via della rovina 8 ? 

Il re saggio deve interpellare spesso e volontieri ad maiorum 
rerum examinationem le pi cospicue personalit politiche del regno 
perch dal dibattito delle singulorum opinione risulti quella che 



1 LBS. p. 4. 

2 LRS. p. 61. Cfr. anche p. 50 e p. 25. 

3 LBS. p. 8, ceteros omnes excludens cum rege singulis diebus solus habebat collo- 
quium, solus regni tractabat negotia. Cfr. p. 11, 16, 24. 

4 LRS. p. 105. Cfr. ritus et consuetudines admiratus a p. 82. 

5 LBS. p. 47. 

6 Pare per che al tradimento di Maione il nostro storico credesse davvero: 
al scelus Maion8 accenna infatti a p. 9, 13, 30. 

7 LBS. p. 11 , 1. 4-5. Alle sue falsae suggestiones o persuasiones accenna a 
p. 11, 13, 21. 

8 Anche a Matteo d'Aiello rimprover il nostro di voler solus regia praeditus 
familiaritate locum admiratus obtinere a p. 827 e pur a Gualterio arcivescovo di Pa- 
lermo rinfacci di essersi avvinto il re suspetta satis familiaritate ut non tam curiam 
auam regem ipsum regere videretur [p. 165]. 



PARTE II. IL LIBER DE REGNO SICILIAE . 287 

sostanzialmente la migliore e perch possa cos ex eis potiorem eligere l : 
questo avea fatto Ruggiero che, pur a testimonianza di Romualdo 2 , 
soleva chiamare nel suo consiglio mpientes viro* diversorum ordinum 
ex diversis mundi partibus non sdegnando che gli strenui et praeclari 
viri, onde amava circondarsi, lo illuminassero con la propria autore- 
vole voce; ma Guglielmo, al contrario, bench neppur sotto lui la Sicilia 
difettasse di uomini illustri per senno e per scienza 3 , nulla di loro 
si curava e, dietro le suggestioni di Maione, ceteros omnes excluserat 
singulis diebus cum eo solus liabens colloquium 4 . Ruggiero era stato il 
provvido istitutore della curia, con Guglielmo invece lo status curie in 
melius reformatus pessum ivit 5 mentre la integrit e la dignit di essa 6 
avrebbe pur dovuto essere al colmo delle sue cure ! 

Ne solo per Guglielmo che dallo stato della curia il nostro 
storico abbia assunto il criterio del suo giudizio : morto Guglielmo, 
sotto il cancellierato di Stefano di Perche, la reggenza ebbe qualche 
favore da lui e 1' ebbe appunto perch allora parve chetata la procella 
curie "' e questa fu di nuovo in melius reformata 8 . 

Mi guarder per bene dal presentarlo per ci come un illuminato 
sostenitore di principii democratici la democrazia non era dei tempi 
e difficilmente avrebbe avuto presa in chi apprezzava tanto la no- 
bilt della schiatta 9 ma devo pur chiedere se non sia arbitrario e 
assurdo il persistere nel raffigurarlo cieco sostenitore della oligarchia 
aristocratica contro le pretese tendenze democratiche di Maione. Xon 
la baronia per s fu oggetto delle sue premure ; bens gli increbbe 
vedere appartata dal re e allontanata dalla curia la parte pi eletta 
di essa. 

E tanto vero che la curia fu al colmo dei suoi pensieri che 
nella sua storia volle insistere sopratutto in hiis quae circa curiam 
gesta sunt i0 e , in mezzo all' intricata congerie degli avvenimenti 



1 LES. p. 5. 

2 MM, GG. HH. Scriptores XIX p. 426. 

3 LBS. p. 7. 

4 LBS. p. 8. 

5 LBS. p. 7 liu. 17-20. 

6 LBS. p. 108. 

7 LBS. p. 103 1. 18. 

8 LBS. p. 114 1. 15. 

9 LES. p. 7 lin. 22. Nell'appunto di parvenu che gli fece per esser figlio di un 
olei venditor mi pare che egli non abbia inteso di ferire tanto Maione in s quanto 
i pugliesi in generale per cui ben noto ch'ei non nutriva troppa simpatia. 

* LBS. p. 4 lin. 24-25. 



288 E. BESTA. PARTE II. 

narrati, colloc sempre lo status euriae l . Il suo lavoro potrebbe de- 
finirsi come una storia interna di quell'organo importantissimo della 
costituzione normanna. 

3. Essa quindi per la storia del diritto pubblico siciliano 
d'importanza somma e pu parer strano die finora non sia stata da 
quest' aspetto compulsata a dovere. Sarebbe risultata ottimo corret- 
tivo contro certe costruzioni arbitrarie che , affacciatesi gi nel se- 
colo decimosettimo 2 , furono svolte nel secolo successivo 3 e sotto il 
potente suggello della singolare autorit del Gregorio 4 si perpetua- 
rono poi fino a questi ultimi tempi 5 . 

Chi dubit mai dopo il Gregorio che nell' amministrazione cen- 
trale dello stato normanno esistessero ben tre curie diversamente co- 
stituite distinte fra loro : l'ima di carattere feudale, la e. d. curia dei 
pari, composta dal fiore della baronia del regno , l'altra di carattere 
giudiziario, la e. d. magna curia composta di tre giudici e del maestro 
giustiziere; l'altra di carattere politico-amministrativo, il e. d. consiglio 
di stato composto dai grandi ufficii del reguo , dal gran contestabile, 
dal grande ammiraglio, dal cancelliere, dal siniscalco, dal gran teso- 
riere, dal gran giustiziere, del protonotario " E quante erudite dispute 
non furono fatte sulle genesi loro ? Oggi apparir che, se anche non 
sono state assolutamente inutili perch dal dibattito delle opinioni 



1 LRS. p. 96, 119 ecc. 

2 Tu tini , Discorsi de' selle ufficii ovvero de' sette grandi del regno di Napoli, 
Roma 1666. 

3 Giannone, Istoria civile del regno di Napoli, Haia 1753 1. XI e. 6 ; Grimaldi, 
St. delle leggi e dei magistrati del regno di Napoli, Napoli 1774. 

4 Gregorio , Opere rare edite ed inedite riguardanti la Sicilia, Palermo 1873, 
p. 153 sgg. 

5 Palmieri , Saggio storico e politico sulla costituzione del regno di Sicilia , Lo- 
sanna 1847, pp. 24-25 ; Lamantia , Storia della legislazione civile e criminale di Si- 
cilia, Palermo 1866, Il p. 198 sgg.; Minieri-Riccio, Dei grandi ufficiali del regno di 
Sicilia, Napoli 1872; Del Vecchio, La legislazione di Federico II imperatore, Torino 
1874 p. 116; Pertile, Storia del diritto ital., Torino 1877, II v. p. 285; Ciotti Grasso, 
Del diritto pubblico siciliano al tempo dei normanni , Palermo 1883 p. 39 sgg.; Cadier, 
Essai sur V administration du royaume de Sicile sou Charles I et Charles II d'Anjou, 
Paris 1891 p. 168 e sg. Un po' di scetticismo si incontra per gi nel Caspar, 
Roger II, Innsbruck 1904. 

6 II Giannone li credette derivate da una imitazione franca ; il Gregorio da 
una imitazione dello scacchiere normanno. Una opportuna reazione contro questi 
raffronti aprioristici fu promossa dall'Amari (Storia dei musulmani in Sicilia , Fi- 
renze 1868, III p. 322-326), ma forse accentu un po' troppo l'inftuenza araba; 
cfr. ora il Garufi, SulV ordinamento amministrativo normanno in Sicilia, Firenze 1901, 
estr. al'Archiv, stor, ital, ser. V voi. XXVII, 



PARTE II. IL LIBER DE REGNO SICILIAE . 289 

pur emerso qualche cosa di buono, sono state per superflue e lo son 
stato proprio perch si discusso senza darsi prima la pena di con- 
statare la esistenza concreta di ci eli' era fatto oggetto alle discus- 
sioni : la H istoria regni Sieiliae smentisce con non dubbia voce le inge- 
gnose ma fallaci costruzioni, cui solo per non averla saputa leggere 
taluno ha creduto di poter trovar appoggio nelle sue pagine. 

In queste , tanto per cominciare , il protonotaro l non punto 
messo fra le massime dignit del regno, mentre anzi chiaramente 
indicata la sua dipendenza del cancelliere e non si fa punto cenno di 
un gran giustiziere ministro supremo di giustizia 2 bens di pi magi- 
stri institiani collocati sul piede d'una perfetta eguaglianza di funzioni 
e di diritti 3 . 

I sette grandi uffizi si ridurrebbero quindi in ogni caso a cinque, 
di cui quattro ebbero veramente una corrispondenza con gli archimi- 
n isteria della corte franca ove si aveva, come si sa, un Senesehalk, 
un Marsehall, un Kmmerer , un Kanzler 4 . Ma dobbiamo proceder 
oltre. Mentre in Francia il siniscalco, come sopraintendente della regia 
domus , ebbe precedenza sugli altri uffici, in Sicilia 5 non primeggi 
fra essi e rimase nell'orbita delle cariche puramente palatine. Se non 
m'inganno, egli fu pi riguardato come un funzionario dell'ammini- 
strazione privata del sovrano che come un funzionario pubblico 6 : con 
ci i grandi dignitarii si ristringerebbero ancora da cinque a quattro. 



1 II protonotarius , che a torto fu confuso da taluno col logotheta , egregia- 
mente illustrato dal Kehr, Die Urkunden d. norma nnisch-siciliscen Knige, Innsbruck 
1902 p. 50 e p. 69. A me pare che alla carica di protonotarius sia corrisposta sotto 
Guglielmo I quella del magister notarius [ib. p. 54-55], il quale preerat notariis e, 
in mancanza del cancelliere , fungeva da vice con cella rius [LRS. p. 108-109] : gli 
altri notarli figuravano in qualche modo come suoi serrientes. 

2 II Gregorio e parecchi altri dopo lui scrissero bens che a testimonianza del 
Falcando Gilberto conte di Gravina avrebbe aspirato alla carica di gran giustiziere 
perch in quasi tutti gli affari principi* loco disponeret: ma il LRS. non lo dice affatto. 

3 A dimostrare 1' esistenza di un gran giustiziere badisi a non addurre iti 
campo il doc. del 1159 (Garufi, Dipi. ined. nomi, e svevi, Palermo 1899 n. 34) dove 
si ricorda un Iainaldus de Tusa magmi* iustitiarius : costui , incaricato d' una in- 
quisizione per la delimitazione di una divisa fu nulla pi che un giustiziere pro- 
vinciale. Il magnus iustitiarius corrispondeva al u'/ctg xQitfjs dei documenti greci. 

4 Cfr. per tutti il Meyer, Deutsche u. franzosische Verfassungsgcschichte vom 9 bis 
zum 14 Jahrhundert, Leipzig 1899, II p. 317 s<j:g. 

5 II LRS. p. 24, 31 ricorda come siniscalco Simone cognato a Maione. 

6 Accanto al siniscalco troviamo anche in Sicilia il dapifer. Cfr. Caspar reg. 
29; Garufi, Doc. nomi. p. 194; Casa, p. 316. Avevano siniscalchi auche i privati, 
come il conte di Gravina [Chart. cup. n. 106 e 110]: e pur di qui si ricava che 
il siniscalco era riguardato nulla pi. che come un maggiordomo. 

19 



290 E. BESTA. PAKTE II. 

]Se finita. 

Anche l'esistenza del gran contestabile , che nel gabinetto nor- 
manno sarebbe stato, per cos dire, il ministro della guerra, assai 
dubbia. Al di sopra dei comestbuli , comandanti ai singoli riparti 1 
dell'esercito regio 2 cui davano alimento con i contingenti fendali dei 
vassalli delle milizie stabili stipendiate 3 , troviamo dei magistri come- 
stabuli che erano evidentemente ad essi preordinati 4 : ma non v' poi 
notizia nell'epoca nostra di un magnns comestabulus che unificasse in 
se la direzione di tutte le forze di terra 5 . 



1 LRS. p. 70, 73, 93. qui opportuno avvertire che accanto alla designa- 
zione latina di comestabulus fn usata iti Sicilia anche quella germanica di mare- 
scalata. Presso il Cnsa p. 32, 303, 305, 384, 385, 414, 415, 599,600, 650 leggonsi 
i nomi di Berardo [1141] . di Guglielmo [1153] , di Goffredo [1090] , di Rinaldo 
[1122], di Giovanni [1172], di Nicola [1112], ma poich anche i privati avevano 
i loro comes tabuli (Giovanni Romano fu appunto comestabulus di Roberto conte di 
Loritello), probabile che molti fra essi fossero marescalchi di particolari. Del 
marescalca il doc. VI tra quelli pubblicati dal Cadier dice ch'egli provvedeva agli 
hospitiarii ed alla camera da letto del re. 

2 Notevole che il LRS. p. 73, 76, 77 dove usa la voce exercitus, non parla 
che delle milizie regie. 

3 LRS. p. 7, 12, 13, IT, 19, 20, 29, 30, 32, 49, 64 , 65, 66, 70, 71, 73, 74, 
75, 77. 90, 91, 106, 107, 125, 144, 145 = solidarii. Di stipendia si parla a p. 29 
e 71. Qualche volta la voce miles indic il cavaliere in contrapposizione al fante 
[LRS. p. 77 e 79]. Pi spesso indic il vassallo [LRS. 4, 37, 50, 51. 52, 63, 177]. 
A p. 13 si accerma ai milites che il vassallo doveva fornire prout feudum suum 
exigebat : di fronte ad essi egli figurava come un dominus [p. 12]. 

4 II TjRS. p. 69 li dice praefecti militibus e a p. 13 parla di exercitus sibi cre- 
ditus. Si suol dire che Roberto di Loritello fu il primo gran contestabile: ma si 
tratta di un errore derivante dalla frettolosa lettura del LRS. p. 13. Il comestabulus 
di cui quivi si parla fu invece il conte Simone di Policasfo , il quale coman- 
dava l'esercito di Puglia : a lui nel 1159 fu sostituito un altro contestabile. Pur 
Giibertus de Ballano appare investito di quella dignit in un documento del 1155 
[Cod. dipi. bar. V. 112]: e nel marzo 1161 fu sollevato ad essa Riccardo de Man- 
dra [LRS. p. 69], e proprio contemporaneamente a lui si trova detto magister co- 
mestabulus il Berengario cui nel 1168 [ibid. p. 120] fu surrogato Rogerio tironeuse 
[ibid. p. 120]. Nel 1163 e nel 1166 [Chart. cnpers. n. 106 e n. 110 troviamo 
qual magnns comestabulus totius Apulie et principalus Capite Gilberto conte di Gra- 
vina e si disse pure magister capitaneus Apulie et principatns Capue : poich questi 
due titoli doveano quindi essere equivalenti, sullo stesso piede convien porre il 
Simone, cognato di Maione e siniscalco che nel 1159 fu fatto Apulie ac Terre La- 
boris capitaneus [LRS. p. 24] e il Petrus de Castro, che a lui succedette come ca- 
pitaneus in Apatia nel 1155 [ibid. p. 67]. Il LRS. p. 101 sembra dire che il coDte 
di Gravina fu chiamato a quella carica nel 1166 : ma la locuzione non cos ca- 
tegorica da poterlo accusare d'anacronismo. 

5 II LRS. p. 48, 85, 157 ricorda bens anche un magister stabuli, ma parrebbe 
che le due cariche debbano essere distinte. 



PARTE II. IL LIRER DE REGNO SICILIAE . 291 

Lo stesso a dirsi nei rapporti del preteso gran tesoriere : al 
disopra dei camerarii provinciali ! c'erano dei magistri camerarii 2 o 
protocamerlenghi 3 , ma la pluralit delle persone investite contempo- 
raneamente di quella carica esclude l'esistenza di un unico dignitario 
che dominasse su tutti. Che poi l'ufficio del magister camerarius non 
corrispondesse affatto a quello di un ministro da cui dipendesse l'am- 
ministrazione finanziaria risulta da ci che talvolta il magister came- 
rarius cumul col suo 1' ufficio di magister duanae 4 dando a vedere 
cos la maggior importanza di questo : forse il primo aveva la cura 
del tesoro regio : ' e il secondo quella dei beni fiscali in contrapposto a 
quelli della corona. Che poi n l'uno, n l'altro partecipassero di diritto 
alla curia esplicitamente provato da un luogo del Liber regni Siciliae 6 
che , col mostrar necessaria a tale effetto una speciale deliberazione 
del sovrano, basterebbe da solo a rovinare la male imbastita costru- 
zione che, fin dai primi tempi normanni , tendeva a raffigurare il con- 
sistorium regis ' come un consesso dei sette maggiori ministri del regno 
e la partecipazione ad esso come una conseguenza derivante ipso iure 
dalla nomina all'uno o all'altro di quei ministeri. 

4. Ben altra importanza ebbero il grande ammiraglio e il can- 
celliere. 

Il primo, ch'era il presta ntissimus ammiratorum 8 , non fu gi, come 
i pi ripetono per distinguerlo dal preteso gran contestabile, il capo 



1 Ne parler pi innanzi. 

2 Cfr. su essi il Garuti Diwan o Eehiquier; loc. cit. 

3 Presso il Cusa p. 5.">5 ricordasi come 7tQOTOxau(5QiXlyyog un Peno che al- 
trove detto xaufioiliyyos- 

4 Cos Riccardo che nel LRS. p. 109 detto magister camerarius palacii e come 
tale si trova in documenti del 1166 : nel 1169 era gi costituito super omnes secretos 
e nell'87 ebbe appunto il doppio titolo di domini regis camerarius e di magister regie 
donane de seoretis [Garut. Doc. non, n. 90]. Anche il gaito Mataracio fu nel 1176 
[Siracusa, Guglielmo I, I p. 193-190] sacri palacii camerarius et magister duanae. 

5 II doc. VI, fra quelli editi dal Cadier, attribuisce al camerarius la custodia 
dei cubicula del re e della famiglia, la cura della guardaroba e della dispensa, la 
riscossione dei proventi spettanti alla camera speciale del re, la cura degli hospita 
e degli schiavi regi , la nomina degli asserii e dei thesaurarii. Notevole che il 
LRS. a p. 6 distingueva i regii thesauri , sorvegliati da appositi custodes [p. 36 
e 61], dalla cassa ove si raccoglievano i redditus totius regni sumptibus faeiendis. 

6 LRS. p. 109: gaytns quoque Ricliardus magister camerarius palata et gaytus 
Alartinus , qui duane preerat , consiliis nihilominus intererant et cum familiaribus ne 
gotia tractabant. Si consigliavano dunque coi familiares, ma familiares non erano. 

7 Senza dubbio si riferiva alla curia la voce eonsistorium usata, sulle traccie 
del C. I. 9, 8, 5 nell'Ass. vat. e. 18 : membri della curia furono i euriales di cui 
esse parlano nel e. 31. 

8 Cfr. Laborantis De iustitia et iusto (ed. Siragusa), Palermo 1886, p. 3. 



292 E. BESTA. PARTE II. 

della flotta l , ma fu preposto a tutta la difesa del regno 2 : e in tempi 
in eui la difesa dai nemici esterni ed interni era precipuo interesse 
del governo e dello stato, fu quella 3 la maxima dignit* implicante 
(piasi tutta la regni cura et administratio *. 

La dignit del grande ammiraglio decadde dopo 1' eccidio di 
Maione poich forse contr'essa si rivers l'odio accumulato contro chi 
l'avea ultimamente coperta : e la maxima dignit* regni 5 divent al- 
lora quella del cancelliere G , ambita anche per i ricchi emolumenti ad 
essa uniti 7 . Egli ebbe il maximus Jwnor dopo il sovrano: e fu quasi 
un vicer 8 . 

5. Ecco ora quale era invece la curia regis secondo il Liber regni 
Siciliae. 

11 re medesimo di suo pieno arbitrio sceglieva tra le persone di 
sua fiducia i membri del corpo consultivo che lo dovea coadiuvare 
nel disimpegno dei pi gravi affari pertinenti al reggimento e alla po- 
litica dello stato e per questi la denominazione di familiare 9 , pre- 
ferita dal LBS. , fu veramente tecnica 10 come tecnica fu 1' altra di 



1 Questo not gi con molta ragione il Siracusa nel suo Guglielmo I voi. II. 

2 Nel 1160 Maione saraceno arma sua reddire coegit [LRS. p. 57]. 

3 Alcuni fanno incominciar la serie dei grandi ammiragli dal ben noto Cri- 
stodulo che port il titolo di ammiraglio dal 1110 al 1131. Cfr. Capar Reg. 13, 
22, 25, 38, 42, 46, 48, 52, 68. Ma Cristodulo , che solo al fine della sua carriera 
rivest la dignit di protonotaro [reg. 68] ebbe il semplice titolo di admiratus e, 
per quanto sia stata grande la sua influenza personale, mi pare pericoloso il sol- 
levarlo , come capo supremo , su gli altri ammiragli suoi contemporanei Giorgio 
d'Antiochia [reg. 46 e 48] ed Eugenio [reg. 35 e 48]. Come ben rileva il Caspar 
vi fu un profondo divario tra i poteri di Cristodulo e quelli di Giorgio d'Antio- 
chia nei tempi in cui questi ebbe il titolo di yiriQg x&v &ur}Qud(av [e. 1132 reir. 74]. 
Or fu questi il primo grande ammiraglio ? Nel ^od. dipi. bar. V. n. 5 parrebbe par- 
larsi di un Nicolaus dux ducorum (sic) e se invece di dux ducorum si dovesse leggere 
dux ducum potrebbe ravvisarsi in lui un predecessore di Giorgio; dubito per che 
una tale correzione si possa fare : qnel Nicola pare lo stesso che nel doc. V. 13 si 
disse ducalis index nel contesto e si firm ducis ducum index; dux ducum fu qui chia- 
mato lo stesso re Ruggiero. 

4 LES. p. 8, 11, 19. 

5 LRS. p. Ili e p. 118. Prima dipendeva anch'essa dall'ammiraglio [p. 111]. 

6 Cfr. Kehr. hrk. d. norm. K'n. p. 94 e sgg. 

7 Consistevano specialmente in villae e praedia concessi in beneficio al titolare 
dell'ufficio [LRS. p. 113]. Ma poi vi era una grande munerum affiuentia da parte 
di coloro che presentavano petitiones [LRS. p. 118]. Cfr. anche p. 130 lin. 20-21. 

8 LRS. p. 136. 

9 LRS. p. 25, 29, 48, 70, 74, 81, 87, 88, 90, 93, 97, 117, 125, 130, 139, 142. 
Altrove parla di familiaritas curiat [p. 102 e 105] o di familiaritas regis. Vago il 
senso della parola a p. 27, 28, 34, 37, 39, 40, 47, 128. 

10 Cfr. Rotn. sai. in M. G. E. Script. XIX p. 436 ; Riccardo di S. Germano, 
ibid. p. 323. 



PARTE II. IL I.IBER DE REGXO SICILIAE . 293 

magnate curia l cui corrispose nei documenti greci hi designazione di 
ocQ%ovTeg x]g kqt^ '. 

I documenti attestano poi l'esistenza di un XQOTorfaiLifouQiog 3 e 
le sue prerogative sono torse chiarite dal Liber regni Siciliae ove si 
accenna a membri che nella curia erano ceteris familiaribus potestatis 
eminentia prelati o che preerant curie o che negotia curie post regem 
principe loco disponebant. Di qui si pu dedurre, panni, che la presidenza 
della curia non spettava ipso iure all'uno o all' altro dei dignitarii di 
essa partecipi, ina era attribuita caso per caso dalla fiducia sovrana 
a chi per saggezza e prestigio meritava di essere veramente ccQycov 
rv uoyvTtv l . 

<>. Non solo del resto la composizione della curia 5 , ina anche 



1 LRS. p. 47, 88, 103. 114, 118, 16:2. Codesta designazione torna anche due 
volte presso Riccardo salernitano e fu pure usata da Pietro De Blois. Quanto ai 
documenti efr. Siracusa, Guglielmo I. App. p. XXXIX e Garitta, Doc. nomi. p. 189. 

2 Spata p. 180, 188, 294. 440; Cusa p. 2(5. 30. 82. 421, 513. Il LRS. p. 46 
parla anche di maiores curine. La durata della familiarit* dipendevi! dal volere 
del re che poteva procedere quandochessia alla remotio a curia [LRS. p. 91 , 96, 
102, 105]. Gli ecclesiastici in curia regi* conversante* vi stasano dai sette ai dieci 
anni. Cfr. Pirro, Sic. sac. I p. 622. 

3 Cusa p. 80. 

4 Io penso infatti che questo titolo equivalga all' altro di itnotO(puuiXi,dQiog. 
La precedenza di esso sull'altro di u.rjoag rv ut]Qccav sarebbe, ci ammesso, 
una conferma di quanto il LRS. narra intorno all'alto prestigio della curia sotto 
Ruggiero II. 

5 In nota mi sembra opportuno avvertire che non solo ii LRS. conobbe generica- 
mente la composizione della curia , ma seppe a volta a volta indicare con piena 
esattezza coloro che vi furono chiamati a farne parte. L' affermazione che sotto 
Maione quelli eh' erano gi stati familiares di Ruggiero furono da Guglielmo con- 
dannati all'esilio o al carcere [p. 8] va interpretata in rela/.ioue a quanto si dice 
poi a p. 23 sulla lotta mossa dall'ammiraglio a tutti i viri forte* sibi ti me tuli; certo 
la curia mut aspetto. Ugo, arcivescovo di Palermo [p. 9] e Adenolfo camerario 
[p. 49] vi entrarono allora per la loro amicizia con Maione. E alla morte di questo 
vi ebbero poi adito Enrico Aristippo , Riccardo eletto di Siracusa , il conte Sil- 
vestro di Marsica e Matteo d'Aiello, che in documento del 1160 appare appunto 
col titolo di familiari* : poi, tramontato Aristippo, vi penetr e presto s' impose 
Pietro gaito e poco dopo v'entrarono Riccardo conte di Molise e Riccardo magi- 
ster camerarius e il Martino gaito che familiares son detti in documenti del 11(16, 
del 1167, del 1169, del 1176. Allora si verific quello sciama curiae che il LRS. trat- 
teggia con vivissimi colori: la procella parvi per sedarsi col cancelleriato di Ste- 
fano di Perche che port i curiali a dieci [p. 114] chiamando tra loro Gentile 
vescovo di Girgenti [p. 101] che da tanto tempo vi aspirava e accanto a quelli elio 
gi conosciamo, Jacopo vescovo di Malta, Romualdo arcivescovo di Salerno, Rug- 
gero conte di Gerace , Eurico di Montecaveoso e Gualtiero decano di Mazara : 
di quei dieci ben sei figurano appunto come familiares del re in un documento 



294 ti. besta. Parte il. 

la sua competenza e il suo funzionamento trovano nel Zi&er regni Si- 
ciliae una esatta descrizione. 

Dipendendo dalla volont del sovrano il numero e l'indole degli 
affari ad essa devoluti non pu naturalmente farsi una precisa e tassa- 
tiva enumerazione delle sue attribuzioni : ma si pu ben dire generica- 
mente che soleva esser sottoposto al suo esame tutto ci che si rife- 
riva allo status regni. Di conseguenza essa esplicava la sua azione in 
tutti i rami della pubblica azienda e tanta era la mole degli affari che 
quotidiana era la sua convocazione ' . Sede normale ne fu un pala- 
tiolum attiguo al palazzo reale di Palermo 2 , ma, occorrendo, seguiva 
il re nelle sue peregrinazioni 3 . 

Ad essa solevansi comunicare i dispacci e le petizioni che gior- 
nalmente giungevano d'ogni parte del regno 4 : il cancelliere o il pro- 
tonotaro ne faceva dar lettura '. E l si ricevevano e si deputavano le 
ambasciate e di l partivano gli ordini ai varii ufflcii provinciali por- 
tati con licterae regiae dai cursores 6 , dagli hostiarii 7 e da altri dipen- 
denti della curia. 

La quale era anche la suprema tutrice delle finanze esercitando 
ampio controllo sugli uftcii cui spettava il maneggio del pubblico 
denaro e deliberando la misura e il modo delle pubbliche spese. Le 
concessioni feudali e le consecutive investiture erano l disposte e 
fatte in suo nome s che il Liber regni Sicilie pot presentarla ap- 
punto come dispensiera di terre e benefici 8 . Quindi , come con la 
cancelleria, cos era in stretto rapporto con la regia dohana , deposi- 



rel 1169. E nei documenti si riflette pure quel mutamento che il LRS. attesta 
avvenuto nello status curine poco tempo appresso essendosi eretto su gli altri cu- 
riali Gualtiero fatto ornai arcivescovo di Palermo, Matteo d'Aiello e Gentile ve- 
scovo di Girgenti. Cfr. Retar p. 86. Dopo quello che il Kehr ebbe a scrivere a 
questo proposito inutile che io insista ancora sulla esattezza delle informazioni 
date dalla nostra cronaca. 

1 LRS. p. 94. 

2 Falc, Ep. p. 178. 

3 Cos segu Guglielmo II in Messina nel 1166. LRS. p. 129 e nel 1172. Cfr. 
Gregorio, Op. p. 153 n. 3. L' illustre storico siciliano si abbandona per un po' 
troppo alla sua fantasia affermando, in base a quel solo documento, che girando 
ancor essa e visitando il reame , le pi alte giurisdizioni in grado eminente da 
per tutto esercitava. 

* LRS. p. 17, 112. 

5 LES. p. 101. 

6 LRS. p. 120, 121, 130, 135, 1,8. 

7 LRS. p. 62 e 153. 

8 LRS, p. 120. In curia si creavano i conti (p. 108). 



PARTE l. IL LIBER DE REGNO SICILIAE 295 

taria dei defetarii l che al tempo di Guglielmo I e nei primi anni della 
reggenza non si era forse ancora sdoppiata nella dohana de secretis o 
nella dohana baronum 2 . 

Alle funzioni amministrative aggiungeva infine delle funzioni giu- 
diziarie fungendo da alta corte di giustizia per le cause riservate al 
sovrano cio per le cause criminali in reati implicanti pena capitale, 
tradimento, fellonia , omicidio 3 e forse anche per le cause in appello. 
Appunto perci , giungendo ad essa i reclami di tutti coloro che cre- 
devano lesi i proprii diritti, pot sembrare ad lbn-el-Athir un diwan 
al maqahlin 4 . 

7. Convien per notare che nell'esercizio di codeste funzioni 
giudiziarie mutava alquanto la sua ordinaria composizione, aggiungen- 
dosi allora ai famiUares dei magistri iustitiarii r ' che furono certamente 
almeno due 6 . Ad essi spettava P illuminar la curia sui punti di di- 



1 I famiUares esaminavano i plebeas et privilegia. Cfr. Behring, lleg. 192. 

2 L'amico Garuf nel suo lavoro per tanfi riguardi notevole Sull'ordinamento 
amministrativo normanno in Sicilia in Arch. stor. sic. V p. 225 , ammette bens la 
posteriore creazione della duana baronum . ma crede poi che gi ai tempi di Gu- 
glielmo I esistessero due dogane distinguendo il djican al mamwr dal diwan al 
tahqiq al mamwr. Ma le ragioni della distinzione non sembrano a me troppo so- 
lide : 1' attributo al mamwr per s stesso non ha contenuto sostanziale indicando 
solo la dignit dell'ufficio stesso con un epiteto che potrebbe equivalere al latino 
florens e al greco v&v : stento quindi a credere che il djwan al mamwr indi- 
casse l'ufficio del tesoro e il diican al tahqiq al mamwr l'ufficio del riscontro emi- 
nente su quello : esisteva un solo bureau da cui dipendevano gli altri uffici mi- 
nori per l'esazione dei pubblici redditi affidata spesso a musulmani [LRS. p. 57]. 

3 Cfr. Pirro Sic. sac. II p. 1021 (marzo 1145) : culpa sanguinis et homicidii quod 
spectat ad nostrum maiestatem; II p. 800 (aprile 1145) salvis regalibus nostre maie- 
8tatis fellonia videlicet, traditione et homicidio: II 1046 (maggio 1141) preservare nostra 
maiestati... condamnationem proditionis et homicidii. Cfr. C'aspar, Roger I p. 307. E 
opportuno notare che queste riserve corrispondevano ad usi bizantini ; nel sigillo 
di Enstazio la giurisdizione caduta ccvev cpeovov vtteqevxvusvIov] tc5i> fiaedhav... 
ucci ... SovXcv vrmv [Cod. dipi. bar. IV 32]. Nel LllS p. 43 il re osserva: etsi 
contra regiam maiestatem admivatum aliquid machinari consiaret ad se tamen primo 
referri debuisse sibique reservari vindici am. 

4 In Amari , Bibl. arabo sicula Torino 1881 II p. 444. Su questo punto cfr. 
anche Genuardi, L'ordinamento giudiziario in Sicilia sotto la monarchia normanna e 
sveva, Palermo 1906, estr. dal Circolo Giuridico. 

5 Cfr. LllS. p. 124 e 139. L'oiigine dei magistri iustitiarii sempre oscura. 
A me parrebbe tuttavia possibile di ravvisare i primordii di qnell' istituto nel 
fatto che nel 1135 Ruggero II, eleggendo a suo vicedominus Gancellino , ut omnibus 
in j uste patientibus exhiberetur iustitia electo [capuano] simul que magnato cuidam qui 
vocabatur Haimon de Argencia imposuit. Cfr. Aless. Tees. , Chron. Ili e. 31 e in- 
torno a quel ragguaglio, con idee diverse dalle mie, il Caspar op. cit. p. 307. 

6 LRS. p. 140. Egii ne ricorda due : Abdenago e Tarentinus. Ma forse erano 



296 . bESTA. PARTE tt. 

ritto, ove tutti i membri della curia agivano come iudices e tutti con- 
correvano a proferire la iudicialis sentendo, l quando, dallo svolgersi 
del processo, dalla solempnis accwatio e dalla difesa dell'imputato, si 
fossero formata una propria convinzione sulla reit o sulla innocenza 
di esso 2 : la sentenza era pronunciata in nome di tutti dal presidente 
della corte fornito dei pi ampii poteri per la tutela dell'ordine. Contro 
le sentenze della curia non doveva poi esservi appello : e il L.B.8. 
c'insegna appunto che , quando Biccardo di Molise con una vera 
blasphematio iudicii protest contro la sentenza che dichiarava illegit- 
timo il suo possesso di Mandra e si disse ingiustamente gravato e 
pronto a provare quod iniquam falsamque protulissent sententiam , il 
conte Boemondo di Monopoli che presiedeva la curia, lo pose in istato 
d'accusa come quegli che non solo si era reso colpevole di una injuria 
in eos qui iudicaverant , ma d'una injuria in caput regium. Allora il- 
lieo et immediate s' inizi un altro processo perch fosse colpito de 
iuris severitate l'autore di tante contumelie e fu dichiarato infatti pas- 
sibile di confsca e di punizione capitale e solo per misericordia regis 
condannato al carcere 3 . Di qui risulta altres che alla curia era pur 
deferito 1' esercizio del diritto di grazia gi riservato al re e che il 
iudicium curie era assimilato in tutto allo iudicium regis tanto da 
applicare a chi quello inforsava le pene stesse che erano dalle costi- 
tuzioni comminate contro chi avesse disputato di questo : a lato alla 
misericordia regis 4 si ebbe la misericordia curiae. 

Secondo il Liber regni Sicilie parrebbe che anche le cause eccle- 
siastiche quelle cio per spergiuro , adulterio e incesto 5 fossero di- 
scusse e giudicate nella curia 6 : in quel caso per la sentenza era 
suggerita dai prelati che vi erano intervenuti 7 . 



di pi. In un documento del 1137 dato dal Gattaia, Jccessiones cassinenses I 254, 
si ricordano tre regalis curiae iusiijicatvres che gi il Ficker, Forsch. zur Beichs- u. 
Iechtsge8chichte Italiens I p. 351 pens potessero essere gli antecessori dei magistri 
iu8ticiarii di poi. 

1 LBS. p. 140. 

2 LBS. p. 124. 

3 LBS. p. 140. 

4 LRS. p. 68 : ob etatis lubricum in [eum] non reputavit facimis quam in alvi 
crimen atrocissimum iudicabat. 

5 LRS. p. 117 : regine pollieitus est... omissurum se questiones ad curiam perti- 
nentes que penam capitis irrogabant : super his autem que ad ecclesie iura pertinere 
constaret exactisshne cogniturum..., ... omissis furtis, rapinis, iniuiiis , civium homici- 
diis et illata constuprate virgini violentia, pcriurii, incestus, adulterii questio ventilatili'. 
Cfr. Siragnaa, Guglielmo 1, App. XXVII XXXI. 

LRS. p. 117. La curia raccolta ut convocatis episcopis aliisque personis eccle- 
siastici et auditis utriusque partis allegationibus quod inde dictaret expedirent. 
7 LRS. p. 140. 



PARTE il. ti LIBER DE REGX0 SICLIAE . 29? 

8. d'uopo altres osservare che, trattandosi di affari i quali 
meno imperiosamente chiedevano il segreto o di affari che per l'indole 
loro richiedevano una pi larga partecipazione degli ordini sociali, so- 
levano intervenire nella curia, a lato i familiares, altri procerea l che 
erano degli adhaerentes curine 2 , ma pur venivano ben distinti dai veri 
magnate* euriae 3 : per il loro intervento era necessaria un' apposita 
convocatio 4 . Venivano tolti sopratutto dai comites o dall'alto clero: 
ma non escluso che vi avessero adito dei nobiles viri estranei alla 
cerchia feudale 5 . Nient' altro che una di queste assemblee fu 1' ac- 
colta di nobiles che approv nel 1100 la nomina del cancelliere 6 : pu 
darsi che in esse abbia avuto il suo nucleo embrionale il parlamento, 
ma quelle a tutto rigore non erano parlamenti. Anche la pi ampia as- 
semblea ebbe nome di euria e di fronte ad esse la curia che noi ab- 
biamo prima studiata figur come un consesso di familiare* regia per 
quos negotia curie disponebat 7 . 

9. Or tanta abbondanza e tanta precisione di notizie non farebbe 
nascere il dubbio che appunto presso la curia l'autore della Historia 
regni Sieiliae abbia avuto sede durante la sua dimora nell' isola 8 ? 
Come avrebbe altrimenti potuto informarci cos bene di ci che in essa 
era accaduto seguendone a passo a passo e, direi quasi, di giorno in 
giorno le mutazioni, le vicende f 

Xon per a credersi ch'egli stesso sia stato uno dei /amili a res : 



1 LRS. p. 126 e 134: cfr. Pale, Ep. p. 178. 

2 LRS. p. 70. 

3 LRS. p. 103 e 109. Cfr. pel significato della voce procerea p. 74, 90, 92, 
103, 110, 123. 

4 LRS. p. 109, 110, 134. 

5 LRS. p. 97. 

6 LRS. p. IH. 

7 LRS. p. 69. V'erano pur casi in cui entrava in giuoco il popnlus intero. 
Cos per la coronazione del re [p. 58]. Anche Guglielmo II, morto il padre, dopo 
un lutto triduale fu sub ingentis plebis gaudio rex creatus [p. 88] : tra le forme della 
elezione fu la solemnis per urbem equitatio. La ragione ereditaria parrebbe che da 
sola non bastasse a creare il re: per assicurare il trono all'erede del sangue Rug- 
giero II fece, lui vivente, regni partecipem il figlio [p. 6 e 7] : u diversamente 
oper Guglielmo I nei riguardi del duca Ruggiero. Il re poteva per disporre per 
testamento del balium sui suoi figli miuorenni [p. 205] e vivendo la madre, questa 
soleva esserne investita [p. 88 e 96]. Il balium dal LRS. definito come una regni 
administratio et cura. 

8 Di ci mi fa anche persuaso la maniera particolareggiata con cui d conto 
di certe sedute burrascose dei familiare e degli adhaerentes euriae. 

9 LRS. p. 62. Contrapponendosi agli alii... qui secreta palatii fatebantur se co- 
gnoscere parrebbe far vedere che uon era di quelli che frequentavano la reggia. 



208 E. BSTA. PARTE il. 

quelle notizie avrebbe potuto averle anche uno dei notai addetti al 
servizio della curia ' e si potrebbe supporre con maggior verosimi- 
glianza ch'egli sia stato fra questi. 

Non di rado ci imbattiamo nel suo lavoro in frasi che sanno del 
curialesco 2 e, quel che pi monta, in altre che lo dimostrano fornito 



1 A dubitare che quello di Ugo Falcando sia il vero nome dell' autore, lo 
Hartwig (Ite Guglielmo I e il suo grande ammiraglio Maione di Bari in Arch. stor. 
nap. Vili f. 3) non fu forse il primo ; quando il Fazello scriveva intorno alla 
met del secolo decimosesto che ci ch'ejjli avea trovato nel tua. della Guiscardo, 
era stato edito poit aliquot annos sub nomine Hugonis Falconai a Parigi, mostrava 
evidente il dubbio che quel nomea non fosse il vero: il ms. di s. Nicol di Rena, 
ora tanto discusso , non portava infatti nessuna indicazione d'autore, ma solo il 
titolo di Guiscardo che mal potrebbe esser derivato dal nome di lui, come pens 
il Gentile in Studi storici VII p. 294. Lo Hartwig dubit soltanto che nell'indica- 
zione di Gervais de Touruay fosse incorso qualche errore e ritenendo che per questa 
ragione non si sia riusciti ancora h trovar nei documenti contemporanei pi. ampie 
notizie intorno allo storico, senza badar troppo che in ogni caso Hugo era il vero 
nome e il Falconai successivo non designava che la paternit , propose di iden- 
tificarlo col cappellano Falcus che fu testimonio a un atto del 1167 riferito dal 
Garofalo , Tabularium regie oc imperialis cappellai collegiatae divi Petri p. 25 : ma 
ben ebbe ragione il Siragusa di non accoglier la sua congettura. Lasciando da 
parte la ipotesi che il primo editore abbia attribuito all'autore il nome di uno 
dei possessori del codice , io mi domaudo : dacch nel codice stesso l'Epistola al 
tesoriere Pietro era preposta alla Historia il Gervais de Troyes non avrebbe arbi- 
trariamente attribuito a quegli , che risultava autore della prima , la paternit 
della seconda opera? Io non so se la questione sia stata posta da altri; sia io o no 
il primo a proporla, panni per indiscutibile che meriterebbe d'essere dibattuta 
e convenientemente vagliata. Tra V Epistola, su cui da vedere lo scritto del Rossi, 
Il carattere dell' epistola di Ugo Falcando a Pietro tesoriere della chiesa palermitana 
in Studi storici , Bologna 1905 p. 247 280 e 1- Historia vi sono differenze rilevanti 
di stile e di pensiero. Non mi possibile qui richiamarle tutte : ma sembrano 
impressionanti fra gli altri questi fatti : che nella Historia i barbari sono i saraceui 
[p. 5 e 26], nella epistola i tedeschi ; che nella epistola alita uno spirito di sim- 
patia verso i musulmani e nella Historia ben pi tiepido ; che nella epistola la 
Sicilia riguardata con un affetto e un' indulgenza contrastanti con le critiche 
severe dello storico. 

2 Le parole di Maione al re a proposito di Roberto U s. Giovanni canonico 
di Palermo , che il re avrebbe voluto nominar cancelliere : hoc equitati congruere 
et regnantis esse molestate dignum propositum ut qui fideliter ci diuque servierint tandem 
regie liberalitatis beneficio non fraudentur [p. 69] pare risentano di qualche arenga 
come questa : regie sollecitudinis est fidelimn suorum et de se benemevitorum quieti et 
securitati providere [Kehr p. 56]. Cfr. a p. 131 la concordia posta fra due baroni 
affinch actione sopita numquam super hoc de cetero controversiam suscitarcnt e a p. 132 
l'ordine dato ai giustizieri perch controversia legitimo fine concluderent. Notevole 
anche, a p. 60, la minaccia dello sdegno reale con la formula alioquin posse gvatiam 
suam... demereri. 



Parte ti. Il lIber de rgno sicilia . 299 

di non superficiale cultura giuridica e conoscitore delle stesse leggi 
romane. 

Gi nelle prime pagine della sua storia , difendendo Ruggiero 
dall'accusa di soverchia inumanit per aver irrogato a molti penas 
graviores et legibus incognita l , mostrava di prendere a criterio dei 
suoi giudizii delle leges che non possono essere se non le romane. 
Quella severit, a suo giudizio, fu necessaria in novitate regni per 
sgominare l'audacia dei traditori e persuadere il popolo della propria 
forza e la condotta di Ruggiero sarebbe stata tale per conseguire lo 
scopo che neque Jiagitiosii sib : possent impuntiate blandivi neque beneme- 
ritos nimia severit.? absterreret; egli avrebbe dunque fatto quello che, se- 
condo i giuristi romani era il compito del legislatore, render gli uomini 
buoni tum premium pollicendo tum paenam infligendo. 

Un'eco di studi romanistici si rivela pur l ove l'autore defin come 
crassa ignorantia solus ignorare quod omnes praedicant 2 e dove distinse 
tra Vinvasor e il praecarius possesso)' 3 . Ma sopratutto decisivo per 
noi il luogo in cui, tra gli argomenti con cui volevasi infirmare la ri- 
nuncia di Stefano di Perche al cancellierato, si addueeva che sarebbe 
stata fatta non sponte sed capitalibus dnbiis : quod autem vi metum 
gestum fuerit ratum non huberc pretorem , aggiungeva egli, et eiusmodi 
vero metum intereessisse qui et in constuntissimum cadere posset nullum 
dubium erat . evidente che gli fu sott'occhio il D. 4, 2, 1 e 6. 

Dalle leggi romane fu anche direttamente attinta la curiosa argo- 
mentazione ch'ei mise in bocca all' arcivescovo Ugo quando voleva dis- 
suader Maione dall'assumere, dopo 1' eventuale deposizione del re, la 
tutela dei figli : ttinc omnes fare certissimos nihil aliud quam regnimi 
appetcre fune adversus eum modis omnibus asperandos : suspectum enim 
tutorem pueris davi nec mira perni ictere et si datus sit removendum 
censere \ Pur nelle critiche mosse alla sentenza che , pronunziando 
il divorzio tra il conte Riccardo de Sagio e sua moglie, chiedeva a 
questa il giuramento de non coeundo r ' o di serbare una perpetua con- 



1 LRS. p. 6. 

2 LRS. p. 128. Cfr. la Stimma Codici* edita dal Fitting (Halle 1894) I, 1(5, fi 
che dichiara intolerabilis V ignoranza cmim dexidia aut aecitrita* csset tali* ut quod 
omnes in civitate sciunt tu ignores. 

3 LRS. p. 141. 

4 Cfr. D. 26, 10. 

5 LRS. p. 108 sgg. La notizia interessante per la storia dell' istiruto del 
divorzio: pel decreto di Vermena [Boretius Cap. p. 40 e. 18] la soluzione avrebbe 
dovuto essere precisamente in senso opposto. Cfr. Esuiein, La mariage in droit ca- 
nonique, Paris 1891, li p. 08. 



300 E. BESTA. PARTE it. 

ti)i('nti<( e permetteva a quello di riaminogli arsi , ricorreva all'adagio 
rouianistico : in cattai* parious idem ius consequenter admitten dum i . 
lutine alle comuni teorie procedurali alluse altres senza dubbio quando 
biasim la condanna del conte Simone perch eidem innocenti neque 
8uam licuit purgare innocentiam , nec dictis ordine indici a rio 
respondere 2 e (piando riprov la carcerazione e l' accecamento del 
conte Eberardo neque con rictus neque solempniter iure confessa* i)rout 
o r do i u d ic i a r i u s exposcebat 3 . 

L' ipotesi eh' ci fosse notaio della curia si avvalora anche per 
ci che nella sua storia diede speciale importanza a varii fatti con- 
cernenti in modo speciale la cancelleria 4 . Cos pose tra le beneme- 
renze del cancelliere Stefano 1' aumento del numero dei notai della 
curia 5 e la determinazione di una tariffa per i compensi cui pote- 
vano pretendere : e ci insegna che per la rinnovazione dei defetarii 
bruciati nella rivolta del marzo 1101 G fu necessaria la scarcerazione 
e la reintegrazione del notaio Matteo e d abbastanza precise noti- 
zie su la divisione delle funzioni nella cancelleria stessa e sul modo 
con cui erano redatte e spedite le lieterae regiae 7 . 



1 LRS. p. 106. Al diritto romano anche inspirata la critica contro il gaito 
Martino che ammetteva a testare le donne impudicae e gli infame* e i servi. 

2 LRS. p. 43. 

3 LRS. p. 13. Noto anche per sovrabbondanza di scrupolo le frasi ad d?libe- 
rationem postulatis induciis [p. 54]; rem in transactionem deducere [p. 20] ; iusiurandi 
religione... seti quolibet alio satisdationis genere sibi provideri [p. 71 e 351] ; populum 
immeritum ob aliena crimina non esse puniendum [p. 81]; iudiees miserandum nobis ac 
triste iustitiimi ab examinandarum litium cognitione suspenderat [p. 83]. Questa col- 
tura romanistica non stupisce del resto in Sicilia , poich di essa sono testimo- 
nio oltre al De institia et iure del cardinal Laborante [ed. Siragusa p. IV] e alle 
assise il doc. del 1169 edito dal Garriti , Don. norm. n. 46 , che non solo ne'a- 
reuga attinse al D. 1, 1, 1, ma nel contesto attinse alla e. 5 1 C. 1, 14 scrivendo: 
regali eonstitutione sancitimi est et insta legis dejinitione decretimi ut ea que contro, leges 
fiunt non solum inutilia sed etiam pr imperfecta [leggi infectis] habeantur. 

4 Egli sa narrare p. es. per filo e per segno le indelicatezze di Pietro notaio 
[LRS. p. 113]. 

5 LRS. p. 114 1. 18. 

6 LRS. p. 114 : noturiorum enormem studuit rapaci tatem ad mensuram re- 
digere certumqne niodum quid a singulis deberent accipere pr negotiorum diver- 
sitate constituit . A questi provvedimenti dovettero essere di spinta le esorbi- 
tanze del notaio Pietro [ibid. p. 113]. 

7 Non credo che la mia impressione possa essere infirmata dalla impreci- 
sione che il Kehr credette di trovare nella descrizione della carriera di Maione 
a confronto della cronaca romoaldina. Romoaldo [p. 426] dice infatti che prima 
fa 8criniariu8, deinde nicecancellarius, postremo cancellarius e il LRS. invece scrive 



PARTE II. IL LIBEH DE REGXO SICILIAE . 301 

10. Comunque si debba risolvere la questione eh' io toceai ora, 
del resto indubitabile ohe, assodata la competenza giuridica dell'autore 
e la precisione tecnica del suo linguaggio, acquistano tanto maggior 
valore i ragguagli ch'egli, con mano forse troppo avara in confronto ai 
nostri desiderii, ci trasmise su la costituzione e sul diritto di Sicilia. 
Si fa quindi doveroso raggiungere qualche altra osservazione intorno 
alle materie che finora non ho avuto occasione di esaminare. 

Preoccupato sopra tutto dell'amministrazione centrale egli fu assai 
pi parco di notizie intorno ai funzionarii provinciali ; e i pochi ac- 
cenni agli stratgoti \ che dice preposti a Provincie e a citt 2 , agli 
iudices e maiores delle varie comunit 3 , ai magistri degli oppida e ai 
castellani dei castra 4 , ai catapani 5 , agli iustitiarii 6 , ai camerarii 7 non 
bastano per precisare le loro speciali competenze e i rapporti inter- 
cedenti fra loro e gli uffici centrali. 

E nemmeno intorno al regime tributario ci d quanto avremmo 
desiderato accennando appena di sfuggita al servitium galearum 8 , al- 



che ... primum in curia notarili*, gradaiim ad cancella ria tu? pervenerat dignitatem... 
e quindi all'ammiragliato [p. 8] : ma poi escluso che appunto dai notarli si vo- 
lessero togliere gli addetti agli scrinia del re e ohe notaio fosse stato Maione prima 
che scriniarius t Lo scriniariato e il vicecancellierato sarebbero stati i gradi che 
l'autore del LRS. credette di poter passare sotto silenzio. 

1 LRS p. 82 e 86. 

2 LRS. p. 114. 

3 Con intenzione uso di questo nome; il LRS. parlando di societ contratte 
fra ciritates e barone* mette in chiaro che quelle avevano una personalit giuri- 
dica propria. Tra le ciritates noto ch'ei registr Messina [p. 131], Catania [p. 121 
e 175], Napoli p. 29], Salerno [p. 29], Amalfi [p. 30], Capila [p. 11 e 12].Alife 
[p. 30], Gallipoli [p. 8] e parecchi fra i centri pi popolosi di Paglia [p. 21]. Dalle 
ciritates sono distinti gli oppida [p. 15. 30, 70-73, 131, 132] die probabilmente come 
i castra [p. 153 e 160] erano in pi stretta dipendenza dal governo centrale. Nelle 
citt vi erano consigli che decidevano a maggioranza [p. 29] : la condotta delle 
citt dipendeva perci dalla maxime civium partis persuasio. 

4 LRS. p. 153 e 154. 
3 LRS. p. 86. 

6 LRS. p. 146. 

7 LRS. p. 86. Quivi ricorda un Johannes Calomeni camerarius Calabrie e a 
pag. 140 un Turaisius residente in Troia e tcrrac illius camerarius. Del primo 
notizia anche nel Garut , Doc.norm. a p. 184. Di un camerarius tcrrac de Ilari si 
parla anche nel Cod. dipi. bar. V. 121. Sopra i singoli camerarii provinciali vi 
furono forse dei camerarii regionali : un Bersano magistcr camerarius Jpulic et 
Terre Labori si trova nel 1164. 

8 LRS. p. 65. 



302 E. BESTA. PARTE II. 

Yhospitaticum * , all' esenzione accordata ad alcune citt di fronte ai 
tributi indiretti 2 , alle redemptio 3 . 

Molto miglior aiuto ci offre invece per risolvere alcune delle mag- 
giori quistioni che si dibattono intorno alla storia della legislazione 
normanna 4 . 

Anche per l'autore della Historia regni Siciliae Ruggero II fu il 
primo legislatore normanno. Aliorum regimi et gentili m consuetudines 
diUgentissime fecit inquiri, dice egli, ut quod in eis puleherrimum aut 
utile vidbatur sibi transumerei e, bench la sua dizione sia alquanto 
oscura, parrebbe accennare ad una larga opera legislativa da lui con- 
dotta in base alle migliori legislazioni precedenti. 

essa a noi giunta f 

Allorch Eiccardo , conte di Molise , blasfem la sentenza della 
curia fu decretato iuxta constitutiones regum Sicilie che egli dovesse 
non solum de terra sua , rerum etiam de membris et corpore regis mi- 
sericordie siibiacere eo quod iudicium curie falsimi dicere presumpsisset 
ci costituendo un'ingiuria che non in eos qui i n die aver at, 
sed in caput reginm pr in cip al iter r edundab at. Dond'era 
attinta quella norma Si pens gi a confrontarla al 17 dell'Ass. 
vat. , e il raffronto non parve convincente ; ma si lasci da parte il 
35 che proprio faceva al caso 5 : Observent diUgentissime iudices ut in 
actione iniuriarum curialium dignitatem personarum qualitatem senten- 



1 LRS. p. 74. Il malcontento desili ojypidani nacque evidentemente dal fatto 
che di solito i singuli milites erano ripartiti fra i singoli proprietarii. 

2 Cfr. per Messina a p 131 , dove accennandosi alle quaedam civitatis immu- 
titi ate8 manifestamente si vuoi alludere al privilegio che fu concesso nel 1160; e 
per Palermo a p. 63 lin. 17-22. A p. 48 si accenna alla consuetudo di dar la sfrena 
per il gennaio. 

3 Somma pagata per il riscatto dalla devastatio minacciata alle citt ribelli : 
cfr. LES. p. 78, 87, 90. Era raccolta dai magistri camerarii p. 90. Ad essa allude 
anche Eiccardo salernitano. 

4 Come nella decadenza romana consuetudo si disse ogui prestazione al fisco 
[cfr. p. 63, 91 e 130]. 

5 Cfr. Merkel , Commentano qua iuris siculi site assisarum regni Sicilie frag- 
menta ex codicibus tnanuscriptis proponuntur Halle 1856 ; La Lumia , Storia della 
Sicilia sotto Guglielmo il buono, Palermo I, App. p. 370 sgg. ; Brandileone , Il di- 
ritto romano nelle leggi normanne e sveve del regno di Sicilia , Torino 1884 , ove la 
illustrazione del prezioso monumento legale accompagnata al testo; Perla, Le 
assise dei re normanni , Caserta 1882 ; Wilda , Zur sieilisehen Gesetzgebung unter k. 
Friedrichs II Halle 1880; Siragusa, Guglielmo I, voi. II ; Caspar Roger II p. 237 
e sgg. noto che mentre i pi [Hartwig , De Blasiis, Perla, Brandileone, P. Kehr, 
Caspar] lo attribuiscono a Ruggiero; il Merkel, l'Amari , il Siragusa preferirono 
attribuirlo a Guglieluio I e il La Lumia ne credette autore Guglielmo II. 



PARTE II. IT, LIBER DE REGXO SICILIAE . S03 

tiam ferant... ; ipsis autem faeta iniurias non ad ipsos dumtaxat , sed 
etiti ni ad regie dign itati* spectat offensam l . 

Qui la coincidenza indisconoscibile : e pu tagliar corto con 
molte questioni. Tanto nell'ipotesi cio che le comtitutiones , cui s'in- 
form la curia nel processo del conte di Molise, fossero precisamente 
quelle offerte dal ms. vaticano <S7Si>, (pianto nell' altra che siano state 
semplicemente la fonte cui questo attinse , risulta che furono opera 
di pi re e la paternit del loro corpus non deve quindi attribuirsi 
a Ruggero II, ma piuttosto a Guglielmo 1 o ai primi anni della, reg- 
genza seguita alla sua morte 2 . All' ipotesi del La Lumia per di 
gran lunga preferibile quella del Merkel, dell'Amari e del Siragusa: 
gi nel processo per avvelenamento fatto al medico Salerno e nella 
condanna a dover soggiacere bonis omnibus spoliatus capitati suppli- 
ci solimi ci vi rendi spe in misericordia relieta 3 si pu cogliere l'ap- 
plicazione delle norme riferite nelle Ass. vat. XXXXI1I, 1 e XXXVI 4 . 

Ma se le comtitutiones furono veramente opera di Guglielmo I 
conviene ammettere che sieno state pubblicate negli ultimi anni del 
suo regno. Fino al 1102 il diritto penale, o dir meglio, quella parte 
del diritto penale che si riferisce ai reati di lesa maest 5 non presenta 



1 Lamantia, Cenni storici su le fonti del diritto greco-romano e le ossine del re di 
Sicilia, Napoli 1887 p. 77. 

2 La diversit stessa delle titolature assunte dal re nelle Ass. d. Assise posta 
in rapporto con quella usata nei documenti usciti dalla regia cancelleria avrebbe 
dovuto bastare a dissipare le confetture che si debbano ad nn solo legislatore. 
Se pur Ruggiero us per s gli attributi onorifici di nostra celai tudo [Ass. XXXI, 1; 
cfr. Kehr p. 117, 281, 287]. nostra maiesUs [Ass. I; Kehr p. 287, 117] sol. da Gu- 
glielmo I troviamo adoperato quello di clcmencia nostra [Ass. X .; X 27; Behring 
reg. 150 e 163] e di nostra serenitas [Ass. voi. XXXV]. 

3 LRS. p. 121-122. 

4 Nella epistola ai messinesi [LRS. p. 149] Guglielmo II e Margherita, scri- 
vevano : Certuni est eos maiestatis crimen admictere non solimi si qnos tanta vis furoris 
exagitat ut ausu nefario v:te salutique nostri insidiari praesumant, rerum etiam quos 
in fumiliarium nostrorum necem aliquid ciani palature moliri contigerit. quicquid adversus 
eos qui negociis nostris invigilant, quorum ope et Consilio regnimi nostrum feliciter gu- 
bernatur, impietatis sue machinas pniarerint erigendas ed ebbero senza dubbio l'occhio 
alle norme delle Ass. vat. XVIII , 1. Queste diedero anche materia al discorso 
messo in bocca al contedi Gravina contro Enrico di Montecaveoso : ... regni qui de m 
inventile es perturbator et contro maiestatem regioni contnmax et rebellis coque ipso non 
solum terroni que possidebas amictere, sed et capitatati subire sententiam, nisi feniani Ubi 
velit regia benignitas indulgere [LJRS. p. 137] . Il Siragusa vede anche un'applica- 
zione delle Ass. vat. XIII a p. 115; e non a torto. 

5 Come tali il LRS. ricorda la factiones [p. 33 cfr. Ass. vat. XVIII, 2] ; la 
coniurationes o societatcs o conspirationes [p. 11. 18, 33, 17, 48, 52, 53, 54, 66, 144] 
stipulate con solenne giuramento di cui era quasi sempre elemento essenziale i'ob- 



304 E. BESTA. PARTE II, 

troppa corrispondenza con le norme che sul proposito sono riferite 
dalle assise stesse : nella punizione di essi v'era una crudelt ecces- 
siva i che parrebbe essere stata eliminata dalle nuove leggi ove la 
pena capitale non inasprita da altri tormenti e al di fuori di quella 
parrebbe non essere stata ammessa che 1' incarcerazione. Prima in- 
vece accanto alla hris caesio o alla decapitazione e alla nuspemio o 
alla impiccagione si ricorreva alla pena che i romani stabilivano pel 
parricida 2 e il carcere 3 era inasprito con la barbarie dell' acceca- 
mento 4 o del taglio della destra 5 . 

Il prologo delle assise vaticane diretto ai proceres e l' insistenza 
con cui pur nelle singole disposizioni di esse si torna sulla solicitiMo, 
sulla providentia, sulla pietas regis o sull' intenzione sovrana di ricon- 
durre la giustizia sul suo sentiero e di mitigare le asprezze del di- 
ritto con la clemenza fa credere che, pubblicate dopo un periodo vio- 
lento di torbidi e di delitti , dovessero costituire come un'arra di pace 
tra le varie classi sociali 6 : or nessun tempo pi adatto ad esse potreb- 
besi trovare di quel periodo di quiete che sussegu alla domata ri- 
bellione del 11C2 7 . 

Il Liber regni Sicilie pone d'altronde fuor di dubbio che nelle As- 
sise vaticane non compresa tutta l'opera legislativa dei re normanni 
e neppur tutta quella di Guglielmo. Tra le condizioni che nel 11G1 i 
baroni ribelli avrebbero voluto conseguir da Guglielmo era appunto che 



bligo del segreto [p. 14, 54 , 134]; le seditiones [p. 12 ecc.]; la fuga al nemico 
[p. 77 e 78]; la ricettazione dei rei di lesa maest e 1' aver celato il tradimento 
a s noto [p. 139], il raccogliere intorno a s torme di soldati, multitudo militimi 
absque licentia curie [p. 23 e 146]. 

1 La confisca era sempre conseguenza del tradimento [LliS. p. 78] anche in- 
dipendentemente dal capitale supplicium [p. 15]. 

2 Johar, gi magister camerarius palatii fu appunto gettato in pelagus imposito 
lintro [LliS. p. 77]. Quella pena era gi usata pei traditori prima della venuta 
dei normanni : cfr. Besta, Il diritto consuetudinario di Bari e la sua genesi, Torino 
1902, estr. dalla Eiv. ital. p. le scienze giurid. p. 69. 

3 II LRS. p. 20 , 23 , 76 fa nn terribile quadro delle carceri cui erano con- 
dannate le vittime dell'odio politico. 

4 Cfr. LRS. 22, 23, 25, 68, 77. 

5 LRS. p. 72. Talvolta la curia contro i ribelli vietava anche la sepoltura 
[p. 85]. All'in/amia derivante dal tradimento si accenna a p. 15. Oltre l'esilio si 
ricorda come pena la deportatio [p. 51]. 

6 Questo not gi e molto appropriatamente il Siragusa, Guglielmo I p. 84-85. 
I ragionamenti che il Perla op. cit. p. 19 e sgg. volle fare sull' uso della parola 
princeps non hanno alcun valore : lo stesso LRS. prova che vi erano principes 
estranei alla discendenza reale [cfr. p. 631. 

7 LRS. p. 87. 



Parte ii. il liber de regno siciliae . 505 

fosse revocata la norma , la quale stabiliva absque permissione curie 
filias [baronum] matrimonia non posse contraivi i e pur nelle Assise va- 
ticane manca questa legge, che dovette essere emanata da Ruggiero 
poich altrove 2 ebbi gi a ricordare un documento del 1154 che ac- 
cenna a una traditio uxorie da farsi subordinatamente alla assenza di 
una contrariet^ regum 3 . Anche allora ne rammentai un altro del 1107 
che accenna ad un preceptum da re Ruggero noviter promulgatum in- 
torno alle formalit da seguirsi nelle alienazioni delle donne 4 e nondi- 
meno anch'esso non si legge nelle assise vaticane. 

11. Al di l delle leggi avea efficacia la consuetudine e con- 
suetudinarie erano , tra 1' altre , le materie feudali. Il L.B./S. e' in- 
segna che era contro, consuetudinem lo spogliare il vassallo d'un feudo 
nei casi in cui , violando il sacramentum fdelitatis 5 , non fosse un 
proditor o nei casi in cui non fosse stato belo inutilis 6 : che era 
consuetudo che i milites, i quali si recavano a visitare il re, avessero 
regis videndi copia 7 . Poi tra le condizioni che i feudatarii afforzati in 
Caccamo nel 1161 ponevano a Guglielmo I per la loro dedizione ri- 
corda questa ut, pernitiosis legibm antiquatis eas restitueret consuetu- 
dines quas avus eius Bogerius comes a Roberto Guischardo prius intro- 
ductas observaverit et observare fuerit. Ma di queste consuetudini feu- 
dali eravi una raccolta scritta analoga in qualche modo ai Libri feu- 
dorum che costituirono una codificazione del diritto feudale lombardo ? 
Una risposta affermativa si voluta ricavare dal seguente brano della 
Historia : Cum autem [familiaribus regis per quos negotia curie di- 
sponebat] terrarum feudorumque distinctiones ususque et instituta 
curie prorsus essent incognita neque libri consuetudinum , quos defe- 
tarios appellant, potuissent post captum palatium inveniri placuit regi 
visumque est necessariuin ut Matheum notarium eductum de carcere 
in pristinum officium revocaret : qui, cum in curia diutissime notarius 
extitisset..., consuetudinum totius regni plenam sibi vindicabat peritiam 
ut ad componendos novos defetarios, eadem prioribus continentes, pu- 
taretur sufficere ; ma, secondo me, a torto. Non possibile il dissentir 
qui dall'Amari 8 : le consuetudines, cui lo storico alludeva, non erano 
qui delle norme obiettive di diritto, ma doveri nella persona dei feu- 
datarii e diritti da parte dello stato. Per riformulare i principii giuri- 



1 LRS. p. 64. A p. 78 ricorda come colpa del conte Ruggero d'Avellino l'aver 
sposata la figlia della contessa di S. Severino iniussu eiiriae. 

2 Cfr. Beata, Dir. cons. bar. p. 19. 

3 Cod. dipi. bar. V 107. 

4 Cod. dipi. bar. I 50. Il documento non sfugg neppure al Kehr, p. 226 n. 2. 

5 LRS. p. 22. 6 LRS. p. 12. 7 LRS. p. U. 8 Cfr. Kehr p. 132. 

20 



306 



dici ohe regolavano la materia feudale non sarebbe stata indispensabile 
la liberazione d'un carcerato : ma ben si doveva ricorrere a chi ne era 
per lunga pratica esperto quando si tratt in base ad elementi difet- 
tosi e disordinati di rinnovare i registri perduti onde risultavano le 
ragioni del fsco. 

12. Un'ultima consuetudine mi resta solo ad esaminare : ed ho 
finito. L'autore del IAber regni Biciliae i narra che Maione e Ugo ar- 
civescovo di Palermo iuxta consuetudinem siculorum fraterne fedus 
societatis contraxerunt seque in vicem iureiurando costrinxerunt ut alter 
alterimi modis omnibus promoveret et tam in prosperis quam in adversis 
unius essent animi, unius voluntatis atque consili i : quisquis alterimi 
lederet amborum incurreret offensam. Si tratta di un vero e proprio 
affratellamento 2 : e l'esempio prezioso per lo storico del diritto che 
a quell'uso potr trovare un notevole riscontro nei costumi della Sar- 
degna 3 . Ma io lo sottopongo all' attenzione degli storici anche per 
mi altro motivo. Se l'autore del Liber regni Siciliae fosse stato d'ori- 
gine francese, come ora generalmente si crede 4 , avrebbe egli chia- 
mata consuetudo siculorum una consuetudine che era tanto diffusa 
nella sua terra 5 ! E 1' avrebbe cos designata un inglese 6 ? Certo il 
nostro scrittore non fu n appulo 7 , n siciliano 8 , n musulmano 9 , 
n greco : ma quella sua caratteristica espressione rende probabile che 
fosse tuttavia un cismontano. Gi la Ancona ha opportunamente osser- 
vato che un oltramontano non avrebbe cos causticamente stigmatizzata 
la miseria I0 , la superbia li e la tracotanza i2 dei transalpini che per lui 
erano ignari d'ogni libert 13 : ai suoi argomenti qui se n'aggiunge un 
altro che mi pare efficace. 



1 LRS. P . 10. 

2 E come tale lo consider gi opportunamente il Tamassia, L'affratellamento, 
Torino 1886, p. 31 32. 

3 Lo storico del diritto oltre che ai brani relativi alla ordalia del duello 
[LRS. p. 80] dovr badare all'accenno al diritto dei propinqui di ratum habere il 
matrimonio delle donne [p. 35]. 4 Dallo Hillger, dal Salinas etc. 

5 Cfr. Tamassia, op. cit. p. 33. 6 Cfr. Tamassia, op. cit. loc. cit. 

7 Cfr. le invettive contro gli appuli a p. 126, 117. 

8 Cfr. le invettive contro i siculi a p. 30 e a p. 96. 

9 A p. 25 parla addirittura di un gentile vitium saracenorum. 

10 LRS. p. 110. " LRS. p. 93. 12 LRS. p. 133. 

i3 LRS. p. 145. Alla Gallie consuetudo contrappone la libertas civium et oppi- 
danorum Sicilie [p. 144]. Intorno all'esattezza dell'affermazione saracenos et grecos 
8olum qui villani dicantur solrendis redditibus annuisque pensi onibus deputatos [esse] 
cfr. Amari, Storia dei musulmani in Sicilia, III p. 236 e sgg. 

Palermo, 

E. Besta. 



DI UN'IMPORTANTE MINIATURA 

DEL CODICE 120 DELLA BIBLIOTECA CIVICA DI BERNA. 



Il codice 120 della Biblioteca civica di Berna contiene, fra altre 
scritture, l'unico esemplare che si conosca del carme storico di Pietro 
da Eboli, pubblicato per la prima volta a Basilea da Samuele Engel 
nel 1740 * e poi riprodotto nel 1770 dal Gravier , 2 nel 1845 dal 
Del Re 3 e finalmente nel 1874 da Eduardo Winkelmann * pel giu- 
bileo cattedratico di Giorgio Waitz. Questo Codice, della fine del se- 
colo XII, preziosissimo, non solo perch fu sottoposto a una revi- 
sione dell'autore e contiene molte correzioni e aggiunte autografe; ma 
altres perch illustrato da cinquantatre miniature coeve , del cui 
pregio io parlai nel mio studio su Le miniature che illustrano il Carme 
di Pietro da Eboli nel Codice 120 della Biblioteca di Berna, 5 e che 
ora chiunque pu esaminare per la pubblicazione splendidamente riu- 
scita, ad opera dello stabilimento Danesi di Roma, a mia cura nelle 
pubblicazioni dell'Istituto Storico Italiano. 

Queste miniature si trovano sul recto delle carte, mentre sul verso 
si legge il poema, e sono disposte in maniera clic ovunque si apra il 
codice, si trova la facciata a destra con una miniatura che illustra- 
zione dei versi che si leggono nella facciata a sinistra. Questa corri- 
spondenza, che in origine doveva esistere per tutto il codice, oggi non 
si ritrova sempre, perch vi sono alcune carte mancanti ed altre spo- 
state. Di siffatte lacune o spostamenti parlo lungamente nella prefa- 
zione alla nuova edizione del poema che vedr (pianto prima la luce 
e che fu preceduta dalle tavole predette. 11 primo editore riprodusse 



1 Petri de Ebulo , Carmen de motibus siculi etc. Basileae , typis Emanuelis 
Tbnrnisii. MDCCXLVI. 

2 Raccolta di tutti i pi rinomati scrittori delV istoria generale del Regno di Na- 
poli etc. Napoli, MDCCLXX. 

3 Cronisti e scrittori sincroni Napoletani. Napoli, 1845. I, p. 401-456. 

4 Des Magisters Petrus de Ebulo, Liber ad honorem Augusti. Xach der Origi- 
nalhandschrift etc. Lipsia, 1874. 

5 Ballettino dell'Istituto storico italiano, N. 25, Roma, 1904. 



308 G. B. SIRAGXTSA. PARTE II. 

otto di queste miniature nel miglior modo ch'ei pot coi mezzi d'al- 
lora, e queste stesse ripubblic il Del Re, forse valendosi degli stessi 
rami o per lo meno lucidandoli, ma ne alter alquanto l'ordine e ne 
suddivise due in due tavole ciascuna. 

Dissi altra volta che se si considera il poema di Pietro come 
fonte storica, le 'miniature sono forse pi importanti del testo, perch 
forniscono notizie pi precise e determinate; ma notizie nuove, cio 
non date dalle altre fonti note, si trovano qua e l anche nel poema, 
sulle quali occorrerebbe uno studio speciale per vedere, non foss'altro, 
se ba ragione qualche critico moderno a respingerne con troppa sicu- 
rezza alcune. Fra queste notizie nuove dovevano essere importanti 
quelle relative alla congiura, vera o supposta , contro l' imperatore 
Enrico VI , della quale si sarebbero strette le fila poco dopo la morte 
di Tancredi, nell'interesse e quasi sotto la direzione della regina Si- 
billa di Acerra; ma disgraziatamente buona parte di questo episodio 
del poema manca perch quella carta venne lacerata , come accusa 
anche lo strapipo irregolare che si vede nel codice. Se manca il brano 
del poema, non manca, per, la miniatura che la illustrava. Questa 
porta il X. XL1T delle tavole edite dall'Istituto Storico (e. 3-136 del 
codice) e si trova anche nelle edizioni Engel e Del Re. 

Su questa congiura molto si scritto. La negarono alcuni e quasj 
la credettero una scena preparata per giustificare i supplizi! o il car- 
cere dei partigiani di Tancredi; altri credettero che fossero confusi i 
particolari di una prima cospirazione che si sarebbe scoverta nel 1195 
con un'altra posteriore ordita nel 1197; ma qui non il luogo di en- 
trare in simili discussioni. Dir solo che per Pietro da Eboli la con- 
giura fu ordita e che venne scoverta ad opera di un traditore che 
nel poema un quidam il quale conscius archani secreta revelat 
et docet insidias enumeratque viros , ma nella miniatura un monaco 
che si presenta umilmente ad Enrico VI in veste di delatore, come 
spiega anche la leggenda : Monacus iste coniurationem proditoruin 
detexit . Se, per, possibile di dubitare della congiura, non pos- 
sibile dubitare delle pene che ai veri o presunti colpevoli vennero 
inflitte , poich di queste abbiamo parecchie e non dubbie testimo- 
nianze. Ma diciamo prima della miniatura del Codice di Pietro da 
Eboli. 

Questa divisa in due sezioni disuguali, separate da una linea 
orizzontale. Nella superiore sono rappresentate : a destra di chi guarda, 
un dignitario ecclesiastico vestito di tunica , manto , stola e mitria, 
seduto su uno sgabello e sul quale una mano posteriore a quella del- 
l'autore di quasi tutte le altre leggende, scrisse : Presul Salerni ; 



PARTE li. DI UN'IMPORTANTE MINIATURA. 309 

nel centro, seduto su una scranna, un fanciullo vestito di tunica e a 
capo scoverto, sul quale la stessa mano scrisse : Regulus ; a si- 
nistra su un'altra scranna uno scrivano che verga nel foglio che tiene 
in mano ci che gli dettano i due personaggi predetti. 

Xella sezione inferiore, che poco pi del doppio della superiore, 
si veggono sotto un arco ogivale parecchi personaggi raccolti attorno 
a un tavolino, dove pare che stia un vangelo crocesignato, sul quale 
tutti stendono le destre in atto di giurare. Nel centro, nel posto pi 
in vista, una donna in ricco paludamento seduta; a destra tre fi- 
gure , delle quali una ha in capo una mitria e un'altra di uomo 
barbuto; a sinistra sei altre figure tutte a capo scoverto. Tanto i tre 
personaggi di destra, quanto i sei di sinistra sono inginocchiati. 

Questa composizione spiegata da una leggenda importantissima 
che d i nomi dei congiurati e che disposta in due colonne cos : 

Doinus in qua coniurant proditores regni 

TJxor Tancredi Comes Biccardus 

Presul Salerni Comes Bogerius 

Margaritus Comes Biccardus de Agellis 

Bogerius Tharthis Eugenius 

Comes W. de Morsico 
Iohannes frater presulis Salerni 
Comes Bogerius Avilini 
Aexius serrus Tancredi 

Osservo, anzitutto, clic, i nomi sono dodici, compresa la denomi- 
nazione perifrastica della regina, che il poeta non chiama mai per 
nome, ma le figure sono soltanto dieci ; i poi, che la parola ciurant 
era stata dal Winkelmann letta iniurant, scambiando per i la prima e 
imperfetta, sottoposta al segno di abbreviazione; che il nome Tharthis, 
era stato tetto Tharchis, mentre la forma della t, nettamente distinta 
da quella della e, anche in questa stessa leggenda, non lascia luogo 
a dubbio, e finalmente che il nome de Agellis, clic per la cattiva ri- 
produzione dell'Engel era stato letto de Agott, (onde il Del Re s'era 
ingegnato d'identificare la famiglia de Agottis) letto correttamente dal 



1 Gli Aiutale* Marbacnises, . Alan. Germ Ilixt. XVII, p. 166) dicono: Iiuue- 

rator capta uxore Tancradi (sic) et episcopo Salernitano et decetn ali is eiiwleni 

terre couiitibus et maioribils, inter quoa erat quidam pyrata precipuus dictus Mar- 
garita . Il numero corrisponde esattamente coi dodici nomi del Codice di 

Berna. Gli Annahs Jquenses nei Mon citati. XVI p. 687, danno il numero di sedici 
oltre la regina, i figliuoli di lei e Margarito, priucipuui pitatarum. 



3lO G. B. SIRACUSA. PARTE t. 

Winkelmann , fa crollare lo strano edifcio della strana lezione e ci 
chiarisce che quel Riccardo di Aiello, che nominato nelle cronache 
e in molti documenti, come il fratello Nicol, arcivescovo di Salerno, 
era il noto figlio del celebre cancelliere Matteo. 



La identificazione di questi nomi non facile; per alcuni anzi 
impossibile , non venendoci alcuna luce dai documenti che sinora co- 
nosciamo. 

Cominciando dai quattro personaggi che stanno a sinistra, nes- 
suna difficolt presentano, la Uxor Tancredi , il Presul Salerai , 
cio Nicol di Aiello gi mentovato, e Margaritus , che fu il ce- 
lebre ammiraglio Margaritone di Brindisi e che si sa da molte altre 
fonti essere stato fra i principali accusati della congiura, catturato, 
accecato e j)ersino evirato *j ma non ben chiaro chi sia quel Ro- 
gerius Tharthis che P ultimo dei quattro. Si pu dubitare per 
che si tratti del Rogerius de Tarsia che era certamente perso- 
naggio cospicuo in Sicilia e assai probabilmente in rapporti col can- 
celliere Matteo; infatti apparisce da un documento 2 che egli e la mo- 
glie Maria, figlia di Roberto Malconvenant, rinunziarono alla terra di 
Bisacquino in presentia domini Matthei regis vicecancellarii et fa- 
miliaris e con la testimonianza, fra altre, di Riccardo, figlio di Mat- 
teo. Dall'elenco di Ansberto gi citato, si ricava che un de Tarsia 
fu tra i congiurati, ma ivi chiamato Tancredus e non Roge- 
rius ed assai probabile che lo scrittore sbagliasse i nomi scri- 
vendo lontano e sulla relazione altrui , come notai nella nota pre- 
cedente. 



1 II chierico Ansberto Hist. de expedit. Friderici imperatoria. (Nelle Fontes Rerum 
Austriaoarum ( Scriptores, V, pag. 86-87) parlando della congiura contro l'impera- 
tore Enrico VI, d una certa lista di cospiratori, sulla quale sar costretto a tor- 
nare pi volte. Questo elenco riesce scorretto per l'interpunzione che la edizione 
citata conserv quasi sempre come era stata data dalla prima edizione di Gius. 
Dobrowsky nel 1827. Ivi si legge : Willehelmus filins Tancredi et frater eius Mar- 
garita, comes Avellinus etc. . Credo si debba invece interpungere: Willehelmus fi- 
iius Tancredi et frater eius , Margarita, Comes Avellinus etc. . Comunque, sempre 
erroneo attribuire un fratello a Guglielmo III dopo la morte del maggiore Rng- 
giero, che gli scrittori chiamano talvolta Ruggiero III; ma sarebbe doppio errore 
attribuirglielo e chiamarlo Margarita. Non mi par dubbio che Margarita, come 
anche denominato da altre fonti che citer appresso, sia Margaritone di Brin- 
disi. Gli errori di nome in Ansberto non fanno specie, trattandosi di uno straniero 
che vivea lungi dall'Italia e a cui queste notizie giunsero per relazione altrui. 

2 Docum. del marzo 1183 in Garut. Documenti inediti dell'epoca Normanna in 
Sicilia, pag. 191, 



PARTE II. DI UN'IMPORTANTE MINIATURA. 311 

Maggiori difficolt presenta l' identificazione dei nomi della se- 
conda colonna. Il primo un Comes Riccardus e non chi non 
veda come la semplice indicazione del nome sia all'atto insufficiente; 
n ci aiuta Ansberto che non nomina vermi Riccardo. Se non che 
l'esser messo in capolista mi pare che accenni a personaggio non solo 
cospicuo, ma principale; e intatti due fonti tedesche danno come ar- 
tefici principali della congiura insieme a Margarite, un conte Riccardo. 
La prima la Continuatio Weingartensis della Cronaca di Tigone l la 
quale nomina : Margaritam piratam pessimum e un Riccardum 
nobilem comitem e dopo di costoro il figliuoletto di Tancredi nec 
non et aliis episcopis, abbatibus et mulieribus ; la seconda la Con- 
tinuatio Sanblasiana di Ottone di Frisinga 2 la quale anch'essa pone 
come capi della cospirazione : Margaritum archipiratam potentissi- 
mum illius terre baronem cum quodam comite Richardo litteris ap- 
prime erudito , e poco dopo ripetendosi: Margaritum archipiratam 
et Riehardum comitem imperatricis consangui neum ;! . 

Chi sia questo conte Riccardo, letterato e consanguineo dell'im- 
peratrice io non so, ma dubito che si tratti del conte Riccardo d'Acerra, 
consanguineo, e precisamente fratello, non dell'imperatrice ma della 
regina Sibilla di Acerra, moglie di Tancredi; e tanto pi panni proba- 
bile in quanto sulla fede dell' imperatrice Costanza si avevano forti 
dubbi, tali che una cronaca tedesca, gli Annali di &tade 4 , attribuiscono 
a Riccardo di Acerra il proposito di avvelenare Enrico VI per con- 
siglio di Costanza; ma la morte di questo conte Riccardo, che sarebbe 
stato uno dei cospiratori catturati per ordine di Enrico VI, come la 
narrano le due fonti predette, fu assai diversa da quella orribile e 



1 Mon. Gemi. hist. XXI, pp. 478-79. 

2 Mon. Gemi, hist. XX, p. 325 e 326. 

3 Per le fonti tedesche Margarito fu 1' autore principale della congiura. Le 
Gesta Heinrici VI attribuite a Goffredo da Viterbo. Mon. Gemi. hist. XXII, p. 337, 
recano : 

Palatini comites simul congregati, 

Margaritus, regnlus situili sociali 

Cesarem occidere ita sunt iurati . 



Hoc postquam Cesar scivit, cepit proditores 

Margaritus, regulus et omnes fautores . 

4 Mon. Gemi. hist. XVI , p. 353. Quondam etiam Riclnrdum per plateas 
tractuni suspendi fecit quia eum [iniueratorem] Cousrantie Consilio inipotionare 
voluit. Il sospetto che Costanza partecipasse secretamente alla e mgiura rive- 
lato da parecchie cronache tedesche ed inglesi , passate a rassegna dal Toeche 
Kaiser Heinrich, pag. 582 sg. 



5l G. B. SIltAGUSA. PAR/TE lt. 

crudele del Conte di Acerra che ci descrive con ributtanti particolari 
Riccardo di S. Germano e che sarebbe stata inflitta per ordine dell'im- 
peratore a Capua nel 1197 e non pel fatto della congiura. 

Se per vogliamo limitarci al proposito d'identificare questo Ric- 
cardo, messo in capolista , dir che alla congiura, vera o supposta, 
alla quale si riteneva avessero preso parte la regina e tutta la fami- 
glia degli Aiello, non poteva credersi, specialmente dai Tedeschi dei 
quali P. da Eboli era il portavoce, che potesse essere rimasto estraneo 
il fratello della vedova di Tancredi, che era stato una delle colonne 
pi salde del partito antitedesco. 

Anche pel secondo nome Comes Rogerius l'indicazione af- 
fatto insufficiente ; ma se si ricorda che Ruggiero conte di Molise, 
forse figlio del noto Riccardo di Mandra , prima partigiano di En- 
rico VI, era divenuto fautore di Tancredi, dopo essere stato vinto e 
fatto prigione da Riccardo conte di Acerra i , parr verosimile che 
si accenni a lui in questo luogo. Ansberto nel suo elenco nomina tre 
Ruggieri: il primo sarebbe un fratello di Mcol arcivescovo di Sa- 
lerno, ovvero un signore di Trebisacce, se quest'ultimo titolo non si 
riferisce allo stesso fratello dell'arcivescovo salernitano 2 ; il secondo 
un Rugerius nobilis senz'altra indicazione ; il terzo un Comes 
Avellinus Rogerius del quale j)arler pi tardi 3 ; ma niuno dei tre 
si pu identificare con questo della leggenda del Codice di Berna. 

Il terzo personaggio notissimo da considerare insieme al sesto. 
Quegli Riccardo di Aiello figlio di Matteo cancelliere ; questi sarebbe 
un fratello di lui e dell'arcivescovo di Salerno Mcol, che giusta la 
scritta del Codice di Pietro da Eboli avrebbe avuto nome Giovanni. 
Secondo questa, dunque, i figli di Matteo d'Ai elio che parteciparono 



1 Cf. Annali Casin. nei Mon. Germ. hist. XIX , pag. 315 e Riccardo da S, Ger- 
mano, ediz. Gaudenzi, pagg, G6 e 68. 

8 L'edizione Dobrowsky porta a pag. 124: Archiepiscopi Salernitani^, 
comes frater suus, Rugerius de tribus Bysatiis etc. . Quella delle Fonte Berum 
Au8triacarum png. 86: Archiepiscopus Salernitanus, comes frater suus Rogerius 
de tribus Bysatiis , etc. Come si vede anche qui nasce dubbio dall' iuterpun- 
zione, e non si sa se il conte Ruggiero di Trebisacce fosse, secondo Ansberto, il 
fratello di Nicol arcivescovo o se questo fratello fosse un conte innominato e di- 
verso da un Ruggiero di Trebisacce. 

3 Anche qui sorge una difficolt per la diversa interpunzione nel testo di 
Ansberto. Abbiamo, infatti, secondo l'ediz. Dobrowsky: Comes Avellinus, Ro- 
gerius, Petrus etc ; secondo quelle delle Fontes B. A.: Comes Avellinus Roge- 
rius, Petrus etc. . 



Parte li. bt un'importante miniatura. 313 

alla congiura furono tre : Nicol arcivescovo, Riccardo e Giovanni, e 
anche la cronaca tedesca di Burcardo e Corrado di Ursberg conferma 
in generale la notizia, senza dare i nomi. Dice infatti : [Imperato!-]... 
vades accepit quosdam nobiles et potentes terrae inter quos erant 
archie])iscopus Salernitanus et duo comites germani fratres eiusdem, 
et quidam Margaritus, qui potens fuerat in mari pirata '. 

Di Riccardo si sa che alla elevazione di Tancredi fu nominato 
conte e che tenne sovente le veci del padre nell'ufficio di cancelliere, 
onde parecchie concessioni di quel re sono date : per manus Ric- 
cardi filii Mathei regii cancellarli eo quod ipse cancellarius absens 
erat 2 . Xon v' dubbio, dunque su questo secondo tglio di Matteo di 
Aiello. Dubbio vi invece sull'esistenza e sul nome del terzo. Rocco 
Pirro nella sua Cronologia dei re di Sicilia 3 scrive che Enrico VI 
imperatore mand prigioni in Germania : Nicol arcivescovo col fra- 
tello Riccardo e con lo zio Ruggiero. Xon discuto i particolari di 
questa notizia che non so a quale fonte fosse attinta; ma il Mungi- 
tore nella introduzione ai documenti della Magione, citando bene, ma 
interpretando male il Pirro e l'Ughelli 4 , d Ruggiero come tiglio 
di Matteo, e perci come fratello di Nicol arcivescovo: ci che hanno 
ripetuto parecchi. Matteo cancelliere ebbe certamente un fratello di 
nome Ruggiero che fu giudice di Sorrento, come detto nel diploma 
di fondazione del monastero di 8. Maria de Latini* , inteso poi del 



1 Mon. Gemi, hist., XXII, pag. 364. 

2 Cf, concessione di un privilegio ai cittadini di Gaeta , data a Messina nel 
luglio 1191, (nel Codex Caietanus del Tabularium Casinense , II, pag. 311) e con- 
cessione alla Chiesa di S. Nicol di Bari , data a Brindisi nel 1192, (nel Codice 
diplom. Barese I, pag. 121). Nel 1206 Federico II concedeva al conte di Tropea 
domos Riccardi coruitis filii quondam Mathei vicecancellarii , quas in civitate 
Panornii paterno iure, vel alio quolibet titillo dignoscitur possedisse; ma nel 
1216 Costanza col figlio Enrico, gi nominato re di Sicilia, concedeva all'arcive- 
scovo Nicol di Aiello le decime platearum et plancarum terre Ebuli , e nel 
documento si legge: Cum tu Nicolae venerabilis Salerni archiepiscope, dilecte 
fidelis noster, per comitem Ricardum de Avello germanum tuum, tdelem nostrum, 
preces nostre celsitudini porrexisses... . Cf. Winkelmann, Acta imperi inedita, 
pagg. 2 e 376. Vuol dire o che gli Aiello furono sempre benvisti a Costanza o 
che riacquistarono il favore di casa Hohenstaufen dopo la loro liberazione. 

3 Sicilia Sacra, pag. XXIV, ediz. 1733. 

4 Ughelli. Italia Sacra, ediz. Coleti, voi. VII, pag. 414-415. Vi si trova quasi 
testualmente riprodotto il passo del Pirro. Questo, o fu scritto con estrema tra- 
scuranza o fu guasto nella stampa, onde si spiega la cattiva interpretazione del 
Mongitore. Cos come . e come lo trascrivo, sommamente oscuro : At eos omues 
[imperator] cum Nicolao Archiepiscopo Salernitano, Riccardo Avelli cornile, Rogerio 
fratre Matthei Cancellarli iam defuncti fliis in Germaniae solum vertere coegit. 



34 G. B. SIRAGSA. fARTE l. 

Cancelliere (marzo, 1171) l ; ma dalle cronache e dai documenti che 
mi fu dato di percorrere non mi riescito di costatare l'esistenza di 
questo terzo figliuolo di Matteo, n, come panni, la pot costatare il 
Toeche, il quale, forse ravvicinando il nome Giovanni che lesse nella 
leggenda alla miniatura di Pietro da Eboli (si ricordi che questa 
una delle otto tavole pubblicate dall'Engel e riprodotte dal Del Ee) 
con non so quale altra notizia, l dove parla delle punizioni e delle 
ricompense date dall' imperatore nel 1195, scrive, ma erroneamente, 
che al posto del vescovo di Catania , Giovanni di Aiello , fu nomi- 
nato un partigiano imperiale a nome Ruggiero 2 . Ma Giovanni di 
Aiello vescovo di Catania era stato fratello e non figlio del can- 
celliere Matteo , ed era morto in Catania nel celebre terremoto del 
4 febbraio 1169 o 1170 3 , e della morte di lui si era rallegrato in una 
lettera a Riccardo eletto di Siracusa il celebre Pietro di Blois 4 . 
Ruggiero, benedettino catanese, fu assunto al vescovato di Catania 
nel 1195 ed ebbe concessioni dall' imperatore Enrico VI che nel di- 
ploma Datimi apud Casalenovum per manus Alberti imperialis aulae 
Protonotarii, nono Kal. Maii, anno domini 1195, ind. XIII , lo chiama 
fidelis noster ; ina tra il 1109 o 1170, anno della morte di Giovanni 
Aiello, al 1195 quando fu eletto Ruggiero, si erano succeduti in quel 
Adesco vato : Roberto Abbate, dal 1171 al 1184, e Leone di Ravenna, 
dal 1184 al 1195 5 . 

A conchiudere, dunque, nulla si pu dire di questo terzo figlio 
del cancelliere Matteo, la cui esistenza ci viene palesata soltanto dalla 
leggenda del Codice Bernese. Ci non vuol dire, per, che la notizia 
sia da respingere come certamente falsa. La nostra ignoranza, derivata 
dal silenzio delle fonti note, non pu escludere il dubbio che Giovanni 
Aiello, figlio di Matteo cancelliere, sia esistito e che sia stato creduto 
con gli altri partecipe alla congiura. 



1 Cf. il diploma in Garufi; / documenti inediti dell' epoca Normanna in Sicilia, 
pag. 133. 

2 An Stelle des gefangenen Bisokofs von Catanea , Iohanues von Aiello, 
wurde ein kaiserlich gesinnter, Roger, erwiihlt . Kaiser Heinrich VI, pag. 352. 

3 Cf. Falcando, Ediz. dell'Istituto Storico Italiano, Ristoria pag. 164 ed Epi- 
stola pag. 175. 

4 Petri Blesensis. epistola 46 a ed. Migne, Patrol. lat. CCVII. 

5 Cf. i documenti e le notizie in Pirro Sicilia Sacra I, pagg. 529-532. Il Toeche 
occupandosi poi delle fonti per la storia della congiura nell'appendice nona, a 
pag. 574, pare abbia dimenticato ci che aveva scritto: Riportandosi infatti alla 

miniatura, scrive : Der Codex nennt ausserdem Iohann, den Bruder des 

Erzbisebofs von Salerno, (wer das ist, ist mir uubekaunt) , 



parte it. r>i un'importante Miniatura. 315 



Il quarto nome di questa seconda colonna quello di un Eu- 
genius senz'altra indicazione di titolo o di dignit, e Ansberto pi 
volte citato, porta anch' egli come ultimo del suo elenco un Eugenius 
e anch'egli senz'altra indicazione. Ci dimostra che veramente un Eu- 
genio fu nel numero dei colpiti dalla collera imperiale. Ma chi era 
costui ? N le cronache, ne i documenti editi mi aiutano a rispondere; 
per un filo di luce mi viene da un documento inedito che io lessi 
nella badia di Cava, che del settembre 1174, e nel quale nomi- 
nato un Eugenius magister duane baronum qui a regia celsitudine 
[Wilielmi II] ad partes istas [Salerni] delegatus est pr exigendis 
rationibus a baiulis partis istarum l . Il tempo , il luogo e l'ufficio, 
non che la certezza che doveva essere persona ben vista a Casa Nor- 
manna, come si ricava dalle parole riportate, rendono probabile che si 
tratti di lui. Non vi dubbio invece sulla identificazione del quinto 
nome : Come W[illelmus] de Marsico mentovato in molti documenti 
e che fu figlio del noto Conte Silvestro morto prima del 117.") 2 . 

Restano il settimo e l'ottavo nome della seconda colonna dei 
quali l'ultimo, quello di Alexius servus Tancredi attesta l'esistenza 
di questo servo umile, ma fedele e tuttavia tanto noto da assurgere 
all'importanza di cospiratore politico , ma non facile trovare una 
cronaca o un documento che ne faccia menzione. 11 penultimo, Comes 
Rogerius Avilini , quello di un personaggio dei pi potenti e noto 
abbastanza. Lo nomina anche Ansberto, ma pi correttamente della 
leggenda del Codice di Berna, lo chiama Comes Avellinus . Non 
panni dubbio che sia quel Comes Rogerius de Aquila nominato nel 
Catalogus Baronum e che era anche Conte di Avellino 3 . 



A riassumere, dunque, la miniatura del Codice Bernese e la leg- 
genda che la spiega, conferma la partecipazione alla vera o supposta 
congiura della regina Sibilla , di Margarite da Brindisi, di Nicol e 
di Riccardo di Aiello, di Eugenio, assai probabilmente maestro della 
dogana dei baroni, e del Conte d'Avellino. Ci rivela la partecipazione 
probabile di Ruggiero di Tarsia (se il nome Tharthis si pu inter- 



1 Arca 87, X. 33. 

2 Cf. doc. in Garun, Tubiti, di S. Maria la Xuora di Monreale, pag. 9. 

3 Caialogus Baronum etc. in Del Re I, pag. 582. 



Si G. t. SlfcAGTJSA. PARTE It. 

pretare Tarsia) di un Ruggiero che non pare difficile sia Ruggiero di 
31 oli se, del Conte Guglielmo di Marsico e finalmente ci rivela il nome 
di un servo di Tancredi e ci costringe a ricercare se il conte Riccardo 
d'Acerra, o altri dello stesso nome, fu creduto colpevole della con- 
giura e se esistette e se ebbe nome Giovanni quel terzo tiglio del 
cancelliere Matteo che vi troviamo nominato. 

Comunque, una testimonianza che, venendoci da un contempo- 
raneo partigiano imperiale, ha un grande valore storico, malgrado le 
incertezze, e vorrei dire le perplessit che genera. Se venisse in mente 
a qualche studioso di fermarsi su questo punto per ricostruire la storia 
della congiura , come fu veramente ordita o come fu inventata per 
trovare il pretesto di sbarazzarsi dei fautori del partito nazionale si- 
ciliano, che aveva combattuto nel nome di Tancredi, questi non potr 
non meditare questa miniatura e non sarebbe da biasimare se ne fa- 
cesse il punto di partenza delle sue indagini l . 

E dopo ci giudichi ognuno se fu avventato giudizio il mio 
allorch, parlando delle miniature del Codice Bernese, dissi che, se si 
considera il Carme di Pietro da Eboli come fonte storica, le miniature 
sono pi importanti del poema , poich danno notizie pi precise e 
meglio determinate. 



1 Se la congiura fn veni o inventata non possiamo dire con assoluta cer- 
tezza. Si vegga a tal proposito la digressione di M. Amari al cap. VI del libro VI 
della Storia dei Musulmani di Sicilia, voi. Ili, pag. 555 sg. 

Palermo. 

Gian-Battista Siragusa. 



ANNOTAZIONI NUMISMATICHE ITALIANE 

XII. 

Monete battute in campo dai Fiorentini e dai Pisani. 



Un giovane studioso di numismatica, il signor Augusto Franco, 
ha esordito in questi ultimi ama con alcune pubblicazioni, che dimo- 
strano in lui una buona attitudine a questi studi e fanno sperare 
molto del suo avvenire. In una di queste *, egli ha riunito tutti quei 
brani dei cronisti Fiorentini, relativi ad alcune coniazioni eccezionali, 
lamentando che la numismatica Toscana sia stata in questi ultimi 
tempi molto trasturata. 

Convengo anch'io, che si avrebbe dovuto tener conto negli elen- 
chi delle Zecche Italiane , dei luoghi dove quelle coniazioni avven- 
nero; e panni che la mancanza delle monete relative nelle collezioni, 
sia stata la causa principale di tale omissione. Infatti, sino ad ora 
non se ne conosceva che una sola, cio il grosso detto della volpe, 
battuto dal Capitano Farnese a Giglione e Spedaluzzo nel 1303 ; e 
questa, seguendo l'esempio dell'Orsini 2 , si considerava da tutti come 
spettante alla serie comune senza tener conto delle circostanze spe- 
ciali nelle quali venne coniata. 

Oggi, le condizioni sono mutate, perch altre due di queste mo- 
nete d'occasione esistono nella collezione di S. Maest; le quali mo- 
nete mi accingo a pubblicare. 

1. S. Jacopo in Val di Serchio. 

Giovanni Villani , nelle Croniche Lib. VI , Cap. 04 , cosi narra 
la coniazione ivi avvenuta. 

Negli anni di Cristo 1250, essendo ancora di Firenze Podest 



1 Appunti di Numi? malica Toscana Pubblicazione per nozze Firenze 1903 
Tip. Bonducciana. 

2 Monete della Repubblica Fiorentina Firenze 1740. Cf. al primo semestre 
del 1363. 



318 G. RUGGERO. PARTE II. 

il detto Messer Alamanno i Fiorentini vennero ad oste sopra 

Pisa , insino a San Jacopo in Val di Serchio ; e quivi tagliarono 
mio grande pino; e in un sul ceppo del detto pino batterono grande 
quantit di Fiorini. E per ricordanza quelli clic quivi furono co- 
niati hebbono per contrassegna tra' piedi del S. Giovanni , quasi 
com'uno trafoglio a guisa di un piccolo alboro. E dei nostri d ve- 
demmo noi assai di que' Fiorini. (Ediz. del Giunti, Firenze 1587). 
La stessa notizia ripetuta dal Malispini. 




Fig. 50. 
l. S. IOHA NNES. B. Santo nimbato con lunga croce nella sinistra; a destra nel 

campo e vicino al piede del Santo un trifoglio. 
B, -* FLOR ENTIA Giglio. 

Oro Peso gr. 3,47 C>ns. buonissima. 

Questo fiorino entrato da poco nella Collezione Reale, corrisponde 
perfettamente alla descrizione del Villani ; ne pu far parte della 
serie comune Fiorentina, perch mancante del segno dello Zecchiere, 
che dovrebbe stare in alto a sinistra tra la E e la testa del Santo. 
Vi si trova invece il trifoglio a guisa di alberetto, distintivo di quei 
fiorini battuti sul ceppo del pino a S. Jacopo. A chi volesse far que- 
stione del trifoglio, che sta a destra e non in mezzo a' piedi, sarebbe 
facile rispondere: quel tra/ piedi doversi intendere per vicino a' piedi, 
allo stesso modo che nel parlare comune si dice ad esempio : mi 
trovo sempre quest'animale tra' piedi . 

D' altronde , oltre alla sconvenienza artistica, si avrebbe anche 
lo spazio troppo ristretto per un alberetto in mezzo ai piedi del 
Santo. 

Non sar oziosa, per ultimo, l'osservazione, che tutti i caratteri 
di questa moneta, corrispondono all'epoca di cui si tratta in confronto 
a quelli della serie dei fiorini. 

2. Rifredi. 

Nel detto anno (1303) ad 25 di Luglio, i Pisani si parti - 

rono di Pisa, e andarono a Lucca senza prendere arresto se ne 

vennono a Campi, e a Peretola, e quivi fermarono il campo, poi 



PARTE II. ANNOTAZIONI NUMISMATICHE ITALIANE. 319 

colle schiere ordinate vennono sino al ponte a Rifredi, e sentendo 
sonare le campane del comune a storino, g' Inghilesi che secondo 
1' uso di loro paese , pensarono, che 1' popolo uscisse a battaglia, 
temettono un poco e rincularono. Il perch i Pisani feciono correre 
il palio per traverso a Rifredi e tra le schiere. Pi feciono batter 
moneta, e al ponte a Rifredi impiccarono tre asini, e per derisione 
loro puosono al colle il nome di tre cittadini a ciascuno il suo. 

Cos, Filippo Villani, Cap. LXIII (Edizione Giunti Firenze 1581), 
il quale per altro non dice qual segno avessero quelle monete. Ma 
questo lo troveremo nel Tronci, Annali Pisani, ad anno, (Ed. Livor- 
no 1682) : 

inoltre batterno monete d'oro e d'argento con l'impronta della 
Vergine col figlio in braccio da una parte, e dall' altra un aquila 
Insegna dell' Imperio, sottovi un leone aggranfiato , et impiccorno 
per maggior scherno degli inimici tre asini etc 

Era dunque il solito tipo della loro moneta di quel tempo, colla 
variante del leone in luogo del capitello, sul quale l'aquila stava ap- 
poggiata. 




Fig. 51. 
D. FEDERICV IMPATOIt Aquila coronata, ad ali aperte, rivolta a sinistra un 

animale sotto agli artigli. 
B. PTEGE* < VIRGOPIS La Vergine seduta in trono col Bambino nel campo 
a sin. un pugnale. 

Oro. Peso gr. 3,47 Cons. mediocre. 

Questo F esemplare della moneta in oro che corrisponde alla 
descrizione. 11 leone non molto chiaramente visibile per la conser- 
vazione scadente in quel punto, e fors'anche per colpa dell'intaglia- 
tore; ma la forma allungata dell'oggetto che l'aquila tiene sotto agli 
artigli, certo di un animale, e questo pu passare per un leone. 

L' importante si , che manca il solito capitello caratteristico 
delle monete Pisane. E poich non si ha altra memoria dai cronisti, 
di coniazioni eccezionali all'infuori di quella nel 13G3, questa Tu- 
nica moneta che possa acconciarsi alle indicazioni del Tronci. Anche 
per questa, l'insieme dei caratteri concorda bene con l'epoca. 

Ancora un avvertimento necessario circa la presente moneta. 



320 Q. RUGGERO. PARTE II, 

Un dubbio potrebbe insorgere in qualcuno dei lettori, cio quello di 
un ritocco colla sostituzione dell'animale al capitello. E questo dub- 
bio sarebbe legittimo, trattandosi di una zecca nella quale, come dir 
in seguito, tale fatto non sarebbe unico. Ma nel caso presente, que- 
sta supposizione assolutamente da scartarsi per i motivi seguenti: 
lo spessore uniforme dell'orlo, anche nella parte, dir cos, incrimi- 
nata : il peso non diminuito , tenuto conto della conservazione i ma 
pi di tutto la maggior distanza tenuta nel conio tra le due parti 
inferiori della leggenda, quale si rendeva necessaria in questo caso, 
in cui al solito capitello doveva sostituirsi un oggetto molto pi 
largo. 

Secondo il cronista Pisano, pare die a Eifredi siasi coniato an- 
che l' argento. Speriamo che si possa avere al pi presto notizia di 
qualche esemplare; ed a questo line vorrei che si osservassero bene 
tutte le monete Pisane delle collezioni pubbliche e private, non es- 
sendo improbabile che non siasi finora prestata la dovuta attenzione 
all'oggetto che sta sotto all'aquila. 

Ai nostri tempi , queste battiture effmere in campo senza un 
bisogno reale, fanno la stessa impressione come tanti altri mezzi al- 
lora usati per far onta al nemico; ma riportandoci alle idee di quei 
tempi, si comprende tutta l'importanza dell'atto. La monetazione era 
ritenuta per la pi alta prerogativa della sovranit, ed perci che 
la battitura di monete su terra nemica, equivaleva al miglior modo 
per dimostrarne la presa di possesso. 

XIII. 
Quanto vi sia di vero, nelle monete del Podest Bonaccorso da Palude. 

Il precedente al quale accennai nella passata Annotazione, di 
monete Pisane alterate da' falsari, quello dei due grossi autentici 
ai quali venne rifatta una leggenda con parte della rappresentazione, 
per mettervi il nome e 1' arme del Podest da Palude. Il Viani fu 
vittima di quell' inganno , e ne prese 1' argomento per due memorie 
ben conosciute dai numismatici 2 , malgrado che egli fosse rimasto 
giustamente eolpito dal fatto nuovo ed insolito. 



1 Di nove esemplari della serie Pisana nella Coli. Beale, 7 ben cons. vanno 
da 3,11 a 3,50; due soli, perch mal cons. pesano soli gr. 3.36 e 3.37. 

2 Memoria di una moneta inedita di Pisa. Ivi 1809. Ristampata in Da 
Morrona , Pisa illustrata etc. Livorno 1812. Ristampata in Rivista Italiana di 
Numismatica A. V. e Memoria di una seconda moneta Pisana in da Morrona, 
Op. cit., e nella Riv. come sopra. 



TAltTE II. ANNOTAZIONI NUMISMATICHE ITALIANE. 321 

Confesso , elio non ho mai potuto prestarvi tede , ina per altro 
non mi trovavo in cattiva compagnia, poich fin dal 1870 il Kunz 1 , 
cos si esprimeva : le due monete col nome del podest Bonaccorso 
da Palude , accolte anche in due segnalate nuove pubblicazioni '', 
credo doversi escludere dalla serie Pisana , perch verosimilmente 
apocrife. L'occhio del Viani pare non sia stato abbastanza efficace 
in quella circostanza . 

Circa due anni addietro, potei averi; in mano il famoso esem- 
plare illustrato dal Viani nella sua prima memoria, che si conservava 
religiosamente in un astuccio di ([indi' epoca , insieme con un foglio 
che era l'edizione originale dello scritto relativo. Appena aperto quel- 
l'astuccio e presa la moneta, l'opera del falsario mi apparve in tutta 
la sua evidenza. 

Era, come infatti appare dal disegno dell'A. mio di quei grossi 
anteriori ad Enrico VII, ma che tuttavia non possono rimontare fino 
all'epoca del da Palude (1242-44), i quali quando son ben conservati 
pesano gr. 1,05, cio grani fiorentini 40 scarsi. Ma l'operazione su- 
bita per opera del falsario, avea tolto al peso originale gr. 0,75, ri- 
ducendolo a gr. 1,20, cio grani fiorentini 24 '/ 2 ; che per l'appunto 
quello dichiarato dal Viani , senza che egli avesse posto mente alla 
grave differenza. N si avvide dell' assottigliamento dell'orlo, u del 
ritocco all'aquila per smorzarne l'eccessivo rilievo che risultava dal- 
l'operazione. E neanche pot metterlo sull'avviso la differenza fra le 
lettere nuove e quelle del rovescio, autentiche ed intatte, n quella 
visibilissima fra 1' aspetto generale del dritto, e quello del rovescio. 

Il secondo di tali prodotti del falsario di allora, sta nel Museo 
di Pisa ; e sebbene io non abbia potuto vederlo che dietro il vetro 
(hd mobile , tuttavia non mi lasci dubbio alcuno circa al grado di 
parentela che lo lega al primo. 

Per esser giusti , dovremo riconoscere che non tutta la colpa 
spetti all' A. ma in gran parte al vizio dei suoi tempi. Si era ancora 
sotto la tradizione del secolo precedente piando il valori; dello scrit- 
tore doveva dimostrarsi in quelle interminabili dissertazioni accade- 
miche, dense di rettorica ma povere di vera critica numismatica. Lo 
studio analitico ed esatto dei caratteri delle monete, che la guida 
pi sicura per la classificazione cronologica, era trascurato affatto. E 



1 Museo Bottacin, in Periodico delio Strozzi, Firenze A. III. pag. 25. 

2 Ritengo che 1' A. abbia voluto alludere al V. Prorais. Tavole sinottiche , 
Torino 1860 ed al Tonini, Topografia generala delle Zecclie It. Firenze 1869. 

21 



322 G. RUGGERO. PARTK II. 

per questo , il nostro A. che pure era gi passato innanzi di molto 
ai suoi predecessori , non ha potuto avvertire come a' tempi del da 
Palude non potessero ancora esser coniati i nuovi grossi con i sim- 
boli monetari. In quell'epoca, anche ammettendo che i grossi primi- 
tivi colla F da un un lato ed il nome della citt nel centro dell'al- 
tro avessero cessato, ci che non ben certo, al pi dovevano aver 
corso i grossi di secondo tipo, cio quelli colla F e la Madonna. 

Intanto, come si veduto, la favola delle monete di Bonaccorso 
da Palude ha potuto in grazia dell'autorit del Viani, durare per 96 
anni , non solo tra il volgo , ma tra i numismatici grandi e piccini. 
tempo oramai che venga fatta giustizia nel nome pi autorevole, 
quello della scienza. 

XIV. 
Della Zecca Aretina sotto il reggimento dei Fiorentini. 

La citt d'Arezzo era in mano de' Vescovi; e fu ad uno di questi, 
che Enrico III avrebbe concesso fin dal 1052 il privilegio , cudendi 
moneta in ipsa Aretina civitate \ E fu un Vescovo, Guglielmo liber- 
tini, quegli che nel 1289 guid gli Aretini a Campaldino, lasciandovi 
la vita con quasi tutti i suoi. E finalmente, al governo di un Vesco- 
vo, Guido Tarlato di Pietramala , la citt dovette il periodo di sua 
maggior grandezza e prosperit nel primo quarto del XIV secolo. Ma 
il fratello di lui, Pietro detto Saccone, vendette la citt ai Fioren- 
tini nel 1337. Riacquistata la libert dopo anni, gli Aretini poco 
ne poterono godere per le civili discordie, fino a che nel 1385 le mi- 
lizie di Ludovico d'Angi presa la citt, la vendettero a Firenze per 
42000 ducati. 

Nel 1502 Arezzo si ribell ai nuovi padroni ; ma quel barlume 
di libert non dur che pochi mesi , durante i quali sarebbe stata 
riaperta la zecca 2 coniandovi moneta al tipo tradizionale. 

Nel 1530, nuova e breve autonomia durante l'assedio di Firenze ; 
ed il Fabroni (op. cit.) ci d notizia di un ordine per battere mo- 
neta col busto di S. Donato da una parte e 1' aquila imperiale dal- 
l'altra. 

Stando a questo A. esisterebbe un documento che proverebbe 



1 Fabroni Delle monete di Arezzo, in Atti (iella I, R. Accademia Aretina, 
1843, p. 62. 

2 Fabroni op. cit. 



TARTE II. ANNOTAZIONI NUMISMATICHE ITALIANE. 323 

l'esistenza di una zecca in Arezzo fino dal 1158. Ma le monete che 
si conoscono non risalgono tanto addietro. I grossi, specie quelli senza 
il nimbo attorno alla testa del Santo die sembrano i pi antichi, sono 
certamente della seconda met del XIII sec. i . E di anteriori a que- 
sti non si conoscono che i danari di Ugo I Marchese di Toscana del 
MO circa 2 . 

straio che mentre le monete aretine dovrebbero essere vesco- 
vili , siano invece comunali. Alcune di esse sono bens segnate da 
alcune piccole nutrie nelle leggende, ragione per cui il Bellini, il 
Promis e (piasi tutti i numismatici credettero di assegnarle alla Si- 
gnoria di Guido Tarlato; ma non posso dirmi assolutamente convinto 
di questa attribuzione. Ed invero, il posto che quelle mitrie occupano 
nelle leggende , mi induce a crederle piuttosto contrasegni dei zec- 
chieri come le mezzedime, le rosette, i gigli ed altri segni usati per 
interpunzione nelle monete Aretine. Se avessero dovuto rappresen- 
tare la Signoria di un Vescovo, certo non avrebbero mancato di te- 
nere il posto pi nobile, che secondo le consuetudini sempre stato 
il centro , o quanto meno 1' orlo in alto in principio di leggenda. E 
perch non avrebbe quel Vescovo improntato il nome come fecero 
quei di Volterra ? Pur tuttavia non intendo d'insistere affermandomi 
contrario alla opinione generale , se tale veramente sar ; tanto pi 
che questi grossi inaugurano in questa zecca due tipi diversi dal pri- 
mitivo, cio il grosso Agontano col Santo in piedi, ed un altro gras- 
setto col Santo seduto. 

Delle coniazioni autonome del 1502 e del 15:50, se veramente 
effettuate, non abbiamo traccia nei medaglieri; cos clic lino ad oggi 
prevaleva l'opinione, che la zecca si chiudesse definitivamente nel L385. 

Ma la monetazione Aretina non fu sempre autonoma , avendosi 
monete coniate dai Fiorentini; cio un grosso del XIV S. inedito, ed 
un quattrino della fine del XV o principio del XVI. Quest'ultimo 



1 Non credo inutile segnare i pesi che si Inumo negli esemplari ben conser- 
vati. Su circa 20 es. ho trovato un maximum di g. 1.85 in quelli a f. di conio; 
gli altri non scendono mai sotto a 1.73. 

Quelli col nimbo al Santo, danno pesi di poco interiori. 

Vengono in seguito i grossi olla croce di 1 asce tra 5 globetti , nei quali 
trovai il maximum di 1.35. l'Itimi i bolognini coll'A grande nel centro da 1.04 
ad 1.07. 

Abbiamo poi le moneto colie mitrie, cio grossi Agontani di circa 2.30 con un 
maximum di 2.13; ed i grossi col Sauto seduto, di 1.65 a 1.67 quaudo sou di per- 
fetta conservazione. 

2 Promis, in Riv. di Asti 1861, pag. 30. 



324 G. RUGGERO. 



conosciuto, e lo si trova nelle collezioni, ma and sempre confuso da 
tutti tra le autonome anteriori al 1385. 




Fig. 52. 
D. 4 : S. DONATUS : Busto mitrato e nimbato di fronte, tenente il pastorale nella s. 

e benedicante colla d. cerchio rigato. 
R, $* : DEARITIO : Giglio Fiorentino in un cerchio rigato. 
Arg. Peso g. 1.28 cons. buona. 
Collezione di S. Maest. 

Non il caso di spendere molte parole per dimostrare, che questo 
grosso coi suoi caratteri paleografici ed artistici accusi evidentemente 
F epoca di origine cio la prima met del XIV 8. ; appartiene dun- 
que al periodo della Signoria Fiorentina in Arezzo dal 1337 al 1342. 

Un secondo periodo di monetazione Fiorentina , l'abbiamo verso 
la fine del XV e principio del XVI. Probabilmente l'Orsini intende 
di riferirsi a questa, quando riporta l'ordine del 1472... che passato 
il mese di dicembre prossimo avvenire 1472 non si possa nella citta, 
contado e distretto di Firenze o suo Imperio spendere, ne ricevere 
in alcuno pagaineuto alcuno quattrino se non del segno , et conio 
del Comune di Firenze , Pisane et Aretine , et battuto nelle dette 
zecche di Firenze, Pisa et Arezzo, sotto pena etc... 

L'unico che ha rilevato questo passo , il Gamurrini *. Si po- 
trebbe osservare bens , che allo stesso modo che qui si tratta di 
quattrini Pisani che non potevano esser battuti dai Fiorentini, cos 
per quei di Arezzo si trattasse degli antichi che avessero ancora 
corso. Ma, come gi dissi, esiste un quattrino moderno che va con- 
fuso cogli antichi nelle collezioni, ed quello riportato dal Bellini 2 
sebbene non fedelmente , e riprodotto dal Kunz ;! allo scopo di cor- 
reggere quel primo , senza riuscirvi totalmente. Infatti, il primo ha 
messo una chiave in luogo del pastorale in mano al Santo , ma ha 
veduto bene lo scudo della croce , pure rifacendolo pi grande e 



1 In Periodico dello Strozzi, An. I, pag. 124 

2 De monetis Itale etc. Voi. I, pag. 10 e Tav. II, n. 6. 

3 In Periodico Strozzi, A. Ili, pag. 32 e Tav. I[, n. 8, 



PARTE II. ANNOTAZIONI NUMISMATICHE ITALIANE. 325 

tondo; il secondo ha messo il pastorale, malia cambiato lo scudo in 
giglio. 

Tutti e due lo ritennero come appartenente alla serie autonoma, 
cio anteriore al 1385 , e non so spiegarmi questo errore , special- 
mente per quel diligente ed acuto osservatore che era il Kunz. Egli 
avverte bens la novit del nome scritto alla moderna, ARRETIVM 
in vece di ARITIVM : ma non considera che le lettere sono moder- 
ne, quali mai si usarono prima dell'ultimo quarto del XV sec, cio 
un secolo dopo la fine della monetazione autonoma Aretina. E questa 
prova avrebbe dovuto bastargli, anche non avendo ravvisato lo scu- 
detto della croce che scambi per un giglietto. E di ci egli non ebbe 
colpa, perch sull'esemplare del Museo Bottacin, come seppi da quel 
dotto Conservatore al quale mi ero rivolto per ragguagli in propo- 
sito, quel particolare non molto chiaro e distinto. 

Ad ogni modo, avendo constatato in tutti gli esemplari che ho 
potuto vedere, come in quelli numerosi della Reale raccolta , la pre- 
senza della crocetta nello scudo che l'arnia del popolo Fiorentino, 
credo utile di dare il disegno della moneta. Questo servir a retti- 
ficare le precedenti pubblicazioni. 




Fig. 53. 
D. S DONATVS Busto del Santo mitrato e nimbato di fronte con pastorale cei\ 

lineare. 
11. Scudetto colla croce ARKETIVM. Croce in cer. lin. 

Mistura P. g. 0,84 Cons. buona Coli, di S. M. 

J)i detto quattrino esistono alcune varianti di punti e di parti- 
colari di conio, indizio di coniazioni numerose e ripetute. E tutti gli 
esemplari presentano sempre quei caratteri costanti , dell' epoca po- 
steriore all'ultimo quarto del XV sec. Tuttavia non panni che possa 
rimontare all'anno citato dell' Orsini per i quattrini Aretini da rite- 
nersi in corso; anzi, se dovessi esprimere un parere in proposito, lo 
riterrei addirittura del principio del XVI. E se con ci la prova si 
restringe al XVI, non rimane escluso, anzi probabilissimo che Fi- 
renze ne abbia coniati in Arezzo fin dalla seconda met del XV. Ed 
io credo , che potendo vedere altri esemplari della moneta che deb- 
bono abbondare nelle collezioni , non si tarderebbe a trovarne con 
caratteri di poco differenti e pi antichi. 



326 G. RUGGERO. 



Poich l'esperienza insegna, che non lecito apporre ad alcuna 
serie l'indicazione, completa, cos da sperarsi che possano venir fuori 
altri prodotti di questa zecca, durante il governo dei Fiorentini. 

XV. 
Di un denaro Lucchese dell'lmp. Lotario, col noma di un nuovo Duca. 

Le ricerche intorno alla serie di questi Duchi e Marchesi furono 
sempre irte di spine. Basti ricordare l'incertezza degli storici sul nu- 
mero degli IT goni : chi ne voleva uno solo, chi ne accettava due. Co- 
simo della Rena era fra questi ultimi l , mentre pi. tardi il Muratori 
non ammetteva che il solo Ugo il grande, (v. Diss. 65). General- 
mente gli storici dopo di lui seguirono la sua opinione; ma vennero 
le monete a troncare ogni incertezza. 

Non questo un fatto insolito ; che anzi molti se ne hanno a 
dimostrare la grande importanza di questi documenti parlanti , che 
portano finalmente quella luce attesa invano dai documenti d' archi- 
vio. Eppure, sono molti ancora in oggi, e non vi mancano letterati, 
quelli che trattano le monete alla stessa stregua di quei tanti altri 
oggetti buoni soltanto a soddisfare le brame dei raccoglitori. N si 
avvedono del torto che fanno a se stessi. 

Il San Quintino, colle monete alla mano, ha dunque potuto de- 
cidere la questione in modo contrario al parere Giuratori a no \ Egli, 
pot provare che i danari che hanno al />. il monogramma di Ugo, 
con + MARCHIO niella legg. ed al E. + C I VITATE LUCA, ap- 
partengono ad Ugo I , vassallo prediletto di Berengario II , e Mar- 
chese di Toscana, nominato in un documento del 901. 

Mentre, quei denari col monog. di Ugo ma diversamente foggiato, 
e + DVXTVSC1E al J). e + DVX IVDITA LUCA al R. , sono 
di Ugo II il Grande tglio di Uberto il salico, e della moglie Giuditta; 
ed a questo Ugo il Grande Duca di Toscana e Marchese di Lucca, 
si riferiscono documenti del 970 e del 1002 3 . 



1 Della serie degli antichi Ducili e Marchesi di Toscana. Firenze 1690. 

2 Memorie e documenti per servire alla storia di Lucca, Tomo XI, Lucca 1860. 

3 Non voglio tacere , che non mancarono in seguito gli oppositori al San 
Quintino, i quali ritengono i due tipi diversi di moneta appartenenti al secondo 
Ugo. Tra i Numismatici, et' il Tonini, Topografa delle Zecche It. Firenze 1869, 
a pag. 7 , nota in margine. Ma la differenza nei due monogrammi , quella delle 
dignit ed il nome della Duchessa iu uno solo dei due tipi , mi sembrano prove 
pi che sufficienti per la differente loro attribuzione. 



>AUTE II. ANNOTAZIONI NUMISMATICHE ITALIANE. 327 

Questi (lanari , rappresentati da buon numero di esemplari e 
varianti di conio, non mancano oramai in alcuna collezione. 

Nella Raccolta di S. Maest esiste un denaro Lucchese dell'Imp. 
Lotario, col nome di un Duca Manfredi tino ad ora sconosciuto. 




Fiji, 54. 
]>. J IMPEUATOR Monogramma di Lotario in un cerchio di perline. 
R. -} MAINFRIDUX Noi campo lo 1 lettore LUCA su 2 righe tra 5 lobetti , senza 
cerchio. 

Arg. Denaro P. g. 1.15 = Cons. buona. 

Nei documenti scritti non abbiamo tino ad ora alcuna notizia 
relativa a questo Duca. Dir di pi : nella serie dei Duchi di To- 
scana come si trova ora formata , non sembrerebbe che a' tempi di 
Lotario, cio dall' 840 all' 855, potesse trovar posto un nuovo nome. 
Invero, abbiamo notizia da una carta dell'823 e da un'altra dell'828, 
di un Bonifacio II Duca di Toscana e Conte in Lucca ; nell' 817 e 
nell'872 abbiamo altri documenti clic si riferiscono ad un Adalberto I 
che detto tglio del precedente , Conte e poi Marchese in Lucca. 
Ma in queste condizioni, in cui la serie Ducale riposa su pochi punti 
fissati da documenti a gran distanza l'uno dall'altro, non si pu as- 
serire che essa presenti un insieme ben chiaro , sicuro e sopratutto 
che non possa dar luogo a possibili lacune e varianti. 

Ad ogni modo, abbiamo la moneta, unica bens fino ad ora, ma 
genuina in tutti i suoi caratteri , e perci da non potersi rifiutare. 
Constatiamo il fatto, ed aspettiamo. 

Non strano, che in una serie in cui le monete servirono gi 
a decidere definitivamente una questione importante, un'altra moneta 
venga a farci conoscere un nuovo nome. 

Ma da questa , abbiamo ancora da rilevare un altro fatto non 
privo di interesse; quello cio , che quei Duchi del IX secolo non e 
rano ancora giunti a quel punto a cui pervennero i loro successori 
del X, i quali usurparono i diritti regali, sopprimendo qualunque se- 
gno della dipendenza Imperiale sulle monete. 

l orna. 

Giuseppe Ruggero. 



IL TESTAMENTO DI MANFREDI CHIARAMONTE. 



Fin dal 1892, proseguendo nell'Archivio di Stato di Palermo e 
nell'Archivio generale del Comune i miei studj su' Chiaramonte di 
Sicilia, di cui avevo gi dato un saggio per le stampe l'anno innanzi *, 
ebbi la fortuna di trovare in un fascicolo di Miscellanee dei Xotai 
defunti, che si conserva nell'Archivio di Stato, un formulario di atti 
con taluni contratti trascritti in caratteri del sec. XVI. In questo 
fascicolo, segnato col mini. 243 e compreso nel voi. XIX delle sud- 
dette Miscellanee, c' il transunto del testamento nuncupativo dettato 
il d 8 settembre dell'anno XIV Indiz. 1890 da Manfredi Chiaramonte, 
Conte di Modica, Vicario del Regno di Sicilia , a notar Faustino di 
Saliceto, da Palermo, dinanzi a' testimonj dalla legge prescritti. 

Or, volendo anch'io prendere parte alle onoranze che i professori 
della Facolt di Lettere e Filosofia dell'Universit di Palermo e i dotti 
d'Italia e di Europa tributeranno nel prossimo giugno a epici geniale 
uomo che Antonino Salinas, pel quarantesimo anniversario del suo 
insegnamento universitario, mi son deciso a pubblicare nel volume com- 
memorativo il testamento inedito di colui che fu nel turbinoso pe- 
riodo che, iniziatosi con la lotta fra le parti latina e catalana, si chiuse 
con la venuta de' Martini dal regno di Aragona in Sicilia e col tragico 
fato di Andrea Chiaramonte il pi potente dei quattro Vicarj del 
Regno. 

Xon occorre qui narrare per disteso la storia della famiglia Chia- 
ramonte e i drammatici avvenimenti, che, svoltisi in Sicilia nella se- 
conda met del sec. XIV, porsero ad Isidoro La Lumia argomento per 
uno dei suoi pi mirabili racconti : I Quattro Vicarj. Ricorder solo 
che prima di questo Manfredi aveva levato grido un Giovanni Chiara- 



1 G. Pipitone-Fete7-ico I Chiaramonte di Sicilia. Appunti e documenti. Pa- 
lermo, G. Pedoue-Laui-iel edit. 1891. 



Parte ii. il testamento di Manfredi chiaramonte. 329 

monte, strenuo difensore, nel 1325, di Palermo da' fieri colpi degli 
Angiomi, non rassegnatisi, pur dopo il trattato di Caltabellotta, alla 
rinunzia dell'isola, e rappresentante di Federigo all'incoronazione di 
Ludovico il Bavaro in Roma ; quindi ribelle al re e fautore ardente 
del Bavaro; graziato in seguito da Pietro II, e prigioniero nel L339 
di Roberto d'Angi. Dopo Giovanni venne in fama un Manfredi , (Iran 
Siniscalco del Regno e Capitano Giustiziere in Palermo, clic a tanta 
potenza crebbe da far coniare dalla Zecca di Messina monete con gli 
stemmi intrecciati de' Palizzi e de' Chiaramonte. Fu costui Vicario 
Generale del Regno insieme con Matteo Palizzi e Blasco di Alagona, 
e signore e arbitro di Palermo. Xell' amministrazione del Comune un 
Pretore e un forte nucleo di giurati alla sua dipendenza; a' cenni di lui 
squadre di assoldati briganti e di armati vassalli, scesi gi da' suoi 
feudi; per propria dimora un palazzo magnifico, che parca sorpassare 
le proporzioni ordinarie del fasto privato; due fortezze in citt, ch'ei 
teneva presidiate e munite : il Castellammare e la vuota regia de' 
passati monarchi; un'altra fortezza alla sommit del Caputo: il Castel- 
laccio, che guardava dall'alto sulla spaziosa sottostante pianura; col 
dominio di fatto sulla capitale dell'isola una clientela infinita, ad ali- 
mentar la quale servivano insieme le proprie dovizie e i denari del 
pubblico, a sua posta amministrati e profusi. 

In sul cadere del 1353, morto questo Manfredi, la grandezza della 
casa riassumevasi nel cosiddetto bastardo Manfredi, figlio pure di Gio- 
vanni Chiaramonte il giovane. Ereditava costui, col titolo di Conte di 
Modica, la dignit di Grande Ammiraglio del Regno e diveniva l'ar- 
bitro della capitale. Nel L378 socio , nel Vicariato del Regno , con 
Aitale Alagona, balio della giovinetta regina Maria, con Francesco Ven- 
timiglia, conte di Ceraci, e Guglielmo Peralta, conte di Caltabellotta, 
ebbe Manfredi in Palermo e nell'isola autorit grandissima; combatt 
con successo i Barbareschi presso le Ceibe, e la figliuola Costanza im- 
palm al giovine Ladislao re di Xapoli ignaro della tristissima sorte 
che, per queste nozze, preparavasi alla buona fanciulla. 

Allorch per le concluse nozze fra Martino, detti il Giovane, figlio 
del duca di Monblanco, {Martino ii Vecchio) e Maria regina di Sicilia il 
giovine e il vecchio Martino si apparecchiavano a venire in Sicilia. Man- 
fredi volle farsi promotore della difesa nazionale contro quella che 
molti ritenevano invasione straniera, ma in mezzo agli apparecchi belli- 
cosi , gi innanzi negli anni, moriva, lasciando l'ufficio di Vicario, e 
con questo l'arduo compito della resistenza, al tiglio Andrea, che la 
nobile sua condotta di fronte all' invasore avrebbe espiata lasciando 
la fiera testa sotto la mannaja, sorta nella stessa piazza di quel ma- 



530 t. PIPlTONE-FEDEIUCO. PARTE it. 

gnifico Steri, che, testimonio gi della sua grandezza, lo sarebbe pure 
stato della sua fine miseranda. 



Il testamento si apre col solito esordio, nel quale notasi l'anno 
del regno nominale di Maria , gi sposa di Martino il giovane , ma 
non ancor venuta in Sicilia col marito ; e accenna al difetto di giu- 
dici ch'era allora in Palermo, defectu judieum nondum electorum. 

Quindi l'illustre e potente Manfredi Chiaramonte, per grazia di 
Dio Buca delle Gerbe, Conte di Malta, di Chiaramonte e Modica, Si- 
gnore di Ragusa e di Naro, Ammiraglio del Eegno di Sicilia e Vicario 
Generale del Eegno di Sicilia, dichiara di eleggere la primogenita Eli- 
sabetta erede sia della somma promessa , come dote, al marito di lei, 
il magnifico Nicol Peralta, sia della contea di Modica e dell'isola di 
Gozzo con tutti i diritti, le giurisdizioni, le acque, i corsi d'acqua, i mu- 
lini, le foreste, i censi, e con tutti gli annessi beni feudali e hurgensaticj, 
oltre la clausola della decadenza da qualsiasi diritto ereditario se alla 
morte del padre avesse ella accampato delle pretese contrarie alle pa- 
terne disposizioni. Dato questo caso, non le sarebbero spettate che sole 
once mille d'oro, mentre i surriferiti beni immobili si sarebbero de- 
voluti alla magnifica signora Giovanna, terzogenita del testatore. 

Nel caso in cui la magnifica Elisabetta, all'epoca di sua morte, 
avesse due figli maschi , o pi, le vien data facolt di lasciare ad uno 
di essi la Contea di Malta e l'isola di Gozzo, a patto ch'egli si fosse 
obbligato a portare il nome e le armi di Chiaramonte. 

Che se il figlio scelto da Elisabetta non avesse adempito l'obligo 
impostogli , quei beni avrebbero dovuto passare al pi prossimo (ad 
proximiorem) dei maschi della contessa, o al figlio dell'erede da lei 
scelto, con la medesima invariabile condizione, e cos via, di figlio in 
figlio, con le clausole menzionate. Poscia Manfredi fa obbligo agli eredi 
di provvedere alla dote conveniente pel matrimonio delle figlie nubili 
nisi aliunde liabeant unde se maritare possente etsi non liabeant unde 
maritare se possent , ad paragium , fiat eis supplimentum usque ad 
debitam quantitatem . Continua il testatore disponendo che se i pre- 
detti ducati e le predette contee fossero pervenuti ad uno dei discen- 
denti da Elisabetta; e dal figlio di costui, o di un altro discendente, 
fossero nati due maschi, avrebbe dovuto il padre dividere fra i due 
figli il ducato e la contea di Chiaramonte e Modica , salve sempre 
le solite clausole e condizioni, tranne il caso che, sopravvivendo al testa- 
tore figli legittimi, a favore di costoro si fosse disposto de' beni e de' 



PARTE H. II, TESTAMENTO DI MANFREDI CIIIARAMOXTE. 331 

titoli suaccennati. In tal caso, per, sopravvivendo Elisabetta, oltre alla 
dote, le spetterebbero once cento d'oro, e non pi. 

A Costanza, secondogenita diletta , regina di Ungheria, Gerusa- 
lemme e Sicilia, lascia Manfredi la dote, che all' epoca del testamento 
era stata per quasi tutta pagata al marito re Ladislao, seu persone 
pr eadem etc. , oltre a cinquecento fiorini d' oro (avr forse detto 
500,000 ?). (Mie se costei avesse preteso qualcosa al di l dalle paterne 
disposizioni, sarebbe essa pure decaduta da qualsiasi diritto ereditario 
gi stabilito nel contratto nuziale e avrebbe dovuto tenersi paga di 
riscuotere soltanto cinquemila fiorini (?) 

Alle figlie Giovanna, Eleonora e Margherita lascia il Cliiaramonte 
seimila once d'oro, cio duemila once per ciascuna, parte in denaro 
parte in arnesi e gioielli, ad arbitrio della madre duchessa Eufemia, 
sua consorte diletta. 

Alla prossima nascitura da lui e dalla predetta duchessa lascia 
1500 once d'oro, e se da costei fossero nate pi temine, anche 1500 
once d'oro per ciascuna , parte in denaro , parte in arnesi e gioielli 
come sopra, rispettate sempre, s'intende, le clausole di rito. 

Morendo senza maschi il testatore, avrebbe egli lasciato la pri- 
mogenita magnifica Elisabetta erede oltre che della dote promessa 
al nobile Niccol Peralta, suo marito, della Contea di Malta e dell'isola 
di Cozzo. E se, venuta a morte la magnifica Elisabetta, avesse lasciato 
uno o pi tgli maschi, i beni surriferiti dovevano passare ad uno di essi 
con le condizioni sunnotate. In caso d'inosservanza di tali prescrizioni, 
i beni medesimi si sarebbero dovuti devolvere ad proxiniiorem ma- 
HCilum diete domine comitisse rei dieti clect per eam . 

Alla regina Costanza , oltre la dote , lascia Manfredi il ducato 
Gerbarum et Berbera rum, a patto che. ricuperando questo ducato, la 
giovine regina desse cinquantamila fiorini alle sorelle. Di tutti gli altri 
suoi beni instituiva eredi le figlie di Giovanna, Eleonora e Margherita, 
prelegando alla sua terzogenita, Giovanna, il castello e la terra di Ca- 
stronovo con tutte le sue pertinenze e con le clausole ripetute; ad Eleo- 
nora, quartogenita, il castello e la terra di Bivona; a Margherita, quinto- 
genita, il castello e il casale di Carini, nonch il fortilizio e il feudo di 
Comiso. Premorendo la primogenita Elisabetta, si sarebbe dovuto so- 
stituirle, nell'eredit dei beni lasciatile dal padre, la sorella secondo- 
genita Giovanna, esclusa affatto Costanza: premorendo costei. Gio- 
vanna, e in ultimo Eleonora. Ci con le formule consuete riguardanti 
il diritto di ereditare ne' discendenti tino all'ultimo di essi, nel quale, 
mancando altri eredi, si sarebbero concentrati tutti i beni de' Chia- 
ramente. 



332 G. PIPITONE-FEDERICO. 



Il testamento di cui ho dato un brevissimo sunto non e origi- 
nale, che gli atti di notar Faustino di Saliceto non esistono nel no- 
stro Archivio , ma un transunto rinvenuto, come dissi, per mera 
fortuna nel voi. XIX delle Miscellanee, le quali, per savio consiglio del- 
l'archivista eavalier Giuseppe Lodi, approvato dal compianto direttore 
bar. Starabba, si vanno riordinando, nel detto Archivio, a cura del so- 
lerte dott. Giuseppe La Mantia. La copia da cui ho trascritto il testa- 
mento di Manfredi Chiaramonte , siccome avvertii, del Cinquecento, 
e le cresce valore la mancanza dell'originale. Trattasi dunque di un 
importantissimo documento, il quale si collega a quelli gi da ine su' 
Chiaramonte pubblicati in sullo scorcio del 1890, ed in ispecie al primo 
di essi, in cui, ricordandosi la morte recentissima del conte di Modica, 
si afferma com'egli nel suo solenne testamento avesse istituito tutrice 
e curatrice delle minorenni Elisabetta, Giovanna, Eleonora, Margherita, 
l'Universit di Palermo. 

Di questo documento , che fu pubblicato in un volumetto dive- 
nuto assai raro, panni quindi utile ricordare il sommario. 

L'Universit di Palermo, nominata, per atto in notar Fazino di Saliceto, tu- 
trice delle figlie minori del fu Manfredi Chiaramonte, insieme con la loro madre 
Eufemia , attesa 1' impossibilit di poter amministrare direttamente i beni delle 
minorenni suddette , ne affida 1' incarico a' nobili Federico di Federigo e notai- 
Andrea di Monaco, cittadini palermitani, i quali, accettandolo, in presenza del 
Pretore, dei Giudici e dei Giurati della citt, giurano su' santi Evangeli di am- 
ministrar bene 1' asse ereditario procurandone tutti i possibili incrementi e di re- 
digerne l'inventario. L'Universit di Palermo , pertanto , assegna a garenzia dei 
contutori i proprj beni. 

Ed ora ecco il testamento. 

TESTAMENTUM 

Trans umptum Notarij Faczini de Saliceto 

(Transunto di Notar Faustino de Saliceto XIV Iudiz. 1390) 
Adsit gratia Saucti Spiritus 



In nomine domini amen. Anno dominice incarnaciouis eiusdem Mille- 
simo trecentesimo nonagesimo, mense septembris, octavo die mensis eiusdem, 
quarta decime Indicionis, Regnante Serenissima domina domina regina Maria 
dei grada Regni Sicilie Regina ac athenarum et neopatrie ducissa illustri, 
Regni eius anno XIV feliciter amen. Nos Ubertinus de friderico judex felicis 
urbis panormi defectu judicum nondum creator um in dieta urbe anno pie- 



PARTE II. IL TESTAMENTO DI MANFREDI CHIARAMONTE. 333 

senti, fastiuus de saliceto Eegius publicus civitatum et terrarum et locorura 
totius Insole Sicilie notarius et testes subscripti ad hoc vocati specialiter 
et rodati, presenti scripto puplico notimi faci no us et testa mur quod II lustri 8 
et poteus domiuus manfridus de claramonte dey grafia dux gerbarum etc. 
Comes meliveti claramontis et niohac, ac terrarum ragusie et nari dominus, 
regni Sicilie admiratus et Vicarius una cum socijs generalis, sanus per dei 
graciam niente, licet eger corpore, faciens nos infiascriptos judicem notarili m 
et testes ad sui presentiani evocavi, considerans divinum judieium repentinum 
ac ecciam, quod human uni est, movi nolens intestatns sed testatus decedere, 
de omnibus predictis suis ducatu, comitatibus , alijs omnibus terris, locis et 
castris suis alijsque ecciam bonis omnibus stabilibus tam pheudalibus quam 
burgensaticis et mobilibus, in presenciam nostrorum omnium predictorum ad 
hoc specialiter vocatorum et rogatorum, presens suum per nuncupassiouem 
condidit testamentnm. Et quia caput testamenti dicitur heredis institucio, idei reo 
in primis dictus domiuus Illustvis dux testator instituit sibi heredem magni - 
ficam et egregiam dominam Elisabectam primogenitam suam in dote quam 
promisit magnifico corniti Xicolao de pevalta contemplacione sponsaliornm (sic) 
iuter eos coutvactorum et debitorum pio precio inatrimouij iuter eos foeli- 
citer contvahendi et consumando nec non in comitatu miliveti et insula gau- 
disij cum omnibus juribus, jurisdicionibus, aquis, aquarum decuvsibus, molen- 
dinis, foresti*, censualibus et omnibus alijs proprietatibus et pertiueneijs suis 
et omnibus alijs bonis tam pheudalibus quam burgensaticis in dictis comitatu 
et Insula gaudisij existentibus, prout et sicut dictus Illustvis dominus dux 
testator dictum comitatum et dictam insulam tenebit et possidebit tempore 
mortis sue pr et de quibus voluit et inandavit dictam ruaguificam fliain suam 
fore et esse, ac tenere se debere tacitam et contentam de omni et toto juve 
quod habevet et habere posset tempore movtis dicti Illustvis domini ducis in 
et super bonis tam pheudalibus quam burgensaticis pvedicti Illustvis domini 
ducis tcstatovis tam jure successiouis paterne (piani jure nature secundum 
jura comunia vel muuicipalia, quam quocumque alio jave, racione, occasione, 
vel causa, ita quod nullo modo possit aliquid aliud petere vel habere in et 
super bonis omnibus dicti domini ducis tam pheudalibus quam burgensaticis, 
et in casa quod dieta magnifica et egregia domina comitissa contrafecerit 
super pvemissis vel aliquo pvemissovum etiam conivoversiam tantum movendo, 
cadat ab hereditate predicta et habeat et habere debeat jure iustituccionis 
et recoguiccionis nature quam quocumque alio jure, raccione vel causa, 
uncias miri mille tantum. Et in eo casa reliquid (sic) comitatum pvedictuin 
meliveti et insulam gaudisij cum alijs predictis bonis relictis ut supva niagni- 
fice domine Johanne flie sue terciogenite; pvetevea voluit quod in casu quo 
dieta domina comitissa Elisabecta tempore mortis sue habevet duos tlios ma- 
sculos et abinde super quod teueatur et debeat relinquere predictos comitatum 
meliveti et iusolam gaudisij uni ex filijs suis masculis quem elegerit sub condi- 
cione quod ille electus teueatur et debeat cognominar] de Claramonte et de- 
ferre arma de Claramonte, et in casa quo ab intestato decesserit, dicti coini- 
tatus et Insula gaudisij perveuiant et pervenire debeant ad secuudogenitum 



334 G. PIPITONE-FEDERICO. PARTE II. 



quem ex nunc prout ex tunc substituit et in predictis bonis pliendalibas 
diete coraitisse sub condicionibus predictis qaod nomiaetur de Claramonte et 
deferat arma de Claramonte. Quod si secus factum fuerit per dictam comi- 
tissam vel illum ex filijs suis ad queni pervenerint dicti comitatus et insola, quod 
dicti Comitatus et iusola perveniaut et pervenire debeant ad proximiorem 
masculum diete coinitisse vel dicti electi per eam, descendentem tamen a dicto 
domino duce testatele sub condicione predicta. Et si ille proximior non imple- 
verit condicionem predictam, perveniaut ad proximiorem recusantis adimplere 
condicionem predictam de descendeutibus tamen dicti domini ducis. Et si plu- 
res erunt proximiores,primogenitus preferatur; quod dictum est de dieta domina 
comitissa Elisabet intelligatur de quolibet alio ab ea descendeute qui cepit 
Imbere duos fllios vel plures. Istud capitulum sopradictum sequitur ut infra 
credo quod in eo difficiunt plures clausule quia concluditur in baros (sic). 

Illustri domino duci testatori (?) per lineami masculinam noluit admicti 
ad successionem suam vel suorum masculorum allo unquam tempore vel modo. 
Voluit tamen quod quotiescumque alius ab eo desceudens habuerit dieta bona 
ipsius illustris dominii testatoris in totum vel in partem, et ea habeat resti - 
tuere virtute presentis disposicionis, alias, ut predicitur, quod dictus fidecom- 
missarius cui restituenda et postea restituta fuerint dieta bona, virtute presen- 
tis disposicionis teneatur et debeat maritare flliara vel Alias feminas illius 
defunti iu cuius locum suecessit per viam substituccionis ad paragium, consi- 
deratis videlicet condiccione predictarum et numero filiarum ac qualitate et 
quantitate honorum ad eum perveutorum virtute substituccionis paterne, nisi 
aliuude babeant unde maritare se possent in totum, et si non habeant unde 
maritare se possent ad paragium, fiat eis supplirnentutn usque ad debitam 
quantitatem, quod totum reliquit ad arbitrium (sic) boni virj. 

Itera voluit et mandavit quod predicti ducatus comitatus miliveti et alij 
supradicti comitatus, salte m comitatus clavamontis cum dictis ducato et comi- 
tat ad unum pervenerint, aliquo casu quod quandocumque ex dicto tali 
uno fuerint nati duo filij vel a fiio ipsius masculo vel aliquo alio descen- 
dente ab eodem per lineam masculinam fuerint duo filij masculi, pr tali quod 
ille talis qui primo incepit babere duos fllios teneatur et debeat dividere 
dictos ducatum comitatum claramontis et mobac inter primogenitura et se- 
cundogenitura suum sub modiflcacionibus, modo, formis et clausulis supradictis 
in duobus filijs masculis dicti illustris domini testatoris dictum est. Item reliquit 
in casu predicto quo fllium masculum unum vel plures baberet dictus Illustris 
domiuus testator jure jnstituceionis et recogniceionis nature magmifice et egregie 
domine elisabect primogenite dotera quam promisit magnifico corniti Nicolao 
de peralta contemplaccione sponsalium inter eos contractorum et deo pro- 
pizio matrirnonij inter eos foeliciter contrahendi et consumaudi, nec non et 
uncias auri centuin de quibus et pr quibus voluit et mandavit ipsam fore 
et esse contentami de omui jure quod liabet et babere potest tara jure na- 
ture secuudum comunia jura vel muuicipalia, quanijure successionis paterne 
et quocumque alio jure, raccione et ocaxione vel causa, ita quod nullo modo, 
vice, vel jure possit aliquid aliud in et super bonis dicti Illustris domini testa- 



PARTE II. IL TESTAMENTO DI MANFREDI CHIARAMOXTE. 335 

toris petere vel habere, et in caso quo coutrafecerit in preraissis vel aliqvio 
premissorum cadat ab bereditate predicta et habeat, seu liabere debeat, jure 
instituccionis et recogniccionis nature, uncias auri centuni tantum. Ite ni eodem 
jure instituccionis et recogniccionis nature reliquit illustri et spectabili do- 
mine domine costancie dilecte filie sue secundogenite, Ungarie, Jerusaleni et 
Sicilie regine, dotem pr ea promissam, que nunc pr maiori parte est soluta 
et traddita serenissimo principi et domiuo domino lanzalao predictorum regno- 
rum regi eius viro , seu persone legitime pr eodem, coutemplaccioue spon- 
saliorum incter eos contractorum; et cum tempus aderit matrimouij deo propi- 
tio inter eos contrabendi et feliciter consumaudi, nec non in toreuis auri 
quingentis (?) de et pr quibus voluit et mandavit predictam illustrem et incli- 
tam dominam costanciam fore et esse tacitam et contentali! et sic se tenere 
debere de omnibus juribus eidem conipetentibus et competituris tempore mor- 
tis dicti illustris domini ducis in et super bonis predicti illustris domini ducis, 
parentis et genitoris sui. Ita quod non possit aliquid aliud ulterius petere vel 
habere iu et super bonis ipsis racione successiouis paterne jure nature secun- 
dum jura comunia et municipalia, nec aliqna alia racione, ocaxione vel causa. 
Et si forte dieta Illustris et spectabilis domina regina coutrafecerit in pre- 
dictis vel aliquo predictorum aliqua racione, occasione, vel causa, movendo que- 
stiouem seu controversiam tantum con tra testamentum predictum vel aliquid 
ex contentis in eo, cadat ab bereditate predicta et habeat et habere debeat 
jure iustituccionis et recogniccionis nature quinque milia rlorenos tantum pr 
omnibus juribus competeutibus et competituris in bonis predictis. 

Item reliquit jure instituccionis et recogniccionis nature maguifice domine 
Johanne, domine Alionore et domine Margarite, filiabus suis, susceptis et natis 
ex se et predicta inclita domina ducissa Euphemia eius consorte, sex mille 
uncias, duomilia videlicet qualibet (per cuilibet), parti m iu pecunia, parti m in ar- 
nesio et jocalibus sponsalicij ad arbitrium, videlicet, predicte inclite domine du- 
cisse Euphimie consortis eius dilecte, et, in eius defechi, fidecommissarioruni qui 
ordinare ac costituir) debent (?) dicti Illustris domini ducis testatoris vel il- 
lorum ex eis qui tunc supervixeriut. 

Item reliquit jure instituccionis et recogniccionis nature postimie (per 
postume) nasciture ex se et predicta inclita domina ducissa Euphemia uncias 
auri mille et quiugeutas, et si plures femine nascerentur ex ea, earum cui libet 
alias uncias auri mille et quingentas, parti m in pecunia et partim iu arnesio 
et jocalibus sponsaliciis ad arbitrium predictorum sicut supra pio et de quibus 
voluit et mandavit predictas eius Alias uascituras et earum quamlibet tenere 
se tacitas et contenta de oinni et toto eo quod habere et recipere deberent 
et posseut in et super predicti domino ducis testatoris earum patris jure suc- 
cessiouis paterne et jure nature secundum jura comunia et municipalia et 
quacumque alia racione, occaxioue, vel causa. Et si forte aliqua ex predictis 
filiabus suis coutrafecerit impredictis vel aliquo premissorum, eciam contro- 
versiam tantum faciendo , cadat ab bereditate predicta et habeat et habere 
debeat jure instituccionis et recogniccionis nature et pr omnibus alijs juri- 
bus ei competeutibus et competituris in predictis bonis uncias auri centum 
tantum sicut jam dietimi est super de filiabus jam natis. 



336 G. riPITONK-FEDKRICO. PARTE II. 

Iteui casu quo tempore mortis dicti domini ducis testatoris non supere- 
rint uec superere speraverint flij masculi, eo casu instituit sibi heredem magni- 
ficam et egrcgiam dominam comitissam Elisabet, primogenitam suam, in dotem 
quam promisit dictus illustris dominus dux magnifico et egregio corniti Nico- 
lao de peralta racione qua supra dictum est, in instituccione particulariter 
facta nisi flij ma sculi supererint eidem domino duci, nec non in comi tat meli- 
veti et insula gaudisij cum omnibus juribus, jurisdicionibus, aquis, aquarum 
decursibus, molendinis, forestis, censualibus, racionibus alijs spectantibus et 
pertinencijs suis et omnibus alijs bonis tam pheudalibus quam burgeusaticis 
in dictis comitatu et insula gaudisij sistentibus prout et sicut dictus illustris 
dominus dux testator dictum comi tat m et dictam Insolam tenebit et possi- 
debit tempore mortis sue pr et de quibus voluit et mandavit dictam magni- 
ficam tliam suam fore et esse ac tenere se debere taci tam et contentam de 
omni et toto jure quod haberet et habere possent tempore mortis dicti Illu- 
stris domini ducis et super bonis tam phendalibus quam burgeusaticis pre- 
dicti illustris domini ducis te3tatoris tam jure successionis paterne quam jure 
nature, secundum jura comuuia vel municipalia quam quocumque alio jure, 
raccione, occaxione, vel causa, ita quod nullo modo possit aliquid aliud petere 
et habere in et super bonis tam pheudalibus quam burgeusaticis dicti domini 
ducis. Et in casu quo dieta maguifca et egregia domina comitissa contrafe- 
cerit in premissis ve! aliquo premissorum ecciam controversiam movendo, cadat 
ab hereditate predicta et habeat et habere debeat jure instituccionis et reco- 
gniccionis nature quam quocumque alio jure, raccione, vel causa, uncias auri 
mille tantum et in eo casu reliquit predictum comitatum miliveti et insolam 
gaudisij cum '.dijs predictis bouis relictis ut supra magniflce domine filie sue 
terciogenite. Et preterea voluit quod in casu quo dieta comitissa Elisabet tem, 
pore mortis sue haberet duos filios masculos et abinde supra quod teneatur 
et debeat relinquere predictos comitatum melivetj et insolam gaudisij uni ex 
filijs suis masculis quem elegerit, sub condicione quod ille electus teneatur et 
debeat cognominali de Claramonte et deferre arma de Claramonte; et in casu 
quo ab intestato decesserit (lieti comitatus et insola perveniant et pervenire 
debeant ad secundogenitum quem ex uunc pr tunc substituit impredictis bonis 
pheudalibus diete comitisse sub coudiccionibus predictis quod nominetur de 
Claramonte et deferre (sic) arma de Claramonte quod si secus factum fuerit 
per dictam comitissam vel illum ex filijs suis ad quem perveneriut dicti comi- 
tatus et insola perveniant et pervenire debeant ad proximiorem niasculum 
diete domine comitisse vel dicti electi per eam descendentem tam a dicto 
domino duce testatore sub condiccione predicta et si ille proximior non imple- 
verit condicionem predictam perveniant ad proximioiem recusantis adimplere 
condieionem predictam de descendentibus tamen dicti domini ducis. Et si 
plures eruut proximiores, primogenitus pi'eferatur et quod dictum est de dieta 
domina comitissa Elisabet intelligatur de quolibet alio ab ea descendente qui 
cepit habere duos filios vel plures. 

Item eo casu relinquit jure instituccionis et recognicionis nature Illustri 
et inclite domine domine regine constaucie dotem per dictum illustrem domi- 



Parte li. il testamento di Manfredi crtaramonte. 337 

num dacem promissam serenissimo domino regi lanzalao etc. eius viro et per- 
sone legitime pr eodem et pr ruajori parte solutam racioue qua supra et 
in florenis auri quiugentis sub modis formis prohibiccionibus, condiccionibus 
et clausulis apposilis in instituccione et particulariter facta supra quando 
dictus dominus dus testator haberet fllios masculos unum vel plures, et prete- 
rea instituit eamclem illustrem dominam reginarn in ducatu gerbarum et berbe- 
rarum cum onere iufrascripto videlicet: quod in casu quo dieta illustris do- 
mina regina recuperaverit ducatum gerbarum teneatur et dare debeat quinqua- 
ginta milia rlorenorum alijs sororibus suis, et si ex eis aliqua morta fuerit libe- 
ris relictis, omnes eius liberi succedant eo (?) ipsius facti destricte ita quod 
omnes habeant unicam portionem tantum prout habuisset dieta eorum mater 
si vixisset. 

Item instituit sibi befedes universales in omnibus alijs bonis suis tam 
pbeudalibus quam burgensaticis magnificam dominam Jobaunam dominam 
alionoram dominam Margaritam filias suas legitimas et naturales. 

Item eo casu prelegavit predicte magniflce domine Jobanne terciogenite 
filie sue dilecte castrum et terram castri novj cum omnibus juribus etc. sicut 
supra dictum est de comitatu miliveti et insola gaudisij in personam cotni- 
tisse Elisabect et in jocalibus robba et arnesium (sic) spousalieijs uncias auri 
mille sub modis et formis prohibiccionibus condiccionibus et clausulis appositis 
supra in persona domine comitisse Elisabet, preterea voluit et mandavit quod 
in casu quo dieta magnifica domina Johanna tempore mortis sue haberet duos 
filios masculos et aliuude supra quod teneatur et debeat reliuquere predictos 
castrum et terram illi ex filijs suis quem elegerit sub coudiccionis quod ille 
electus teneatur et debeat coguomiuarj de Claramonte et non aliter et deferre 
arma de Claramonte. Et in casu quo ab intestato decesserit dicti castrum et 
tersa peeveniant et pervenire debeaut ad secundogeuitum diete domine Jo- 
haune sub coudiccioue predicta quod nominetur de Claramonte et deferat 
arma de Claramonte quod si secus factum fuerit predictam dominam Jobau- 
nam vel alium (sic) ex filijs suis ad quem perveuerint terra et castrum pre- 
dictj quod dictj terra et castrum pcrveuiant et pervenire debeaut ad proxU 
miorem masculum diete domine Johaune vel dicti electi per eam desceudentem 
tamen a dicto domino duce testatore sub coudiccioue predicta. Et si ille proxi- 
mior non impleverit condiccionem predictam perveniaut ad proximiorem recu- 
sautis adimplere condiccionem predictam et si plures erunt proximiorcs primo- 
genitus preferatur, et quod dictum est de dieta domina Johanna iutelligatur 
de quolibet alio ab ea descendeute qui cepit habere duos filios vel plures in 
casu quo ipsa unicum tantum filium reliuquerit (sic). 

Item prelegavit niagnifice domine alionore quartogenite fllie sue castrum 
et terram bisboue cum omnibus juribus suis et uncias auri mille in jocalibus 
robba et arnesia (sic) spousalieijs de quibus voluit eam esse contentane 

Item prelegavit magnifice domine Margarite quintogenite fllie sue castrum 
et casalem careni situm et positura in valle mazarie nec non et fortilicium 
et pheudum chomisi, situm et positura in valle uothi cum omnibus juribus etc. 
sicut supra; hoc addito quod ubi ibi dicitur suis debet dici his et cuiuslibet (?) 
ipsarum, 22 



338 G. PIPrTONE-EEOERICO. - PARTE li. 

Itera voluit et mandavit io casu quod absit quo predicta magnifica do- 
mina comitissa Elisabet moriretur inpupillari etate vel postea quaudocumque 
cura flijs de suo corpore legitime descendentibus, iu dictis coniitatu et insola 
gaudisij nec non in omnibus alijs bonis stabilibus pbeudalibus et burgensa- 
ticis de bonis dicti domini ducis testatori s ad eam perventis quacumque ra- 
cione vel causa, et specialiter jure institucciouis quam substituccionis substi- 
tuit illam ex tribus sororibus suis minoribus excepta predicta illustri domina 
regina costancia , quam ab omni et omnium et cujuslibet suarum sororum 
substituccione exclusit et excludit etiam si de eius exclusione non fuerit facta 
aliqua meutio specialis quia per bauc exclusionem generalem voluit vires ba- 
bere ac si in qualibet substituccione filiarum et cuiuslibet earum exelusa fuisset 
specialiter quo maritata seu coniugata non fuerit. Et si plures non fuerint 
maritate seu coniugate, maiore nata (?), et si omues maritate essent seu coniu- 
gate, similiter maiorem natura ex eis de institutibus beredibus universalibns 
sub condiceioue cognomiuis et delaccionis armorum de Clararaonte et alijs 
oneribus et clausufis superpositis impersona diete maguifice comitisse et de- 
scendentibus ab eadem in alijs autem bonis diete comitisse et substituit et 
equaliter sorores suas excepta domina (?). 

Itera voluit et mandavit quod in casu, quod absit, quo dieta magnifica 
domina Jobanna moriretur impupillari etate vel postea quaudocumque siue 
filijs de suo corpore legitirae descendentibus, substituit eidem impredictis bonis 
stabilibus pbeudalibus et burgensaticis eidera relictis et ad eara pertinentibus 
de bonis dicti domini ducis per viam institucciouis vel substituccionis, illam 
ex sororibus suis que non fuerit maritata , seu coniugata. Et si plures essent 
nou coniugate majorera natu, et sic si omues coniugate fuerint maiorem na- 
tura ex institutis universalibns sub coudiccione taraen cognorainis et delac- 
cionis armorum de Clararaonte sicut dictuin est de dieta domina comitissa 
Jobanna et descendentibus ab ea cura condicciouibus, substituccionibus et clau- 
sulis impersona diete domine comitisse et descendentium ab eadem appositis 
iu boc in reliquis autem bouis ei relictis et ad eam perventis de bonis dicti 
domini ducis substituit eidem omnes alias sorores suas equaliter exceptis pre- 
dictis domina regina et comitissa. 

Itera si dieta magnifica domina alionora, quod absit, moriretur impupil- 
lari etate vel quaudocumque siue iiberis de suo corpore legitime descenden- 
tibus, vel postea quaudocumque, substituit eidem in predictis bonis pbeudalibus 
et burgensaticis eidem relictis per viam institucciouis vel substituccionis illam 
ex sororibus suis que non fuerit maritata seu coniugata; et si plures essent 
non coniugate raaiorera natu ex eis et sic si omnes coniugate fuerint maio- 
rem natu ex filiabus et beredibus universalibus in reliquis alijs autem bonis 
ei relictis et ad eam perventis ex bonis dicti domini ducis equaliter ei substi- 
tuit omnes alias sorores suas insti tutas vel heredes. 

Itera si dieta domina Margarita in casu quod absit moriretur in pupil- 
lari etate vel quaudocumque siue Iiberis de suo corpore legitime descenden- 
tibus vel postea quaudocumque , substituit eidem impredictis bonis pbeuda- 
libus et burgensaticis eidera relictis per viara institucciouis seu substituccionis 



PARTE II. IL TESTAMENTO DI MANFREDI CUIARAMONTE. 339 

illam ex sororibns suis que non fuorit maritata; et si pi urea essent non coniu- 
gate maiorem nata ex ci, et si omnes coniugate fuerint idem disposuit pront 
saper disposuit impersonali! domine alionore etiam in bonis alijs ei relictis 
et ad eam perventis de bonis predieti domini ducis. 

Itera voluit et raandavit quod si, qnod absit, dieta magnifica domina comi- 
tissa mortua Tuerit cura liberis legitiinis et naturalibus et postea dicti eorura 
liberi decesserint sine liberis 1 egiti rais et naturalibus, ita quod millus super- 
fuerit ex eis descendens legitimus, snbstituit omnibus lil>eris seu ultimo descen- 
denti ex eis in bonis predictis ad eam perveutis ut supra illam ex filiabus 
suis quim substituit cidem magnilee comitisse , et si il hi premortila tuerit 
descendentes ab eadera ita quod masculus temine preferatur et raaior natii 
minori natii cura coudiccioue coguominis et delaccionis arraorum de Clara- 
monte et uou al iter et substituccionibus omnibus et alijs clausulis in hoc 
appositis in personis diete comitisse et descendenciura ab eadem; et similiter 
si dieta domina Johauna fuerit mortua superstitibus liberis legitime descen- 
deutibus ab eadem et postea liberi eius decesserint sine liberis legitimis et 
naturalibus ita quod nullus snperfuerit ex ea substituit eisdem liberis seu 
ultimo descendenti ex eis in bonis predictis eidem flie sue relictis ut supra 
ilam ex filiabus suis quarti substituit eidem magnifico domine Jobanne. Va- 
cat pagina alba. 

Hec est eius ultima voluutas et ultimura testamentum quam et quod 
voluit valere jure testamenti, et si iure testamenti non valeret voluit valere 
et valeat jure codicillorum seu causa niortis aut iuter vivos: et si jure codic- 
cillorum non valeret voluit valere et valebit jure cuiuscumque sue ultime 
voluntatis vel alio jure quo melius valere poterit in futurura. 

Dal volume di N. 19 delle Miscellanee dei notai defunti, fase. 243, che 
si conserva nell'Archivio di Stato di Palermo, ramo giudiziario. Collazionato 
dal dott. Giuseppe La Mantia, bibliotecario dell'Ai eluvio. 

Palermo, aprile 11)06. 

G. Pipitone-Federico. 



PER LA GIUSTA COLLOCAZIONE DI DUE SONETTI 

DI FRANCESCO PETRARCA. 



11 codice Vaticano latino 3105 che, come tutti sanno, contiene 
le due prime parti del poema italiano di F. Petrarca (la raccolta di 
rime che s' soliti di dimandare il Canzoniere), fu diviso nettamente 
dal poeta medesimo : la prima parte si chiude col son. Arbor vieto- 
riosa ; s'apre la seconda con la canz. F vo pensando. Sul verso della 
e. 49, eh' 1' ultima della prima parte, scrisse una mano tardiva : 
Francisci Fetrarce ewj)liciunt soneta de vita [in anxietate] l amoris, et 
ileo gratias. Sedotto forse da quest'annotazione, messer Pietro Bembo, 
nella sua edizione delle rime del Petrarca impressa da Aldo Manuzio 
il 1501, le part anch' egli in sonetti e canzoni in vita di Madonna 
Laura e in morte di Madonna Laura 2 5 ma la divisione rimase pur 



1 Oggi, come avverte il dr. E. Modigliani nella sua edizione del Canzoniere, 
Roma, 1904, p. 114 n., questa parola non si legge pi per la macchia prodotta 
da un reagente chimico. Il quale fu adoperato sotto i miei occhi da monsignor 
Isidoro Carini , allora bibliotecario della Vaticana , e potemmo leggere distinta- 
mente in anxiet. amor. 

2 Che Pietro Bembo, trascritto per Aldo chi sa da qual codice il testo delle 
Poesie volgari nel Vaticano latino 3197, collazionasse la sua trascrizione, avanti 
la stampa, sul codice originale, non pu parer controverso a chi conosca la storia 
della questione cos lucidamente riferita dal Mestica nel suo lavoro II Canzoniere 
del Petrarca (estr. dal Giorn. stor. d. leti. ital. XXI, p. 300 e segg\). 

Non intendo poi come l'ultimo editore delle Poesie volgari, il dr. Modigliani, 
dal mio sospetto che il Bembo dovette avvertire quell'annotazione quand'ebbe 
tra mano il codice originario, e non gli parendo dispregevole affatto, se n' av- 
vantaggi per la stampa d'Aldo Manuzio si tenga licenziato ad attribuirmi l'idea 
che il Vaticano 3195 fosse stato 1' antigrafo del Vaticano 3197; ci che er- 
roneo . La critica del dr. Modigliani un po' troppo svelta. S'egli avesse stu- 
diato direttamente e seriamente il problema, si sarebbe persuaso che il Bembo 
collazion per la stampa d'Aldo il suo codice sul codice originario, se bene delle 
varianti si giov a modo suo e secondo il suo gusto ; s' egli avesse osservato il 
Vaticano 3197, avrebbe inteso come non ci sia punto bisogno d'immaginare che il 
Bembo lo ricopiasse di sul codice del Petrarca, per ammettere che dalla notazione 
tardiva ed apografa della e. 49 possa esser venuta al Bembo l'ispirazione delle sue 



PARTE II. PER LA GIUSTA COLLOCAZ. DI DUE SONETTI DI V. PETRARCA 341 

quella del Petrarca. Pi tardi, vale a dire nell'aldina del 1514, fu 
introdotta una partizione novella , eh' poi la volgata , secondo la 
quale i componimenti in vita arrivano tino al son. Signor mo caro 
e quelli in morte cominciano col son. Oim il bel riso. 

11 rinvenimento del codice originale e in parte autografo di 
quelle rime consigli gli editori a tornare all' antica divisione, la 
(piale, rimssa in onore dal Mestica la prima volta, fu poi seguitata 
da tutti gli altri. Se non che codesta divisione, autentica quanto si 
voglia, , almeno in un punto, irragionevole. E io fai, credo, il primo 
ad avvertire la cosa in fondo al mio scritto L' ordinamento delle 
Poesie volgari : E non mi fermo su questo luogo se non per 
domandare come mai posson trovarsi, dopo la canzone introduttiva 
alla seconda parte, que' due sonetti Aspro core e stiraggio e Signor 
mio caro, i soli in tutta la raccolta, i quali contrastino con quello 
stadio d'una certa unit quasi di poema, determinata particolarmente 
nei prologhi e negli epiloghi, che si riscontra per tutto il volume i . 
Di fatti, mentre la seconda parte contiene rime tutte di religione e 
di morte, que' due sonetti soltanto sprigionali faville di desiderio e 
d'amore terreno come tutt'i componimenti della prima parte alla 
quale si vorrebbero ricongiunti e ricollegati. 

Anche Adolfo Mussana stup della contraddizione 2 , n riusc 
a scavizzolarne un motivo plausibile, come non v'era prima riuscito 
il Cochin ;5 . Giovanni Melodia, che pur seppe acutamente oppugnare 
l'altrui congetture su questo proposito ', non s'arrischi di proporne 
alcuna per conto proprio. 

Ma forse il poeta medesimo ci pu aprir la via a risolvere il 
delicato problema. 

Era le poesie del Petrarca riprodotte diplomaticamente di sul 



due rubriche : Sonetti et Canzoni I Di Messer Francesco Petrarcha \ In l'ita di Ma- 
donna Laura e Sonetti et Canzoni \ Di riesser Francesco Petrarcha] In Morte di Ma- 
donna Laura. La quali occorrono, non punto come ci s' aspetterebbe, iu capo a 
ciascuna delle due parti o sul recto il' una carta di guardia; ma l'uua sul verso 
della carta che precede la prima pagina delle rime, l'altra in fondo al verso della 
e. 98, in cui la prima parte Unisce : luoghi entrambi non i pi consueti per in- 
testa/ioni; onde viene il sospetto che il Bembo ve le abbia segnate dopo la tra- 
scrizione di tutto il suo codice e quando per l'appunto si diede a collazionarlo 
con quello del poeta. 

1 Su le Poesie volgari del P. pp. 127-8. 

2 Ne' Denkschriften dcr kais. Akad. der Wissenschaft in ien, Philos.-histor. 
Classe, ]'. XLVI, VI, 1899, p. 17 dell'estratto. 

3 La Chronol. d. Canzoniere, Paris, 1898 , p. 122. Cfr. anche A. Moschetti, 
nella Pass, bibliograf. 1899, j. 131. 

4 Nel Giornale dantesco, 1900, p. 370. 



542 G. A. CESAREO. 



Vatic. 3195 a cura del Modigliani, alcune sono segnate sul margine 
da una crocetta, con la quale, a mio giudizio, il poeta, rivedendo 
l'opera sua, intendeva ammonire se stesso che avea da recar qualche 
emenda, sia nella lezione, sia nella collocazione. 

Or per l'appunto i sonn. Aspro core e Signor mio caro (n. 205 
e n. 200 della raccolta) son preceduti da una crocetta, anzi il secondo 
da due, l'ima nell' interno dell'iniziale, 1' altra sul margine. In vece, 
dopo il son. Arbor rictoriosa onde si chiude la prima parte, un acci- 
dente ch'io riferir con le parole medesime dell'editore : Circa due 
centimetri sotto questo verso una larga rasura di parole, ora non 
pi leggibili, scritte su due righe. La prima riga sembra comprendesse 
due o tre parole e incominciasse con un'A ; la seconda un po' pi 
lunga, principia con un S e termina con un'o o con un ro . 

Ebbene : io sospetto forte che le parole scritte su le due righe 
fossero il cominciamento de' due sonetti; cos : 

Aspro core. 

Signor mio caro. 

Ognun vede come i dati corrispondano esattamente. La prima 
riga contiene due parole e comincia con A; la seconda un po' pi 
lunga, principia con S e finisce con ro. E la trasposizione di quei 
due componimenti non potrebb' esser pi acconcia e, sto per dire, 
pi necessaria. 

Chi ha potuto indicare quel tentativo di trasposizione, e chi l'ha 
cancellato ? 

Non essendo stata avvertita alcuna differenza di scrittura fra le 
lettere superstiti di quelle parole e il rimanente della pagina, eh' 
di pugno del poeta , bisognerebbe attribuire la notazione ad esso 
il Petrarca. Xiun altro difatti, che non fosse l'autore, poteva avere 
non dir intelletto da scorgere, ma autorit da indicare una tale mo- 
dificazione all'opera sua. Pi inesplicabile la ragione della rasura. 
La quale forse fu consigliata a un tardivo possessore del codice dalla 
considerazione, che i due sonetti richiamati in quella notazione, 
ond'egli non intese il significato, si ritrovavano interi poco pi oltre. 

Se la mia congettura paresse plausibile, un inconveniente non 
piccolo nell'ordinamento delle Poesie volgari ne verrebbe sanato, e i 
due sonetti, tornando nella prima parte, occuperebbero il luogo che 
loro spetta con l'altre rime dell' errore e della passione mondana, 
mentre la parte seconda apparirebbe composta tutta di rime ispirate 
a pensieri d'espiazione e di morte. E la trasposizione sarebbe stata 
accennata dallo stesso poeta. 

Palermo. 

G. A- Cesareo 



ALCUNI EPIGRA/A/AI LATINI DEL RINASCI/AENTO 



Come mio tenne tributo di omaggio al nostro caro e valoroso 
collega, io apporto questi piccoli carmi latini , da me raccolti in codici 
del rinascimento. Son poca cosa : ma, se si guarda bene, ciascuno, di 
essi ha qualche punto, che lo raccomanda all'attenzione degli studiosi: 
qualche accenno storico o qualche tratto felice di buona ispirazione. 
Spero quindi che non sia per sembrar vano il pubblicarli. 

I. Incomincio con un breve epigramma su Roma papale. nel 
codice Laurenziano , pluteo 33, eod. 24, cartaceo, della seconda met 
del sec. XV, contenente varii carmi di Cristoforo Landino e di Xaldo 
de Xaldis. A foglio 70 v , di mano posteriore , si legge questo argu- 
tissimo distico (aggiungo la punteggiatura) : 

Roma, vale : vidi, satis est vidisse; revertar 
Curri meretrix, leno, scurra, cinoedus ero '. 

II. Nel codice miscellaneo Ambros., G. 109 inf. del sec. XVI, 
si legge al foglio 21 il seguente epigramma latino, che noi riprodu- 
ciamo, aggiungendo solo al terzo verso il tu che richiesto dal metro : 

Flavia cum statuit me gens, nil Roma videbas 
Pulchrius; imperio pulchrior ipsa tuo. 
Sed cum non posses tu mi formosa videri, 
Hausissetque tuas barbarus iguis opes, 
Snbtraxi ex oenlis tibi me, ne saepe ridendo 
C'.iui gemiti decoris admonerere tui. 
Nunc sibi reddiderit veterem cum Julius urbem, 
Spectandum refero me tibi nunc iterum. 

Chi cos parla evidentemente l'antiteatro Flavio. E l'epigramma 
deve riferirsi ad una restaurazione del Colosseo fatta sotto Giulio li. 
Di Giulio II giustamente detto : sibi reddiderit veterem cum Iuliux 
urbem. La lapide a lui posta a Roma in via dei Lancili, ha : urbem 



1 Nello stesso foglio sono altri epigrammi; quello Roma retus pubblicato nei 
Poetac Latini minores ed. "Wernsdorf' Lem aire , IV, p. 536; l'iscrizione metrica 
che , tra gli altri, in Bnecluder , Carmina epigraphica , n. 52: e il distico: Xon 
nobis est nosse datum quae tempora rerum Condidit in sacro pectore causa prior. 



$44 C. PASCAL. PARTE ti. 

Romani, occupatae similiorem quam divisele, patefactis dlmensisque viis 
pr m alesiate imperli ornami . 

III. Uno scherzoso ed elegante epigramma De Curtio si legge 
nel medesimo codice, Ambros. G, 109 In/., a f. 71. Il Curzio del no- 
stro epigramma non il Curzio antico, che si gett nella voragine 
per salvare Roma; invece, in certo modo, la parodia di esso. Que- 
sto novus Curtius andava dunque a cavallo, quando l'animale si lanci 
a gran corsa e stava per precipitarlo gi in un fossato. E il disgra- 
ziato invoc aiuto. Se l'antico Curtius volle sagriti carsi per salvare 
Roma dai suoi malanni, perch dovrei sacrificarmi io, or che Roma 
incolume ? . E accorrono i giovani e il salvano ; e un lungo co- 
dazzo di ninfe, dal destro lato del Tevere e dal Lupercale accompa- 
gnano il cavaliere salvato per le vie. Il poeta leva i ringraziamenti 
agli di tutelari. Bisogner supporre, affinch lo scherzo sia salace, 
che si tratti di alcuno che avesse veramente il cognome Curzio o 
dirti. Ecco ora l'epigramma : 

De Curtio 
Ciim novus horribili praeceps raperetur hiatu 
Curtius et celeri chasma pateret equo, 
'Quod fatuin immite est, quod fas?' ait, 'alter ut aegra 
Alter ut incolumi Curtius urbe ruat ? 
Tollite me actutum, pueri. Num me atra vorago 
Hauriet ? Audacis pes revocetur equi. 
Ereptum, Tiberini ululatibus ainne secutae 
Ab dextro Nymphae quaeque Lupercal habeut. 
Gratia magna igitur tibi, Phoebe, parensque Qniriue, 
Et de Tarpeia Iuppiter arce touans, 
Quod postquam periit dira prior ille mephiti, 
Noster hic incesto ab limite sospes abit. 

Una nota a sospes ha : nel tutus. Actutum , com' noto, forma 
latina arcaicizzante. 

IV. Nel medesimo codice Ambrosiano a f. 09 trovo il seguente 
epigramma sopra Leone X : 

De Raph. Car. H et Leone Pont. 

Optavit Raphael celebri fulgore tiara, 

Supremisque sacris stemma Leo abripuit. 

Sumnia fuit postbaec voti lare consummato 

Posse fru atque opibus : haec Leo diripuit. 

Excessit. Repetit funus. Leo fata vocat vi 

Ante diem moriens, iustaque praeripuit. 

Haud , ait, haec, Raphael tam me angunt quam ne et amoeno 

Iste locum eripiat iam datum in Elysio. 



PARTE II. ALCUNI EPIGRAMMI LATINI DEL RINASCIMENTO. 345 

Questo epigramma non insigne per forma poetica o per finezza, 
ma credo che abbia qualche importanza storicamente. Il cardinale di 
cui si parla credo che sia Raffaele Mario , del titolo di San Giorgio. 
Questi che per ricchezze, splendore di vita e potenza familiare era 
tra i pi autorevoli del Sacro Collegio, era avversissimo a Leone X, 
anzi a tutta la famiglia dei Medici. Giovanetto , aveva preso parte 
alla congiura dei Pazzi. 

Una medesima promozione port alla porpora Giovanni dei Me- 
dici e Raffaele Riario. Ma il primo non dimentic l'assassinio di suo 
zio, l'attentato contro la vita del padre suo; u il secondo dismise 
punto i rancori e gli odii della sua giovinezza. Quando il cardinale 
Petrucci organizz il complotto contro la vita di Leone X, il Riario, 
stando a quel che dissero gli accusatori suoi, vi prese parte. Leone 
X stesso dichiar che due altri cardinali complici gli avevano con- 
fessato che l'intesa era di nominar papa Raffaele Riario. E nel no- 
stro epigramma si legge : Optarit Raphael celebri fulgere tiara. 

Imprigionato, fu il 20 giugno 1517 degradato dalla sua dignit 
(cfr. stemma Leo abripuit). Ebbe per salva la vita ; ed in seguito, 
per potenti intercessioni, fu anche riammesso nelle funzioni ecclesia- 
stiche, mediante il pagamento di una grossa ammenda. Il nostro epi- 
gramma ricorda appunto la devastazione , che Leone fece , del suo 
patrimonio (haec Leo diripuit). Il vecchio cardinale precedette di poco 
Leone nella tomba : mor a Xapoli nel luglio 1520. Arguissimo il 
motto finale : Raffaele Riario sperava che Leone non gli portasse pur 
via il posto assegnatogli in paradiso. Nell'epigramma dunque Leone 
X messo in una luce molto fosca. Non bisogna per dimenticare 
che pur tra i contemporanei s'insinu il sospetto che il Riario fosse 
innocente e che Leone X tentasse farlo comparire colpevole per ven- 
dicarsi delle antiche ingiurie fatte alla sua famiglia. E la lettera (ri- 
portata dal Fabroni , Vita Leoni X), che il papa gli scrisse dopo il 
rappacificamento, concepita in termini cos remissivi, che quasi pare 

una ritrattazione dell'accusa antica : remitto Dominationi Ve- 

strae Rererendissimae omnem iniuriam, si quam ullo casti aut tempore 
contro, me fecistis . . . . 

Nell'epigramma l'ignoto fautore del Riario accusa quasi Leone 
di persecuzione che duri fin oltre la morte; ma lode di magnanima 
mitezza , per il modo appunto ond'egli tratt 1' avversario suo , gli 
die Angelo Colocci (cfr. Roscoe, Leone X, cap. XIV, 13, ediz. di Mi- 
lano, 1810-17): 

Accepere manus Riari vincla nocentes, 
Ju caput Etrusci qui tulit aruia (lucia. 



S46 C. PASCAL. 'PARTE! II. 

Vitam orat, vitam lacrimis, Leo magne, dedisti, 
Debnit exitium dextra, dedit veniam. 

Scilicet hoc Medicum est: quod fesso aetate senecti (aie). 
Tu facis, hoc iu\ r eni fecerat ante Pater. 

Per accanto alla letteratura elogiativa serpeggiavano e si dif- 
fondevano gli epigrammi denigratori dei fatti e del carattere di Leo- 
ne. Come saggi da porre accanto al nostro, riporteremo dal Koscoe 
(cap. XXIIT, 17 e 19) altri due epigrammi di tal genere, bench non 
riferentisi al Kiario. 

1. Sacra sub extrema si forte requiritis bora 
Cur Leo nou poterit (sic) sumere : vendiderat. 

2. Obruta iu hoc tumulo est cum corpore fama Leonia, 
Qui male pavit oves, nunc bene pascit bumum. 



Catania. 



Carlo Pascal. 



LA AADONNA DELL'ANNUNZIATA IN TRAPANI. 



E ben conosciuta la storia della Madonna di Francesco Laurana 
che si trova a Monte S. Giuliano. Come narra il Di Marzo, secondo 
il gesuita Giovanni Amato, Paolo di Gammiccliia, arciprete di Erice, 
e Paolo Toscano , allogarono per la lor chiesa madre a Francesco Lau- 
rana, una statua di Nostra Donna a simiglianza dell'altra pi antica 
nel convento dell'Annunziata fuori le mura di Trapani, pel prezzo di 
once venticinque (L. 318, 75), per pubblica convenzione fatta pure in 
Palermo agli atti di notar Antonio di Messina . 11 Di Marzo aggiunge 
che non ha potuto trovare tale strumento , di modo che mi pare im- 
possibile di stabilirne il testo esatto. Quando Laurana ebbe fornito 
la sua opera gli uftziali preposti al municipal reggimento della citt 
[Palermo] impedirono affatto ch'ella ne fosse uscita, e, cominciatosi 
tosto con religioso fervore a venerarla, l'arcivescovo Paolo Visconti 
la loc incontanente nel duomo col titolo di S. Maria Maggiore, o di 
Monte Maggiore. Perloch, non potendo pi averla, gli Ericini con- 
vennero eoll'artence per un'altra simile statua agli atti del lor notaio 
Ruggiero di Salute a 10 agosto del 1109, obbligandolo, che di Pa- 
lermo, isgrossatone il marmo, la portasse e finisse in Erice. Del che 
detto, colla testimonianza de' documenti, in un manoscritto di storia 
ericina di Vito Carvini, della cui autorit si giova l'Amato ', 

Le parole di questo documento che ci interessano pi, sono quelle 
che fanno allusione alla Madonna dell' Annunziazione di Trapani. Paolo 
di Gammicchia e Paolo Toscano vi obbligano 1' artefice Laurana di 
fare un'opera ad instar et similitudinem imagiitis marmoreae P>. M. 
Virginis, quae est in conventi! S. Mariae Annuntiatae extra civitatem 
Drepani 2 , e Francesco Laurana promette , dopo clic i Palermitani 
hanno ritenuto la Madonna ordinata dagli Ericini, di fare imam aliam 
hnaginem Virginis praedictae de petra marmorea, (piani dictus Fran- 



: Di Marzo, /. Gagini. Palermo, 188:5. I. p. Ili, 17. 

2 Di Marzo, /. Gagini. Palermo, ISSI, II, p. S. Come si vede, le parole 
pi antica > sopra citate, sono aggiunte dal d'Amato. 



348 W. ROLFS. PARTE II. 

ciscus asseruit de proximo Imbuisse et habere in dieta urbe Panormi, 
ipsamque imaginem facere melioratam imaginis hujusmodi praedictae 
civitatis Drepani extra moenia dietae civitatis , vel saltelli ad simili- 
tudinem imaginis praedictae, et comodo et forma ete. * 

Come, modello delle Madonne di Monte S. Giuliano e del Duomo 
di Palermo, la Madonna dell'Annunziata di Trapani guadagna dunque 
un interesse straordinario per lo studioso delle opere di Laurana. 

Qnal la sua storia ? 

Sfortunatamente, gli antichi archivi di Trapani furono distrutti 2 . 
Temporum injuria scriptorumque incuria, liujus S. Imaginis adventus 
obsenrus est 3 . 

Inoltre, la leggenda s' impadronita della storia con un suceesso 
completo. Secondo il Ferro la pi fondata opinione sarebbe quella, 
di esserei giunto [il simulacro] nel 1291, sotto il regno del re Gia- 
como di Aragona. Sembra eerto , che fosse stato scolpito in Cipro; 
portato in Tolemaide di Fenicia ; e da quei luoghi orientali (invasi 
poscia dalle armate di Saladino) trasmigrato qui in Trapani. Kon 
improbabile la fama, che avesse decorato col una commenda di Tem- 
plari, di cui v'era investito un certo cavalier Pisano , di nome Guer- 
reggio; che giunto in questo porto, assordato egli dalle instanze del 
popolo , vi dov lasciare questa imagine , che ha ricevuto un culto 
sempre grandioso... Si va intanto per infallibili rapporti storici, con- 
solidati da documenti, che un tal simulacro, sin dall' epoca del suo ar- 
rivo, fosse stato affidato dalla citt alla famiglia Carmelitana. La sag- 
gezza di una tale scelta giustifica abbastanza la condotta tenuta allora 
del popolo, e da' suoi magistrati, nell'aver ammesso in mano dei fi- 
gliuoli di Flia, un monumento cos prezioso, e venerando 4 . 

Il valore critico di questi rapporti storici consolidati da docu- 
menti nullo. Tutto ci che si pu asserire che la Madonna del- 
l'Annunziazione fu sempre al posto ove si trova ora , e che fu sempre 
tenuta in somma venerazione. S' intende che per aumentarne il pregio 
la si faceva molto antica, e il nome del cavalier Pisano e signifi- 
cativo per la ragione che fin adesso non mancano eruditi che l'attri- 
buiscano all'arte pisana 5 . 



i 1. e. p. 9. Qui pure non quistione di una statua pi antica. 

2 Caenobii fuere omnia igne combusta tempore pestis . Ex Decr. regis Feder. 
an. 1499, citato dal F[erro], G. M. D., Guida per gli stranieri in Trapani, Tra- 
pani, 1825, p. 287. 

3 Pirri, Sic. Sacra, II, VI, pag. 878, citata dal Ferro, 1. e. 

4 Ferro, 1. e, p. 288, 289. 

5 Venturi, Storia dell'arte ital., IV, p. 263, la tratta brevemente come imita- 



PAKTE II. LA MADONNA DELL'ANNUNZIATA IN TRAPANI. 349 

Sarebbe dunque P arte pisana il modello di Francesco Laurana 
per le madonne siciliane, Parte di Giovanni Pisano ? Quando si esa- 
mina da vicino la Madonna di Trapani , non vi si vede alcuna traccia 
di lavoro pisanesco. vero, che Pesame critico di quelPopera oltre- 
modo difficile. La cappella, dove essa posta, oscurissima; la Ma- 
donna stessa coperta dai piedi fino alla testa da ex-voto d'argento, 
specialmente di orologi. Guardando cos superficialmente non si vede 
quasi nulla. Per , un esame pi attento rivela che la Madonna 
senza dubbio lavoro del Quattrocento. E (piando si osservano le teste 
della madre e del bambino , gli occhi senza pupille e leggermente 
curvi, le mani lunghe modellate alla maniera lauranesca, i capelli del 
bambino che toccan la faccia, sopra le orecchie, il movimento di esso 
bambino quasi attaccato al petto della madre e una quantit di altri 
indizi, noi ci troviamo subito a fronte dell'idea che il modello delle 
Madonne di Palermo e di Monte S. Giuliano debba essere, anch'esso, 
della stessa officina, cio di Laurana e di Domenico Gagini. 

Per quanto ardita possa parere al primo momento questa attri- 
buzione, essa non ha nulla di straordinario. Xella statua di Trapani 
s trovano tutte le altre particolarit delle madonne del Laurana. 
Tediamo come la descrive il Ferro, da persona che Pha vista, quando 
non era tutta coperta da ex- voto : L' altezza di questa statua di 
palmi sei e due terzi... 11 marmo (niello finissimo orientale, chiamato 
Xassio, di cui abbonda l'isola di Cipro. Le grazie delle sue forme, i 
contorni delle sue parti , le sue bellezze non ricercate, ma che nascono 
dalla natura, la giusta proporzione dei membri , la struttura degli or- 
gani, ci annunziano chiaramente di essere un'opera degna dei greci, 
e dei greci dei pi bei giorni dell'arte. La Vergine vestita di una 
lunga tunica, che le cuopre il piede sinistro. LI (/inocchio destro un poco 
rialzato, come in atto di muoverlo. Tiene sul manco braccio il bambino, 
e colla mano destra stringendo la mano del figlio, se l'avvicina al petto l . 
Ljo reciproca compiacenza dei loro teneri sguardi , mette un certo riso 
sulle loro labbra. Rimirato questo simulacro dal suo vero punto visuale, 
presenta ad un maestoso sembiante un misto di grazia, di leggiadria e di 
dolce maest \ Nemmeno mancano altri segni caratteristici. Il manto 



/.ione delle opere di Giovanni Pisano e non dice di che secolo . Vi un distinto 
ricordo dell' arte pisana nel movimento della testa, la quale volta a sinistra e 
verso il bambino, e nel vestimento della Madonna cose che non si ripetono nella 
Madonna di Palermo e di Monte S. Giuliano. Ma questo mi pare non basti per 
escludere l'ipotesi da tue proposta. Vedi l'illustrazione data dal Venturi, p. 264 (189). 

1 Un pezzo di marmo fa sostegno alle mani unendole al petto. 

2 Ferro, 1. e, p. 289. 



350 W. KOLFS. PARTE II. 

e l'abito della statua di Trapani al pari di quelle di Palermo e di 
.Munte S. Giuliano guarnito di parole Siriache in oro, come dice il 
Ferro. la maniera ben nota di ornare di lettere cos dette orien- 
tali i costumi delle persone della storia santa, maniera che sem- 
plicemente un bordo decorativo popolarissimo nel quattrocento. 

Abbiamo detto : l'officina di Laurana e di Gagini. Entrambi han 
lavorato lungo tempo insieme ed hanno avuto, se nulla m'inganna, 
anche un opifcio comune in Palermo : cos soltanto possono spiegarsi 
le analogie spesso meravigliose nella maniera in cui son concepite ed 
eseguite le loro opere siciliane. 

Si chieder : il Laurana non poteva da solo avere compiuta la 
Madonna di Trapani ' 

Le ragioni che stanno contro questa ipotesi son le seguenti. 

Il panneggiamento della statua di Trapani fondamentalmente 
diverso da quello di tutte le altre Madonne del Laurana. L'atteggia- 
mento reciproco della madre e del tglio in quella pi marcato che 
nelle altre; esso gi notevolmente pi debole nella Madonna di Monte 
S. Giuliano, e scompare in quella del Duomo di Palermo come nelle 
altre. poi assai diffcile fissare per Laurana un tempo in cui egli possa 
aver compiuta la statua di Trapani. Xoi possiamo rilevare, specie dal 
secondo soggiorno di questo scultore in Francia, che egli deve aver 
accettata contemporaneamente una serie non piccola di commissioni, 
che perci non pu avere disimpegnate se non per opera dei suoi sco- 
lari e de' collaboratori del suo opificio; rimane tuttavia a considerare 
che immediatamente dopo il suo arrivo in Sicilia , nel 1467, noi tro- 
viamo il maestro occupato in lavori a Partanna ed a Sciacca, e che 
nel 14C9 la Madonna da eseguire sul modello di quella di Trapani 
era gi pronta e veniva sequestrata dalla citt di Palermo per il suo 
Duomo; necessario perci che i lavori del Laurana in Partanna 
ed in Sciacca , la Madonna di Trapani nonch quella del Duomo di 
Palermo siano tutte venute fuori nel breve intervallo tra il 1407 ed 
il 14G9, il che non sar impossibile, ma non neppur facile ad am- 
mettere. 

In queste circostanze , io inclino a credere che la Madonna di 
Trapani opera uscita dall'opificio di Domenico Gagini, alla quale il 
Laurana pu aver data l'ultima mano : Domenico teneva le Madonne 
a provvista ci che e dimostrato dalla lite eh' ebbe a Barcellona. 

Lo stesso dobbiamo pensare anche della Madonna di Monte S. Giu- 
liano. Poich anche questa, nonostante che in base ai documenti ap- 
partenga a Francesco Laurana , in realt un lavoro della ditta 
Gagini-Laurana in Palermo e quest' ultimo le die' gli ultimi tocchi 



PARTE II. LA MADONNA DELL'ANNUNZIATA IN TRAPANI. 351 

quando essa era gi al suo posto. Essa porta l'impronta della conce- 
zione gaginesca e mostra la mano del Dalmata solo nella maniera in 
cui ultimata e compiuta, al contrario di quanto si scorge nella Ma- 
donna di Sciacca, della Cappella Mastrantonio in Palermo , di Noto 
e di Messina. 

In ogni modo , per quel che riguarda la Madonna di Trapani, 
1' esame esatto e coneludente non si pu fare se non sgombrando il 
manto di ex-voto che la copre e che ne impedisce lo studio critico 
oscurato inoltre da una tradizione fantastica. 

Miesbach presso Monaco (Bader). 

Wilhelm Rolfs. 



UN DOCUMENTO INEDITO DI FRANCESCO DI LAURANA. 



In seguito ad un notevole documento palermitano del 1468, gi 
da me rinvenuto e pubblicato sullo scultore Francesco di Laurana *, 
mi grato adesso poter darne alla luce un altro del medesimo anno 
e che pur lo riguarda, non mai fin qui stampato, dai registri del 
Protonotaro del regno di Sicilia (reg. 66, e. 63) nell'Archivio di Stato 
in Palermo. 

Esso il seguente : 

Pro JHagistro Francisco Laureino sculptori. 

Johannes, eie. Vicercx, eie. Nobili Baroni terre partanne eonsiliario B. d. 8. 
Noviter ni stato cum gravi querela reverenter expostu pri parti di mastro francisco 
laurano sculpturi corno commorando ipso in quissa vostra terra ad vostra priyera vi 
prestao linci sey comu si dichi conteniri in una apodixa subscripla di vostra manu 
propria; et dimandanduci ipso exponenti li dicli unci sey pir chi intendia partirisi pri 
fari facti soy, li denegastivo roliri quilli restituiri, et, quod peius est, hacendusi ips- 
conferuto in la terra di xaeca, vui li fachistico prendivi dui soy figuri sculpiti di alao 
bastro, li quali ipso havia lavorato, et edam certi altri soy cosi et ferramenti, dichen- 
dochi volivi chi vegna in la dieta vostra terra pir pigiavi et lavorari dili petri, li quali 
su in lo territorio di la vostra terra predicta; et non obstanti pi volti vi havissi pri- 
gato et riquesto li volissivo restituiri li dicti dinari, figuri et ferramenti, usque adeo 
haviti ricusato fatilo in eius grave dapnnm, preiudidum et interesse. Supplicaiidoni 
propterea humiliter super premissis li volissimo de opportuno juris anxilio debite pr- 
vidiri, qua supplicacione admissa, iiaraviglati nui de premissis , si ita est proni expo- 
nilur, vi dichimo et comandatilo expresse chi digiati restituiri alo dicto exponenti li dicti 
mici sey, per ipso a vui prestati ut' sapr, et li figuri et ferramenti predicti ac edam 
t ucti altri cosi soy, chi haviti. Et si forte aliquod jus pretenditis contra dietimi magi- 
strum franciscum, digiati legitime comparivi innanli a nui infra termino di jorni odo, 
a die presentacionis et intimacionis parcium in antea numerando; et auditis juribus 
utriusque partis, vi sarr ministrato complemento di justicia, et premissa exequiri cum 
effectu, non di facendo modo aliquo in contrariarli per quanto haviti cara la grada 
regia, sub pena unciarum centum regio fisco applicandarum. Datura panhormi xxij. 
May prime Ind. (M. cccc. lxviij.). 

LOP. XIMENEZ DURREA. 

Dominile vicercx mandavit mihi Antonio sollima, et vidit eam Bertus. 



1 Nell'opera I Gagini e la scultura in Sicilia nei secoli XV e XVI. Paler- 
mo, 1883, voi. II, pagg. 7-8, doc. V. 



PARTE II. UN DOCUMENTO INEDITO DI FRANCESCO DI LAURANA. 353 

Xe appare adunque , che , regnando in Sicilia Giovanni di Ca- 
stiglia, il vicer Lopez Ximenez de Urrea, in data de' 22 di maggio 
dell'anno 1408, scrisse al barone di Partanna (allora Onofrio Grifeo, 
undcciino barone, ed insieme visconte di Galletten in Sardegna), avendo 
sporto grave querela contro di lui appunto lo scultore Francesco di 
Laurana. Costui aveva esposto in essa, che, stando in Partanna, terra 
feudale in quel tempo ed oggi comune in provincia di Trapani, aveva 
prestato once sei a quel barone con apoca da lui soscritta, e che poi 
richiestele, dovendo indi partirsi per sue faccende, si era quegli ne- 
gato a restituirle: oltrech, partitosi egli e recatosi a Sciacca, quel 
prepotente gli aveva fatto sepuestrare due figure da lui scolpite in 
alabastro , non che alcuni suoi ferri ed altro, ed avevagli ingiunto 
che ritornasse per intendere al lavoro di cavamento e d'intaglio di 
certa pietra del suo territorio. X mai eran valse istanze e preghiere 
per indurlo a restituire il mal tolto; e ci con grave danno, pregiu- 
dizio ed interesse dell'esponente. Laonde , avendo fatto appello il 
Laurana all'autorit del vicer, costui, sorpreso dell'occorso, ordinava 
al barone, che gli rendesse ogni cosa, danaro, figure, ferri e tutt'altro 
di suo. Che se poi pretendesse avere alcuna ragione contro lo scul- 
tore, venisse fra otto giorni a sperimentarla in giudizio; e. dopo udite 
ambe le parti, si sarebbe fatta giustizia. Invece, non adempiendo, 
perderebbe la grazia regia, e incorrerebbe in una multa di cent'once, 
applicabili al regio fisco. 

Questo documento il pi antico, che fin ora si sia rinvenuto, 
del soggiorno del Laurana in Sicilia , essendo anteriore di dodici 
giorni a quello del 2 di giugno dello stess'anno, ond'egli e Pietro di 
Bonate si obbligarono insieme per le sculture della cappella dei Ma- 
strantonio in San Francesco d'Assisi in Palermo , non che di circa 
quindici mesi all'altro dei 16 d'agosto del 1400, onde promise scol- 
pire una seconda statua della Madonna per la maggior chiesa di 
Montesangiuliano. Il documento medesimo precede intanto di tre anni 
l'altra statua della Vergine col divin Putto, da lui scolpita ed esi- 
stente in Noto nella chiesa del Crocifisso, recando dappi riscri- 
zione: FKAXCISCVS LAVPAXA .AIE FECIT 1471. Con che fin ora 
appare indubitato almeno un triennio di sua dimora in Sicilia. Non 
si sa per perch sia stato in Partanna prima del 22 di maggio del 
14(>S, n a qual uopo volevasi chVi cavasse e lavorasse del tufo di 
(pud territorio, n (piai destino abbiano avuto le due ligure da lui 
scolpite in alabastro e che gli furono sequestrate, n come sia andata 
a finire la sua vertenza con pici barone. Solo da pensare che, a 
parte della scultura , siasi egli pure occupato di fabbriche, e quindi 

23 



354 G. DI MARZO. 



si il stato adoprato a riforme o a decorazioni edilizie in quel. castello 
baronale. Il che ha pi ragione dal fatto, che dalmati entrambi furon 
Francesco e l'architetto Luciano da Laurana, e ch'entrambi lavora- 
rono in Napoli , onde non sembra infondata 1' opinione del Muntz, 
che siano stati della stessa famiglia, e probabilmente fratelli *. Del 
resto in Partanna nulla vi ha di notevole in fatto di sculture , lad- 
dove di tredici statuine di marmo, ch'erano nel giardino di quel ca- 
stello, una, che rappresentava Giovanni Grifeo, capostipite di sua fa- 
miglia e primo barone, fu ridotta in polvere nel 1854 per dare il 
bianco alla maggior chiesa, e le altre dodici , che figuravano i mesi 
dell'anno, decorando i diversi viali, scomparvero tutte e non ne resta 
vestigio. Non appare intanto che specialmente queste ultime, a giu- 
dicarne dai soggetti, abbiano potuto avere alcun rapporto col Laurana. 
Sciacca invece, dove l'insigne scultore si rec da Partanna, d 
adito a migliori indagini intorno ad opere, ch'ei pot avervi fatto, e 
specialmente nella chiesa di S. Margherita. Questa chiesa , secondo 
il Pirri 2 , fa eretta e dotata dall'infante Eleonora d'Aragona, figlia 
di Giovanni , duca d'Atene e di Neopatria , e moglie di Guglielmo 
Peralta, come risulta da regie lettere del 1342 e del 1375. Vi ebbero 
ospizio i Teutonici, e fu perci dipendenza della loro Magione in Pa- 
lermo ; ed altres vi ebbe sede una congrega di disciplinanti o bat- 
tuti, di cui gi ricordo dal 1393. Pi tardi un Antonio Pardo lar- 
gheggi molto del suo in favore di essa, siccome accenna il Fazello 3 j 
ed il Pirri non lascia di notarvi signum marmoreum uffabre scutytum, 
cio l'antica statua di S. Margherita, che ancora vi esiste. N il culto 
ne venne meno nel secolo decimottavo, laddove appare che ai 20 di 
luglio del 1711, per la festivit della Santa, vi fu rappresentata una 
tragedia del martirio di essa, scritta da un Gioacchino Bona e Far- 
della e stampata in Palermo con dedica a Michele Arone e Tagliavia, 
barone di Valentino e protettore di detta chiesa *. Oggi per essa, 



1 Vedi due articoli di Anatole de Montaiglon, Francesco Laurana, in Chronique 
des Art et de la curiosit ; supplment a la Gazette des Beaux-Arts. (Paris, 1881, 
n. 10, pag. 79; n. 14, pag. Ili); ed ivi una lettera del Muntz. Cfr. Di Marzo, 
I Gagini, ec, voi. II, pag. 23, in nota. 

2 Sicilia sacra. Pauormi, 1733, toni. I, pag. 736. 

3 De rebus siculis. Pauormi, 1560, dee. I, lib. VI, pag. 145. 

4 Nella Biblioteca Comunale di Palermo ne esiste un esemplare ai segni 
CXXXVI B 135, n. 1. Ed eccone il titolo : Il Martirio di S. Margherita , vergine 
antiochena; tragedia di Don Giachixo 3ona e Fardella, da rappresentarsi nel famoso 
e celebre tempio di detta Santa, eretto nella citt di Sciacca, il giorno della sua festivit 
a 20 luglio 1111. Dedicata al signor Don Michele Arone e Tagliavia, barone di Valen- 
tino e protettore della sudetta chiesa. In Palermo, per Antonio Epiro, 1711. In-16. 



PARTE II. UN DOCUMENTO INEDITO DI FRANCESCO DI LAURANA. 35o 

per manco di ogni suo avere, chiusa al culto e crollante. Laonde 
occorre apprestarvi riparazioni opportune ; e ci almanco a scongiu- 
rare il pericolo che vada del tutto a male quanto vi ha di notevole 
in arte. Imperocch, a tacere di una pittoresca decorazione architet- 
tonica in tufo nella porta maggiore, lavoro del '500, vi meritano spe- 
ciale studio le sculture marmoree pregevolissime della porta laterale, 
e quelle di xmHcona parimente in marmo nella cappella della Santa 
al di dentro : le une e le altre opera del Rinascimento e di scalpello 
italiano, ma che certo non appartengono ad un medesimo artefice. 

Quella porta laterale specialmente di tale eleganza da ben po- 
tersi annoverare fra le pi belle opere di scultura esistenti in Sicilia 
del '400 l . Rettangolare di forma, reca essa gli stipiti decorati nella 
parte superiore da due vaghe figurine di Santi in piedi ed in alto- 
rilievo, la Maddalena e S. Calogero forse , e pi in su da graziosi 
ornati con due conchiglie e quattro testine o busti di angioletti, cui 
fan riscontro al di sopra nell'architrave retto e sotto la cornice di 
esso cinque altre testine di angeli o di fanciulli. Fiancheggiano in- 
tanto gli stipiti, ed il vano della porta con essi, due colonnine svelte 
e sottili , elegantissime , faccettate da pi della met in gi, ed ivi 
legata ciascuna da un bel nodo, pur con testine angeliche, alla parte 
superiore, che si compone di cordoncini in fascio. Sul pi vago e fine 
corinzio dei due capitelli ricorre poi la cornice dell'architrave, dando 
luogo al di sopra in mezzo ad un semicerchio , ricco di tini ornati 
come a ricamo, dentrovi S. Margherita di fronte ed in mezza figura, 
con libro aperto in mano ed al di sotto prosteso il dragone infernale, 
mentre quattro angioletti, due per ciascuna banda, le son daccanto 
genuflessi in atto di preghiera. Una larga cornice esteriore del semi- 
cerchio indi si allunga elegantemente nel mezzo , sviluppando sovra 
esso un bel pennacchio cuspidale , che ha nel centro un Dio Padre 
benedicente in mezza figura , fra quattro angioletti in ginocchio dai 
lati, oltrech tre altri in piedi gli stanno dietro. Ed altri due begli 
angeli in piedi e con le braccia conserte sul petto fiancheggiali ora 
esternamente la sommit della cuspide , sporgendo isolati dal muro, 
in cui non si sa (piando furon muraci. Ma son fuor di luogo, bench 
dello stesso scalpello ; e non dubito ch'essi in prima doveano aver 
posto in cima a due candelabri, che certo ergevansi da' lati del se- 
micerchio fin presso al Dio Padre, e di cui ora non restano (die due 
belle figure sottostanti della Vernine Annunziata e dell'angelo Ga- 



1 Vedi ig. 55, da una fotografia del signor Sebastiano Agati. 



356 



G. DI MARZO. 



bride sulle due estremit della cornice dell'architrave e sui capitelli 
delle due colonnine. Tali figure in fatti sporgono entrambe in alto- 
rilievo dal marmo, che bruscamente d'ambo le parti rotto al di so- 




Fiz. 55. 



PARTE II. UN DOCUMENTO INEDITO DI FRANCESCO DI LAURANA. 357 

pra, talchi' ancor vi si vedono pi o meno unitilo due conchiglie, con 
cui cominciavano i due candelabri distrutti. Ne questa sola mutila- 
zione ebbe a subire s bella opera d'arte, laddove altres la cornice 
esterna del semicerchio centrale vi monca l'ambo i lati nella parte 
inferiore. Ma nonpertanto per tutto il resto essa tale opera da non 
doversi attribuire che ad eccellente maestro. 

Sommamente ne differisce per una eerta fiacchezza di stile ed 
inferiorit di tecnica V icona parimente di marmo, eretta sull'altare 
della cappella di S. Margherita nella chiesa medesima l . Sopra una 
predella, in cui ricorrono undici mezze figurine di Sante vergini dai 
lati d'una del Cristo in passione , che occupa il centro , si ergono 
quattro pilastri corinzii con fregiature gi sviluppate del Rinasci- 
mento, le quali pure adornano due larghe fasce verticali ed aderenti 
ai due pilastri esteriori. Altre due simili fasce pi strette aderiscono 
internamente agli altri due , decorando gli stipiti d'una nicchia nel 
mezzo, dove in grandezza del vero sorge una pregevole statua della 
Santa titolare. Dai lati, negli spazi intermedi fra pilastro e pilastro, 
ricorrono sei scompartimenti, tre per ciascun lato, dentrovi storiette 
della vita e del martirio della Santa in altorilievo. Indi sui quattro 
pilastri ricorre un architrave retto con fregio fra due cornici, e sovra 
esso, in un vano rettangolare nel mezzo e fra due pilastrini rap- 
presentato il Presepe col nato Ges, laddove inoltre dai lati sono fra 
due candelabri due nicchie con le statuette di San Pietro e San Paolo, 
non che nel vertice con allungati fioroni. Sul vano intanto del Pre- 
se})!' ha luogo una cornice con tre testine di serafini, alla (piale so- 
vrasta un mezzo tondo coll'Annunziata e l'Angelo fra due minori 
candelabri, e pi su in cima si erge una mezza figura del Dio Padre, 
che benedice. Dal complesso poi dell' /con a par ch'essa debba prove- 
nire da tale artefice, che o precedette o segu di poco il primo levarsi 
del genio di Antonello (agini , ben potendosi argomentarlo dall'ana- 
logia del congegno e specialmente dell'ornamentazione con simili opere 
del sovrano scultore palermitano. Laonde non sembra dubbio ch'essa 
sia stata scolpita non pochi anni dopo la decorazione marmorea della 
porta laterale di quella chiesa, indubitata opera del pi bel quattro- 
cento, ed altres non pochi anni dopo il triennale soggiorno del Lau- 
rana in Sicilia. Qui dunque giover meglio non tenerne conto pi 
oltre, e lasciarla, come suol dirsi, Cuori combattimento. 

.Ma che and a fare a Sciacca il Laurana, recatovisi da Partanna 



1 Vedi rig. 5(>. da una fotografia del prof. Salinas. 



$58 



G. DI MARZO. 



PARTE II. 



prima del maggio del 1468 ? Non vi and certo pei bagni termali, 
ne per mangiarvi le sogliole, ma pri fari facti soy, siccome scrisse il 
vicer Durrea, cio per suoi affari dell'arte. Or dell'arte, in cui tanto 




egli valse, viene in mente potergli attribuire la preziosa decorazione 
architettonica e scultoria in marmo, dinanzi descritta , dell'anzidetta 
chiesa di S. Margherita , siccome quella che ben rivela dallo stile 



PAKTE II. UN DOCUMENTO INEDITO DI FRANCESCO DI LAURANA. 339 

appartenere appunto al tempo della dimora del medesimo in Sicilia, 
e che risponde al delicato sviluppo di sentire ed all'eleganza di scal- 
pello, di cui egli in quest' isola generalmente die mostra nelle sue 
opere. Provano ci , a mio avviso, i rapporti stilistici delle sculture 
figurative di essa porta con l'autentica sua statua della Madonna col 
divin Pargolo in grembo, gi detta della Presentazione e poi di Li- 
bera Inferni, nel duomo palermitano, con quella di simigliante sog- 
getto e da lui stesso firmata in Xoto, con una parte e forse la pi 
pregevole delle sculture della cappella de' Mastrantonio in San Fran- 
cesco d'Assisi in Palermo, ed ivi molto probabilmente altres col pre- 
gevolissimo busto di Eleonora d'Aragona, di gi trovato dal professor 
Salinas nell'antico monastero benedettino di S. Maria del Bosco di 
Calatamauro e di l trasportato al Museo Nazionale. In proposito del 
quale busto giova ora considerare, ch'esso rappresenta ({nella mede- 
sima infanta Eleonora, maritata a Guglielmo Perai ta, la quale eresse 
e dot al suo tempo la chiesa appunto di S. Margherita di Sciacca, 
e fu altres prodiga di sue beneficenze al monastero anzidetto del 
Bosco, presso Giuliana. Quivi adunque in un monumento funebre in 
memoria di lei, eretto nel '400 non poco tempo dopo la sua morte, 
ebbe luogo il connato busto, ch' ora nel Museo di Palermo; e poich 
la finissima tecnica di un tal busto mirabilmente risponde a quella 
delle sculture, che decorano in Sciacca la porta laterale della chiesa 
di S. Margherita , di gi fondata e dotata dalla medesima infanta, 
ben da stimare che l'imo e le altre siano state allogate allo stesso 
scultore, e quindi pi o meno contemporaneamente eseguite. La cer- 
tezza poi, che ora si ha dell'andata del Laurana a Sciacca non molto 
prima del maggio del 14(58, accresce peso storicamente a pensare, ch'egli 
forse ne sia stato l'autore. 

Esistono intanto busti pi o meno simili a quello, di cui qui 
discorso, e di conforme finezza d'arte, frai (piali ben rinomato quello 
dell'Incognita al Louvre, ed altri nelle collezioni di (instavo Dreyfus 
ed Eduardo Andr in Parigi, e nei musei di Berlino, Vienna e Fi- 
renze: oltrech un altro, ma danneggiato, ne pervenne al museo di 
Palermo dal vicino convento di Laida. Dei busti anzidetti giudica il 
Lode, dotto conservatore del museo di Berlino, che sien opera ap- 
punto di Francesco di Laurana, siccome pure il Courajod aveva opi- 
nato dinanzi. Pel emeriti critici d'arte francesi ne dissentono , non 
trovando alcun riscontro fra essi e le sculture eseguite dal Laurana 
in Avignone. Laonde fu prima stimato che appartenessero alla Scuola 
fiorentina e pi precisamente a Desiderio da Settignano. Ma altri- 
menti opin Andr Michel, non riconoscendovi l'opera di Desiderio e 



360 ' G. I>I MARZO. 



concludendo, che in proposito si rimanga in assoluta ignoranza. Lo 
stesso tenne anco il Muntz, e propose dar luogo ad un nuovo arte- 
fice, nomandolo il Maitre des bustes de femmes et des masqucs. Ed 
inoltre E. Molinier dichiar incisamente , che l'attribuzione di quel 
busti al Laurana una delle maggiori enormit che giammai si 
siano prodotte , promettendo bens dar presto la soluzione documen- 
tata di questo piccolo problema artistico ed iconografico , Ma la so- 
luzione dal 1892 si fa ancora attendere , ed il problema rimaneva 
insoluto \ Entr allora nel campo della controversia il nostro pro- 
fessore Salinas , e, giovandosi di fotografe tirate da lui medesimo, 
pose in confronto in una sua lettera la testa della Madonna di Noto 
col busto di Eleonora di Aragona nel museo di Palermo , e l'ima e 
l'altro con quello del Louvre, e ne rilev che a torto si era combat- 
tuta l'attribuzione di essi al Laurana. Il che era avvenuto i>erch lo 
si era soltanto studiato nelle sculture dell'ultima sua maniera in Avi- 
gnone, e non gi in quelle anteriori da lui eseguite in Italia e spe- 
cialmente in Sicilia 2 . Ma di ci in Francia non si rest convinti, 
negatasi bruscamente l'identit di espressione, di forme e di tecnica fra 
la Madonna di Noto ed il busto di Palermo '\ 

Nondimeno io consento all'opinione del Salinas, pur non vedendo 
fra l'ima e l'altro identit di espressione e di forme. La quale iden- 
tit non vi , ne vi dev'essere, stante la differenza dei soggetti rap- 
presentati. L'ideale della Vergine Madre di Ges nulla pu aver di 
comune col ritratto aristocratico d'una gran dama di regio sangue, 
qua! fu Eleonora d'Aragona ; e la diversit di ci dee rispecchiarsi 
nell'arte. Ma ben altrimenti per la tecnica di tali sculture, giacche 
l'identit della tecnica io la ravviso in esse , convincendomi che dei 
pari sieno uscite da un solo scalpello in ragion dell'estrema finitezza 
ed eleganza, che, a mio avviso, vi han chiaro riscontro. Dico altret- 
tanto ponendo in confronto il busto medesimo con la Madonna del 
duomo di Palermo, bench deturpata da brutti colori nel volto e spe- 
cialmente nei capelli, e parimente in Palermo coi Padri della Chiesa 
in altorilievo nella cappella de' Mastrantonio in San Francesco di 
Assisi , ed ora altres con la porta marmorea in S. Margherita di 



1 Su La question Laurana vedi la rivista mensuale Les Arts. Paris, 1902, nu- 
meri 2, 3 e 4. 

2 Nella rivista cit. Les Arts. Paris, 1902, n. 12. 

3 Iu una nota della direzione della rivista Les Arts , in fine alla lettera del 
prof. Salinas. 



PARTE II. TJX DOCUMENTO INEDITO DI FRANCESCO DI LAURANA. 361 

Sciacca, dove l'eleganza dell'architettura decorativa lia mirabil risalto 
dalle preziose figure, che ne fan parte. Nonpertanto mestieri rico- 
noscere , che il Laurana in merito non mai eguale a s stesso, e 
che talora nell'arte rivelasi un proteo addirittura : dal che si spiega 
com'egli abbia potuto dare alla Madonna di Montesangiuliano un 
volto s privo di espressione e cos fiaccamente condotto da nulla in 
ci aver di comune con le altre due Madonne di Palermo e di Xoto 
e sembrar cosa piuttosto da debole scalpellino. Laonde , sospettando 
che quivi sia mano d'altri, e non potendo provarlo con documenti, 
giovami rilevar meglio siccome nella Madonna di Xoto, una delle ul- 
time opere del soggiorno del Laurana nell' isola, il Bambino, ch'ella 
sostiene in braccio e che amorosamente la guarda in viso, in nulla 
risponde per finitezza di esecuzione all'intera figura di lei, sembrando 
invece appena sbozzato e quasi non finito. Il che forse fu inizio di 
quell'ultima sua maniera, che poi tanto prevale nelle sue sculture di 
Francia. Queste perci differiscono dai lavori lasciati in Sicilia, giacche 
la tecnica dell'artefice ebbe in esse generalmente smarrito l'anteriore 
perfezione; quella perfezione, dico, ond'egli con le sue statue di Pa- 
lermo e di Xoto si lasci addietro Domenico Gagini ed il suo socio 
Pietro di Bonate, ed onde ora con la certezza della sua anelata a 
Sciacca si apre ancor l'adito a sospettare che sia di lui la porta di 
S. Margherita. Laonde, venendo or questa altres in appoggio con la 
sua somma eleganza e delicatezza di sculture , ben pu cercarsi il 
Maitre des bustes in Sicilia e riconoscerlo in non altri che nel Lau- 
rana nel suo triennio qui di soggiorno ; e ci pure non escludendo 
ch'egli abbia adottato per essi busti una maggior cura e finitezza che 
altrove. Del resto occorrono ben altri argomenti a troncare la contro- 
versia, ed io troppo oltre per ora mi son condotto ad illustrare un 
sol documento. 



Il precedente articolo era gi scritto quando il dottor Guglielmo 
liolfs , veivuto due volte in Sicilia in traccia di sculture del Laurana, 
e recatosi a Sciacca ad osservarvi, a mio suggerimento, diverse statue 
della Madonna esistenti in quella maggior chiesa, da me gi vedute 
di passaggio in mia giovinezza , ne ha trovato ivi una appunto del 
detto scultore in quella della Madonna della Catena. Di essa ha gi 
pubblicate due fototipie in un suo articolo intitolato : Die erste sizi- 



)62 G. PI MARZO. 



liansche Madonna des Franz Laurana i ; e non menomamente da 
dubitare, a mio avviso, del giudizio del dotto tedesco. Perocch, a 
tagliar corto , rivelasi evidente l'analogia di forme e di stile fra la 
detta Madonna di Sciacca e quella firmata esistente in Noto, talch 
stimerei enorme errore il voler contrastare una si chiara attribuzione. 
Neppure inoltre si pu agevolmente dileguare il sospetto , ormai messo 
in campo dal medesimo Rolfs, che possa bens esser opera dello scul- 
tore dalmata la pregevolissima statua di Nostra Donna in piedi col 
bambino in grembo, comunemente detta la Madonna di Trapani, quivi 
esistente nella chiesa dell'Annunziata , gi del convento ora abolito 
dei Carmelitani. A simigliarmi della quale il Laurana si obblig indi 
a scolpir quella, che doveva aver luogo nella maggior chiesa di Monte- 
sangiuliano e che fu trattenuta nel duomo di Palermo, dove rimane 2 . 
Oltrech la presunta origine pisana della Madonna di Trapani insin 
da tempo anteriore al 1291 non procede che da una leggenda desti- 
tuita di fondamento e cos piena di contraddizioni, che fiocco Pirri, 
stimato meglio non tenerla in conto , giudic invece dovere affermare : 
Tcmporum injuri, scriptorumque incuria, huius ss. imaginis adrentus 
bseurus est \ Giover dunque attivare le indagini per trovar docu- 
menti coevi , che facciali luce in proposito , e cercare insieme ogni 
mezzo da potere attentamente osservare la detta Madonna sgombra 
di tutti i gioielli, degli ori e degli argenti, di che in tutta la persona, 
e non meno in quella del divin Putto , la ingombr la piet dei fedeli. 
Imperocch se da tali documenti e da complete osservazioni potesse 
mutarsi in certezza il sospetto del dottor Kolfs che quella statua sia 
uscita dallo scalpello del Laurana, non sarebbe pi luogo a dubbio 
ch'egli e non altri sia stato il Maitre des bustes , che inutilmente si 
va cercando fin ora. Tanta finitezza e perfezione d'arte trovasi in essa 
cos nella testa della Madre che in quella del Figlio, cio in quanto 
dato vederne al presente, da dovervi scorgere un 7 esecuzione con- 
forme a quella dei detti busti 4 . 



1 In Zeitschrift fur bildende Emisi. N. F. XVII. H. 8. 193-195. 

2 Di Marzo, I Gagini, ec, voi. II, doc. VI, pag. 8. 

3 Pirri, Sicilia sacra. Panormi, 1733, tom. VI, not. VI, pag. 878. 

4 Non comprendo per fra essi , come opere del dalmata , il busto di Pietro 
Speciale nella scala del suo antico palazzo in Palermo , e V altro del giovinetto 
(probabilmente suo tglio, a lui premorto) nel Museo Nazionale palermitano. Pe- 
rocch ambi quei busti, fino a prova contraria, stimer sempre di Domenico Ga- 
gini, preferendo alle altrui vaghe impressioni le induzioni basate su documenti. 



NUOVI DOCUMENTI DI PIETRO DI BONATE 

Scultore lombardo in Sicilia nel Quattrocento. 



Neil' Archivio Storico Messinese (anno IV, Messina, 1903, pag. 221 
e seg.) il cav. Gaetano La Corte Cailler diede gi in luce circa una 
terza parte soltanto di un documento inedito notevolissimo del 1408, 
riguardante il lombardo scultore Pietro di Bonate, latinamente de Boni- 
tate l , non che il compimento della sontuosa decorazione marmorea della 
porta maggiore del duomo di Messina; il qual documento egli attinse 
dai rogiti di notar Leonardo Camarda in quell'Archivio Provinciale 
di Stato. E poich molto innanzi , merc un altro documento palermi- 
tano da me rinvenuto 2 , io era riuscito pel primo a disseppellir dal- 
Pobblo la memoria di un tale artefice , che con Francesco di Laurana 
e Domenico Gagini f' parte di una insigne triade di rinnovatori della 
scultura in Sicilia , stimo qui ora utile dar fuori intero il documento 
messinese anzidetto insieme a due altri , che vi sono allegati e che 
fedelmente trascrivo, corredandoli di une osservazioni. Leggesi dunque 3 : 

Ultimo octobris [indiz. II, an. 1468]. 

Magister petrus de bonitate, lombardus, residens in presenciarum in urbe 
felici panormi, couseuciens, etc, sponte se constituit et sollepniter obligavit 
sollepni stipulatone, interveuientibns magnitcis viris Johanni de faleonibus, 
Johanui de Johanne, angelo de lignamine et petro de stayti, tamquain jnratis 
nobilis civitatis messane et in eodem officio Juracie perseverantibus, nec non 
et maguiflcis Jacobo campulu, ci vi messane, tamqnara anno preseuti magistro 
opere sive fiabrice opere sancte inajoris messanensis ecclesie, nec non et An- 
thonio muleti et petro de stayti similiter tamquain magistris opere frabrice 



1 Bonate superiore e Bonate inferiore sono un connine di Lombardia in pro- 
vincia e circondario di Bergamo, mandamento di Ponte San Pietro. Fi da un tal 
luogo di sua nascita si cognomin lo scultore, che pure il Muntz appella di Bonate. 

2 Cfr. Di Marzo, I Gagini e la scultura in Sicilia nei secoli XI' e XVI. Pa- 
lermo, 1883, voi. II, doc. V. pag. 7 e seg. 

3 Agli atti di notar Leonardo Camarda nel volume degli anni Uti8-71 , nel- 
l'Archivio Provinciale di Stato in Messina. 



o64 G. DI MARZO. PARTE II. 

predicte diete ecclesie in ai ori s messar.ensis, in ordine sequentibus post pre- 
beutem annum, presentibus et stipuhmtibus pr dieta opera et frabrica diete 
ma jori s messtmensia ecclesie : lune ad anuos duos proximo venturos, ut ma- 
zouus, ut decet , compiere subscriptam jauuam maiorem diete sancte raaioris 
niessauensis ecclesie cura lapidibus marmoreis et aliis quibuscumque expeusis 
dicti magi stri petri, et expedire et compiere fabricani et jauuam predictam, 
hacteuus inceptam et apparentem secundum designimi in forma diete janue 
complende per ipsum magistrum petrum, visutn recoguitum et sibi exbibitum 
et obsteusum in tela , pcrmanendnm penes magistrum opere predictum et 
consocios suos , etiam in dicto officio animatila sequentes , cimi omnibus et 
singulis ornamentis, foglagiis, fguris et aliis quibuscuuque necessariis, diete 
janue necessariis et ceteris aliis apparentibus hedificiis diete janue agiture 
conformis, et dictam jauuam cimi lapidibus marmoriis fabricare, expedire et 
compiere, ut decet, cimi omnibus fguris marmoreis, foglagiis , volugiis et 
aliis quibuscunque necessariis oruamentis : Et hoc pr unciis auri duo centis 
quinquaginta dicto magistro petro solucionibus et temporibus infrascriptis, 
de quibus iu presenciarum dictus Jacobus eidem magistro petro presenti 
pr... parte solucionis fabrice predicte se nomiuibus quibuscunque constituit 
solutorem unciarum auri quinque unciarum quatraginta quinque ad compli- 
mentimi unciarum quinquaginta, secundum suinitur pr eius officio anno pre- 
senti; eidem magistro petro seu alteri legitiine pr sui nomine ei pr parte... 
prestantis fdeiussiouem per ipsum magistrum petrum in urbe panormi, gratam 
maguificis domino pliilippo eampuli et Johanni de Joliaune, seu aliis quibus 
deeet in officio prenominato , de implicando dietas uneias quinquaginta in la- 
pidibus marmoriis ad opus fabrice et complimentimi diete jauue , afferendis 
messanam, sub omni et quocunque risico et perieulo dicti magistri petri, iu 
centrata videlicet in portu nobilis eivitatis messane, consignandis in centrata 
auula 2 ; quorum dicti magnifici prezii predicti, quantum serra, nomine dicti 
magistri petri, solvere teuentur et eonstituerunt : quos lapides dicti magnifici 
eorum sumptibus se eonstituerunt deferri tacere a ni ari ti ma ad locum depu- 
tatum pr fabrica predicta feuda : quibus lapidibus ibi delati s, idem magister 
petrus se ad mastbazenuin opere predicte, prope ecelesiam maiorem, consti- 
tuit taniquam mazonum pio compiendo dictam januaui laborare per se et eius 
laborautes et vacare in expedimento et fabrica jauue predicte usque ad fnem: 
reliquas uutias auri ducentas ad complimentum integri precii dictus magni- 
ficus antonius de inoletis, magister opere anni terzie Ind. primo venturi, pr 
rata eum nomiuibus quibus supra contingenti , eidem magistro petro solvere 



1 Fin qui soltanto trascrisse e pubblic il La Corte Cailler; e tutto il rima- 
nente, lasciato inedito, fu indi <ia me trascritto ed ora la prima volta viene qui 
in luce. 

2 Non son certo di questa lezione del nome proprio della contrada, potendosi 
fors'anco leggere rinula o vivida. N ad alcuna contrada della marina messinese, 
a quanto io mi sappia, rimane ora alcun nome di tal natura. 



PARTE li. NUOVI DOCUMENTI DI PIETRO DI BOXATE. 365 

et pagare tenetur et promisit in pecunia numerata cum laboraverit et vaca- 
verit in fabrica et expedinieuto janue predicte : magnificila Johannes de 
Job arine , nomine et pr parte magnifici a ti toni i saccani . diete fabrice ma- 
gistri opere in anno quarte Ind., se constituit soluturum eidem magistro petro 
ratam precii predicti coutingentem dicto antouio saccano tari qua in magistro 
opere diete fabrice pr anno quarte Ind. proxime futuro, cimi dictus magister 
petrus laboraverit et vacaverit iu fabrica predicta. Similiter magnificila al- 
fonsins de stayti, nomine magnifici nucii de boniilio, magistri opere predicte 
in anno quinte Ind. proxime futuro, eidem magistro petro, presenti pr fa- 
brica et complimento diete janue, se constituit soluturum ratam contingeutem 
dicto micio , tamquam magistro opere , prezii predicti. Similiter maguificus 
alfonsius de stayti , tamquam magister opere predicte in anno sexte Ind. 
proximo future, se constituit soluturum eidem magistro petro ratam contin- 
geutem ipsius pretii... nominibus pretii predicti: qui magister petrus tenetur 
et promisit in dieta fabrica p nere lapides marmoreos , magisteri um eius et 
attngere seu assictari lu lavuru bi havira taglata : magistri opere predicte 
tenentur et debent iu dieta fabrica et expedinieuto predicto ponete pontes, 
magistros moratores et manuales , calcariam calcis et alia necessaria : ulterius 
tenentur et promiseruut, durante dieta fabrica, eidem magistro petro pr se 
et famulis suis si ve laborantibus mastbazenum opere predicte dum vero ma- 
gister petrus , famuli eius et laborantes sui possint habitaro et morari iu 
masthazeno opere prediete; in quaruin aliqua solueione... dicti magistri... te- 
neri voluit dietis maguificis nomine diete opere ad omnia dapna , expensas 
et interesse: iu quo casa liceat dietis magnificis, nomine diete ecclesie, sumpti- 
bus omnibus et expensis dicti magistri petri coiupleri facere ad dietas fabri- 
cam et complimentimi janue predicte usque ad debitum fine-m; in quo casa 
possit beri executio brevi maini in persona et in bonis dicti magistri petri. 
Que omnia, etc. 

Presentibus magnifico domino Jolianue de stayti milite, ven. fratre leonta 
de falconibus et no. antbonello de aza fello. 

Vi inoltre inserita quest'apnea in egual data : 

Eodem. Dictus magister petrus sponte pr causa predicta coufessus est 
se recepisse et Imbuisse a discreto et maguifico Jaymo rizu presenti, velati 
procuratore et crideuzerio opere prediete , per banconi miucii mimila, uncias 
auri quiuque .... l'enunciando, etc, et tarenos sex pri farisi spisa pr rece- 
dendo a civitate messane et se conferendo iu urbe panormi. Presentibus 
matlieo de cathaudo et dannano spinella. 

E poi del tempo, in cui l'opera fu compiuta dopo quasi nove anni, 
vi ha questa seconda apoca a saldo di tutto il prezzo : 

xj frebruarii x. 1 ' lud. m. cccclxxvj 1 dictus magister petrus de bouitate... 
de precio diete janue, videlicet de precio predicto.... de dietis unciis duo- 



1 Anno 1476 col vecchio stile, ma 1477 col nuovo. 



366 G. DI MARZO. 



centi* quinquagintn, computatis omnibus solucionibus .... sibi factis, est con- 
fessila sibi integre et in totum fuisse solutum et satisfactum , ])resentibus 
presbitero berto di la castello, presbitero Jobauue pisanello et berico micbo 
de leone. 

Or dai detti tre rogiti messinesi evidentemente risulta , ehe ai 
31 di ottobre del 14(58 lo scultore Pietro di lionate, essendo andato 
da Palermo a Messina, vi ebbe allogato tutto il lavoro di compimento 
della decorazione in marmo della porta maggiore di quel duomo; che 
non pot ivi incontanente por mano all'opera , essendosi pure allora 
obbligato mandarvi in prima i marmi da lavorarsi; clie quindi tosto, 
avuti tari sei per le spese del viaggio, sen ritorn a Palermo , sua 
ordinaria dimora , e che poi molto pi tardi si occup di quella in 
Messina, laddove essa non ebbe termine se non circa nove anni ap- 
presso, quand'egli con l'apoca degli 11 di febbraio del 1177, e non 
prima, sen dichiar soddisfatto di tutto il prezzo. X pot essere stato 
altrimenti (checch ne abbia pensato in contrario il cavalier La Corte 
Cailler) i , giacche, pure ignorandosi gli altri suoi impegni anteriori 
in Palermo , certo che lo stesso scultore , insieme a Francesco di 
Laurana, dovea decorarvi di sontuose sculture la cappella de' Mastran- 
tonio in San Francesco d'Assisi, allogategli a 2 di giugno dello stesso 
anno 1468, cinque mesi avanti che la porta del duomo messinese 2 ; 
e non a dubitare che le abbia fornite molto pria d' intendere ad 
essa. Ma ci non tutto. Perocch indi trovo una lettera in data di 
Palermo a 13 di ottobre del 1472 , onde il vicer Lopez Ximenez de 
Urrea ingiungeva ad un Guglielmo Vaccaro, canonico palermitano e 
collettore delle rendite dell' arcivescovo (allora Paolo Visconti) , che, 
qua! debitore di quest'ultimo , pagasse trentacinque onze a maestro 
Pietro di Bonate, incaricato del lavoro del soglio reale in marmo nel 
duomo. Il qual documento, che trascrivo dai registri del Protonotaro 
del regno di Sicilia (reg. 71, e. 37 v. a 38, an. 1472-73) nell'Archivio 
di Stato in Palermo, il seguente. 

Pro mayistro petro bollitati. 

Joaunes, etc. Vicerex, etc. Venerabili guillelmo vaccaro, canonico pa- 
normitano, collectori redditnuui R. mi archiepiscopi panorinitani, oratori regio 
dilecto, saluterei : Cimi sit chi la eclesia raajuri di quista felichi cintati di pa- 



1 In Archivio Storico Messinese. Anno IV. Messina, 1903, pag. 220 e seg. 

2 Cfr. Di Marzo, / Gagini, oc, voi. II, doc. V, pag. 7. 



PARTE t. NUOVI DOCUMENTI DI PIETRO DI BOXATE. 36? 

lertno seiupri sia stata la sedia et loco ondi soli sediri venendo ala dieta 
eclesia la Maist delo signuri Re et soy presidenti seu vicegereuti , et per 
farisi altri fabrichi et ornamenti in lo choro di la dieta eclesia la dieta sedia 
sia guastata et levata, la qual cosa nui sapendo indi raxonammo cum hi dicto 
R. m0 archiepiscopo , lu quali ni promisi fari la dieta sedia et contribuii la 
mitati di la dispisa di la dieta opera , et P altra mitati si divia pagari dili 
denari dili marammi : Et nui , per honnri dilo dicto Signuri Re ac soi suc- 
cessuri, bagiamo dato ordini fabricarisi la dieta sedia di marmori, sicut decet; 
divendosi pagari lo mastro dila dieta opera, et sapendo nuy vui esseri de- 
bituri alu dicto R. m0 archiepiscopo, vi dicliimo, hortamo, requirimo et qua- 
tenus opus est comandamo qaod de pecuniis elicti debiti digiati pagari et con- 
sigliar! a mastro petro de bollitati , maystro marmoraro , uuci xxxv per la 
mitati contingenti alu dicto archiepiscopo, recipieiido vuy da ipso apoi'a de 
recepto, pr vestri cautela ; li quali unci xxxv comandamo volimo vi siano 
admissi dali audituri di vostri cuneti seu procuraturi di lu dicto archiepiscopo, 
non fachendo di czo lu contrario pirch ni fora displachenti... , sapendo nuy 
lu dicto archiepiscopo esseri contento et permsinilo. Datum Paiiormi xiij 
octobris vj. e Ind. Lop. X1MENEZ DE Urrea. 

Dominus vicerex mandavit mi/ti gerardo agiata prothonotario. 

Da ci adunque innegabile che Pietro di Bonate era tuttavia 
in Palermo nel 1472, intento al lavoro del soglio reale in marmo, al- 
logatogli dal vicer pel prezzo di settanta once, rilevante anzich no 
per quei tempi, da pagargli in met l'arcivescovo ed in met la Ma- 
ramma ossia l'Opera della fabbrica del duomo. Sembra perci che fin 
allora non fosse ritornato in Messina a darvi principio ai lavori di 
compimento alla decorazione in marmo della gran porta di quel mag- 
gior tempio ; ed anzi probabile che ancor non poco egli abbia in- 
dugiato a recarvisi, bench obbligatosi dal 1408, laddove l'ultima sua 
apoca a saldo del prezzo di quei lavori poi del 1177. 

Ma qual fu ivi l'opera ornamentale del lombardo scultore a com- 
piervi la decorazione marmorea preesistente ? indiscutibile in vero 
che, quand'egli a ci fu adibito , propriamente il grande arco acuto 
di quella porta era stato gi tutto decorato delle ricche sculture in 
marmo, ornamentali ad un tempo e figurate, che vi si ammirano tut- 
tavia. Son quelle degli stipiti in doppia fascia con le ligure dei pa- 
triarchi e dei re della genealogia del Redentore, non che con varie 
altre figure in bei meandri di ornati; e nell'architrave retto le mezze 
figure degli Evangelisti coi relativi lor simboli e col divin Pargolo in 
mezzo , e sul detto architrave in un lungo cartoccio ed in lettere go- 
tiche P iscrizione : liane vitam accomodabit xps qui pr co certabit l 7 



1 Cos precisamente sta scritto : ma la parola qui dee leggersi vui per far senso. 



368 Cx. DI MARZO. 



frammezzata questa da una corona, che sovrasta al Bambino sotto- 
stante : oltrech vi sono alle estremit quattro scudi, due per ciascuna, 
con le armi della casa regnante di Aragona e della citt di Messina, 
svolgendosi poi al di sopra un ampio e stupendo fregio ad archetti 
e meandri ornatissimi, il quale decora la parte pi acuta dell'arco. 
N qui si limit la decorazione pi antica, dovendosi con la interiore 
contare ancor 1' altra pi sporgente , che tutto esternamente adorna 
l'arco medesimo dall'imo al sommo. Questa, che fino all'altezza del- 
l'architrave prospetticamente riancheggia gli stipiti, si compone di due 
ordini di parecchie sottili colonne per ciascun lato, legate le inferiori 
da tralci di vite con molti putti ignudi, che vi si appendono, mentre 
al di sopra vengon fuori da archetti a trifoglio sei mezze figure mu- 
liebri, tre per ciascuna banda e forse ritratti, alle quali sovrasta il 
second' ordine di colonne , adorno pure in mezzo da tralci di vite e 
grappoli e con ricchi capitelli di acanto spinoso e di stile settentrio- 
nale. Su questi poscia impostata l'esterna ornamentazione della parte 
pi acuta dell'arco in cordoni concentricamente disposti, dei quali il 
maggiore e mediano ricorre con un bel fregio a meandro con foglie 
e grappoli d'uva, e l'estremo ed esterno d luogo ad un'elegante cor- 
nice di archetti a rovescio. 

Non dubito intanto che tutta cotale opera, non meno ammirabile 
e preziosa nel complesso che nelle singole parti , appartenga pi o 
meno alla prima met del trecento, siccome ad un tempo dimostrano 
ed il carattere innegabile delle sculture di essa e gli scudi con le 
regie armi d'Aragona, che vi sono apposti. Laonde forse non si diva- 
gherebbe dal vero pensando, che ne sia stato primo e precipuo scul- 
tore quel medesimo Goro o Gregorio di Gregorio da Siena, di cui si 
legge il nome con l'anno 1333 nel sarcofago dell'arcivescovo Guidotto 
de Tabiatis nel duomo stesso di Messina , dove altres ne esiste sopra 
un altare una Madonna col Bambino , mezza figura in marmo , che 
prima facea parte dello stesso sarcofago. Notevole analogia di sviluppo 
e di carattere stilistico si avverte ivi intanto fra le sculture di esso 
e quelle della parte pi antica della porta maggiore ; e ci appunto 
rafforza l'opinione , che Goro non siasi recato a Messina soltanto per 
quel sarcofago, ma bens per la sontuosa opera della porta medesima, 
e che pei lavori di essa, pi che per altro, non sia indi pi ritornato 
in terraferma. Perocch quivi , dopo 1' urna di San Gerbone , da lui 
fornita sulle migliori tracce dell'arte nella cattedrale di Massa in Ma- 
remma nel 1323, non si ha contezza di altre sue opere l . Vuoisi anzi 



1 Cicognara, Storia della scultura.., in Italia. Prato, 182o, voi. Ili, cap. V, 
ig. 297. 



PAItTE II. N'UOVI DOCUMENTI DI PIETRO DI BOXATE. 369 



aggiungere che probabilmente in Messina non sia stato ideato se non 
da lui l'intero disegno della decorazione dell'anzidetta porta del duomo 
con la gran cuspide sovrastante nel mezzo e coi due grandiosi can- 
delabri sporgenti dai lati con dieci statue, e ch'egli, forse prevenuto 
da morte, non sia stato a tempo ad eseguirlo del tutto. Certo che 
quando nel secolo seguente venne allogato a Pietro di Bonate il com- 
pimento di s grand'opera, espressamente si volle ch'ei la compiesse 
8ecundum design ti m .... risimi, recognitum et siiti exhibitum et obstensum 
in tela, cio un disegno non suo, ma certo preesistente e fors' anco 
lasciato da Goro. 

Comunque egli sia, i detti due grandi candelabri dei lati nel loro 
complesso ornamentale non sono ad attribuirsi, a mio avviso, che al- 
l'arte del trecento. Sorretto ciascuno da una colonna, col fusto a treccia 
di cordoni e con capitello a piccole foglie, poggiando sul dorso di un 
leone secondo Fuso prevalso dal medio evo, d luogo esso al di sopra 
siccome a quattro tabernacoli, 1' uno siili' altro, con relativi cappelli 
in marino ornatissimi e dagli archetti a trifoglio, con la maggior pre- 
valenza di antico e nordico stile. Dentrovi in ambo i candelabri son 
otto statue, pi o meno grandi, una per ogni tabernacolo, oltre due 
di angeli in piedi al di sopra . standone una al sommo di ciascuno 
dei candelabri medesimi e dandovi termine. Ma di cotali dieci statue 
non contezza da chi e quando siano state scolpite, tranne che di 
(incile degli apostoli Pietro e Paolo, opera del carrarese Giambattista 
Mazolo insieme all'altra della Madonna sedente col Bambino in grembo, 
posta sull'architrave in mezzo al vano dell' arco, tutte e tre scolpite 
e collocate tra il 1524 e il .'4. Sembra per evidente, a rilevarlo dallo 
stile e dal grado di sviluppo dell'arte, che al sorgere del cinquecento 
altres appartengano le cerniate statue dei due angeli in cima , ed allo 
stesso secolo pi o meno le due minori statuine giovanili , special- 
mente quella dell'angioletto con le braccia conserte al petto, ossieno 
in basso le due prime, che si levano sulle colonne. Le due seguenti 
pi in alto, che son di due sante vergini, di cui una par S. Barbara, 
non poi a dubitare clic siano di scalpello pi antico : ma non fa- 
cile precisare di quanto. Ed indi quelle dell'Annunziata e dell'Arcan- 
gelo, che stanno all'altezza del cominciar della cuspide e la fiancheg- 
giano , rivelansi sculture del secolo XV. e tali da potere fors' anco 
ascriversi a Pietro di Poliate, specialmente osservando clic ivi la poca 
genialit di espressione della figura della Madonna ha molto riscontro 
con la fiacchezza della statua di essa siili' altare della cappella de* 
Mastrantonio in San Francesco d'Assisi in Palermo. 11 che certo 
da ascrivere ai tanti problemi, di cui non di leggieri trovasi il ban- 
dolo in fatto di cose d'arte. 24 



370 G. DI MARZO. PARTE II. 

L' opera di compimento di s magnifica decorazione in marmo 
della porta maggiore del duomo messinese, qua! fu allogata a Pietro 
nel 1468 e terminata dal medesimo nel 1477 , io tengo intanto che 
principalmente sia stata la sontuosa cuspide marmorea sovrastante al 
grand'arco di quella. Sull'estrema cornice della parte pi acuta di esso 
arco ei quindi cominci dall' aggiungere una fascia, nella quale ricor- 
rono fra le loro ali spiegate tredici teste vaghissime di serafini, lad- 
dove leg inoltre ai candelabri laterali una bella cornice a dentelli 
ed a fogliettine di acanto, la quale d luogo al gran triangolo della 
cuspide. Questa poi esternamente della detta cornice decor di grandi 
fogliami con rosoni , otto per ciascun de' due lati , e la termin in 
cima con un bel capitello corinzio, i>ostavi sopra la consueta mezza 
figura di Dio Padre benedicente e col libro in mano. Quivi l'aura del 
Rinascimento spira pi viva che altrove in tutte le forme architetto- 
niche ornamentali, e non men certamente nel soggetto figurato al di 
dentro. Perocch tutto lo spazio interiore del detto triangolo ei de- 
cor nel mezzo con un gran tondo o medaglione marmoreo, vagamente 
fregiato di archetti a trifoglio in giro , dentrovi in altorilievo le due 
figure sedenti e bellissime della Vergine , che a mani giunte riceve 
sul capo la corona dal Redentore : oltrech indi egli colm i tre spazi 
minori triangolari , che restan fuori del gran medaglione di centro, 
con nove mezze figure di angeli, tre per ogni spazio, in atto di suo- 
nare strumenti musicali, ovvero preganti. Si nota di essi che non han 
la bellezza e l'espressione delle due principali figure, e che per merito 
di tecnica ne stan molto pi in basso, e che son posate come tipica- 
mente. Ma forse cos volle lo stesso scultore, acci le figure accessorie 
non distraessero dal soggetto primario. Del resto cotale insigne opera 
di cuspide senza fallo da annoverarsi fra le pi pregevoli sculture 
dell'arte lombarda in quel tempo; e ch'essa sia quella appunto onde 
si volle che Pietro di Bonate desse compimento alla gran decorazione 
marmorea, di cui discorso, pare risulti evidente dall'atto stesso di 
convenzione coi Messinesi , bench non vi sia espressa con termini 
precisi, ma cennata generalmente con termini, che vi alludono. Vi si 
legge di fatti , eh' egli doveva farla cum omnibus Jiguris marmoreis, 
foglagiis , volugiis et alils quibuscunque necessarils ornamentis ; ed il 
prezzo fissatovi di onze 250 (L. 3187, 50), in rapporto al valore della 
moneta in quel tempo , ben corrisponde alle spese ed al merito del 
lavoro. 

Finisco, aggiungendo qualche notizia del suddetto soglio reale in 
marmo, del quale , per ordine viceregio , lo stesso Pietro occupavasi 
nel 1472 nel duomo di Palermo. In esso duomo, finch non fu van- 



PARTE II. NUOVI DOCUMENTI I>I PIETRO DI BOXATE. 371 

dalicamente rifatto, poggiavano ai pilastri dinanzi al coro due sogli 
in marmo, un dalla destra dell'altare pel re o pel vicer, e l'altro 
dalla sinistra per l'arcivescovo. Del secondo risulta (checche ne sia 
stato dinanzi), che per pubblico atto del 7 di novembre del 1544, gi 
da me pubblicato 1 , si obbligarono insieme a farlo di marmo i fra- 
telli Giacomo e Fazio Gagini di unita ai loro congiunti e scultori Fe- 
dele e Scipione di Carona, padre e figliuolo ; e fu certamente quello, 
ch'esisteva al tempo del Mongitore, che lo descrisse 2 , ma che poi 
scomparve affatto, sostituito da uno posticcio in legno. Per non ri- 
sulta fin ora che il soglio regio fino al declinare del settecento abbia 
giammai subito alcuna essenziale rifazione dacch l'avea fornito Pietro 
di Bonate, onde, a mio avviso, da credere, che , tranne in alcune 
modificazioni accessorie, fattevi dopo , vi corrisponda in sostanza la 
seguente descrizione , che pure ne lasci il Mongitore 3 : Il solio 
reale dalla parte del Vangelo ha cinque scalini di marmo, alto dal 
pavimento cinque palmi. Xe' suoi fianchi gli fan riparo due gran 
tavole di marmo, lavorate a craticola. Lunga palmi 10, alta 4, la 
spalliera messa a mosaico con porfidi e diaspri. Sopra si vedono 
due angioli volanti , che sostengono nel centro una corona gigliata. 
La piegatura della spalliera , che si piega a forma di tosello , di 
sopra forma un cielo tempestato di stelle e rose d' oro. Sopra detta 
copertura si alza a dar finimento al solio un timpano con due cor- 
nici, in mezzo alle quali in una fascia si legge a lettere ben grandi : 
piuma sedes corona RECiis et regni CAPVT. Sopra si vedono tre 
scudi tenuti ognun di essi da due angioletti. Quel di mezzo ha l'armi 
della Sicilia , quel della destra 1' armi della chiesa palermitana , e 
quel della sinistra l'armi della citt di Palermo. In altro timpano 
a triangolo era in uno scudo il nome di desi a lettere gotiche, e 
fu levato nel 1525 ... e collocato nella cappella della Madonna di 
Libera Inferni , come pure fu tolto uno scudo, che era in cima del 
timpano, coll'armi dell'imperatore Carlo V, ec. . Questo scudo era 
stato di certo aggiunto nel tempo, in cui Carlo regnava in Sicilia, e, 
durante il suo regno, era stato ancor tolto lo scudo col nome di Ges 
a lettere gotiche, cio col sacro monogramma, che, ideato e diffuso da 
San Bernardino da Siena nella prima met del quattrocento, era molto 



1 Cfr. Di Marzo. I Gagini ec, voi. II, doc. CCII, pag. 252. 

2 Nella sua opera inedita sn La Cattedrale di Palermo : ms. autografo nella 
Biblioteca Comunale Palermitana a' segni Q<i E 3, eap. XXV, pag. 159. Cfr, 
Di Marzo, I Gagini, ec, voi. I, cip. IX, pag. 512 e seg. 

3 La Cattedrale di Palermo. Ms. cit.. pag. 157 e seg. 



312 G. DI MARZO. PARTE II. 

in uso nel 1472, e quindi fin da principio dovea far parte del soglio. 
Questo poscia in complesso, ripeto, durava fino al tempo del Moni- 
tore, clie lo descrisse, lasciandoci almeno un'idea dell' opera, che fu 
dovuta al lombardo scultore. Ma tutto poi ne and a male quando 
l'antico duomo fu manomesso dal 1781 fino allo scorcio di quel se- 
colo. Eimosso allora l'antico soglio reale dal luogo o v'era dinanzi al 
coro, in ogni parte and sconvolto o distrutto. Sol ne rimane l'iscri- 
zione in una lastra di marmo ed a grandi lettere in tre righi , ripor- 
tata dal Mongitore , la quale fu trasferita e murata nel portico me- 
ridionale, dove fin oggi si vede, in alto della parete di fronte, a destra 
entrando. I grandi caratteri di essa iscrizione per la lor forma chia- 
ramente rivelano l'opera del quattrocento. All'antico poi fu sostituito 
il soglio di nuova fattura, qual ora si vede in fondo al coro, a destra 
dell'altare. Si erge pur esso con cinque gradini in marmo bianco : ma 
ne mancano affatto le due sponde marmoree laterali, sostituite invece 
da sconce balaustre di legno. La spalliera, piana del tutto, decorata 
di un moderno musaico ornamentale, che imita lo stile arabesco dei 
pavimenti delle chiese normanne; e simiglianti musaici han luogo al 
di sotto dai due lati esteriori del soglio. L'iscrizione in alto della spal- 
liera finalmente riprodotta in grandi lettere di bronzo dorato sopra 
una nuova lastra di marmo. Cos un architetto di genio vandalico, 
Ferdinando Fuga, sostituendo il moderno all'antico, distruggea l'opera 
di Pietro di Bonate. 

Palermo, dicembre 1906. 

Gioacchino Di Marzo. 



XILOGRAFIE SICILIANE 

IN UNA EDIZIONE MESSINESE DEL SECOLO XVI. 



Mentre sul cadere del XV secolo le immagini xilografiche delle 
edizioni di Norimberga fanno gi presentire l'abilit di cui gli inci- 
sori daranno prova pi tardi sotto l' influenza di Alberto Durer, ed 
in Italia gli intagli del Decamerone (1492) e del Polifilo (1499) gareg- 
giano per la purezza del segno e la leggiadria dei soggetti colle mi- 
gliori incisioni su metallo, nelle pi antiche stampe siciliane di quella 
fine di secolo, tuttavia esistenti, adorne di figure e di fregi 1 : le Con- 
stitutiones (1497) 2 e le Consuetudine* (1498)% entrambe raccolte da 
Pietro Appaio, l'incisione in legno appare ancora imperfetta e troppo 
vicina alle sue umili origini. 

La differenza perfino sensibile nelle pagine stesse del primo dei 
due libri, ove si confrontino lo stemma aragonese e le diverse capo- 
lettere colle piccole e ben composte vignette, che in due o tre tipi di 



1 Nessuna xilografia del 400 si fin qui ritrovata in Sicilia, che corrisponda 
alle moltissime, di carattere sacro, in vendita allora in Germania, e alle poche ita- 
liane illustrate dal Kristeller e da Lionello Venturi. Sembrerebbe pertanto accetta- 
bile, per quanto riguarda l'isola, l'an'ermazione, dimostrata non vera, del Liupmann, 
(Der italienischc Holzschnitt im XF Jahrhundert. Berlin, Grote, 1885), il quale am- 
mette soltanto verso la fine di quel secolo un notevole sviluppo delle immagini 
xilografiche nell'Italia settentrionale. Qualcuno di questi Iragili documenti deve 
tuttavia esistere nelle chiese, nelle biblioteche, negli archivi siciliani, in gran parte 
inesplorati, poich non da supporre, anche per la presenza degli stampatori te- 
deschi, stabiliti a Messina e a Palermo, che un'industria cos lucrosa fosse del 
tutto sconosciuta. 

2 Mongitore , Bibliotheca Sicilia, II, appendix, pag. 24 Mira, Bibliografia , I, 
169-170. I due esemplari della Comunale di Palermo , i soli forse esistenti , non 
sono perfettamente eguali nel testo; v. La Mantia, Antiche consuetudini delle citt 
di Sicilia. Palermo, 1900, in nota alla pagina LXXVI. 

3 Mira, op. cit., I, 255. Esistono a Palermo due esemplari di quest'opu- 
scolo, uno alla Comunale, l'altro alla Nazionale, quest'ultimo in cattivo stato di 
conservazione. Un terzo esemplare fu acquistato a Messina dallo Hartwig, che lo 
vendette alla Biblioteca del Senato, (v. La Mantia, op. cit., pag. LXXX). 



374 C. MATRANGA. PARTE II. 

re sbarbati, (sempre uguali), con corona, globo e scettro ci danno, nel- 
l'intenzione del tipografo, la serie non breve di sovrani da Giacomo 
(1285) a Ferdinando il Cattolico (1470). Queste invero risentono del 
gusto e dell'eleganza precisa di un miniatore, gi convertito ai nuovi 
metodi illustrativi , che tuttavia non osa abbandonare le dimensioni 
pi adatte ai suoi inezzi; quelle invece dell' imperizia di un umile al- 
lievo di stamperia, die vuol provarsi in un'arte, ritenuta affine alla 
propria, e nella distribuzione degli ornati e delle leggende, che com- 
pletano gli emblemi, smarrisce anche quel senso di armonia decora- 
tiva comune alle molteplici manifestazioni della vita e dell' arte nel 
Kinascimento. da supporre quindi che dallo stampatore Andrea di 
Bruges si adattassero al testo matrici importate, e che la parte illu- 
strativa pi. debole costituisca una delle prime esercitazioni dei xilo- 
grafi siciliani. 

Equilibrio maggiore e maggior sicurezza si trovano poco dopo in 
quell' enigmatica figura alata, racchiusa in una cornice rettangoare 
collo stemma messinese, posta in fine delle gi citate ConsnetudHe.s l , 
malgrado non abbia con esse alcun rapporto apparente. Pur respin- 
gendo l 'affermazione di Agostino Gallo *, (non esclusa dal Di Marzo) 3 , 
che la ritiene opera di un Jafo de Grannore, sol perch questo nome 
si legge a grandi lettere bianche su fondo nero al di sotto della sega, 
che fa da piedistallo all' uomo dalla lunga zimarra, cui credo debba 
riferirsi 4 , si pu tuttavia ammettere che siciliano dovette essere l'a- 
nonimo xilografo non solo per le particolarit dello stemma e della 
abbreviatura dialettale nella leggenda, notata dal Di Marzo r> , ma pi 
ancora per la purezza quasi ingenua del tratto, immune da qualsiasi 
traccia di contorcimento nordico. 

Da questi scarsi esempi ha origine in Sicilia lo sviluppo notevole 
delle illustrazioni xilografiche nella prima met, del XVI secolo e pre- 
cisamente sino al 1522 , dopo il quale anno parecchi ne trascorrono 
pria che da Pietro Del Po, Filippo Juvara e Pietro Dell'Aquila l'in- 
cisione siciliana, trasformata, riceva nuovo e fecondo impulso. 

11 singolare aspetto di coteste xilografe conseguenza di quella 
tencia conservatrice, abbastanza sensibile nei monumenti delle arti 



1 La riproduce il Mira, Man. di Bibl., Palermo, II, 394. 

2 A. Gallo, Elogio storico di Pietro Novelli. Palermo, 1830, pag. 62. 

3 G. Di Marzo, La Pittura in Palermo nel Rinascimento. Palermo, 1899, pag. 326. 

4 Nei ritratti xilografici : la firma dell'incisore, rarissima, non occupa mai uno 
spazio troppo in vista, di frequente indicata da un misterioso monogramma. 

5 Op. cit., pag. 326, 



PARTK II. XILOGRAFIE SICILIANE. 375 

principali, onde i caratteri del secolo tramontato permangono qua e 
l malgrado le diverse aspirazioni e insieme a forme pi. evolute. 
Cos mentre una classica larghezza gi piega e arrotonda le foglie e 
i rami, che egualmente inquadrano i monogrammi riuniti dei tipografi 
Antonio Maida e Giovanni Pasta nei frontespizi delle Pragmatico e 
dei Capitala (1511) l , le due opere del mazarese Giovanni Giacomo 
Adria (15151516) 2 e la traduzione di Silvestro Sigona (1521) 3 sono 
adorne di figure e di fregi, che, pur non ripetendo la loro origine da 
intagli pi antichi , conservano certi particolari stilistici evidentis- 
simi in altre xilografie del XV secolo tedesche e toscane 4 , inserite 
nelle stesse stampe, quasi a dimostrare la persistenza dei modelli an- 
cora in uso. 

Da tali soluzioni di continuit, che turbano 1' unit illustrativa 
dei libri ricordati , F arte xilografica apparirebbe in Sicilia soggetta 
sempre alla tradizione di determinate influenze, se a rivendicarne i 
caratteri originali, distruggendo ogni ipotesi pessimista, non si incon- 
trasse in una stampa messinese del 1522 un gruppo omogeneo di grandi 
e belle xilografe, fin qui poco accessibile agli studiosi, e non mai de- 
scritto con intendimenti critici. Alludo alle incisioni del rarissimo trat- 
tato : Sequitur la quarta Opera de arithmetica et Geometria facta et or- 
dinata per Johanne de Ortega spagnolo pale ut ino 5 , (di cui una copia 
trovasi da poco tempo nel Museo di Palermo), che x>ei loro rapporti 



1 Evola , Storia tipografico-letteraria del secolo XVI in Sicilia. Palermo , 1878, 
pag. 191 e 298, u. 52, 225. Pu darsi che anche qui si tratti di matrici impor- 
tate. I fregi infatti rivelano un unico intaglio pi grande e non eseguito per le 
dimensioni delle pagine, cui invece un incisore locale li avrebbe certamente adattati. 

2 G. Salvo Cozzo, Le edizioni siciliane del secolo XVI. Palermo, 1885, pag. 6 e seg. 

3 G. Salvo Cozzo, op. cit., pag. 13. 

4 Uno studio analitico come quello fatto dal Bartsch sulle xilografie del XV 
secolo, non incise pei libri, gioverebbe non poco alla ricerca degli originali. Cu- 
riose rassomiglianze esistono p. e. tra il Combattimento di cavalieri al verso della 
terza carta nell'opuscolo del Sigona ed una xilografia tedesca del 1476, riprodotta 
dal Eosenthal al n. 195 del suo Catalogo, (Incunabula xilografica et chaleographica. 
Miinchen), utile anche per riconoscere le vignette tedesche delle Laudi dell'Adria, 
pubblicate dal Maida nel 1529, quando cio la decadenza dell'incisione in legno 
cominciava a manifesfarsi. 

D Antonio (Biblioteca Htspanica 1-750), trascrive il titolo di un trattato di 
aritmetica dell'Ortega ripubblicato a Granata nel 1563 e a Siviglia nel 1573, che 
comprende probabilmente le tre prime parti della Quarta opera. Questa iu modo 
imperfetto riportata in molte bibliografe (Bruuet, Graesso , Mira, Evola etc.) e 
solo con esattezza dal Dott. Gaetano Caracciolo, che, a pag. 15 delle citate Edizioni 
del Salvo esamina la copia esistente nell'Universit di Messina, 



376 e. matranCtA. parte ii. 

di indiscutibile identit ci inducono a ritenere come certa l'esistenza a 
Messina in quell'epoca di un artista xilografo dalla tecnica personale e 
vigorosa , inspirata sempre ad un verismo sincero e ricca di nuove 
risorse. 

Eeputo quindi non inutile di descrivere, per la prima volta, le 
importanti xilografe con speciale riguardo alle figurazioni. 

I (carta 18, verso) 

Carlo V in trono. Siede quasi nel mezzo , ha sul capo la co- 
rona imperiale , sulla mozzetta di ermellino il toson d' oro , in una 
mano lo scettro, e volge a destra il viso, completamente raso, per ri- 
cevere un librOj che un giovane dalla barba a punta e vestito di una 
lunga tunica , aperta ai fianchi , gli offre in ginocchio. Ai lati della 
sedia a baldacchino con due leoni alati a guisa di bracciuoli , sulla 
quale leggesi REX CAliOLVS : IMP. stanno due gruppi di cortigiani, 
(ciascuno di quattro personaggi), nei pi svariati costumi : spaglinoli 
tedeschi e orientali , che commentano il gesto del donatore. Il fondo 
occupato da una tenda a minute pieghe. Dim. mm. 213 X 172. 

L' incisione, che rende assai bene il movimento delle figure, non 
fu fatta pel trattato dell'Ortega, come il soggetto potrebbe far credere; 
si incontra invece una prima volta nei Capitala, pubblicati dagli Spira 
nel 1521 *, ed poi riprodotta in quelli del 1526 2 . Nessuna somi- 
glianza vi infatti tra il personaggio inginocchiato e il ritratto del- 
l'Ortega, di cui parleremo in seguito. 

II (carta 29, recto) 

Santa Caterina, (fig. 57) In piedi nel mezzo, vista di fronte, 
Xiiega un po' verso sinistra la testa coronata e adorna di lunghi ca- 
pelli, chinando i grandi occhi a mandorla sopra un libro aperto, che 
tiene fermo al fianco coll'indice e il medio della destra distese e le 
altre dita ripiegate. La mano, che resta libera, poggia con eleganza 
non priva di energia siili' elsa a croce di un pesante e largo spadone, 



1 Salvo, op. cit. f pag. 12, n. 8. 

2 Salvo, op. cit. t pag. 19, n. 12. In questa comune stampa del XVI secolo si 
nota anche un legno tirato in pi esemplari e rappresentante un re in trono ora 
giovine, ora vecchio, che riceve i Capitala tra due gruppi sempre eguali di digni- 
tari. Le curiose immagini sono ottenute con due matrici mobili incastrate, secondo 
il bisogno, nell'intaglio principale. La xilografia di scarso valore artistico rivela 
tuttavia lo stile dell'autore del Carlo V, ed forse l'ultima da lui incisa. 



PARTE II. 



XILOGRAFIE SICILIANE. 



377 



presso il quale trovasi la ruota dentata e infranta del martirio. Un 
lungo e classico panneggio, fermato sotto il collo, avvolge l'esile figura, 
lasciando scoperto il busto verginale, chiuso come in una guaina da 
un corpetto a larghe striscie di pelliccia, e nascondendo in parte il 
vecchio steso per terra e poggiato sul destro braccio , di cui si intra- 
vedono solo il viso e la grande barba da fiume pagano. In fondo al di l 
di un vasto terreno ondulato e fertile, da una parte roccioso, si stende 



(gtalalcqaoiKtnftMOtcdrinotn eoo frhnqiirraof!tUKKU'><t>coapigniitraMiit 4i 

Kfw orna per bmo :i ; tc-iy j outr j ca-a tempo 




Fi-. 57. 



una citt marittima col porto fortificato, le torri e le cupole, (che nulla 
hanno di gotico), e gli alti campanili, qualcuno dei quali supera il li- 
mite netto dell'orizzonte. Dim. mm. 235 X 183. 

La xilografia, che non si trova in nessun'altra edizione del 500, 
sta qui a rappresentare la protettrice delle scienze e delle lettere. 
la pi bella della serie, e la maniera dell'oscuro maestro vi si rivela 
per intero nella eleganza dei contorni sintetica e misurata. 



3?8 C. MatraKga. 



Ili (carta 36, verso) 

8. Sebastiano. In piedi, legato a un albero , che si biforca in 
alto, volge il viso dai lineamenti nobilissimi verso destra con espres- 
sione apollinea di calma e di serenit , ed ha il corpo ignudo e vigo- 
roso gi ferito da pi treccie. Il terreno disseminato di pianticelle 
a lunghe foglie, come nella Santa Caterina. In fondo a sinistra un fos- 
sato rettilineo e un castello dalle mura merlate. Dim. mm. 161X099. 
un'immagine di devozione, inserita, nel libro. 

IV (carta 56, verso) 

Un astronomo l . seduto per terra sulla vetta di un monte con 
una gamba distesa e l'altra ripiegata, ha il capo protetto da un tur- 
bante, il corpo da una lunga zimarra stretta alla cintola, e, levando 
in alto la mano sinistra, misura le distanze tra gli astri del cielo con 
un compasso, le cui punte toccano due stelle. Presso a lui tra le ine- 
guaglianze della roccia si vedono una sfera celeste e alcuni libri. 
Dim. min. 092X070. Curiosa xilografia riprodotta probabilmente da 
qualche opuscolo popolare, di scienze occulte. 

V (carta 64, verso) 

S. Girolamo. Il Santo dalla folta barba, seminudo, inginoc- 
chiato a sinistra presso un'alta roccia, tiene nella destra una pietra 
e nell' altra mano il crocifisso, sul quale sono diretti i suoi sguardi. 
Dietro a lui appare la testa del leone, per terra dalla parte opposta 
posato il cappello cardinalizio. Dim. mm. 159 X 099. Xilografia in- 
feriore di merito alle altre e sommariamente espressa. anche questa 
un' immagine sacra, che non ha alcun rapporto col testo (v. n. III). 

VI (carta 65, recto) 

Ritratto di Giovanni de Ortega. (flg. 58) L'autore dell'opera 
seduto sulla cattedra, visto di fronte, e il suo volto raso, di forma un 
po' allungata, dalla fronte breve coronata di alloro, non ha alcun ca- 
rattere che ricordi la nsonomia giovanile del personaggio , descritto 
al n. I. Veste una tunica larga con mantellina a squame, ed accenna 



1 Non Euclide, come crede il Caracciolo. 



PARTE II. 



XILOGRAFIE SICILIANE. 



379 



coll'indice della mano sinistra ad una figura geometrica, racchiusa in 
una superfcie rettangolare. Pi in basso ai due lati, nei banchi a piano 




POI cB in tutte Ter egule & capitali padri teho in tfgnato fi 
mete in che modo & manera fefara qua! teuoglia re gufa mcr< 



Fig, 58. 



inclinato stanno quattro discepoli dai capelli lunghi e lisci in attitu- 
dini diverse di profonda attenzione. La cattedra, sulla cui predella si 



380 



C. MATRANGA. 



legge il nome : Johanne De Orteca, adorna di due sfingi, che intrec- 
ciano le code. Accanto al maestro si notano una squadra ed alcuni 
libri, uno dei quali, sopra un leggo a destra, con le pagine coperte 
di grossi numeri. Dim. mm. 122 X 107. 

Questa xilografia ha valore di documento, e supera nello studio 
dei particolari, che ne rendono non dubbia l'autenticit, quella, cui 
dobbiamo il ritratto del vecchio Adria , due volte ripetuta nelle ci- 
tate stampe palermitane, e di recente riprodotta da R. Stanley Faber 1 . 

A queste belle figurazioni si alternano nel libro stemmi ed em- 




Fig. 59. 

blemi, resi con ampiezza decorativa; (primeggia la splendida arma del- 
l'Impero, (fig. 59), espressa con energia di segno, non facile ad imitare), 
svelte candeliere, fregi a foglie, a meandri, ad animali chimerici, che 
inquadrano le pagine, ed infine eleganti motivi stilizzati, come quello 
del legno longitudinale, in cui due putti sopra un alto albero, popo- 
lato di uccelli, raccolgono fiori per due giovani donne, che stanno sul 
prato ad attendere. 

Anche questa parte ornamentale ricca e varia e , dir di pi, per- 
fino la raccolta insignificante di esempi, che completano i problemi, riu- 



1 Printing in Sicily (1478-1554). A papcr read before the Bibliorjraphieal Society. 
Fehruary 19, 1900. London 1901. 



PARTE li. XILOGRAFIE SICILIANE. 381 

niti in fondo al volume, sono condotte nello stile delle figure a con- 
torni rapidi ina precisi, ombreggiati sempre da tagli trasversali, che 
cambiano di pendenza e di direzione a seconda dei valori diversi del 
chiaroscuro e degli effetti prospettici : e contribuiscono a ben deter- 
minare la fisonomia dell'ignoto e unico illustratore. 

Ma chi fu mai il modesto artefice, indubbiamente formatosi alla 
scuola del grande Antonello, la cui opera tutta, chiusa come in un 
albo, nel raro in-folio, uscito dai torchi di Giorgio e Pietruccio Spira ''. 
L'indagine non facile , n pu giovarsi del sussidio di prove certe, 
ma, pur limitandola al solo esame dei rapporti stilistici, forza rico- 
noscere in lui le qualit e i difetti dell' anonimo messinese della Di- 
sputa di 8. Tommaso, (Museo di Palermo) , e dei Magi, (Chiesa paler- 
mitana del Cancelliere) , che qui ripete con tecnica diversa ma non 
meno ferma il carattere e i lineamenti fisonomici dei suoi personaggi 
dalle ricche vesti, disposti con egual simmetria, facendo al solito gran- 
deggiare nei piani pi remoti, contro le leggi del disegno e della pro- 
spettiva , le figure principali a scapito delle secondarie , piccole ed 
umili nella brevit degli spazi, loro concessi. 

Da queste intime analogie nuova conferma riceve una giusta at- 
tribuzione del Cavalcasene , accolta dal Brnnelli , il quale non solo 
scorge nelle tavole suddette la mano di Antonio De Sabba, ma gli 
assegna con ragione il *S'. Sebastiano di Berlino, (affine all' immagine 
incisa) ; ed infatti dall' intaglio in legno ornamentale , che il pittore 
apprese dal padre Giovanni, ed esercit da solo con perizia l , all'in- 
taglio xilografico breve il passo , e giustifica inoltre la soverchia 
preziosit decorativa, a torto censurata dal suo severo biografo ? , che 
si ritrova non meno leggiadra e varia nella serie descritta , riflesso 
discreto, ma ancor vibrante della pura giovinezza quattrocentesca. 



1 G. Di Marzo, / Gagini. Palermo, 1883, I, 171, 678 a 680; II, Doc. ai nu- 
meri : CCXCVI-CCXCIX.CCC -CCCI. 

2 E. Brunelli, Antonello De Saliba. v. V Arte, anno VII ; 1904), pag. 271 e seg. 

Palermo. 

Cesare Matranga. 



LO STENDARDO DELLA SANTA LEGA DEL 1571 



Lo Stendardo della Santa Lega, benedetto da Pio V e consegnato 
solennemente nel tempio di Santa Chiara in Xapoli a Don Giovanni 
d'Austria dal Cardinal Granvela il 14 agosto 1571; spiegato sublime 
su la galea Beale il 7 d'ottobre, al momento d'ingaggiare la grande 
battaglia, e salutato quattr' ore appresso dall'immenso grido di vittoria 
dei Cristiani; quello Stendardo , dopo di avere invano cercato, nel suc- 
cessivo anno, nuovi raggi di gloria nei mari del Levante , veniva tri- 
stamente abbassato nel porto di Xapoli ai venti d' aprile del 1573, 
quando improvvisa e inattesa vi giungea la nuova del disfacimento 
della Lega, per la conclusa pace di Venezia col Turco. 

Che ne avvenne dopo ? E che memoria ci resta di s glorioso ci- 
melio ' E, prima d'ogni altro, come e quale era esso ? 

Cercher, per quanto possibile, di appagare il giusto desiderio 
di queste domande , interrogando , tra l' ingente numero di scrittori 
coevi al memorando avvenimento della Lega, quei che veramente sono 
al caso di farci conoscere quanto occorre, o perch sotto a quella In- 
segna pugnarono, o perch con amore e diligenza ne raccolsero e di- 
vulgarono i fasti '. 

Ferrante Caracciolo , un prode che con la spada e con la penna 
illustr Lepanto e le altre imprese di Don Clio vanni contro i Turchi, 
scrive che il Papa gli mand lo Stendardo con 1' armi de Collegati, 
sopra le quali era un Crocifsso 2 . Bartolomeo Sereno, altro valoroso 
che alla fede e all'onore della propria nazione consacr tutta la vita 



1 Nella Biblioteca dell'Escuriale, tra le varie scritture mss. del sec. XVI re- 
lative alla vittoria navale del 7 ottobre 1571 , ne trovo fuggevolmente ceunata 
una su lo Stendardo di Lepanto, ebe ignoro qual valore ed estensione abbia. Cfr. 
Gli Archivi e le Biblioteche di Spagna in rapporto alla storia d'Italia in generale e 
di Sicilia in particolare; Relazione di Isidoro Carini ecc. (Palermo, Tipografa dello 
Statuto, 1884), Parte prima, pag. 431. 

2 / Commentarii delle guerre fatte co' Turchi da D. Giovanni d'Austria, dopo che 
renne in Italia , Scritti da Ferrante Caracciolo Conte di Biccari (In Fiorenza, 
M.D.LXXXI. Appresso Giorgio Marescottij, pag. 11. 



PARTE II. LO STENDARDO DELLA SANTA LEGA DEL 1571. 383 

dando il braccio ed il senno, notava : Fn nella galea Reale di D. Gio- 
vanni inarborato il grande Stendardo della Sacra Lega, il quale dal 
Papa era stato mandatogli con gran circostanze di devozione , a fine 
che non prima che il giorno della battaglia si dovesse spiegare; nel 
quale Stendardo una gran figura di nostro Signore Crocifisso era di- 
pinta i . Paolo Paruta e Giovan Pietro Contarmi, in forma pressoch 
identica fanno solo conoscere , che lo Stendardo della Lega inalzato 
su la Beale portava le armi dei tre Potentati confederati 2 ; ma Uberto 
Foglietta con pi precisione: Austrius , omnibus rebus ad imminens 
certamen instructis, Yexillum, in quo sub imagi ne unanimi Xuminis in- 
signii foederatorum Principimi expressa erant, Pontefice transmissum 
-extollit 3 . Meglio specificando , Tomaso Costo menziona lo Sten- 
dardo della Lega mandato dal Pontefice , su il quale era dipinto un 
Crocifisso con l'arme de' Collegati a' pie, nel mezzo quella del Papa, 
a man destra quella del Ee , et a sinistra quella de' Venetiani 4 . 
E qualche altra particolarit aggiunge lo storico della vita di Pio V, 
Giovann' Antonio Gabuzio : Quo quidem in Vexillo Jesu Christi affixi 
cruci imago mira auro et argento adumbrata erat : sub qua locata in 
medio Ponti ficis maximi, a dextera Philippi Regis, a laeva ftenatus Ve- 
neti, atqae ex iis quibusdam annexa catenulis ipsius Johannis pendebant 
insignia 5 . Meritano , in fine , che si riportino le parole di Cesare 
Campana per un ultimo particolare che gli altri non hanno : Lo Sten- 



1 Commentari della Guerra di Cipro e della Lega dei Principi Cristiani contro il 
Turco, di Bartolomeo Sereno; ora per la prima rotta pubblicati da ms. autografo con 
note e documenti per cura de' Monaci della Badia Cassincse (Pei Tipi di Monte Cas- 
sino, MDCCCXLV), lib. Ili, pag. 191. 

2 Storia della Guerra di Cipro, libri tre di Paolo Parata (Siena, dalla Tipografia 
di Pandolfo Rossi all'insegna della Lupa, MDCCCXXVII) , lib. II , pag. 279; 
Historia delle cose successe dal principio della guerra mosca da Selim Ottomano a' Ve- 
netiani , fino al d della gran Giornata Vittoriosa contra Turchi. Descritta non meno 
particolare che fedelmente da M. Gio. Pietro Contarini, Venetiano (In Venetia, Ap- 
presso Francesco Rampazetto, MDLXXII), f. 48. 

3 liberti Folietae De sacro foedere in Selimnm libri quatuor. Eiusdem varine expe- 
ditiones in Africani. Eiusdem obsidio Melitac (Gennae MDLXXV), lib. Ili, pag. 168. 

4 Del Compendio dell' Istoria del Regno di Napoli, di Tomaso Costo Napolitano. 
Parte terza. Aggiuntovi in questa ultima editione il Quarto libro che supplisce per tutto 
l'anno MDCX ecc. (In Venetia MDCXIII, Appresso i Giunti), lib. II, pag. 38. 

5 Jo. Ant. Gabutius. De vita et rebus gestis Pii F(Romae, 1605), lib. V, cap. I, 
pag. 127. Girolamo Catena, nella Vita del gloriosissimo Papa Pio Quinto (In Roma, 
M.D.LXXXVII) descrive a pag. 170 lo Stendardo di damasco rosso col Crocifisso 
e i SS. Pietro e Paolo consegnato a M. A. Colonna come Ammiraglio della flotta 
pontificia, ma non dice verbo dello Stendardo della Lega. 



384 S. SALOMONE-MARINO. PARTK II. 



dardo della Lega... era di color turchino, con Otri sto in Croce dipinto 
nel mezzo, et a' piedi Parme de' tre Collegati ne' luoghi convenienti i . 

Quanto poi a quel che riguarda la qualit della stoffa e la forma 
dello Stendardo, nessuno ha pur una i>arola; salvo per la stoffa il do- 
cumento siciliano che pi gi si reca, il quale, descrivendolo con esat- 
tezza dice, che era di damasco azzurro . 

Abbiamo dunque : Stendardo grande di damasco azzurro, con al 
centro grande figura del Crocifsso dipinta, sotto la quale son disposte 
l'arme dei Confederati : quella del Papa in mezzo, a destra di essa 
quella del Re Filippo II, a sinistra quella della Serenissima, e sotto 
a tutte, pendente da certe catenelle, aggiunta quella di Don Giovanni. 
I fregi d'oro e d'argento , si intende che eran sul Crocifsso , presu- 
mibilmente nel nimbo del capo, e fors' anco su la fascia avvolgente 
i lombi. 

Consultando poi un documento del tempo di natura diversa, cio 
la medaglia commemorativa della consegna dello Stendardo in Santa 
Chiara 2 , rileviamo : Che esso mediocremente grande, se si tien conto 
delle proporzioni fra esso e le persone rappresentate in funzione; che, 
apparendovi il drappo in voluta, attesa la rigidit che questo pre- 
senta, dimostra esser fatto di un tessuto molto spesso (il che na- 
turale); e dimostra in fine, che non a punta, ne molto lungo, se il 
Crocifsso che vi si scorge delineato sta al centro, come ragionevol- 
mente deve essere e come lo storico Campana scrive che era. 

Or, tenuto presente tutto questo che precede , io credo di aver 
trovato e di poter indicare la figura e forma precisa dello Stendardo 
della Lega in un disegno di alquanto rozza esecuzione che trovo im- 
presso in due rarissime stampe della fine del 1571, cio subito dopo 
della vittoria di Lepanto. Sono esse le seguenti : 

1. Raccolto Di Tvtto il Svccesso segvito da che si Fermo la Santa 
Lega de Christiana per j\ r . $. Pio Quinto sino a questo giorno. Nel quale 
si contiene ogni ^articolar auuiso della Battaglia et Botta Nauale data 
all'Armata Turchesca per il Sereniss. Don Giouanni d'Austria Generale 



1 Delle H8torie del mondo, Descritte dal si g. Cesure Campana, Gentilh uomo aqui- 
lano, volume primo, che contiene libri dieci: Ne' quali diffusamente si narrano le cose 
avvenute dall'anno 1570 fino al 1580. Novamente stampati ecc. (In Pavia. Appresso 
Andrea Viani MDCII), lib. I, pag. 34. 

2 Ne conserva un esemplare il Museo Nazionale di Napoli ; riprodotta da 
Luigi Conforti, I Napoletani a Lepanto (Napoli, Casa Ed. artistico-letteraria, 1886), 
tav., e da Sir William Stirling-Maxwell, Don Iohn of Austria ecc. (London; Long- 
raans, Green, and. C, .MDCCCLXXXIII), voi. I, chap. XIV, pag. 359. 



PART.R II. 



LO STENDARDO DELLA SANTA LEGA DEL 1571. 



383 



dell' Armata di detta Manta Lega. Per annitr hauuti da sua Serenit e 
da altri Signori ritrouat'm presenti in detto conflitto. In <S, di pp. :\'l 
non nuiner. uno dei pi importanti libretti del tempo, ed eviden- 
temente stampato dagli Eredi del Biado di Roma. 11 disegno dello 
Stendardo vi inserito nel testo, alla pag. 8. 

2. Ritratto D'Yna Lettera scritta all'Ili. Et Ecc. K. or Amba- 
sciator Cesareo Dalla Armata. Donde si hanno molti nuoui , belli , et 
particolari ragliagli circa la Vittoria hauuta contro Turchi. In Roma 
Appresso (/li heredi di M. Antonio Biado Stampatori ('omerali. In 8, 
di pp. 4 non mini. Non meno importante libretto anche questo, nel 
(piale il disegno dello Stendardo impresso nel frontispizio, dopo il 
titolo e prima del luogo di stampa '. 

^Ne metto ai lettori sott'oeeliio la riproduzione in zincotlpia : e ci 
si accorge subito, dai particolari del Crocifisso, dalle arme de' Colle- 
gati e disposizion loro, dai fregi del bordo e perfino dai nove fori del 




Fi< 



margine laterale per i quali il drappo doveva legarsi all'asta, che noi 
ci troviamo innanzi ad una precisa rappresentazione, n pi ne meno, 
dello Stendardo della Santa Erga, il (piale si vede che lo stampatore 
romano volle appunto conservare a ricordo, nei suoi libretti d'occasione. 



1 La mingine del Crocifsso, soprastante ai tre blasoni dei Collegati, trovasi 
ancora nel frontispizio dell'altro opuscolo: (ratione de l'Ili: Signor D: Gasparro 
Turai tu <d Sercniss. Signor 1) : Ciardi/ d'Austria (In Napoli , Appresso Giuseppe 

Caccbij 1572); ma qui non si trovano i contorni dello Stendardo. 



386 S. SALOMONE -MARINO. 



Apparisce lo Stendardo composto nettamente da otto teli uniti 
per lungo, dei quali i due estremi giungono a poco pi che la met 
degli altri. Il Crocifisso occupa il centro della parte pi larga, ed ai 
suoi piedi stanno gli stemmi dei Collegati e del Generalissimo, disposti 
e legati da catenella, precisamente cos come ce li han fatti conoscere 
nella sommaria descrizione gli scrittori coevi. Notisi poi la speciale 
forma sua,- che non n la quadra ne quella a punta, ma una forma 
che dell'una e dell'altra partecipa, e che pot forse esser cos creata 
appositamente acciocch con nessun'altro Stendardo potesse nella mi- 
schia venir confuso quello del Generalissimo. E non vale dire che 
bastava il Crocifisso per distinguerlo; perch , non tenendo conto di 
Stendardi minori che lo avevano, noto che l'istesso Crocifisso in grandi 
proporzioni era stato anche dipinto su lo Stendardo ammiraglio delle 
galee pontificie , Stendardo che ondeggi pur esso al vento il sette 
d'ottobre nel mare di Lepanto l . 

Debbo qui far rilevare che in varj dipinti e disegni incisi, che 
ho potuti vedere , rappresentanti la grande battaglia , lo Stendardo 
della Lega che sventola su la Reale ha bens il Crocifisso, ma quanto 
alla forma non differisce da tutti gli altri delle galee cristiane. Ma 
fo presente, che non sono, essi, riproduzioni storiche nello stretto senso 
come oggi le intendiamo, ed troppa presunzione il volervi trovare 
l'esattezza e precisione dei minimi particolari ; perch, da un canto, 
l'arte ha le sue esigenze e bizzarrie, e, dall'altro, in piccole rappre- 
sentazioni grafiche non possono aversi segnate che le cose di maggior 
rilievo 2 . 

Trovato cos quale era e come fatto lo Stendardo della Santa 
Lega, ricerchiamo, se ci riesce, come e dove sia andato a finire. 

Tra i preziosi ricordi di Don Giovarmi e della vittoria di Lepanto 
che restano all' Escuriale o in altri luoghi di Spagna , lo Stendardo 
della Lega non c' 3 . Una inesatta tradizione , accettata anche da di- 



1 Cfr. Catena, <>p. e loc. cit,; Marcantonio Colonna alla battaglia di Lepanto, 
per il P. Alberto Guglielmotti ecc. (Firenze, Felice Le Monnier, 1862), lib. I, 
cap. II, pag. 13; Lettere di Onorato Caetani Capitan Generale delle Fanterie Pon- 
tificie nella battaglia di Lepanto, pubblicate da G. B. Carinci (2 a ediz. Roma, For- 
zani e C. Tipografi del Senato, 1893), pag. 77. 

2 Valga per tutti 1' esempio del grande affresco del Gerardi nel Palazzo Co- 
lonna iu Roma, ove lo Stendardo pontificio dato a Marc' Antonio, s noto a tutt'i 
Romani massime dopo il Trionfo del 4 dicembre 1571, fu dall'artista dipinto in 
giallo ! 

3 Cfr. Roseli, Historia del Combat naval de Lepanto ecc. (Madrid, Impronta de 
la Real Academia de la Historia. 1853), cap. IV, pag. 127, nota 48, e Adiciones, 
pag. 255. ' 



I>ARTE II. LO STENDARDO DELLA SAXTA LEGA DEL 1571. 38? 

ligenti moderni cultori di storia, f credere tino a ieri eh' esso fosse 
donato da Don Giovanni stesso per voto alla Cattedrale di Gaeta, ove, 
ritagliato poi e messo in cornice, si venera pur oggi su l'altare mag- 
giore '. Ma un recente accuratissimo scritto del Prof. P. Fedele ha 
sfatato la leggenda ed ha luminosamente ed inappellabilmente pro- 
vato, che quel quadro bens un cimelio prezioso della battaglia di 
Lepanto, che fu bens Stendardo benedetto pur da Pio V , ma lo Sten- 
dardo ammiraglio della flotta pontificia, consegnato a M. A. Colonna 
il d 11 giugno 1570, e da questi donato per voto alla Cattedrale di 
Gaeta, dopo disfatta la Lega 2 . 

E allora, lo Stendardo della Lega, che ancor pi prezioso, come 
e dove finito ! certo, che Don Giovanni non lo spieg pi su la 
propria Beale dopo il 20 aprile 1573, n lo avrebbe potuto: che ne 
fece dunque ? 

Un documento siciliano, che non coevo, ma non molto lontano 
agli avvenimenti, ci reca in proposito delle notizie, che vai la pena 
di far conoscere per intero e sottoporre a disamina. 

Nella Chiesa del Monastero di San Girolamo in Marsala , su l'al- 
tare della seconda cappella a sinistra di chi entra, si venera da antico 
tempo l'immagine dipinta di un Crocifisso, che costantemente in pas- 
sato e fin ad oggi si chiamato e chiama : il Crocifisso della Batta- 
glia, ed con gran divozione festeggiato annualmente nel giorno 7 
d' ottobre. 

Il quadro, in tela, alto metri 3,20, largo metri 2,40. Al centro 
vi ha incollata una Croce, alta (pianto il quadro, da cui pende il Corpo 
di Cristo ; Croce e Corpo dipinti a guazzo con colori giallo e nero 
ormai sbiaditi , sopra un tessuto grossolano , evidentemente diverso 



1 Conforti, op. cit. , cap. VI, pag. 32 e segg.; Jurien de la Gravire, La 
Guerre de Chypre et la Jataille de Lpante ecc. (Paris, E. Plon, Nourrit et C, 1888), 
tome II, partie III, ebap. I, pag. 150; Pompeo Molmenti, Sebastiano Venter e 
la Battaglia di Lepanto (Firenze, G. Barbra ed., 1899), cap. IV, pag. SG. 

2 P. Fedele, Lo Stendardo di Marco Antonio Colonna a Lepanto (Perugia, Unione 
Tipografico Cooperativa . M.DCCCC.III). Il Prof. Basilio Magni (Storia dell' arte 
italiana, Roma, 1902, voi. III, pag. 560) avea gi corretto l'errore della tradizione 
dei Gaetini. 

Rilevo qui in nota l'equivoco, in cui incorso il D.r Cornili. Carlo Dell'Acqua 
(Di San rio V Papa ecc., Milano, Tip. Ed. Cogliati, 1901. cap. IV, pag. 83) scri- 
vendo die lo Stendardo della Lega in Cagliari presso l'Arciconfraternita del 
Rosario. Questo di Cagliari uno Stendardo di Compagnia spagnola, come si di- 
mostra per la forma e pei colori, e appartenne probabilmente alla valorosa Com- 
pagnia di Arcbibugieri Sardi clic sotto il comando di Lope de Figueroa pugn su 
la Beale di Don Giovanni. Cfr. in proposito G. L. Mulas , I Sard a Lepanto (Ca- 
gliari; Tip. Ed. dell' Avvenire di Sardegna, 1887). 



S88 



S. SALOMONE MARINO. 



lWIiTE li. 



dalla tela del quadro l . Il corpo ed anche la testa del ('risto sono 
scorrettamente disegnati. Nel fondo della tela (oltre a Maria e San 
Giovanni che stanno in prima linea) disegnato il golfo con le mon- 
tuose rive e il mare di Lepanto, in cui sono le due riotte avversarie 
nel momento che vengono all'attacco 2 . 




Fiar. 61. 



1 pressoch impossibile, per l'impiastricciatura dei colori e della colla, che 
si conosca se il tessuto sia seta o tela; bisognerebbe staccarne qualche filo o sot- 
toporlo ad esame, ove ci fosse consentito. 

2 Non essendo stato possibile ottenere la fotografia del quadro originale, pre- 
sento quella d'una stampa del secolo scorso, che la riproduce abbastanza esatta- 
mente nell'insieme, ma dando corretto il disegno del corpo di Cristo, 



Parte ir. lo stendardo della santa lega del 1571. .'J89 

A illustrazione del quadro e del nome, in una tabelletta appesa 
al muro della cappella stessa, leggesi (pianto appresso : 

h' e I a z i o ne 
Del Crocifisso (iella Battaglia lasciato in questo Monostero di S. Giro- 
lamo dai Serenissimo Principe />. Giovanni d'Austria. 

Avendo Se-lini Imperatore de Turchi violato colla solita infe- 
delt la pace che aveva giurato A Veneziani , port sotto il comando 
di Mustaf l'anni in Cipro, dominio di questa Republica , e coll'espu- 
gnazione di Nieolosia ' , una delle principali piazze dell'Isola, le pass 
all'assedio di Faniagosta, dalla cui caduta dipendea l'acquisto totale 
di quel fioritissimo regno. Ad una cos amara nuova stordirono i Ve- 
neziani colti alla sprovista dalla proditoria doppiezza di quel Barbaro, 
e niente di meno s'addolor la Santit di Pio V, Pontefice allora re- 
gnante , che invigilando con attenzione pastorale al bene comune del 
Cristianesimo per impedire i progressi all' ostinato nemico del nome 
Cristiano, s' ingengn a tutto sforzo di sostenere la fortuna cadente 
di quella Serenissima Bepubliea, e non trovando negl' altri Principi 
ne disposizione ne forze da collegarsi, si espresse all'Invittissimo .Mo- 
narca delle Spagne Filippo Secondo di sempre gloriosa memoria, ck'aco- 
piando al titolo un genio veramente catolico, non ricus di concorrere 
nel gusto del Pastore Vniversale a difesa della Cristianit allora per 
le vittorie ottomane pericolante; e cos a 25. di Maggio 1571. si con- 
chiuse in Roma nel sacro Concistoro una lega santa tra il Pontefice, 
il Re Catolico e la Signoria Veneta, in virt della (piale si pose su- 
bito in mare da Collegate una poderosissima Armata, al cui comando 
generalizio fu destinato il serenissimo Principe I). Giovanni d'Austria 
figliolo del gi Imperatore Carlo Quinto e fratello del Ile Catolico, 
che subito sciolse da Barcellona eoi l'armata di Spagna e di passagio 
in Napoli prese con sollenne cerimonia nel Monastero di S. Chiara 
dal Cardinal Granvela, Vicer di (pici Pegno e Legato di sua Beati- 
tudine a quest* effetto , lo Stendardo della Santa Legha. Era di da- 
masco azzurro , in cui stavano dipinti a riccamo 2 1' armi del Papa, 
a destra quelle del U Catolico, e all'altro lato quelle della Republic;), 
dalle piali pendevano colla bizzarria di un attacco artificioso altres 
quelle del Generalissimo I). Giovanni :! : che fornita la funzioni;, si 



1 Sic. Il trascrittore avr letto male il Nicossia dell' antica scrittura, o un 
suo trascorso di penna. 

2 Dipinti a riccamo , espressione non felice , ma che ci l conoscere che gli 
stemmi erau fatti a ricamo l'orse sopra un tracciato dipinto. 

3 omessa la cosa pi importante, la lgula del Crocilisso ; per se ne tien 
conto pi innanzi. 



390 S. SALOMONE-MARINO. 



fece subito alla vela per Messina , nel cui porto si dovea unire il corpo 
lutto dell'armata; che per , avendovi precorso la Pontifcia e la Ve- 
neta, uscirono ad incontrare colle maggiori dimostrazioni di giubilo 
e collo sparo di tutto il cannone il lor supremo Comandante. Ivi, ras- 
segnata a tutta fretta la milizia, provistosi di viveri ed attrezzi da 
guerra, ordinato il modo della navigazione, e invocato con divotissima 
processione Pagiuto del (Melo, part subito alla volta di Levante. 

Gemea il mare sotto l'incarco di 313. legni Cristiani, e in essi 
volava a militare in ossequio della Fede il flore della Nobilt d'Eu- 
ropa; e fra gli altri avventurieri molti Prencipi liberi , come Alessan- 
dro Farnese Prencipe di Penna *, quello dWrbino e I). Francesco di 
Savoja. Nel progresso del loro velegiare udirono da un bergantino 
candioto la resa a patti di Famagosta in potere de Turchi, e che fu- 
rono da quei barbari violate le leggi delle genti coli' inosservanza 
delle capitolazioni. Attizz magiormente quest' aviso el zelo ell'ardore 
di quei petti Catolici e generosi , onde sollecitarono al possibile la 
navigazione per attaccare l'armata ottomana e fare di quei sagrileghi 
una memorabile vendetta. Quindi a 7 8bre giunti a certe Isolette di- 
sabitate dette Escorzolare , entrando per un canale nel golfo di Co- 
rinto, scoprirono l'armata Turchesca, che affidata nell'esorbitante mol- 
titudine [era] uscita dal porto di Lepanto in busca della Cristiana; 
allora I). Giovanni postosi in una leggiera fragata , ordin con ammi- 
rabile valore e desterit 1' armata in forma di battaglione ; e fatto 
l'istesso dal Turco, caminava ciascuna di paro coragiosamente ad in- 
vestirsi, solo con questo divario, che i Maomettani venivano secondati 
dal vento ; inalberandosi per nella Beale Cristiana un Crocifsso in 
tela benedetto dalla Santit di Pio V. mutossi al punto la traversia 
in un favorevole sopravento. Si spiccano in ci le Beali due, e attac- 
cando la zuffa si cambi di repente il mare di regione d'acqua in un 
inferno di fuoco; ma alla fine, doppo lunga e ostinata tenzone, si di- 
chiar la vittoria da parte de fedeli. Restorno prese in questo conflitto 
da 200. Galere de Turchi, oltre delle sommerse. Gl'uccisi de nemici 
furono 30 mila, i prigioni t. mila, e liberati lo. mila schiavi cristiani; 
rese perci da tutti furono le grazie al Signore degl'Eserciti. 

Volt l'armata le prore al ritorno , e toccando Messina, ove si 
disciolse l'armata de Collegati. Il Serenissimo I). Giovanni, portatosi 
di passo 2 in Marsala, per contracambiare l'umilissimo ossequio pre- 



1 *Stc. Ma si vede subito che, leggendo male l'originale, il copista mut Parma 
in Renna. Il Villabianca a sua volta, copiando dalla copia, corresse in Benda. 

2 Passaggio. 



PARTE II. LO STENDARDO DELLA SANTA LEGA DEL 1571. 391 

statoli da questa fedelissima Citt, in pegno del suo amore, nel 1573 
lasci in questo venerabile Monastero di S. Girolamo 1' accennato Cro- 
cifsso in tela, che sotto titolo del Signore della battaglia s' adora in 
questa divotissima Cappella , a gloria della Religione ed in memoria 
della munifieenza di quel Serenissimo Principe, ove di continuo eser- 
cita a pr' de' fedeli la pienezza delle sue misericordie con evidenza 
di molti miracoli . 

Questa Relazione, in caratteri del secolo XVII I ma evidente copia 
di un originale antico che pi non esiste, trovo identicamente trascritta 
negli Opuscoli Palermitani del Marchesi; di Villabianca, tra le memorie 
ch'egli ivi raccolse della citt di Marsala , intorno al 1780 '. K in- 
nanzi a lui l'ebbe sott'occhio il Sac. Angelo (reumi, il quale, nel suo 
Annate cronologico della Citt del Tlibeo 2 , dopo di aver cennato alla 
Santa Lega e descrittone lo Stendardo con le x>arole stesse della Re- 
lazione, continua : Il Generale venne in Marsala da Messina a 1 ot- 
tobre 1573 con 100 galee, entr in porto, e disbarcato fece sollenne 
entrata; al quarto giorno, occorrendo la festivit di S. Francesco, fu 
nella Chiesa dei PP. Cappuccini, come si legge in una lapide posta 
nella stanza pria della sagrestia sopra la porta che conduce alla ('ap- 
pella maggiore 3 ... e dopo altri giorni diede in dono al Venerabile 
Monastero di S. Girolamo lo Stendardo di l'io V. col Crocefisso, che 
si venera nella Chiesa sotto titolo del Crocefisso della battaglia . Ma 
pi in l, tornando su l'argomento, l'Autore aggiunge : Per quello 
che riguarda alla bandiera del Crocefisso benedetta da S. Pio V. Papa, 
di cui si parlato a foglio 1*57, che si conserva in questo Monastero 
nell'Altare primo dopo l'arco maggiore della Chiesa, son di parere 
che S. A. 1\. I). Giovanni d'Austria l'anno 1572 (sic) venuto in Mai- 
sala l'avesse data in dono al Cavaliere Margio, che dispose l'edilizio 
del Monastero nel suo testamento l'anno 15S7, eseguito l'anno 1003, 
o pure al Magistrato, il quale per maggior venerazione lo ha posto 
in Chiesa . 



1 Bella Nobilt della Citt di Marsala, ma del Lilibeo antico, e moderno : Jc 
Iasione minuta topografica, e Commentario Storico colla notizia insieme della qualit 
delle di lei Famiglie antiche e moderne che formano il nobile suo corpo Governante. 
Opuscolo del Villabianca. Negli Opuscoli Palermitani Storici, tomo XX, pagg. 19-53, 
iris, segnato Qq. E. 96, nella Biblioteca Comunale di Palermo. 

2 Manoscritto iuedito, conservato nella Biblioteca Comunale di Marsala, a fo- 
glio 257. Me ne ha fatta comunicazione il compianto e dotto amico Cav. Salva- 
tore Struppa. 

3 Sopprimo la iscrizione, che qui non ha interesse. 



S92 



S. SALOMONE-MARINO. 



Dalle quali parole si dee concludere, che il Genna non avea pre- 
cisa ne sicura conoscenza del come e del quando lo Stendardo era 
divenuto quadro, ne di chi lo avea regalato alla Chiesa di San Gi- 
rolamo. Accoglie dapprima quanto la Relazione afferma , ma poi , di 
fronte alla indubbia data di erezione del Monastero , si corregge ed 
esprime il parer suo : o che lo Stendardo fu regalato dal Principe al 
Cavalier Margio fondatore del Monastero, o che fu regalato al Magi- 
strato Municipale, che per maggior venerazione lo pose in Chiesa. 

La supposizioue prima, va sicuramente scartata. Girolamo Margio, 
nobile marsalese senza prole, nel suo testamento del 12 settembre 1587 *, 
disponeva, che nella casa sua e con le rendite proprie si fondasse un 
Monastero con annessa Chiesa (che veniva infatti compiuto ed inau- 
gurato nel 1(503 2 ), da intitolarsi al Santo suo omonimo; ed ivi enu- 
mera i quadri che possedeva, designando come e dove li desiderava 
collocati nella erigenda Chiesa ; ma non menziona affatto n Crocifisso 
n Stendardo. Del resto , con che ragione o diritto avrebbe potuto ot- 
tenere s prezioso dono dal Principe ? N dal testamento appare, n 
altrimenti si sa , che il Margio avesse seguito le insegne di lui in 
quelle imprese contro gl'infedeli, n che con lui avesse avuto relazioni 
di sorta 3 . Se mai, volendo dimostrar gratitudine o affetto ad un pri- 
vato marsalese, l'Austriaco avrebbe potuto lasciare il glorioso ricordo 
al nobile Baldassare Barbara, Regio Capitano della Citt , che amba- 
sciatore della stessa and a incontrarlo a Trapani , e poi 1' ebbe in 
Marsala ospite per una settimana *; ma pel Margio non se ne vedrebbe 
proprio il perch. 

Esaminiamo pertanto se la seconda supposizione si pu reggere. 

In mancanza di pi antiche testimonianze invano cercate nell'Ar- 
chivio municipale di Marsala ed altrove, comincio dall' esaminare la 
Relazione, il documento che solo ci rimane oltre il Quadro. 

Leggendola, si rivela indubbiamente scritta nel seicento. Per la 
maniera come vi si ricorda il Re Filippo li , per la precisione dei 



1 Agli Atti di Notar Giovati Tommaso da Cremona, nell'Archivio Comunale 
di Marsala. 

2 Vedi Atti di Notar Giovanni Navarretta, 25 aprile 1603, nell'Archivio Co- 
munale cit. 

3 Nella iscrizione sepolcrale, ch' nella Chiesa sotterranea o Grotta del Con- 
vento degli Agostiniani scalzi di Marsala , il solo titolo eli' dato al Margio 
quello di Giurato della citt: Patrie IvraUls. 

* Cfr. Villahianca, loc. cit., pag. 65, e Registro 1578-74 nell'Archivio Comu- 
nale di Marsala. 



PARTE II. LO STENDARDO DELLA SANTA LEGA DEL 1571. cQ'A 

particolari con cui si narra della Santa Lena e della giornata di Le- 
panto , si potrebbe pensare che fu stesa da tale che la memoria ne 
conservava viva, e potrebbe assegnarsi ai primi anni del secolo; ma 
sorge tosto la obiezione, che uno che avesse scritto in tali anni dovea 
ben conoscere che il Monastero di San Girolamo era sorto dalle fon- 
damenta pur allora, al 1603, e per conseguenza non avrebbe assolu- 
tamente vergate le parole : il Serenissimo I). Giovanni... nel 1573 
lasci in questo venerabile Monastero di S. Girolamo l'accennato Cro- 
cifisso ; e perci necessit che spostiamo di parecchi anni hi scrit- 
tura, portandola verso la met del secolo. Ma non per questo il valore 
della Relazione vita meno. Essa ci registra un fatto , che non poteva 
inventarsi di sana pianta; essa illustra un cimelio, che era gi vene- 
rato dai cittadini per ragioni che non nascono d'improvviso ed inco- 
scientemente, ma hanno base nella costante tradizione che muove dal 
fatto reale , il dono dello Stendardo che il Principe fa per contra- 
cambiare l'umilissimo ossequio prestatoli da questa fedelissima citt . 
Il dire, dopo due terzi di secolo, che il dono fu fatto al Monastero 
proprio dal Principe e non dal Magistrato della Citt, o ignoranza, 
o meditato artificio in pr' della venerabilit del Monastero, o anche 
del giustificato orgoglio per la possessione di una reliquia di s alto 
valore e di tanta venerazione presso i ciltadini. 

Don Giovanni d'Austria, disciolta la Lega, volse tutto 1' animo 
suo e tutte le forze navali e terrestri di cui disponea, alla lungamente 
vagheggiata impresa di Tunisi. L' accolta si f' nel vasto porto di 
Marsala; ed egli giungeva in questa citt il 1 d'ottobre 1573 , e vi 
permaneva a dar gli ultimi provvedimenti fino al 7, giorno in cui le- 
vava le ncore. In Marsala ricev feste ed accoglienze come maggiori 
quella cittadinanza pot farle, ed augurj caldi e sinceri di nuovi trionfi. 
Egli inalber per la nuova impresa lo Stendardo Reale di Spagna. 
Quello glorioso della Lega non restava pi presso di lui clic come un 
caro ricordo. Or, ripugna forse a supporre, a credere che egli . nel- 
1* atto di accingersi alla nuova impresa . per rispondere degnamente 
alle splendide manifestazioni di stima ed ai fervorosi voti di vittoria, 
per dare un attestato della sua gratitudine, un pegno del suo amore . 
lasciasse in dono quel glorioso e caro Stendardo .' > T o , certo. Anzi 
appare naturale . appare logico e giusti che quel dono fosse legato 
alla Sicilia, e in Sicilia si conservasse ; che in Sicilia Don Giovanni 
d'Austria ebbe i maggiori aiuti per le sue imprese, le pi splendide 
feste e onoranze . il pi sincero affetto . la devozione pi illimitata. 
E poich Marsala fu la citt augurale donde egli mosse per la prima 
impresa dopo la dissoluzione della Lega, a Marsala, degna rappreseli- 



594 



S. SALOMOXE-MARINO. 



tante dell'Isola, don quel suo santo ricordo, santo per la benedizione 
di l'io V, santo per i divini raggi della vittoria che lo ricingevano. 

Nei Registri dell'Archivio Comunale di Marsala non si trova un 
cenno, non si conserva un documento che provi sicuramente il dono 
s prezioso, il quale impossibile che non avesse lasciato vestigi ; ma 
ad osservare, che que' Registri non sono completi, hanno molte la- 
cune, e questo potrebbe spiegarci la mancanza che lamentiamo. Per 
nei rogiti di Notar Bartolomeo Passalacqua l , in un atto del 2 aprile 
2 H indizione 1575, il compianto mio amico S. Struppa ha trovato che 
il nobile Vito Frisella, marsalese , uti Alferins militie hiijus civitatis 
Mrsalie, dichiara di avere ricevuto dai Giurati banderiam Compagnie 
diete militie. Quain banderiam dietus nobilis Alferius promisit dare, re- 
stituere et reeonsignare dietis dominibus Juratis quo stupra nomine sti- 

pulantibus statini et incontinenti 2 pace. Quam consignationem dicti 

domini Jurati dixerunt ferisse et facere coacte non volentes aliud agere 
timore jniunetionis liodie facte per Ill. mum dominum Comitem Bussemj 
viearium et armorum Capitane) diete civitatis et hoc ad literas excellencie 
sue et non aliter 3 . 

Il mio amico scriveami : Ohe sia questa la bandiera che ci preoc- 
cupa ? 

Io dico, che la prova netta, assoluta, non e' ; ma che ben pos- 
sibile, che anche probabile che i Giurati di Marsala abbian voluto 
con giustificato orgoglio mettere la propria Milizia sotto una Insegna 
s gloriosa e santa, donata da tanto famoso Principe; e allora mi spiego 
e trovo giuste e doverose, la riluttanza dei Giurati a concedere che 
essa Insegna uscisse dalle mura cittadine per andare in provincia, la 
imposta promessa di restituzione, e la solenne dichiarazione che ce- 
dono alla coartazione del Vicario e Capitano e degli ordini di Sua Ec- 
cellenza il Presidente del Regno. 

E cos ugualmente dico possibile e probabile e spiegabilissimo il 
fatto, che in prosieguo di tempo, essendosi reso logoro il glorioso Ves- 
sillo per l'uso a cui ora stato destinato, i Giurati lo abbiano voluto 
salvare dalla totale rovina e conservare alla venerazione dei cittadini, 



1 Si conservano nell'Archivio Comunale di Marsala. 

2 Illegibile perch rsa la carta. 

3 Don Giuseppe Requesenz Conte di Buscemi , Vicario e Capitan d' armi a 
guerra in Marsala fiu dal 31 agosto 1573, avea giurisdizione nel Val di Mazzara 
e andava con le milizie in sorveglianza e difesa del litorale contro le temute in- 
vasioni di Turchi e Barbareschi. Cfr. Bcgistro 1572-73 nell'Archivio Comunale di 
Marsala. 



PARTE II. LO STENDARDO DELLA SANTA LEGA DEL 1571. 395 



donandolo al Monastero delle Agostiniane di San Girolamo. Donde il 
successivo necessario ritaglio del Crocifisso, e l'adattamento di Esso 
su la nuova tela, e la dipintura della battaglia navale in questa, e 
per ultimo la .Relazione che ne tacesse la illustrazione e ne dicesse la 
origine. E quindi la grande e vetusta venerazione , sino a qui non 
estinta, del popolo marsalese per questo Crocifisso ; quindi il nome di 
Crocifisso della Battaglia, non senza ragione dato fin dal principio e 
mantenuto per tre secoli. 

E pertanto , dopo tutto questo che sopra ho esposto , io tengo 
ferma convinzione, come gi sin dal 1875 annunziai l , che sia questo 
Crocifisso, che in San Girolamo di Marsala, il Crocifisso che rifulse 
sublime nello Stendardo della Santa Lega il d della memoranda vit- 
toria. Questo immortale d il 7 d'ottobre: il 7 d'ottobre anche il 
d della partenza di Don Giovanni da Marsala , e presumibilmente 
quello del dono prezioso dello Stendardo al Comune ; non senza ra- 
gione quindi e non senza alto significati il popolo di Marsala festeggia 
appunto il 7 d'ottobre questo suo Crocifisso, di valore artistico nullo, 
ma di inestimabile valore per la storia e per la gloria tutta italiana 
della giornata di Lepanto. 

L'insigne Stendardo della Santa Lega del 1571, che ora parti- 
colarmente abbiam potuto conoscere, no, non del tutto perduto; ne 
permane la parte principale e pi significante, il ('risto, sotto i cui 
auspici si strinse la Lega, che fu con viva fede acclamato vero Duce 
della flotta alleata al momento del combattere , e nel cui nome si grid 
la vittoria. E questo sacro cimelio, questo Crocifisso della Battaglia, 
Duce sempre ne le battaglie che come quella di Lepanto si combat- 
tono per la Lede, per la Civilt, per la Libert dei popoli , merita- 
mente sopravvive in Sicilia, su l'altare di San Girolamo in Marsala. 
ed ha culto fervoroso; un culto che non menomer, che durer sem- 
pre, tino a che Fede, Civilt, Libert, sono l'alto faro luminoso a cui 
tende l'occhio e l'animo del t'atigato umano navigatore '. 



1 C'fr. Descrizione delle feste della eitt di Palermo a Don Giovanni d'Austria 
dopo la vittoria di Lepanto ecc. in - Nuove Effemeridi Siciliane , Serie terza, voi. I, 
pag. 27 (Palermo, 1875). 

1 Scrissi gi al 1875 e ripeto ora qui, che fa pena e disdoro il veder tenuta 
con poca cura la preziosa tela, indifesa perlina angli oltraggi della polvere e del- 
l'umidit. 

Palermo. 

Salvatore Salomone-Marino. 



UN AUTOGRAFO DEL PITTORE PIETRO NOVELLI. 



Il documento che io pubblico un memoriale autografo di Pietro 
Novelli scritto nel 1025, quando egli contava ventidue anni. Sin qui 
non si conosce, salvo qualche firma, altro autografo del celebre pittore 
siciliano : e per il documento di cui diamo la riproduzione (fig. 02), 
pregevolissimo, restando come unico termine di paragone di fronte ad 
ogni altro autografo, che in seguito possa riferirsi al Novelli. E scritto 
nella parte anteriore di un foglio doppio di carta bambagina di centi- 
metri 30X21, la quale contrassegnata dai due soli timbri traspa- 
renti della carta siciliana dell'epoca. Sono chiari e ben conservati il 
carattere e l'inchiostro, e la scrittura procede con poche abbreviature. 

Che il memoriale sia veramente autografo , ce ne persuade anzi 
tutto la natura stessa del documento, il quale non risente per nulla 
lo stile e le formule curialesche del tempo , ma ha il semplice tono 
di un esposto o di una lettera di preghiera. 

Or non si vede u la necessit , ne la convenienza per cui il No- 
velli, che sapeva scrivere, avesse dovuto o voluto adibire altra persona 
in sua vece per formare un esposto cos semplice e cos breve. Del 
resto, in questo autografo del 1025 il nome di Pietro Novello calligra- 
ficamente corrisponde benissimo con le poche firme che troviamo dal 
Novelli apposte nel 1045 in alcune cautele di opere eseguite per conto 
della Citt di Palermo, le quali cautele si conservano in un registro 
del 1645 presso l'Archivio Comunale di detta citt, al n. 1655. 

Una sola differenza si osserva tra il cognome del Novelli scritto 
nell'autografo del 1625 e l'altro apposto alle cautele del 1645, ed 
questa, che il cognome del pittore nell'autografo ha la desinenza in o 
mentre nelle cautele l'ha in i. 

Su tale proposito, per, piace notare che dal 1510 al 104.'> in tutti 
gli atti parrocchiali e notarili il cognome della famiglia del nostro 
pittore fu sempre Novello; dal 1044 al 1047 per contrario lo troviamo 
modificato in Novelli. E nel testamento dell'infelice pittore Monrealese, 
stipolato a d 20 agosto 1047, vediamo che non solamente Novelli chia- 
masi il testatore, ina Novelli si chiama Costanza, sua moglie, Novelli 
Pietro Antonio, suo figlio maggiore, e Novelli la Posalia, pittrice gen- 
tile che meglio (Fogni altro ritrasse lo stile paterno. 

L'avere poi il pittore stesso negli ultimi anni della sua vita pie- 



PARTE II. IN AUTOGRAFO DEL PITTORE PIETRO NOVELLI. i)7 



ferito la desinenza in i nel suo cognome, e l'avere adottata questa 



&[(MMt~y u*iui**-)y- 7/Umu*~* <?KJL OAIMM^ ve 
ti tuo di$L9* 'Oru^ unPsffer^^Jpdi a ***# 



, c7o /A/fiUM sou^k-it*- OLii./urfto^ J&/u+s ss 



Fig. 62. Autografo di Pietro Xotcili. 






medesima forma i suoi credi e discendenti in cagione per cui all'intiera 
famiglia Novello tu attribuito generalmente il cognome Xovell x 



o98 G. M1LLUNZI. PARTE II. 

11 contenuto ])oi del memoriale autografo del pittore Pietro Xo- 
velli si riferisce ad un furto perpetrato in suo danno nei giorni della 
morte del pittore Pietro Antonio suo padre. Questi, il 4 maggio 1625, 
colpito dalla peste bubbonica, dettava il suo testamento nel lazzaretto 
di Monreale, e moriva due giorni dopo. 

Nel testamento istituiva erede universale suo tglio Pietro pur 
riconoscendo 1' altro tiglio Vincenzo ascritto alla Societ di Ges , e 
faceva ricordo dettagliato non solo dei beni immobili che lasciava, 
ma anche di non pochi quadri da lui o compiti o solamente comin- 
ciati, di alcune incisioni in rame , di pietre di mosaico e ferramenti 
che appartengono ad indorare. 

Intanto in quel tramesto della peste, e in mezzo alle angustie 
della morte e del lutto non manc chi abusasse dell' assenza dei fi- 
gliuoli appropriandosi indebitamente non solo alcune quantit di monete 
ma ancora oro, argento , ramo, stagno ferro et altre simile come anco 
robbe di lana, lino, seta, stiglie et arnesi di casa et dello esercizio con- 
cernente alla pettura, scripture, contratti, palisi et altre. 

Cessato per il contagio della peste, il nostro Pietro Xo velli, erede 
universale del defunto Pietro Antonio, scrive di suo pugno il Memo- 
riale consaputo, col quale domanda a Mons. Gabriele de Santostefano, 
vicario generale dell'Arcivescovo di Monreale, che voglia minacciare 
la scomunica, come usavasi in quei tempi di buona fede, contro chiun- 
que avesse occupato, rubato ed occultato oggetti appartenenti alla sua 
casa paterna, trattandosi di una somma rilevante di pi di onze due- 
cento in circa in grave damno pregiudieio et interesse del' esponente. 
Ecco il testo intiero del memoriale : 

lll.mo e Eev.mo Signore, 

Pietro novello figlio et herede Universale del gi defunto Pietro An- 
tonio novello di questa citta di Monreale dice a V, S. Illuni che limanti et 
dopo la morte di quello li sono stati denegati , occultati, et Rubbati non solo 
alcune quantit di Monete ma ancora Oro Argento , Ennio, Stagno ferro et 
altre simile come anco Robbe di lana, liuo , seta stiglie et arnesi di Casa, 
et dello esercitio concernente alla pectura scripture estratti, polisi et altre, 
del che lo esponente non tiene ne bave altro modo di poterli trovarle ne 
sapere chi l'havesse tenesse o sapesse , se non con il Keinedio et Modo Ec- 
clesiastico trattandosi la somma di pi d'onze ducento Incirca in grave damno 
preiudicio et Interesse del expouente per tanto vieni a supplicare V S. Ulma 
si degni restar servita ordinare, se li facciano lettere Monitorale a chi spetta 
in questa Citta accio possa sapere et recuperare la robba et beni ereditarli 
del Modo suddetto Occupati Rubati et Occultati tanto pi il detto quondam 
bavere morto in lazzaretto in quel tempo tanto suspetto et confuso che il 
tutto oltre esser giusto lo recevera a gratia etc. ut Altissimus etc. 



parte n. un autografo del pittore Pietro novelli. 399 

Nel dorso dello stesso memoriale del Novelli il Vie. Gen. de Santo- 
stefano scrisse la provvista die XII novembri* 9 ind. 1625. Fiant 
litere monitoriales in forma. Santostefano V. (. 

E dalla Curia Arcivescovile (come leggesi nel Reg. Spir. 1025- 
1020 , fol. 58) furono subito spedite le lettere Monitoriali ai Rev.mi 
Canonici e Parroci della Cattedrale di .Monreale, nelle quali oltre alla 
fedele trascrizione del Memoriale del Novelli si leggono le seguenti 
disposizioni : 

In civitate Moutis Regalis die xijo Novenibris 9 ind. 1625: ex part e 
Revmi Domini Vie. Gen. de Santostefano fiant litere Monitoriales in forma. 
Anton. Griandili vigni Mag. Not. Ordinarius. Et trattandosi oltre la somma 
di onze cinco prout cum juramento fuit aftirmatum et sub eodem jurameuto 
de non utendo criminaliter revelationibus forte fiendis uisi tantum agi pr 
civili interesse ita quod per preseutes non comprehendantur persone certe 
nec alie de jure prohibite et sunt nonnulli iniquitatis et perditionis filii im- 
memores salutis eterne quos ipse significans prorsus ignorat in animarum 
suarum maximum periculum et ipsius significantis non modicum detrimentum 
et interesse quia a nobis ecclesiasticum remedium supplicavit et quia veritas 
aliter haberi non potest : qua supplicatione admissa vobis et vestrum cuilibet 
dicimus et mandamus quatenus infra terminimi trium ebdomadarum pio prima 
secunda et tertia monicione canonica assiguainus omnes et singulos utriusque 
sexus Christifideles premissa scientes et non revelantes monere debeatis quod 
habeaut et debeant penes acta nostre curie arcliiepiscopalis huius civitatis 
Montis Kegalis revelare et revelasse alias dicto termino elapso et nequiter et 
raalitiose non revelantes nec restitueutes ad seutentiam exeomunicationis 
procedatis babita prius a nobis liceutia et premissa cum effetti! exequamini 
sub pena unciarum quinquagiuta curie arcbiepiscopali applicanda. Datum die 
Xll novembris 9 ind. 1625. Gabriel De Santostefano V. G. > 

E la triplice pubblicazione di questa scomunica nella Cattedrale 
di Monreale fu fatta al popolo dal parroco nelle tre domeniche con- 
secutive dei giorni 10, 23 e 30 novembre 1025, come risulta dai re- 
gistri parrocchiali. Ma sort l'effetto desiderato.' Chi lo sa! 

A noi per il memoriale del 1025 ha procurato la felice occa- 
sione di possedere un raro autografo del Novelli, il quale anche per 
la parte storica ha la sua importanza , perche ci riferisce con una in- 
genuit grande e gli usi dei tempi, e l'animo del Novelli e un aned- 
doto della sua vita , il quale ben si riallaccia all' epoca della peste 
siciliana del 101*4 e L025, al testamento e alla morte del pittore Pietro 
Antonio Novelli , suo padre , e alle condizioni finanziarie della sua 
famiglia. 

Monreale, 

Gaetano Millunzi. 



NOTIZIE INEDITE SUL EONTE ORIONE IN MESSINA. 



Nella primavera del 1547 , il giorno della solenne festivit del 
Corpus Domini , al cospetto del magistrato cittadino e della popola- 
zione esultante, accorsa in gran folla nella piazza del Duomo, allora 
chiano di S. ta Maria la Nuova, inauguravasi in Messina 1' acquedotto 
del ('amaro, che, iniziato sin dal 1530, portavasi a compimento con 
ingentissima spesa , dopo che il peritissimo architetto Francesco La 
Canicola era riuscito a ben costruire le gallerie attraverso le montagne 
clic a sud-ovest fan corona alla citt '. Cos le acque scaturenti dai 
colli peloritani verdeggianti allora di boschi e di castagneti , che, 
per la varia ed abbondante selvaggina tur di delizia per la caccia 
agli antichi re di Sicilia allacciate dalla nuova conduttura ed in- 
trodotte per la porta dei Gentili 2 , fra il compiacimento dei cittadini, 
le squille festose delle campane e lo sparo dei mortaretti , fur viste 
scorrere fino a quella piazza, dove si attinsero , notava il contempo- 
raneo Cav. Buonflglio :i , da un picciolo fonte, finch s dirizz quel no- 
bile, di ricco e vago la raro clic .si vede, (piale quello scolpito dal Mon- 
torsoli, ammirato quale splendida opera d'arte. 



1 Gli acquedotti sotterranei ne' monti forati , opra furono di Francesco la 
Canicola, Messinese. Buoufiglio , La Messina Nobilissima. In Venetia MUOVI, 
pag. 8r. Nella piccola lapide interna, linora inedita, esistente sulla spalla sinistra 
della galleria Arcipeschieri si logge: 



M CIUCO LA CAM 
10LA PCHAVLI MO 
NTAGNI E FICHI VIN 
Ilil LAQVA A LA C 
H ITATI 1548 



2 Msiurolico , Sicanicarum rerum Compendium , Messauae , apud Pctruin Spira, 
MDLXII, pag. 215v. 

3 tintoria Siciliana, parte li, In Venetia, appresso Bonifacio Ciera, MDCVI, 
pag, 491. 



PARTE II. NOTIZIE INEDITE SUL FONTE ORIONE IN MESSINA. 401 

Messina traversava a quei giorni uno dei periodi pi fortunosi 
della sua floridezza economica e commerciale. Le condizioni di gene- 
rale benessere, pur alimentando il culto del bello e delle arti, forte- 
mente concorrevano allo immegliamento edilizio ed igienico della citt 
con l'ingrandirsi della cinta delle mura e dei fortilizi, con l'apertura 
di spaziose vie, con le costruzioni di palazzi pubblici e privati. Sicch 
dopo che i giurati ed il consiglio , per maggior decoro della citt e 
per completare con nobile monumento la recente condotta delle pub- 
bliche acque, ebber deliberato di erigere sulla piazza del Duomo un 
fonte con un ornamento grandissimo di statue , eransi all'uopo 
recati a Roma alcuni messinesi a cercare d'avere uno eccellente scul- 
tore . F bench essi, attesta il Vasari l , avevano fermo Raffaello da 
Montelupo, perch s'inferm quando appunto volea partire con esso loro 
per Messina , fecero altra risoluzione , e condussero il frate Gio. An- 
gelo Montorsoli (1506-1563) da Poggibonsi , anch' egli tra i migliori 
discepoli del Buonarroti, e gi salito in grande fama per le varie opere 
eseguite nella sagrestia di S. Lorenzo in Firenze , in Arezzo, in Ge- 
nova ed in Napoli, dove, da poco, avea scolpito la grandiosa e ricca 
tomba del Sannazaro, la quale ha tutte le impronte e 1' atteggiamento 
michelangiolesco nelle statue , quantunque negli ornati si mostri un 
po' pesante 2 . 

Nel giugno del 1517 trattenendosi egli in Roma , ove tornando 
da Genova si era recato per rivedervi il maestro , seppe della com- 
missione dei messinesi e della malattia del Montelupo, per cui con 
ogni instanza e qualche mezzo cerc d' avere quel lavoro , che gli 
fu allogato assai probabilmente merc l'ingerenza di Gio. Francesco 
Verdura, nobile messinese e canonico , elevato in seguito alla dignit 
di vescovo di Corone 3 , come ricord soltanto Antonio Filoteo da Ca- 
stiglione J , che , essendo stato mandato due anni appresso in quella 



1 Le Vite ecc. Fra Giovanni Agnolo Montorsoli, voi. VI, Firenze, Le Mounier, 
1881, pag. 647. Del Montorsoli si hanno altre notizie dal Di Marzo, Degli scultori 
della penisola, che lavorarono in Sicilia nei secoli XIV, XV e XVI, in Archivio Sto- 
rico Italiano, Firenze, 1872, serie III, tomo XVI , pag. 340 e seg. e nella magi- 
strale opera dello stesso : / Gaglni e la scultura in Sicilia nei secoli XV e XVI, 
voi. I, Palermo, 1883, pag. 769 e seg. 

2 B. Croce. La tomba di Jacopo Sannazzaro e la chiesa di S. M. del Parto in 
Napoli Nobilissima, voi. I , Napoli, 1892 . pa^. 68-76. Il chiarissimo autore porta 
in proposito anche l'autorit dell'insigne critico d'arte Gustavo Frizzoui. 

3 Mor in tal dignit , a Corf , il 14 dicembre 1570. Archivio della confra- 
ternita degli Azzurri di Messina, voi. XIV. 

4 Descrizione della Sicilia, nel voi. XXIV della Biblioteca storica e letteraria di 
Sicilia del Di Marzo. Palermo, L. Pedone Lauriel, 1876, pag. 34. 

26 



402 G. ARENAPRIMO DI MONTECHIARO. PARTE II. 

citt per il disbrigo di alcuni incarichi affidatigli dal marchese Gioeni i , 
avr potuto saperlo dall'istesso prelato e compatrioto. 

Nel settembre Giovan Angelo Montorsoli , o il fiorentino , come 
il chiamavano, era di gi in Messina insieme col nipote Martino Mon- 
tanini, suo allievo, che gli era stato di aiuto nei grandi lavori della 
cappella e della sepoltura di Andrea Dori a nella chiesa di S. Matteo 
a Genova. Quivi, assunta la carica di capo mastro sculturi de li fon- 
tani , con lo stipendio di onze 110 (Lit. 1402, 50) e provvisto di al- 
loggio anche a spese della citt , si die con sollecitudine al ritiro dei 
marmi da Carrara ed all'acquisto di altri blocchi e di frammenti che 
pot trovare in Messina 9 . Depositati questi nei magazzini della Mu- 
nizione dove ora il teatro che serba questo nome cominci con 
i suoi lavoranti scalpellini ed intagliatori a preparare i pezzi, le tazze 
e le statue della grandiosa fontana , rappresentante il trionfo di 
Orione , favoloso restauratore di Zancle. Opera di alto ingegno ed 
assai ben riuscita e della quale si hanno particolareggiate descrizioni 
dallo stesso Vasari 3 e dal Buonfglio 4 , dal La Farina 5 , dal Di Marzo 6 , 
e dalla recente Guida a cura del Municipio 7 . Molto probabilmente 
l'allegoria del soggetto che rappresenta e la disposizione delle varie 
parti avran potuto esser suggerite al Senato della citt, o allo stesso 
Montorsoli, dal nostro illustre Francesco Maurolico, che pure illustrava 
quella insigne opera d' arte dei suoi distici stupendi 8 , e che , allora 
nel vigore degli anni, rifulgeva fra quanti per ingegno e per dottrina 
onorassero il paese. 



1 Di Marzo, op. cit. Prefazione, pag. XII. 

2 Ad 21 de genn.ro oz duj per tanti ne e fatto debitore detto Jo: salvo balsamo 
per una polisa di oz 2 di la cita al detto governatore, li quali oz 2 foro per lo predo 
una marmora era in S.to basili Servio ala fontana di la m.ri ecc. . Dal voi. II della 
nobile confraternita degli Azzurri di Messina. lunidi addi xxviij di marzo [1558] 
bastiano dansalonj tesorexj per conto di lacqua dilj Camarj oz setti conM per sua po- 
lisa a antonello bonjorno cond.m luca dissiro li paga per polisa dili Jurati dili 25 dito 
presentj et foro per lo prezo duna colonna di marmora chi rindio ala cita at opra di 
la fontana di detta cita... oz 7. Archivio della Tavola Pecuniaria di Messina. 
Primo giornale contanti 1558, segn. N. 5. 

3 Le vite cit., voi. VI, pag. 647-49. 

4 La Messina Nobilissima, pag. 8. 

5 Messina ed i suoi monumenti, Messina, 1840, pag. 82 83. 

6 / Gagini e la scultura in Sicilia ecc., voi. I, pag. 770. 

7 Messina e dintorni, Messina, 1902, pag. 243-48. Si hanno i disegni di questo 
fonte nell'opera di Hittorff e Zauth, Jrchitecture moderne de la Sicile, Paris, 1828. 

8 Macr Giacomo. F. Maurolico nella vita e itegli scritti, Messina, 1901, pag. 114 
e seg. 



parte ii. notizie inedite sul fonte orione in Messina. 403 



Attesta il Vasari che questo grandioso fonte fu dal Montorsoli 
e dai suoi scolpito con molta prestezza . Nonostante ci trascorsero 
ben sei anni perch fosse collocato nella piazza, come si ricava dalla 
iscrizione su marmo bianco che stata da recente scoverta nella gal- 
leria sotterranea del fonte medesimo l , (piale iscrizione conferma piena- 
mente quel che'ne avea scritto il Maurolico 2 , contrariamente al Buon- 
figlio, anch' egli contemporaneo, il quale assicura essere stato innalzato 
nel 1551 3 . Pi preciso Antonio Filoteo da Castiglione * , che tro- 
vandosi in quegli anni in Messina , pot ammirare tra i primi la 
eccellentissima fontana , di bellissimo e sottilissimo artifcio , dalla 
quale ben si conosce quanto li Messinesi si debbano alli antichi Ito- 
mani paragonare , che ei dice finita nell'anno 1554. Sembra questa 
affermazione assai sicura massime per gli ultimi rifinimenti apportati 
alla fontana, se si pensi che solo in sullo scorcio del 1552 il Senato 
fa ce a promulgare il bando invitatorio per lo staglio della fabbrica delle 
fondazioni di essa. 

Ecco il bel documento, rimasto finora inedito : 

iiij augusti 1552 

Leonardus Lugli Publicus Preco Nobilis Civitatis Messanae retulit qua- 
liter de mandato Sp. lhm Do. ri<m Juratorum emissit infrascriptum bannum per 
loca solita et consueta hujus Nobilis Civitatis, cujus tenor est ut infra, videlicet 

Sia uoto et manifesto ad ornili persona tanto citatina conio foristera qual- 
uenti li Sp. 1 ' Sig. r Jurati pretendino dar ad Staglio tutta la fabrica de lo 
palamento de la nova Fontana si liavira di hedificar jn lo plano de la Mayore 
Eccl. a di questa Cita juxta la forma de lo modello li sar dato da M. r0 Jo : 
angelo montorsuli capo mastro de la Cita, cura li condicioni jnfrascritti, la 
qual fabrica havir da esser beu fatta juxta la ordini li sar dato per detto 
M. r0 Jo: angelo, et cui vorr veder lo modello predetto ander jn casa di 
dicto M. r0 Jo : angelo. 

In primis, quella persona prindir lo detto Staglo perch la Cita al pre- 



1 Pubblicata per la prima volti dalla Commissione municipale per la guida, 
Messina e dintorni cit., pag. 248 e poscia dal eli.' Mous. Di Marzo, Di un aned- 
doto del Montorsoli nel suo soggiorno in Messina, in Archino Storico Siciliano, anno 
XXIX, pag. 92. Palermo, 1904. 

2 Per idem tempus [1553] Messanae fons marmorea juxta Templum maximum, 
perfectis jam statuis, sculpturis, atque inscriptionihus, completa fistulis aquas ejacula- 
batur. Sicanicarum rerum compendia m, Messanae, MDLXII, pag. 215. 

3 La Messina Nobilissima, pag. 8. 

4 Descrizione della Sicilia cit., pag. 34. 



404 G. ARENAPRIMO DI MONTECHIARO. PARTE II. 

senti non sta comoda di dinari far vi spi sa attratto et mastranza ad sua 
dispisa, la quali si reimburser de la gabella de lo dinaro de lo pani depu- 
tato a la fabrica de la acqua da vendirsi di settembre xj e Iud. nis proximijn 
tutto januarj, juxta la forma che si ha venduto per lo passato , de la qual 
gabella detti Sig. ri Jurati siudi reservano uncj XXV lo misi per lo lauro de 
li marmori et altri dispisi nece&sarj per ditta acqua. 

Item, a cui restir detto Staglo si oblighir compiili lo ditto pidamento 
fra termine di uno misi numerando da lo jorno de la liberacioni de lo ditto 
Staglo. 

Item, quando fra detto termini di uno misi non complissi la fabrica de 
lo dicto pidamento lo restanti de la fabrica si bavera da compiili si darra 
tt. 3 manco per omui canna si havir da fabricari. 

Item , quella persona piglir lo d. Staglo non poza dar ad Staglo la 
fabrica preditta ad maestri, et chi di tutto lo predetto ni haveranno di fari 
contratto publico cura dar jdonea et sussistenti plegeria. 

Item, a cui rimanir lo ditto Staglo li sarra concesso di far far petra, 
calci et tutto lo attratto che sar bisogno. 

Item , lo detto Staglo si bavera da vindiri per dicti Sig. 1 ' Jurati a la 
candii a , et liberarsi ad quella persona che farra offerta pi utile a la pre- 
ditta Cita, lo quali si havr di mettiri a la candila fra giorni quattro. 

Ex Actis Offieij lll. mi Senatus hujus Nobilis Fid. mae et Exemplaris 
Urbis Messanae extracia est praesens copia l . 

Coli/ salva 
f 1. s. Salesius Mannamo Keg. M. r Not. 
Ex lib. Diversorum anni 1551 et 1552, fol. 135 r. 

L'illustre Monsignor Di Marzo, a proposito di un curioso episodio 
di cui fu principale attore un Lazzaro da Carrara 2 che abusando 
della fiducia del Montorsoli , baratt o bruci alcuni affusti e legname 
che questi si avea ricevuto in consegna dalla citt nel magazzino della 
Munizione crede attribuire il ritardo della collocazione della sontuosa 
fontana non solo alla ricchezza dei lavori di essa ed alla costruzione 
dall'acquedotto dalla sorgente del Camaro inaugurato di gi, come 
si scritto ma bens all'essersi addetto il Montorsoli ad altre note- 
v >U opere , che gli furono allogate. Fra le quali non dubito egli 
dice ascrivere il bellissimo sepolcro degli Staiti, eretto in un che 
la detta fonte nel 1553 , e che anch'io , allora giovinetto , ricordo 



1 Dal : Misceliamo di scritture per Affari Pubblici di questa Citt di Messina, 
voi. Ili, pag. 97 (raccolto da Salesio Mannamo Mastro Notaro del Senato), presso 
il Municipio di Messina. Ms. del 1803. 

2 Di un aneddoto del Montorsoli ecc., pag. 92. 



PARTE II. NOTIZIE IXEDITE SUL FONTE ORIONE IX MESSINA. 405 

in sullo spiazzale della chiesa <li S. AL di Ges , detta del Ritiro, dove 
era stato collocato dopo l'alluvione dell'ottobre 1863 , che avea di- 
strutto l'altra chiesa, eretta sull'antica, di gi investita ed interrata 
dal torrente nel 1855. Sar stato come vuole il Di Marzo, quantun- 
que io abbia ragione di credere che il ritardo sia stato provocato dalle 
lunghe pratiche necessarie per ottenersi dalla Sede Apostolica e dal 
vicer di Sicilia 1). Giovan De Vega il breve e la conferma di potersi 
abbattere la chiesa di S. Lorenzo, che ergevasi dove fu postala fontana; 
pratiche, che iniziate nel 1547, furono spesso interrotte per le reci- 
proche pretese ed anche per la sede vacante alla morte del pontefice 
Paolo Ili, e che ebber line con la licenza data al Senato dal nuovo 
papa Giulio 111 nel 1550 , a condizione di riedificarsi la ecclesia in 
lo plano in luogo opportuno e di far celebrare una mensa quotidiana in 
perpetuo. 

E gi noto che il disegno Iella nuova chiesa di S. Lorenzo, col 
prospetto sulla piazza, dirimpetto la fontana, e facente angolo con la via 
anticamente letta degli A stari e poi del fiume, fu dato dall'istesso Mon- 
torsoli, che die' saggio di sua perizia anche nell'architettura in questa 
opera, assai lodata l , not il Vasari, e degna di essere considerata con 
attenzione, aggiungeva il Gallo 2 pella perfetta ordinanza di tutte le 
sue parti e per la sveltezza delle tre cupole ovate al di sopra . Se 
ne continuarono i lavori dopo il 15(51) 3 , rispettando sempre il mo- 
dello dato da quel!' insigne artista , il cui soggiorno in Messina dal 
1547 al 1557, fu di grande incremento al rifiorire delle belle arti e 
della scultura principalmente. 



1 In sulla piazza del medesimo Duomo [il Montorsoli] ordin con bella ar- 
chitettura il tempio di San Lorenzo, che gli fu molto lodato . Vasari, Le Vite ecc., 
pag. 651. 

2 Annali di Messina, Apparato, voi. I, In Messina, MDCCLVI , pag. 159. Se 
ne vede il disegno nelle Vedute di Messina, della fine del secolo XVIII, incise da 
Francesco Sicuro. 

3 La fabbrica procedeva nel 1557 sotto la direzione amministrativa dei de- 
putati a ci preposti Giovanni Minatoli e Vincenzo di Messina. Il consiglio ci- 
vico a 21 giugno 1569 stabiliva di darsi altre oz. 200 per il proseguimento delli 
lavori, da pigliarsi dalli danari dell'acqua delli Caulinari . Giuliana di scritture del- 
V Archivio Senatorio, ms. del sec. XVIII, presso l'A. 

Messina. 

G. Arenaprimo di Montechiaro. 



ABROGAZIONE DELLE TRASFORMAZIONI DELLE RICETTILE 

IN COLLEGIATE. 



1. Della laicalit e della trasformabilit delle rieettizie in col 
legiate il concordato 1818 non si occupa. 

2. Bolla Inipensa 13 agosto 1819 e disposizioni relative costi- 
tuiscono convenzioni o disposizioni dipendenti dal concordato : laica- 
lit rispetto alle imposte ed alla nomina differenziava le rieettizie dalle 
collegiate nel sec. XVIII; dopo il concordato 1818 solo rispetto alla 
nomina, sino alla Bolla 1819 : collegialit quoad lionores tantum 
si riferiva alla laicalit , non a diritti speciali delle collegiate vere 
e proprie, i quali non esistono. 

3. Perci decreto 17 febbraio 1861 : nel richiamare in vigore 
il dispaccio 26 agosto 1797 esplicativo, non tassativo : richiama in 
vigore tutto il diritto, anteriore al concordato 1818 , sulle rieettizie: 
abroga tutte le disposizioni posteriori al 1818 sulle rieettizie : anche 
i provvedimenti di trasformazione in collegiate posteriori al 1819. 

4. Interpretazione Mancini : non riflette la laicalit : non con- 
traria a noi nel caso speciale : richiamo del solo dispaccio 26 agosto 
1797 basterebbe per la abrogazione delle trasformazioni. 

5. Dispacci del sec. XVIII , compreso quello 26 agosto 1797. 

6. Sicilia e resto d'Italia, eccetto il Xapoletano. 

1. Nel Concordato 16 febbraio -7 marzo 1818, pubblicato con 
legge 21 marzo medesimo anno, Concordato tra la S. Sede ed il Be 
delle Due Sicilie, rispetto alle chiese rieettizie vi solo il seguente 
accenno : dopo disposto intorno alla congrua parrocchiale o supple- 
mento di congrua a carico dei Comuni, e dopo soggiunto che questo 
articolo non comprende le chiese parrocchiali di giuspatronato , si 
stabilisce : X pure vi restano comprese le chiese rieettizie , sieno 
numerate, sieno innumerate, i capitoli e le collegiate con cura di anime, 
avendo la loro congrua nella massa comune (art. 7). 

Questo accenno evidentemente riguarda solo la quistione dell'o- 
liere della congrua o supplemento di congrua , e non anche 1' altra 



PARTE II. ABROGAZIONE DELLE TRASFORMAZIONI DELLE RICETTIZIE. 407 

della laicalit od ecclesiasticit delle ricettizie, e perci neppure quella 
connessa della trasformabilit delle ricettizie in collegiate. 

Agli effetti di quest' ultima controversia giova tener presente 
anche l'art. 10, relativo al conferimento dei canonicati delle collegiate 
(nonch di quelli delle cattedrali) : I canonicati di libera collazione, 
tanto dei capitoli cattedrali, che dei collegiati, si conferiranno rispet- 
tivamente dalla Santa Sede, o dai Vescovi , cio nei primi sei mesi 
dell'anno dalla Santa Sede, e nei secondi sei mesi dai Vescovi. La 
prima dignit sar sempre di libera collazione della S. Sede . 

Dunque nel concordato LSI 8 non si dispone intorno alla laicalit 
delle ricettizie ed alla loro trasformabilit in collegiate. Ma da ci 
non si pu concludere che le disposizioni e provvedimenti poste- 
riori al 1818, coi (piali alcune ricettizie furono trasformate in colle- 
giate, non siano da considerarsi come dipendenti dal concordato e 
dalle altre convenzioni relative, e perci non abrogati col decreto 
17 febbraio 1801 , n. 218 , che abolisce il concordato e convenzioni 
relative e richiama in vigore il diritto anteriore. 

Giacche il citato decreto luogotenenziale 17 febbraio 18G1 e abro- 
gatorio non solo del concordato 1818, ma anche dell' altra conven- 
zione del 16 aprile 1831 posta in osservanza con la legge del 30 feb- 
braio 1839, che parimenti abrogata ; e di tutte le altre convenzioni 
anteriori e posteriori stipulate tra il cessato Governo delle Due Si- 
cilie e la Corte Romana; nonch delle disposizioni e dei provvedimenti 
di esecuzione, che siano dipendenti dalle convenzioni medesime (art. 1). 

2. Occorre dunque ricercare, se della laicalit e trasformabilit 
delle ricettizie si sia trattato e concluso con qualche altra conven- 
zione fuori quella del 1818. 

Anteriormente, no; lo Stato delle Due Sicilie aveva legiferato da 
se in proposito contro la chiesa, rivendicando la laicalit delle ricet- 
tizie e sancendo la loro non trasformabilit in collegiate. 

Ma dopo il concordato 1818 vi la Bolla Pontifcia Impensa 
13 agosto 1810, con la quale le ricettizie in sostanza vengono trasfor- 
mate da enti laicali in enti ecclesiastici, in quanto la nomina dei par- 
tecipanti non si fa pi da quelli gi esistenti di ciascuna chiesa, per 
cooptazione, ma dall'autorit ecclesiastica ossia dal Vescovo : in av- 
venire alla partecipazione stabilita nelle chiese ricettizie siano sol- 
tanto ammessi quei sacerdoti e quei chierici , che dai nostri venerabili 
fratelli arcivescovi, vescovi o ordinari] dei luoghi rispettivi saranno 
trovati pi commendabili o per piet o per dottrina: quindi ordiniamo, 
che. (piante volte abbia ad ammettersi in dette chiese ricettizie (piai- 



408 T . SCADUTO. PARTE II. 

cheduno nel possesso del diritto di conseguire la stabilita porzione. 
si faccia prima esperimento dell'ingegno e dei costami di coloro che 
desiderino esservi ammessi, e si istituisca di essi l'esame in presenza 
degli stessi ordinarli e dei loro viearii generali e almeno di tre esa- 
minatori sinodali; eseguito il quale esame, Y Ordinario elegge quelli ehe 
in sua coscienza e integrit conoscer pi degni, e li metta nel pos- 
sesso del diritto ili conseguire la stabilita porzione. Costoro . in tal 
modo eletti, e ninniti della commendatizia del loro Ordinario, che li 
dichiari aggregati ed ascritti alla tale determinata chiesa ricetti zia, 
e posti nel po*se**o del di ritto di c*>H#egnirne le stabilite porzioni , noi 
vogliamo che tali siano riconosciuti . 

Xel secolo XVIII allorch gli enti ecclesiastici erano ancora nel 
godimento della esenzione dalle imposte, nn altro elemento della lai- 
calit delle ricettizie consisteva appunto nella mancanza di tale godi- 
mento. Ma nell'epoca del concordato del 1818 questa cosiddetta im- 
munit reale era scomparsa completamente. Perci dicevamo, che colla 
Bolla Inipensa 13 agosto 1810, sostituendosi al diritto dei partecipanti 
di nominare quello del Vescovo, le ricettizie sostanzialmente si tra- 
sformavano da laicali in ecclesiastiche . giacche questo rappresentava 
l'ultimo elemento essenziale di laicalit. 

Cos, sostanzialmente, scompariva anche la differenza fra ricettizie 
e collegiate : un tempo le prime , laicali rispetto alla non esenzione 
dalle imposte ed alla nomina per cooptazione; le seconde sempre ec- 
clesiastiche, un temp> per la esenzione dalle imposte e per la nomina 
dei canonici da parte dell'autorit ecclesiastica . ora soltanto per la 
nomina. 

La distinzione tra ricettizie collegiate quoad honores tantum 
e collegiate vere e proprie aveva ragione di esistere nei due suddetti 
elementi i-elativi alla imponibilit ed alla nomina; oggi non pi. giacch 
i detti elementi eran venuti meno. !X ora era il caso di distinguere 
la collegiata quoad honores da quella quoad honores et jura : 
giacche la collegiata diritti speciali, di fi-onte ad altri enti ecclesia- 
stici . non ne gode : non tiene la cosidetta jurisdietio : non tiene 
altro che diritti onorifici, non diversi da quelli che tenevano nel se- 
colo XVIII le ricettizie trasformate in cosidette * collegiate quoad 
honores tantum . Perci . se in alcuni decreti posteriori alla Bolla 
Impensa 13 agosto 1810 si parla di diritti oltre che di onori di 
ricettizie trasformate in collegiate, tali pretesi diritti . distinti da quelli 
onorifici, sono una mera lustra, non rappresentano nulla di concreto, 
nulla di giuridico. 

Ci si potrebbe osservare, che questa bolla, trasformatoria delle 



PARTE II. ABROGAZIONE PELLE TRASFORMAZIONI OELLE RICETTIZIE. 409 

rieettizie da laicali in ecclesiastici, resa obbligatoria con decreto reale 
7 settembre 1811*. non rappresenti una convenzione stipulata tra il 
cessato Governo delle Due Sicilie e la (orti- Romana , ne una dispo- 
sizione e provvedimento ili esecuzione . che sia dipendente dalla con- 
venzione medesima : sicch non sarebbe stata abrogata col decreto 
luogotenenziale 17 febbraio 1861, u. 248. 

Questo per parla non semplicemente di concordato . ma anche 
di convenzioni . quantunque stipulate tra il cessato Governo delle 
Due Sicilie e la Corte Romana . e parla pure di disposizioni" e 
provvedimenti di esecuzione . Cio contempla non solo i concordati 
veri e proprii, ossia stipulati nelle forme diplomatiche . ma anche i 
concordati per cos dire di fatto, cio le convenzioni stipulate senza 
forma diplomatica, semine, si sottointende rispetto a queste ultime, 
in quanto siano lesive lei diritti inerenti alla i>olitica Sovranit dello 
Stato (decreto 17 febbraio 1801, art. 1 . 

Ora . che la laicalit delle rieettizie si ritenesse inerente ai di- 
ritti essenziali dello Stato . secondo il concetto che dei medesimi si 
aveva nel 1861 e nel secolo XVIII, fuori dubbio. Resta quindi a 
vedere, se la Bolla Inipensa ed il relativo decreto Reale che ne or- 
dina l'osservanza, rappresentino una ^ convenzione tra la S. Sede ed 
il Re. o se invece ciascuna delle due parti abbia disposto \k-y conto 
proprio, la S. Sede di sua iniziativa, il Re approvando senza previa 
intesa. 

Il testo della stessa bolla dimostra, che vera la prima ipotesi. 
cio che si tratti di una convenzione . di un'aggiunta al concor- 
dato del 1818, quantunque fatta senza le forme diplomatiche vere e 
proprie, solenni. 

Infatti . nella bolla si premette che il Re abbia fatto osservare 
al Papa la convenienza di disporre l'accennata riforma delle rieettizie: 
si aggiunge che poich nell" ultimo Concordato non trovasi alcuna 
disposizione particolarmente data a riguardo delle chiese rieettizie. 
abbiamo trovato conveniente di aderire al desiderio manifestato dal 
Sovrano e di provvedere colla nostra autorit apostolica . Riferiamo 
il passo : <.< Egli e perci che volenterosi abitiamo accolti le preghiere 
che il Nostro Carissimo tiglio in Cristo Ferdinando 1. Re del Regno 
delle Due Sicilie, ha disi>osto che si fossero da noi dati gli opportuni 
provvedimenti per la pi utile amministrazione di quelle Chiese che 
appellansi Rieettizie. esistenti nei suoi domi ni i al li qua del Faro. 
Or egli ci ha fatto esporre esservi di tali Chiese Rieettizie. delle quali 
altre Numerate son dette, secondo che sono ivi ammessi o un deter- 
minato numero di Ministri, o generalmente tutti i preti del luogo, e 



410 V. SCADUTO. 



queste della propriet de' fedeli arricchite di congrue rendite da di- 
stribuirsi pr rata a testa tra coloro che addetti sono al servizio di 
essa, e precisamente alla cura delle anime per lo pi alle medesime 
Chiese annesse; ed esser per necessario che si prescrivesse qualche 
norma secondo la quale, tolta via ogni accettazione di persone, asse- 
gnassero alle indicate Chiese ricettizie tali ecclesiastici, i quali sareb- 
bero per ricevere le porzioni destinate, o mensualmente o annualmente; 
ma che commendabili essendo per piet, per dottrina o per prudenza 
fossero in grado di disimpegnare ottimamente i loro doveri in utilit 
e vantaggio de' fedeli; ed a tale oggetto ricercarsi la nostra autorit 
apostolica, perch una tal norma si stabilisca , e che dagli ordinarli 
de' luoghi , dai noi loro commessa , accuratamente si osservasse. 
Avendo noi quindi ravvisato che questo desiderio del piissimo Sovrano 
sarebbe stato per tornare a sommo vantaggio delle anime, e maggior 
decoro delle medesime chiese, abbiamo stimato annuirvi, senza esita- 
zione alcuna; e poich nell'ultimo Concordato conchiuso con la prefata 
Maest Sua non trovasi alcuna disposizione particolarmente data a 
riguardo delle Chiese Ricettizie, abbiamo trovato conveniente il prov- 
vedere con la nostra autorit apostolica alla pi vantaggiosa ammi- 
nistrazione delle j>redette Chiese in quella misura che nel Nome del 
Signore abbiam giudicato pi propria . 

3. Posto che la Bolla Impensa ed il relativo decreto Reale rap- 
presentano una delle convenzioni , di cui parla, abrogandole, l'art. 1 
del decreto luogotenenziale 17 febbraio 1861 , segue che il periodo 
sulle ricettizie collocato in fine dell'art. 2 del medesimo decreto luo- 
gotenenziale ha carattere esplicativo, e non tassativo. Spieghiamoci. 
Stabilitosi nell'art. 1, che il Concordato 1818 e le altre convenzioni ecc. 
sono abrogati , nell' art. 2 si soggiunge che si richiama in vigore il 
diritto anteriore, e poi si dice : Quanto alle chiese ricettizie , sono 
ripristinate in vigore le disposizioni contenute nel Real dispaccio del 
20 agosto 1797 . Ora, posto il carattere esplicativo di questa pro- 
posizione, segue che la Bolla Impensa ed il decreto Beale relativo sono 
considerati come convenzione , perci abrogati, e non solo essi, ma 
anche tutte le disposizioni e provvedimenti di esecuzione dei me- 
desimi, quindi anche tutte le trasformazioni delle ricettizie in colle- 
giate fatte in seguito agli stessi. Dunque non si tratta soltanto di 
richiamo in vigore del Beai dispaccio 20 agosto 171)7, ma addirittura 
di abrogazione della bolla e relativo decreto reale, nonch di tutte le 
disposizioni e provvedimenti di esecuzione dei medesimi : perci anche 
quelli o quelle parti che non contraddicono al real dispaccio 171)7, si 



PARTE II. ABROGAZIOBE DELLE TRASFORMAZIONI DELLE HICETTIZIE. 411 



intendono, ci non ostante, abrogati; e, se l'argomento si trova con- 
templato iu altre disposizioni anteriori indipendenti dal detto dispaccio 
171)7, esse si intendono pure richiamate in vigore : sicch richiamato 
in vigore non soltanto il dispaccio 171)7, ma anche altre disposizioni 
anteriori o posteriori al medesimo che non siano in contraddi/ione con 
lo stesso: nel decreto luogotenenziale abrogatorio 17 febbraio 180] 
si parla del dispaccio 171)7 soltanto, perch, in fatto, esso riassumeva 
tutto il diritto pubblico giuri sdizionalista sulle ricettizie anteriore al 
Concordato 1818 , e perch tale diritto non era stato modificato tra 
il 1797 ed il 1818 : ma, se ci spiega l'accenno speciale ed esclusivo 
al Reale dispaccio 20 agosto 171)7 nell'art. 2 del decreto luogotenen- 
ziale 17 febbraio 1861, non esclude che, a rigore d'interpretazione, 
si intende richiamato in vigore tutto il diritto pubblico sulle ricettizie 
anteriore al concordato 1818 : n questa distinzione in fatto pura- 
mente teorica; giacch , siccome vedemmo , discendendo dal concetto 
che la bolla Impensa ed il relativo decreto reale costituiscono conven- 
zione , porta la conseguenza che sono abolite anche le disposizioni 
e provvedimenti di esecuzione , che perci debbono ritenersi abro- 
gate le trasformazioni delle ricettizie in collegiate, e deve perci am- 
mettersi il diritto dei comuni sulle rendite delle medesime giusta la 
legge 15 agosto 1807, art. 2, diritto che altrimenti potrebbe preten- 
dersi escluso. 

4. Alla nostra interpretazione , che le disposizioni sulle ricet- 
tizie, posteriori al concordato 1818, siano dipendenti dal concordato 
medesimo, contraddice la dicasteriale 20 giugno 1SIJ1 per le provincie 
napoletane, emanata dal Ministro di Grazia e Giustizia e Culti della 
Luogotenenza, Mancini, dicasteriale che d chiarimenti sulla intelli- 
genza bell'art. 2 del decreto luogotenenziale 17 febbraio 1861, n. 218, 
abolitivo del concordato del 1818. Essa dice : D'altronde le RR. Istru- 
zioni del 1823 e le altre posteriori disposizioni riguardanti le chiese 
ricettizie emanarono dalla civile sovranit nell' esercizio delle proprie 
prerogative , senza necessaria dipendenza dal Concordato con la Sede 
Pontificia; e quindi non possono ritenersi abrogate, se non in (pianto 
possono scorgersi in qualche parte inconciliabili col R. Dispaccio del 
171)7, dalla stessa civile potest richiamato in vigore . 

Xoi abbiamo invece dimostrato la dipendenza. 

Del resto nella specie possiamo prescindere da questa quistione 
generale. Giacche la circolare Mancini nega l'abrogazione delle dispo- 
sizioni posteriori al Concordato, non in modo assoluto, ma, come ri- 
sulta dal testo del Decreto-legge luogotenenziale 17 febbraio 1801, 



412 F. SCADUTO. PARTE II. 

testualmente, solo in quanto non siano contraddittorie col R. Dispaccio 
2<; agosto 1797 : o, pi precisamente, il detto decreto luogotenenziale 
17 febbraio 1861 testualmente richiama in vigore il E. Dispaccio 2G 
agosto 1797, e la questione resta solo sulle altre disposizioni poste- 
riori al Concordato 1818, che mai non siano in contraddizione col 
Dispaccio 26 agosto 1797. 

Aggiungiamo che la specie, che dette occasione alla circolare Man- 
cini, non la trasformazione delle ricettizie in collegiate , ma la nu- 
merazione e la divisione delle partecipazioni in maggiori e minori, e 
la conclusione della circolare stessa riflette solo questi due punti : 
In conseguenza, per la retta applicazione dell' art. 2 del citato de- 
creto 17 febbraio 1861, mentre richiamato in osservanza il dispaccio 
del 26 agosto 1797 , deve restar fermo quanto altro finora stato 
disposto circa le chiese ricettizie di queste provincie, tanto per man- 
tenerle numerate e regolate dei proprii statuti, salvo le possibili ul- 
teriori modificazioni dei piani e degli statuti medesimi , quanto per 
la divisione delle partecipazioni in maggiori e minori , per la loro 
idoneit a servire di titolo canonico di promozione agli ordini, e per 
lo prelevamento delle congrue parrocchiali dalla massa . 

Ancora. Il Mancini considera che su questi due punti principali, 
e sopra altri accennati nel passo riferito, non vi sia del resto contrad- 
dizione, anzi vi sia conformit, fra le disposizioni posteriori al con- 
cordato da una parte ed il E. Dispaccio 26 agosto 1797 dall' altra. 

Dunque la circolare Mancini non riflette la laicalit delle ricet- 
tizie, esplicitamente; anzi, implicitamente, la riflette , in quanto con- 
ferma (e di fronte al testo dell' art. 2 del Decreto-legge luogotenen- 
ziale 17 febbraio L861 non avrebbe potuto fare altrimenti) il richiamo 
in vigore del dispaccio 1797, nel quale appunto precisamente con- 
fermata la detta laicalit. 

Sicch, indipendentemente dalla tesi, che le disposizioni sulle ri- 
cettizie, posteriori al concordato 1818 sono dipendenza del medesimo, 
basta il richiamo in vigore dei dispaccio 26 agosto 1797 , richiamo 
testualmente fatto col decreto luogotenenziale 17 febbraio 1861 e con- 
fermato colla circolare Mancini 20 giugno 1861 , per concludere che 
le trasformazioni delle ricettizie in collegiate, avvenute dopo il 1818, 
sono convenzioni, o provvedimenti di esecuzione del concordato, 
o, ad ogni modo, contraddittorie al dispaccio 26 agosto 1797; e quindi, 
ad ogni modo, abrogate col decreto luogotenenziale 17 febbraio 1861. 

. 5. Eesta a dimostrare la detta contraddittoriet, ossia che le 
ricettizie, secondo il dispaccio 26 agosto 1797 sono enti laicali, e non 
ecclesiastici. 



PARTE II. ABROGAZIONE DELLE TRASFORMAZIONI DELLE RICETTIZIE. 413 

Il ripetuto dispaccio non solo considera le ricettizie quali enti 
laicali , ma ritiene che la trasformazione in collegiate implicherebbe 
ecclesiasticit , quindi la vieta , e la permette solo quoad honores 
tantum cio in quanto possano ottenere gli onori di collegiate senza 
per altro perdere la natura essenziale di ricettizie e perci di enti 
laicali. 

E su questo riguardo il dispaccio 26 agosto 1797 pienamente 
conforme alla legislazione anteriore, rispetto alla quale perci non fa 
altro che confermarla. 

Giuridicamente a noi basterebbe di riferire i passi del detto di- 
spaccio relativi ai detti due punti della laicalit delle ricettizie e 
della non trasformabilit delle medesime in vere e proprie collegiate. 
Ma, per abbondanza di prova, riferiremo anche i dispacci anteriori, 
i quali nettamente e ripetutamente sanciscono tali principii. 

Facciamo lo spoglio dal Gatta Diego, Regali dispacci, nelli quali 
si contengono le sovrane determinazioni dei punti generali, o che ser- 
vono di norma ad altri simili casi , nel Regno di Napoli , Napoli, 
1773-77; parte I, tomo I, titolo XXVIII , dispacci 3-6 ; tomo 4 , ti- 
tolo 31, dispacci 1-6, 9, 22. 

1757, settembre, 20. Parte I , tomo I, titolo 28, dispaccio 3. Ru- 
brica : Si ordina dalla Maest del Re , che nelle chiese ricettizie 
curate e non curate li primiceriati, cantorati , decanati e simili non 
sono benetzi, ma semplici e meri uffizi, titoli di onorificenza e pre- 
cedenza solamente e dignit ventose. Perci nelle provviste di quelli 
nessun diritto o ingerenza ha la Corte di Roma , ne l'Ordinario del 
luogo, ma la elezione spetta alli soli partecipanti dello stesso ceto di 
essi, nella stessa forma e mainer , che gli compete nello ammettere 
li preti patrimoniali alla partecipazione ; purch non vi sia annesso 
lo esercizio della cura delle anime , nel (piai caso solamente spetta 
all' Ordinario il diritto di esaminare e approvare lo eletto dalli par- 
tecipanti . 

175!), luglio, 20. Ibidem, dispaccio 4, idem. 

1766, agosto, 2. Ibidem, dispaccio 5. idem. 

1700, agosto, 9. Ibidem, dispaccio 7. idem. 

1750, dicembre, 20, tomo IV, titolo 31 , dispaccio 1, pagg. 1-2. 
Rubrica : Si proibisce erigersi in collegiata la chiesa curata ricet- 
tizia di S. Agata di Reggio . 

1753, luglio. 22. Ibidem, dispaccio 2. pag. 2. Rubrica : Si nega 
il R. Exequatur alla bolla di Roma , con la quale si voleva erigere 
in collegiata la chiesa ricettizia curata di S. Giovanni Rotondo . 

1750, aprile, 27. Ibidem, dispaccio 3, pagg. 3-4. Rubrica : Il Re 



414 F. SCADUTO. PARTE II. 

permette che una parrocchia , ossia un benefizio parrocchiale, si com- 
muti in chiesa ricettizia : perch li beni da ecclesiastici ritornino alla 
natura e stato laicale. E ordina che, fatta questa commutazione, non 
possa mai pi mutarsi questo nuovo stato , e le porzioni dei parte- 
cipanti sieno meramente temporali. Che queste mai potessero pren- 
dere la qualit di benefizio ecclesiastico. E finalmente dichiara , che 
colli benefizi ecclesiastici niente hanno che fare le chiese ricettizie . 

1756, luglio, 24. Ibidem, dispaccio 4 , pag. 5. Rubrica : Il Re 
permise alli cleri delle chiese ricettizie di S. Maria in Silvis lo uso 
delle insegne, che il Vescovo a loro aveva conceduto. Ma colla espressa 
condizione, che per lo uso di quella o di qualunque altra onorificenza 
non mai possono le divisate chiese qualificarsi colli loro cleri per col- 
legiate e canonici, anche puramente onorarii e di solo titolo; ma ri- 
maner sempre nel perpetuo stato attuale di chiese ricettizie aperte 
innumerate, e quelli preti meri partecipanti : perch n la insegna n 
il nome fa il canonico . 

1757, settembre, 20. Ibidem, dispaccio 5, pagg. Q-S. Rubrica : Si 
ordina dalla Maest del Re, che nelle chiese ricettizie curate e non 
curate i primiceriati , cantorati , decanati e simili non sono benefizi 
ecclesiastici o prebende erette in titolo , ma semplici e meri uffizi, 
titoli di onorificenza e precedenza e dignit ventose. Perci nelle prov- 
viste di quelli nessun diritto e ingerenza ha la Corte di Roma , n 
l'Ordinario del luogo, ina la elezione spetta alli soli partecipanti, da 
cadere nelle persone dello stesso di loro ceto , nella stessa forma e 
maniera , che a essi appartiene il dritto di ammettere i preti patri- 
moniali alla partecipazione. Purch non vi sia annesso lo esercizio 
della cura delle anime, nel qual caso solamente spetta all'Ordinario 
il dritto di esaminare e approvare lo eletto del clero partecipante, 
presso cui risiede la cura primaria ed ordinaria . 

1759, maggio, 25. Ibidem, dispaccio 6, pagg. 9-11. Rubrica : Il 
Re permette una chiesa parrocchiale commutarsi in ricettizia, e as- 
segnarsi a quella le rendite delle cappelle e luoghi pii laicali; sul ri- 
flesso che, essendo la chiesa ricettizia di sua natura laicale, li beni 
delle cappelle e luoghi pii laicali rimangono della stessa natura e qua- 
lit laicale e temporale, e non si pregiudica n la regalia , n la re- 
gale giurisdizione, n lo Stato . 

1760, agosto, 23. Ibidem, dispaccio 9, pagg. 14-15. Rubrica :. Si 
ordina che nelle partecipazioni o siano porzioni delli partecipanti delle 
chiese ricettizie non dee praticarsi alcuna sollennit di possesso, n 
altra formalit : perch non sono benefizii . 

1774, agosto, 6. Ibidem, dispaccio 22, pagg. 30-32. Rubrica : Per 



PARTE II. ABROGAZIONE DELLE TRASFORMAZIONI DELLE RICETTIZIE. 415 

hi chiesa matrice della terra di (Calatone il Re ha comandato di 

quanti debba essere il numero dei partecipanti; e soggiunge senza 
dipendere ne dalla Corte di Roma, ne dal Vescovo per tali provviste . 
Ed ora veniamo al Reale dispaccio 20 agosto 1707: (Giustiniani 
Lorenzo), Nuova collezione delle prammatiche del Regno di Napoli , 
Napoli, 1803-1805, tomo 3, titolo 07, dispaccio .'50, pagg. 370-73. Esso, 
nell'art. 1, conferma il detto principio che le ricettizie, anche se de- 
corate di onorificenze collegiali, dovranno sempre conservare la natura 
di ricettizie, e spiega che perci debbano essere sempre considerate 
come enti laicali, e soggette ai tributi, e libere dall'autorit ecclesia- 
stica nella nomina alle partecipazioni : I. Che le partecipazioni delle 
rendite delle sole chiese vere ricettizie , o numerate , o innumerate, 
ancorch fossero decorate di titoli di dignit di semplice e puro nome, 
dovranno in ogni futuro tempo conservare la natura, e qualit di puri 
beni laicali, senz'alani carattere di be?iefcii ecclesiastici, siccome sono 
state dichiarate colle precedenti sentenze di magistrati, e con Sovrane 
risoluzioni, che S. M. conferma in quest'occasione. E quindi saranno 
soggette a pagare i pesi pubblici a tenore del Concordato, delle Istru- 
zioni Camerali e degli ultimi Reali Stabilimenti. Non dovranno esser 
mai divise in quote, o once; e non saranno mai sottoposte , (piando 
dovranno esser provvedute, ad interposizioni di decreti, e spedizione 
di Bolle delle curie ecclesiastiche e della Dataria Romana . 

G. Sicilia. 

L'art. 2, comma ultimo, della legge lo agosto 1807, che devolve 
ai Comuni la rendita delle ricettizie curate , riflette tutto il Regno, 
quantunque, in fatto, le ricettizie fossero assai pi numerose nelle 
Provincie napoletane. 

Le sovracennate disposizioni, sulle ricettizie, posteriori al Con- 
cordato 1818 tra la S. Sede ed il Re del Regno delle Due Sicilie, 
riguardano solo le provincie napoletane, siccome detto espressamente 
nelle disposizioni medesime. Similmente l'abrogazione del Concordato 
1818 fu, col Decreto luogotenenziale 27 febbraio 1801, disposta solo 
per le provincie napo